Volare comodi con KLM – Collegamento diretto con Mumbai

I passeggeri viaggeranno a bordo dell’ultimo arrivato nella flotta di KLM, il Boeing 787-9 Dreamliner

KLM attiva un nuovo collegamento diretto con Mumbai

Amstelveen, maggio 2017 KLM Royal Dutch Airlines ha annunciato un collegamento diretto verso la città più grande dell’India, Mumbai, a partire dal 29 ottobre 2017. Da questa settimana, è possibile acquistare i biglietti per Mumbai su klm.it.

Pieter Elbers, Presidente e CEO di KLM, ha dichiarato: “La presenza della rete KLM in India è cresciuta enormemente dall’inizio della nostra collaborazione strategica con Jet Airways. L’introduzione di un nuovo collegamento diretto con Mumbai, cuore economico del paese, consente a KLM di offrire ai propri clienti ben 48 destinazioni in tutta l’India, che si sommano alle altre destinazioni nel subcontinente indiano e in Asia.

Programma dei voli: AmsterdamMumbaiAmsterdam

Durante la stagione invernale 2017-2018, KLM opererà tre voli settimanali diretti con destinazione Mumbai, in partenza il lunedì, il giovedì e il sabato. I passeggeri viaggeranno a bordo dell’ultimo arrivato nella flotta di KLM, il Boeing 787-9 Dreamliner, equipaggiato con 30 posti in World Business Class, 45 posti in Economy Comfort e 219 posti in classe Economy.

I voli partiranno da Amsterdam alle 13:00 e atterreranno a Mumbai all’01:55 ora locale; per il ritorno, invece, la partenza è prevista da Mumbai alle 04:00 ora locale, con arrivo ad Amsterdam alle 8:45.

Mumbai
Mumbai è la capitale dello stato indiano del Maharashtra, nonché la città più densamente popolata dell’India. Situata sulla costa occidentale del paese, possiede un profondo porto naturale. La città è la capitale finanziaria, commerciale e dell’intrattenimento dell’India, oltre ad essere tra i dieci maggiori centri economici a livello mondiale in termini di flusso finanziario. Le opportunità lavorative, così come l’offerta potenziale di migliori standard di vita, attraggono immigranti provenienti da tutta l’India, rendendo Mumbai un melting pot di comunità e culture differenti.

L’aeroporto di Mumbai è lhub di Jet Airways, il partner di codeshare di KLM. Ciò consente ai passeggeri di KLM in volo verso Mumbai di poter prenotare facilmente uno dei tanti voli di collegamento verso le maggiori città e centri economici dell’India, come Hyderabad, Ahmedabad, Chennai e Pune.

Collegamenti diretti con l’India
Prima che Jet Airways trasferisse i propri voli da Bruxelles ad Amsterdam, da cui attualmente opera rotte giornaliere per Delhi e Mumbai, soltanto KLM offriva collegamenti quotidiani tra Amsterdam e Delhi.

Di recente, Jet Airways ha annunciato l’introduzione di voli giornalieri da Bangalore ad Amsterdam.

FORMAGGI INDUSTRIALI E UN FORMAGGIO DA PASCOLI ALL’APERTO

FORMAGGI INDUSTRIALI E UN FORMAGGIO DA PASCOLI ALL’APERTO – EMMENTALER DOP
EMMENTALER DOP:
-da non confondere con nomi similari, molto più economici, ma di inferiore valore nutritivo.

Molti formaggi sono fatti utilizzando latte in polvere o latte proveniente da allevamenti intensivi; le mucche di questi allevamenti NON hanno mai mangiato l’erba fresca, NON hanno mai provato a pascolare libere nei campi. Il loro nutrimento e la loro razza è frutto di calcolati incroci e misture; perché producano sempre più latte.

Il vero Emmental Dop è preparato solo con latte crudo, proveniente da mucche che pascolano libere nei prati.

La lavorazione segue le antiche tradizioni artigianali e la stagionatura non è mai inferiore ai 120 giorni. Questo particolare ne fa un prodotto che contiene meno acqua e più sostanze nutritive.

Inoltre, è stato da tempo dimostrato come le parti grasse prodotte da animali che pascolano liberamente, siano anche ricche di sostanze che combattono il colesterolo. Al contrario, gli animali provenienti da allevamenti intensivi, sono caratterizzati da un prodotto grasso fatto di puro colesterolo, grasso saturo, senza alcuna percentuale di grassi insaturi che, notoriamente, favoriscono il mantenimento di arterie pulite da pericolosi depositi di grasso.

