Archivi categoria: NOTIZIE

Abusi sessuali  su bambini dal 1945 sino agli anni ’90 – Coinvolto il fratello di papa Benedetto XVI : Georg Ratzinger

ABUSI SESSUALI  DAL 1945 SINO AGLI ANNI ’90 !!!

Nello scandalo è coinvoltao anche il fratello di papa Benedetto XVI, Georg Ratzinger, che fu direttore del coro dei “Passeri del Duomo”, tra il 1964 e il 1994.

Le parole di Ulrich Weber, avvocato che ha guidato l’inchiesta: «All’ex direttore del coro va rinfacciato di non aver fatto nulla nonostante sapesse»

Almeno 547 sono i bambini del coro maschile del Duomo di Ratisbona, vittime di abusi fisici e psicologici tra il 1945 e i primi anni ’90

Ma il numero effettivo delle vittime potrebbe salire fino a 700;  quarantanove sono invece gli accusati.

Le prime denunce a partire dal 2010.

“18 schiaffi i faccia di fronte a tutta la classe e poi in punizione contro il muro – ha affermato Franz Bittenbrink (una delle vittime) – Le violenze continuavano nella stanza del direttore, quando venivamo spogliati nudi e sottoposti a enormi umiliazioni”.

Ulrich Weber,  ha spiegato che le vittime subirono abusi da preti ed insegnanti della scuola definita come “una prigione, un inferno ed un campo di concentramento”.

L’avvocato precisa che le vittime, intervistate per il rapporto, descrivono gli anni trascorsi nel coro “come i peggiori della loro vita, caratterizzati da paura, violenza e mancanza di aiuto”.

Quanto sopra emerge dal rapporto finale di una inchiesta avviata nel 2015 presentato dall’avvocato Ulrich Weber.

Lo scandalo riguarda il Regensburg Domspatzen; famoso coro della cattedrale cattolica della città tedesca.

300 ex allievi  si sono fatti avanti per avere un risarcimento per le violenze subite; a loro sono riconosciuti solo 20 mila euro a testa.

La maggior parte dei casi, purtroppo,  è prescritta e I PRESUNTI AUTORI DELLE VIOLENZE IDENTIFICATI NEL RAPPORTO NON SONO PIÙ PERSEGUIBILI !!!

Ecco cosa precisa Euronews: “I principali responsabili delle violenze e degli abusi sono stati individuati nel direttore della scuola e nel suo vice, ma nel rapporto si punta il dito contro una “cultura del silenzio” che ha spinto molti della gerarchia ecclesiastica a tacere sulle aggressioni nei confronti dei minori per difendere il nome dell’istituzione.

Scienza cancelata – Si studia la ‘jihad’ – Turchia la nuova ” scuola “

Educare “generazioni che non facciano domande”

Il ministro dell’Educazione turco presenta i nuovi programmi scolastici:

cancellato il darwinismo (la scienza che spiega, anche, come l’uomo derivi dalla scimmia) e focalizzazione sul concetto di ‘jihad’.

Lo ha annunciato  il ministro dell’Educazione, Ismet Yilmaz.

La teoria dell’evoluzionismo, è definita “al di là del livello degli studenti e non direttamente rilevante“.

Ecco cosa ha detto il Ministro turco Yilmaz:

“Quello che dice il profeta (Maometto) è che quando si ritorna da una guerra, passiamo da una piccola jihad a una grande jihad. Ma cos’è questa grande jihad? È servire la società, migliorare il benessere, assicurare la pace”

Tra i compiti della scuola: “correggere le cose che sono percepite in modo sbagliato”.

COSA DICE L’OPPOSIZIONE ?

L’accusa di Mehmet Balik, leader del sindacato della scuola Egitim-Is

“Le nuove politiche che bandiscono l’insegnamento dell’evoluzionismo e impongono a tutte le scuole di avere una stanza per la preghiera distruggono i principi scientifici e di laicità dell’educazione

per educare :“generazioni che non facciano domande”.

 

Terme & SPA a Milano – “ TURISMO DEL BENESSERE ” – 20 – 22 settembre 2017

A Settembre il primo evento dedicato al

“ TURISMO DEL BENESSERE ”
HUB TURISMO – TERME & BENESSERE

Offerta termale e “wellness” a livello europeo

dal 20 al 22 settembre al Palazzo delle Stelline – Milano

Unica fiera italiana in questo campo

Il mondo delle Terme, degli Hotel e delle  Spa s’incontra a Milano

– L’appuntamento con il mondo del Turismo del benessere è dal 20 al 22 settembre al Palazzo delle Stelline dove si svolgerà Hub Turismo – Terme & Benessere interamente dedicata ad un mercato in forte e costante crescita in un contesto europeo ed italiano.

Cosa s’intende per mercato del Turismo del benessere?

“Si tratta di forma di turismo che nel muovere le persone verso destinazioni turistiche punta l’attenzione su un tipo di vacanza esperienziale la cui finalità è ritrovare un rinnovato equilibrio di corpo e spirito per un sostanziale migliore stile di vita”, secondo una definizione di Cinzia Galletto – giornalista esperta di Turismo del benessere, concept and communication designer dell’eventoorganizzato da Rete System Srl.

