Cina sconosciuta – Villaggio matriarcale e discendenti legione romana !

CINA

Due destinazionio, che non rientrano nei tour dei viaggi turistici, ma meritano tutta l’attenzione del vero viaggiatore.

LUOSHUI (落水), villaggio matriarcale dello Yunnan

Villaggio della provincia sud-occidentale dello Yunnan, nella contea di Ninglang; sulle sponde del lago Lugu (泸沽湖).

Il villaggio di Luoshui è diviso in due parti:

-la sezione occidentale presenta costruzioni  basse e antiche

-la sezione orientale, più turistica, si incontrano edifici più alti e moderni.

Da segnalare che tutte le abitazioni sono in legno: per temperature fresche in estate e che resistono molto bene ai terremoti.

 Luoshui è nota come il “villaggio delle donne”, qui si incontra una delle ultime organizzazioni sociali matriarcale e matrilineari.

Il nome della donna più anziana, da il nome a tutto il clan, la madre del clanviene normalmente aiutata dal fratello nella gestione degli affari.

La proprietà della casa e della terra, sono ereditati dalle donne, mentre il potere politico rimane nelle mani degli uomini.

La scelta del partner avviene attraverso delle specifiche danze in onore della dea dell’Amore.

I prescelti possono andare dalla  donna, che lo ha scelto, nella sua camera da letto la medesima, ma la lascerà all’alba. Questo comportamento in Cina si chiama zou hun (走婚).

In questo modo, le donne e gli uomini vivono ognuno per conto proprio con i loro clan di origine.

A causa di queste inusuali abitudini sessuali, a lungo le donne mosuo sono state dipinte come libertine.

La verità è che la loro tradizione prevede che le donne possano cambiare compagno a proprio piacimento. Ma la tendenza più diffusa è quella della “monogamia seriale”; ovvero, mantenere una relazione stabile con una persona per lungo tempo o per tutta la vita.

DA LEGGERE: di Luoshui si parla  in “Il Regno delle Donne” (edito da Nottetempo, 2013), resoconto del medico e fotoreporter argentino Ricardo Coler che visse alungo nella zona.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Cinesi “bianchi” che discendono dalla legione romana perduta
Prigionieri nel cuore dell’impero, dopo la sconfitta di Carre, fondarono la città di Liqian

I loro discendenti hanno, ancora oggi, tratti somatici europei

LIQIAN nel Gansu, è la località dove,  pare, si sia fermata un’ antica legione romana; comunque qui si è trovato del dna simile a quello dei romani che prova la discendenza.

 Capelli biondi, o rossi, occhi verdi e pelle chiara; li si ricnosce subito che non hanno tratti cinesi. Così appaiono numerosi abitanti di Liqian, provincia di Gansu ai margini del deserto. Si tratterebbe dei discendenti dei legionari dispersi quasi 2000 anni fa in Asia centrale; dopo la sconfitta dell’esercito di Marco LicinioCrasso contro i Parti a Carre (oggi Harran, in Turchia).

Lo storico romano Plutarco scrisse, in “ViteParallele”, come 5000 legionari sfuggirono alla morte nello scontro con i Parti, ma non tornano mai a Roma. E’ stato così ipotizzato che questa parte dell’esercito sia stata trasportata in prigionia verso oriente. Non ci sono prove archeologiche, ma prove genetiche.

La teoria è supportata dal professore di storia cinese di Oxford, Homer Dubs con il suo libro “A Roman city in ancient China“, basandosi su Plutarco, Plinio e scritti della dinastia cinese 25-220 d.C.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


9 × tre =


*