UMBRIA, LA CULLA DELLA CIVILTA’ ITALICA; ANGOLI INCONTAMINATI.

VALNERINA, LA CULLA DELLA CIVILTA’ ITALICA, UN ANGOLO

INCONTAMINATO E CULTURALMENTE RICCHISSIMO, ANCHE DAL PUNTO DI

VISTA GASTRONOMICO.

PIU’ SOTTO: ORVIETO E DINTORNI

Castelluccio.
Castelluccio.
Monteleone.
Monteleone.

umb affresco0

umb arte Monteleone di Spoleto chiostro

UMB CHIESA DI IMG_5848

UMB AFFRECO 11

Con 300 euro totali per  due persone, è possibile trascorrere 4 giorni e 3 notti con mezza pensione compresa autostrada e GPL da Milano; vedi sotto***

A NORCIA INIZIO’ L’ARTE DELLA NORCERIA, OVVERO DELLA SALATURA E STAGIONATURA DELLE CARNI DI MAIALE.

IN VAL NERINA CRESCONO LE LENTICCHIE DI CASTELLUCCIO, MA NON SOLO…IL FARRO DI MONTAGNA…

L’ABBAZIA DI SANT’EUTIZIO HA SEGNATO LA STORIA E DALL’ ESPERIENZA MONACALE NACQUE UNA SCUOLA DI CHIRURGIA CHE OPERO’ ELISABETTA I DI INGHILTERRA.

TARTUFI, CINGHIALI E MAIALI PER UNA CUCINA ANCORA NOSTRANA.

CIOCCOLATO EXPERIENCE.

ACQUE MINERALI RACCOMANDATE ANCHE PER I PIU’ PICCOLI…NEI PRESSI DI UN’ANTICA ABBAZIA.

AGRITURISMI DOVE E’ ANCORA LA PADRONA DI CASA A CUCINARE, SCUOLA DI CUCINA IN B&B DA SOGNO E UN FAVOLOSO HOTEL RELAIS & CHATEAU IN UN PALAZZO STORICO.

AFFRESCHI, CASTELLI E RAFTING.

LA ZONA E’ ANCHE FITTA DI RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI PRE-ROMANICI: bronzetti, antichissime monete ecc…nulla si è trovato di preziosi gioielli poiché si trattava di popolazioni agricole assai povere.

QUI I ROMANI UCCISERO MOLTISSIMI UOMINI ITALICI E NE RAPIRONO LE DONNE (ratto delle sabine) PER APPROPRIARSI DELLA LORO ROBUSTA COSTITUZIONE.

Gli archeologi hanno recentemente scoperto ben 36.000 pezzi che raccontano la storia degli italici ed ora stanno classificandoli.

UMB PANRAMA DA CASTELLO

GUIDA TURISTICA, TOURIST GUIDE per Valnerina: Norcia, Cascia, Preci, Sellano, Monteleone di Spoleto, Castelluccio ecc…

Una guida di grande talento: conosce bene il suo lavoro ed è dotata di rara pazienza e cortesia:

Dott.ssa DANIELA MARINI. Guida Turistica dell’Albo regionale n.222. www.umbriaguides.it ; Norcia (Perugia), tel. 329.988.4723. info@studioalectoris.it

UMB PAESAGG

RAFTING UMBRIA: www.raftingumbria.com cel. 348 35 11 798 a Serravalle di Norcia, zona tra Spoleto e Norcia.

-Un’esperienza per tutti, grandi e piccini, senza alcun pericolo, ma anche, volendo,  con un secondo percorso movimentato da rapide divertenti, ma non pericolose. Sette chilometri totali di discesa del fiume Corno, in due tratti.

Il primo tratto è tranquillo e scenografico; si può anche sostare a fare il bagno e bere l’acqua di sorgente che sgorga sul posto.

L’organizzazione fornisce mute di neoprene, scarpe, giacca d’acqua, giubbotto salvagente e caschetto.

Cascia.

Cascia.Santuario di Santa Rita: vetrate.
Cascia.Santuario di Santa Rita: vetrate.

CASCIA.

Non lontano dal fiume Corno, dove si può fare rafting come precisato sopra, si incontra la cittadina di Cascia, nota nel mondo per il suo Santuario di santa Rita, la santa alla quale diede i natali.

-La cittadina merita una visita anche per i suoi immediati dintorni dove abbiamo trovato  B&B assai interessanti:

 immersi nella natura incontaminata, con la padrona di casa che cucina con prodotti del territorio e fa la pasta in casa; davvero!

-Cascia si presenta con la classica struttura a “castello” di pendio.

-Da queste parti castello sta per borgo fortificato.

-Nulla rimane delle origini romane a causa delle invasioni barbariche e dei terremoti che la scossero nei secoli.

-Oggi è luogo assai arricchito da moderne strutture religiose, abbastanza ben inserite nel contesto.

Notevolissima la chiesa dedicata a Santa Rita abbellita dai lavori del grande artista Giacomo Manzù.

Cascia. San Francesco.
Cascia. San Francesco.
Cascia. Chiesa di San Francesco, particolare dell'altare.
Cascia. Chiesa di San Francesco, particolare dell’altare.
Cascia. Chiesa di San Francesco, coro ligneo trecentesco
Cascia. Chiesa di San Francesco, coro ligneo trecentesco

Cascia è meta di pellegrinaggi, soprattutto durante le Celebrazioni Ritiane (di santa Rita).

-Nel mese di maggio, qui considerato alta stagione con giugno e pasqua, il calendario è ricco di eventi che culminano con la solenne festività del 22.

Cascia. Santuario di Santa Rita: decorazioni di Giacomo Manzù.
Cascia. Santuario di Santa Rita: decorazioni di Giacomo Manzù.