Tempi di maturazione dell’Emmentaler DOP:
-Classico 4-5 mesi
-Reserve 8 mesi
-Grotta 1 anno
-Forme per palati esigenti, sino a 18 mesi di stagionatura.

Moltissime le semplici e accattivanti ricette e indicazioni per weekend golosi sul sito:

www.formaggisvizzeri.it

SE SAPETE APPREZZARE L’EMMENTALER DOP, APPREZZERETE ANCHE UN WEEKEND NELLA ZONA DELLA SUA PRODUZIONE, ALTRETTANTO VALE PER IL GROUVIERE E TUTTI I PIU’ FAMOSI FORMAGGI SVIZZERI.

Vi aspettano pianure e montagne verdeggianti, con lo sfondo di cime innevate.
Attraverserete zone dove le mucche pascolano libere nei prati e potrete così vedere personalmente da dove proviene il latte che è alla base di questi saporiti formaggi.

Non perdete l’occasione di assaggiare la tipica fonduta e i piatti regionali.

::::::::::::::::::

Un libro curioso anche per bambini – La vespa che fece il lavaggio del cervello al bruco

La vespa che fece il lavaggio del cervello al bruco.

Le più bizzarre soluzioni evolutive ai problemi della vita.

Un testo scientifico, ma anche curioso che può essere letto anche ai bambini; magari segnandoci prima le pagine più adeguate.

Matt Simon è un giornalista scientifico, scrive per la rivista Wired ; in particolare articoli di zoologia sui temi più stravaganti.

Il libro parla di come gli animali si siano ingegnati e abbiano sempre trovato una, a volte originalissima, soluzione per sopravvivere. A noi sono venuti in mente “strani” paragoni con l’evoluzione dell’uomo; ma questa è fantasia e divertimento personale del lettore.

La vespa Glyptapanteles deposita le sue uova in un bruco, quando le giovani vespe nascono cominciano a mangiare parte del bruco, quest’ultimo, ancora vivo, le protegge pure dai predatori … Una forma di parassitismo che permette, a che ne ha il tempo e la voglia, allusioni varie … a partire dalla politica.


La vespa che fece il lavaggio del cervello al bruco, Matt Simon, Raffaello Cortina, 24 euro.

:::::::::
::::

Un libro da leggere per capire l’aria che tira – Il ritorno delle tribù – Di Maurizio Molinari

“un vento della disgregazione che non solo travolge il mondo arabo ma spazza l’Europa spingendosi oltre la Manica e l’Atlantico, mettendo in crisi anche la stabilità del sistema liberale”.

NUOVI CLAN E ORDINE MONDIALE
Una nuova mutazione verso il tribalismo

Isis: guerra come status permanente fino alla vittoria finale; ecco dove vogliono arrivare.
Ciò che conta per gli estremisti islamici è reclutare combattenti per colpire ovunque e aumentare così la loro zona di influenza.

Primo obbiettivo dei jiadisti sunniti: uccidere TUTTI i 120 milioni di sciiti del mondo arabo (gli sciiti sono una minoranza tra i mussulmani e si concentrano in Iran e nel sud ovest dello Yemen; dove sono attualmente combattuti dall’Arabia Saudita e suoi alleati), per poi sottomettere ebrei e cristiani.

I sunniti, si trovano soprattutto in Turchia, Arabia Saudita, Nord – Centro Africa, Indonesia, Bangladesh.

Gli estremisti più rigorosi si chiamano wahabiti-sunniti e si trovano in Arabia Saudita, parte del Qatar, Emirati Arabi Uniti.

Medioriente – Europa – America – Asia:

– nuovi leader che si rifanno all’antico tribalismo del mondo arabo-musulmano; dove gli Stati nazionali non hanno più peso

-mentre in Occidente: scontento dilagante, crisi economica, diseguaglianze …

E’ urgente sanare le ferite socio-economiche provocate dalla globalizzazione:

-ma chi è all’altezza di affrontare una simile crisi ?

Il libro avverte che anche l’Italia, molto presto, dovrà prendere atto di quanto sopra e fare i conti con questa crisi di valori e non solo … [ aggiungiamo noi: non serve fare come gli struzzi]

Maurizio Molinari è direttore de La Stampa, noto giornalista di chiara fama.