Il Turismo del Benessere, infatti, può declinarsi in diversi modi  e coinvolgere attori della recettività differenti:

-in primis gli Hotel e gli alberghi che negli ultimi anni hanno fatto a gara nel realizzare la spa più attraente, innovativa e originale.

Una domanda crescente, quella dei servizi spa, da parte del turista che, seguendo un trend internazionale, al momento della prenotazione dell’hotel, richiede sempre di più la possibilità di usufruire di trattamenti e massaggi in una Spa.

Nel settore lusso, la spa è andata a sostituirsi all’idea di Suite e si concretizza in una serie di rituali e trattamenti personalizzati e in luoghi riservati “Private Spa”; ci sono poi le Medical Spa e le Terme che nel cavalcare l’onda di un approccio verso il “benessere” hanno adeguato le esistenti strutture mediche interne agli hotel, non solo pensando ad una clientela affetta da disagi e problemi fisici, ma rivolgendosi anche ad ospiti sensibilmente più giovani attenti al loro stato di salute, soprattutto in termini di prevenzione da un lato e di rilassamento e anti stress dall’altro.

Rientrano in questa categoria anche le Clinical Spa ovvero le mete destinate ad un turismo medicale vero e proprio la cui specializzazione può riguardare aree circoscritte del corpo: come ad esempio le cliniche dentali dell’est Europa, la chirurgia plastica e i microinterventi  di chirurgia con finalità cosmetiche, o ancora le cliniche dedicate ai problemi di fertilità femminile e per la procreazione assistita.

Una terza categoria di turismo con finalità il “benessere” riguarda i più giovani, ovvero una popolazione che va dai 18 ai 22 anni che ricercano una vacanza rilassante in centri Yoga  e resort con spa a contatto con la natura .

Da questa breve analisi della “Vacanza Benessere” ci si può facilmente rendere conto di quanto variegato sia questo segmento di turismo che è diventato un trend negli ultimi anni .

“Non solo una moda, afferma Cinzia Galletto – ma piuttosto una necessità appartenente ad una società stressata e stritolata dentro tempi sempre più veloci e stili di vita a volte “tossici”.

Da qui nasce il bisogno di ritrovare, durante un periodo di vacanza, la possibilità di rilassarsi, di trovare nuovi equilibri e apprendere anche nuovi stili di vita”.

Alla luce di questa premessa si può comprendere come sia facile in una tale varietà di modi di intrepretare la Vacanza del Benessere entrare in una miriadi di termini, definizioni che a volte possano disorientare il turista che fra day spa, medical spa, centro termale, resort olistico spesso non riesce ad individuare la vacanza giusta per le sue esigenze.

La manifestazione HUB Turismo Terme & Benessere, vuole essere un momento d’incontro fieristico rivolto ad un confronto fra l’offerta termale e “wellness” a livello europeo. 

Tre giorni (mercoledì- venerdì) destinati a far conoscere l’eccellenza del prodotto termale e turistico al pubblico dei curiosi e dei professional. Nell’ambito della manifestazione si svolgerà anche la BTTB – Borsa del Turismo Terme & Benessere, giunta alla sua quarta edizione, che rappresenta l’appuntamento promo commerciale più atteso dagli operatori turistici italiani ed esteri che vi parteciperanno.

“Stiamo registrando interesse ed adesioni da diverse Regioni italiane, ma anche, da Slovenia, Austria, Germania, Malta, Russia, Francia” – afferma Nicola Ucci, patron della manifestazione.

L’evento è l’occasione concreta per affermare l’importanza del settore termale e wellness in Europa e soprattutto in Italia, che come si legge nel Rapporto di Federterme 2013-2104 : “… è di gran lunga il più importante nel panorama europeo”.

La manifestazione focalizzerà l’interesse dei media e del pubblico considerando che si tratta di un evento unico nel suo genere in Italia e alla sua prima edizione.

Eventi analoghi si svolgono già in Galizia a Parigi e a Berlino.

Il Form prevede il coinvolgimento di Enti turistici, Destinazioni Termali, realtà legate al mondo del termalismo e del turismo del Benessere.

All’interno della manifestazione sarà ospitata anche la prima Borsa internazionale del Turismo Termale e del Benessere che vede la partecipazione come ospiti fissi, buyer, italiani ed esteri, e  giornalisti della stampa specializzata di settore.

HUB Turismo Terme & Benessere è l’unica fiera italiana in questo campo, un’occasione per ampliare le potenzialità del comparto sia per le politiche della salute che per la promozione turistica, ma anche di attrarre un pubblico curioso, desideroso di novità e notizie specifiche ad esempio intorno a temi come l’utilizzo delle acque minerali, la massoterapia, la fitoterapia, la cosmesi naturale e molto altro.