CASCIA E  SANTA RITA:

Percorrendo le stanze del Moastero di Santa Rita si conoscono i particolari della sua vita; non mancano suggestivi richiami.

La Basilica fu voluta dalla Badessa Madre Teresa Fasce e merita la visita; sia per l’aspetto religioso, sia per quello artistico-moderno di Giacomo Manzù.

Al suo interno, veneratissima,  l’urna della Santa; imperdibili  le decorazioni di Manzù.

Cascia. Santa Rita.

Cascia. Santa Rita.

Cascia. Santa Rita.
Cascia. Santa Rita.
ALBERGO:

MONTE MERAVIGLIA HOTEL, 3 stelle, nato nel 1968, oggi completamente rinnovato, si presenta come un modernissimo albergo adatto a ricevere pellegrini e congressi.

A pochi minuti d’auto, con una breve ripida salita, si raggiunge l’annessa piscina frequentata da gruppi di giovani in campus sportivo. TEL. 0743 76142; prenotazioni@magrelliospitalita.com

Casale Sant'Antonio, zuppa di farro.
Casale Sant’Antonio, zuppa di farro.

AGRITURISMI, DOVE DORMIRE E MANGIARE :

Nota: Affitta da persone reali in 34000 città e 192 paesi in tutto il mondo.Vedi al link: http://www.donnecultura.eu/?p=8390

Le strutture della Valnerina con meno di 50  posti letto si  sono riunite nel portale:  http://www.umbriavalnerina.it

CASALE S. ANTONIO: di Diego Mattei e Agabiti Fiorella, www.casalesantantonio.it;  tel. 0743. 76 819, cell. 333.321 23 44; www.caslesantantonio.it   info@casalesantantonio.it 

Un VERO agriturismo  familiare, dove ancora si servono pasta e piatti tradizionali fatti realmente in casa.

La mattina, a colazione, si può chiedere anche il latte di capra.

Lodevoli il brodo di gallina locale con pasta fatta in casa e la zuppa di farro spezzato, stringozzi, quadrucci, ricotta e salumi… tutto secondo disponibilità e stagionalità.

Tutti gli appartamenti sono dotati di cucina.

Ospitalità genuina, cucina veramente tipica, itinerario naturalistico.

45/55 euro c.a. mezza pensione, a persona in bassa stagione; 65 euro, a camera(2-4 persone), con colazione in maggio, giugno, luglio, Pasqua e 55/60 a camera senza colazione; sempre in alta stagione.

-Questo B&B si differenzia dagli altri per non avere quegli artifici posticci, tipici di molti B&B.

L’architettura riflette la semplicità contadina senza nulla togliere alle comodità di una cucina attrezzata, dell’acqua calda e del riscaldamento.

Il CASALE S. ANTONIO è il  B&B che ha avuto meno rimaneggiamenti architettonici tra quelli visitati nella zona.

Questo ci è sembrato il B&B più AUTENTICO; adatto a chi ama rilassarsi in un ambiente assolutamente incontaminato, ammirando la catena dei monti Sibillini come sfondo.

Assoluto silenzio, sicurezza e tranquillità  totali.

Qui trovate anche un “Museo”, gratuito per i clienti, degli antichi attrezzi contadini.

Produttori diretti di farro, lenticchie e cicerchia; hanno rifiutato il marchio BIO, in quanto costo aggiuntivo per un prodotto che, se si visita il luogo, si può comprende come certamente biologico.

Il figlio Diego Mattei, laureato in beni culturali, è anche un’ ottima fonte di informazioni naturalistiche per brevi o lunghe passeggiate nelle zone circostanti.

Questo agriturismo si segnala per la semplice e lineare struttura, perfettamente inserita nel paesaggio e nello spirito del pellegrino, viaggiatore, turista curioso o gastro-ricercatore-autonomo..

Dalla struttura si diparte un sentiero dove, attraverso piccoli tubi-canocchiali, si leggono  i nomi dei Monti Sibillini che contornano l’orizzonte; una chiara segnaletica spiega i nomi delle piante sul percorso pedonale.

B&B Valle Tezze, Cascia.
B&B Valle Tezze, Cascia.

 

VALLE TEZZE: con bella piscina e terrazzo panoramico sui monti circostanti e Cascia.

Un luogo ideale, ben curato, per famiglie con bambini, ma anche per singoli in cerca di privacy in bassa stagione.

Nel percorso verso la piscina due amache tra gli alberi invitano al riposo.

Antiche strutture agricole, rimodernate con garbo e la travolgente simpatia della padrona di casa.

www.valletezze.it ;   info@valletezze.it   tel. 0743. 76 111, cell. 347.323 43 96; Cascia, località Valletezze,

Sempre comprese le bevande della casa. 45 euro, a persona, per la camera doppia in luglio e la mezza pensione; offerta week-end in camera doppia, maggio-agosto mezza pensione 40 euro, al giorno,  a persona in doppia; sett-aprile 38 euro mezza pensione, a persona e al giorno (festività escluse). ***Offerta 3 notti 190 a testa per la doppia, ovvero 4 gg. compresa la mezza pensione bevande offerte dalla casa incluse. A cui vanno sommate 110 euro di autostrada da Milano GPL compreso= 300 euro 2 persone.

Cucina casalinga, anche ottime birre,”Birra dell’Eremo”, veramente artigianali prodotte ad Assisi da www.birradelleremo.it

B&B Valle Tezze. Pappardelle fatte in  casa.
B&B Valle Tezze. Pappardelle fatte in casa.

UN LUSSUOSO B&B:

IL VECCHIO IPPOCASTANO, Couty House; è situato tra Norcia e Cascia, si tratta di una pregevole residenza gentilizia magnificamente ristrutturata; assai elegante. La struttura risale al 1600.  Da poco ristrutturata dall’architetto olistico Brunella Franceschini.

