Archivi categoria: NOTIZIE

Polinesia una citta’ galleggiante per combatere l’innalzamento delle acque

IL FUTURO è GIA’ QUI ??

POLINESIA

Ecco le caratteristiche della nuova città galleggiante prevista per combattere l’innalzamento delle acque del Pacifico:

-galleggiante e autosufficiente,

-alimentata con l’energia solare,

-nutrita con coltivazioni idroponiche (direttamente nell’acqua)

-dissetata con dissalatori.

Se il progetto sarà approvato il  via al cantiere avverrà nel 2019.

L’autorità dell’arcipelago polinesiano, ha firmato l’accordo con il Seasteading Institute di San Francisco, in California (istituto che si occupa del progetto) .

La città galleggiante sarà formata da piattaforme pentagonali collegate fra di loro, le palazzine non supereranno i tre piani, sono previsti anche giardini e ormeggi per barche; navi da crociera comprese.

ARGENTINA VIOLENTA CON LE DONNE – UN FEMMINICIDIO OGNI 30 ORE

Il mondo sta diventando un luogo meno sicuro per le donne ?

Pare proprio di si.

A parte molti paesi mussulmani dove, negli ultimi decenni, le donne sono a volte obbligate a coprirsi il capo o coprire completamente il corpo (anche se si muore dal caldo o stanno facendo il bagno), una donna sola in viaggio oggi, incontra più problemi di quanto accadeva trent’anni fa. Lo scrive chi viaggia da oltre quarant’ anni in tutto il mondo.

Sarà anche colpa del mondo che è diventato più violento; è cresciuta esponenzialmente la disuguaglianza economica, le tensioni religiose si sono accentuate e di pari passo i furti, ma anche gli stupri.

Sta di fatto che anche nella lontana Argentina il governo locale ha proibito fare commenti a voce alta alle signore; la mulata è di 60 euro.

Una volta in Argentina era tradizione, per strada, fare un commento galante ad una donna, ma evidentemente ora i commenti sono diventati troppo pesanti e violenti. Inoltre, ogni 30 ore una donna viene uccisa da un uomo per gelosia o altri motivi del genere.

IL VALORE DEI FARMACI DI AUTOMEDICAZIONE

I dati rilevati mostrano che la tendenza all’automedicazione risulta ben presente tra i giovani: il 60% afferma di risolvere i comuni disturbi o sintomi lievi in autonomia, ricorrendo ai farmaci senza obbligo di ricetta, e riconoscendo nel medico e nel farmacista dei professionisti.

Uno sviluppo responsabile e appropriato dell’automedicazione può avere vantaggi anche per la sostenibilità economica.

Secondo i dati emersi da uno studio condotto nel corso del 2016 da CERGAS Bocconi, e presentato in occasione del Self Care Forum, un ampliamento dell’offerta terapeutica disponibile in automedicazione, maggiormente allineata a quanto avviene in Europa, porterebbe a un potenziale alleggerimento dei conti del SSN di circa 844 milioni di euro l’anno.

Affermare una cultura dell’automedicazione vorrebbe dire, quindi, innescare un meccanismo virtuoso in grado di liberare risorse a vantaggio delle terapie destinate ad altre patologie, ottimizzando la spesa farmaceutica rimborsata dal SSN.

FEDERCHIMICA ASSOSALUTE
LANCIA IL PRIMO SELF CARE FORUM
PER COMUNICARE IL VALORE DEI FARMACI DI AUTOMEDICAZIONE

Una proposta di Consensus Document per dare inizio a un percorso condiviso a favore dell’Automedicazione responsabile

 – E’ stato presentato  al Palazzo delle Stelline di Milano il primo Self Care Forum che Federchimica ASSOSALUTE ha realizzato grazie alla presenza di aziende, istituzioni, mondo della ricerca e con la partecipazione attiva di Cittadinanzattiva, Federfarma, Fenagifar, FIMMG, FNPI, FOFI e SIMG.