HUBTURISMO “TERME & BENESSERE”, patrocinata da Federterme e che vede la collaborazione di partner come Luiss e Spa Industry, si basa su un format innovativo che vede riunite le eccellenze imprenditoriali, professionali e culturali del turismo del benessere, in un sistema integrato di relazioni e scambi, con il  fine di sviluppare business attraverso un approccio relazionale, collaborativo e di reciproca conoscenza. L’evento sarà una vetrina per l’eccellenza del settore termale e delle Spa sia italiano sia estero .
La sede è quella prestigiosa e centrale, nel cuore di Milano, Il Centro Congressi Palazzo delle Stellinehttp://www.stelline.it/it/centro-congressi/home/centro-congressi.html

La manifestazione sarà articolata in grandi aree tematiche: un’area espositiva dedicata all’eccellenza delle destinazioni termali e turistiche, sale conferenze per business meeting a disposizione degli espositori, workshop e corsi di aggiornamento rivolti a Spa manager e all’industria del “benessere”, laboratori tematici rivolti agli ambiti specifici della comunicazione e al marketing di Terme e Spa, Borsa del turismo Termale e del benessere, press tour per Vip ospiti e stampa di settore e Cena di Gala riservato ai partecipanti, un’area speciale sarà rivolta all’industria del benessere ai fornitori di servizi e materiali per spa e all’industria cosmetica.

http://www.retesystem.it/eventi/milano-20-22-settembre-2017/
www.blu-communication.com
www.turismodelbenssere.com

Mostra a Genova – Sequestrati presunti falsi Modigliani – SECONDO SCANDALO !!!

SECONDO SCANDALO PER OPERE DI MODIGLIANI FALSE

Ventuno opere, esposte fino ad oggi alla mostra di Amedeo Modigliani a Palazzo Ducale di Genova, sono state sequestrate per controllarne l’autenticità.

Diversi esperti, tra cui un collezionista d’arte toscano, hanno infatti messo in dubbio la veridicità di alcune opere presenti alla mostra.

Coinvolte tre persone, tra le quali il curatore della mostra a Palazzo Ducale Rudy Chiappini, anche responsabile dei servizi culturali della città di Locarno.

NON ABBIAMO DIMENTICATO IL PRECEDENTE SCANDALO 

Estate 1984: false teste attribuite a Modigliani furono rinvenute dai fossi livornesi.

Lo scandalo avviene in occasione della mostra celebrativa del centenario della nascita di Amedeo Modigliani.

Quell’allestimento fu affidato alla conservatrice dei musei civici livornesi e direttrice del museo d’arte moderna di Villa Maria, Vera Durbé, che si avvalse della collaborazione del fratello, Dario (sovraintendente della Galleria nazionale d’arte moderna di Roma).

La Durbé negò la partecipazione, alla mostra, alla figlia del pittore: Jeanne Modigliani, che morirà tragicamente proprio in quei giorni.

La mostra aprì  in maggio, ma non raggiunnse mai  il  successo perché le opere in mostra, non erano all’altezza del prestigio dell’iniziativa.

 

Banca Antonveneta fallimenti & c. – Quello che non vi dicono chiaramente

La parte sana delle due banche è stata acquistata da Intesa San Paolo con la cifra simbolica di un euro.

Nessun provvedimento per mettere al più presto in evedenza i colpevoli (che nel settore sono ben noti).

Già anni fa la Banca d’Italia, a differenza di quanto stanno dicendo tutti i telegiornali oggi, aveva indicato lo stato di sofferenza delle banche in questione, ma la donna magistrato che se ne era occupata fu accusata di altro e le fu imposto il trasferiimento; questo non lo dice nessun telegiornale; noi lo abbiamo saputo ascoltando la radio svizzera che intervistava un esperto dle settore.

I DEBITI VANNO ALLO STATO E LI PAGHIAMO NOI !!! (i pochi cittadini che pagano ancora le tasse)

Il governo ha accettato, senza contrattare, tutte le condizioni imposte dalle banche.

Stanziati subito 5,2 miliardi di risorse pubbliche, con il via libera per poter arrivare fino a 17 miliardi.

NESSUN PROVVEDIMENTO IMMEDIATO E’ STATO PRESO IN CONSIDERAZIONE RELATIVAMENTE AI COLPEVOLI DI QUESTO GRANDE DISASTRO EOCNOMICO 

I telegiornali precisano che non si vuole una caccia alle streghe; ma perché non condanniamo con procedura di emergenza  quei truffatori che hanno usato le banche come loro bancomat personali ??? 

CALDO E RISCHIO BLACK-OUT – Lo dice Il Sole 24 ore

Lo spiega Il Sole 24 Ore; l’allarme è confermato dagli operatori:

“Rischi soprattutto per l’Italia centrale e il Nord“, lo dice il Summer Outlook 2017, diffuso dall’associazione Entso-E, cui aderisce anche Terna, il nostro operatore della rete nazionale.

I nostri equilibri energetici sono radicalmente cambiati rispetto al passato allarme del 2003; allora eravamo in sovracapacità produttiva con riserve erano abbondanti, ora le riserve sono MOLTO SCARSE.

“i rischi sono dovuti alla ridotta capacità di generazione del nord e del centro Italia”, la situazione deriva dallo stop tra il 2012 e il 2016 degli impianti termoelettrici per una capacità di 15 gigawatt.

