È morto Zygmunt Bauman – COS’ E’ LA SOCIETA’ LIQUIDA – Teorizzò sulla solitudine e le violenze del mondo globale

Zygmunt Bauman, scomparso all’età di 91 anni, è considerato un grande filosofo e sociologo polacco.

Il suo nome fa parte dell’Olimpo dei massimi intellettuali contemporanei.

Bauman, nato a Poznan in Polonia nel 1925, viveva e insegnava a Leeds, in Inghilterra.

Per Bauman, la società contemporanea sociale e politica, è “liquida”, ovvero sfuggente a ogni catalogazione di destra o sinistra.

Gli attuali problemi dell’uomo, per Bauman, sono  dovuti alla globalizzazione, alle dinamiche consumistiche, al crollo delle ideologie.

Il risultato è un assoluto spaesamento dell’individuo e la sua esposizione a tutte le “violenze” della società contemporanea, una paurosa incertezza del futuro, che portano alla “solitudine del cittadino globale” (titolo di un suo libro).

Ecco alcune sue parole di una recente intervista a La Repubblica: “Sono tutti segnali: stiamo precipitando, in maniera graduale ma inarrestabile, in una sorta di stanchezza della catastrofe”.

Le ossessioni dell’uomo moderno secondo Bauman di fronte ai grandi cambiamenti; senso di inadeguatezza, ignoranza, impotenza, abuso della ricchezza e della tecnologia, grandi ingiustizie  … come già aveva annunciato Marcuse.

La tecnologia è così potente che possiamo agire a grande distanza di tempo e spazio; ma la nostra immaginazione è ancora a livello di Adamo ed Eva… quindi non siamo in grado di capire le conseguenze future di quello che facciamo ora. Ci sentiamo schiacciati da forze che sono oltre la nostra portata.

L’opinione pubblica è portata a chiedere leader populisti: la voglia di trovare qualcuno che sappia dove è la paura e sostenga di poterla governare. Così, nasce il populismo.

COS’ E’ LA SOCIETA’ LIQUIDA: 

Società e modernità liquida; siamo persone moderne nel senso che siamo trasgressivi, vogliamo cambiare le cose, siamo dipendenti compulsivamente dalla modernizzazione, la modernità spinta all’estremo … liquido in chimica è il corpo che non mantiene la propria forma… da qui l’atmosfera di incertezza.

Quello in cui credevi ieri non conta più, devi ricreare una strategia di vita, sempre più frequentemente … questa costante caccia alla nuova realtà impone di reimparare il nuovo in continuazione … reiventarsi il lavoro, lo stile di vita; imposizione di un cambiamento continuo … crollo dei principi in cui abbiamo creduto … porta a incertezza e insicurezza, paura e isolamento.

———–

Bauman non piaceva a molti. Infatti Bauman fu un intellettuale in prima linea a favore dell’accoglienza dei profughi e dei migranti scappati dall’orrore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


2 × = quattordici


*