Archivi categoria: NOTIZIE

Orticolario INVITO DALL’ARTISTA  AGNES DUERRSHNABEL

Orticolario

INVITO DALL’ARTISTA

 AGNES DUERRSHNABEL

Orari:

Venerdì 29 settembreore 9.00 – 19.30

Sabato 30 settembreore 9.00 – 19.30

Domenica 1 ottobreore 9.00 – 19.00

(La biglietteria chiude un’ora prima)

Japanese tea ceremony setting on old wooden bench

Sabato 30.9. e domenica  01.10.17

dalle 15.30 – 18.30

ritorna TéRIMONIA:

nelle tazze dell’Atelier verrà servito un assaggio

del prezioso tè verde Matcha,

in collaborazione con

“Frescoadarte”.

www.agnesduerrschnabel.it

+39 3492412583

www.frescoadarte.it

Vi aspettiamo

SEMPRE PIU’ VIOLENZE SULLE DONNE – A Bergamo operatrice a Catania dottoressa … Roma stuprata e legata nuda … ! – A Firenze da carabinieri – Tentata violenza a bambina da Tunisino

BERGAMO. Violenza su un’operatrice in una struttura per migranti !!! Fermato un richiedente asilo.

CATANIA. Violentata una dottoressa di 51 anni residente in un paesino limitrofe nella provincia catanese, prestava servizio nella nottata, presso il pronto soccorso !!!

ASPETTIAMO UNA DURA CONDANNA DA TUTTE LE DONNE DLE PARLAMENTO UNITE !!!!

Vergogna che non l’abbiano ancora fatto tutte insime !!!

::::::::::

57enne tedesca stuprata e legata nuda

L’allarme è stato dato da un tassista che viaggiava in viale Washington e che ha visto la donna, senza vestiti, legata per i polsi e le caviglie al palo, con un fazzoletto in bocca; si è trattato di una  57enne, tedesca.

L’Italia è sempre meno sicura per le donne

Troppo pochi, quasi nulli,  i dibattiti in Tv sull’argomento

Perché le nostre ministre non fanno un’interrogazione parlamentare sull’argomento ? Sono troppo occupate, dopo le lunghe vacanze, a comprare il nuovo guardaroba autunno – inverno ?!

NON DIMENTICHIAMO: donne stuprate, il commento shock di un mediatore culturale su facebook: “dopo che entra, la donna si calma e gode come un rapporto normale”

… 

Alla faccia del turismo che ci potrebbe aiutare  a superare tanti problemi … e della SICUREZZA DELLE DONNE CHE VIVONO IN ITALIA

“Tentato stupro sulle scale del Campidoglio”

 

Roma.  Anche il 13 settembre una turista belga denuncia una tentata violenza sessuale da parte di straniero istraeliano, salvata dalle sue urla che hanno richiamato i vigili  in zona.

::::::

Tentata violenza a bambina da Tunisino

Dopo la denuncia della scomparsa della piccola da parte dei genitori, la triste notizia.

Palermo: tentata violenza sessuale su una bambina, fermato tunisino.

La bimba precisa che la medesima persona aveva già tentato di baciarla.

::::::

Denucia per violenza sessuale contro studentesse americane.

OGGI SI DICE CHE IL VIDEO DEL TELEFONINO DI UNA RAGAZZA NON E’ PROVA PERCHE’ TROPPO CONFUSO,  MA NON E’ VERO PER L’ Huffington Post:

… nel video, fatto di immagini confuse,c’è un frame in cui si vede parte del corpo del militare (compresa uniforme e fondina della pistola) e poi si sentirebbe il grido “bastardo, bastardo” urlato dall’americana. Questo è quanto sostiene anche La Nazione. La procura smentisce.

«Minuti terribili senza riuscire a urlare»

Le due ventenni americane: «Aggredite nelle scale e in ascensore».

«Non stavamo bene, avevamo bevuto troppo», avrebbero ammesso qualche ora più tardi.

«Si avvicinano, sono due militari in divisa. Ci dicono che se vogliamo possono darci un passaggio». Le due ragazze, poco più ch eventenni, accettano perché la scuola aveva detto loro di fidarsi solo di Carabinieri e Polizia !

Due carabinieri accusati di violenza sessuale su due giovanissime studentesse americane; queste ultime erano sotto l’effetto di alcool e forse, droga leggera.

La legge considera gravissima la violenza sessuale su persona non in grado di intendere e volere.

Uno solo dei carabinieri, ha ammesso il rapporto sessuale, ha 45 anni famiglia, figli e portava una divisa.

L’altro carabiniere accusato; cosa aspetta a dare la sua versione dei fatti ? Già questo atteggiamento è MOLTO sospetto.

Tanti i reperti biologici trovati in casa delle ragazze; ma i riscontri sul dna ancora non ci sono.

Comunque l’evidenza delle prove e la pressione dell’Arma devono aver convinto il capo pattuglia ad ammettere il rapporto e l’altro cosa aspetta ???

Violentare è sempre un grave atto di vigliaccheria.

::::::::

E’ UN BOLLETTINO DI GUERRA !!!

31 agosto, primi di settembre alcuni altri titoli:

31 agosto: Salento, turista di 19 anni violentata in un villaggio vacanze a Taviano

1 settembre: Una giovane ha denunciato gli abusi subiti, mentre dormiva, da un 27enne di Latina ora in carcere a Lecce per violenza sessuale

Lecce, ragazza scomparsa: trovato il corpo della 16enne. Il fidanzato 17enne confessa l’omicidio – sarebbero stati riscontrati segni di ferite, forse dovuti alle pietre

Orchidee e orchimania – Tutti a Padova – FLORMART unico al mondo – 22 – 23 settembre 2017

WEEKEND INDIMENTICABILE TRA FIORI E  … SOPRATTUTTO ORCHIDEE RARISSIME !!!

Dal 22 al 23 settembre 2017

Panama: rara orchidea Dracula Vampira

Dovreste viaggiare per tutti i giardini botanici del mondo e, forse, non riuscireste a vedere tutte le rarissime orchidee che trovate alla fiera di Padova !

68/a edizione di Flormart

 

Dal 22 al 23 settembre Padova diventa capitale mondiale delle orchidee.

All’interno della 68/a edizione di Flormart, il Salone internazionale del florovivaismo, principale appuntamento del settore in Italia, si svolge il Congresso Esposizione Internazionale e vendita Orchidee Specie ed Ibridi.

La Federazione Italiana Orchidee, l’Associazione Trentino Orchidee, I Freunde der Orchideen organizzano il 5° congresso, esposizione internazionale e vendita di orchidee specie ed ibridi.

Durante il congresso interverranno i maggiori esperti internazionali nella ricerca, coltivazione e giudizio del genere, tra cui Alejandro Capriles, Harold Koopowiz e molti altri.

FLORMART ORARI:

22 al 23 settembre Padova

APERTURA FIERA: giovedì ore 10

venerdì: dalle ore 9 alle ore 19

CONFERENZA ORCHIDEE: dalle ore 16 di venerdì alle ore 19.

Slow Food Milano – I corsi d’autunno

Cucinare – imparare – divertirsi

Panificazione, Fish Shopping e Spezie:

-le proposte di Slow Food Milano per imparare a “mangiarli e comprarli giusti”.

Con l’arrivo dell’autunno ripartono le attività della Condotta di Slow Food Milano presso la sede di via Piranesi 12, ospitata all’interno dei Frigoriferi Milanesi.

Oltre all’appuntamento ormai fisso del giovedì per coloro che fanno la spesa tramite L’Alveare che dice Sì! (progetto a cui Slow Food Milano ha aderito lo scorso maggio e che unisce tecnologia e agricoltura sostenibile favorendo lo scambio diretto fra produttori e consumatori), arriva un programma di appuntamenti formativi studiati per i nostri soci e per tutti coloro che desiderano imparare e scoprire i segreti del cibo secondo la filosofia del “buono, pulito e giusto”: dal corso di panificazione domestica per apprendere come usare il lievito madre a casa a una vera e propria lezione itinerante presso i banchi del pesce della nostra città per scoprire cosa comprare e perchè, passando attraverso il mondo affascinante delle spezie in diversi appuntamenti dedicati a diverse aree geografiche.

SETTEMBRE

25 e 26 Settembre 2017, ore 19
Corso base di panificazione domestica con Niccolò Grazioli del Panificio Grazioli

Il corso è pensato per essere suddiviso in due lezioni di circa due ore e mezza, nelle quali si tratteranno i principali argomenti relativi alla panificazione domestica, con l’obiettivo di fornire un insieme di nozioni, trucchi e chiarimenti al fine di rendere la panificazione alla portata di tutti.
Nel modulo verranno approfondite tematiche come il lievito madre, i rinfreschi e la conservazione nel tempo; l’utilizzo e alcuni trucchi per riportare il Ph al giusto livello. Inoltre verranno illustrate altre tecniche di panificazione quali l’autolisi, la biga a lunga lievitazione e i polish.
Nel secondo modulo invece si tratteranno temi quali la catalogazione e la suddivisione delle varie farine e le lavorazioni che più si prestano per esse, i vari tipi di cereali, la fase di impastamento e cottura del pane.
Costo: 50 euro per i soci SF, 65 euro per i non soci (tessera Slow Food in omaggio)

30 Settembre 2017, ore 10

Visita guidata ai  banchi del pesce con Roberto Di Lernia
Rivolto a tutti coloro che almeno una volta si sono chiesti “che pesci prendere”, l’incontro ha l’obiettivo di verificare insieme ad un gruppo di persone interessate all’acquisto di prodotti della pesca, nei diversi punti vendita, la facilità con cui partendo da un “buon acquisto” si possa passare ad un piatto di piena soddisfazione. Slow Food da anni pone la questione del “buono, pulito e giusto” nei consumi ittici: sul pescato ed il suo utilizzo sono state prodotte diverse guide di cui l’ultima “Pesce” (di Cinzia Scaffidi, Slow Food Editore) ben descrive la problematica e i relativi temi di sostenibilità; il volume, coerentemente corredato da una serie di ricette tratte dalla tradizione della cucina italiana, verrà dato in omaggio ai partecipanti e servirà da testo base durante la visita.

Il progetto prevede che operativamente un gruppo minimo di 8 persone e un massimo di 15, accompagnate da un biologo, compiano delle osservazioni comparative sulla qualità, biodiversità, sostenibilità e piacevolezza al palato in diversi punti vendita dell’area milanese.