Qui si possono praticare diversi sport (equitazione, trekking, rafting, bici); anche se rimane una location ideale per il relax.

Il Vecchio Ippocastano si trova in località Avendita a 875 metri, nel comune di Cascia. www.ilvecchioippocastano.com  Solo B&B.

Avendita è nota per la salubrità dell’aria e vanta origini romane. Merita una visita la graziosa piazza del paese con la chiesa di San Patroclo che vanta un organo cinquecentesco.

  UMB SALAME AFF

B&B Casale di Ginetto.
B&B Casale di Ginetto.

-FOGLIANO DI CASCIA. Non lontano da Cascia e dal suo Santuario.

Il CASALE DI GINETTO; preferito da coloro che amano il cibo abbondante e casereccio: salumi locali, indimenticabile l’agnello al forno con patate. Un casale ben ristrutturato.

Un’accoglienza calorosa.

Il luogo ben si adatta  alle coppie e famiglie che vogliono visitare i dintorni, purché dotati di i proprio mezzo di trasporto.

Cucina  casalinga della padrona di casa.

Il proprietario accoglie gli ospiti raccontando volentieri la sua storia lavorativa: da funzionario della SIP a felice proprietario del B&B.

www.casalediginetto.it del. 339.66 76 340, 45 EURO B&B IN LUGLIO, CHE QUI E’ BASSA STAGIONE. Alta stagione: aprile (Pasqua), maggio, giugno, settembre.

Casale di Ginetto: agnello.
Casale di Ginetto: agnello.

—–

umb Monteleone di Spoleto chiostro archi

Monteleone, chiostro del complesso di San Francesco.

Monteleone. Affresco del chiostro, nell'antico complesso di San Francesco.
Monteleone. Affresco del chiostro, nell’antico complesso di San Francesco.
Monteleone. Complesso di San Francesco. Studio su di un antico affresco.
Monteleone. Complesso di San Francesco. Studio su di un antico affresco.
Moteleone, particolare di San Francesco; lavoro dei Magistri Cumacini.
Moteleone, particolare del complesso di San Francesco; lavoro dei Magistri Cumacini.
Particolare della Biga etrusca.
Particolare della Biga etrusca.

MONTELEONE DI SPOLETO E LA FAMOSA BIGA ETRUSCA.

Un gioiello di “castello”, leggi paese, cinto da mura a 980 metri sul livello del mare; questo è Monteleone di Spoleto, denominato “LEONE DELLA VALNERINA”.

Sulla sua piazza si affacciano gli elementi architettinici più imponenti, ma la breve salita dovrebbe essere percorsa per scoprirne altri: 5 palazzi rinascimentali: Bernabei, Congiunti, Torre dell’Orologio, 14 chiese, la più importante delle quali è il complesso architettonico di San Francesco con annesso convento e chiostro.

Famosissima la storia del ritrovamento di una biga etrusca da parte di un contadino in zona Colle del Capitano nel lontano 1901.

Mentre spianava un cumulo di terra, si è aperta una voragine che ha rivelato una tomba del VI secolo a.C. ed una biga perfettamente conservata.

Costruita in legno e ricoperta da lamine di bronzo lavorate con la tecnica a sbalzo.

Uno delle lamine rappresenta, presumibilmente, scene della vita dell’eroe greco Achille.

La biga fu venduta a mercanti d’arte fiorentini ed oggi si trova al Mteropolitan Museum al quale da tempo l’Italia la richiede; senza alcun esito.

Il Museo che conserva la copia  della Biga si trova all’interno del complesso monumentale di San Francesco.

Monteleone. Particolare della Biga etrusca.
Monteleone. Particolare della Biga etrusca.

LA COPIA DELLA FAMOSA BIGA E’ OPERA DELLA SCUOLA D’ARTE DEL MAESTRO GACOMO MANZU’ E, PERTANTO, MERITA DOPPIAMENTE UNA VISITA.

-Colle del Capitano è la località dove venne rinvenuta la famosa BIGA, il cui originale ora  è al Metropolitan di New York, mentre al museo di Montaleone si ammira la copia creata dal famoso artista Manzù.

UMB BIGA ETRUSCA ANTERIOR

Monteleone. Particolare della Biga etrusca.
Monteleone. Particolare della Biga etrusca.
Monteleone. Fiera di San Felice.
Monteleone. Fiera di San Felice.

Dove andare a mangiare casalingo, vicino a Cascia:

AZIENDA AGRITURISRISTICA COLLE DEL CAPITANO: cucina della casa; 2 appartamenti da affittare; 50 euro mezza pensione tutto l’anno.

 In località Colle del Capitano, TEL. 0743 70277.

Cena 25 euro con prodotti dei loro terreni; assaggi di antipasti, gnocchi di pane e farro, costolette di pecora alla brace, salatini, insalata, dolce al cucchiaio di ricotta.

Come arrivare:  da Monteleone di Spoleto (a sud di Cascia), verso Poggodomo, molto prima di Poggiodomo, si incontra  Colle del Capitano, comune di Cascia.

Museo che conserva la copia  della Biga Etrusca; all' interno del complesso monumentale di San Francesco.
Museo che conserva la copia della Biga Etrusca; all’ interno del complesso monumentale di San Francesco.

DORMIRE A MONTELEONE DI SPOLETO 

ALBERGO BRUFA, 3 stelle;  tel 0743 70.646/ 648. Camera  singola va da un min. di €. 35,00 ad un max di €. 50,00 inclusa sempre la colazione.

Mezza pensione: da un minimo di €. 45,00 ad un max di €. 58,00 in alta stagione in camera doppia.

