Archivi categoria: NOTIZIE

Salute – Eccellenza italiana in Sicilia i trapianti

ISMETT IRCCS (Istituto Mediterraneo per i trapianti)

E’ in Sicilia l’ospedale di eccellenza per trapianti dell’area mediterranea

ISMETT IRCCS (Istituto Mediterraneo per i trapianti) lavora in diretta relazione con l’ UPMC (University of Pittsburgh Medical Center)

Un centro italiano dove si rispettano i paramentri dei migliori centri mondiali come, in questo caso, lo University of Pittsburgh Medical Center

Qui per la prima volta si è fatto, tra l’altro,  un trapianto di fegato associato ad un innovativo intervento all’intestino; per salvare un bambino con una rara gravissima patologia

Sempre qui è stata eseguita, anni fa per la prima volta in Europa, una gastro-entero-anastomosi per via ecoendoscopica e molto altro…

Scegliere di destinare il 5×1000 a ISMETT è semplice e non costa nulla. Basta inserire il codice fiscale dell’Istituto 04544550827 nella casella della vostra dichiarazione dei redditi riservata al “Finanziamento alla Ricerca Sanitaria” e poi firmare.

Altre informazioni su questo centro al link https://www.ismett.edu/it/

Oggi ISMETT è il primo ospedale italiano dedicato interamente ai trapianti di tutti gli organi solidi (fegato, rene, cuore, polmome, pancreas).

1997-2017, ISMETT (Istituto Mediterraneo per i Trapianti e Terapie ad Alta Specializzazione) festeggia 20 anni di successi e lo fa con l’ampliamento della struttura per curare più pazienti, garantire più servizi,  e aumentare ancora di più l’efficienza.

Sono passati 20 anni da quando, nel 1997, nasce ISMETT IRCCS (Istituto Mediterraneo per i trapianti) frutto di una partnership fra la Regione siciliana e UPMC (University of Pittsburgh Medical Center).

Anch i bambini, qui vengono curati nell’eccellenza.

Il nuovo Dipartimento di Pediatria, dispone di 10 ampie stanze di degenza singole, un’area ambulatorio e Day-Hospital, due ludoteche una pei i pazienti ricoverati e l’altra per i pazienti ambulatoriali, , una medicheria, oltre uffici e servizi generali di reparto

“L’Istituto – sottolinea Angelo Luca direttore di ISMETT è un ospedale per acuti, dove il 21% dei posti letto sono di terapia intensiva, che offre cure avanzate e promuove innovazione e ricerca e dove da sempre si sperimentano nuovi modelli organizzativi e gestionali. ISMETT è pienamente integrato nella rete del Sistema sanitario regionale ed è un riferimento internazionale per molti paesi del bacino del mediterraneo e non solo. Fin dal 1999 abbiamo investito in ICT, sviluppato un sistema di telemedicina che ci collega con Pittsburgh ma anche con il territorio, e implementato un sistema di Business intelligence che ci consente di aumentare l’efficienza e la qualità delle cure. Internamente abbiamo sviluppato 46 applicativi, l’ultimo dei quali è stato brevettato ed ha ricevuto il premio Innovazione Digitale in Sanità 2017 del Politecnico di Milano”.

Direttore Sanitario: Cinzia Di Benedetto (ad interim)

Direttore Amministrativo: Giuseppe Alongi

Direzione Attività Infermieristica: Giuseppe Arena

Dott. Mario Traina; Chief of Endoscopy Unit at ISMETT IRCCS

Lavora in ISMETT fin dalla sua apertura. Grazie alla sua esperienza ha contribuito allo sviluppo di attività di formazione e ricerca presso l’Istituto. Ha condotto diversi progetti di ricerca su pazienti cirrotici trapiantati con complicanze sulle vie biliari e ha sviluppato terapie innovative per il trattamento delle lesioni neoplastiche del colon, per il trattamento di pazienti obesi e diabetici e di pazienti con complicanze di pancreatiti acute. Ha partecipato a trial multicentrici italiani ed è autore di più di 130 articoli pubblicati su riviste con peer-review e di 16 capitoli di libri.

Recente visita all’ ISMETT IRCCS, del gruppo di giornalisti UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici).

Il Dott. Antonio Arcadipane è il Direttore del Dipartimento di Anestesia e terapia intensiva presso ISMETT, ruolo che ricopre dal 2003.

Persegue le sue finalità operative e di assistenza secondo le linee guida delle maggiori società scientifiche, curando l’aggiornamento continuo e la formazione dei medici e del personale non medico.

Il prof. Salvatore Gruttadauria, lavora in ISMETT fin dalla sua apertura. E’ stato il primo chirurgo siciliano ad eseguire un trapianto di fegato in Sicilia. Da maggio del 2017 si occupa del Dipartimento per la Cura e lo studio delle patologie addominali e dei trapianti addominali. Da aprile del 2016 ricopre anche il ruolo di Responsabile dell’Unità di Chirurgia Addominale e dei Trapianti Addominali di ISMETT.
Dall’aprile del 2016 è responsabile dell’Unità di Chirurgia Addominale e dei Trapianti Addominali di ISMETT.

 

Salute – EPATITE C POTRA’ ESSERE SRADICATA

Portata rivoluzionaria delle ultime novità mediche emerse negli ultimi 3 anni nella cura dell’Epatite C

L’Italia è il Paese con il più alto tasso di questa patologia

IN UN FUTURO NON TROPPO LONTANO L’EPATITE C IN ITALIA POTRA’ ESSERE SRADICATA

L’argomento è stato affrontato, in occasione della presentazione del libro “La terapia dell’epatite cronica C nel 2017” a cura del Prof. Gaetano Ideo, organizzata da SYNLAB Italia.

Dal 1989 (anno in cui fu identificato il virus dell’Epatite C) ad oggi, i passi avanti sono stati tanti, contraddistinti però da altrettanti fallimenti.