La proposta di Consensus Document, presentata nel corso dell’evento “Farmaci di automedicazione: consapevolezza e responsabilità per la salute del Sistema”, sottolinea la necessità di affermare l’importanza dell’automedicazione – e del ricorso ai farmaci senza obbligo di prescrizione, di automedicazione – come pratica appropriata per il trattamento dei più comuni disturbi di salute. Questo in un quadro sempre più complesso e di crescente attenzione e richiesta di autonomia e responsabilità da parte dei cittadini, anche per quanto riguarda le scelte sulla propria salute, e di complessiva attenzione ai profili di appropriatezza e sostenibilità del nostro Servizio Sanitario Nazionale.
Informazione, comunicazione, responsabilità e collaborazione sono le parole chiave di un percorso che dovrà coinvolgere tutti gli operatori del sistema salute, e che mette al centro le esigenze e i bisogni dei cittadini in un’azione comune di coinvolgimento, supporto e attenzione.

“Il Forum inaugurato oggi – afferma Agnès Regnault, Presidente di Federchimica ASSOSALUTE – vuole diventare un appuntamento annuale che rafforzi il dialogo con tutti gli stakeholder del sistema salute. Ci auguriamo di poter costruire una collaborazione di valore con tutti gli attori del sistema che conduca ad una posizione congiunta a favore della corretta automedicazione. Sono certa che i punti contenuti nel Consensus Document del Self Care Forum possano divenire progettualità concrete che aiutino i cittadini a operare scelte informate e guidate, e rappresentare un passo importante verso la valorizzazione economica e sociale del settore a sostegno della salute individuale e del SSN”.

Particolare attenzione è stata data alla presentazione dei risultati di un’indagine che ha fotografato le abitudini di salute e autocura di un campione di popolazione compresa tra 18 e 28 anni. Una scelta non casuale quella di indagare il mondo dei giovani, in quando saranno questi i cittadini del futuro su cui investire per un appropriato e sostenibile sviluppo del nostro sistema sanitario.

I dati rilevati mostrano che la tendenza all’automedicazione risulta ben presente tra i giovani: il 60% afferma di risolvere i comuni disturbi o sintomi lievi in autonomia, ricorrendo ai farmaci senza obbligo di ricetta, e riconoscendo nel medico e nel farmacista dei professionisti cui chiedere consiglio in caso di bisogno. È stata, inoltre, rilevata una elevata tendenza a informarsi su argomenti relativi alla salute (64% del campione).

“La corretta informazione sui medicinali di automedicazione – ha dichiarato la Dr.ssa Marcella Marletta, Direttore Generale della Direzione Generale dei Dispositivi Medici e del Servizio Farmaceutico del Ministero della Salute – è un elemento cruciale per assicurare ai cittadini le basi e gli strumenti per affrontare in modo responsabile le scelte di salute anche autonome laddove opportuno. Il Ministero è da sempre impegnato su questi fronti e occorre investire ancora in questa direzione affinché, da un lato, l’informazione sia realmente corretta e appropriata e, dall’altro, risponda ai mutamenti di scenario, alle nuove forme di comunicazione e alla crescente attenzione ai problemi di salute della popolazione”.

“L’atteggiamento mostrato dalle giovani generazioni – ha proseguito Agnès Regnault – conferma quanto da tempo afferma Federchimica ASSOSALUTE, e cioè la necessità di adottare misure che rispondano effettivamente a questa maggiore e migliore conoscenza, senza dimenticare naturalmente il supporto dei professionisti – medici e farmacisti -, ma altresì investendo nello sviluppo, miglioramento e ampliamento di una risorsa a pieno titolo inserita e riconosciuta nel panorama terapeutico a disposizione dei cittadini”.

Obiettivo non secondario del Self Care Forum è stato quello di portare a conoscenza delle Istituzioni l’importanza di una corretta automedicazione, e la necessità di adottare politiche sanitarie che consentano un corretto sviluppo di questo comparto, che molto potrebbe dare anche in termini di appropriatezza e sostenibilità del sistema, in un quadro sempre più complesso e impegnativo di gestione delle risorse a disposizione.