-4 bellissime camere, con terrazzo,  godono di un magnifico panorama sulla vallata difronte del fiume Corno.

Albergo a gestione familiare con cucina tipica umbra e cibi solo locali e genuini.

Pernottamento e prima colazione : da un minimo di €. 60,00 ad un max di 80,00   www.hotelbrufa.it hotelbrufa@libero.it

Un albergo  accogliente, come la simpatica padrona di casa.

A Monteleone lo si incontra  poco prima delle mura del paese,  in direzione  Leonessa provenendo da Cascia.

UMB AZIENDA FAMILIARE CARI

 IL FARRO DI MONTELEONE:  

-un seme antico con Certificazione ICEA e riconoscimento DOP. Una famiglia che crede nei prodotti della natura non contaminati e con una grande storia.

DOVE ACQUISTARE IL FARRO DI MONTELEONE E I PRODOTTI DI UN PICCOLO AGRICOLTORE LOCALE: 

-FARRO, LENTICCHIE, MIELE, ZAFFERANO, FAGIOLI… A 1.000 METRI DI ALTITUDINE.

Azienda: DOLCI GIUSEPPINA. www.farrodimonteleone.it , tel. 074370112, cel. 3383953503

Indirizzo: MONTELEONE DI SPOLETO, LOCALITà TRIVIO, via Strada provinciale n° 85.

 —

SCHEGGINO.

Qui si ammirano le affascinanti fonti di Valcasana, uno spettacolo di freschi profumi e bagliori argentei.

Un parco acquatico è localizzato tra le rocce, gli alberi e le vasche di allevamento della trota Fario e gamberi di fiume.

Nella chiesa di San Nicola di Bari, vale la pena osservare l’affresco di Giovanni lo Spagna, seguace di Raffaello Sanzio.

La parte alta del paese comprende la torre medioevale e le mura perimetrali dell’antico castello.

Il Museo del Tartufo ne racconta la storia.

Merita la visita anche il bel Palazzo del Cardinal Fausto Poli, segretario di Papa Urbano VIII, nativo di Poggiodomo (Perugia).

Il cardinale fece costruire anche un’importante fonderia per estrarre il ferro delle miniere di Monteleone di Spoleto.

UMB SCORCIO 78

Monteleone. Complesso Monumentale di San Francesco.

 

VALLO DI NERA.

Merita in pieno la denominazione dei “BORGHI PIU’ BELLI D’ITALIA”, il paese di Vallo di Nera !

Un borgo sapientemente ricostruito dopo l’ultimo terremoto e ben mantenuto dalla sua popolazione.

Le chiese romaniche di S.Giovanni Battista e Santa Maria sono ricche di affreschi di notevole fattura.

Rinzerio Flammini, anziano pastore, presso la Casa dei Racconti e L’Ecomuseo allieta i visitatori con le sue storie di pastorizia e canzoni.

Castelluccio. Paesaggio.
Castelluccio. Paesaggio.

 CASTELLUCCIO DI NORCIA: dove si producono le famose lenticchie di Castelluccio.

 Il momento migliore per visitare questo borgo è certamente durante la fioritura dei papaveri e fiordalisi ( fine giugno/prima metà di luglio, secondo il clima dell’anno) che inondano di rosso e blu la vallata di fronte al borgo.  Avrete così modo di fare foto indimenticabili.

La notorietà di Sellano è strettamente legata alle lenticchie di Castelluccio e alla loro produzione.

Sella fu un castello  prevalentemente tardomedioevale e nacque in corrispondenza degli itinerari che attraversavano la Valle del Vigi per far comunicare la Valnerina con Foligno e  il Camerte, raggiungendo Spoleto attraverso la Via della Spina.

La strada si svolge tra verdi panorami e richiede un minimo di pazienza, da parte dell’autista, a causa delle numerose curve.

Albergo, ristorante , bar; in piazza, all’arrivo con l’auto in paese: “SIBILLA” www.sibillacastelluccio.com : una classica struttura degli anni ’70.

UMB CASTELLUCCIO MERCATO

 

Castelluccio. Coltivi.
Castelluccio. Coltivi.

 —

Norcia.
Norcia.
Norcia.
Norcia.

NORCIA, la patria di San Benedetto e del tartufo nero. 

-La sua cinta muraria è rimasta intatta dal XIV secolo.

-Norcia è una delle mete culinarie più ricercate d’Europa.

-Famosa per le sue norcinerie:  tradizionale lavorazionedella carne di suino.

-Il suo prosciutto è riconosciuto con il marchio IGP.

-Exatravel, Tour Operator locale, offre la possibilità di provare l’esperienza della ricerca del tartufo.

Tartufaio.

Il tartufaio con il suo cane.

-CASA BIANCONI, presso BIANCONI OSPITALITA’, c.so Sertorio 12, Norcia centro, è a disposizione di chiunque voglia seguire un corso di cucina, anche ad alto livello.