Come tipologia di questi vengono identificati: a)- la pescheria di alta qualità o presunta tale, b)- il banco pesce di un grande supermercato, c)- la bancarella di un mercato rionale. L’osservazione in parallelo metterà in evidenza le costanti e le varianti ed il relativo confronto prezzi.
L’appuntamento è per le ore 10 presso il mercato comunale di Piazza Wagner davanti ai banchi pesce della struttura; successivamente, e con breve percorso a piedi, ci si recherà nella vicina via Washington presso il supermercato Esselunga. Oltre ai confronti sul “fresco” nel supermercato si porrà l’attenzione anche sul “surgelato” ed il conservato.
Costo:  € 20,00 soci Slow Fod, € 25,00 non soci (libro in omaggio per tutti)

OTTOBRE

12 Ottobre 2017, ore 19

India: primo incontro di cucina e cultura speziale con Eleni Pisano
Al fine di avvicinarsi a un nuovo approccio al cibo e ancora prima alla selezione degli ingredienti è necessario capire da dove vengono e quali sono i benefici che danno al corpo e alla mente, perché l’antico detto Mens sana in corpore sano continua ad essere di assoluta contemporaneità. Il corso realizzato con la collaborazione della cheffa e foodwriter Eleni Pisano si propone di raccontare il mondo delle spezie, la loro storia, gli evidenti e riconosciuti benefici per la salute e l’uso pratico in cucina. Eleni ama realizzare i suoi incontri mischiando narrazioni, testimonianze, selezione e presentazione dei prodotti, tecniche di preparazione e conservazione e molta creatività.
Il primo dei quattro appuntamenti previsti è dedicato all’India, la culla delle spezie, dove nasce la cultura dell’uso delle spezie come alleate di benessere e di gusto. Dagli ayurveda (testi sacri) sino al riconoscimento istituzionale dell’importanza di usare le spezie in cucina. Ricette in programma: riso Pulaoo con verdure al curry dolce servito con raita, Pane indiano Chapati con lenticchie rosse coriandolo in semi e limone; Dolci di riso con latte e spezie servito con Chai Indiano.
I prodotti utilizzati nel corso  provengono dai presidi Slow Food. Le spezie sono selezione da produttori certificati.
Costo: 25 euro soci Slow Food, 30 euro non soci.

23 e 24 Ottobre 2017, ore 19
Corso base di panificazione domestica con Niccolò Grazioli del Panificio Grazioli
Il corso è pensato per essere suddiviso in due lezioni di circa due ore e mezza, nelle quali si tratteranno i principali argomenti relativi alla panificazione domestica, con l’obiettivo di fornire un insieme di nozioni, trucchi e chiarimenti al fine di rendere la panificazione alla portata di tutti.
Nel modulo verranno approfondite  tematiche come il lievito madre, i rinfreschi e la conservazione nel tempo; l’utilizzo e alcuni trucchi per riportare il Ph al giusto livello. Inoltre verranno illustrate altre tecniche di panificazione quali l’autolisi, la biga a lunga lievitazione e i polish.
Nel secondo modulo invece si tratteranno temi quali la catalogazione e la suddivisione delle varie farine e le lavorazioni che più si prestano per esse, i vari tipi di cereali, la fase di impastamento e cottura del pane.
Costo: 50 euro per i soci SF, 65 euro per i non soci (tessera Slow Food in omaggio)

28 Ottobre 2017, ore 10
Visita guidata ai banchi del pesce con Roberto Di Lernia
Rivolto a tutti coloro che almeno una volta si sono chiesti “che pesci prendere”, l’incontro ha l’obiettivo di verificare insieme ad un gruppo di persone interessate all’acquisto di prodotti della pesca, nei diversi punti vendita, la facilità con cui partendo da un “buon acquisto” si possa passare ad un piatto di piena soddisfazione. Slow Food da anni pone la questione del “buono, pulito e giusto” nei consumi ittici: sul pescato ed il suo utilizzo sono state prodotte diverse guide di cui l’ultima “Pesce” (di Cinzia Scaffidi, Slow Food Editore) ben descrive la problematica e i relativi temi di sostenibilità; il volume, coerentemente corredato da una serie di ricette tratte dalla tradizione della cucina italiana, verrà dato in omaggio ai partecipanti e servirà da testo base durante la visita.
Il progetto prevede che operativamente un gruppo minimo di 8 persone e un massimo di 15, accompagnate da un biologo, compiano delle osservazioni comparative sulla qualità, biodiversità, sostenibilità e piacevolezza al palato in diversi punti vendita dell’area milanese. Come tipologia di questi vengono identificati: a)- la pescheria di alta qualità o presunta tale, b)- il banco pesce di un grande supermercato, c)- la bancarella di un mercato rionale. L’osservazione in parallelo metterà in evidenza le costanti e le varianti ed il relativo confronto prezzi.
L’appuntamento è per le ore 10 presso la pescheria “Pesce vivo” in via Sammartini, zona Stazione Centrale. Successivamente verranno visitate altre rivendite di pesce in zona (da definire).
Costo:  € 20,00 soci Slow Fod, € 25,00 non soci (libro in omaggio per tutti)

Per info e iscrizioni: Francesco | +39 334 1753131| milanoslowfood@gmail.com

 

3 ottobre il termine per iscriversi al Premio GammaDonna

PER GIOVANI DONNE IMPRENDITRICI

Prorogato fino al 3 ottobre il termine per iscriversi al Premio GammaDonna, riconoscimento all’imprenditoria innovativa di donne e giovani

Tra le novità dell’edizione 2017, il QVC Next Award per il prodotto più innovativo

Torino, 20 settembre 2017Soft skill come antidoto alla robotizzazione. Di fronte alla prospettiva – tracciata dal rapporto McKinsey sull’automazione dello scorso maggio – di vedere fagocitati nell’immediato 1,2 miliardi di posto di lavoro, una delle risposte forti possibili sta nella capacità delle imprese di mettere a capitale il fattore umano. Creatività, intelligenza emotiva e relazionale, capacità di analisi critica come di acquisizione di nuove conoscenze e nuove competenze: in una parola re-skilling.

C’è chi si muove già in questa direzione: a queste imprese, e a quella parte tra loro guidata da donne e giovani, è rivolto il 9° Premio GammaDonna, che da 14 anni premia storie di innovazione poco conosciute e le porta alla ribalta.

Il Premio si rivolge a imprenditrici di ogni età e a giovani imprenditori under 35 che si siano distinti per aver introdotto innovazioni all’interno della propria azienda, costituita non dopo il 31 dicembre 2014. Piccole imprese che hanno saputo adattarsi con successo alle nuove e mutevoli esigenze del mercato, adottando gli strumenti tecnologici a disposizione e sperimentando attività, ruoli e modelli organizzativi nuovi.

Tutte le candidature ritenute idonee avranno uno spazio sulla piattaforma GammaDonna (www.gammaforum.it) che, dal 2004, racconta e diffonde storie di innovazione, leadership, visione. Una rosa di 6 finaliste aprirà il GammaForum – Forum Nazionale dell’Imprenditoria Femminile e Giovanile, in programma il prossimo 16 Novembre a Milano con il titolo “Intelligenze e competenze nuove per fare impresa nell’era digitale”.  Una giuria formata da personaggi di spicco del mondo dell’impresa, del venture capital e dell’innovazione digitale[1] decreterà il vincitore del Premio GammaDonna, chiarendo le proprie scelte durante un dibattito aperto. In palio, un Master della 24Ore Business School, un percorso d’incubazione in Polihub – Politecnico di Milano, sei mesi di mentoring affiancati da un manager selezionato ValoreD. Anche quest’anno, tra le candidature sarà assegnato il Giuliana Bertin Communication Award, speciale riconoscimento per eccellenze nel campo della comunicazione on/offline (in premio, un Master della 24Ore Business School).

Tra le novità dell’edizione 2017, il QVC Next Award per il prodotto più innovativo, finalizzato alla semplificazione o al miglioramento della vita quotidiana. L’impresa vincitrice di questo Award si aggiudicherà un percorso di mentoring con un Senior Buyer QVC e l’ammissione all’edizione 2018 del QVC Next Lab, percorso di formazione dedicato a startup al femminile con forte focus sulla fase del go-to-market, promosso dalla piattaforma multimediale di shopping TV, ecommerce e social media QVC. Il Lab nasce a seguito del lancio, nel 2016, del programma QVC Next a sostegno delle imprese appena nate, piccole e medie, con particolare attenzione a quelle femminili.

Candidature entro il 3 ottobre 2017. Info e regolamento sul sito www.gammaforum.it

Il 9° GammaForum – promosso dall’AssociazioneGammaDonna® con il Patrocinio di Regione Lombardia e il contributo di Banca Mediolanum, QVC Italia, Facebook, Studio Torta, IBM e Cisco– sarà una giornata di dibattito e confronto sull’evoluzione necessaria nelle aziende per far fronte alle sfide della quarta rivoluzione industriale, con particolare riferimento al cammino che i piccoli imprenditori dovranno intraprendere per guidare questo processo e al contributo che donne e giovani sono in grado di fornire. Sarà un’occasione per stimolare il pensiero, ispirare l’azione, ma anche per ampliare la propria rete di relazioni di affari, nel cuore della business community italiana.                                                                            

[1]LA GIURIA 2017:Presidente: Mariarita Costanza, Co-Founder e CTO Macnil Gruppo Zucchetti; Marina Cima, rappresentante Federmanager Minerva Nazionale; Gianluca Dettori, Executive Chairman Primomiglio SGR; Alessandro Enginoli, Vice Presidente Assolombarda; Riccardo Luna, Direttore Agenzia Italia; Stefano Mainetti, CEO Polihub – Startup, District & Incubator; Sandra Mori, Presidente ValoreD e General Counsel Coca-Cola Europe; Paolo Penati, CEO QVC Italia.

Lago di Como – ORTICOLARIO 2017 LIBRARSI VERSO LA LUNA

LIBRARSI VERSO LA LUNA

Dal 29 settembre al primo ottobre a Villa Erba sul lago di Como, quest’anno anche in versione notturna

 

Nella sempre accogliente casa Ethimo a Milano, Moritz Mantero, fondatore e presidente di Orticolario, svela l’essenza della nona edizione dell’evento culturale dedicato alla passione per il giardino e alle sue capacità di trasmettere emozioni e bellezza.

Dal 29 settembre al primo ottobre a Villa Erba sul lago di Como, quest’anno anche in versione notturna

Librarsi, alleggerirsi, andare oltre. Oltre i confini del giardinaggio, oltre quei rami del lago di Como, oltre la Terra. Fino sulla luna, per guardare il nostro pianeta da lassù. Liberi di superare i confini della forma e dello spazio. Questo è il senso di Orticolario 2017: librarsi puntando alla luna”. Con queste parole Moritz Mantero, fondatore e presidente di Orticolario, presenta la nona edizione dell’evento, in programma da venerdì 29 settembre a domenica 1 ottobre nel parco storico di Villa Erba a Cernobbio (CO), villa Ottocentesca affacciata sulle sponde del lago di Como, già dimora del regista Luchino Visconti.

