Orchidee e orchimania – Continuiamo ad aggiungere foto delle orchidee più rare di FLORMART

Tra poco pubblicheremo nuove foto di orchidee rare

Alliceara-Peggy-Ruth-Carpenter-Mornig-Joy-

Cattaleya-aclandiae

Vanda-luzconica
Vanda-Pescama-x-Risri-Gold-alba
Miltonia-regnellii-
Zygopetalum-Ibrido

Vanda-Rhynchostiylis-gigantea-x-vanda-tesselata
Ascocenda-ibrido.

Renanthera-imschootiana

 

Panama: rara orchidea Dracula Vampira

Dovreste viaggiare per tutti i giardini botanici del mondo e, forse, non riuscireste a vedere tutte le rarissime orchidee che trovate alla fiera di Padova !

68/a edizione di Flormart

 

ORCHIDEE A FLORMART – Orchidee stupende

Viaggio in Equador per vedere le sue 4.200 specie di orchidee.

Abbiamo visitato la 68a edizione di FLORMART a Padova; 21 – 23 settembre 2017 e ne siamo usciti entusiasti.

Per nostro interesse personale ci siamo occupati soprattutto del reparto orchidee; anche se gli altri erano certamente molto interessanti.

Ad attirare la nostra attenzione è stato il simposio con la presenza di alcuni dei massimi esperti di orchidee al mondo.

L’organizzazione di Flormart, per il settore orchidee, comprendeva la partecipazione di:

Federazione Italiana Orchidee con Associazione Trentina Orchidee, e Amici Orchidee Altoatesini

https://www.federazioneitalianaorchidee.it/ ; segreteria: segreteriafio@gmail.com

http://www.associazionetrentinorchidee.com/

http://www.freundederorchideen.com/home-it.html

Da questa edizione di Flormart, parte una programmazione decennale; specifica per le orchidee.

Cosa ci ha interessato di più ?

Dopo la conferenza e i numeri ascoltati, abbiamo deciso di programmare un viaggio in Equador (abbiamo appena visitato la famosa Finca Dracula a Panama; 2450 specie diverse di orchidee nella zona).
Vedi filmato sulla Finca Dracula: https://www.youtube.com/watch?v=WQpC3CB3MgY

L’Equador offre ben 4.200 specie di orchidee (molte endemiche).

E’ possibile partecipare ad una visita delle orchidee nella foresta utilizzando delle jeep; quindi niente fatiche fisiche, adatto a tutti.

Si potrà anche entrare nella foresta confinante del Venezuela.

Vedi tutto su: www.ecuagenera.com
Ecuagenera Cia. Ltda. Ochidee dell’Equador.

TOUR in occasione della conferenza internazionale – 8 al 12 novembre 2017:
12 giorni e 11 notti, da 1.800 dollari, compresi transfer hotel, cibo e bibite non alcoliche, acqua, trasporto, guida. Non è compreso l’albergo a Guadalquivir.

QUANDO PARTIRE ?

I mesi migliori comprendono gennaio – giugno (il viaggio in jeep da marzo a luglio). Ma anche altri mesi offrono differenti e specifiche fioriture.

Dall’8 al 12 novembre 2017, a Guadalquivir, Equador

SE VOLETE CONOSCERE LE ORCHIDEE ITALIANE:

Appuntamento a Osoppo (30 km. a nord di Udine)

OSOPPO LA CITTA’ DELLE ORCHIDEE

Sono ben 30 le specie di orchidee che potete incontrare camminando nella zona di Osoppo.

Si tratta di orchidee spontanee, facilmente accessibili.

La fioritura va, principalmente, da aprile a giugno.

Le bellissime orchidee selvatiche si incontrano camminando nei seguenti luoghi: il Forte, nel Parco del Tagliamento, nel Rivellino e lungo il percorso CAI.

Da Osoppo passa anche la famosa pista ciclabile che arriva dall’Austria; Ciclovia Alpe Adria.

Festa delle orchidee: 3o fine settimana di maggio di ogni anno.
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

I NUMERI DI FLORMART 2017

Nuova proprietà, nuove idee: società GEO spa; Luca Griggio a.d.

A Flormart 2017, erano presenti 316 espositori; provenienti da 15 Paesi diversi.

Un appuntamento con una marcia in più.

Dalle nuove pareti tutte rivestite di piante, alle rose più rare, alle piante verdi, senza tralasciare tutto il resto del settore; piante fruttifere comprese.

La manifestazione ha presentato anche numerosi dibattiti, incontri, start up e altro, con la presenza di molti ospiti internazionali.