Norcia, B&B e scuola di cucina: www.saubercibumspc.com  www.exavel.com
Norcia, B&B e scuola di cucina: www.saubercibumspc.com www.exavel.com

SCUOLA DI CUCINA E B&B: vedi tutto su: www.saubercibumspc.com  www.exavel.com     info@bianconi.com 

Scuola di cucina.
Scuola di cucina.
Norcia, B&B e scuola di cucina: www.saubercibumspc.com  www.exavel.com
Norcia, B&B e scuola di cucina: www.saubercibumspc.com www.exavel.com
Norcia, cantina del B&B e scuola di cucina:
Norcia, cantina del B&B e scuola di cucina:
Norcia, B&B e scuola di cucina:
Norcia, B&B e scuola di cucina:
Norcia, un'azienda familiare, alberghi,  B&B e scuola di cucina. Vincenzo Bianconi. www.saubercibumspc.com  www.exavel.com
Norcia, un’azienda familiare, alberghi, B&B e scuola di cucina. Vincenzo Bianconi. www.saubercibumspc.com www.exavel.com
Norcia, B&B e scuola di cucina:
Norcia, B&B e scuola di cucina:
Palazzo Seneca, la targa del Relais & Chateaux.
Palazzo Seneca, la targa del Relais & Chateaux.
Chef di "VESPASIA", ristorante dell'hotel Palazzo Seneca. Relais & Chateaux.
Chef Flavio Faedi  di “VESPASIA”, ristorante dell’hotel Palazzo Seneca. Relais & Chateaux.
"VESPASIA", ristorante dell'hotel Palazzo Seneca. Relais & Chateaux.
“VESPASIA”, ristorante dell’hotel Palazzo Seneca. Relais & Chateaux.
"VESPASIA", ristorante dell'hotel Palazzo Seneca. Relais & Chateaux.
“VESPASIA”, ristorante dell’hotel Palazzo Seneca. Relais & Chateaux.

-Norcia è una cittadina dove la tranquillità e la privacy sono assicurate in ogni loro accezione.

Un albergo esclusivo della catena Relais & Chateau e un  ristorante, il “VESPASIA”, localizzati nel centralissimo Palazzo Seneca, un antico palazzo elegantemente ristrutturato. Qui il servizio conosce solo i livelli dell’eccellenza, ben riconosciuta da una raffinata clientela internazionale. www.palazzoseneca.com tel. 0039.0743.817 434

Gli arredi sono quasi interamente prodotti da abilissimi artigiani locali e l’architetto che ha lasciato l’impronta definitiva è Andrew Bowen Lerwill, uno straniero che ha deciso di vivere in Italia.

Norcia Hotel Palazzo Seneca. Realis & Chateaux.
Norcia Hotel Palazzo Seneca. Realis & Chateaux.

Lo chef è Flavio Faeli che prepara per i fortunati ospiti una cucina umbra rivisitata.

Il vino che abbiamo apprezzato:

Bianco: Conte della Vipera della cantina Antinori; della medesima località di produzione l’ottimo Cervaro della Sala, sempre Antinori.

Il Castello della Sala, eretto nel 1350 da Angelo Monaldeschi della Vipera, si incontra  a nord ovest di Orvieto, vicino al confine tra Umbria e Toscana e merita la visita. La tenuta, acquistata dal marchese Niccolò Antinori, insieme a  29 fattorie e 483 ettari di campi e boschi. All’interno di una bella fortezza medievale,  costruita a 400 metri di quota a guardia del sottostante fiume Paglia, si trova il centro dell’azienda. Sopra codesti terreni argillosi e fossiliferi il marchese Piero Antinori si è dedicato a diversi esperimenti enologici e di viticoltura. L’obiettivo era la massima qualità, raggiunta con l’attuale produzione di  vini innovativi in contemporanea ai grandi rossi. I nuovi vini bianchi, di straordinaria qualità e interesse,  hanno ricevuto, come il Cervaro della Sala, riconoscimenti nazionali ed internazionali. Al Castello della Sala si può mangiare con i proprietari, quello che c’è, e bere divinamente; poi acquistare direttamente dal produttore.

Rosso: Palazzo Armaleo, da Palazzone, campagna di Orvieto,  dove si trovano i vigneti, la cantina ed è anche possibile mangiare con i proprietari quello che è disponibile al momento. www.palazzone. com

STORIA DELLA NORCINERIA, IN BREVE:

Vespasia Palla, madre dell’imperatore Vespasiano, fece trasferire in zona alcuni arabi ed ebrei, che non mangiavano carne di maiale, proprio per lavorare le carni suine come l’imperatore aveva già appreso, dagli arabi, con salatura e stagionatura per altri tipi di carni.

VEDERE COME SI FABBRICA IL CIOCCOLATO E IMPARARE AD ASSAGGIARLO.

UMB CIOCCOLATO INSEGNA NORCIA

 

UMB CIOCCOLATO FUSO

CIOCCOLATERIA VETUSTA NURSIA, viale della Stazione 43, Norcia. www.norciaciok.it/     antonioverucci@tiscali.it

VETUSTA NURSIA è la scritta sulla Porta Romana di Norcia.

Qui si lavora come 200 anni fa. Il sistema produttivo è rispettoso dell’antica tradìzione anche se utilizza una moderna tecnologia.

La specialità è il TARTUFO, creato qui per la prima volta, con vero tartufo nero e cioccolato!

Il simpatico proprietario ricorda cosa gli disse un grande industriale del cioccolato: “Lei con i suoi metodi non farà mai tanti soldi”.

E lui, oggi, se ne vanta perché è orgoglioso della qualità dei suoi prodotti, veramente buoni.

UMB CIOCCOLATO MAGLIETTA

UMB CIOCCOLATO PADRONE

UMB ABBAZIA DI SA EUTRIZIO INSEGNA

UMB ABBAZIA SAN AUTRIZIO ROSON

L’abbazia di Sant’Eutizio, in Valcastoriana vicino a Piedivalle comune di Preci, è uno dei complessi monastici più antichi in Italia.

Quest’abbazia è ritenuta uno dei più importanti luoghi del monachesimo occidentale.

Fu visitata anche da San Francesco e San Benedetto.

All’inizio del V secolo qui giunsero dei monaci ed eremiti siriani, abitando in grotte artificiali, scavate in uno sperore detto pietra sporga.

Ogni grotta ospitava due monaci, un anziano ed un giovane apprendista eremita.

I locali si interessarono tanto a questa comunità che si unirono in una comunità abbaziale fondata da Santo Spes, maestro di San Benedetto da Norcia, di Sant’Eutizio e San Fiorenzio.