Per arrivare a un vero cambio di rotta, occorre guardare a qualche anno fa, al presente e a un futuro prossimo: è in atto una vera rivoluzione terapeutica, che sta portando a risultati quasi strabilianti, mediante l’utilizzo di antivirali che permettono di trattare tutti i genotipi del virus, con risultati ottimali in chi presenta Epatite cronica, cirrosi compensata e avanzata, nei coinfettati con HIV e in tante altre categorie di pazienti.

Come ricordato ieri, vi è stato per molto tempo un grande ostacolo nell’accesso di questi farmaci: il costo.

L’inserimento di tali farmaci nel SSN, ha rilevato il prof. Ideo, è l’unica soluzione per permettere a tutti di curarsi e a partire da marzo 2017 questo auspicio si è in parte avverato.

Sono stati, infatti, ridefiniti i criteri di trattamento per la terapia dell’Epatite C cronica con il SSN dalle Società scientifiche insieme alla Commissione Tecnico Scientifica (CTS) dell’AIFA (Agenzia Italiana dei Farmaci), con il risultato di garantire il trattamento con il SSN anche a chi ha una fibrosi F2 (moderata) e a chi presenta una fibrosi F1 (lieve) insieme ad altre patologie (come l’Epatite B o un diabete o un’ipertensione arteriosa, etc.).

Il Prof. Ideo ha ricordato quanto le attuali strutture SYNLAB di Monza e Como (il CAM di Monza e il San Nicolò di Como e Lecco) abbiano da sempre investito in ricerca e garantito elevati livelli di innovazione e aggiornamento in queste aree. Tesi confermata dal dr. Luca Germagnoli – CMO (Chief Medical Officer) SYNLAB Italia, che, nel suo intervento, ha evidenziato l’attenzione profusa dai laboratori SYNLAB -il più grande gruppo di diagnostica medica in Italia e in Europa- nell’assicurare a medici e pazienti le opportunità diagnostiche più all’avanguardia anche nell’ambito delle malattie epatiche, attraverso test innovativi, nati dalle più recenti scoperte scientifiche a livello mondiale.

 

 All’interno dello spazio eventi di Bellavite Nonsolocarta, si è tenuta la presentazione del libro “La terapia dell’epatite cronica C nel 2017”, organizzata da Synlab Italia.

Sono intervenuti, oltre al Prof. Gaetano Ideo, diversi rappresentanti del Centro Diagnostico Synlab San Nicolò di Lecco e Como, il dr. Andrea Buratti – Direttore SYNLAB Lombardia, il dr. Pierfranco Ravizza – Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Lecco, il dr. Paolo Rubera – in rappresentanza del Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Como dr. Gianluigi Spata e una folta platea di medici interessati all’argomento.

Dopo il benvenuto di Paolo Bellavite, il saluto di Andrea Buratti – Direttore SYNLAB Lombardia, che ha sottolineato l’importanza di tale confronto su un tema tanto delicato e attuale quale quello dell’Epatite C. Il testimone è passato quindi al Prof. Ideo, che ha presentato il suo libro evidenziando la portata rivoluzionaria delle novità mediche emerse negli ultimi 3 anni nella cura dell’Epatite C.

Nel mondo occidentale, l’Italia è il Paese con il più alto tasso di questa patologia (sono circa 1,5 milioni gli italiani portatori del virus) che, purtroppo, non presentando in tanti casi sintomi specifici, può evolvere criticamente prima che l’individuo possa rendersi conto di esserne malato.

Durante la serata ha preso parola anche il dr. Pierfranco Ravizza – Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Lecco, sottolineando quanto, su questa tematica, la medicina si sia dimostrata reattiva, segnando la storia e superando limiti economici

oggettivi. Il Dr. Paolo Rubera – in rappresentanza dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Como si è concentrato sull’importanza di proporre con regolarità incontri come quello di ieri ai tanti medici operanti sul territorio, affinché ogni professionista possa aggiornarsi sulle continue novità da fonti autorevoli, incrementando la propria formazione e credibilità.

    ******************************************

Il Centro Diagnostico San Nicolò nasce nel 1970 come laboratorio di analisi mediche; negli anni seguenti vengono attivati i reparti di Diagnostica per Immagini, Fisioterapia e Poliambulatorio specialistico. Nel 2007 il San Nicolò diventa Casa di Cura e nel 2010 entra a far parte di SYNLAB, oggi il più grande gruppo europeo di diagnostica medica.

Casa per artisti – Nuovo programma di residenza per artisti

Grazie alla vittoria di due importanti bandi, Kaninchen-Hausannuncia la nascita del programma internazionale di residenza per artisti ViadellaFucina16 che darà vita alla prima collezione al mondo d’arte condominiale.

Un esperimento di rigenerazione urbana e trasformazione collettiva attraverso il potere dell’arte e della bellezza.

viadellafucina16 è un nuovo programma di residenza per artisti nel condominio di via La Salle 16 (già via della Fucina), nel quartiere torinese di Porta Palazzo.

Tramite open call internazionale, aperta a proposte di qualsiasi disciplina, gli artisti saranno invitati a trascorrere periodi di residenza nello stabile, durante i quali realizzare interventi e opere negli spazi comuni al fine di attivare il dialogo tra le diverse comunità che lo abitano e favorire la riqualificazione del maestoso edificio ottocentesco, oggi in stato di trentennale degrado e abbandono.

I progetti vincitori saranno selezionati dagli stessi abitanti del condominio (oltre 200 inquilini di ogni nazionalità distributi in 53 appartamenti) con la mediazione di un board curatori e di addetti ai lavori, sulla base della capacità di coinvolgere la comunità dello stabile e del quartiere nella progettazione e nella realizzazione delle opere, di interpretarne i desideri,  di attivare nuove e durevoli forme di socialità attraverso percorsi di co-creazione e cura collettiva degli spazi.

