ARTE: L’ARTE A DISPOSIZIONE DEGLI ARTISTI; A LONDRA !

Il 20 gennaio la Delfina Foundation di Londra ha riaperto la nuova sede in zona di Buckingham Palace.

UN MODO DI CONCEPIRE L’ARTE CHE DOVREMMO REALIZZARE ANCHE IN ITALIA, MA SIAMO MILLE MIGLIA LONTANI…

L’ARTE CHE FUNZIONA !

ARTE 672 BOTTIGLIE DI ZUCCHERO DI CANNA DA VARIE PARTI DEL MONDO 03_politcs-of-food-delfina

Zineb Sedira (Francia/Algeria/Inghilterra), Seafaring (Antilles, Brazil (x2), Burkina Faso, Cuba, Guadeloupe (x2), Guyana (x2), Madagascar, Mauritius, Reunion, Swaziland (x2), Zambia), 2013, 15 bottiglie, zucchero di canna, contenitore in legno. Photo © Tim Bowditch

arte 672 The politics of02_politcs-of-food-delfina

“The Politics of Food”, Delfina Foundation, Londra. Vista dell’allestimento, 2014 Photo © Tim Bowditch.

 www.delfinafoundation.com

Una sede totalmente rinnovata; grazie agli interventi dell’inglese Studio Octopi e dell’egiziano Shahira Fahmy Architects.

-10 mesi di ampliamento e adattamento per una spesa di 1,4 milioni di sterline.

-Avendo raddoppiato i suoi spazi, la fondazione DELFINA può ospitare sino a otto artisti e curatori contemporaneamente; diventerà il principale centro residenziale per artisti  in città. 

La quasi ottuagenaria Delfina Entrecanales ha costruito l’ organizzazione basandosi  su “ospitalità” e “convivialità”.

-Partita nel 1988 a Stratford, nell’East London, oggi dimostra come un buon lavoro possa trovare i giusti finanziamenti; se le leggi non intralciano (come spesso avviene in Italia).

Più di 25 anni di attività hanno reso ben  500, ospitalità per artisti. Tra i tanti: Maurizio Cattelan, Martin Creed, Wael Shawky, Ala Younis e Tacita Dean.

-Entrecanales ha  ricevuto riconoscimenti importanti come il CBE (Commander of the Most Excellent Order of the British Empire) nel 2012 e il Business Awards dal Principe Carlo nel 2013.

-Con il nuovo spazio, la Delfina Foundation amplia  il suo programma di attività con la mostra The Politics of Food, da qui nasce un momento di ricerca basato sulle politiche, economie ed etiche legate al cibo attraverso i lavori di ventidue artisti.

-Il tutto sarà ulteriormente ampliato con progetti e persone provenienti da tutto il mondo.

Dal Manifesto della Cucina Futurista di Marinetti, al ristorante concettuale di Gordon Matta-Clark  gli artisti hanno usato anche il cibo per le loro opere.

Tra i partecipanti:

-Abbas Akhavan, con una fontana fatta di piatti, pentole e padelle per esplorare l’ospitalità; Zineb Sedira, con fotografie in grande scala e sculture di zucchero per raccontare del razzismo, delle migrazioni e della globalizzazione; Tadasu Takamine, riflette sulle conseguenze del nucleare a Fukushima; Asunción Molinos, presenta un’opera che nasce dal progetto per un ristorante “pop-up” ; Senam Okudzeto con Portes-Oranges, sculture in metallo utilizzate dai fruttivendoli ghaniani per esporre la frutta.

Il programma include eventi come conferenze-pranzo e cene di discussione, performance sul tema della cucina e del cibo, proiezioni di film e food fights (“combattimenti di cibo”), gare di cucina alla presenza di artisti con successivi dibattiti.

Un indirizzo che, se andate a Londra e amate l’arte, dovete segnarvi in agenda.

29 Catherine Place, Victoria, London SW1E 6DY, Regno Unito

Telefono:+44 20 7233 5344

Foto di copertina: Zineb Sedira (Francia/Algeria/Regno Unito), Sugar Routes II, 2013, C-Prints, zucchero di canna. Photo © Tim Bowditch

MODA: ANTICIPAZIONI AUTUNNO/INVERNO 2014 .