Terna, ha pianificato le dovute contromisure, come l’accensione “temporanea di impianti in chiusura” nelle Marche, Lazio e Calabria.

Nonostante tutto, è possibile che scattino anche delle interruzioni programmate “per diminuire il carico”.

 

Immigrati clandestini, chiamati migranti – Italia ed Europa favoriscono le ONG

Immigrati clandestini, chiamati migranti – Italia ed Europa favoriscono le ONG che li prelevano direttamente sulle coste libiche ?

L’Ungheria vuole che le Ong siano obbligate a pubblicare i sostegni economici ricevuti dall’estero.

La Commissione Ue si oppone a questa legge: “Viola la libertà di associazione” !

La Commissione europea si prepara a mettere una nuova procedura di infrazione contro l’Ungheria perché l’Ungheria vuole:

maggiori vincoli a quelle organizzazioni non governative che beneficiano di finanziamenti dall’estero (per evitare che le ONG, organizzazioni non governative, prendano soldi senza doverne rendere conto in modo chiaro e puntuale

dalle organizzazioni umanitarie informazioni specifiche sulle risorse che percepiscono dall’estero.

Bruxelles è anche intenzionata ad annullare la procedura sulle università che, di fatto, mette al bando la Central European University di George Soros; favorendo così il tanto controverso SOROS

SOROS CHI E’ ?

Patrimonio personale stimato in circa 24,9 miliardi di dollari a maggio 2016 fa parte delle trenta persone più ricche del mondo.

Apparente benefattore, ma con tante ombre; almeno secondo molte fonti.

Il quotidiano Libero riporta le parole di Viktor Orban che governa l’Ungheria: –

“… ricco, cattivo. Non riderai per ultimo” … finanzi l’invasione degli immigrati, … [rappresenti] speculazioni finanziarie … finanziere, definito “colpevole di tutto”, “speculatore cosmopolita” . [l’obbiettivo del governo ungherese sarebbe] … fermare “la campagna a favore dei migranti di Soros, che sta promuovendo l’arrivo di un milione di immigrati illegali in Europa”.

 

Antartide gigantesco iceberg di 5.800 km quadrati

In Antartide si è staccato un gigantesco iceberg con un peso di circa 1000 miliardi di tonnellate,  una superficie di 5.800 km quadrati ed uno spessore di 200 metri.

Pesa mille miliardi di tonnellate ed è più grande della regione Liguria !

La parte fuori dall’acqua è alta 30 metri.

Contiene tre volte l’acqua del lago di Garda.

Il quantitativo totale di acqua equivale a quanta consumata in media nel mondo in cinque anni !!!

L’iceberg verrà monitoranto in continuazioni; per le navi può essere un pericolo mortale.

E qualcuno dice ancora che non è emergenza clima !

 

Evento a Trento – MUSE-Museo delle Scienze – Inaugura sabato 15 luglio 2017

ARCHIMEDE. L’invenzione che diverte

16 luglio 2017 – 08 gennaio 2018
Inaugurazione: sabato 15 luglio, ore 18.30
MUSE-Museo delle Scienze (ARCHIMEDE E LEONARDO: ne parliamo più sotto)

Il gigante incatenato
La battaglia delle dighe sul Mekong
16 luglio – 10 settembre 2017
Inaugurazione: sabato 15 luglio, ore 18.30

Inaugura sabato 15 luglio alle 18.30 al MUSE-Museo delle Scienze di Trento, la mostra fotografica

Il gigante incatenato. La battaglia delle dighe sul Mekong”, venti scatti che testimoniano gli effetti della costruzione, lungo il corso del fiume, di trentanove mega-dighe.

Nessuna di queste imponenti strutture è stata realizzata conducendo indagini d’impatto ambientale e la mostra racconta le conseguenze di questi colossi sulla natura, sulle persone, e sulla sicurezza alimentare di un’intera regione.

Il gigante incatenato è una testimonianza incisiva e toccante realizzata dai fotografi del collettivo Ruom, composto dal trentino Thomas Cristofoletti e Nicolas Axelrod, insieme a Emanuele Bompan, ideatore del progetto “Watergrabbing”. La mostra è inserita nel progetto “Capitali Trentini – Trentino Global Network” per valorizzare le esperienze dei trentini all’estero ed è sostenuta dalla Provincia autonoma di Trento – Ufficio emigrazione.

Il sud east asiatico e in particolare modo la Cambogia, è una delle zone che più sta soffrendo gli effetti del cambiamento climatico e che ha meno risorse per difendersi” racconta il fotografo Thomas Cristofoletti.

“I suoi abitanti sono quotidianamente esposti a eventi meteorologici sempre più incontrollati e la loro dipendenza dalle risorse naturali, specialmente il riso e pesce, li rende terribilmente vulnerabili. Parte del materiale esposto in questa mostra è il frutto di un lavoro collettivo durato quasi 4 anni: dal 2013 insieme al collega Nicolas Axelrod ed a altri membri del collettivo Ruom, abbiamo cercato di raccontare i cambiamenti e gli effetti dello sviluppo economico e sociale incontrollato di questa i regione dell’Asia.