Il monastero fu fondato nel 470, dopo che Santo Spes aveva già eretto, nella valle, un oratorio alla Vergine Maria.

Fu così che la Valcastoriana divenne un importante centro benedettino.

Il 28 marzo 510, alla morte di Santo Spes, S. Eutizio ne prese il posto.

Più tardi la crisi demografica. che colpì l’impero romano, e la calata dei barbari causarono la totale distruzione dei villaggi.

-Rimase in piedi solo l’abbazia come unico rifermento per le popolazioni rimaste.

Durante l’alto medioevo l’abbazia ricevette numerose donazioni, il suo abate ottenne i diritti feudali.

I monaci ebbero così la possibilità di ampliare gli edifici e dotarsi di una ricca biblioteca e di uno scriptorium grazie al quale furono redatti importanti  codici liturgici che celebravano i valori benedettini di accoglienza e pietas.

-Qui venne redatta la Confessio Eutiziana, prima metà dell’XI secolo, che rimane seconda solo al Placito di Montecassino.

Dal 1180 al 1236  la struttura venne rinnovata ed ampliata grazie ad alcune donazioni.

Come in tutti i monasteri dell’epoca, anche qui si studiarono ed usarono le piante medicinali per alleviare i dolori degli infermi.

-Presso l’abbazia nacque la prestigiosa Scuola chirurgica preciana, rendendo la località di Preci assai famosa in Europa. 

Contemporaneamente venne emanata una legge che vietava agli ecclesiastici  di esercitare la professione medica; legge sancita nei concili del 1131 1 1215, ma nel frattempo i monaci avevano già istruito gli abitanti della zona per non disperdere la loro cultura in merito.

Nel XIII secolo l’età comunale iniziò a sottrarre terre anche all’abbazia.

Nel 1257 l’Abate Teodino II fu obbligato a rinunciare ai diritti feudali sopravvissuti.

Comunque l’abbazia non perse completamente il suo potere economico, tanto che si iniziò una serie di abbellimenti con pregevoli affreschi che, oggi, possiamo ammirare solo attraverso piccoli frammenti.

Nel secolo XIV unioni e scorporamenti si succedettero riguardo al Monastero di San Benedetto a Norcia.

Nel secolo XV anche i lanzichenecchi, di ritorno dal sacco di Roma,  insidiarono il potere dell’abbazia.

-Negli anni ’50, a causa del calo delle vocazioni, l’abbazia fu abbandonata ma, fortunatamente, gli oggetti più preziosi furono trasferiti a Roma per prevenire i furti.

Un prete della diocesi di Spoleto-Norcia, don Fabrizio Proietti, alla metà degli anni 80, non ancora trentenne, chiese di insediarsi nella struttura.  Ripulì con le proprie mani buona parte del complesso. Fortunatamente attirò l’attenzione delle comunità circostanti e delle istituzioni, che si trasformarono in  investimenti e donazioni private da tutte le parti d’Italia.

L’Abbazia divenne meta di campi di lavoro e offrì accoglienza in cambio di aiuto per ristrutturare l’insediamento. Così si svuotarono anche gli immensi sotterranei usati, negli ultimi due secoli, come discarica

Tornata agli antichi splendori ancora oggi l’abbazia è meta di studiosi, semplici viaggiatori e devoti.

Tra gli oggetti più preziosi ricordiamo una parte della famosa biblioteca, il calice e il breviario di San Carlo Borromeo.

LA CHIESA

Una sola navata, coro rialzato, presenta tratti di tre diversi interventi edili.

La zona mediana è la più antica, realizzata in pietra ponga, mentre le finestre hanno ancora gli strombi e i decori del primo medioevo.

Nella porta si vedono i frammenti altomedioevali recuperati durante il restauro.

La facciata mostra un bel rosone con simboli degli evangelisti, nel pieno stile romanico-spoletino, inoltre è da segnalare il portale ad incassi con scritta in latino sulla lunetta.

L’abiside fuoriesce dal recinto abbaziale e si articola in forma poligonale, in pilastri angolari che terminano in capitelli dai quali si dipartono archi ogivali.

L’edificio si presenta come pietra nuda, salvo qualche traccia degli antichi affreschi.

LE GROTTE

Le grotte sovrastano il complesso abbaziale e sono ancora conservate e visitabili.

LO SCIRPTORIUM E LA BIBLIOTECA.

Anche se molti testi non sono mai più ritornati nella biblioteca, tuttavia rimane quanto serve per comprendere l’alto livello del materiale qui prodotto nei secoli. 

UMB CRISTO SU ALTARE ABBAZIA

Abbazia di Sant’Eutizio, interno della chiesa, Nicola di Ulisse da Siena, legno dipinto, XV sec.

UMB INTERNO ABBAZIA

UMB ABBAZ SCRITTO O

UMB ABBAZIA SCRITTO FERRI

Fonte dell' acqua Tullia.
Fonte dell’ acqua Tullia.

IL CONVENTO DEI CAPPUCCINI DI SAN NICOLO’ DI ACQUA PREMULA IN SELLANO.

 Sellano:

Il comune di Sellano si trova lungo la valle del torrente Vigi.

La zona è disseminata di castelli, intesi come paesi, assai interessanti e opere d’arte.

Si può dire che da questo luogo tutta l’Europa abbia appreso l’arte di lavorare il ferro e l’acciaio.

Ancora oggi Villamagina, pochi chilometri dopo Sellano, vanta l’antica tradizione di produzione a mano di lime  e raspe per i più famosi scultori del mondo.

Da Cerreto di Spoleto, dopo Triponzo, sulla sinistra si vedono delle terme abbandonate , i Bagni di Triponzo, qui si incontra una pozza dove è possibile bagnarsi. Si spera in un pronto recupero di tanto valore.

