SLOVENIA PARADISO DEI BUONGUSTAI

SLOVENIA: PARADISO DEI BUONGUSTAI

SLOVENIA: PARADISO DEI BUONGUSTAI
Venite a provare la “nuova cucina slovena”!
Scoprirete veri e propri artisti che, partendo da ingredienti locali tradizionali, hanno saputo creare una cucina d’autore degna di prestigiosi riconoscimenti internazionali.

Se amate conoscere il mondo attraverso la buona cucina, vi fermerete in Slovenia più a lungo di quanto abbiate progettato. Nel cuore verde d’Europa, infatti, la buona cucina è di casa. Dai bistrot ai ristoranti, passando per gli agriturismi, potrete scoprire ben 170 piatti caratteristici, la cui peculiarità è quella di essere preparati con ingredienti locali: gli ortaggi e i cereali dei campi, i frutti selvatici dei boschi, la carne e i prodotti caseari dei pascoli, il miele delle api slovene, famose in tutto il mondo. Se poi a lavorare questi ingredienti freschi sono rinomati Chef di fama internazionale… non resta che dire Buon appetito!!!

Ana Roš, Best Female Chef del Mondo 2017

Membro del collettivo di chef Gelinaz, nominata dall’associazione Jeunes Restaurateus d’Europe “Miglior talento nel 2015”, l’unica donna tra i famosi chef di Cook it Raw ed uno dei 6 chef della serie Chef’s table di Netflix: la principale ambasciatrice della cucina slovena è niente di meno che la chef donna migliore del mondo. Ana Roš crea i propri capolavori nella sua casa di campagna a Kobarid (Caporetto), nella valle dell’Isonzo, a pochi chilometri dal confine con l’Italia. Il ristorante Hisa Franko, letteralmente “La Casa Franko”, è di proprietà del marito Valter Franko, che si occupa di rifornire le cantine con il favoloso vino del Collio sloveno. Funghi, erbe selvatiche, fiori, nocciole, noci, castagne e mele rigorosamente di stagione e poi messe subito in padella per preservarne succhi, sapori e olii essenziali. E poi le trote delle acque turchesi dell’Isonzo, dove il pesce d’acqua dolce supera di gusto e di qualità quello di mare. Ana è apprezzata per la sua grande capacità di raccontare, attraverso i suoi piatti, una zona di confine ricca di influenze etniche molto diverse, e di valorizzare la valle del fiume Isonzo in ogni sfumatura.

Janez Bratovž

Chef di fama mondiale, Bratovz è sempre stato motivato dal suo forte desiderio di trovare la perfezione. Le sue creazioni culinarie sono audaci e originali, per un’esperienza culinaria completamente nuova. I piatti di JB – questo è anche il nome del suo ristorante nel centro di Lubiana – sono il risultato di ingredienti freschi che provengono direttamente dal mercato degli agricoltori di Lubiana. Impossibile non rimanere incantato davanti alla loro presentazione e al particolare gusto primordiale che deriva dalla combinazione unica della cucina mediterranea, francese e tradizionale slovena. Questo chef, che scommette sulla fusione degli elementi di terra, acqua, aria e fuoco, e sui sapori dolci, salati, acidi e amari, è il cuore del JB Restaurant, tra i primi 10 ristoranti consigliati dalla guida San Pellegrino’s Top 100 World’s Best Restaurant.

Tomaž Kavčič, chef europeo più innovativo del 2017

Cuoco di quarta generazione, ha ereditato l’amore per la cucina dalle donne di casa, soprattutto dalla madre Katja, ultima matrona di una dinastia di cuoche dal 1897. Dai tempi della trattoria dei suoi avi le cose sono molto cambiate, ma Kavčič, spostandosi dalle colline di Gorizia al castello di Zemono, ha portato con sé tutta la passione per i sapori genuini della valle del Vipacco (Vipava) e per le ricette tradizionali. Finora l’unico sloveno a ottenere il prestigioso riconoscimento italiano Cuoco d’Oro, Kavčič è conosciuto per la sua tecnica rivoluzionaria della piastra di sale, che gli consente di utilizzare il sale integrale delle saline di Pirano per cucinare pesce e carne, una cucina pura e genuina che utilizza materie prime locali di grande qualità, dagli scampi dell’Adriatico al tartufo bianco istriano, dal guanciale d’orso alla Rosa di Gorizia. Kavčič, con il suo Ristorante Pri Lojzetu, è stato tra i pionieri del movimento Slow Food Slovenia ed è stato nominato Chef europeo più innovativo del 2017dall’Associazione giovani ristoratori JRE (Jeunes Restaurateurs).