Orticolario 2017 ribadisce la sua identità: dedicato alla passione per il giardino e alle sue capacità di trasmettere emozioni e bellezza, vuole essere un autentico omaggio alla natura attraverso una concezione evoluta di giardino, e offrire al visitatore un percorso sensoriale tra giardinaggio, botanica, paesaggio, arte e design.

Ben definite le sembianze della nona edizione: il titolo è “Librarsi”, il tema è la luna, il fiore protagonista è la Fuchsia.

La Luna, musa ispiratrice di miti e leggende, danza intorno a noi dalla notte dei tempi svelando ai nostri sensi un mondo diverso dal giorno: nel chiarore della sua luce riflessa giardini e boschi si animano di ombre, movimenti, rumori e profumi, le piante si risvegliano, i fiori si schiudono.

La Fuchsia, ballerina da giardino, fiore dalle mille colorazioni e dalle notevoli sfumature sia nei fiori sia nelle foglie, esempio perfetto dell’amore tra l’uomo- giardiniere e la pianta. Già dall’800 la febbre per le fucsie ha portato a cercare nuove varietà fino alle isole più esotiche delle Americhe: guidati dagli astri e anche dalla luna, marinai esperti e impavidi cercatori di piante hanno donato al mondo una primizia per il giardino.

Indissolubilmente legato alla luna è l’ospite d’onore di Orticolario 2017, Gilles Clément, scrittore e paesaggista francese che riceverà il premio “Per un Giardinaggio Evoluto 2017”.

Per celebrare la vita notturna del mondo vegetale e per vivere i giardini sotto altra luce, novità assoluta di questa edizione è l’apertura serale fino a mezzanotte nei giorni di venerdì e sabato 29 e 30 settembre, con un calendario di iniziative ad hoc.

ESSENZA

Essenza di Orticolario:

i giardini allestiti nel parco, ispirati al tema dell’anno e selezionati tramite il concorso internazionale “Spazi Creativi” da una giuria appositamente costituita, composta da membri di diverse nazionalità; il vincitore si aggiudica il premio “La foglia d’oro del Lago di Como”. Come sempre l’evento è arricchito da un’ampia esposizione di piante e fiori (tra cui piante rare, insolite e da collezione) proposti da selezionati vivaisti nazionali e internazionali, oltre che da artigianato artistico, design, installazioni d’arte. Nel tempo, inoltre, il programma di incontri culturali e di laboratori didattico-creativi per i bambini si è molto arricchito ponendo Orticolario come il principale evento dedicato alla cultura del bello. Cultura che partendo dal giardino arriva a coinvolgere tutti gli aspetti dell’uomo e del suo stile di vita. Tra gli argomenti principali spicca, infatti, la promozione della cultura delle api, dell’importanza del loro ruolo in giardino anche in ambito urbano. Api che non solo sono indicatore di biodiversità ma che sono anche tra le principali alleate dell’uomo e del suo benessere.

Informazioni dettagliate sulle proposte e le iniziative di Orticolario 2017 sul sito continuamente aggiornato (e nella app di Orticolario nei prossimi mesi): http://orticolario.it/category/visitatore/

Orticolario, infine, dedica una particolare attenzione alla solidarietà: sin dalla prima edizione, nel corso della tre giorni vengono raccolti contributi poi devoluti ad associazioni del territorio lariano impegnate nel sociale, attive nella realizzazione della manifestazione.

Orticolario 2017 è convenzionato con il FAI – Fondo Ambiente Italiano nazionale e svizzero.

ORTICOLARIO IN NUMERI

25.000 visitatori attesi di cui 3.000 bambini 20% dei visitatori alla prima visita
270 espositori coinvolti
Età di riferimento dei visitatori 35-50 anni

GILLES CLÉMENT, GIARDINIERE PLANETARIO

“È in seguito alla pubblicazione delle prime foto della Terra vista dalla Luna che Gilles Clément cominciò a riflettere sul tema del Giardino Planetario”. L’ispirazione per Orticolario 2017 è nata proprio da questa frase custodita nelle pagine del libro Piccola pedagogia dell’erba. Riflessioni sul Giardino Planetario di Gilles Clément, a cura di Louisa Jones (DeriveApprodi, 2015).

Gilles Clément, la luna, librarsi: tutti elementi di un mosaico in divenire. E Moritz Mantero, con parole emozionate e grate, annuncia la presenza di Gilles Clément a Orticolario 2017: “Mettendoci sulla luna e guardando la terra, Gilles Clément si interrogherà con noi venerdì 29 settembre nel Padiglione Centrale di Villa Erba. L’occasione di avere ospite a Orticolario colui che è considerato un vero maestro per molti miei amici paesaggisti, mi rende orgoglioso e felice”.

In occasione della sua partecipazione, il 29 settembre (alle ore 11) gli verrà assegnato il premio “Per un Giardinaggio Evoluto 2017”, realizzato da Francesco Mazzola di FDM F.lli Mazzola, attribuito lo scorso anno al paesaggista Fernando Caruncho.
Clément proseguirà poi la giornata premiando l’installazione vincitrice del concorso internazionale “Spazi Creativi” e, alle ore 16, parteciperà a un incontro con Marco Martella, scrittore e direttore della rivista francese Jardins. L’incontro sarà introdotto da Moritz Mantero e moderato da Emanuela Rosa-Clot, direttore della rivista Gardenia. La presenza di Gilles Clément a Orticolario 2017 sarà anche l’occasione per vedere un’anteprima del film Gilles Clément – Le jardin en mouvement di Olivier Comte.

CENNI BIOGRAFICI

Gilles Clément è un giardiniere, scrittore di paesaggio, di botanica e di entomologia. Con la sua forza e il suo lavoro ha formato e continua a coltivare le menti di migliaia di persone in tutto il mondo. È nato il 6 ottobre 1943 ad Argenton-sur-Creuse, nel centro della Francia, dove da piccolo guardava il padre e lo zio dare la caccia alle talpe nel giardino di casa. Nel 1977 si è trasferito a Crozant, nel dipartimento della Creuse nel Limousin, in una piccola proprietà nascosta in fondo a una valle, alla quale nel 1991 ha dedicato il libro La Vallée.

Dopo la formazione come ingegnere agricolo (1967) e come paesaggista (1969), si è dedicato alla creazione di parchi, giardini pubblici e spazi privati insegnando all’École Nationale Supérieure de Paysage di Versailles. Ha perseguito il lavoro teorico e pratico in tre aree di ricerca:

Il giardino in movimento, il concetto nato dalla propria esperienza di giardino nella Creuse viene applicato allo spazio pubblico in Francia e all’estero a partire dal 1983. La prima pubblicazione

OSPITE D’ONORE

su questo tema in Francia risale al 1991. La prima realizzazione in uno spazio pubblico avviene nel 1986 al Parc André Citroën di Parigi.
Il giardino planetario, un progetto politico di ecologia umanistica, un concetto portato all’attenzione del pubblico attraverso un romanzo, Thomas e il Voyageur nel 1996 e poi da una grande mostra nella Grande Halle de la Villette nel 1999 oltre che in numerosi studi tra cui Il giardino planetario di Shanghai, la Carta dei paesaggi di Vassivière in Limousin e Il giardino planetario, colloquio di Chateauvallon.

Il terzo paesaggio, concetto sviluppato in occasione di un’analisi del paesaggio nel Limousin, definito come “frammento indeciso del Giardino Planetario” riguarda tutti gli spazi trascurati o non sviluppati considerati da lui come i principali paesi d’asilo per la biodiversità.

BIBLIOGRAFIA ITALIANA

Il giardiniere planetario (22 publishing, 2008) Elogio delle vagabonde (DeriveApprodi, 2010) Piccola pedagogia dell’erba (DeriveApprodi, 2015) Presso Quodlibet sono usciti:

Manifesto del terzo paesaggio, 2005
Il giardino in movimento, 2011
Breve storia del giardino, 2012
Giardini, paesaggi e genio rurale, 2013 Ho costruito una casa da giardiniere, 2014 L’alternativa ambiente, 2015

“SPAZI CREATIVI” NEL PARCO

La cura di ogni singolo dettaglio è un principio imprescindibile per Orticolario. È cuore e testa dell’evento. È quello che si aspettano i visitatori varcando i cancelli del parco: dettagli che nell’insieme inneggiano al bello e all’eleganza. A partire dall’alta qualità delle proposte culinarie del Ristorante Tarantola o dall’installazione realizzata come sempre da Rattiflora all’interno di Villa Erba, quest’anno intitolata “In punta di fucsie”, ballerine dalle fiorite gonne pronte ad accogliere il pubblico.

Ma nell’anima di Orticolario dimora anche la competizione. E anche nel 2017 numerosi progettisti del paesaggio e dei giardini, architetti, designer, artisti e vivaisti hanno partecipato al concorso internazionale “Spazi Creativi”. Gli otto progetti selezionati saranno realizzati nel parco e concorreranno al premio “La foglia d’oro del Lago di Como”, attualmente esposta a Villa Carlotta. Nel 2016 è stato premiato il paesaggista giapponese Satoru Tabata con il giardino Spazio Floema “Vedere con le orecchie, ascoltare con gli occhi”.

Si tratta di spazi originali e innovativi, giardini vivibili e fruibili, rispettosi del “Genius loci” e capaci di svelare ai visitatori ciò che un giardino può raccontare.

I PROGETTI SELEZIONATI

1. Spazio Materia Mista “Che fai tu luna in ciel, dimmi che fai…?”

Progetto di Gheo Clavarino Giardini e Terrazzi . Milano . gheoclavarino.it
Ritrovarsi in un boschetto di bambù e accomodarsi sotto una grande e luminosa luna per contemplarla e domandarsi che fa, lassù in ciel… Circondati dai primi versi della poesia “Canto notturno di un pastore errante nell’Asia” che fra loro si rincorrono.

2. Spazio Archiverde “Moonlight Garden”

Progetto di Leonardo Magatti . Cernobbio (CO) . archiverde.it
Un giardino intuitivo dove le piante diventano protagoniste di un piacevole disordine controllato. Affacciati su uno specchio d’acqua, originali arredi in pietra sono immersi tra fioritura dedicate alla tinta candida della Luna come Aster ‘Monte Cassino’, anemoni ed altre meraviglie in bianco. Un progetto creato ascoltando la “Sonata al chiaro di luna” di Beethoven e unendo la bellezza della melodia a una visione di pace e leggerezza.

3. “Dark Side of the Moon”

Progetto e realizzazione di Rateni Costruzioni . Campobasso . FB: Marco Rateni (Architecture) Una notte di molti anni fa fui svegliato da una canzone. Mio padre fissava l’oscurità, ascoltando

GIARDINI

“The great gig in the sky” e sognava a occhi aperti. Questo progetto, che unisce musica e giardino, vuole riprodurre lo stesso effetto onirico. L’album dei Pink Floyd ispira la scelta delle piante che con le loro naturali fioriture ricreano la policromia del raggio di luce disperso dal prisma della copertina.