Abbiamo visitato Laos, Cambogia e Vietnam lavorando per organizzazioni come il WWF, UNDP, CARE e OXFAM ma anche, e soprattutto, investendo risorse, viaggiando e documentando questi territori”.

Il Mekong (“Madre delle acque” in Lao) è la linfa vitale del sud-est asiatico.

Il fiume si snoda per 4mila chilometri tra le strette gole del Tibet attraverso i monti della Birmania e del Laos, prendendo forza attraverso le pianure di Thailandia e Cambogia, fino a sfociare nell’immenso delta lungo le coste del Vietnam nel mare Cinese Meridionale.

Nelle sue acque vivono oltre 1000 specie di pesci, che integrano l’alimentazione di una popolazione di oltre 60 milioni di persone, che dal Mekong trae quindi sostegno. Storie e tradizioni raccontano di un’armonia millenaria tra i popoli dell’Indocina e il grande fiume.

Oggi, trentanove mega-dighe sono state pianificate lungo il fiume dagli stati rivieraschi.

Impianti colossali, alcuni già in costruzione che potrebbero frammentare gli ambienti naturali e avere impatti rilevanti in tutta la regione da un punto di vista ambientale e sociale.

Undici sbarramenti sono stati messi in programma nella sola sezione laotiana-cambogiana, costruita da società tailandesi, malesi, cinesi e vietnamite. Laos, il più povero tra gli stati della regione, ha dichiarato che il suo obbiettivo è diventare la “batteria del Sud-est asiatico”, realizzando nove dighe idroelettriche.

«Il tema dell’accaparramento e controllo delle risorse idriche – spiega Emanuele Bompan giornalista ambientale e geografo – è un tema centrale nello sviluppo globale del XXI secolo.

L’acqua, il bene primario più importante dell’uomo, a causa di cambiamento climatico, sovrappopolazione e forti interessi economici e politici, è una risorsa sempre più contesa.

La mostra racconta uno dei lavori sul tema che stiamo svolgendo all’interno del progetto Watergrabbing.it, sottolineando gli impatti che può avere la cattiva pianificazione degli sbarramenti idrici. La situazione è così delicata che, nel sud-est asiatico, il controllo del Mekong tra gli stati rivieraschi potrebbe diventare presto la scintilla di nuove tensioni politiche»

La domanda di corrente elettrica, negli stati attraversati dal fiume, è al centro dello sviluppo di economie in forte crescita.

Lo sviluppo sociale, infatti, porta sempre più cittadini a fare parte della classe media, domandando così energia a basso costo per i propri bisogni primari, luce e conservazione al fresco del cibo.

Per questa ragione, gli impianti idroelettrici di grandi dimensioni possono essere una soluzione strategica per generare energia pulita, al posto degli impianti a carbone.

Ma, per essere realmente energia verde, le dighe dovrebbero essere costruite secondo criteri di sostenibilità e attraverso accordi internazionali per la gestione transfrontaliera delle acque.

Interessi corporativi, scarsa competenza e generale disinteresse dalla classe dirigente hanno fatto sì che le prime dighe a essere realizzate avessero pochissimi se non alcun elemento di sostenibilità. Niente passaggi per i pesci, sistemi insufficienti per il flusso di elementi nutrienti, scarsa considerazione degli impatti sulle comunità rurali lungo le rive.

La mostra, che resterà visitabile fino al 10 settembre, è un importante momento di riflessione sul tema della sostenibilità e dell’attenzione alla salvaguarda della natura, condotta su scala globale, e un invito a estendere lo sguardo oltre i propri confini.

ARCHIMEDE. L’invenzione che diverte

16 luglio 2017 – 08 gennaio 2018
Inaugurazione: sabato 15 luglio, ore 18.30
MUSE-Museo delle Scienze

Il nome di Archimede, geniale inventore e matematico della classicità, è famosissimo. Tutti ne hanno sentito parlare e il suo mito – sorto fin dall’epoca romana durante la quale ne è stato celebrato il “divino ingegno” – è alimentato da numerose leggende, che lo vedono brillare tanto per acume, quanto per bizzarria. Sembra infatti che, al grido di “Eureka” (“ho trovato!”), percorresse di corsa le strade di Siracusa e affermasse, tra lo stupore dei suoi contemporanei, di poter sollevare la Terra se gli avessero dato un punto di appoggio. Se la sua fama è notevole, il contenuto delle sue opere e delle sue invenzioni, oggi, non è così conosciuto e spesso i suoi scritti sono appannaggio di pochi specialisti di storia della matematica. La mostra “Archimede. L’invenzione che diverte” presenta al pubblico la figura di Archimede quale massimo protagonista della cultura universale. L’esposizione, già ai Musei Capitolini a Roma, giunge ora al MUSE – Museo delle Scienze di Trento dal 16 luglio 2017 all’ 8 gennaio 2018.