Il ritorno delle tribù, Maurizio Molinari, Rizzoli, 19 euro.

Arte a Cuggiono – Milano – Mostra personale di Johnny Hermann

OSSIMORI
con vista in contesto signorile.
Mostra personale di Johnny Hermann.
 
31 Maggio 2017 – 11 Giugno 2017
Villa Annoni, Cuggiono (MI)
 
Opening: Martedì 30 Maggio 2017 ore 19.00
20x30_jonnhy hermann_wooden popsicle.jpg
Ossimori con vista in contesto signorile è la mostra personale che il Comune di Cuggiono dedica al lavoro di Johnny Hermann, designer e artista con una passione sfrenata per il legno e la sua lavorazione manuale.
Nella suggestiva cornice di Villa Annoni a Cuggiono è in mostra, dal 31 maggio all’11 giugno 2017, una raccolta di lavori, sculture di grandi dimensioni o piccoli oggetti quotidiani rivisitati, proposti secondo un percorso tematico.
Un’esperienza completa che racconta la carriera di Johnny Hermann attraverso opere già note  al pubblico e lavori più recenti; un viaggio nel mondo del legno e della materia, dove i materiali non sono semplici supporti ma veicoli predisposti a trasportare la visione di Hermann.
Un pensiero lucido e colmo di disincanto sulla società contemporanea, una critica sarcastica gonfia di amarezza ma consapevole di una futura rinascita.
In mostra ci si può imbattere in una tavola imbandita di uova, in un bagno delle vanità dove è possibile scattarsi un selfie ma soprattutto provare a rendersi conto di cosa sia un selfie oggi, cosa rappresenti e perché possa essere dannoso per la nostra vita.
E ancora, videogiochi da sala che si aprono a realtà parallele, valvole per salvare il mondo dalla distruzione come un super eroe.
Una mostra concepita come un viaggio nella fantasia di un artista scultore e falegname che vuole accompagnare il visitatore nei meandri della sua immaginazione, mano nella mano.
Il testo che accompagna l’esposizione è di Giacomo Nicolella Maschietti, giornalista d’arte di Class Editori.
Johnny Hermann è l’alterego di Mauro Savoldi. Nato a Milano nel 1977.
Diploma e master in interior design conseguiti presso ISAD, istituto superiore di architettura e design.
Per alcuni anni si occupa di progettazione di arredamento in stile giapponese.  Successivamente si specializza nella realizzazione di plastici architettonici, urbanistici e mock-up, collaborando con i più noti studi di architettura di Milano e con La Galleria del Vento della facoltà di ingegneria del Politecnico di Milano.
Oggi si dedica alla realizzazione di oggetti d’arte e di design prevalentemente in legno, sculture originali e multiple, accessori e soluzioni decorative di interni.
Collabora con aziende italiane ed internazionali per lo studio e la realizzazione di concept, edizioni limitate e personalizzazioni. Le sue opere sono pubblicate sulle più importanti riviste di design italiane ed internazionali.
 
Mostra
OSSIMORI CON VISTA IN CONTESTO SIGNORILE.
Mostra personale di Johnny Hermann.
 
31 Maggio 2017 – 11 Giugno 2017
Opening: 30 maggio 2017 ore 19.00
Villa Annoni
piazza XXV Aprile, 4
20012 Cuggiono (MI)
Orari: Lun-Ven 18.30 – 21.00 weekend e festivi 11.00 – 21.00
Per Info:
Facebook.com/ossimoriconvista

Arte a Milano – Ingresso gratuito – PALAZZO MORANDO | COSTUME MODA IMMAGINE

© Maria Mulas_Gae Aulenti_anni 80
Uno spaccato di storia milanese dagli anni Settanta ad oggi
Maria Mulas; una tra le più importanti fotografe italiane
PALAZZO MORANDO | COSTUME MODA IMMAGINE
via Sant’Andrea 6 – Milano
Comune di Milano | Cultura, Direzione Musei Storici,
presenta la mostra