4. Spazio Green Bricks “Allunaggio”

Progetto di Monica Botta . Bellinzago Novarese (NO) . monicabotta.com
La luna atterra e su di lei alluniamo.
“Allunaggio” è un quadro di Vassily Kandisky che diventa giardino e nel quale la luna rotola, grande e piena, per riflettere e in cui riflettersi. Lei è crescente e accomodante, ospite di un mondo vegetale trasformato: sbiancato, arrossato, scorticato, cresciuto in verticale.

5. “Profusion”

Progetto e realizzazione di DAMD . Aarhus (Danimarca) . FB: Bob Trempe
Ispirato dal fiore della Fuchsia, “Profusion”, con il movimento a spirale dei petali, forma una serie di cupole sotto le quali sedersi. Così come in natura i petali sono uno accanto all’altro, anche in “Profusion” gli spazi sono vicini e invitano al dialogo tra le persone che vi si accomodano.

6. Spazio Garden Lignano “Ciclicità lunare”

Progetto di Roberto Landello . Lignano Sabbiadoro (UD) . FB: Roberto Landello
Un microcosmo in cui l’osservatore “vola” tra Terra e Luna, portandolo alla riscoperta dei legami che intercorrono tra loro e ricordando l’importanza che il nostro satellite ha sia sulla natura, sia sulla nostra vita, anche come fonte di riflessione del nostro Io. Senza la Luna non ci sarebbe la Terra e senza la Terra non ci saremmo noi. Contrapposte alle fucsie e alle altre perenni dal portamento scomposto, l’eleganza del bosso e del tasso ‘Fastigiata’.

7. Spazio Green Service “Metamorfosi”

Progetto di Il papavero blu . Longone al Segrino (CO) . TW: @robertoducoli
Uno specchio d’acqua a forma di falce di luna, fiori che fioriscono alla sera e altri che sbocciano al mattino, abbracciano un padiglione in cui si osserva il cielo diviso in meridiani e paralleli come se si fosse in un planetario. Al suo interno un’altalena appesa al cielo invita a vedere con lo spirito di un bambino ciò che ci circonda, con occhi nuovi e la meraviglia della scoperta, dando alla luna e alla natura il modo di risvegliare in noi il nostro lato più sensitivo.

8. “Dentro alla Luna”

Progetto e realizzazione di Daniela Piazza . Balerna (Svizzera) . dentroallaluna.tumblr.com Una volta di Lunaria è sospesa tra faggi e fili di seta sopra un parterre circolare di Stipa tenuissima. Ed è ancora la Lunaria, traslucida e argentea, che disegna l’invito verso una presenza calda e sensuale: un fiore di Fuchsia. Una grande scultura di maglia sospesa al centro della volta, evocatrice di un immaginario esotico, che nel cuore racchiude una luce, una lanterna luminescente.

Oltre a “La foglia d’oro del Lago di Como”, la giuria assegnerà anche altri premi: premio “Empatia” per uno spazio che racconta, comunica ed emoziona; premio “Stampa” per l’innovazione dei materiali e l’ecosostenibilità; premio “Arte” per uno spazio in cui convive l’equilibrio fra arte e natura, dove diversi linguaggi trovano efficace sintesi; premio “Grandi Giardini Italiani” per uno spazio di luci e forme che comunica tradizione e innovazione; premio “Essenza” per lo spazio che meglio ha saputo cogliere il tema dell’edizione; oltre al premio “Visitatori” per il giardino o l’installazione artistica votata dal pubblico.

TUTTI AL “LUNA-PARK”

Il padiglione centrale è la piazza di Orticolario, dove l’evento ha inizio e dove tutti passano. Per il terzo anno sarà allestito da Vittorio Peretto, paesaggista socio fondatore di Hortensia Garden Designers, che ha accettato in modo creativo la sfida lanciata da Moritz Mantero, con un uso geniale della materia umana e vegetale che, come il giorno e la notte, si confrontano e si alternano in un gioco eterno.

Così, partendo dal tema dell’anno, la luna, Peretto, in collaborazione con gli studenti della Fondazione Minoprio e con il sostegno di Brianza Design, trasformerà il padiglione centrale di Orticolario 2017 in “Luna-Park”.

Un piccolo passo per l’uomo, un grande passo per l’umanità, ed eccoci sulla Luna di Orticolario! L’ironia è parte centrale di questo progetto, quindi, sorridendo scopriamolo: la fisionomia dell’allestimento nel suo complesso è semplice, tonda come la luna e come il padiglione centrale. Dei raggi cosmici interrompono il disegno puntando direttamente agli accessi dei corridoi.

Un “cratere centrale” ospita lo spazio per concerti e conferenze, sovrastato da uno Sputnik, vero pioniere dell’avventura spaziale umana. Attorno al cratere centrale, una cintura di Cedrus atlantica ‘columnaris’ rappresenta i missili in partenza. Motori accesi che sbuffano vapori e fiamme di Thuya plicata ‘whipcord’, Carex e Imperata cylindrica ‘red baron’. A terra, lapillo vulcanico per dare l’idea del calore sprigionato dalle roventi partenze.

Tutto intorno si estende la superficie lunare, caratterizzata dai crateri piccoli e grandi, ricavati nella pietra pomice e cosparsi di ampolle di vetro, espressamente riferite al viaggio di Astolfo sulla Luna, secondo il racconto di Ludovico Ariosto nell’Orlando furioso. Astolfo, paladino di Carlo Magno, desideroso di rendere il senno perduto all’amico Orlando si avventura in un viaggio sulla Luna a cavallo dell’Ippogrifo. Astolfo, raggiunta la luna trova, racchiuso in ampolle sparse sulla superficie, il campionario di tutto ciò che gli uomini hanno perso sulla Terra. Trova così le ricchezze e le glorie dei Regni perduti, i sospiri e le lacrime degli innamorati, il tempo perso e i sogni infranti, i progetti mai realizzati e la fama, i tumulti e le grida, ma anche il senno degli uomini. Tra queste, il coraggioso Astolfo, trova anche l’ampolla con il senno di Orlando, e nota con sagacia che essa era più pesante di quanto potesse sembrare. Guardando le ampolle di Orticolario 2017, cerchiamo anche qualcosa di nostro. E osservando con attenzione potremo anche riconoscere le impronte lasciate sul suolo lunare da Neil Armstrong il 21 luglio 1969 alle ore 02:56.

Il racconto delle fasi lunari, che si susseguono senza fine, avviene nelle otto Lune vegetali disposte con regolarità nella fascia più esterna dell’allestimento. Le fasi scure sono di Ophiopogon

PADIGLIONE CENTRALE

planiscapus nigrescens, Heuchera micrantha ‘Palace purple’, Sedum sunsparkler ‘Blue Pearl’ e Tradescantia pallida ‘purpurea’ accolte in lapillo vulcanico scuro. Per le fasi chiare, troviamo: Dichondra argentea ‘silver falls’, Convolvulus cneorum, Acorus gramineus ‘variegatus’ e Senecio candicans ‘Angel wings’, con pietra pomice chiara.

In traiettorie improbabili, quanto impazzite, 20 vettori intergalattici orientati in tutti i modi, precipitano dal soffitto. Un vero Luna-Park o un Parco Lunare.

Inoltre, in occasione della prima apertura notturna di Orticolario, il padiglione centrale sarà teatro di “Una sera al Luna Park”, evento in programma venerdì 29 settembre dalle ore 19 alle 24. Nel corso della serata si terrà anche il concerto “Outside the moon” a cura del gruppo strumentale AB Quartet.

OLTRE IL GIARDINO, SENZA CONFINI

Orticolario è sempre più orientato verso l’arte e il design. Numerosi gli artisti e i designer che espongono nelle varie aree interessate dall’evento: nei sotterranei di Villa Erba, nelle ali del centro espositivo, nel parco. Qui di seguito gli artisti e i designer coinvolti nella nona edizione. Informazioni dettagliate sul sito http://orticolario.it/

ARTE

Arte con Dario Ghibaudo e il “Museo di Storia Innaturale” – Nei sotterranei della Villa Antica museodistoriainnaturale.com
L’arte di Ghibaudo analizza il rapporto tra uomo e natura, dove l’influenza dell’uno può far soccombere l’altra e viceversa. Un ambiguo rapporto sul quale l’artista imposta la selezione delle sue opere per Orticolario 2017: esemplari unici modellati in porcellana che rappresentano il percorso evolutivo più breve che separa l’uomo dalle altre creature.

Arte con Roberto Visani e “Genesi” – Nei sotterranei della Villa Antica
robertovisani.it
L’universo millimetrico dei semi che gli occhi dell’artista osservano e che le sue mani, la sua ricerca, la sua passione interpretano, rendendolo a noi visibile. Sculture in bronzo, pietra e terracotta. Fra le opere, l’artista presenta a Orticolario tre nuovi semi: Medicago in bronzo lucidato a specchio, Aristolochia odoratissima in onice, e “My Love”, un seme di Halicacabum cardiospermum in bronzo bianco patinato.

Arte con Giovanni Tamburelli e “La pelle della Luna” – Nel Parco, Laghetto delle carpe giovannitamburelli.it
“La pelle della Luna” è l’opera inedita di Giovanni Tamburelli per Orticolario 2017. Ferro, alluminio, bronzo dalle superfici materiche, forgiate dal fuoco. Quell’antico fuoco che ha plasmato la Luna prima ancora che fosse Luna.

Arte con Stefano Prina e “Alta marea” – Nel Parco, Golfo platani
stefanoprina.com
Una chance alla natura, al mondo degli oceani, dove le acque danzano con la Luna. L’artista e architetto Stefano Prina immagina e crea l’installazione “Alta marea”: sospesi nel colonnato naturale dei platani secolari di Villa Erba, grandi capodogli e megattere in legno.

ARTE E DESIGN

Mostra fotografica “Contemplation of Nature” di Paolo Pagani – Ala Lario, Serra Platani paolopagani.com
L’idea della mostra nasce dal desiderio di rappresentare il mondo vegetale e la sua capacità di emozionare attraverso la fotografia. Un’esposizione di 34 fotografie in bianco e nero in vari formati suddivisa in due parti: la prima propone una serie di opere in un gioco visivo in cui la figura umana e gli elementi botanici interagiscono fino a fondersi tra loro, una metamorfosi dove la fotografia non rappresenta la realtà ma entra in un mondo totalmente immaginato; la seconda parte, ispirata dall’opera del grande artista Botanico Karl Blossfeld, è una vera e propria contemplazione della natura in macrofotografia.

DESIGN
Orticolario si espande: nascono gli spazi “DehOr. Design your horizon” in cui il design convive e dialoga con la natura. Un invito a ri-disegnare il nostro personale orizzonte. Il progetto coinvolge numerosi designer e dà vita ad aree espositive e di relax che diventano una vera e propria mostra di idee e di oggetti di design in linea con lo spirito di Orticolario.
Partecipano a DehOr: Ethimo, Green Design, Hortensia Garden Designers, Marco Gaviraghi Calloni, Riva 1920, Studio Zero, Tillandsia, UN pizzo.