 

Cultura a Venezia – 5 film ingresso libero – PALAZZO GRASSI 22 – 23 settembre 2017

 Ingresso libero sino a esaurimento posti
TEATRINO DI PALAZZO GRASSI
22 – 23 settembre 2017
 Heidi Bucher e Gordon Matta-Clark
in scena al Teatrino
 
Cinque proiezioni di film d’artista
in collaborazione con lagalleria ALMA ZEVI.
Heidi Bucher working in the Borg, Zurich (circa 1977).  Courtesy The Heidi Bucher Estate
  Venerdì 22 settembre, dalle ore 18.30  
 
. Sabato 23 settembre, ore 10.00, 13.00, 14.30, 16.00, 17.30
 
 
Film proiettati:
Le prison, Le Landeron(1985, 4’02”) diHeidi Bucher
Räume sind Hüllen, sind Häute(1981, 33’36’’) di Heidi Bucher
Splitting(1974, 10’50”, muto) di Gordon Matta-Clark
Bingo/Ninths(1974, 9’40”, muto) diGordon Matta-Clark
Substrait (Underground Dailies)(1976, 30′, sonoro) diGordon Matta-Clark
 
 Ingresso libero sino a esaurimento posti.
 
In occasione dell’opening di FLOORS, bipersonale di Heidi Bucher (1926 – 1993) e Gordon Matta-Clark (1943 – 1978) presentata dalla galleria ALMA ZEVI di Venezia da sabato 23 settembre a giovedì 21 dicembre, il Teatrino di Palazzo Grassi ospita Venerdì 22 e sabato 23 settembre la proiezione di una selezione di cinque film firmati dai due artisti.
Le pellicole: Le prison, Le Landeron(1985, 4’02”), Räume sind Hüllen, sind Häute(1981, 33’36’’) di Heidi Bucher eSplitting (1974, 10’50”, muto), Bingo/Ninths(1974, 9’40”, muto), Substrait (Underground Dailies) (1976, 30′, sonoro) di Gordon Matta-Clark andranno in scena in sequenza dalle 18.30, venerdì 22 settembre e dalle 10.00 alle 17.30, sabato 23 settembre.
Accumunati dal difficile percorso artistico e dalla costante indipendenza intellettuale, sia la svizzera Bucher – ingiustamente oscurata in vita dal marito, l’artista Carl Bucher – che l’americano Matta-Clark hanno a lungo riflettuto sulla messa in discussione dell’architettura come spazio prestabilito, rendendola un qualcosa di estremamente fluido, un concetto manipolabile sulla base delle interazioni che essa esercita sull’essere umano.
 
Tutti gli appuntamenti del Teatrino sono comunicati e costantemente aggiornati sul sito di Palazzo Grassi alla voce “calendario”.

Cultura gratuita a Milano – Programma Politecnico di Milano settembre 2017

Desideriamo segnalare alcuni dei prossimi eventi organizzati dal Politecnico di Milano nel mese di settembre 2017 e un’anticipazione di ottobre:

Per i visitatori di ogni età interessati al mondo dell’Ingegneria Elettrica, Automatica, Bioingegneria, Informatica, Elettronica e delle Telecomunicazioni e alle loro applicazioni.

Esperimenti in piazza e un Computer Science Village con dimostrazioni informatiche.

Talk e viste guidate alla scoperta del lavoro svolto nei laboratori di ricerca scientifica del Politecnico di Milano.
Per dettagli e iscrizioni agli eventi, vi invitiamo a visitare il sito www.eventi.polimi.it

We wish to point out some of the upcoming events organized by the Politecnico di Milano in the month of September 2017, and an October anticipation:

ICT4ALL Saturday, October 7th
For visitors of all ages interested in the world of Electrical Engineering, Automation, Bioengineering, Computing, Electronics and Telecommunications and their applications.
Experiments in Piazza Leonardo da Vinci and a Computer Science Village with demo.
Talks and guided tours to discover the research laboratories work of the Politecnico di Milano.
For details and event registration, please visit the site.

Concerto Paolo Fresu & Gianluca Petrella
20 settembre
Politecnico di Milano, Piazza Leonardo da Vinci
Boom | Gli oggetti del miracolo economico tra vita, passione e lavoro. Con letture di Fabrizio Gifuni
28 settembre
Politecnico di Milano, Aula De Donato

MOSTRE

EXHIBITIONS

O. M. UNGERS. Progetti programmatici
Fino al 29 settembre
Politecnico di Milano, Archivi Storici
Valentino Parmiani. Paesaggi di Architettura
Dal 19 settembre al 13 ottobre
Politecnico di Milano, Spazio Mostre Guido Nardi

SEMINARI
E CONVEGNI

SEMINARS
AND CONFERENCE

Thermophysical Property Research at NIST
20 settembre
Politecnico di Milano, Sala Consiglio DAER
La salute inizia dalla tavola
21 settembre
Politecnico di Milano – Auditorium