OBIETTIVO MILANO

200 fotoritratti dall’archivio di MARIA MULAS
a cura di Maria Canella e Andrea Tomasetig
con Antonella Scaramuzzino e Clara Melchiorre
1 giugno – 6 settembre 2017
inaugurazione mercoledì 31 maggio, ore 18
Uno spaccato di storia milanese dagli anni Settanta ad oggi in un racconto fatto di personaggi, volti ed espressioni

https://webmail36d.pc.tim.it/cp/ps/Mail/Downloader?dhid=attachmentDownloader&pct=d10910d45d7171d&uid=69363&disposition=inline&c=yes&d=alice.it&u=cucina2009&contentSeed=101d9997894d648&fp=INBOX&l=it&an=DefaultMailAccount&ai=0

Maria Mulas ritratta di schiena, 1980

Dal 1° giugno al 6 settembre 2017 , le sale espositive di via Sant’Andrea 6 di Palazzo Morando | Costume Moda Immagine ospitano la mostra promossa da Comune di Milano | Cultura, Direzione Musei Storici e organizzata in collaborazione con l’associazioneMemoria & Progetto , “OBIETTIVO MILANO. 200 fotoritratti dall’archivio di MARIA MULAS” , a cura di Maria Canella e Andrea Tomasetig con Antonella Scaramuzzino e Clara Melchiorre.
L’esposizione si inserisce nel palinsesto della  Milano Photo Week  in programma dal 5 all’11 giugno: una settimana di mostre, incontri, visite guidate, laboratori, progetti editoriali, opening o finissage, proiezioni urbane dedicati alla fotografia.
Maria Mulas è una tra le più importanti fotografe italiane riconosciuta a livello internazionale che con la sua macchina fotografica ha saputo immortalare il mondo, dalle architetture ai personaggi dell’ entourage artistico e culturale. Schiettezza, empatia e verità del soggetto sono i ‘cardini’ su cui si muove la sua ricerca e ampiamente illustrati nella selezione dei 200 ritratti in mostra a Palazzo Morando.
Fil rouge dell’esposizione è Milano , la sua intensa storia culturale, la continua trasformazione che si traduce nell’essere costantemente al passo con i tempi: Milano è uno specchio che riflette le tendenze internazionali in ogni ambito della società, dell’innovazione, della ricerca. Maria Mulas descrive con naturalezza ed empatia i diversi volti di Milano a cui è particolarmente legata, catturando i ritratti di artisti, galleristi, critici, designer, architetti, stilisti, scrittori, editori, giornalisti, registi, attori, intellettuali, imprenditori e amici che con questa città hanno intessuto un particolare rapporto.
Fra le numerose personalità italiane e internazionali immortalate da Maria Mulas si annoverano per il mondo dell’arte Marina Abramovic, Salvatore Ala, Louise Bourgeois, Alik Cavaliere, Jonh Cage, Christo, Francesco Clemente, Philippe Daverio, Gillo Dorfles, Gilbert & George, Keith Haring, Alexander Iolas, Anish Kapoor, Jannis Kounellis, Mario Merz, Gina Pane, Andy Warhol, accanto a protagonisti indiscussi dell’architettura e del design quali Gae Aulenti, Mario Botta, Achille Castiglioni, Bruno Munari e Giò Ponti. Nella teoria di personaggi non mancano i rappresentanti della moda fra cui Giorgio Armani, Gianni Versace, Miuccia Prada e dello spettacolo come Valentina Cortese, Luca Ronconi, Giorgio Strehler, Liz Taylor, Ornella Vanoni. Un’attenzione particolare è inoltre dedicata all’ambito della scrittura e dell’editoria con Rosellina Archinto, Natalia Aspesi, Jorge Luis Borges, Umberto Eco, Inge Feltrinelli, Lawrence Ferlinghetti, Dario Fo, Gunter Grass, Allen Ginsberg, Nanda Pivano, Andrej Voznesenskij e molti altri.
Sette sezioni scandiscono il percorso espositivo della mostra: la prima, “Coda rossa” con macchina fotografica , accoglie autoritratti e fotografie scattate all’artista dai fratelli Ugo e Mario Mulas e dal pittore e scrittore Emilio Tadini; seguono nelle sale successive i fotoritratti di Amici artisti , La città del design , Il mondo della moda , Le arti dello spettacolo , I borghesi sono gli altri e Scrittori, giornalisti, editori .
Completano la rassegna fotografica disegni, dediche, cartoline, scritti e documenti che testimoniano i profondi legami intessuti da Maria Mulas con le personalità da lei ritratte.
Che si tratti di ritratti posati o di scatti rubati, nelle fotografie di Maria Mulas si legge una spiccata inclinazione a coltivare relazioni e incontri, una complicità con il soggetto che trapela dalle immagini.
Nelle opere emerge l’abilità nel cogliere la naturalezza o l’artificiosità, le espressioni, gli atteggiamenti, le abitudini, i caratteri, gli stili di vita, in un continuo dialogo tra quotidianità ed eccezionalità, tra realismo e ironia.
I
l progetto di allestimento è a cura di Leo Guerra e Cristina Quadrio Curzio nell’ambito di una sponsorizzazione tecnica della mostra da parte di Fondazione Gruppo Credito Valtellinese .
La mostra è realizzata con il sostegno di
Archivio Maria Mulas Libreria Galleria Andrea TomasetigFpe d’Officina .
SCHEDA MOSTRA
“OBIETTIVO MILANO. 200 fotoritratti dall’archivio di MARIA MULAS”
a cura di Maria Canella e Andrea Tomasetig
con Antonella Scaramuzzino e Clara Melchiorre
Palazzo Morando | Costume Moda Immagine
via Sant’Andrea 6 – piano terra
1 giugno – 6 settembre 2017
Orari: martedì-domenica, ore 9-13 e 14-17.30
T. +39 02 884 65735 – 46056 | c.palazzomorando@comune.milano.it | www.civicheraccoltestoriche.mi.it
INGRESSO LIBERO
____________________________
 FOTO DI COPERTINA; particolare, ©-Maria-Mulas_Allen-Ginsberg_Lawrence-Ferlinghetti_Andrej-Voznesenskij_1982