In questo quadro, infatti, uno sviluppo responsabile e appropriato dell’automedicazione può avere vantaggi anche per la sostenibilità economica. Secondo i dati emersi da uno studio condotto nel corso del 2016 da CERGAS Bocconi, e presentato in occasione del Self Care Forum, un ampliamento dell’offerta terapeutica disponibile in automedicazione, maggiormente allineata a quanto avviene in Europa, porterebbe a un potenziale alleggerimento dei conti del SSN di circa 844 milioni di euro l’anno. Affermare una cultura dell’automedicazione vorrebbe dire, quindi, innescare un meccanismo virtuoso in grado di liberare risorse a vantaggio delle terapie destinate ad altre patologie, ottimizzando la spesa farmaceutica rimborsata dal SSN.

“Il processo di empowerment e responsabilizzazione del cittadino nell’impiego corretto dei farmaci di automedicazione, come di tutti i medicinali – ha commentato il Prof. Mario Melazzini, Direttore Generale AIFA – deve essere gestito dagli operatori sanitari. AIFA ha fatto molto utilizzando per i foglietti illustrativi, principale strumento di informazione per il cittadino, un linguaggio più semplice, che ha bisogno di essere ancora più diretto quando parliamo di farmaci pensati per un utilizzo autonomo. Stiamo lavorando inoltre per definire una linea guida Aifa sull’individuazione di criteri di valutazione per “ingannevolezza” dei messaggi promozionali.  Iniziative, come quella odierna, di confronto e collaborazione tra i diversi attori del Sistema Salute rappresentano una risposta concreta ai bisogni di salute espressi dai cittadini e un contributo al miglioramento degli outcome terapeutici e alla riduzione degli sprechi”.

Anche Cittadinanzattiva ha espresso il proprio supporto all’iniziativa promossa da Federchimica ASSOSALUTE. Le due associazioni collaborano da tempo su progetti indirizzati ad aumentare l’informazione al cittadino e la sua capacità di operare scelte consapevoli.
“La formazione di cittadini consapevoli, soggetti forti, attivi nella scelte per la propria salute è uno dei nostri obiettivi principali – ha affermato Antonio Gaudioso, segretario generale di Cittadinanzattiva-Tribunale dei diritti del malato – per questo abbiamo molto apprezzato il Self Care Forum che ha fatto dell’informazione corretta e dell’educazione uno dei principali temi di discussione. In tempi in cui l’informazione è rapidamente accessibile e viaggia incontrollata su tutti i mezzi di comunicazione è quanto mai importante favorire una relazione stabile con il professionista della salute affiche i cittadini siano costantemente ben informati”.

Per maggiori informazioni sui farmaci di automedicazione e i piccoli disturbi vai su www.semplicementesalute.it il portale dell’automedicazione.

Ufficio Stampa Assosalute

DIOSSINA NEI SALMONI DI ALLEVAMENTO – MA COSA MANGIAMO ?

Lo dice uno studio della Commissione Europea:

il 41,6 % è la quantità di diossina contenuta nei salmoni di allevamento.

Va precisato che il livello di tolleranza diossina per la nostra salute è il 15%.

NOTA:

-il secondo alimento più inquinato, di diossina, è il latte crudo: 5%

-la carne rossa è sotto il 4% (stiamo parlando solo di percentuali di diossina).

Altro che cibo salutare:

il salmone risulta essere tra le 7 e le 32 volte più inquinato di altri alimenti !!!

Lo dice la biologa canadese Alexandra Morton; che conbatte da trent’anni contro i danni degli allevamenti di salmoni nella British Columbia. Distruggono e riducono gli spazi che sono sempre appartenuti ai salmoni selvaggi che servono per la catena alimentare di orche, orsi ecc… ma non possiamo dimenticare anche gli enormi danni che fanno al mare e alla nostra salute gli allevamenti di gamberi dell’Oceano Indiano ….!

TUTTO BEN VISIBILE SUL FILMATO DI YOU TUBE: ” Hard evidence  ” https://youtu.be/fSCoBG8W3NQ

Tonno e pesce spada non stanno meglio dei salmoni.

Sempre meno quelli selvatici.

Sempre più inquinanti e inquinati i pesci di allevamento; dove è regola usare abbondanza di antibiotici per preveniore le malattie; per non parlare della scarsa qualità del cibo che si distribuisce in buona parte degli allevamenti; lo dimostra il sapore di questi pesci (se ci siete abituati non ve ne accorgerete; la stessa differenza che troviamo tra pollo ruspante e pollo che costa 3 euro al chilo).