Il condominio – luogo in cui si esercita la prima forma di democrazia e punto di intersezione tra dominio pubblico e privato – si apre alla pratica artistica come fattore di rigenerazione estetica, sociale e culturale, divenendo così un luogo simbolico attraverso cui la comunità rappresenta se stessa, così come un tempo i palazzi signorili – decorati dagli artisti – rappresentavano il prestigio delle singole casate.

Lo spazio, sempre visitabile e aperto alla cittadinanza, definirà il primo esperimento internazionale di condominio-museo.

 

L’ex-portineria del palazzo, riaperta e presieduta da un team di giovani sociologi e antropologi, grazie alla collaborazione dell’Università degli Studi di Torino, si trasforma in “portineria artistica” per accogliere i visitatori e raccogliere i desideri degli abitanti.

Il programma si completa con mostre, eventi e talk organizzati nello spazio indipendente Idiòt, con l’attivazione di un servizio di ricezione turistica nonché del laboratorio di creazione Fucina16, gestito da artisti torinesi, all’interno del giardino comune.

L’intero progetto sarà studiato e monitorato da un gruppo di giovani sociologi e antropologi dell’Università degli Studi di Torino, così da rendere il modello replicabile.

viadellafucina16 costituirà un inedito innesto della pratica artistica nel tessuto vitale di una comunità circoscritta che intende dimostrare, attraverso un esperimento condotto in un contesto ridotto, come l’arte e la cultura possano diventare strumenti efficaci nella risoluzione dei conflitti e per una trasformazione collettiva.
IL BANDO è ON LINE su http://viadellafucina16.kaninchenhaus.org

Deadline per partecipare: 25 Giugno

 

viadellafucina16 è un progetto di Kaninchen-Haus con il sostegno di SIAE e MiBACT nell’ambito di “Sillumina – Copia privata per i giovani e la cultura” e del Programma Housing di Compagnia di San Paolo nell’ambito del bando “Abitare una casa, vivere un luogo”.

Con il Patrocinio della Città di Torino e di GAI Giovani Artisti Italiani.

Con la collaborazione dell’Assessorato alla Cultura della Città di Torino – Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea – Dipartimento Culture Politica Società dell’Università degli Studi di Torino – a.titolo – Liberitutti – The GatePorta Palazzo – Ass. Idiòt.

Segui il progetto su facebook

MILANO – Evento unico sabato 17 giugno – Ricostruito l’ambiente tipico del villaggio africano

Ricco Street Food e il mercatino dei prodotti di Norcia

Sabato 17 giugno si festeggia il prossimo inizio dell’estate

A MILANO

Un evento unico:

Al Convento dei Missionari Cappuccini
ricostruito l’ambiente tipico del villaggio africano
dove famiglie e bambini possono provare l’esperienza
della vita nella Savana !

Dalle ore 19,30, dopo la Santa Messa, la serata fraterna e solidale prevede anche un ricco Street Food e il mercatino dei prodotti di Norcia. Appuntamento aperto a tutti, il 17 giugno 2017 in piazza Cimitero Maggiore, 5. Tel. 02.3088042. (Per arrivare: tram 14 oppure Metro Rossa fermata Uruguay e poi pullman 40).

Fra Miselli: “L’evento chiude un semestre di intensa attività. In Italia, solo per le aziende terremotate abbiamo raccolto 25.450 euro.

All’estero abbiamo 2.800 bambini adottati  ‘a distanza’ e tante altre iniziative per ammalati, carcerati, donne, anziani, perché non c’è gioia più grande che donare se stessi per gli altri”.

www.missioni.org

Sabato 17 giugno si festeggia il prossimo inizio dell’estate al Convento dei Missionari Cappuccini, di piazza Cimitero Maggiore 5 a Milano, con una iniziativa straordinaria dal titolo ‘Vicini per chi è lontano’ aperta a tutti.
In occasione della cerimonia di saluto del gruppo di cittadini volontari lombardi, che anche quest’anno parte per vivere un servizio di volontariato nelle missioni durante le vacanze, sarà ricostruito nel cortile del Convento un villaggio africano, dove adulti e bambini potranno provare come si vive nella Savana.

Un’esperienza straordinaria, che ha richiesto oltre un mese di lavoro dei Frati per creare gli ambienti dei vari momenti, l’ingresso con i saluti tradizionali, il gioco dei bimbi, etc….

Il programma è il seguente.

Alle 18,00, Santa Messa presieduta da Padre Innocenzo Pacchioni, missionario in Brasile, e consegna del Mandato Missionario ai volontari.

Sono 27 provenienti da tutta la Lombardia normalmente impegnati in diverse professioni: medico, studente, insegnante, casalinga, professionista.

Poi, dalle ore 19,30, la ‘serata fraterna e solidale’ prevede anche un ricco Street Food con risotto, pesce e gnocco fritto e dolci a volontà, e il mercatino dei prodotti di Norcia: salumi, formaggi, miele, legumi, per portare a casa delle eccellenze gastronomiche aiutando le aziende umbre rovinate dal sisma.

Per arrivare: tram 14 oppure Metro Rossa -fermata Uruguay -e poi pullman 40. Info: Tel. 023088042. www.missioni.org.

“L’evento chiude un primo semestre di intensa attività – commenta Fra Mauro Miselli, segretario delle Missioni Cappuccine- e ringraziamo la generosità dei milanesi che ci ha permesso di dare un contributo concreto a tante situazioni di bisogno.

Abbiamo collaborato in particolare con le Diocesi di Ascoli Piceno e Rieti per sostenere i loro progetti di solidarietà. Intere comunità in quelle regioni hanno perso tutto e ogni punto di riferimento sociale.