Per il ciclo Arte e scienza
Maurizio Nichetti e Luigi Bellavita
2 ottobre
Politecnico di Milano, Aula Castiglioni
Luca Missoni e Alba Cappellieri
4 ottobre
Politecnico di Milano, Aula Castiglioni
The demand for mobility and system integration
Incontro con R. Mazzoncini  AD del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane
22 settembre
Politecnico di Milano, aula L12
La mobilità nel turismo e nel tempo libero. Esperienze internazionali, nazionali, regionali
22 settembre
Politecnico di Milano, Aula Gamma
Nuove prospettive per l’impiantistica energetica
28 settembre
Politecnico di Milano, Aula Carassa Dadda
La lunga percorrenza passeggeri: mercato, pianificazione e innovazione
28 e 29 settembre
Politecnico di Milano
MEETmeTONIGHT 2017
29 e 30 settembre
Giardini Pubblici “Indro Montanelli”
Premio Ambrogio Lorenzetti per il buon governo d’impresa
2 ottobre
Politecnico di Milano, Aula Carassa Dadda

INQUINAMENTO E SALUTE

Tanta confusione, come è già accaduto negli Stati Uniti.

Basta guardare quanto si deposita su di una auto non lavata ! Tutto questo arriva nei nostri polmoni.

I CASI DI CANCRO AUMENTANO EPPURE DIMINUISCONO I FUNATORI .. !!! CIO’ VUOL DIRE CHE L’INQUINAMENTO E I VELENI CHE EMETTONO LE AUTO, VEDI ANCHE SCANDALO VOLKSWAGHEN … del quale nessuno più parla .., SIANO  UNA REALTA’ INNEGABILE !

I titoli dei giornali sono diversi secondo l’orientamento politico !

SI PENSA ALLA PROPRIA IDEOLOGIA POLITICA , INVECE DI AVERE COME OBBIETTIVO IL BENE DEI CITTADINI.

E’ evidente a tutti che un tasso di inquinamento alto, a causa del traffico (lo abbiamo visto e sentito, con il naso, tutti nei giorni precedenti il Natale caratterizzati da un’enorme traffico cittadino), DANNEGGIA LA NOSTRA SALUTE E ANCORA DI PIU’ QUELLA DEI BAMBINI.

LE POLVERI SOTTILI PASSANO DIRETTAMENTE NEL SANGUE, con tutti i loro veleni !

Quanto sopra è sostenuto dai più autorevoli medici specialisti.

L’EUROPA NON FAREBBE LEGGI ANTI SMOG SE NON CI FOSSERO DELLE SERIE MOTIVAZIONI.

Basta mettere un tessuto bianco fuori da una finestra vicino al traffico ed ecco che intuiamo cosa entra nei nostri polmoni.

Eppure c’e’ ancora chi fa dell’inquinamento un problema politico !

Gli alberi aiutano ad eliminare lo smog, lo sostengono tutti gli scienziati indipendenti di tutto il mondo; l’ Amazzonia è universalmente conosciuta come IL POLMONE DLE MONDO !

Certo non sono pochi alberi, un bosco in più o meno, che possano migliorare l’impressionante inquinamento delle grandi città ! Questo lo capisce anche un bambino, soprattutto in inverno quando non ci sono le foglie che trasformano l’anidride carbonica in ossigeno ed assorbono moltissimi veleni!!!

Vedi informazioni sugli effetti del traffico sulla salute, anche dei bambini, al  link :

http://www.donnecultura.eu/?p=27511

 ——

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE dei Giornalisti e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); inoltre, l’autrice, ha presentato una tesi presso L’università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”, la tesi era firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

SALUTE – Batteri intestinali resistenti – Clostridium difficile

QUALE E’ LA CAUSA DEI DISTURBI da Clostridium difficile ?

Il Clostridium difficile è un batterio che può sopravvivere nel nostro intestino, senza dare problemi; ma in alcuni casi, come dopo forti trattamenti con antibiotici, può ” risvegliarsi e moltiplicarsi “.

Il Clostridium difficile diventa un problema quando qualcosa sconvolge il normale equilibrio intestinale, in questo caso il batterio può proliferare in modo incontrollato, rilasciando tossine che attaccano la mucosa intestinale.  Questa è la causa dell’’infezione da Clostridium difficile.

CAUSE:

uso di antibiotici, specie quelli ad ampio spettro (quelli cioè che sono in grado di eliminare diversi tipi di batteri), anche protratto nel tempo,
-interventi chirurgici a carico dell’apparato digerente,
-interventi all’addome che coinvolgono l’intestino,
-ricovero in ospedale,
-permanenze in asilo, in asilo nido o in casa di riposo,
-problemi al colon, ad esempio sindrome del colon irritabile o tumore del colon-retto,
-immunodeficienza,
-precedenti infezioni da Clostridium difficile,
-età superiore ai 65 anni.

COME SI EVITA ?

Lavarsi sempre le mani quando si è stati in locali molto frequentati: ospedali, scuole, treni, alberghi ecc…

Usare disinfettanti a base di cloro per pulire le superfici o gli oggetti che possono essere entrati in contatto con un paziente infetto.

Usare il sapone e un disinfettante a base di cloro per lavare le mani entrate in contatto con le feci.