Weekend enologico – CANTINE APERTE TRENTINO-ALTO ADIGE

PER I 25 ANNI DI CANTINE APERTE ANCHE IL TRENTINO-ALTO ADIGE RADDOPPIA L’APPUNTAMENTO

Oltre alla tradizionale domenica, la maggior parte delle cantine aderenti saranno aperte anche di sabato, per consentire agli enoappassionati di vivere un intero weekend alla scoperta dei vini del territorio. A disposizione, il pratico Enobus, con ben 7 fermate in programma.

– Mancano solo pochi giorni alla nuova edizione di “Cantine Aperte”, l’attesissima manifestazione organizzata dal Movimento Turismo del Vino che quest’anno raggiunge il venerando traguardo dei 25 anni e lo fa chiedendo ai propri soci di ampliare la programmazione anche al sabato.

Un invito recepito dalla sezione Trentino-Alto Adige, guidata dalla Presidente Valentina Togn, e dalla maggior parte delle cantine aderenti. Sulle 18 partecipanti totali, infatti, 11 saranno aperte entrambe le giornate (Bellaveder, Cantine Mezzacorona-Rotari, Cantina Mori Colli Zugna, Cavit, Ferrari, Gaierhof – ospite di Maso Poli – , La Vis , Maso Poli, Borgo dei Posseri, Mas dei Chini e Maso Grener) , mentre altre 7 saranno aperte in esclusiva il sabato (Cantina Sociale di Trento e Cantina Aldeno) o la domenica (Arunda, Cembra Cantina di Montagna, Distilleria Bertagnolli – ospite di Endrizi -, Endrizzi e Distilleria Marzadro).

E per offrire agli enoappassionati un servizio ulteriore, pensato per far vivere l’esperienza delle Cantine Aperte con maggiore serenità, nella giornata di domenica, dalle 10.00 alle 18.00, sarà attivo a flusso continuo l’Enobus, che toccherà ben 7 cantine secondo il seguente percorso: Cavit, Ferrari, Mas dei Chini, La Vis, Maso Poli, Bellaveder, Endrizzi e ritorno.

Tra le aziende aperte tutto il weekend, Bellaveder proporrà visita al vigneto e alla cantina e degustazione e, per la giornata di domenica, ospiterà alcuni laboratori organizzati dalle Donne in Campo Trentino. Le Cantine Mezzacorona-Rotari, che nell’ambito di Mezzocorona Expò 2017 ospiteranno la quinta edizione di Orchids&Wine, la Mostra Internazionale delle Orchidee con esposizione di fiori da tutta Europa, guideranno gli ospiti nella nuovabarricaia con visite di circa un’ora per gruppi di massimo 30 persone seguite da degustazione.