Così abbiamo raccolto fondi per aiutare cinque famiglie provate da problemi economici e di salute, abbiamo spedito 50 bancali di alimentari e indumenti nuovi in inverno, quando c’era l’emergenza freddo, e abbiamo anche contribuito alla costruzione di un Centro Comunitario/cappella nella frazione di Acquasanta (Ascoli Piceno). Sempre per aiutare le comunità a ritrovare una propria dimensione di vita quotidiana, abbiamo procurato l’attrezzatura per la sala polifunzionale nel Centro Comunitario di Arquata del Tronto e l’attrezzatura per una struttura destinata ai bambini a Villapigna, in provincia di Ascoli Piceno.
Non ultimo, l’importante sostegno a 4 aziende di Norcia acquistando e riproponendo ai nostri benefattori i loro prodotti per 25.450 euro.

Sul fronte delle missioni all’estero dove siamo presenti in Thailandia, Costa d’Avorio, Camerun, Brasile ed Etiopia con oltre 2.800 bambini inseriti nel progetto di ‘sostegno a distanza’; nell’ultimo anno abbiamo sostenuto 22 operazioni al cuore presso il Cardiac Center in Camerun; il sostegno alimentare, educativo, di accompagnamento ai carcerati di 6 carceri in Camerun; 2 scuole di formazione femminile per la promozione della donna in Costa d’Avorio; mense, case di riposo, cooperative ecc.

Nei Promessi Sposi, fra Galdino presenta i frati cappuccini come “… il mare, che riceve acqua da tutte le parti, e la torna a distribuire a tutti i fiumi …. chieder l’elemosina per tutto, e farla a tutti quelli che la chiedevano al convento” (Cap. 3°).

E ancora oggi noi Frati Cappuccini, siamo missionari e il segretariato di Milano, che ha il suo centro nel Convento di piazza Cimitero Maggiore, in particolare è impegnato nel portare aiuto alle varie missioni dell’Ordine in Italia e nel mondo.”

Complessivamente sono un centinaio i Frati operativi nei vari Continenti, dei quali 22 Lombardi.

Il missionario più anziano, Padre Ruggero Beltrami, ha 92 anni. Da oltre 60 è in Brasile e non torna più in Italia anche perché la sua salute è cagionevole; il più giovane ne ha 23 ed è del Camerun. Non tutti sono anche sacerdoti. “Speriamo di continuare ad avere vocazioni – conclude Padre Mauro – non c’è gioia più grande che donare se stessi per gli altri”.

ISMETT IRCCS festeggia e amplia

PALERMO 16.05.2017 – VENTENNALE ISMETT.
© MICHELE NACCARI/ STUDIO CAMERA

SICILIA ECCELLENZA E AVANGUARDIA NEI TRAPIANTI 

ISMETT è il primo ospedale italiano dedicato interamente ai trapianti di tutti gli organi solidi (fegato, rene, cuore, polmome, pancreas)

Nuovo Dipartimento di Pediatria, dispone di 10 ampie stanze di degenza singole, un’area ambulatorio e Day-Hospital, due ludoteche

ISMETT IRCCS festeggia i primi vent’anni con l’ampliamento della struttura

Sono stati anni di grandi successi e riconoscimenti per l’Istituto Mediterraneo dei Trapianti che si prepara ad affrontare un futuro di sfide e nuovi traguardi da sempre impegnato con le più innovative terapie ad alta specializzazione. Al via i nuovi spazi di cardiochirurgia e chirurgia pediatrica.

1997-2017, ISMETT (Istituto Mediterraneo per i Trapianti e Terapie ad Alta Specializzazione) festeggia 20 anni di successi e lo fa con l’ampliamento della struttura per curare più pazienti, garantire più servizi,  e aumentare ancora di più l’efficienza. Sono passati 20 anni da quando, nel 1997, nasce ISMETT IRCCS (Istituto Mediterraneo per i trapianti) frutto di una partnership fra la Regione siciliana e UPMC (University of Pittsburgh Medical Center).

Nel corso di questi primi venti anni la struttura si è accreditata quale centro di eccellenza nel settore dei trapianti ed è diventata punto di riferimento nel bacino del mediterraneo, ricevendo nel 2014, dal Ministro della salute, l’accreditamento come Istituto di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS).

Oggi ISMETT è il primo ospedale italiano dedicato interamente ai trapianti di tutti gli organi solidi (fegato, rene, cuore, polmome, pancreas).

I numeri sui trapianti effettuati da ISMETT IRCCS in questi anni, infatti, parlano chiaro: dal primo trapianto di fegato in Sicilia (1999) sono stati effettuati oltre 1900 trapianti di cui 207 trapianti pediatrici e oltre 300 da donatore vivente, di fegato e rene. Anche i posti letto nel corso degli anni sono aumentati arrivando agli attuali 114 rispetto ai 20 posti di quando ISMETT IRCCS è nato.

Ogni anno oltre un terzo dei pazienti viene ricoverato in modalità d’urgenza, circa il 18% viene trasferito da altri ospedali, il 4,5% viene da fuori regione e l’1,5% sono pazienti internazionali.

“L’Istituto – sottolinea Angelo Luca direttore di ISMETT è un ospedale per acuti, dove il 21% dei posti letto sono di terapia intensiva, che offre cure avanzate e promuove innovazione e ricerca e dove da sempre si sperimentano nuovi modelli organizzativi e gestionali. ISMETT è pienamente integrato nella rete del Sistema sanitario regionale ed è un riferimento internazionale per molti paesi del bacino del mediterraneo e non solo. Fin dal 1999 abbiamo investito in ICT, sviluppato un sistema di telemedicina che ci collega con Pittsburgh ma anche con il territorio, e implementato un sistema di Business intelligence che ci consente di aumentare l’efficienza e la qualità delle cure.

Internamente abbiamo sviluppato 46 applicativi, l’ultimo dei quali è stato brevettato ed ha ricevuto il premio Innovazione Digitale in Sanità 2017 del Politecnico di Milano”

I NUOVI SPAZI

Per migliorare ulteriormente i servizi offerti ai pazienti che scelgono ISMETT quale struttura dove affidare la propria salute, oggi sono stati inaugurati i nuovi spazi, realizzati grazie ad un progetto PO FESR 2007-2013 costato complessivamente 17,5 milioni di euro, di cui 6,5 circa da cofinanziamento regionale e 400.0000 euro da fondi di bilancio ISMETT..