Non usate gli antibiotici se non sotto prescrizione medica. USARE GLI ANTIBIOTICI SOLO SE STRETTAMENTE NECESSARI E NON INTERROMPERE MAI LA CURA.

Se siete stati infettati lavatevi le mani con acqua e sapone prima di mangiare e dopo essere andati in bagno. Usate un disinfettante a base di cloro per pulire le superfici con cui siete entrati in contatto (ad esempio maniglie, telefoni, telecomandi, sanitari del bagno..) per evitare di diffondere l’infezione.

SINTOMI:

-diarrea acquosa e frequente (tre o più volte al giorno, per diversi giorni),
-mal di pancia o dolore addominale.

SINTOMI IN CASO DI INFEZIONE GRAVE: 

-dissenteria acquosa e frequente (anche sino a 15 scariche al giorno)
-mal di pancia o dolore addominale intenso,
-diminuzione dell’appetito,
-febbre lieve, fino a 38 °C nei bambini o da 37 °C a 39 °C negli adulti,
-sangue o pus nelle feci.

COME SAPERE SE NE SIAMO AFFETTI ?

Un esame delle feci è normalmente sufficiente capire se è in corso un’infezione da Clostridium difficile.

A volte sono necessari ulteriori esami per confermare la diagnosi.

Per alcuni casi il medico potrebbe prescrivervi una radiografia o una TAC del colon.

CURA

Antibiotico prescritto dal medico.

Alcuni probiotici (fermenti lattici), come il Saccharomyces boulardii, possono essere utili per combattere le infezioni da Clostridium. LA CURA NON PUO’ FUNZIONARE SE ASSUNTA IN CONTEMPORANEA CON L’ANTIBIOTICO.

ALZHEIMER Cosa è ? – Domani a Cremona infromazioni per il pubblico

ALZHEIMER: UNA MALATTIA DA NON DIMENTICARE

QUI SOTTO ALCUNE INFORMAZIONI SULL’ ALZHEIMER

Domani 21 settembre è la Giornata Mondiale della Malattia di Alzheimer, patologia più diffusa di demenza senile che nel nostro paese interessa oltre 600mila persone.

Presso la Neurologia dell’ASST di Cremona un Centro per curare i disturbi cognitivi e le demenze.

Come spiega il dott. Luciano Abruzzi (Neurologia Aziendale, Ospedale di Cremona) non esistono cure risolutive alla malattia, ma è possibile fare prevenzione per ridurre il rischio di ammalarsi.

ALZHEIMER: COS’E E COSA COMPORTA

La Malattia di Alzheimer è la forma più diffusa di demenza senile. Comporta non solo la progressiva perdita di memoria, ma anche una graduale compromissione di tutte le funzioni cognitive come la capacità di orientarsi, di riconoscere i luoghi, gli oggetti e le persone, di organizzare le proprie azioni e di prevederne le conseguenze. La persona colpita da questa patologia non riesce più a svolgere correttamente le elementari azioni della vita, dal fare la spesa, eseguire commissioni, fino al lavarsi o vestirsi. Modifica il proprio comportamento e, a volte, anche il proprio carattere, arrivando anche ad atteggiamenti di aggressività. Spesso il sonno è agitato e, soprattutto nelle ore notturne, possono insorgere atteggiamenti deliranti.

INCIDENZA SULLA POPOLAZIONE: LE PROSPETTIVE PER IL FUTURO

Sono oltre 600mila gli italiani che soffrono di questa patologia.

La prevalenza della demenza è di circa l’8% dopo i 65 anni e sale ad oltre il 20% dopo gli 80 anni.

Recenti studi indicano un’incidenza in calo anche se il numero dei pazienti è in aumento a causa dell’invecchiamento della popolazione. Il calo più marcato è fra gli uomini: fra i 70 e i 74 anni i nuovi malati annui sono scesi da 13 su mille a meno di 9; fra i 65 e i 69 anni il tasso si è più che dimezzato.

L’IMPORTANZA DI UNA DIAGNOSI CORRETTA

La malattia di Alzheimer si esprime con modalità e risvolti clinici che sono diversi da persona a persona. Ecco quindi l’importanza non solo di una diagnosi corretta, ma anche della necessità di seguire il paziente nel tempo, con un costante confronto con i familiari, per affrontare di volta in volta i problemi che emergono.

 

ALZHEIMER E PREVENZIONE: ATTENZIONE AGLI STILI DI VITA

Cambiando alcune abitudini possiamo ridurre il rischio.

Smettere di fumare, fare attività fisica aerobica, seguire una dieta mediterranea, curare la salute del cuore (ipertensione, colesterolo) e tenere sotto controllo il peso, sono i principali consigli per sostenere il proprio corpo.

Per quanto riguarda la mente, mantenere una buona vita sociale e attività intellettive coinvolgenti (hobby o attività professionali) aiutano a contrastare il decadimento cognitivo.