La Cantina Mori Colli Zugna, apertastraordinariamente fino alle 21.00, oltre alla visita alla scoperta della cantina ipogea, proporrà una degustazione dei propri vini abbinati a prodotti dei soci della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino e momenti di intrattenimento: sabato 27, verso le ore 19.00, il concerto pop, rock e jazz degli allievi dei laboratori collettivi della Scuola musicale OperaPrima, mentre domenica pomeriggio, dalle 17.00 in poi, l’esibizione teatrale di Maurizio Zanghielli in “Vinerotìe e altre storie”.

Anche Cavit, dopo la visita alla Cantina Vino e alla Cantina Altemasi, proporrà degustazione di vini e spumanti in abbinamento a prodotti della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino ed ospiterà una mostra di Fabio Vettori, che nel pomeriggio di sabato sarà a disposizione degli ospiti personalizzando i disegni su richiesta, mentre Cantine Ferrari impreziosirà le visite alle cantine, organizzate su prenotazione, con brindisi finale a base di Ferrari Perlè 2010 abbinato a finger food della Locanda Margon. Solo per la giornata di domenica, inoltre, è in programma un’apertura straordinaria di Villa Margon.

Presso la Cantina La Vis visite e degustazioni entrambi i giorni affiancate, solo nella giornata di domenica, da un particolare abbinamento tra cinque vini testimonial e pietanze rappresentative dei cinque continenti e, alle ore 16.00, da un concerto di musica celtica della Banda di Lavis nella piazzetta della Cantina. Maso Poli, che per l’occasione ospiterà anche i prodotti Gaierhof, proporrà visita in cantina e ai vigneti, la degustazione dei vini delle due cantine abbinate, solo la domenica, ad una proposta food conmiele di Apicoltura Girardelli, succhi di mele e persecche de La Mela Vispa e trote di ASTRO-Associazione Troticoltori Trentini, a cura delleragazze della squadra di calcio femminile Unterland-Damen, che intratterranno anche i bambini con la “Scuola di Calcio”.

Borgo dei Posseri offrirà invece la possibilità di accedere ad un percorso “multisensoriale” all’interno di gazebi immersi nelle vigne e Maso Grener proporrà degustazioni e passeggiate nei vigneti, dove si potranno scoprire i princìpi della viticoltura ragionata che guidano la coltivazione delle vigne dell’azienda. Inoltre, domenicaspazio ad arte e musica: alle ore 15.00 inaugurazione dell’opera “Paesaggio” realizzata dal giovane artista Francesco Claus, e concerto del gruppo jazz Orange Pouf Trio.

Aperte solo il sabato la Cantina Sociale di Trento e la Cantina Aldeno. La prima, in particolare, attende gli ospiti dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 18.00 per una visita guidata nella parte produttiva dell’azienda seguita da degustazione di diversi prodotti simbolo della cantina, abbinati a prodotti gastronomici della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino (prodotti da forno del Panificio Pasticceria Tecchiolli, salumi di Salumeria Fratelli Corrà e formaggi di Azienda Agricola La Quadra) presentati dagli stessi produttori.

Tra le aziende aperte invece solo la domenica, Cembra cantina di montagna propone visite e degustazioni in cantina e lo street food di qualità di KarChef STREET FOOD TRUCK a base di panini gourmet realizzati con prodotti locali e stagionali a “km 0”, alimenti certificati tipo igp, dop, stg e biologici, mentre la Cantina Endrizzi, che per l’occasione ospiterà anche le grappe e i distillati di Distilleria Bertagnolli, proporrà una degustazione itinerante con diverse tappe nel vigneto e in cantina, abbinata ad una proposta food di prodotti tipici trentini.
Le entrate alle cantine sono a pagamento e parte del ricavato viene devoluto in beneficenza.

Arte a Como – Workshop previsto per sabato 27.05.2017

“LA TEIERA SBILENCA” 2

workshop previsto per sabato 27.05.2017

Partecipanti: minimo 3 e massimo 6

orario: 10 – 16.30 circa, con breve pausa pranzo

Prenotazioni per e-mail entro giovedì 25.05.2017

---

Un altro appuntamento per la ” Sbilenca “, teiera fantasiosa e funzionale!

Modelliamo una teiera completa di tutti i suoi componenti (beccuccio, coperchio, manico …) – il risultato del nostro lavoro sarà individuale e irresistibile !