I lavori sono iniziati nel 2012. Il progetto generale è stato suddiviso in 3 lotti funzionali, ciascuno completamente autonomo. I tre lotti di costruzione, pur essendo distinti, si integrano completamente, costituendo un complesso unico armonico e molto funzionale.

A questi si aggiunge il Lotto 4, che riguarda la sola fornitura di apparecchiature mediche altamente specialistiche ed in particolare un avanzato sistema di monitoraggio dei parametri vitali e un apparecchiatura digitale per la telepatologia e altre apparecchiature. Per collegare i nuovi spazi con l’edificio principale di ISMETT, è stato realizzato un avveniristico ponte di collegamento che potrà essere utilizzato per il transito dei pazienti, anche allettati, e dello staff.

Nell’ala sud è ubicata la nuova area dedicata alla chirurgia pediatrica addominale.

Il nuovo Dipartimento di Pediatria, dispone di 10 ampie stanze di degenza singole, un’area ambulatorio e Day-Hospital, due ludoteche una pei i pazienti ricoverati e l’altra per i pazienti ambulatoriali, , una medicheria, oltre uffici e servizi generali di reparto. Nell’ala nord una degenza adulti con 23 posti letto (11 stanze di degenza doppie ed una singola), soggiorno, medicheria, uffici e servizi generali di reparto.

“E’ stata una gara contro il tempo – sottolinea Angelo Luca – perché avevamo tempi strettissimi dettati dalla scadenza del finanziamento della comunità europea. Ringrazio tutti i professionisti di ISMETT e UPMC ed i funzionari degli Assessorati coinvolti che in questi mesi hanno lavorato in piena sinergia e con grande impegno. Oggi è un giorno di festa per i cittadini utenti, le istituzioni regionali e nazionali e tutti gli operatori sanitari dell’Istituto che ogni giorno si impegnano per garantire qualità e assistenza ai nostri pazienti .

Weekend e vacanze a Lisbona per “chicche” gastronomiche poco note

LISBONA, CAPITALE DEI BUONGUSTAI

Mini tips per gustare delle “chicche” gastronomiche poco note della cucina lusitana

– Quando si pensa a Lisbona vengono subito in mente tre costanti:

il sole, i magnifici panorami e…la qualità del cibo!

Ottima meta per chi si avventura armato di macchina fotografica e partner a braccetto per scoprire i segreti che nasconde ogni antico rione e perfetta per passeggiare su e giù per i 7 colli su cui poggia la città dopo un bel pranzo sostanzioso che solo in Portogallo ci si può concedere di fare.

I portoghesi iniziano il pranzo e la cena con una serie di piccoli antipasti, come formaggi, gamberetti e verdure , accompagnati da buonissimo pane fresco, o dal più famoso bolo do caco, pane servito con del burro e condito con aglio e prezzemolo .

Uno dei piatti più gustosi che introducono alle portate principali è quello delle vongole à bulhão pato (dal nome del poeta del 19° secolo Raimundo António de Bulhão Pato); una ricetta semplice che porta tutto il sapore fresco dei frutti di mare. Servito con crostini di pane caldo, il sapore delle vongole si sposa benissimo con il limone, il vino bianco e il prezzemolo e lo rende l’inizio perfetto per il pasto.

Un altro piatto tipico della tradizione gastronomica portoghese, che potrete gustare in molti dei ristoranti di Lisbona e che vi permetterà di assaggiare il re della cucina lisboeta in una variante sfiziosa e piena di gusto è rappresentato dai Pasteis de bacalhau: bocconcini di baccalà impanato e fritto, crocchette dal cuore tenero e dal sapore delicato, ma dalla impanatura dorata e saporita, che mette subito l’acquolina.

Il baccalà a Lisbona viene cucinato in numerosissime varianti e tradizione vuole ci sia una ricetta diversa a base di baccalà per ogni giorno dell’anno.

Saporita la variante del Bacalhau á gomes da sá , un filetto di baccalà cotto in casseruola con cipolle, patate e uova, oppure una ricetta più tradizionale: il Bachalau á Brás, con patatine fritte tenuti insieme da uova, prezzemolo e cipolla.

Altro emblema della cucina lusitana sono le sardine, soprattutto se cucinate alla griglia e degustate sul pane mentre ci si perde nel loro aroma gironzolando tra un vicolo e l’altro.

Le più famose sono quelle che vengono dalla cittadina di Setúbal, ma Lisbona ne è invasa soprattutto nel mese di giugno, durante le celebrazioni dei Santos Populares, con gran clou nelle giornate del 12 e del 13. Le sardine vengono arrostite sulla brace e servite con verdure, oppure disposte semplicemente su fette di pane bianco e mangiate con le mani.

Altra ricetta tipica da provare è l’ Arroz de Marisco, un piatto a metà strada fra il cremoso risotto italiano e la più asciutta paella spagnola.

Viene preparato con molluschi, crostacei e verdure, prima di essere servito fumante, con una spolverata di prezzemolo tritato. Altra variante portoghese è il riso al pomodoro con sardine.

Tradizionale e più ricercato il Polvo à Lagareiro, polipo stufato in pentola e grigliato, così tenero che si può tagliarlo con la forchetta. Viene servito con una salsa a base di olio, prezzemolo e aglio e comunemente accompagnato da patate novelle cotte al forno.

Giocando di contrasto al “pescado” per chi vuole fare un tuffo nelle tradizioni culinarie portoghesi il formaggio di Azeitão è una specialità DOP.

Formaggio di latte di pecora portoghese, gustato sul pane o cracker è un ottimo aperitivo da accompagnare con del vino rosso.