Tra exhibit interattivi, ricostruzioni di macchinari e video multimediali, il percorso al museo racconta le sue intuizioni nel campo della tecnologia meccanica – tanto fenomenali da renderlo l’antesignano del genio e dell’inventore – e offre testimonianze della civiltà tecnico-scientifica del III secolo a.C., periodo durante il quale visse lo scienziato: sullo sfondo, le relazioni tra Siracusa e Alessandria d’Egitto, la città in cui Archimede e numerosi uomini di cultura soggiornarono in quell’epoca.
Dopo un excursus storico e un focus sulle principali invenzioni e ricerche, l’esposizione approfondisce anche la seconda rinascita di Archimede, che avviene a partire dal XIII secolo con la progressiva riscoperta dei suoi scritti, e l’influenza esercitata su studiosi e geni rinascimentali del calibro di Leonardo da Vinci e galileo Galilei.

La mostra è ideata dal Museo Galileo – Istituto e Museo di Storia della Scienza di Firenze e organizzata da Zètema Progetto Cultura e Opera Laboratori Fiorentini – Civita Group.

IL PERCORSO
Grazie a postazioni interattive, ricostruzioni di macchinari e video multimediali, la mostra approfondisce numerosi temi quali il contesto storico, i rapporti con la città di Siracusa, le relazioni tra Archimede, Roma e l’Islam, l’ammirazione Leonardesca per Archimede. Una breve introduzione sarà dedicata al ruolo che Archimede riveste nell’immaginario collettivo: la figura di inventore capace di dar vita ad un immaginario collettivo molto forte con una curiosa panoramica con oggetti di design e uso comune legati al suo nome. Interattività e multimedialità condurranno il pubblico in un percorso entusiasmante fatto di scienza, intuizioni e tecnologia.

LA MOSTRA

Il contesto storico
Sul finire del III secolo a.C. Roma e Cartagine si contendono la supremazia nel Mediterraneo Occidentale. E’ una sorta di “guerra mondiale”, le cui sorti decideranno sotto quale dei due popoli vivranno le genti che si affacciano sul Mediterraneo. Siracusa resiste all’assedio dei Romani anche grazie ad Archimede e alle sue macchine. Storici dell’epoca sottolineano il contributo dato dal grande Siracusano per la difesa della sua città. Nel 212 a.C. Siracusa cade per tradimento e lo stesso Archimede viene ucciso.

Siracusa, la città di Archimede
Siracusa, la città in cui Archimede vive fra il 287 e il 212 a.C. e che due secoli dopo Cicerone ancora definisce “la più bella e la più ornata”, è nel III secolo a.C. la capitale di un regno piccolo per territorio ma importante nell’ambito degli stati ellenistici del Mediterraneo per la centralità della sua posizione, il volume dei traffici, la ricchezza economica fondata sull’agricoltura e sul commercio, la vivacità della sua cultura e la qualità delle relazioni internazionali. Al suo interno, vive e opera Archimede, autore di alcune di apprezzate invenzioni.

Archimede e l’Islam
Punto di riferimento nel campo della matematica, il Siracusano era considerato autore di numerosi altri scritti. Le società islamiche conobbero Archimede anche come straordinario inventore di strumenti e apparati meccanici: a quelli già noti nell’antichità si aggiunsero la bilancia idrostatica e un orologio ad acqua di notevole complessità.

Siracusa e Roma: lo scontro
Il console Marcello assediò la città di Siracusa dal 214 al 212 a.C.

A difesa di Siracusa non vi era solo l’esercito, ma anche Archimede con le sue macchine belliche, quali artigli meccanici, catapulte e specchi ustori, con i quali respingere gli attacchi provenienti dal mare. Siracusa si difese strenuamente e capitolò solo per opera di alcuni traditori che aprirono le porte urbiche, permettendo ai Romani di entrare nottetempo e prendere la città. La caduta di Siracusa costituirà un evento di rilievo epocale per tutta la civiltà mediterranea.

LA RISCOPERTA DI ARCHIMEDE IN OCCIDENTE
Fino al XIII secolo Archimede fu poco noto in Occidente; l’unica opera in circolazione era la Misura del cerchio. Nel 1269 Guglielmo di Moerbeke, un domenicano che risiedette a lungo presso la corte papale di Viterbo, eseguì la prima traduzione latina di molte delle opere di Archimede, raccolte in un codice oggi conservato alla Biblioteca Vaticana.

LEONARDO E ARCHIMEDE
Nel corso della propria esistenza Leonardo dimostrò più volte ammirazione per Archimede.

Il Vinciano è affascinato dal mito del Siracusano come inventore di macchine belliche portentose, ma anche dalla capacità di affrontare proficuamente problemi di statica e di geometria da cui trarre applicazioni pratiche.

Interessato al perfezionamento delle armi da fuoco, Leonardo lavora a un particolare cannone a vapore (l’architronito), di cui attribuisce la paternità ad Archimede e dimostra analoga ammirazione quando si sofferma sulle proprietà degli specchi ustori. Nel campo della statica, infine, studia a fondo il trattato Sull’equilibrio dei centri di gravità.