Lavoreremo in gres, in modo che la teiera potrà essere smaltata ad alto fuoco e lavata tranquillamente in lavastoviglie.

Pensato per chi ha già un pò di confidenza con il materiale.

Costo: a) 5 o 6 partecipanti:  95,– Euro a persona 

b) 3 o 4 partecipanti: 110,– Euro a persona.

Sconto del 10 % agli affezionati (= alle persone che hanno partecipato a dei workshop precedenti).

Compreso: materiale, 1. cottura (biscotto),  e spuntino pranzo.

Per la smaltatura, con un contributo cottura, sarà fissato una data successiva

Tedesca di origine, vivo da 30 anni in provincia di Como, e ad ancora più tempo risale la mia passione per la ceramica. Nel 2012 ho concluso un corso quinquennale presso la Staatl. Fachschule für Keramikgestaltung Höhr-Grenzhausen (Istituto di Stato per il Design delle Materie Ceramiche), con la qualifica di  Designer di Materie Ceramiche e formatrice professionale nel settore. Il mio atelier a Como in Via Borsieri 16 è aperto dal 2013, nell’edificio dell’antico monastero di Santa Margherita.

Cell.: 349 241 2583

Salute in casa – Allergie – Mal di testa – Dermatiti – Mal di gola ?

Avete la mania di disinfettare ogni angolo della vostra casa ?

Amate diffondere profumi insieme ai detergenti o, peggio, con spray o liquidi appositi ?

 Credete che questo sia un bene per la salute ?

La casa deve essere pulita, non disinfettata, non è una sala operatoria.

I bambini a contatto con un numero normale di germi sviluppano dei sani anticorpi.

Quasi tutti i prodotti che vi vendono per disinfettare – pulire e profumare la casa (peggio ancora per i vestiti; che tenete a contatto con la pelle !), CONTENGONO sostanze TOSSICHE !

Monossido di carbonio, biossido di azoto, idrocarburi policiclici aromatici, naftalene, composti clorurati … ecco cosa respiriamo a casa nostra, negli uffici e sulle scale del condominio …

La maggioranza degli italiani non è mai stata molto sensibile ai problemi dell’inquinamento, perlomeno e ne è interessata poco, mentre si lascia suggestionare da quello che gli viene detto nelle pubblicità martellanti … che hanno il solo scopo di vendere più prodotti; meglio se più costosi di quelli già in vendita.

Dietro ogni pavimento appena lavato con i prodotti più disinfettanti e profumati, c’è la diffusione di veleni nell’aria …

Anche l’uso di certi detersivi che garantiscono, da oltre mezzo secolo, di lavare più bianco del precedente prodotto …. non fa bene alla nostra pelle.

Ricordate che le case suggeriscono sempre un uso esagerato nei quantitativi, per vendere di più.

Ricordate che basterebbe aggiungere un poco di bicarbonato e il quantitativo del detersivo si può diminuire di molto.

Ricordate anche che le nuove lavatrici a risparmio d’ acqua, semplicemente sciacquano meno bene !!!

Il consiglio è quello di scegliere prodotti che dichiarano di non danneggiare l’ambiente, evitare di disinfettare qualunque cosa, in qualunque caso.

La verdura va lavata NON disinfettata; mettete un cucchiaio di bicarbonato nell’acqua di lavaggio e non porcherie chimiche !!

Il biberon, meglio di vetro, si può bollire, non immergere in velenose sostanze, pure molto care e che arrivano nell’intestino del piccolissimo bambino…

Informiamoci, leggiamo le etichette e pensiamo sempre che la pubblicità NON FA INFORMAZIONE, MA SEMPLICEMENTE USA OGNI MEZZO PER ASSOGGETTARCI ALLA SUA VOLONTA’ FACENDOCI SENTIRE IGNORANTI …

Dalla pubblicità non avremo MAI informazioni, ma solo suggerimenti, a volte anche prepotenti, che ci tolgono soldi dal portafoglio e possono anche fare molto male a noi e alla nostra famiglia; bambini per primi !