COLLEZIONE DONNA AUTUNNO/INVERNO 2014

Anni ‘70 ed i primissimi Anni ‘80

-tanto colore

– il nero abbinato ai colori più accesi come il rosa fucsia, il mandarino, l’arancio

-pantalone a vita alta, con le pence ed ampio al fondo

-cappotti oversize, dalla ampia manica con spalla scesa

-giacche dalla spalla costruita e sostenuta dall’ovatta

-una donna che sa essere sofisticata ed elegante nella propria femminilità mai ostentata, quasi nascosta, che traspare dalle forme e dai dettagli.

 Fine degli Anni ‘70 ed i primissimi Anni ‘80; il colore tornava a dominare la scena dopo anni di declino.

E’ il nero a fare da sfondo,

abbinato ai colori più accesi come il rosa fucsia, il mandarino, l’arancio.

Cappotti oversize, dalla ampia manica con spalla scesa.

Giacche dalla spalla costruita e sostenuta dall’ovatta.

Gonne a bauletto che vanno a stringersi sul fondo.

Abitini a bustier.

Dal tubino rivisitato all’abito più costruito.

Il pantalone trova spazio con una vestibilità a vita alta, con le pence ed ampio al fondo; abbinato al doppiopetto con collo.

-I top sono in seta o in crepon di lana come la “finta felpa” in materiale di lana pregiata.

Gioielli: spille, maxi-catene anni ’70.

Luis Sepúlveda: “Storia di una lumaca che scoprì l’importanza della lentezza”.

Luis Sepúlveda, nato in Cile nel 1949, si è imposto sulla scena letteraria con il romanzo “Il vecchio che leggeva romanzi d’amore”, pubblicato in Spagna nel 1989.

Molto amato in Italia, ha raggiunto la massima notorietà con il libro e il  cartone animato “Storia di una gabbanella e del gatto che le insegnò a volare”.

Un capolavoro di delicata riflessione che ha entusiasmato i più piccoli, ma anche gli adulti.

Un vero messaggio universale che parla dell’importanza dell’amicizia disinteressata; della bellezza della solidarietà.

Personalmente abbiamo sempre ammirato questo scrittore.

Entusiasmati dal titolo del suo nuovo libro, lo abbiamo letto, e riletto, con grande attenzione.

Purtroppo la “storia di una lumaca che scoprì l’importanza della lentezza” ci ha deluso.

“Le serbava ingiusto non avere un nome, e quando una delle lumache più vecchie le domandava perché ci tenesse tanto, lei rispondeva come loro a bassa voce: –Perché il calicanto si chiama così, calicanto, e perciò quando piove, per esempio, diciamo che andiamo a rifugiarci sotto le foglie di calicanto. Anche il saporito dente di leone si chiama così, dente di leone, e e perciò quando diciamo che andiamo a mangiare delle foglie di dente di leone non ci sbagliamo e non mangiamo ortiche-.

Possibile, diciamo noi, che ad un autore di tanto talento sia sfuggita la differenza tra nome proprio: Francesca, Fernanada, Teresa…e nomi generici come lumaca, tigre, carota, dente di leone, calicanto…che non sono nomi propri.

La lumaca non parla di un calicanto di nome Francesco, che allora sarebbe si distinguibile tra gli altri calicanti. Così come il nome Francesca, assegnato alla lumaca, la distinguerebbe dalle altre lumache.

Se non si tratta di un errore del traduttore, è un errore di logica, ma un libro non dovrebbe insegnare, soprattutto ai più piccoli, a ragionare?

In un paese poi come l’Italia dove la matematica e la sua logica mentale è tanto ignorata, ma tanto importante per un futuro tecnologico e, ci augureremmo, umanistico migliore, non ci sembra consigliabile.

Inoltre il racconto in genere ci ha deluso, tanto quanto il titolo ci aveva entusiasmato. Ci è parso debole, scontato, totalmente mancante di grinta, entusiasmo; come un libro scritto da un computer al quale abbiamo dato qualche indicazione, che lui ha malamente elaborato !

Peccato, Sepúlveda ci era tanto piaciuto!

DONNE: FAMA E VITA PRIVATA, DIFFICILE ACCORDO.

DONNE FAMOSE:

-“Le donne quando raggiungono un’età che permette loro di smetterla di occuparsi di essere donne, e liberano le proprie forze, devono essere le creature più potenti del mondo” così scriveva Karen Blixen nel racconto “La scimmia”.