IL CENTRO PER LA CURA DELL’ALZHEIMER A CREMONA

Presso la Neurologia dell’ASST di Cremona è operativo un Centro per Disturbi Cognitivi e Demenze (CDCD) che prevede la presenza del neurologo e della neuropsicologa. L’ambulatorio si trova al secondo piano dell’ospedale di Cremona, nei locali attigui al reparto.

COME PRENOTARE LE VISITE

Le visite vengono svolte al lunedì e la prenotazione deve essere fatta al CUP specificando prima visita o controllo.

I recapiti sono:

Numero verde 800.638.638attivodal lunedì al sabato, dalle 8 alle 20

CUP Ospedale di Cremona

c/o palazzina n. 12, ingresso da Largo Priori (a fianco del Centro Prelievi)

Orari: dal lunedì al venerdì dalle 7.30 alle 18 – sabato dalle 8 alle 12

 

Slow Food Milano – I corsi d’autunno

Cucinare – imparare – divertirsi

Panificazione, Fish Shopping e Spezie:

-le proposte di Slow Food Milano per imparare a “mangiarli e comprarli giusti”.

Con l’arrivo dell’autunno ripartono le attività della Condotta di Slow Food Milano presso la sede di via Piranesi 12, ospitata all’interno dei Frigoriferi Milanesi.

Oltre all’appuntamento ormai fisso del giovedì per coloro che fanno la spesa tramite L’Alveare che dice Sì! (progetto a cui Slow Food Milano ha aderito lo scorso maggio e che unisce tecnologia e agricoltura sostenibile favorendo lo scambio diretto fra produttori e consumatori), arriva un programma di appuntamenti formativi studiati per i nostri soci e per tutti coloro che desiderano imparare e scoprire i segreti del cibo secondo la filosofia del “buono, pulito e giusto”: dal corso di panificazione domestica per apprendere come usare il lievito madre a casa a una vera e propria lezione itinerante presso i banchi del pesce della nostra città per scoprire cosa comprare e perchè, passando attraverso il mondo affascinante delle spezie in diversi appuntamenti dedicati a diverse aree geografiche.

SETTEMBRE

25 e 26 Settembre 2017, ore 19
Corso base di panificazione domestica con Niccolò Grazioli del Panificio Grazioli

Il corso è pensato per essere suddiviso in due lezioni di circa due ore e mezza, nelle quali si tratteranno i principali argomenti relativi alla panificazione domestica, con l’obiettivo di fornire un insieme di nozioni, trucchi e chiarimenti al fine di rendere la panificazione alla portata di tutti.
Nel modulo verranno approfondite tematiche come il lievito madre, i rinfreschi e la conservazione nel tempo; l’utilizzo e alcuni trucchi per riportare il Ph al giusto livello. Inoltre verranno illustrate altre tecniche di panificazione quali l’autolisi, la biga a lunga lievitazione e i polish.
Nel secondo modulo invece si tratteranno temi quali la catalogazione e la suddivisione delle varie farine e le lavorazioni che più si prestano per esse, i vari tipi di cereali, la fase di impastamento e cottura del pane.
Costo: 50 euro per i soci SF, 65 euro per i non soci (tessera Slow Food in omaggio)

30 Settembre 2017, ore 10

Visita guidata ai  banchi del pesce con Roberto Di Lernia
Rivolto a tutti coloro che almeno una volta si sono chiesti “che pesci prendere”, l’incontro ha l’obiettivo di verificare insieme ad un gruppo di persone interessate all’acquisto di prodotti della pesca, nei diversi punti vendita, la facilità con cui partendo da un “buon acquisto” si possa passare ad un piatto di piena soddisfazione. Slow Food da anni pone la questione del “buono, pulito e giusto” nei consumi ittici: sul pescato ed il suo utilizzo sono state prodotte diverse guide di cui l’ultima “Pesce” (di Cinzia Scaffidi, Slow Food Editore) ben descrive la problematica e i relativi temi di sostenibilità; il volume, coerentemente corredato da una serie di ricette tratte dalla tradizione della cucina italiana, verrà dato in omaggio ai partecipanti e servirà da testo base durante la visita.

Il progetto prevede che operativamente un gruppo minimo di 8 persone e un massimo di 15, accompagnate da un biologo, compiano delle osservazioni comparative sulla qualità, biodiversità, sostenibilità e piacevolezza al palato in diversi punti vendita dell’area milanese.