DI GIORNO E DI NOTTE

Un ampio programma tra sperimentazioni, incontri, attività, presentazioni di libri, show floreali e dimostrazioni botaniche, spettacoli, performance e il “Cinesalotto” nei sotterranei della Villa Antica con la proiezione di cortometraggi e lungometraggi sulla natura. Si tratta di incontri unici nel loro genere: pur essendo tenuti da illustri esperti del settore ed eccellendo nel livello tecnico- scientifico, si caratterizzano per l’approccio non accademico, bensì passionale ed emotivo, un approccio che invita a “leggere” le storie dietro alle foglie.

TRA GLI OSPITI, OLTRE A GILLES CLÉMENT
Adriano Gaspani, archeoastronomo
Eva Boasso, naturalista, ricercatrice ed esperta collezionista di ortensie, autrice di libri
Patrizia Ianne, biologa, docente in corsi specialistici per floricoltori, collezionista e ibridatrice di fucsie Claudia Zanfi, storica dell’arte e appassionata di giardini
Conapi, Consorzio Nazionale Apicoltori, la più importante cooperativa di apicoltori in Italia e una delle più autorevoli al mondo
Roberto Ferrari, entomologo, lavora come ricercatore nel settore della lotta biologica, esperto di malattie delle piante ornamentali
Giorgio Baracani, perito agrario, apicultore autodidatta e nomade per la produzione di miele Maurizio Gallo, apicultore d’esperienza
Judith Baehner, progetta straordinarie green experiences ed è redattrice e stylist
Pietro Testori, medico ed esperto conoscitore della vegetazione del territorio comense e della sua storia
Valerio Gaeti, scultore
Clark Anthony Lawrence, giardiniere per caso e per passione

Prossimamente online il programma completo.

APPUNTAMENTI

ORTICOLARIO COLTIVA PICCOLI GIARDINIERI

Trasmettere l’amore e il rispetto per la natura ai più piccoli. Un vero impegno per Orticolario, che sin dall’esordio, nel 2009, ha sempre dedicato progetti e spazi per i giardinieri del futuro. E anche la nona edizione, in programma da venerdì 29 settembre a domenica 1 ottobre a Villa Erba, a Cernobbio sul lago di Como, sarà arricchita da un programma ad hoc.

Il venerdì, come di consueto, sarà dedicato alle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie del territorio lombardo: seguendo un itinerario ludico-didattico ideato appositamente per l’occasione, gli alunni toccheranno con mano cosa significhi pensare, progettare e realizzare un giardino, e si immergeranno completamente nel mondo della natura, avvicinandosi alle sue regole e alle sue caratteristiche. Basti dire che per venerdì 29 settembre 2017 sono attesi circa 550 tra bambini e ragazzi.

Nei giorni di sabato e domenica, invece, sarà attivo uno spazio nell’Ala Regina dedicato ai bambini dai 3 ai 13 anni in visita con la famiglia, una vera officina creativa dove verranno organizzati laboratori didattico-creativi tematici per far scoprire loro la magia della natura: animatori ed educatori qualificati allieteranno i bambini con attività creative e sensoriali, solleticandone la fantasia e la curiosità, e facendo scoprire quante storie si nascondano dietro le foglie. Come sempre, il ricavato dei laboratori sarà devoluto ad associazioni benefiche del territorio impegnate nel sociale, attive nella realizzazione di Orticolario.

Questo spazio, tra l’altro, consente ai genitori di visitare l’esposizione in autonomia e in tutta tranquillità. Nel 2016 sono stati accolti ben 640 bambini, un numero che fa comprendere il successo dei laboratori di Orticolario.

Il programma è ampio e vario e comprende attività da svolgersi per lo più al coperto: nel complesso i laboratori sono circa una dozzina, ripetuti più volte nel corso dei due giorni. Fil rouge, il legame con la natura. Tra i temi principali, la luna, la Fuchsia e l’importanza delle api e dell’impollinazione, in sintonia con le tematiche portanti della nona edizione. Giusto per fare qualche esempio, sarà possibile effettuare un vero trapianto di Fuchsia o conoscere da vicino le “piante vagabonde” così care all’ospite d’onore dell’edizione 2017, Gilles Clément. Non mancheranno una speciale caccia al tesoro e un’avventurosa arrampicata sugli alberi del parco. Tra i momenti clou anche lo spettacolo di burattini tradizionali a cura del Teatro dei Burattini di Como.

BAMBINI

Infine, come ogni anno, anche nel 2017 sarà allestita la biblioteca dei bambini “Fiori da leggere”, realizzata in collaborazione con la Biblioteca comunale di Brunate, con letture dedicate alla natura: e proprio in questo spazio domenica 1 ottobre, Paola Mascolo presenterà il suo ultimo libro Un bosco di fiabe in tasca, edito da Carthusia e realizzato in collaborazione con ABIO Como Onlus.

Il programma completo sarà presto disponibile online sul sito http://orticolario.it/

INFORMAZIONE PER IL PUBBLICO

I laboratori sono a numero chiuso. La prenotazione online (a partire dall’inizio di settembre fino a giovedì 28 alle ore 20) garantisce il posto e l’accesso alla corsia preferenziale per l’iscrizione, evitando code.

IN MOSTRA ELEGANZA E BELLEZZA

Fin dalla sua prima edizione, nel 2009, Orticolario ha incontrato il favore del pubblico grazie a un grande numero di espositori, ben 161 nel primo anno. Una crescita costante, che ha coinvolto non solo il settore delle piante, ma anche quello dell’artigianato, dell’arte e della ristorazione. Una crescita che ha contribuito a far ottenere a Orticolario la qualifica di Manifestazione Nazionale già dal 2013. La scorsa edizione ha visto la presenza di 270 espositori provenienti da 17 regioni italiane e da nove Paesi d’Europa e del Mondo.

La guida che indica la strada agli espositori è la particolarità delle proposte così come l’assortimento, ma soprattutto la condivisione dello spirito di Orticolario, ossia lavorare per un giardinaggio evoluto.

TRA I PARTECIPANTI
Numerose sono le collezioni presenti a Orticolario, tra cui le ortensie di cui ancora si parla.

Il giardino delle essenze perdute

Marta Stegani ha curato la collezione di Fuchsia rustiche per Orticolario 2017. Un lavoro di ricerca e di coltivazione che Marta compie già da diversi anni e che, approfittando del fatto che la Fuchsia è la pianta di questa edizione, ha voluto condividere con Orticolario. Nei giorni di esposizione sarà possibile acquistare le piante e anche parte della collezione esposta in modo che la febbre per le fucsie sia sempre più contagiosa.

Pepiniere Braun

Il secondo tema di Orticolario 2017 è la luna. E le piante che fioriscono di notte sono state lo spunto per collaborare anche quest’anno con Pepiniere Braun. Un vivaio del Sud della Francia con una grande passione per le liane e le fioriture insolite, spesso scelte tra piante mediterranee. Una grande passione che si trasmette da padre in figlia e che spesso porta a inconsuete scoperte. Quest’anno il contributo della famiglia Braun a Orticolario si incentra sull’Ipomoea alba, una pianta rampicante sempreverde originaria dell’America tropicale dai fiori bianchi e profumati. Fiorisce di notte verso la fine dell’estate attirando insetti notturni e certamente affascinerà anche i “nottambuli” di Orticolario.

Giussani Floricultura

Cecilia da tempo è amica di Orticolario e quest’anno animerà l’ombra del monumentale Ginkgo del parco di Villa Erba con una installazione nuova e creativa. Da sempre la ricerca e la passione

ESPOSITORI

portano Cecilia a viaggiare e a raccontare con i suoi lavori cosa vede con gli occhi della sua fantasia. I lavori, così come i prodotti proposti da Floricoltura Giussani hanno come cifra distintiva il nuovo e l’inconsueto. Semi, cortecce, bucce e contenitori insoliti regalano a Orticolario suggestive emozioni. Quest’anno il parco e la luna ispireranno certamente Cecilia facendoci scoprire un’installazione “stellare”.

Green Service

Nel parco di Villa Erba da due edizioni si muove un ragazzo taciturno ma molto entusiasta. Daniele Spinelli racconta le sue collezioni di piante minime, semplici. Carex e Pennisetum, Andropogon e Salvia. Piante da prateria, da giardino in movimento, le predilette di Gilles Clément. L’ospite d’onore di Orticolario 2017 ci ha insegnato a lasciare che le piante e gli altri elementi del giardino si sviluppino e crescano con i loro modi e tempi. Anche Daniele con grande sensibilità partecipa a Orticolario per portare non solo le sue piante ma il suo modo gentile di prendersi cura di esse.

Artefeltro di Monica Paulon

Chi è l’artigiano e qual è il suo valore? L’arte di usare le mani è uno degli elementi distintivi di Orticolario che vedono nella collaborazione con Monica Paulon il compiersi del rapporto tra arte e giardino. Tra tessuto e natura. Rapporti storici e primordiali che sfociano in vere e proprie opere d’arte che abbracciano la moda e il vivere bene. Come proteggersi poi dai raggi di luna lo si deve chiedere a Monica Paulon.

Agnes Duerrschnabel

È dai paesaggi visti con gli occhi e con il cuore che nascono molti dei lavori di Agnes, tedesca di nascita e comasca di adozione, che da alcuni anni porta la sapienza del cesello a Orticolario. Un lavoro duro e artistico che trasforma la terra in arte. Vasi per contenere fiori, gioielli per abbellire visi, case in ceramica per il ricordo di emozioni e di luoghi conosciuti. Arte e natura fusi come terra e fuoco dove la materia si forma e si trasforma. In questo modo anche Orticolario diventa occasione per mostrare e disegnare il proprio percorso e la propria storia. Agnes è una delle risorse legate al territorio di Orticolario, il lago di Como con le sue forme e la sua gente.

GALP – Galleria La Perla

Capace di fare rete con molti esponenti delle arti figurative, GALP è la galleria d’arte che nel 2016 ha regalato a Orticolario l’installazione “Ritorno alle origini”, curiosi ippopotami nati dalla collaborazione con Deodato Arte. In Ala Lario numerosi oggetti attendono gli ospiti di Orticolario ormai abituati a lasciarsi colpire e stupire. L’elemento artistico è espressione del genio dell’uomo, stesso genio che convince uomini e donne volenterosi a dedicarsi al bello. Per Orticolario aver passato l’orizzonte tra dentro e fuori, tra arte plastica e arte domestica, significa che il giardino sia casa e che nel giardino e dal giardino si trovi pace e giovamento.