In località Sant’Angelo si trova la famosa FONTE DELL’ACQUA TULLIA.

La visita alla fonte comprende anche il magnifico parco claustrale di uno dei primi conventi dell’ordine dei Frati Cappuccini e della bella struttura del convento, ora ben recuperata dopo il terremoto del 1997.

Il convento, che meriterebbe di essere trasformato in un prezioso B&B, comprende  diverse stanze con antico camino, un bel chiostro ed anche una chiesa con cripta.

Si narra che qui fosse l’eremo di San Severino.

Grandi vasche disseminate nel parco dimostrano come queste acque furono sfruttate dai frati per l’acquacoltura e per fini terapeutici già secoli fa.

Le acque servivano per la cura della calcolosi e cure idroponiche.

L’acqua che qui sgorga è un’acqua medio-minerale ad azione diuretica.

www.fontetullia.it  info@fontetullia.it  tel. 0743.961 48.

UMB SOTTO LA CHIESA DELLA FONTE II

Fonte dell'acqua Tullia. Cripta dell'antico monastero.
Fonte dell’acqua Tullia. Cripta dell’antico monastero.
Interno dell'ex Covento dei cappuccino alle fonti dell'Acqua Tullia.
Interno dell’ex Covento dei cappuccini alle fonti dell’Acqua Tullia.

OSTERIA IL CANEVARO: www.ilcanevaro.com  località Villamagina 15, tel. 0743.92 40.13; chiuso il martedì, cucina locale raffinata.

Preci.
Preci.

PRECI: UN GIOIELLO DI PAESE MGNIFICAMENTE RISTRUTTURATO E UN MUSEO DELLA CHIRURGIA PRECIANA.

Il museo della Chirurgia Preciana si trova a Preci, in Piazza Marconi n.°1. Il museo fu aperto nel maggio 2009 grazie alla collaborazione del comune di Preci con l’Università di Perugia e con La Sapienza di Roma.

Entrando nel museo si vedono  i ritratti di illustri dottori, di famosi pazienti e  alcune stampe di illustrazioni anatomiche.

Al piano inferiore si può ammirare la piantina che illustra la grande estensione europea della chirurgia preciana, inoltre  vi sono teche contenenti utensili e strumenti chirurgici utilizzati dai chirurghi preciani.

UMB MUSEO MEDICI PRESCIANA EDITTO

Preci.Museo della chirurgia preciana.
Preci.Museo della chirurgia preciana.

UMB MUSEO MEDICINA PRECIANA K

UMB MUSEO MEDICINA PRECIANA DIFFUSIONE EUROPEA

Preci: Museo della Chirurgia. Elisabetta I ne fu paziente per un intervento di cataratta.
Preci: Museo della Chirurgia. Elisabetta I ne fu paziente per un intervento di cataratta.

UMB PAESINO

Monteleone. Complesso Monumentale di San Francesco.
Monteleone. Complesso Monumentale di San Francesco.

UMB ATTENTI AL PADRONE

UMB 1

Monteleone. Complesso Monumentale di San Francesco. Chiostro, particolare.
Monteleone. Complesso Monumentale di San Francesco. Chiostro, particolare.

B&B Casale di Ginetto.
B&B Casale di Ginetto.

 

umb affresco 12

UMB AFFRECO 11

Monteleone. Complesso Monumentale di San Francesco.
.

 

Monteleone. Complesso Monumentale di San Francesco.
Monteleone. Complesso Monumentale di San Francesco.

 

 UMB FIORE PIS SELV FIRM

UMB FIORE VIOLROSA

Bacello di pisello selvatico.
Bacello di pisello selvatico.

UMB FIORI GIAL

umb fiori papaveri luce okok

UMB FIORI PAPAVERO 95

Leonessa, piazza.
Leonessa, piazza.

LEONESSA

Avendo del tempo a disposizione, da Monteleone di Spoleto, si può raggiungere Leonessa, al confine con il Lazio; in questo modo si allunga  il percorso, ma Leonessa merita la deviazione.

Ovunque parti dell’antica architettura richiamano la nostra attenzione.

Il paese è rimasto intatto, con ristrutturazioni non vistose.

-La gente è cordialissima; una signora ci ha indicato un negozio alimentare nella parallela della strada principale, produttore di salumi. Qui abbiamo trovato il miglior prosciutto della zona e altri prodotti a buon prezzo.

DORMIRE A LEONESSA:

Affittacamere: RAUCO, sulla strada principale nel negozio del Tabaccaio; tel. 0746.92 00 38 www.leonessaaffittacamere.it  cristinadilor@tiscali.it 

Leonessa, la porta.
Leonessa, la porta.
Leonessa, campanile a vela.
Leonessa, campanile a vela.
Prosciutto locale.
Prosciutto locale.
Leonessa.
Leonessa.

—-

Ulteriori informazioni:

Se organizzate una vacanza in Umbria, ricordatevi anche del FESTIVAL DEI DUE MONDI DI SPOLETO; ogni anno intorno al 28 giugno/14 luglio. In questo periodo è  alta stagione, ma l’atomosfera che si respira è internazionale e di alto livello culturale.

Purtroppo abbiamo verificato che durante le fiere, può capitare che acquistando dal produttore mezzo chilo di farina di farro di una certa marca si spendano ben 3,50 euro; la medesima marca in un negozio di alimentari è stata acquistata per 2.50 euro; un  rincaro di 1 euro è veramente troppo per presentarsi a una fiera paesana. Purtroppo questo tipologia di prezzi alti l’abbiamo rilevata in molte altre fiere in talia.