Come tipologia di questi vengono identificati: a)- la pescheria di alta qualità o presunta tale, b)- il banco pesce di un grande supermercato, c)- la bancarella di un mercato rionale. L’osservazione in parallelo metterà in evidenza le costanti e le varianti ed il relativo confronto prezzi.
L’appuntamento è per le ore 10 presso il mercato comunale di Piazza Wagner davanti ai banchi pesce della struttura; successivamente, e con breve percorso a piedi, ci si recherà nella vicina via Washington presso il supermercato Esselunga. Oltre ai confronti sul “fresco” nel supermercato si porrà l’attenzione anche sul “surgelato” ed il conservato.
Costo:  € 20,00 soci Slow Fod, € 25,00 non soci (libro in omaggio per tutti)

OTTOBRE

12 Ottobre 2017, ore 19

India: primo incontro di cucina e cultura speziale con Eleni Pisano
Al fine di avvicinarsi a un nuovo approccio al cibo e ancora prima alla selezione degli ingredienti è necessario capire da dove vengono e quali sono i benefici che danno al corpo e alla mente, perché l’antico detto Mens sana in corpore sano continua ad essere di assoluta contemporaneità. Il corso realizzato con la collaborazione della cheffa e foodwriter Eleni Pisano si propone di raccontare il mondo delle spezie, la loro storia, gli evidenti e riconosciuti benefici per la salute e l’uso pratico in cucina. Eleni ama realizzare i suoi incontri mischiando narrazioni, testimonianze, selezione e presentazione dei prodotti, tecniche di preparazione e conservazione e molta creatività.
Il primo dei quattro appuntamenti previsti è dedicato all’India, la culla delle spezie, dove nasce la cultura dell’uso delle spezie come alleate di benessere e di gusto. Dagli ayurveda (testi sacri) sino al riconoscimento istituzionale dell’importanza di usare le spezie in cucina. Ricette in programma: riso Pulaoo con verdure al curry dolce servito con raita, Pane indiano Chapati con lenticchie rosse coriandolo in semi e limone; Dolci di riso con latte e spezie servito con Chai Indiano.
I prodotti utilizzati nel corso  provengono dai presidi Slow Food. Le spezie sono selezione da produttori certificati.
Costo: 25 euro soci Slow Food, 30 euro non soci.

23 e 24 Ottobre 2017, ore 19
Corso base di panificazione domestica con Niccolò Grazioli del Panificio Grazioli
Il corso è pensato per essere suddiviso in due lezioni di circa due ore e mezza, nelle quali si tratteranno i principali argomenti relativi alla panificazione domestica, con l’obiettivo di fornire un insieme di nozioni, trucchi e chiarimenti al fine di rendere la panificazione alla portata di tutti.
Nel modulo verranno approfondite  tematiche come il lievito madre, i rinfreschi e la conservazione nel tempo; l’utilizzo e alcuni trucchi per riportare il Ph al giusto livello. Inoltre verranno illustrate altre tecniche di panificazione quali l’autolisi, la biga a lunga lievitazione e i polish.
Nel secondo modulo invece si tratteranno temi quali la catalogazione e la suddivisione delle varie farine e le lavorazioni che più si prestano per esse, i vari tipi di cereali, la fase di impastamento e cottura del pane.
Costo: 50 euro per i soci SF, 65 euro per i non soci (tessera Slow Food in omaggio)

28 Ottobre 2017, ore 10
Visita guidata ai banchi del pesce con Roberto Di Lernia
Rivolto a tutti coloro che almeno una volta si sono chiesti “che pesci prendere”, l’incontro ha l’obiettivo di verificare insieme ad un gruppo di persone interessate all’acquisto di prodotti della pesca, nei diversi punti vendita, la facilità con cui partendo da un “buon acquisto” si possa passare ad un piatto di piena soddisfazione. Slow Food da anni pone la questione del “buono, pulito e giusto” nei consumi ittici: sul pescato ed il suo utilizzo sono state prodotte diverse guide di cui l’ultima “Pesce” (di Cinzia Scaffidi, Slow Food Editore) ben descrive la problematica e i relativi temi di sostenibilità; il volume, coerentemente corredato da una serie di ricette tratte dalla tradizione della cucina italiana, verrà dato in omaggio ai partecipanti e servirà da testo base durante la visita.
Il progetto prevede che operativamente un gruppo minimo di 8 persone e un massimo di 15, accompagnate da un biologo, compiano delle osservazioni comparative sulla qualità, biodiversità, sostenibilità e piacevolezza al palato in diversi punti vendita dell’area milanese. Come tipologia di questi vengono identificati: a)- la pescheria di alta qualità o presunta tale, b)- il banco pesce di un grande supermercato, c)- la bancarella di un mercato rionale. L’osservazione in parallelo metterà in evidenza le costanti e le varianti ed il relativo confronto prezzi.
L’appuntamento è per le ore 10 presso la pescheria “Pesce vivo” in via Sammartini, zona Stazione Centrale. Successivamente verranno visitate altre rivendite di pesce in zona (da definire).
Costo:  € 20,00 soci Slow Fod, € 25,00 non soci (libro in omaggio per tutti)

Per info e iscrizioni: Francesco | +39 334 1753131| milanoslowfood@gmail.com

 

3 ottobre il termine per iscriversi al Premio GammaDonna

PER GIOVANI DONNE IMPRENDITRICI

Prorogato fino al 3 ottobre il termine per iscriversi al Premio GammaDonna, riconoscimento all’imprenditoria innovativa di donne e giovani

Tra le novità dell’edizione 2017, il QVC Next Award per il prodotto più innovativo

Torino, 20 settembre 2017Soft skill come antidoto alla robotizzazione. Di fronte alla prospettiva – tracciata dal rapporto McKinsey sull’automazione dello scorso maggio – di vedere fagocitati nell’immediato 1,2 miliardi di posto di lavoro, una delle risposte forti possibili sta nella capacità delle imprese di mettere a capitale il fattore umano. Creatività, intelligenza emotiva e relazionale, capacità di analisi critica come di acquisizione di nuove conoscenze e nuove competenze: in una parola re-skilling.