E DOPO CENA… UN PO’ DI RELAX ALLE TERME SNOVIK

Prezzo: a partire da 48,00€ a persona in camera doppia con trattamento di mezza pensione (minimo 2 notti)

Il pacchetto include: Pernottamento con mezza pensione per persona o affitto di appartamento 2+2 – Acqua termale da bere – Bagno illimitato nelle piscine termali – Bagno notturno ogni mercoledi, venerdi e sabato – 2x al giorno ginnastica in acqua – Ricco programma d’animazione e sportivo (percorso attrezzato e fitness all’aperto) – Noleggio gratuito di bastoncini per la camminata nordica – 1x ingresso gratuito alle saune – Wi-fi – Buono wellness di 5 €

Info e prenotazioni:
info@terme-snovik.si

VACANZE NATURA E DELLA CREATIVITÀ – MONTAGNA A FALCADE

LA MONTAGNA PER GLI AMANTI DELLA NATURA E DELLA CREATIVITÀ: IL GIARDINO DELLE FORMICHE DI FALCADE SI ARRICHISCE DI UN’ESPOSIZIONE DI OPERE DI ARTISTI LOCALI
Nasce così il “Bosco degli Artisti

 

19 luglio 2017, Falcade (BL) – Una nuova interessante esperienza aspetta i turisti che quest’estate saliranno in quota con la cabinovia Falcade-Le Buse. Il Giardino delle Formiche di Le Buse, splendida terrazza panoramica sulle Dolomiti che si trova a quota 2000 metri sopra Falcade, è stato infatti impreziosito dall’abilità creativa di diversi artisti locali ispirati dalla bellezza e dalle tradizioni del territorio.

Le opere, posizionate lungo la splendida e facile passeggiata che porta alla scoperta della Formica Rufa mostrando da vicino i suoi grandi e complessi formicai e la flora che caratterizza l’ambiente alpino dolomitico, si rivelano una dopo l’altra agli occhi dei visitatori mentre arte e natura si fondono insieme.

Nasce così il “Bosco degli Artisti” galleria a cielo aperto che valorizza il lavoro degli scultori e dei pittori della Val Biois in un contesto fortemente suggestivo.

Un’esposizione permanente e in continua evoluzione visto che alle opere di Walter De Biasio, Lucio Groja, Mauro Michelotto, Franco Murer, Dunio Piccolin e Sante Piccolin se ne aggiungeranno presto molte altre.

Per chi ama i panorami dolomitici, a Le Buse sono presenti anche tre punti d’osservazione attrezzati con panchine e cannocchiali realizzati in ferro battuto con inciso il nome della montagna a cui puntano: perfetti se si desidera godere al meglio delle meravigliose vette che circondano la valle.

Info e apertura impianti su www.skiareasanpellegrino.it

Finocchiona IGP continua a conquistare sempre più palati

La Finocchiona IGP continua a conquistare sempre più palati sul mercato italiano e consolida la sua presenza all’estero.

A dirlo sono i dati riferiti alla produzione nel primo semestre del 2017, che confermano un trend molto positivo già emerso tirando le somme del 2016. Nel primo semestre del 2017, i chilogrammi di prodotto insaccato sono stati oltre 870 mila, con un aumento di circa il 38 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, mentre la quantità di Finocchiona IGP certificata ed immessa sul mercato per il consumo è cresciuta del 40,3 per cento trovando una spinta dovuta anche alla produzione degli ultimi mesi del 2016. Segno più anche per il prodotto porzionato e confezionato sottovuoto, con un incremento del 53,1 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, mentre la performance più rilevante è registrata dalla Finocchiona IGP affettata e confezionata in vaschetta, più che raddoppiata rispetto ai primi sei mesi del 2016.