Ma il viaggio alla scoperta del gusto è solo all’inizio: la città Setúbal, sempre nella zona di Lisbona, offre un altro piatto di portata che vale la pena sperimentare … le seppie fritte! Servite con patatine fritte e insalata, avvolte da una fine pastella, si degustano con del succo di limone e non sono tipiche al 100% se non sono accompagnate dalla meravigliosa vista che si gode sul porto della cittadina rigorosamente all’ombra delle montagne di Arrábida.

A i palati più golosi dedichiamo dei sapori unici che provengono da antiche ricette medievali: il pastel de nata e i dolci conventuali.

Il pastel de nata è tanto emblematico quanto buono, e si deve gustare rigorosamente alla portoghese: caldo, con un pizzico di cannella e una spolverata di zucchero a velo, senza eccezione alcuna. Immaginatevi in un bar al sole, mentre state ordinando una bica (il tipico espresso di Lisbona) e di fronte a voi questo magnifico e delizioso cestino di pasta sfoglia ancora fumante a base di uova. Impossibile non innamorarsene all’istante.

I dolci conventuali, anch’essi a base di uova, sono particolari per i loro gusti tutti diversi e ancor di più dalla loro storia: dovete sapere che nel XV secolo nei conventi femminili portoghesi, per passare le giornate e vincere la noia, s’inventavano e si producevano una svariata quantità di dolci, ciascuno di essi con una consistenza propria e dal gusto unico. A Lisbona ne esistono di svariati, tra cui: i Fradinhos di Mafra, i Pasteis de Belém, le Nozes di Cascais, la Marmelada Branca e il Toucinho do Céu di Odivelas, solo per citarne alcuni.

Da accompagnare ad ogni piatto non ci si può dimenticare dei vini della regione, che dispone di etichette di alta qualità e possiede diverse zone DOC dalle caratteristiche più disparate, abbinabili perfettamente ai diversi sapori e alle delizie che riserva la capitale portoghese. Per accompagnare un pasto gustoso durante il vostro soggiorno a Lisbona è d’obbligo provare un buon bicchiere di Bucelas, un vino della zona giovane e fruttato, non forte e molto piacevole.
E a fine pasto non vi lasceranno mai alzare se ammetterete di non aver ancora provato il liquore di amarene, il Ginjinha, tipicissimo e immancabile soprattutto nelle taverne, da provare freddo o a temperatura ambiente, con o senza ciliegia, e per i più golosi si può richiedere in un bicchiere di cioccolato. Provare per credere!

Per maggiori informazioni visitate il sito Turismo de Lisboa: www.visitlisboa.com
O seguiteci su Facebook

Salute in casa – Allergie – Mal di testa – Dermatiti – Mal di gola ?

Avete la mania di disinfettare ogni angolo della vostra casa ?

Amate diffondere profumi insieme ai detergenti o, peggio, con spray o liquidi appositi ?

 Credete che questo sia un bene per la salute ?

La casa deve essere pulita, non disinfettata, non è una sala operatoria.

I bambini a contatto con un numero normale di germi sviluppano dei sani anticorpi.

Quasi tutti i prodotti che vi vendono per disinfettare – pulire e profumare la casa (peggio ancora per i vestiti; che tenete a contatto con la pelle !), CONTENGONO sostanze TOSSICHE !

Monossido di carbonio, biossido di azoto, idrocarburi policiclici aromatici, naftalene, composti clorurati … ecco cosa respiriamo a casa nostra, negli uffici e sulle scale del condominio …

La maggioranza degli italiani non è mai stata molto sensibile ai problemi dell’inquinamento, perlomeno e ne è interessata poco, mentre si lascia suggestionare da quello che gli viene detto nelle pubblicità martellanti … che hanno il solo scopo di vendere più prodotti; meglio se più costosi di quelli già in vendita.

Dietro ogni pavimento appena lavato con i prodotti più disinfettanti e profumati, c’è la diffusione di veleni nell’aria …

Anche l’uso di certi detersivi che garantiscono, da oltre mezzo secolo, di lavare più bianco del precedente prodotto …. non fa bene alla nostra pelle.

Ricordate che le case suggeriscono sempre un uso esagerato nei quantitativi, per vendere di più.

Ricordate che basterebbe aggiungere un poco di bicarbonato e il quantitativo del detersivo si può diminuire di molto.

Ricordate anche che le nuove lavatrici a risparmio d’ acqua, semplicemente sciacquano meno bene !!!

Il consiglio è quello di scegliere prodotti che dichiarano di non danneggiare l’ambiente, evitare di disinfettare qualunque cosa, in qualunque caso.

La verdura va lavata NON disinfettata; mettete un cucchiaio di bicarbonato nell’acqua di lavaggio e non porcherie chimiche !!

Il biberon, meglio di vetro, si può bollire, non immergere in velenose sostanze, pure molto care e che arrivano nell’intestino del piccolissimo bambino…

Informiamoci, leggiamo le etichette e pensiamo sempre che la pubblicità NON FA INFORMAZIONE, MA SEMPLICEMENTE USA OGNI MEZZO PER ASSOGGETTARCI ALLA SUA VOLONTA’ FACENDOCI SENTIRE IGNORANTI …

Dalla pubblicità non avremo MAI informazioni, ma solo suggerimenti, a volte anche prepotenti, che ci tolgono soldi dal portafoglio e possono anche fare molto male a noi e alla nostra famiglia; bambini per primi !

 

SALUTE GRAVE PERICOLO FTALATI PVC PER BAMBINI E ADULTI – REPORT lo ha spiegato con molti dettagli

Adotta un cane e avrai uno sconto sulle tasse – Benessere dei cani e riduzione di costi a carico della comunità –

BUONA INIZIATIVA DA COPIARE IN TUTTA ITALIA

A Roccastrada riparte la campagna che unisce benessere dei cani e riduzione di costi a carico della comunità
‘Più affetto, meno tasse’: nuove agevolazioni per adozioni al canile

Roccastrada. “Più affetto, meno tasse”.