C’è chi si muove già in questa direzione: a queste imprese, e a quella parte tra loro guidata da donne e giovani, è rivolto il 9° Premio GammaDonna, che da 14 anni premia storie di innovazione poco conosciute e le porta alla ribalta.

Il Premio si rivolge a imprenditrici di ogni età e a giovani imprenditori under 35 che si siano distinti per aver introdotto innovazioni all’interno della propria azienda, costituita non dopo il 31 dicembre 2014. Piccole imprese che hanno saputo adattarsi con successo alle nuove e mutevoli esigenze del mercato, adottando gli strumenti tecnologici a disposizione e sperimentando attività, ruoli e modelli organizzativi nuovi.

Tutte le candidature ritenute idonee avranno uno spazio sulla piattaforma GammaDonna (www.gammaforum.it) che, dal 2004, racconta e diffonde storie di innovazione, leadership, visione. Una rosa di 6 finaliste aprirà il GammaForum – Forum Nazionale dell’Imprenditoria Femminile e Giovanile, in programma il prossimo 16 Novembre a Milano con il titolo “Intelligenze e competenze nuove per fare impresa nell’era digitale”.  Una giuria formata da personaggi di spicco del mondo dell’impresa, del venture capital e dell’innovazione digitale[1] decreterà il vincitore del Premio GammaDonna, chiarendo le proprie scelte durante un dibattito aperto. In palio, un Master della 24Ore Business School, un percorso d’incubazione in Polihub – Politecnico di Milano, sei mesi di mentoring affiancati da un manager selezionato ValoreD. Anche quest’anno, tra le candidature sarà assegnato il Giuliana Bertin Communication Award, speciale riconoscimento per eccellenze nel campo della comunicazione on/offline (in premio, un Master della 24Ore Business School).

Tra le novità dell’edizione 2017, il QVC Next Award per il prodotto più innovativo, finalizzato alla semplificazione o al miglioramento della vita quotidiana. L’impresa vincitrice di questo Award si aggiudicherà un percorso di mentoring con un Senior Buyer QVC e l’ammissione all’edizione 2018 del QVC Next Lab, percorso di formazione dedicato a startup al femminile con forte focus sulla fase del go-to-market, promosso dalla piattaforma multimediale di shopping TV, ecommerce e social media QVC. Il Lab nasce a seguito del lancio, nel 2016, del programma QVC Next a sostegno delle imprese appena nate, piccole e medie, con particolare attenzione a quelle femminili.

Candidature entro il 3 ottobre 2017. Info e regolamento sul sito www.gammaforum.it

Il 9° GammaForum – promosso dall’AssociazioneGammaDonna® con il Patrocinio di Regione Lombardia e il contributo di Banca Mediolanum, QVC Italia, Facebook, Studio Torta, IBM e Cisco– sarà una giornata di dibattito e confronto sull’evoluzione necessaria nelle aziende per far fronte alle sfide della quarta rivoluzione industriale, con particolare riferimento al cammino che i piccoli imprenditori dovranno intraprendere per guidare questo processo e al contributo che donne e giovani sono in grado di fornire. Sarà un’occasione per stimolare il pensiero, ispirare l’azione, ma anche per ampliare la propria rete di relazioni di affari, nel cuore della business community italiana.                                                                            

[1]LA GIURIA 2017:Presidente: Mariarita Costanza, Co-Founder e CTO Macnil Gruppo Zucchetti; Marina Cima, rappresentante Federmanager Minerva Nazionale; Gianluca Dettori, Executive Chairman Primomiglio SGR; Alessandro Enginoli, Vice Presidente Assolombarda; Riccardo Luna, Direttore Agenzia Italia; Stefano Mainetti, CEO Polihub – Startup, District & Incubator; Sandra Mori, Presidente ValoreD e General Counsel Coca-Cola Europe; Paolo Penati, CEO QVC Italia.