GALILEO E ARCHIMEDE
Secondo uno dei primi biografi, Niccolò Gherardini, Galileo cominciò prestissimo a studiare Archimede sotto la guida di Ostilio Ricci, insegnante presso l’Accademia del Disegno a Firenze. La forte influenza del Siracusano, che pochi anni prima della morte Galileo definì “il mio maestro” (Opere, XVI, p. 399), è testimoniata dagli studi galileiani d’esordio, che riprendono e approfondiscono motivi di ascendenza archimedea. Punto di riferimento costante, l’opera di Archimede offre esempi di applicazione di rigorose dimostrazioni. Particolarmente apprezzati, soprattutto, i trattati Sui galleggianti e Sull’equilibrio dei piani, il cui studio ha contribuito a ispirare un nuovo approccio matematico per la spiegazione dei fenomeni fisici.

LE INSTALLAZIONI INTERATTIVE: LE GENIALI INVENZIONI DI ARCHIMEDE
Al fine di rendere accessibile le sorprendenti intuizioni geometriche e meccaniche di Archimede al grande pubblico, una serie di modelli funzionanti illustra gli aspetti salienti delle ricerche compiute dal Siracusano e gli straordinari obiettivi raggiunti anche sul piano delle applicazioni pratiche.

La leva
Nei due libri del trattato sull’Equilibrio dei piani, opera che ha esercitato una grande influenza sulla nascita della scienza moderna, Archimede dimostra la fondamentale legge della leva, che è al centro di tutta la statica: in una leva si ha equilibrio quando i pesi sono inversamente proporzionali alle distanze dal fulcro.
È possibile che una persona più leggera stia in equilibrio con una più pesante? Lo scopriamo con questa installazione, attraverso un gioco che permette di scoprire in modo divertente le leggi fisiche sull’equilibrio.

Gli specchi parabolici che riflettono il suono
Fonti tarde attribuiscono ad Archimede l’invenzione di specchi ustori, mediante i quali avrebbe incendiato le navi romane che assediavano Siracusa: è ampiamente dimostrato l’impossibilità, per l’epoca, di realizzare una tecnologia simile ma il ragionamento scientifico alla sua base è corretto. Con uno specchio a forma di parabola è possibile concentrare i raggi del Sole, essenzialmente paralleli, in un punto vicino alla parabola, chiamato fuoco: alla stessa maniera possiamo farlo con le onde sonore.
Nell’installazione la prima grande parabola riflette le onde emesse da una sorgente sonora posta nel fuoco facendole diventare parallele, mentre la seconda le concentra di nuovo nel fuoco. In questo modo due visitatori molto lontani tra loro possono udire le proprie voci come se si trovassero vicini.

Le carrucole
La carrucola è un dispositivo che consente di sollevare un carico pesante impiegando una piccola forza. Lo sforzo compiuto varia a seconda del numero di carrucole impiegato: se con una è necessario impiegare una forza uguale al peso da sollevare, aumentandone il numero decresce proporzionalmente lo sforzo da compiere.
Il modello consente di sperimentare questa legge con diversi sistemi di carrucole: la forza necessaria è uguale al peso nel primo caso, alla metà del peso nel secondo e a 1/4 nel terzo.

La vite idraulica
La vite idraulica di Archimede, detta anche còclea, è un dispositivo usato spesse per sollevare un liquido, così come sabbia o ghiaia. È un’invenzione sorprendente per la sua semplicità e longevità: ancora oggi è usata in molte situazioni dove, per la mancanza di altre tecnologie, è necessario usare sistemi meccanici semplici e di immediata manutenzione.

Il torchio a doppia vite
Il torchio di Archimede costituì un’importante evoluzione dei dispositivi per la spremitura. Caratterizzato dalla possibilità di avere uno o due alberi a vite verticali e paralleli, inseriti in una struttura lignea, il torchio a vite esercitava una pressione continua e costante tanto sugli acini d’uva che sulle olive.

PER LA MOSTRA ARCHIMEDE SI RINGRAZIA:
Main sponsor: Zobele Holding spa, Itas Mutua, Innova srl
Sponsor: Conad, Hoermann srl
Special Exhibitor: Ghidini, RI.CAR., Cantina Endrizzi srl

 

Salute e ospedali che funzionano – CENTRO DI CARDIOCHIRURGIA DI PADOVA

COMPLESSI TRATTAMENTI CHIRURGICI SUL CUORE NEI TEMPI ATTESI

La cardiochirurgia è annoverata come primo Centro in Italia per numero di trapianti (39) effettuati nel 2016

ABBATTERE LA LISTA D’ATTESA

REGIONE DEL VENETO
AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA

FORTE AFFLUSSO DI PAZIENTI REGISTRATO PRESSO IL CENTRO DI CARDIOCHIRURGIA DI PADOVA.

L’AZIENDA OSPEDALIERA HA RIORGANIZZATO IL SISTEMA E IN ALCUNI MESI E’ RIUSCITA AD ABBATTERE LA LISTA D’ATTESA PER FORNIRE AI NUMEROSI PAZIENTI I COMPLESSI TRATTAMENTI CHIRURGICI SUL CUORE NEI TEMPI ATTESI.