E’ questo lo slogan della campagna promossa dal Comune di Roccastrada per incentivare l’adozione di cani ospiti del canile comunale a fronte di una riduzione della Tari compresa fra il 50 e il 70 per cento.

L’iniziativa, già avviata con l’approvazione di uno specifico regolamento e primi riscontri positivi, viene rilanciata con la collaborazione della sezione di Grosseto della Lega Nazionale Difesa del Cane e dell’Associazione Volontari Ribolla Animali Indifesi (Avrai), che stanno portando avanti, insieme all’amministrazione comunale, iniziative di sensibilizzazione rivolte alla comunità, e in particolare alle scuole, sul tema del maltrattamento e dell’abbandono degli animali.

La campagna “Più affetto, meno tasse” prevede la riduzione del 70 per cento del tributo Tari, fino a un massimo di 500 euro, per l’adozione di un cane in custodia al canile da almeno tre anni oppure del 50 per cento, ancora fino a un massimo di 500 euro, per l’adozione di un cane in custodia al canile da almeno tre mesi e fino a un massimo di tre anni.

L’agevolazione sul tributo rimane attivo per tutta la vita dell’animale ed è soggetta a controlli sulle sue condizioni, oltre a un certificato di buona salute da inviare ogni anno all’amministrazione comunale.

“L’amministrazione comunale – spiega Francesco Limatola, sindaco di Roccastrada – ha voluto investire nuovamente energie e risorse su questa iniziativa, puntando ancora una volta a unire il benessere degli animali con una riduzione dei costi del randagismo a carico della comunità.

L’obiettivo primario è quello di diminuire le spese di gestione del canile comunale destinando le risorse ad altri interventi e migliorando, al tempo stesso, la vita degli animali. Il Comune manterrà alta l’attenzione sulle adozioni effettuate, a tutela del cane e al fine di evitare adesioni finalizzate unicamente all’accesso alle agevolazioni fiscali. Ringrazio tutti i soggetti coinvolti per la sensibilità e la collaborazione mostrata verso la nostra iniziativa”.

“Negli ultimi mesi – aggiunge Emiliano Rabazzi assessore all’ambiente di Roccastrada – il nostro canile comunale ha registrato 33 nuovi ingressi e 28 adozioni e allo stato attuale i cani ospitati e assistiti sono 75.

Nella struttura, però, si registrano periodicamente nuovi arrivi e, conseguentemente, un incremento di risorse pubbliche da destinare alla loro cura e assistenza. La campagna ‘Più affetto, meno tasse’ sarà affiancata, fin dai prossimi giorni, da iniziative di sensibilizzazione, con passeggiate con gli amici a quattro zampe, incontri e altri momenti di coinvolgimento di cittadini, scuole e associazioni del territorio per stimolare in maniera crescente la comunità locale. L’impegno dell’amministrazione comunale conta sulla collaborazione della sezione di Grosseto della Lega Nazionale Difesa del Cane e sulla disponibilità dei volontari dell’Associazione Avrai, che si occuperanno di fornire informazioni sull’iniziativa e sulle modalità di adozione dei cani e che ringrazio per la disponibilità.

A coloro che adotteranno un cane dal canile comunale sarà donato anche il libro ‘Come capire e addestrare il tuo cane’, per avviare fin dall’inizio una buona relazione fra l’animale e il suo padrone attraverso il linguaggio del corpo e la sensibilità per gli amici a quattro zampe”.

I requisiti richiesti.

I cani possono essere adottati da cittadini privati in possesso dei requisiti richiesti, ovvero che siano in pari con il pagamento dei tributi comunali e non abbiano pene per delitti contro il sentimento degli animali.

Le persone interessate possono fare richiesta di adozione al Comune che, dopo averla valutata, potrà dare l’autorizzazione ad adottare il cane e usufruire delle agevolazioni fiscali sulla Tari.

Informazioni. Il regolamento sull’adozione dei cani e le agevolazioni Tari può essere consultato su www.comune.roccastrada.gr.it, nella sezione “Regolamenti comunali”. Per ulteriori informazioni, è possibile contattare anche i volontari dell’Associazione Avrai, ai numeri 333-1304539 e 339-5221248.

Salute – Allarme al G7 dagli scienziati – Urgenza di affrontare l’epidemia di Alzheimer

Rapidissima crescita dell’Alzheimer …

L’Italia è un paese particolarmente a rischio…

Gli scienziati dei principali paesi del mondo, riuniti all’Accademia dei Lincei, hanno lanciato un allarme al G7 dei Capi di Stato e di Governo che si riuniranno a Taormina il 26 e 27 maggio, sulla urgenza di affrontare l’epidemia di Alzheimer.

“Nel mondo ci sono attualmente oltre 40 milioni di malati che – avvertono gli scienziati – diventeranno 135 milioni nel 2050” a causa della rapidissima crescita di questa patologia legata all’invecchiamento della popolazione. “Il costo per l’assistenza aumenterebbe da 6 a 8 trilioni di dollari l’anno, e il peso per le famiglie sarà devastante”, gli scienziati, in un documento intitolato “The challenge of neurodegenerative diseases” sollecitano quindi i Grandi della Terra che si riuniranno nel G 7 ad affrontare il problema con “una decisione politica risoluta e globale per prevenire uno tsunami neurologico”.

L’Italia, con 1,2 milioni di persone colpite da malattie neurodegenerative di cui 800mila sono affette da Alzheimer, è un paese particolarmente a rischio, avendo una delle popolazioni più vecchie del mondo assieme con la Corea e il Giappone.

L’Alzheimer è una patologia insidiosa, che lavora silente per 10 – 15 anni e distrugge lentamente i neuroni del cervello senza dare sintomi, quindi chi è malato non se ne accorge fin quando il corredo neuronale non è devastato ma quel punto non c’è più molto da fare.

