NOI DONNE INGIUSTAMENTE OSSESSIONATE DALLA TAGLIA.

COVER NEFERTITI germania 2005 250

A CAUSA DI UN’IMMAGINE DISTORTA DELLA DONNA IDEALE,  SPENDIAMO ENORMI CIFRE IN PRODOTTI, SERVIZI E ABITI CHE, A VOLTE,  NON SERVONO A NULLA O NON CI DONANO PIU’ CHARME.

Perché una donna formosa non può sentirsi bella?

Il cinema, i giornali e la televisione ci rimandano continuamente ad un ideale di donna che non corrisponde alla media reale. Ed è proprio su quest’ultima caratteristica che si è sviluppato un mercato e un’ideale che possono arrivare ad ossessionarci; addirittura farci vivere con la convinzione di non essere belle solo perché non corrispondiamo a quei cliché che ci voglio imporre.

Perché le donne non si ribellano?

Evidentemente la macchina che ci deve convincere su cosa è bello funziona fin troppo bene.

Ne è la prova il fallimento totale del progetto del famoso stilista Marc Jacobs che avrebbe dovuto creare una linea per donne “plus size”. Altro esempio negativo quello di un ufficio stampa di una notissima sartoria che ha invitato il personaggio, piuttosto in carne, che indossava un loro modello su misura, a non dichiarare pubblicamente il nome della sartoria!

Attenzione alla dipendenza da magre-per-forza.

Anni di palestre non sempre fanno bene alla salute, specialmente se forzate troppo la muscolatura (poi quando mai avrete il tempo di mantenerla per tutta la vita? E allora saranno grandi muscoli  cadenti…). Non dimenticate che le grandi palestre non sempre cambiano i filtri dell’aria condizionata e, vista l’iperventilazione da sforzo, forse è meglio una passeggiata nel parco.

Per non parlare del ricco mercato di punturine  e chirurgia estetica … che impoverisce le donne con meno disponibilità economiche e le lascia a volte peggio di prima ….

Ogni mamma e nonna dovrebebro spiegare che è molto più gratificante e arricchente spendere in un bel viaggio o in libri, che investire in prodotti che non vi faranno mai più bella o chirurgie che potrebbero anche rovinarvi …

Vedi anche al seguente link di questo giornale: http://www.donnecultura.eu/?p=3224

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*