-La studiosa inglese Rosemary Dinnage ha dedicato recentemente un saggio biografico-letterario al potere della donna inteso come intrigante miscuglio di immaginazione, coraggio e perseveranza.

Il volume “Alone!Alone!Lives of some outsider women” (Sola!Sola!Vite di donne fuori dagli schemi, New Yok Reveiw of Books, € 24,95) mette in risalto la storia di donne che sono state autonome creatrici della propria fortuna o, sfortuna.

-“Non è divertente essere una persona fuori dagli schemi, perchè ti  rende estremamente sola” così osserva la musa di Bloomsbury Lady Ottoline Morrell ribaltando le consuete prospettive e indagando su quel misterioso quid femminile che ha permesso  ad alcune donne di trasformare la propria debolezza in forza.

-Forse la più famosa tra queste è  la sopracitata Karen Blixen che nel 1931, perduto l’amante, il marito, la casa, il denaro e la salute(il marito le aveva trasmesso la sifilide), camminando oltre i confini della propria tenuta africana andò alla ricerca di un segno che spiegasse questa serie sfortunata di eventi. Quando vide un un gallo strappare la lingua ad un camaleonte, la Blixen scrisse di aver sentito “I Grandi Poteri” che dalle montagne circostanti se la ridevano di lei.

-Quando poco dopo a quarantanove anni, la Blixen, scrisse il suo primo libro “Sette storie gotiche”, lo firmò con lo pseudonimo Isakn (Isak Dinesen) che in ebraico significa risata. Il successo immediato le permise di inventarsi una nuova personalità, trasformandosi da romantica perdente in sofisticata dama, grande scrittrice e donna di mondo.

-In “Sola!Sola!…”, si parla anche di Rebecca West, morta Dama Comandante dell’Impero Britannico nel 1983, donna “declassata socialmente”

Il padre di Rebecca West  abbandonò la famiglia quando lei era ragazza, più tardi nella vita lei ebbe un figlio illegittimo dallo scrittore H.G.Wells e questo fu motivo di grande scandalo!

– La signora Churchill,  ebbe figli variamente drogati, depressi, alcolizzati e suicidi. Nonostante queste premesse riuscì a scrivere undici romanzi e nove libri tra viaggi e critica letteraria e politica.
Fu certamente una scrittrice molto influente, ma non una buona madre (disse al figlio:”Non ti mando in collegio a due anni, ma a tre”), cosa che la mette in ottima compagnia con Lady Clementine.

-La scrittrice Margaret Oliphant, fenomeno letterario dell’Ottocento,  fu madre generosa ma infelice, scrisse per mantenere tre figli suoi e tre adottivi, ma solo due le sopravvissero.

ARTE, LISSON GALLERY; RASHID RANA A MILANO.

Rashid Rana ( Lahore, Pakistan, 1968) lavora con immagini spezzate, sfaccettate, ricomposte e moltiplicate.

ARTE Lisson Gallery Mi Rashid Rana 09_rana-lisson-gallery

ARTE RASHID RANA 672 solo base Red_carpet_1

Red carpet.

ARTE RASHID RANA110008-1

Sino al 14 marzo 2014.

Lisson Gallery, Via Bernardino Zenale, 3, 20123 Milano; nel cui giardino passeggiava Leonardo riposandosi dalle fatiche dell’Ultima Cena nella vicina Santa Maria delle Grazie.

Scompone anche antichi quadri e li ricostruisce di nuovo.

Le insegne dei negozi di Lahore vengono fotografati, scomposti e ricomposti in paesaggi urbani.

Altrettanto Rana fa con riproduzioni dei lavori dei maestri dell’arte, trattati come campi digitali di colore.

Per la mostra alla Lisson Gallery di Milano, Rashid Rana ha voluto rifarsi ad artisti milanesi come Andrea Solari e Cesare da Sesto, i cui dipinti sono presenti nella mostra; mentre gli originali si trovano esposti al Louvre e alla National Gallery di Londra.

-Ampiamente considerato come il principale artista pakistano della sua generazione, Rashid Rana si fa notare  nella scena asiatica meridionale con Subodh Gupta.

-La sua fotografia, scultura e incisione digitale, è un trasporto di immagini da un tempo e luogo ad un altro, attraverso la manipolazione, ripetizione e il riassetto delle immagini scomposte.