Già oltre 1 milione e 200 mila pezzi confezionati con un incremento dei quantitativi del 258,1 per cento, tradotto in un aumento del numero di pezzi confezionati pari al 289,1 per cento e pertanto in maggiori vendite sia in Italia che all’estero. Numeri e percentuali che, sotto il profilo economico, stimano per i primi sei mesi dell’anno un valore di oltre 5,2 milioni di euro alla produzione e oltre 9,1 milioni di euro alla vendita.

Produzione nelle province toscane. Da un’analisi della produzione divisa per province, inoltre, emerge che Siena è ancora la capofila, con oltre 291 mila chilogrammi di prodotto insaccato, seguita da Arezzo con circa 279 mila e Firenze con quasi 237 mila. Nel prodotto certificato IGP ed immesso sul mercato, invece, spicca il capoluogo regionale, con oltre 227 mila chilogrammi grazie alla spinta produttiva degli ultimi due mesi dello scorso anno, seguito da Siena, con oltre 225 mila, e Arezzo, con quasi 215 mila. Seguono con valori minori ma sempre significativi, le province di Grosseto, Pisa, Lucca, Pistoia e Prato.

Finocchiona IGP piace sempre più anche all’estero. Sul fronte dell’export, i segnali dei primi mesi del 2017 confermano un crescente interesse verso lo storico e tipico salume toscano, con dati molto positivi in Germania, Inghilterra e Svezia, i primi tre Paesi nel consumo di Finocchiona IGP in Europa, mentre negli altri continenti il prodotto piace sempre più in Nuova Zelanda, Giappone e Canada.

“I dati molto positivi del primo semestre 2017 – afferma Alessandro Iacomoni, presidente del Consorzio di tutela della Finocchiona IGP – sono il frutto dell’impegno quotidiano di tutti i nostri soci, che ringrazio per la passione con cui, ogni giorno, ricercano la massima qualità della Finocchiona IGP in ogni fase della sua filiera e produzione, dalla scelta delle materie prime al prodotto finito, puntando a offrire ai consumatori un salume autentico e unico nel suo sapore, legato alla tradizione della Toscana. I primi sei mesi del 2017 saranno uno stimolo importante per continuare a lavorare in questa direzione e fanno ben sperare per una crescita altrettanto positiva nella seconda parte dell’anno. L’obiettivo che ci poniamo è chiudere cercando di confermare il trend positivo dell’anno in corso, sfruttando anche l’incremento produttivo che accompagna solitamente il periodo delle Feste di fine anno”.

Il primo semestre registra ancora la crescita di produzione. Forte incremento del prodotto affettato 
Finocchiona IGP è boom di consumi: in un anno aumenti del 40 per cento
Nel primo semestre del 2017 sono 870mila i chili di prodotto insaccato. Un mercato che, alla vendita, vale oltre 9 milioni di euro

“Il primo semestre 2017 – aggiunge Francesco Seghi, direttore del Consorzio di tutela della Finocchiona IGP – ha portato avanti un trend positivo già emerso dai dati economici e produttivi riferiti al 2016. Questo risultato non era scontato e conferma l’importanza di promuovere e far conoscere sempre più, su vari canali e raggiungendo target diversi, il nostro prodotto e le caratteristiche che lo rendono un insaccato unico, toscano, legato da sempre a una terra di carattere e ricca di storia, cultura e prodotti tipici. E’ in questa direzione che continueremo a lavorare partecipando a fiere ed eventi internazionali, potenziando la collaborazione con altri Consorzi e investendo energie e risorse in comunicazione. Non dobbiamo poi scordare l’importante lavoro di tutela della denominazione che stiamo portando avanti su più fronti: la lotta alle imitazioni ci vede impegnati in prima linea per tutelare la Finocchiona IGP, i suoi produttori e dare garanzie ai consumatori”.

 

Arte a San Pietroburgo – Anselm Kiefer – For Velimir Khlebnikov

Anselm-Kiefer-fates-of-nations-mostra-a-San-Pietroburgo-2017 ;particolare.
Anselm-Kiefer-Battles-of-sea; particolare.