Ma rimane pur sempre una logica domanda; cosa diavolo possiamo mangiare ? C’è qualcosa di assolutamente sicuro ?

La risposta è sempre più difficile e il cibo buono sta diventando sempre più caro e quindi solo per pochi. Anche questo è effetto della globalizzazione ?

E’ sicuramente l’effetto delle leggi troppo permissive che tutelano più l’interesse dei produttori che quello dei consumatori (se vi consola negli USA sono messi molto peggio di noi).

 

DAVOS FORUM 2017 – La democrazia è in pericolo ? – Il sistema non funziona come si pensava ?

l’1% dei più facoltosi al mondo possiede quanto il restante 99%.

Otto super miliardari detengono la stessa ricchezza netta (426 miliardi di dollari) di meta’ della popolazione piu’ povera del mondo, ovvero 3,6 miliardi di persone.

Il quotidiano Il Sole 24 Ore scrive: ” Pessimismo in crescita nei Ceo italiani … I Ceo italiani …sono tra i più pessimisti sulla crescita globale: il 36% si attende una ripresa nel 2017, in forte calo rispetto al 55% del 2016″.

E’ necessario un profondo ripensamento, secondo Oxfam, dell’attuale sistema economico.

Rischio democratico
E’ il titolo di una delle sezioni del Global risk report, durante la quale si prenderà atto dell’impoverimento dei cittadini causato dalla globalizzazione.

Il LIBERO MERCATO GLOBALIZZATO, che avrebbe dovuto garantire sviluppo per tutti, ora MOSTRA IL SUO FALLIMENTO.

Tutto questo ora a Davos viene percepito come “rischio democratico” e instabilità sociale, pericolosa per la stessa economia globale.

L’annuale appuntamento del World Economic Forum a Davos, prevede anche una petizione a tutti i governi per chiedere una serie di interventi in favore di una economia più umana.

Speriamo non siano le solite belle parole !!!

Otto i punti segnalati:

-arginare la concentrazione di ricchezza;

-stop alla concorrenza fiscale al ribasso;

-sostegno a modelli di business non orientati solo a massimizzare il profitto;

-incoraggiamento di innovazioni tecnologiche a vantaggio di tutti;

-una transizione verso l’uso di energie rinnovabili;

-la promozione dello sviluppo su indicatori relativi al benessere dei cittadini e non solo relativamente al Pil.


PLAYA DEL CARMEN MESSICO – Sparatoria – Movente ancora da confermare

Un uomo armato ha fatto fuoco nella discoteca Blue Parrot di Playa del Carmen, Messico.

Cinque persone sono state uccise, tra cui l’ italiano Daniel Pessina. I feriti sono almeno 12; tra loro anche turisti americani, canadesi e un colombiano.

Due delle vittime sono agenti della sicurezza che hanno difeso l’ingresso della discoteca, altre due sono spettatori.

Il movente è ancora da chiarire.

La polizia messicana ha fermato quattro persone.

Nella zona delle discoteche era in corso la decima edizione di un festival di musica techno; che dura una settimana.

Si è parlato anche di regolamento di conti. L’ultima versione dice che  il fuoco sarebbe partito da un solo uomo, trafficante di droga ed esponente del Cartello del Golfo, a costui sarebbe stato negato l’accesso al locale.

Il killer,approfittando della confusione, è fuggito. Non si sa se sia tra gli arrestati; che non sono ancora stati interrogati.

AIR INDIA – ANCHE IN VOLO LE DONNE MOLESTATE

Dopo le molte lamentele per le persistenti molestie sessuali di cui sono oggetto i passeggeri di sesso femminile.

Anche questa misura dimostra come l’India, negli ultimi anni, abbia un pessimo record per le molestie alle donne.

I membri dell’equipaggio riceveranno una dotazione di manette di plastica da utilizzare per limitare i movimenti dei passeggeri “totalmente fuori controllo”.

 Meenakshi Mali, portavoce di Air India, ha dichiarato:

“sentiamo, come vettore nazionale, il dovere di migliorare il livello di conforto per la nostra clientela femminile. Ci sono molte donne che viaggiano da sole e quei posti sono pensati per loro”.