COLPO D’OCCHIO ORTICOLARIO 2017

29 settembre – 1 ottobre 2017 Villa Erba, Cernobbio (CO), sul Lago di Como

Orari

Venerdì 29 settembre
ore 9.00 – 24.00 (dalle ore 19.30: no espositori)

Sabato 30 settembre
ore 9.00 – 24.00 (dalle ore 19.30: no espositori)

Domenica 1 ottobre ore 9.00 – 19.00

IL BATTELLO

Un servizio di battelli-navetta gratuiti per e da Villa Erba sarà attivo nelle giornate di sabato 30 settembre e domenica 1 ottobre, con partenza da Como.

INGRESSO

Alle tre biglietterie: Euro 17,00 intero – ridotto e convenzioni Euro 14,00
Euro 15,00 se acquistato online entro le ore 24 del 24.09
Ridotto speciale Euro 12,00 (tutti i giorni a partire dalle ore 17.00 fino alle 24.00) Ingresso fino a 14 anni offerto da Chicco Artsana Group
Bus navetta gratuito dai parcheggi di Cernobbio e Maslianico

Info visitatori:

tel. +39 031 3347503, mail: info@orticolario.it Website: www.orticolario.it
Facebook: http://www.facebook.com/Orticolario
Twitter: http://twitter.com/Orticolario

Pinterest: http://www.pinterest.com/orticolario13
YouTube: Orticolario
Instagram: https://instagram.com/orticolariocomo/
LinkedIn: https://www.linkedin.com/company/orticolario?trk=top_nav_home

Weekend gourmet e Gubbio – STAGIONE DEL TARTUFO

Gubbio ospita la MOSTRA MERCATO DEL TARTUFO BIANCO

36esima edizione della Mostra Mercato Nazionale del Tartufo Bianco

CHE LA STAGIONE DEL TARTUFO ABBIA INIZIO!

Dal 26 ottobre al 2 novembre 2017, il tartufo bianco locale sarà il protagonista all’interno di uno dei borghi medievali più suggestivi d’Italia!

Dal 26 ottobre al 2 novembre Gubbio ospita la MOSTRA MERCATO DEL TARTUFO BIANCO e di tutti i prodotti agro-alimentari autoctoni, un’occasione unica e imperdibile che offre a tutti gli avventori la possibilità di scoprire le ricchezze, le risorse e le tipicità del territorio, dall’ambiente all’artigianato, dalla cultura all’arte, dall’agricoltura alla gastronomia.

Per l’occasione, Park Hotel Ai Cappuccini si prepara ad accogliere i foodies di tutto il mondo: circondato da splendidi paesaggi naturali l’ex convento di frati cappuccini è il luogo ideale per assaporare i piatti della tradizione umbra fra cui il tartufo.

Si tratta di un appuntamento di assoluto rilievo tra le rassegne autunnali, sia per la straordinaria qualità del tartufo bianco locale (Tuber Magnatum Pico) e delle altre prelibatezze presenti negli spazi espositivi (formaggi di pascolo, norcinerie, carni selezionate, olio, miele, dolci tradizionali etc…), sia per la prestigiosa collocazione nel cuore del centro storico di Gubbio.

La 36esima edizione della Mostra Mercato Nazionale del Tartufo Bianco è dedicata al gusto, alla cultura, e all’artigianato e rappresenta un’occasione imperdibile per gli amanti del travel food.

Le 8 giornate prevedono numerosi appuntamenti imperdibili, fra cui degustazioni guidate, dimostrazioni, la mostra dell’artigianato artistico locale, concerti e spettacoli.

::::::::::::::::::::::::::

Per chi vuole

DORMIRE NEL LUSSO 

Immerso nella quiete di un vasto parco di alberi secolari, Park Hotel ai Cappuccini è il luogo dove passato e futuro si fondono in un connubio unico e indimenticabile.

Un tempo antico monastero di frati cappuccini, oggi è uno splendido Resort & SPA che accoglie i suoi ospiti in un ambiente unico avvolto in un’atmosfera di pace.

Pacchetti 2 notti a partire da € 374 per persona comprende:

  • 2 pernottamenti in camera doppia con piccola colazione a buffet
  • 1 cena gourmand tipica con proposte di piatti al tartufo
  • 1 Ingresso al “Cappuccini Wellness & SPA” con libero accesso, piscina Acque emozionali, vasca baby e nuoto controcorrente, area idromassaggio a 30°, palestra con area cardio-fitness e power-training. Percorso con saune finlandesi, bagno turco, bagno mediterraneo, docce emozionali, wasser paradise, area relax con angolo tisane

• percorso Acque: sala vasche idromassaggio con vasca a forma di arca con acqua addizionata di potassio e magnesio, vasca circolare idrojet e vasca talasso
• 1 trattamento corpo detossinante “Terre d’Umbria” della durata di 1 ora ( un impacco speciale preparato con fanghi ricchi di proprietà nutritive che viene applicato su tutto il corpo dopo un’accurata stimolazione della microcircolazione)

Info: www.parkhotelaicappuccini.it
Indirizzo: Via Tifernate, 06024 Gubbio (Perugia) Tel: 075 9234

Dal 23 settembre a Roma – Settimana della Scienza dal 23 al 30 settembre 2017

Si comincia il 23 settembre a Roma all’’interno del parco dell’Ex Cartiera Latina

Dal 23 al 30 settembre alla scoperta del sapere scientifico con la Settimana della Scienza:

Laboratori, visite guidate nei centri di ricerca italiani, aperitivi scientifici, incontri con i ricercatori
Dal 18 settembre aperte le iscrizioni al pubblico e alle scuole

Aspettando la Notte Europea dei Ricercatori – 29 settembre – l’evento dedicato alla ricerca scientifica più importante d’Europa


In Italia il progetto coordinato da Frascati Scienza con 25 città italiane e 370 eventi

Cresce in Italia l’attesa per la Settimana della Scienza dal 23 al 30 settembre 2017; eventi, aperitivi scientifici, incontri con i ricercatori, conferenze e visite nei più autorevoli centri di ricerca italiani aperti al grande pubblico e alle scuole di ogni ordine e grado. L’appuntamento precede un altro importante evento, la Notte Europea dei Ricercatori – 29 settembre, la più importante manifestazione europea di comunicazione scientifica che coinvolge 340 città europee in 27 stati e più di 17.500 ricercatori.

In Italia l’evento coordinato dall’Associazione Frascati Scienza apre il 18 settembre le iscrizioni a tutti gli appuntamenti.

La manifestazione ha l’’obiettivo di avvicinare ricercatori e cittadini di tutte le età ed evidenziare l’importanza e l’impatto positivo della ricerca nella vita quotidiana.

Un’’opportunità per creare un legame tra scienza e società, per un confronto/dibattito continuo su temi cruciali della ricerca scientifica.

Un’’occasione, inoltre, per far incontrare i giovani e i ricercatori, per comprendere da vicino questo affascinante mestiere in grado di cambiare concretamente le nostre vite, diventare anche solo per un giorno ricercatore divertendosi e scoprendo discipline scientifiche e, perché no, restare affascinati dalla carriera scientifica pensando un giorno di intraprenderla.

Il filo conduttore della manifestazione organizzata da Frascati Scienza è il Made in Science, per una scienza intesa come vera e propria ‘filiera della conoscenza’. Tutto quello che ci circonda è scienza e lo strumento essenziale per conoscere, spiegare e interpretare il mondo è proprio il metodo scientifico.

Frascati Scienza, oltre a coordinare tutte le attività dell’area tuscolana e nella regione Lazio che apre molte delle infrastrutture di ricerca più importanti d’Italia, sarà presente in tantissime città da nord a sud della penisola, isole comprese: Bari, Cagliari, Carbonia, Cassino, Caserta, Catania, Cave, Cosenza, Ferrara, Frascati, Frosinone, Gorga, Isnello, Lecce, Milano, Monte Porzio Catone, Napoli, Palermo, Parma, Pavia, Pula, Roma, Sassari, Trieste, Viterbo.

Si comincia il 23 settembre a Roma all’’interno del parco dell’Ex Cartiera Latina; con la collaborazione dell’Assessorato alla Cultura e Politiche Giovanili della Regione Lazio, verrà inaugurato il “Luna Park della Scienza” che aprirà ufficialmente la Settimana della Scienza, dando inizio ai numerosi eventi in programma.

Frascati
sarà pacificamente “invasa” da ricercatori di ogni disciplina con le due location, le Mura del Valadier e le Scuderie Aldobrandini che già si preparano ad accogliere migliaia di curiosi da tutta la provincia. Tra gli 80 eventi organizzati direttamente dall’associazione a Frascati da segnalare la presenza della scrittrice e astrofisica Licia Troisi che accompagnerà il pubblico in un vero e proprio viaggio tra mondi inventati che spesso hanno poi trovato corrispondenza nelle scoperte dell’astronomia. Nella “Fisica di Interstellar” l’astrofisico e divulgatore Luca Perri racconterà su quali solide teorie scientifiche si basa il film di Christopher Nolan, vincitore di diversi premi Oscar. E ancora la biologa e divulgatrice LisaVozza con le vignette di Andy Ventura ne “I Vaccini dell’era globale” parleranno di vaccini e di come si costruiscono mentre l’autore Lorenzo Monaco in “Jules Verne, Viaggi straordinari nella scienza” presenterà una game-conference che metterà in scena una selezione di libri di Verne, ognuno dei quali ospiterà all’interno un prodotto della ricerca scientifica del 1800, un secolo che parte a cavallo e si chiude coi cavalli vapore.

Il Luna Park della Scienza sarà poi replicato tra le strade del centro storico di Frascati durante la Notte Europea dei Ricercatori.

Come ogni anno una grande attenzione sarà riservata alle scuole di ogni ordine e grado con un calendario di eventi dedicato esclusivamente ai più piccoli. E anche quest’anno sarà possibile portare la Notte Europea dei Ricercatori direttamente dentro le scuole! Basta prenotare Partendo dalle basi: il DNA, Geofisica e Vulcanologia, Da zero a Mille zampe: gli animali delle nostre città e Fisica per Esperimenti per portare i ricercatori direttamente nella vostra struttura.

Di seguito i principali eventi della Settimana della Scienza e della Notte Europea dei Ricercatori nei principali Centri di Ricerca italiani:

ASI – Agenzia Spaziale Italiana aderisce all’iniziativa con seminari, laboratori, mostre, attività per i bambini e famiglie ed apre i suoi laboratori il 29 settembre con un’originale esposizione fotografica per mostrare il nuovo spirito della ‘conquista’ spaziale delle donne raccontata dall’occhio fotografico di artiste. Si potrà conoscere da vicino la sede dell’ASI grazie alle visite guidate oltre a poter osservare il sole, la luna e avere un incontro ravvicinato con il Pianeta Rosso. Accompagno il caffè letterario con Le letture sotto le stelle, La Scienza va a Teatro, il Corner dei Ricercatori, Vieni a conoscere le Ket al KetLab e i Laboratori ludici sulla scienza.

