Breve storia del Parco Nazionale Gran Paradiso e splendide foto

gran-paradiso-1a

gran-paradiso-1b

MONTAGNA COGNE 672 PANORAMA IMG_6685

COGNE CASCATA ARCOBALENO

Cogne, cascata di Lilliaz.
Cogne, cascata di Lilliaz.
COGNE, insegna giardino botanico.
COGNE, insegna giardino botanico.

autunno COGNE

COGNE GIARD BOTAN X

I custodi del Paradiso

Sono uomini e donne appassionati, non temono il freddo e la fatica, dal lavoro dei guardaparco dipende la salvaguardia e il monitoraggio dell’area protetta più antica d’Italia, il Parco Nazionale Gran Paradiso.

Era il 5 agosto 1947 quando un decreto legislativo istituiva l’Ente Parco Nazionale del Gran Paradiso, l’organo a cui è affidata la gestione del Parco nazionale Gran Paradiso (area protetta costituita con un regio decreto-legge il 3 dicembre 1922).

Il Corpo di Sorveglianza, creato nel 1947, è in qualche modo la prosecuzione ‘naturale’ delle Gua rdie Reali, figure istituite con la nascita della Riserva Reale di caccia del 1856.

In questi 70 anni, il lavoro attento e costante dei guardaparco ha evitato l’estinzione dello stambecco, animale simbolo del PNGP, ha permesso la salvaguardia della straordinaria biodiversità che abita le valli del Gran Paradiso, ha contrastato il fenomeno del bracconaggio attraverso un monitoraggio quotidiano e ha offerto un servizio attento e puntuale alle comunità locali e ai turisti.

 Nella loro attività quotidiana, i guardaparco sono spesso accompagnati dai loro cani, compagni fedeli e utilissimi in molte occasioni, come il reperimento di animali feriti e l’individuazione e il soccorso di vittime delle valanghe.

Importante il ruolo a supporto della ricerca scientifica svolto dall’Ente Parco con la partecipazione diretta alle attività insieme al Servizio scientifico dell’Ente ed i suoi ricercatori.

Nel periodo invernale i guardaparco svolgono anche attività di monitoraggio in quota: i rilievi nivo-metereologici, i controlli delle fronti glaciali e le verifiche delle attività valanghive richiedono, oltre a specifiche conoscenze tecniche, capacità di spostamento anche in condizioni meteo proibitive.

Qualche curiosità

Il calendario 2017 del PNGP è interamente dedicato alla figura del guardaparco: disponibile in formato da tavolo 11×16 cm al prezzo di 6 euro e da muro (formato chiuso A4, aperto A3) a 9 euro, il calendario è in vendita presso le sedi del Parco di Torino ed Aosta e nei centri visitatori

Perché lo stambecco è stato scelto come simbolo del Parco?

Perché è stata proprio questa specie la prima ad essere interessata dalle attività di protezione nel territorio del Gran Paradiso, orami 161 anni fa.

Un tempo il sistema tradizionale per l’osservazione della fauna consisteva nell’appoggiare il cannocchiale al bastone tipico denominato ‘canna’; oggi vengono utilizzati i più comodi e agili binocoli, accessorio insostituibile per lo svolgimento dell’attività di osservazione e monitoraggio degli animali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


8 − = sette


*