Anselm Kiefer

For Velimir Khlebnikov

Sino al 3 settembre 2017

Hermitage – Palazzo d’inverno

www.hermitagemuseum.org

Per la prima volta in Russia, il Museo Statale dell’Ermitage inaugura una mostra personale di uno dei più famosi artisti contemporanei, Anselm Kiefer.

La mostra è organizzata in collaborazione con la tedesca Galerie Thaddeeus Ropac.

Lo spazio espositivo è la grande Sala Nikolaevsky; il gran salone da ballo nella residenza ufficiale degli Zar.

Sono  ben trenta le opere inedite; tutte ispirate alla visita a San Pietroburgo, compiuta dall’artista nel 2016, e dedicate, da Anselm Kiefer, all’amico e poeta folle, Velimir Khlebnikov.

Khlebnikov nacque nel 1885 e morì giovanissimo nel 1922 per consunzione; come vuole la tradizione dei poeti maledetti.

 

Arte a Montecarlo – La città proibita – Reperti dal mondo

 

Sino al 10 settembre 2017

La vita alla corte degli imperatori e imperatrici cinesi, in particolare l’ultima dinastia imperiale Qing

Il progetto espositivo pone speciale attenzione  alla personalità degli imperatori Qing; in particolare sui sovrani Kangxi (1662‐1722), Yongzheng (1723‐1735) e Qianlong (1736­‐1795), che rappresentano il punto più alto della cultura cinese.

LA CITTÀ PROIBITA A MONACO. LA VITA ALLA CORTE DEGLI IMPERATORI E DELLE IMPERATRICI DELLA CINA

Dopo il grande successo della mostra “La Cina del Primo Imperatore” del 2001, il Grimaldi Forum ha organizzato per l’estate 2017 una nuova mostra sulla Città Proibita.

La Città Proibita a Monaco. La vita alla corte degli imperatori e delle imperatrici della Cina, nasce dalla collaborazione tra i due curatori:

-Jean‐Paul Desroches, Conservatore generale onorario del Patrimonio, e Wang Yuegong, Direttore della sezione delle Arti del Palazzo, per il Museo del Palazzo Imperiale.

Oltre 250 oggetti d’eccezione provenienti dall’antico palazzo dei sovrani cinesi e da grandi collezioni europee ed americane: Musée Cernuschi, Musée du Louvre, Victoria & Albert Museum di Londra, Musées royaux d’Art et d’Histoire di Bruxelles, Arthur M. Sackler Gallery di Washington.

IL VISITATORE RIMANE STUPITO

Il visitatore è trsaportato attraverso le sale del Palazzo, sino ai giardini della Città Proibita; dal Tempio del Cielo, alla sala del trono, dal tempio buddista al padiglione del té…. Una vera immersione nel cuore della storia di una civiltà plurimillenaria.

LA CITTA’ PROIBITA

La Città Proibita è uno dei complessi storico-artistici più prestigiosi al mondo e il sito più visitato in assoluto con circa 10 milioni di visitatori all’anno; palazzo e al tempo stesso un museo.

La Città Proibita, fu eretta tra il 1406 e il 1420 per volontà del terzo imperatore della dinastia Ming e fu, per tre secoli,   culla del potere per gli imperatori Manciù.
Il pubblico potrà ammirare i pregevoli oggetti esposti che attestano i vari ruoli dell’imperatore: ritratti, costumi di apparato, arredi, oggetti preziosi, strumenti scientifici, alcuni dei quali annoverati tra i “tesori nazionali”.
Per ricordare un aspetto importante della cultura del popolo Manciù, il cui potente esercito delle Otto Bandiere conquistò la Cina a partire dal 1644, anche le imprese militari degli imperatori Qing saranno evocate attraverso 6
diversi oggetti e incisioni che documentano le loro campagne vittoriose.
La dinastia Qing si distinse in particolar modo in ambito culturale. A illustrare il senso estetico dei sovrani di una delle epoche in cui la civiltà cinese era al suo apogeo, vengono messe in risalto le diverse forme di espressione dell’arte cinese che come è noto ebbe grande influenza a quei tempi sull’Occidente: l’arte del pennello, attraverso la calligrafia e la pittura, l’universo delle arti decorative con lo studiolo delle porcellane e quello degli oggetti in lacca e infine la musica e la lirica.
Il percorso si articola in quattro sezioni espositive: I MANCIÙ; CIELO-TERRA-UOMINI; LA CITTÀ PROIBITA, “CITTÀ-PALAZZO”; IL GIARDINO.