CINECA: il 29 settembre l’Ente organizzerà eventi dedicati alle scuole come Il Supercalcolo e la Ricerca, dove sarà presentato il supercalcolo come un nuovo strumento di indagine della natura che non sostituisce, ma che espande quanto già a disposizione della scienza. Sarà spiegato in modo chiaro e comprensibile anche ai non addetti ai lavori cosa è un supercalcolatore.

CREA-AA nel corso della Settimana organizzerà una serie di seminari dal titolo Per fare un frutto ci vuole….Il progetto mira ad incentivare il consumo di frutta e verdura nei bambini e migliorare le loro abitudini alimentari, per avere adulti sani. Si parlerà dell’importanza della stagionalità di questi alimenti e dei problemi di salute che possono derivare da una dieta poco equilibrata.

ESA-ESRIN –European Space Research Institute offrirà attraverso conferenze e seminari la possibilità di conoscere da vicino Il Programma Europeo di osservazione della terra Copernicus, dell’Unione Europea o attraverso laboratori e giochi scientifici sarà possibile studiare gli altri pianeti del sistema solare e programmare i Lego Mindstorms per provare cosa significa essere un ingegnere che lavora a un programma spaziale. Oltre a conoscere i materiali di cui sono composte le astronavi o i satelliti.

Nel Parco Astronomico GAL – Hassin di Insnello (PA) appuntamento con I due cieli delle Madonie, permostrare i due cieli del Parco: quello reale e quello virtuale del Planetario digitale di 10 metri, capace di simulare una visione del cielo, sia a occhio nudo che nelle profondità dell’universo, viaggiare tra i pianeti e proiettare video full-dome.

Un altro interessante ed originale evento è organizzato dal GARR – Rete italiana dell’università e della ricerca che realizzerà Suonare a distanza su filo della fibra ottica, unospettacolare concerto a distanza con il Conservatorio di Cosenza.Per i bambini, inoltre, a Frascati ci sarà Internet 4 kids per conoscere come funziona la rete Internet attraverso un’esperienza di gioco interattiva e, per i visitatori di tutte le età, la possibilità di scoprire da vicino come viaggiano i dati sulla rete con Inside the Net, una rete in miniatura perfettamente funzionante dove gli esperti GARR sapranno rispondere a domande e curiosità attraverso un laboratorio interattivo.

Il Gruppo Astrofili Monti Lepini organizza un interessante ‘viaggio’ alla scoperta è appassionato di comete e asteroidi, l’appuntamento da non perdere è presso l’Osservatorio Astronomico di Gorga. Sarà, infatti, possibile vedere come è fatta una cometa utilizzando un modello stampato in 3D della cometa 67P/Churyumov- Gerasimenko, osservata dalla sonda Rosetta e visitata dal Lander Philae.

Monte Porzio Catone va in scena Astro Talk Show. I ricercatori INAF–OAR incontreranno il pubblico presso l’Osservatorio Astronomico di Roma e organizzeranno un vero e proprio talk show con ricercatori a rispondere alle domande più svariate del pubblico, secondo le loro curiosità, spaziando dal Sistema Solare al Big Bang fino ai buchi neri. Alla fine della conferenza, meteo permettendo, si potranno effettuare osservazioni astronomiche ai telescopi dell’Osservatorio.
INAF organizza, inoltre, a Frascati, presso le Mura Valadier,  Pianeti in una stanza, il simulatore di pianeti gestito da INAF-IAPS in collaborazione con l’Associazione Speak Science, che propone nella settimana precedente alla Notte e nella notte stessa, una serie di coinvolgenti conferenze/spettacolo sui temi di frontiera della ricerca scientifica.

L’ INFN – Istituto Nazionale di Fisica Nucleare è grande protagonista della manifestazione con tante città appartenenti al progetto e centinaia di eventi in programma.  A Bari i fisici della sezione di Bari apriranno il laboratorio Facciamo Scienza, a Monserrato (Cagliari) Open Night ai laboratori di Ricerca, a Catania verranno organizzate delle visite guidate all’interno delle sale sperimentali dei Laboratori Nazionali del Sud, a Ferrara‘Fisici senza frontiere’, a Lecce si terrà la mostra Dalla scala subatomica alla scala intergalattica, a Milano un calendario ricco eventi, fra questi la mostra Extreme, alla ricerca delle particelle realizzata in collaborazione con il CERN.
A Napoli all’interno della stazione della metro Municipio verranno presentati al pubblico alcune delle attività di ricerca più rilevanti che coinvolgono i ricercatori napoletani. Presso la Reggia di Caserta invece ci sarà l’evento pubblico “Spettri a Corte”.

A Pavia sei giorni all’insegna della scienza e della conoscenza. Si comincia con un Aperiscienza e “Botta di Coulomb – Rispondi e sei campione in CARICA” fino al gran finale con stand di fisica alla Cupola Arnaboldi e un open day al CNAO.  A Trieste, apriranno le porte dei loro laboratori ai cittadini per illustrare le principali attività di ricerca, dalla fisica delle particelle alla fisica nucleare, dalle astroparticelle alla fisica medica, passando per le ricerche in fisica teorica.


Presso l’INGV – Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Un Pianeta vivo, viaggio all’interno della Terra,
visite guidate alla scoperta dei terremoti, dei vulcani, dei maremoti e del geomagnetismo con visite anche alla sala di monitoraggio sismico e allerta tsunami.

Tra gli eventi organizzati da ISPRA – Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, Il consumo di suolo e le dinamiche di trasformazione del territorio e del paesaggio in Italia, un seminario dove saranno analizzate le principali dinamiche di trasformazione degli ultimi decenni, sarà illustrato lo stato del nostro territorio e del consumo di suolo e ne saranno valutate le conseguenze sui fenomeni di dissesto, sui cambiamenti climatici, sulla produzione agricola, sugli habitat naturali, sulla qualità della vita urbana e sul sistema economico.

L’Istituto Superiore di Sanità parteciperà alla Notte Europea dei Ricercatori con una serie di appuntamenti, tra gli altri: Sperimentazione animale e sanità 80 anni di storiail progetto intende mostrare il contributo che l’utilizzo degli animali in ISS ha apportato sia in termini di conoscenza scientifica, sia nell’ambito della salute pubblica; Vaccini e falsi miti: prendendo spunto dall’attuale epidemia di morbillo, saranno affrontati gli aspetti legati ai vaccini e alle malattie prevenibili da vaccinazione, facendo riferimento ad alcuni esempi significativi per l’opinione pubblica.

La LUMSA parteciperà con le sue due sedi di Roma e Palermo e con una serie di incontri; tra i tanti i dottorandi del Corso di dottorato in Scienze dell’Economia Civile illustrano ai presenti i loro progetti di ricerca, sia mostrando dei cartelloni riassuntivi dei risultati raggiunti, sia rispondendo a specifiche richieste del pubblico.

Presso Sapienza Università di Roma sarà affrontato il delicato e quanto mai attuale tema della radioattività, saranno presentati i punti fondamentali della scoperta della radioattività. La scoperta dei componenti degli atomi, il ruolo dell’Italia, i premi Nobel, l’evoluzione della Seconda Guerra Mondiale e il significato delle esplosioni di Hiroshima e Nagasaki saranno approcciati con rigore scientifico e storico, ma adottando un linguaggio anche per non esperti.

Durante la Notte Europea dei Ricercatori sarà possibile, inoltre, visitare gli impianti e i laboratori del Centro RicercheSotacarbo, presso Carbonia. Si tratta principalmente di impianti che vengono impiegati per test di gassificazione di biomasse e/o carbone o per il trattamento di reflui da essi derivanti.

L’Università di Cassino e del Lazio Meridionale insieme a Sapienza Università di Roma e all’Università degli Studi di Roma ‘Tor Vergata’ presenta HeritageGo. Il progetto HeGO-HeritageGO si propone l’analisi e la conoscenza dei BBCC (tecnologie applicate ai Beni Culturali) con un processo partecipato che coinvolge ampie fasce di utenza, senza diversificarle per età o competenza, e farle contribuire (mediante totem dedicati) alla costruzione di modelli grafici tridimensionali scientifici di Beni architettonici, archeologici o urbani, attraverso l’acquisizione in loco tramite app delle immagini digitali da essi riprese con l’uso dei più comuni mezzi digitali oggi utilizzati. A Frosinone si “giocherà” con Donne in Gioco. Dal 1946 a oggi.


L’Università degli Studi di Roma ‘Tor Vergata’
organizzerà degli incontri nel segno della biodiversità, presso l’Orto Botanico, gli Operatori dell’Orto Botanico accompagneranno gli ospiti in un percorso nella natura in cui i visitatori potranno entrare in contatto con l’ambiente, conoscerne i segreti e capirne il funzionamento. Durante la visita si potranno ammirare le collezioni di specie vegetali e i vari ambienti dell’Orto Botanico.

L’Università Roma Tre partecipa alla Notte dei Ricercatori e alla Settimana della Ricerca con un programma molto denso. Ci saranno Science Trips, visite guidate ai laboratori, Astrogarden, attività interattive e Mostre. Ma non solo: si parlerà (e si giocherà) anche di geologia, di elettromagnetismo, di crittografia e… di birre.

L’Università della Tuscia partecipa alla Notte con iniziative che vanno dalle visite guidate all’Orto Botanico ‘Angelo Rambelli’ di Viterbo a diverse conferenze organizzate dalla stessa università, che inizieranno con l’incontro dal titolo: Dal grande schermo allo smartphone, che intende analizzare i mutamenti dati dai dispositivi mobili hd e piattaforme digitali di distribuzione dei contenuti che hanno stravolto in pochi anni il panorama della narrazione audiovisiva.

L’Università di Cagliari
metterà in scena lo spettacolo La magia della chimica, una serie di reazioni chimiche e fenomeni fisici dagli effetti sorprendenti per un pubblico non addetto ai lavori, studiate per generare stupore e curiosità, per dimostrare che la Chimica non è solo formule e problemi, ma può anche essere divertente e coinvolgente.

Numerose anche le iniziative dell’Università di Parma, tra queste: Laboratorio di Internet delle cose: come si è evoluto internet e qual è la relazione con i Big Data? Per scoprire come tutto ciò che forma il mondo che ci circonda può avere un’identità elettronica, come il Rfid (Identificazione a radio frequenza) e altre tecnologie (come il più noto il QR code). Spazio anche ad aperitivi scientifici con Eat&Drink but THINK. Attraverso lo strumento dei Caffè Scientifici e delle Pillole di Scienza, verranno organizzati alcuni momenti di “dialogo” con la città, in diversi punti quali librerie, bar, cortili e spazi normalmente non adibiti a questo tipo di attività.