 

SALUTE GRAVE PERICOLO FTALATI PVC PER BAMBINI E ADULTI – REPORT lo ha spiegato con molti dettagli

Arte a Milano – Francesco Gentilini “Istanti”

BIBLIOTECA DEL DAVERIO
Piazza Bertarelli 4 (Corso Italia)- Milano

Francesco Gentilini. Istanti
a cura di Philippe Daverio

25 maggio – 5 giugno 2017
inaugurazione con Philippe Daverio
mercoledì 24 maggio, ore 18.30

https://webmail16c.pc.tim.it/cp/ps/Mail/Downloader?dhid=attachmentDownloader&pct=104d7811217d516&uid=68721&disposition=inline&c=yes&d=alice.it&u=cucina2009&contentSeed=78121d128d8593d&fp=INBOX&l=it&an=DefaultMailAccount&ai=4

Francesco Gentilini, Lambretta , 1988

Negli storici spazi della Biblioteca del Daverio a Milano è ospitata la personale di Francesco Gentilini dal titolo “Istanti” dal 25 maggio al 5 giugno a cura di Philippe Daverio.

La mostra presenta una selezione di oltre venti oli su tela realizzati dagli anni Ottanta ad oggi da Gentilini, che da sempre affianca alla professione di architetto l’attività artistica.
I lavori esposti, dal taglio fotografico, fissano sulla tela attimi e scene di vita quotidiana che l’artista recupera attingendo dal suo vissuto, da viaggi e ricordi, e che unisce a suggestioni provenienti da altri linguaggi come l’architettura, la musica, il cinema, la scrittura.
Come commenta Philippe Daverio: ” I lavori dell’artista sembrano recuperare quel senso del vuoto metafisico che si denota facilmente nell’opera di Edward Hopper a cui si aggiunge una certa luce tipica di pochi grandi fotografi, uno fra tutti Luigi Ghirri. Anche Gentilini nei suoi quadri ricrea la rarefazione dei paesaggi che coglieva il fotografo con la sua macchina, unita all’importante capacità di catturare la luce della realtà “.

Nascono opere caratterizzate da un’atmosfera sognante, con rimandi a scenari americani, in cui l’artista inserisce elementi legati alla cultura italiana e alla sua terra d’origine – l’Emilia Romagna – oltre a riferimenti a numerose città europee. Lo si osserva in mostra nelle tele che descrivono le spiagge dell’Adriatico ( Sapore di Sale ), lo scorcio di una piazza di Modena ( La Panchina ), i giochi di luce sulle facciate delle case di Londra e Parigi, i paesaggi spagnoli assolati dove enormi silos dominano l’immagine.
Nei lavori di Gentilini le persone sono ritratte come se stessero interpretando un film, all’interno di una scenografia surreale; l’artista racconta storie di vita diverse, in una varietà di luoghi e situazioni, dal barista assorto nella preparazione di un caffè ( Mai il primo, ore sei del mattino ), alla solitudine dell’ultimo avventore di una sala da biliardo ( È tardi si chiude! ), dalla “vita spericolata” di Vasco Rossi alle commissioni di un bambino in bicicletta ( Tre sigarette ).
A proposito del suo lavoro l’artista afferma: “Le storie che dipingo vengono da un posto non definito, da un matrimonio della fantasia con la realtà, da una parte autobiografie e dall’altra una buona dose di immaginazione”. Passione e fantasia popolano le tele di Gentilini che collegano tra loro situazioni vissute e oggetti osservati in tempi diversi, personaggi che rivivono istanti del passato e rivelano, nel presente, novità inattese, nascoste, che vengono alla luce e raccontano una nuova storia.

Accompagna la mostra un catalogo , in italiano e inglese, con testo critico di Philippe Daverio.

Situata nell’antico refettorio di un convento, sui resti del quale alla fine del ‘700 è stato eretto il palazzo esistente, la Biblioteca del Daverio ospita la Crocifissione di Donato Montorfano (1460-1502). L’ affresco , legato alla tradizione lombarda, è gemello a quello situato sulla parete opposta dell’ Ultima Cena di Leonardo in Santa Maria delle Grazie.

Coordinate mostra
Titolo Francesco Gentilini. Istanti
A cura di Philippe Daverio
Sede Biblioteca del Daverio – Piazza Bertarelli 4, Milano
Date 25 maggio – 5 giugno 2017
Inaugurazione mercoledì 24 maggio, ore 18.30
Orari tutti i giorni , dalle ore 14 alle 19
Info pubblico Tel. +39 02 866169 – cell. +39 333 5747299

DonnE…Cultura