Sull’ultimo numero di Cosmopolitan, la giornalista Hannah Smothers  ha scritto che: “prendere tutte le donne e riunirle da qualche parte non risolve il problema dei passeggeri maschi che sono stronzi“.

Il Tortello Lodigiano – Intervista a Gianluca Gennari

Gianluca Gennari, presidente dell’Associazione Radici e inventore del Tortello Lodigiano

Ciao Gianluca, innanzitutto benvenuto! Vorrei iniziare la nostra chiacchierata col chiederti di parlarci prima di tutto di questa tua “invenzione” del Tortello Lodigiano. Cosa ti ha spinto a creare questa nuova ricetta?

Lodi e la sua provincia non hanno mai avuto un vero e proprio tortello tipico delle sue zone, fatto con le migliori materie prime del nostro territorio e dunque da qui mi è venuta l’idea di creare questa ricetta unica nel suo genere! La sua particolarità sta tutta infatti nell’unicità del piatto e nell’eccellenza degli ingredienti utilizzati. Ad esempio, per la pasta è stata scelta una farina semi integrale di frumento a filiera corta, nata da frumento coltivato nelle campagne del territorio e macinato con un mulino a pietra direttamente in cascina. Il ripieno è invece un vero e proprio festival di sapori: salsiccia lodigiana (cucinata con brodo e grana lodigiano), raspadüra lodigiana, grana padano lodigiano stagionato e grattugiato, funghi chiodini, ortiche, pan grattato, salvia, olio extra vergine di oliva del Garda, cipolle, uova, sale, pepe e acqua.

Il Tortello Lodigiano è una novità all’interno della tradizione culinaria locale, quanto contano per te sia le tradizioni sia l’essere innovativi senza mai però dimenticare le nostre origini e le nostre radici?

Mantenere il contatto con le proprie origini e non dimenticare mai da dove si arriva è importante in tutto. Nel caso della mia attività è fondamentale perché è mio compito portare avanti le tradizioni, gli usi e i costumi dei miei avi e farli conoscere agli altri. Tuttavia, i tempi oggi sono diversi e le persone devono essere coinvolte in questa scoperta in maniera veloce e diretta e qui sta la nostra innovazione: parlare di cose semplici e tradizionali utilizzando il linguaggio moderno e rinnovandole per renderle più interessanti.

A proposito di Radici, so anche che sei Presidente di un’Associazione che si chiama appunto Radici e che si occupa di organizzare la rassegna enogastronomica Un Po della Bassa. Ciracconti qualcosa di più in merito? Come è nata l’idea di portare avanti un’iniziativa del genere?

Innanzitutto, in merito all’Associazione, diciamo che “nell’aria”, già da qualche anno prima che nascesse “Un Po della Bassa” che poi vi spiego cos’è, c’era la volontà di dare una svolta al modo di lavorare per le realtà come la mia – io, sono titolare e gestore di una pizzeria trattoria che si trova a Cavacurta, un piccolo paesino della bassa lodigiana. Siamo arrivati ad un punto dove non potevamo e non ci andava più di tenere nascosto il nostro modo di lavorare, l’amore per la nostra terra, per la nostra storia, insomma, il modo in cui ci hanno insegnato a vivere i nostri genitori, i nostri nonni e per ciò che ci hanno lasciato da custodire e da tramandare contraddistinguendoci da chi, a queste cose, non è sensibile o che non le tiene in considerazione.
“La miccia” si è accesa nel 2013, quando è stata fatta questa considerazione: se una realtà piccola come la nostra decide di investire per promuove delle iniziative, proporre dei menù o altro, da sola cosa riesce a fare? A quante persone riesce ad arrivare? Ma se questa piccola realtà si unisce ad altre dove ognuno mette le proprie forze, di quanto si amplifica l’azione di promozione? Quante più persone si possono sensibilizzare?
Nell’ottobre del 2013 è quindi partita la prima edizione di “Un Po della Bassa” percorso enogastronomico formato dai menù proposti dai ristoranti aderenti. Quando tutti abbiamo visto che viaggiare nella stessa direzione aiutandoci non solo a livello economico e che soprattutto questo modo di lavorare portava gente nuova nelle nostre attività, abbiamo capito che il percorso che avevamo intrapreso era quello giusto. Poi, nel 2014, partecipando ad un bando della Regione Lombardia e della Camera di Commercio di Lodi abbiamo preso un contributo in occasione di EXPO 2015 che ci ha aiutato notevolmente per due anni e ci ha fatto fare il salto di qualità.
Hai delle anticipazioni in merito alla prossima edizione della rassegna?