Arte a Venezia – Mostre a Palazzo Grassi e Punta della Dogana

Palazzo Grassi e Punta della Dogana presentano le prossime mostre, in apertura al pubblico domenica 8 aprile 2018.
In programma a Palazzo Grassi una mostra personale dedicata a Albert Oelhen e a Punta della DoganaDancing with myself”, una collettiva con opere dalla Collezione Pinault in collaborazione con il Museo Folkwang di Essen, Germania.
Albert Oehlen selbstportrait mit Palette, 2005 Pinault Collection
Palazzo Grassi presenta la mostra personale di Albert Oehlen (1954, Krefeld, Germania) nell’ambito del programma delle monografiche di artisti contemporanei – inaugurato a Palazzo Grassi nell’aprile 2012 con Urs Fischer e proseguito con Rudolf Stingel, Irving Penn, Martial Raysse, Sigmar Polke – alternate a esposizioni tematiche della Collezione Pinault.
Albert Oehlen Untitled, 2007 Pinault Collection
La mostra, curata da Caroline Bourgeois, traccia un percorso lungo la produzione di Albert Oelhen attraverso una selezione di circa 85 opere, dalle più note a quelle meno conosciute, realizzate dagli anni ’80 ad oggi e provenienti dalla Pinault Collection e da importanti collezioni private e musei internazionali.
La mostra presenta un allestimento inedito, non cronologico bensì scandito da un ritmo sincopato tra i diversi generi e periodi, sottolineando così il ruolo centrale della musica nella produzione dell’artista, metafora del suo metodo di lavoro dove contaminazione e ritmo, improvvisazione e ripetizione, densità e armonia dei suoni diventano gesti pittorici.
Albert Oehlen Untitled, 2016 Pinault Collection
Albert Oehlen si afferma come uno dei protagonisti della pittura contemporanea grazie a una ricerca in continua evoluzione dedicata al superamento dei limiti formali e alle sperimentazioni, più che al soggetto dell’opera.
La mostra a Palazzo Grassi è la più grande monografica dedicata ad Albert Oehlen, già protagonista di importanti esposizioni in tutto il mondo – tra le altre al Museo Nacional de Bellas Artes in L’Avana nel 2017, al Cleveland Museum of Art nel 2016, al New Museum di New York nel 2015, al Kunstmuseum di Bonn nel 2012 e al Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris nel 2009.
Cindy Sherman  Untitled #578 , 2016
dye sublimation metal print
50 1/2 x 48 inches; 128.3 x 121.9 cm
Courtesy of the artist and Metro Pictures, New York
A Punta della Dogana, la mostra collettiva “Dancing with myself”, nata dalla collaborazione tra la Pinault Collection e il Museum Folkwang di Essen, è curata da Martin Bethenod,Florian Ebner eAnna Fricke ed è stata presentata in una prima versione a Essen nel 2016.
Rudolf Stingel  Untitled (Alpino, 1976) , 2006
Pinault Collection
Courtesy of the artist
“Dancing with myself” indaga l’importanza primordiale della rappresentazione di sé nella produzione artistica dagli anni ’70 a oggi e del ruolo dell’artista come protagonista e come oggetto stesso dell’opera. Attraverso un’ampia varietà di pratiche artistiche e linguaggi (fotografia, video, pittura, scultura, installazioni…), di culture e provenienza, di generazioni ed esperienze, la mostra mette in luce il contrasto tra attitudini differenti: la malinconia e la vanità, il gioco ironico dell’identità e l’autobiografia politica, la riflessione esistenziale e il corpo come scultura, effigie o frammento, e la sua rappresentazione simbolica.
LaToya Ruby Frazier  Self portrait Oct. 7th (9.30am) , 2008
gelatin silver print
Courtesy The Artist and Gavin Brown’s enterprise, New York /Rome
La mostra riunisce circa 100 opere dalla Pinault Collection – da Claude Cahun a LaToya Ruby Frazier, da Gilbert & George a Cindy Sherman, da Alighiero Boetti a Maurizio Cattelan, in dialogo con una selezione di opere provenienti dal Museum Folkwang, ed è presentata in una versione inedita per gli spazi espositivi di Punta della Dogana con oltre 45 lavori non esposti in occasione della mostra a Essen.
La mostra “Dancing with myself” è organizzata in collaborazione con

LIBRI – Un libro da leggere per amare la vita – “ Gratitudine ” – Oliver Sacks

 “… un senso di gratitudine… sono stato un animale pensante su questo pianeta bellissimo ” Garbo e semplicità nel libro

“ Gratitudine ”.

Un’ottimistica lezione di vita.

Scrittore e neurologo in un reparto di ammalati dimenticati da tutti, Oliver Sacks inizia a scrivere con “ Risvegli ”, ma forse il suo più grande capolavoro è l’ultimo libro, scritto quando già sa di dover morire, “ Gratitudine ”.

Un libro da leggere per non avere paura di affrontare i più gravi problemi della vita.

Gli ultimi scritti di Oliver Sacks sono usciti sul New York Times ed hanno il pregio di fare emozionare il lettore; un pregio assai raro.

“ Gratitudine ” è un libro che tutti dovremmo leggere; per imparare ad amare la vita al di là di tutto.

Nel libro Sacks affronta, con unica semplicità e grande garbo, il tema dell’età che avanza, della malattia e della morte, della quale “non può fingere di non averne paura”.

“ Gratitudine ”, di Oliver Sacks, editore Adelphi, 9 euro.

DonnE…Cultura