 

Arte a Torlonia Roma – Wal – Piacerà anche ai bambini

20/05 – 01/10/2017

Il meraviglioso mondo di Wal. Sculture fantastiche, animali magici e dove cercarli

Casina delle Civette

 Musei di Villa Torlonia – Roma

Curatori:

Cesare Biasini Selvaggi e Maria Grazia Massafra

Un mondo di meraviglie, attraverso 50 sculture realizzate  da Wal; all’interno della Casina delle Civette e nel suo giardino.

INFORMAZIONI 

Luogo

Musei di Villa Torlonia, Casina delle Civette

Orario

Dal 20 maggio al 1° ottobre 2017
da martedì a domenica ore 9.00-19.00
La biglietteria chiude 45 minuti prima
Chiuso lunedì
N.B. per eventuali aperture e/o chiusure straordinarie consultare la pagina dedicata agli     Avvisi

Biglietto d’ingresso

Ingresso gratuito per tutti i residenti a Roma e nell’area della Città Metropolitana la prima domenica del mese

Biglietto unico integrato Casina delle Civette, Casino Nobile + mostre:
Magia della luce. Specchio e simbolo nell’opera di Lorenzo Ostuni (dall’11 marzo al 24 settembre 2017)
Il meraviglioso mondo di Wal. Sculture fantastiche, animali magici e dove cercarli (dal 20 maggio al 1 ottobre 2017)
Lo chat noir e i teatri d’ombre a Parigi. Influenza sull’arte illustrativa fra ‘800 e ‘900 (dal 22 giugno al 1 ottobre 2017)
€ 9,50 intero; € 7,50 ridotto
Per i cittadini residenti nel territorio di Roma Capitale (mediante esibizione di valido documento che attesti la residenza)
€ 8,50 intero; € 6,50 ridotto

Biglietto ordinario Casino Nobile:
Magia della luce. Specchio e simbolo nell’opera di Lorenzo Ostuni (dall’11 marzo al 24 settembre 2017)
€ 7,50 intero; € 6,50 ridotto
Per i cittadini residenti nel territorio di Roma Capitale (mediante esibizione di valido documento che attesti la residenza)
€ 6,50 intero; € 5,50 ridotto

Biglietto Casina delle Civette + mostra:
Il meraviglioso mondo di Wal. Sculture fantastiche, animali magici e dove cercarli (dal 20 maggio al 1 ottobre 2017)
Lo chat noir e i teatri d’ombre a Parigi. Influenza sull’arte illustrativa fra ‘800 e ‘900 (dal 22 giugno al 1 ottobre 2017)
€ 6,00 intero; € 5,00 ridotto
Per i cittadini residenti nel territorio di Roma Capitale (mediante esibizione di valido documento che attesti la residenza)
€ 5,00 intero; € 4,00 ridotto

Il biglietto è acquistabile anche con carta di credito e bancomat

Abusi sessuali  su bambini dal 1945 sino agli anni ’90 – Coinvolto il fratello di papa Benedetto XVI : Georg Ratzinger

ABUSI SESSUALI  DAL 1945 SINO AGLI ANNI ’90 !!!

Nello scandalo è coinvoltao anche il fratello di papa Benedetto XVI, Georg Ratzinger, che fu direttore del coro dei “Passeri del Duomo”, tra il 1964 e il 1994.

Le parole di Ulrich Weber, avvocato che ha guidato l’inchiesta: «All’ex direttore del coro va rinfacciato di non aver fatto nulla nonostante sapesse»

Almeno 547 sono i bambini del coro maschile del Duomo di Ratisbona, vittime di abusi fisici e psicologici tra il 1945 e i primi anni ’90

Ma il numero effettivo delle vittime potrebbe salire fino a 700;  quarantanove sono invece gli accusati.