L’acquirente dovrebbe evitare di acquistare senza rendersi conto di quanto stia pagando; con mezzo chilo di farina si possono fare 4/5 panini, più le spese del lievito, del forno e la manodopera, quel pane costa molto di più di quello acquistato in  panetteria come pane speciale.

 UN’ALTRA UMBRIA.

ORVIETO UNDERGROUND: www.orvietounderground.it ; speleotecnica@libero.it

Forse meno visitata di Perugina, Orvieto offre ad ogni visitatore un che di speciale e indimenticabile.

Senza bisogno di mura difensive, la città è sempre stata difesa dalla rupe in cima alla quale è stata progettata molto liberamente. Passeggiando per Orvieto ad ogni angolo si incontrano le impronte della storia accalcate una sull’altra per lo scarso spazio disponibile.

Le prime testimonianze di vita sulla rupe risalgono all’età del ferro, successivamente gli Etruschi vi si insediarono stabilmente e la trasformarono in una città: Velzna.

Nel 264 a.C. Velina venne invasa e rasa al suolo dai romani.

Abbandonata sino al VI sec.d.C., con le invasioni barbariche torna ad essere luogo di insediamento.

Nel 1137 viene istituito il Comune, periodo che avrà il suo massimo splendore tra il XIII ed il XIV secolo.

Debilitata tra fazioni filo-papali e filo-imperiali e dalla peste nera del 1348, Orvieto si propone all’età moderna con una debole Signoria. Annessa poi allo Stato Pontificio inizia a rifiorire nei secoli XIV e XV quale residenza di molti pontefici.

 La facciata del Duomo, costruito a partire dal 1290 ed arricchito durante i cinque secoli successivi, offre a seconda della luce uno spettacolo differente ed indimenticabile.

La sera le luci della pianura sottostante danno la sensazione di vivere in un presepe.

in realtà Orvieto è molto di più, a voi scoprirlo.

 www.umbria2000.it ; info@iat.tr.it ; tel 0763. 341 772

SPELLO

info@iat.foligno.pg.it ; tel.0742.354 459

 Di Spello si potrebbe parlare a lungo e scoprire quanto sia interessante visitare un piccolo centro meno pubblicizzato, ma forse ancora più affascinante di altre località più note.

Chiunque sia stato a Spello il giorno del Corpus Domini ha un motivo in più per non dimenticare mai questa località. Le artistiche infiorate di Spello si snodano per oltre un chilometro in un susseguirsi di tappeti floreali ispirati ai vari temi religiosi che celebrano il Gesù dell’Eucarestia.

www.umbriajazz.com; info@umbriajazz.com; tel 075.573 24 32

Grandi pittori, poeti e scrittori, tra i quali Byron e Carducci hanno esaltato le bellezze della verdissima Umbria. In particolare quegli specchi d’acqua dai colori cangianti che sono le Fonti del Clitunno.

 La Cascata delle Marmore fu ideata nel 271 a.C. dal console M.Curio Dentato al fine di bonificare la pianura reatina.

I viaggiatori del Gran Tour, che furono i precursori del turismo moderno, conoscevano bene queste mete già nel ‘700.

ww.umbria2000.it;  info@apt.umbria.it

via Mazzini 21, 06100 Perugia; tel.075 575 951

consorzioumbriasi@yahoo.it ;tel 075. 505 87 92

Cosa offre l’Umbria dal punto di vista artistico è noto, ma questa regione è in grado di stupire anche per il suo ambiente incontaminato e per molti altri aspetti, forse meno noti.

Grotte: dove ascoltare l’ormai famosissimo Umbria Jazz, la favolosa cucina del tartufo, un olio straordinario, ma anche una scuola del cioccolato.

Perugia, anche con lezioni di Equoscuola, dedicate al cioccolato equosolidale e poi le realtà economiche anche di Vietnam, Cuba, Bolivia, Papua…! Inoltre: sculture di cioccolato,degustazioni, scuola di cucina per tutti professionisti e non www.eurochocolate.com, info@eurociocolate.com, tel 075. 502 58 89

E poi, durante l’arco dell’anno:

SAGRA DEL TARTUFO

SAGRA DELLE CASTAGNE

SAGRA DEL FUNGO…. VEDI LE DATE IN INTERNET: Umbria, fiere, sagre in Google

DOVE DORMIRE low cost:

B&B IL CANTO DELL’ASINO (sulle colline tra Gubbio e Perugia)  www.ilcantodell’asino.it tel. 075.920 185 cel 328.957 5670 singola € 30-35, doppia € 40-70, con squisita e abbondante colazione dolce e salata. Qui vi attende una simpatica coppia di musicisti di Bolzano, la casa è un sogno come il panorama e tutto il territorio circostante. Anche la cortesia è garantita. Proibito ai non amanti degli animali.

Due buonissimi cani vi attendono all’ingresso insieme al gatto di famiglia. Un bel giardino vi garantirà il riposo e uno splendido panorama.

 Hotel El Patio loc. Taverne di Conciano (Pg)  arrivo domenica  2 notti:  da 89€  per persona in doppia o tripla e quadrupla panoramic, alta stagione 135€ a persona, bambini gratis, compresa la mezza pensione e colazione a buffet, vino e acqua, piscina acqua salata,parcheggio gratis. www.hotelpatio.com

B&B “SEBASTIAN’S PLACE”: www.sebastianplace.it tel 075. 92 03 59 info@sebastianplace.it Località Carpiano 34, Gubbio (PG), vicino a Gubbio, ma lontano dal mondo del traffico, su una collina panoramica dove si gode di indimenticabili: quiete, tramonti e cieli stellati,

2 pensieri su “UMBRIA, LA CULLA DELLA CIVILTA’ ITALICA; ANGOLI INCONTAMINATI.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− 1 = otto


*