Luciano Flor, Direttore Generale dell’A.O. di Padova ha come obiettivo la riduzione dei tempi d’attesa in chirurgia. “Il paziente deve essere la centralità per quanti operano in questa complessa organizzazione. La nostra offerta è ampia, essendo un Centro Hub ma dobbiamo migliorare con l’obiettivo di ridurre i tempi d’attesa di chi si rivolge a questa struttura”.

L’organizzazione ospedaliera in accordo con la Regione del Veneto e in sinergia con il team cardiochirurgico che dispone di 2 sale operatorie, 35 posti letto, 12 posti in terapia intensiva e 7 in terapia sub-intensiva per i trapianti, oltre a 198 figure professionali tra medici e sanitari, ha potenziato la struttura e riorganizzato il sistema allungando l’orario di attività nelle sale operatorie passando da 80 a 100 ore/sett. dalle 8/14 alle 8/18 con almeno 6/7 sedute in più a settimana. Sono stati aumentati inoltre i posti letto di terapia intensiva da 7 a 12 e inseriti nel team che contava già 110 infermieri, ulteriori 18 collaboratori professionali infermieristici garantendo sempre nei turni di tutto il personale, l’orario di 38 ore settimanali.

In pochi mesi da settembre 2016 la lista d’attesa, stimata in 8/9 mesi di tempo, ha raggiunto i 30 giorni previsti al netto delle emergenze.

La Cardiochirurgia dell’Azienda Ospedaliera/Università di Padova diretta dal Prof. Gino Gerosa è intervenuta in soli 6 mesi su più di 200 pazienti in lista scongiurando così pregiudizio alla prognosi sul 90% delle persone in classe di priorita’ A: casi clinici con possibilità di aggravamento al punto da diventare emergenti.

Il trend della Cardiochirurgia nel 2017 è di 1296 ricoveri e di 1532 atti cardiochirurgici.

La cardiochirurgia è annoverata come primo Centro in Italia per numero di trapianti (39) effettuati nel 2016, dati riportati dal CNT – Centro Nazionale Trapianti, e primo Centro in Italia per numero di impianti VAD effettuati (100) dal 2010 al 2015 – dati ITAMACS registro italiano delle assistenze meccaniche e cuore artificiale totale. Due primati che conferiscono a Padova il ruolo di Centro leader nel trattamento dell’insufficienza cardiaca

terminale, patologia ad elevata complessità assistenziale che, in assenza di trattamenti specifici, è a prognosi infausta.

Da anni in prima linea nell’impiego di VAD e cuori artificiali, la Cardiochirurgia dell’Azienda Ospedaliera/Università di Padova, ha visto il Prof. Gino Gerosa all’opera con numerosi primati:

2002 – trapianto di cellule staminali nel cuore;
2007 – 1° trapianto di cuore totale artificiale 70 cc in Italia;
2012 – 1° trapianto al mondo di Jarvik 2000 (LVAD) con rivoluzionaria tecnica mini-invasiva chirurgica e di perfusione;
2014 – nuovo intervento mininvasivo impianto di Neocorde mitraliche TOP-MINI per riparazione valvola mitrale a cuore battente, unico Centro in Italia;
2015 – 1° Cardiowest 50 cc impiantato in Italia e per la prima volta al mondo su giovane trapiantato di 26 anni;
2015 – 1° intervento al mondo combinato, microinvasivo, dalla punta del cuore, senza aprirlo. In contemporanea correzione delle valvole aortica e mitralica sempre a cuore battente;
2016 – 1° intervento al mondo di riparazione della valvola mitrale con anello rigido inserito a cuore battente per via trans catetere.

Il Centro di Cardiochirurgia di Padova è annoverato tra i più all’avanguardia del mondo e offre trattamenti chirurgici per la totalità delle cardiopatie (circa 800 TAVI dal 2007 ad oggi, 150 plastiche mitraliche TOP-MINI dal 2014 ad oggi – maggior casistica al mondo; 3 casi di anello mitralico trans apicale Amend) ed è attrezzato di ECMO macchina cuore-polmone anche trasportabile per pazienti extra Regione, consentendo l’utilizzo a pazienti in arresto cardiaco.
912 sono i trapianti eseguiti ad oggi in questo Centro.

La Cardiochirurgia di Padova sta attualmente sviluppando nuove prospettive terapeutiche di medicina rigenerativa, tessuti e organi riprodotti in vitro. Vengono utilizzate le tecniche di ingegneria tissutale e il ripopolamento con IPS (cellule staminali pluripotenti) con possibilità di testare in questi modelli nuovi farmaci. Nel Centro vengono impiegate le stampanti 3D per planning chirurgico.

Dal 2 al 5 dicembre 2017 (50 anni dopo il primo trapianto di cuore al mondo effettuato dal Prof. Christian Barnard) a Città del Capo, Sud-Africa – le celebrazioni ufficiali. Padova è stata invitata a portare un contributo: “Padova ancora pioniera” per il merito che la Cardiochirurgia patavina ha esportato nell’innovazione sul cuore.

Visto, si autorizza la diffusione ai Media – il Capo Ufficio Stampa dr.ssa Luisella Pierobon