Le prime denunce a partire dal 2010.

“18 schiaffi i faccia di fronte a tutta la classe e poi in punizione contro il muro – ha affermato Franz Bittenbrink (una delle vittime) – Le violenze continuavano nella stanza del direttore, quando venivamo spogliati nudi e sottoposti a enormi umiliazioni”.

Ulrich Weber,  ha spiegato che le vittime subirono abusi da preti ed insegnanti della scuola definita come “una prigione, un inferno ed un campo di concentramento”.

L’avvocato precisa che le vittime, intervistate per il rapporto, descrivono gli anni trascorsi nel coro “come i peggiori della loro vita, caratterizzati da paura, violenza e mancanza di aiuto”.

Quanto sopra emerge dal rapporto finale di una inchiesta avviata nel 2015 presentato dall’avvocato Ulrich Weber.

Lo scandalo riguarda il Regensburg Domspatzen; famoso coro della cattedrale cattolica della città tedesca.

300 ex allievi  si sono fatti avanti per avere un risarcimento per le violenze subite; a loro sono riconosciuti solo 20 mila euro a testa.

La maggior parte dei casi, purtroppo,  è prescritta e I PRESUNTI AUTORI DELLE VIOLENZE IDENTIFICATI NEL RAPPORTO NON SONO PIÙ PERSEGUIBILI !!!

Ecco cosa precisa Euronews: “I principali responsabili delle violenze e degli abusi sono stati individuati nel direttore della scuola e nel suo vice, ma nel rapporto si punta il dito contro una “cultura del silenzio” che ha spinto molti della gerarchia ecclesiastica a tacere sulle aggressioni nei confronti dei minori per difendere il nome dell’istituzione.

VACANZE OPEROSE; PAGARSI LE VACANZE LAVORANDO NELLE FATTORIE.

SI CHIAMA WWOOF, WORLD WIDE OPPORTUNITIES ON ORGANIC FARMS.

www.wwoof.net

Si tratta di una rete mondiale di fattorie biologiche che accettano aiuti, concreti, al posto della solita tariffa per il soggiorno.

Si tratta di fare lavori agricoli; come aiutare a raccogliere il fieno (assai gravoso), ma anche aiutare  a preparare le marmellate ( e se sono grandi quantitativi non è solo divertimento, ma anche fatica).

Premesso questo, basta mettere bene in chiaro, prima, le ore di lavoro e il tipo di lavoro che siamo disposti ad accettare. Magari chiedendo una foto della camera dove saremo alloggiati e del suo bagno; meglio essere prudenti, come per le ragazze alla pari è sempre possibile incappare in veri sfruttatori di queste opportunità che pretendono orari e ritmi da lavori forzati.

SE vi informate bene e siete prudenti, potreste trovare una soluzione per molte vacanze attive ed economiche !

Scienza cancelata – Si studia la ‘jihad’ – Turchia la nuova ” scuola “

Educare “generazioni che non facciano domande”

Il ministro dell’Educazione turco presenta i nuovi programmi scolastici:

cancellato il darwinismo (la scienza che spiega, anche, come l’uomo derivi dalla scimmia) e focalizzazione sul concetto di ‘jihad’.

Lo ha annunciato  il ministro dell’Educazione, Ismet Yilmaz.

La teoria dell’evoluzionismo, è definita “al di là del livello degli studenti e non direttamente rilevante“.

Ecco cosa ha detto il Ministro turco Yilmaz:

“Quello che dice il profeta (Maometto) è che quando si ritorna da una guerra, passiamo da una piccola jihad a una grande jihad. Ma cos’è questa grande jihad? È servire la società, migliorare il benessere, assicurare la pace”

Tra i compiti della scuola: “correggere le cose che sono percepite in modo sbagliato”.

COSA DICE L’OPPOSIZIONE ?

L’accusa di Mehmet Balik, leader del sindacato della scuola Egitim-Is

“Le nuove politiche che bandiscono l’insegnamento dell’evoluzionismo e impongono a tutte le scuole di avere una stanza per la preghiera distruggono i principi scientifici e di laicità dell’educazione

per educare :“generazioni che non facciano domande”.

 

DonnE…Cultura