A Pula presso la sede di Sardegna Ricerche Smartphonica – La scienza in tasca intende mostrare come oggi innovazione, creatività e arte siano sempre più concetti legati alle nuove tecnologie digitali e in particolare alle potenzialità di utilizzo di smartphone e tablet.

Infine, per la Notte Europea dei Ricercatori, l’Università di Sassari organizzerà eventi all’insegna della Promozione della cultura scientifica a Sassari, numerosi laboratori, giochi scientifici e conferenze volte a presentare il metodo scientifico come strumento di interpretazione della realtà. Attraverso attività laboratoriali, seminariali e tavole rotonde tematiche, gli eventi mirano a far comprendere come la scienza sia fonte di risposta alle problematiche comuni nelle società moderne. Una delle tante novità di quest’anno è il luogo della manifestazione, che avrà epicentro nella suggestiva cornice di piazza Castello, nel cuore della città di Sassari.

La Notte Europea dei Ricercatori, che quest’anno compie 12 anni, è promossa dalla Commissione Europea.
Il progetto coordinato da Frascati Scienza è realizzato con il supporto della Regione Lazio in collaborazione con Comune di Frascati, ASI, CINECA, CREA, ESA-ESRIN, GARR, INAF, INFN, INGV, ISPRA, ISS, Sapienza Università di Roma, Sardegna Ricerche, Università di Cagliari, Università di Cassino, Università LUMSA di Roma e Palermo, Università di Parma, Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, Università degli Studi Roma Tre, Università di Sassari, Astronomitaly, Associazione Tuscolana di Astronomia, Explora, G.Eco, Ludis, Osservatorio astronomico di Gorga (RM), Sotacarbo.
L’evento vede inoltre la partecipazione di: Associazione Eta Carinae, Cicap Lazio, Consorzio di Ricerca Hypatia, Engineering, Fondazione GAL Hassin di Isnello (PA), GEA, Giornalisti nell’Erba, FVA New Media Research, ICBSA, Istituto Nazionale Tumori Regina Elena e Istituto Dermatologico San Gallicano – IRCSS Roma, Matita Animata, Museo Geopaleontologico “Ardito Desio” di Rocca di Cave, Osservatorio Malattie Rare, Museo Tuscolano delle Scuderie Aldobrandini, STS Multiservizi, Ass. Speak Science, Ass. ScienzImpresa, Tecnoscienza.it srl, The Document Foundation, Unitelma Sapienza, Università della Tuscia.

Altri partner di Frascati Scienza: Accatagliato, Associazione culturale Arte e Scienza, Associazione culturale Chi sarà di Scena, Associazione Amici di Frascati, Res Castelli Romani, MaCSIS, AGET Italia, Comune di Grottaferrata, Istituto salesiano di Villa Sora, Pro Loco Frascati 2009.

Con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Regione Lazio, Parco Regionale dei Castelli Romani, Comunità Montana dei Castelli Romani e Prenestini, Roma Capitale, Comune di Monte Porzio Catone.

La Notte Europea dei Ricercatori di Frascati Scienza è finanziata dalla Commissione Europea nell’ambito della call MSCA-NIGHT-2016/2017 (Grant Agreement No. 722952).

Per il programma completo della manifestazione con il dettaglio dei giorni, orari e luoghi, visitare il sito: HYPERLINK “http://www.frascatiscienza.it/”www.frascatiscienza.it/

 

Formaggi a latte crudo senza frontiere

DOPO LA FIERA CHEESE

Diciassette testimonianze dai cinque continenti: casari, affinatori, produttori ed esperti hanno preso parte agli Stati Generali, il più importante incontro internazionale sui formaggi a latte crudo.

A partire dagli Stati Uniti. Fino a pochi anni fa i produttori americani dovevano lottare contro una legge che vietava l’utilizzo del latte crudo. Dopo anni di battaglie, anche grazie a Slow Food USA quel divieto è caduto in diversi stati, tra cui il Wisconsin da cui proviene Andy Hatch, produttore del Presidio Slow Food: «Ogni giorno lavoro per offrire sapori più autentici e complessi, ma c’è ancora molto da fare perché i formaggi della mia fattoria siano riconosciuti sul mercato».

In Australia la battaglia è ancora più difficile. Nel Paese di Kris Lyiod fino al 2013 la produzione di formaggi a latte crudo era vietata. Da allora qualcosa si è mosso, grazie anche al suo impegno. «In Australia dovremmo federarci per avere più forza e proporre i nostri prodotti».

Dal Sudafrica arriva l’esperienza di Brian Dick formaggiaio e referente di Slow Food Raw Milk Cheese. «In Sudafrica abbiamo una decina di produttori che usano latte crudo» racconta, «ma i problemi in questo momento sono ben altri. A causa del cambiamento climatico e della siccità uno dei nostri produttori recentemente ha interrotto l’attività».

E mentre la giornalista e attivista brasiliana Débora de Carvalho Pereira realizza una Guia de cura de queijos e lotta al fianco dei 258 produttori di formaggio a latte crudo del suo Paese, da Cuba Kent Ruiz ha iniziato da poco un percorso di sensibilizzazione e informazione per sostenere la produzione di formaggi a latte crudo.

Non solo produttori e consumatori. Fondamentale il contributo degli esperti.

Aldo Grasselli, presidente dell’associazione italiana veterinari, invita i produttori di formaggio a latte crudo a costituire dei comitati scientifici indipendenti in grado di supportare con tesi e ricerche la salubrità e la sicurezza dei propri prodotti. E aggiunge: «Il latte crudo è stato demonizzatoper la pericolosità di alcuni batteri, tra cui l’Escherichia coli. Eppure quel batterio forse è maggiormente connesso alla carne degli hamburger fatti con la carne di vacche portate allo stremo macellata industrialmente».

«Il tempo è maturo per formare un’internazionale dei formaggi a latte crudo, per creare una rete in grado di mobilitarsi per condividere battaglie, problemi e soluzioni, di esercitare una pressione internazionale. Occorre ricordare, però, che accanto al latte crudo l’altro grande tema di Cheese 2017 sono i fermenti industriali. I formaggi naturali, liberi da fermenti selezionati, sono un qualcosa in più rispetto al latte crudo. A tendere, l’internazionale del latte crudo deve diventare l’internazionale dei “formaggi naturali”». Così Piero Sardo, presidente della Fondazione per la Biodiversità, tira le somme del pomeriggio di lavori che ha inaugurato l’undicesima edizione dell’evento.

Per Paolo Ciapparelli, del Presidio Slow Food dello Storico Ribelle, il latte crudo è una filosofia di vita: «Forse perderemo la nostra battaglia perché siamo troppo piccoli. Facciamo un formaggio caro perché è senza fermenti e prodotto da vacche alimentate solo a erba, senza mangimi».

Come lui Bronwen Percival, in rappresentanza di uno dei più importanti affinatori del pianeta, Neal’s Yard Dairy, che pone l’accento sulla biodiversità microbica come elemento cardine del formaggio e della sua territorialità. E che lancia un’iniziativa bellissima: «Neals’ yard, in questi giorni, venderà a Londra solo formaggi a latte crudo per promuovere la filosofia di Cheese».

Infine gli strumenti pratici. Carlos Yescas, messicano e referente della Oldways Cheese Coalition, lancia un sondaggio a livello planetario per conoscere chi fa latte crudo (il sondaggio si trova su www.oldwayscheese.org/bra); l’organizzazione europea FACE network, che raccoglie sotto il suo ombrello numerose associazioni che lottano per il riconoscimento del latte crudo e pubblica un manuale di buone pratiche, in collaborazione con la Commissione europea, per sapersi orientare tra le norme igieniche in piena legalità.

Peter Thomas dall’Irlanda, Guvener Isik dalla Turchia, Maria Procopio dall’Italia e Jean Bernard Maitia dai Paesi Baschi chiudono il cerchio delle testimonianze, sottolineando come la questione del latte crudo sia essenzialmente politica e la necessità di un coordinamento internazionale che abbia, appunto, più forza politica.

 

Salute – Controlli gratuiti in Veneto per sovrappeso

Settembre mese del metabolismo, viste gratuite in tutto il Veneto.
In Veneto troppi in sovrappeso, oltre media nazionale. Ma per almeno il 71% contano le disfunzioni metaboliche.
 In Veneto il sovrappeso degli adulti è un dato preoccupante, addirittura superiore, seppure di poco, alla media nazionale, ma significativamente superiore a quella delle altre regioni del nord Italia:35,5%, rispetto ad una media nazionale: 35,3%. Una tendenza che parrebbe essere purtroppo in aumento, sopratutto nelle fasce più giovani: dai 18 ai 30 anni negli ultimi 5 anni si registra un + 9%.
Da un panel di 100 persone in sovrappeso dai 18 ai 50 anni, la percentuale per i quali si riscontra una disfunzione o lentezza metabolica è del 71%, un elemento estremamente significativo anche per spiegare l’aumento del peso, spesso anche a fronte di attività sportiva o diete (dati Aziende Sanitarie, Regione Veneto e trattamentimetabolismo.com).
“Il Veneto è una regione attenta alla sua salute, con stili di vita più salutari rispetto ad altre aree del paese, ad esempio per le persone che fanno sport o per la costante riduzione dei fumatori. Ma il sovrappeso, ancora più dell’obesità, è un elemento che occorre comprendere, proprio anche per il fatto di essere in controtendenza. – ha dichiarato Barbara Allegro, di trattamentimetabolismo.com, centri specializzati proprio nella diagnosi e cura del Metabolismo. – Nel nostro panel, abbiamo potuto riscontrare frequenti casi di disfunzioni nel metabolismo, di solito non gravi, ma molto diffuse. Avere un metabolismo molto lento, può comportare una serie di problemi di vario genere, come stanchezza frequente, riduzione dell’attenzione, ma sopratutto un aumento di peso non legato direttamente alle abitudini alimentari. Anche se ovviamente ci sono delle correlazioni sopratutto ad esempio con il consumo eccessivo di alcool, in particolare tra i più giovani.”.
Cosa si può fare allora? “E’ evidente che seppure molto utili, le diete possano servire a poco se il metabolismo non funziona al meglio. Ed abbiamo ragione di credere che quel dato inusuale sulle persone adulte in sovrappeso in Veneto sia dovuto almeno in parte ad una maggiore diffusione di disfunzioni metaboliche leggere, più difficile da individuare.”.
“Il metabolismo, se non vi sono problematiche di salute, può essere riattivato in breve tempo, sia seguendo alcuni accorgimenti nel propri stile di vita, sia con l’aiuto di specialisti.” – ha aggiunto Barbara Allegro – Per questo nel mese di settembre tutti i nostri Centri in Veneto saranno a disposizione per delle visite gratuite, che permetteranno di verificare il proprio metabolismo.”.
L’elenco dei Centri aderenti e il form per le prenotazioni delle visite gratuite si trova su www.trattamentimetabolismo.com