La rassegna partirà agli inizi di febbraio e si concluderà ad aprile. Ogni ristorante proporrà come sempre dei menù ispirati alla tradizione locale e alla stagione, che in questo caso sarà la primavera. Con l’inizio della nuova edizione della rassegna ricomincerà anche il photo contest che si è svolto durante l’ultimo periodo, che ha avuto un discreto successo. Si tratta di un’iniziativa rivolta a tutti gli amanti della cucina. Da casa si possono cucinare piatti e fotografarli pubblicandoli sul profilo face book dell’associazione. Gli autori dei tre piatti più che riceveranno più “mi piace” potranno usufruire di uno sconto del 50% in uno dei ristoranti aderenti facendo il menù Bassa o menù alla carta per due persone. Inoltre, per maggiori informazioni sui ristoranti per quanto riguarda i menù si può visitare il sito unpodellabassa.it e per maggiori info sull’associazione e anche sui ristoranti c’è a disposizione il sito associazioneradici.org…poi non voglio svelare nient’altro perché vorrei invitare tutti a partecipare alla rassegna e scoprire dal vivo tutte le sorprese che abbiamo riservato!

Oltre all’offerta culinaria, Radici garantisce anche una ricca offerta culturale alla scoperta dei luoghi più significativi del Lodigiano, ce ne parli più nel dettaglio?

Abbiamo cercato di mettere in rete le nostre attività con le risorse, anche pubbliche del territorio: piste ciclabili, navigazione fluviale, musei, chiese creando anche degli itinerari personalizzati per ogni ristorante aderente ad Un Po della Bassa.

Ci sono altre iniziative che verranno portate avanti dall’Associazione? Quali sono i propositi per il futuro?

Abbiamo tante idee da sviluppare, le più importanti si possono così riassumere: tutelare e aumentare le realtà coinvolte con azioni promozionali sempre più efficaci e innovative; lavorare in rete con attività anche di settori diversi e creare nuovi progetti per il territorio.

EVENTO a GENOVA 8 – 11 FEBBRAIO – OSMit la conferenza annuale della comunità OpenStreetMap

Dall’8 all’11 febbraio non prendere impegni: a Genova si svolgerà OSMit, la conferenza annuale della comunità OpenStreetMap.

L’iniziativa vedrà riunite le principali comunità che sviluppano e promuovono software e dati liberi geografici e si candida ad essere il più importante appuntamento in Italia per il settore.

L’evento si inserisce infatti quest’anno nella cornice di FOSS4G-IT, il convegno italiano su Software e Dati Geografici Free e Open Source, che comprenderà anche il Meeting degli utenti italiani di GRASS e GFOSS e il GFOSS DAY.

La manifestazione si aprirà mercoledì 8 febbraio con una giornata di workshop e seguirà giovedì 9 febbraio con interventi incentrati su tematiche di interesse generale.

Più focalizzata su argomenti specifici sarà la giornata di venerdì 10 febbraio, che si concentrerà – tra le altre cose – sul crescente interesse e utilizzo di dati e mappe OSM da parte della P.A. e da parte della protezione civile nella prevenzione, previsione e mitigazione del rischio sismico.

L’iniziativa si concluderà sabato 11 febbraio a Santa Margherita Ligure, con un mapping party e un editathon che saranno ospitati dall’Ente Parco di Portofino: mappatori e wikipediani esperti affiancheranno chi desideri sperimentare nella pratica le operazioni di mappatura e caricamento dei dati su OpenStreetMap e l’attività di miglioramento di voci su Wikipedia.