Per questo motivo è molto importante la prevenzione, fare dei controlli anche sulle persone che non hanno sintomi, e individuare i soggetti a rischio prima che cadano nella patologia conclamata.

Per contrastare questa malattia, che attualmente non ha possibilità di cura, il Neurofisiologo Prof. Lamberto Maffei, già Presidente dell’Accademia dei Lincei, che ha lavorato con la Prof.ssa Rita Levi Montalcini, ha realizzato al CNR il protocollo clinico Train the brain, non farmacologico, che ha dato risultati positivi nell’80% dei casi trattati, rallentando la patologia e aiutando nella prevenzione e nel recupero. Il protocollo,

La diffusione del protocollo, i cui risultati sono stati pubblicati su Scientific Report di “Nature”, è curata dalla Fondazione IGEA Onlus www.fondazioneigea.it in collaborazione con l’Università di Roma.

Più opportunità per l’home sharing in Italia

Un servizio automatizzato di check-in e di check-out, attivo 24 ore su 24, 365 giorni l’anno …

I principali vantaggi offerti da Keesy non si limitano all’effettivo risparmio in termini di tempo…

Per chi fa home sharing, Keesy colma un vuoto di mercato non coperto da altre app e realtà dedicate al mondo degli affitti turistici …

L’idea di dover far aspettare la persona che effettua la consegna chiavi dell’alloggio viene vissuta con disagio …

Keesy, un’opportunità per l’home sharing in Italia

Ecco i dati più significativi di un’indagine svolta da GFK Eurisko, a cui Keesy si è rivolta, per individuare le esigenze degli italiani che viaggiano e i reali servizi di cui vorrebbero usufruire per vivere un’esperienza di soggiorno ideale.

Sono più di 23 milioni gli italiani, tra i 18 e i 64 anni, che nel corso di un anno fanno weekend lunghi o si allontanano da casa anche per più di 5 giorni.

Secondo una recente indagine svolta da GFK Eurisko nel mese di marzo sulle abitudini e sulle specifiche esigenze degli italiani che viaggiano, con Keesy circa la metà degli italiani (il 45%) aumenterebbe l’utilizzo delle formule extra-alberghiere.

La ricerca, che ha coinvolto oltre 1.000 italiani tra i 18 e i 69 anni che negli ultimi 12 mesi hanno intrapreso un viaggio o fatto un weekend fuori casa con almeno un pernottamento, rivela che i principali vantaggi offerti da Keesy non si limitano all’effettivo risparmio in termini di tempo. A convincere Host e Guest sono soprattutto la semplicità d’uso e l’innovazione del servizio.

Oltre ad essere una grande novità in termini di gestione dei servizi di check-in/check-out per chi fa home sharing, Keesy colma un vuoto di mercato non coperto da altre app e realtà dedicate al mondo degli affitti turistici.

La nuova startup non si limita a gestire solo il ritiro e la consegna delle chiavi, ma permette ai locatori di fornire ai propri ospiti diversi benefit ritenuti essenziali per godere al meglio del proprio soggiorno: dal deposito bagagli, all’invio dei documenti in questura, fino alla riscossione della tassa di soggiorno.

La questione degli orari:

due italiani su cinque chiedono di fare check-in fuori dalla fascia standard 13-20
.

Avere degli orari predefiniti per effettuare il check-in rappresenta una difficoltà oggettiva per il 38% degli italiani.

In media ben due italiani su cinque (il 37,8% sul totale degli intervistati) richiedono di fare check-in fuori dalla fascia standard 13-20.

Dall’indagine emerge che il momento del check-in ha un peso in fase di recensione.

Per il 36% degli intervistati la gestione del check-in influisce sulla valutazione complessiva del soggiorno.

In caso di imprevisti, l’idea di dover far aspettare la persona che effettua la consegna chiavi dell’alloggio viene vissuta con disagio da tre italiani su cinque (il 59%), mentre uno su tre (il 35%) dichiara apertamente di avere avuto problemi nel relazionarsi con i gestori degli alloggi, perché parlavano lingue diverse dalla propria.

Il deposito bagagli: un valore aggiunto per il 73% degli italiani

Gli ospiti si trovano spesso nella situazione di dover usufruire del deposito bagagli prima della partenza effettiva.

Questa realtà è ben testimoniata anche dall’indagine, secondo cui il 73% degli italiani ritiene un servizio di grande valore aggiunto per la propria esperienza di soggiorno la possibilità di lasciare il proprio bagaglio in un luogo sicuro per un tempo ulteriore rispetto all’orario di check-out.

I locatori cercano di rispondere a quest’esigenza permettendo agli ospiti di lasciare i bagagli nella struttura e di ritirarli prima della partenza, ma talvolta rischiano di compromettere la valutazione generale non riuscendo a soddisfare la richiesta per ragioni logistiche.

I plus di Keesy
Stando ai dati, Keesy raccoglie l’entusiasmo di sette italiani su dieci (il 70%): già uno su dieci (il 14%) è certo di volerlo usare, uno su due (il 54%) si dichiara ben disposto a provare questo nuovo servizio.

La nascita di un servizio automatizzato di check-in e di check-out, attivo 24 ore su 24, 365 giorni l’anno e multilingue, viene valutato una novità importante per il 60% degli intervistati, andando a coprire le lacune di altri servizi di soggiorno presenti ad oggi sul mercato.

La neonata startup fiorentina fa proprio leva sul fattore essenziale per chi viaggia e per chi affitta: la libertà di gestire il proprio tempo.

Keesy, un’opportunità per l’home sharing in Italia

Ecco i dati più significativi di un’indagine svolta da GFK Eurisko, a cui Keesy si è rivolta, per individuare le esigenze degli italiani che viaggiano e i reali servizi di cui vorrebbero usufruire per vivere un’esperienza di soggiorno ideale.

VEDI AL LINK http://www.keesy.com