Il programma provvisorio (in corso di validazione) degli eventi OSMit 2017 è disponibile a questo link http://www.wikimedia.it/osmit-lottava-edizione-dall8-all11-febbraio-2017/

Il programma definitivo e completo della manifestazione sarà pubblicato entro la fine del mese sul sito web ufficiale dell’iniziativa.

Maratona Internazionale di Gerusalemme

La Maratona Internazionale di Gerusalemme si affida alla tecnologia training di MilestonePod per aiutare i runner a prepararsi alla gara

Un numero record di partecipanti da tutto il mondo si è già iscritto alla prossima edizione della Maratona, giunta alla sua settima edizione, che si terrà il 17 marzo.

Mancano appena due mesi alla prossima, emozionante edizione della Maratona Internazionale di Gerusalemme e già un numero record di aspiranti vincitori, oltre 1200 (più del doppio dell’anno scorso), si è iscritto. Provenienti da più di 40 nazioni, i partecipanti si sfideranno quest’anno in diverse tipologie di gara: la Maratona, la Mezza Maratona, la 10km oltre ad altri percorsi più brevi, perfetti per le famiglie con i bambini e i più pigri.

Quest’anno c’è però una novità: a chi si iscrive in anticipo verrà offerto un aiuto extra per prepararsi al meglio alla gara che è, notoriamente, una delle più difficili al mondo, ma anche una delle più affascinanti. Per questa edizione, infatti, gli atleti che si registreranno prima del 1 febbraio riceveranno un MilestonePod: un piccolo congegno di facile utilizzo che da applicare sulle scarpe e che, in automatico, tiene traccia di valori quali la misura del passo, la cadenza e il tasso di impatto della falcata sui piedi, ma fornisce anche dati utili relativi alla performance come, per esempio, il tempo, la velocità, la distanza e le calorie bruciate.

Il MilestonePod non ha pulsanti, non necessita di essere ricaricato e non dispone di segnale GPS, semplicemente si sincronizza velocemente alla MilestonePod App, che si può tranquillamente scaricare su smartphone o tablet.

I runner che parteciperanno alla Maratona e alla Mezza Maratona riceveranno il MilestonePod gratuitamente, mentre coloro i quali si registreranno per la 10 km o per gli altri percorsi minori avranno l’opportunità di acquistare il Pod ad un prezzo scontato.

La Maratona è un evento estremamente importante per Gerusalemme, dal punto di vista turistico, tenuto conto del fatto che, per esempio, nei giorni dell’evento in città vengono prenotati circa 10.000 pernottamenti in più. Nel 2016, approssimativamente 30.000 persone hanno partecipato alla maratona, di cui 2.600 corridori provenienti da 65 diverse nazioni. La maratona venne lanciata nel 2011 e, in quell’occasione, vi parteciparono “appena” 10.000 persone.

Il record per gli uomini, nella Maratona, venne stabilito nel 2014 da Ronald Kimeli Kurgat, keniano, con un tempo di 2:16:09, mentre quello delle donne è stato stabilito l’anno scorso da Joan Jepchirchir Kigen, keniana anche lei, con un tempo di 2:38:30.

La partenza della gara si trova davanti al Parlamento Israeliano, il Knesset, e i partecipanti alla Maratona passeranno intorno al Giv’at Ram campus dell’Università Ebraica, lungo la Valle della Croce e attraverso diversi quartieri disposti lungo la strada in salita che conduce al Campo del Monte Scopus dell’Università Ebraica. Il percorso, quindi, scenderà verso la Città Vecchia, accompagnando i maratoneti attraverso la Porta di Giaffa e il Quartiere Armeno e fuori dalla Porta di Sion, sulla strada verso la Foresta di Gerusalemme. Il traguardo si trova in Sacher Park.

Per maggiori informazioni visitare il sito ufficiale dell’evento alla pagina https://jerusalem-marathon.com/Default.aspx

Per maggiori informazioni sul Milestone Pod cliccare qui.

Per maggiori informazioni sulla città e le sue proposte, visitare il sito www.itraveljerusalem.com/itwww.gerusalemmeora.it

Per assaporare quotidianamente l’effervescenza di Gerusalemme: www.facebook.com/itraveljerusalem.it