-I suoi primi fotomontaggi furono da lui creati riconfigurando minuscoli quadratini di immagini in micro- mosaici a mano, mante ora utilizza il software;

sovrapponendo immagini pornografiche a silhouette del burka (velo, 2004) e trasformando centinaia di istantanee…grafiche in fac-simile di tappeti persiani (Red Carpet , 2007).

-Quello di rana è un telescopico lavoro sulla politica e sulla civiltà, anche in  tre dimensioni come nelle opere della serie Cerco disperatamente Paradise (2007-2011), dove umili strade e case di Lahore, si riformano in grattacieli. -Partendo da moltitudini di protesta umana e disordini… attraversa il Rubicone culturale tra arte storica e contemporanea, cancellando lavori iconici di Jacques Louis David e Gerhard Richter, con flussi di dati costituiti da strisce orizzontali di miniature di byte; quale vero incastro di informazioni visive .

Rashid Rana vive e lavora a Lahore.

Ha studiato al Collegio Nazionale delle Arti a Lahore e al Massachusetts College of Fine Arts di Boston.

E’ docente fondatore e capo del dipartimento di Belle Arti presso Beaconhouse National University di Lahore.

-Mostre personali: Labirinto del Riflessioni a Mohatta Palace Museum , Karachi ( 2013), Cornerhouse , Manchester ( 2011) Musée Guimet, Parigi ( 2010).

-Importanti mostre collettive: Biennale di Kiev ( 2012), Fotomuseum Winterthur, Whitechapel Gallery e Saatchi Gallery, Londra ( 2010), Asia Society, New York ( 2009), quinto Asia -Pacifico Triennale, Queensland Gallery of Art, Brisbane ( 2006), Biennale di Singapore ( 2006) .

NEW YORK, DOVE L’INGEGNO ITALIANO E’ PREMIATO.

Informazioni turistiche su New York al seguente link:

http://www.donnecultura.eu/?p=5106

Quanti sono i giovani, e non, che si stanno dibattendo o rassegnando in questo orrendo momento nel quale il genio italiano, in patria, è quasi completamente ignorato ?

Cosa dire loro se non scappate?

E’ disfattismo ?

Non credo, noi preferiamo chiamarlo realismo.

La prova che  scappare può essere la mossa giusta la troviamo su di un commento su “Venerdì” del giornalista Federico Rampini, quando porta ad esempio lo sviluppo aziende italiane che si sono rapidamente ampliate a New York.

Nota extra su N.Y. : Affitta da persone reali in 34000 città e 192 paesi in tutto il mondo.Vedi al link: http://www.donnecultura.eu/?p=8390

Aziende che in Italia hanno una sola sede, ma a New York si sono moltiplicate in poco tempo.

Certo, il cliente potenziale a New York è superiore, anche di numero, a quello italiano, ma qui gli aiuti, se si è bravi, si trovano.

La proprietà dello storico bar Sant’Ambreus di Milano a New York, in breve tempo, ha aperto ben 3 bar e due ristoranti.

La proprietà della Bottega del Vino di Verona si sta moltiplicando grazie ad un accordo con un gruppo di famose paninoteche.

Idem successe a Cipriani dell’Harry’s Bar e a Bice di Milano,  e tutti conoscono il successo mondiale di Eataly di Farinetti.

La differenza, tra l’Italia e gli USA la fa il fatto che a New York, ma non solo, c’è sempre qualcuno attento a sviluppare business con chiunque dimostri di esterne all’altezza, ma qui non c’è burocrazia, amicizie, politica che si intromettano! E scusate se è poco.

In Italia, mi risulta personalmente, se presenti un progetto valido puoi solo aspettarti che te lo bocceranno e poi copieranno; così vanno molti concorsi ufficiali, o tutti?.

E poi in ogni concorso c’è una giuria con tanti amici da accontentare per scambiare altri favori.

Purtroppo in Italia non è corrotta solo la politica, ma anche i cittadini fanno la loro brava parte; ovviamente non tutti.

Eccezioni escluse, che poi vengono realmente escluse…

Il giornalista Federico Rampini, italiano che vive a New York, da sempre gode della nostra stima e lo ringraziamo anche per il suo articolo apparso sul Venerdì di Repubblica (18.1.14)che ci ha ispirato quanto sopra.

OLIO EXTRAVERGINE SOLO PER L’ETICHETTA; GLI USA CI SBUGIARDANO !

E noi ci domandiamo quante altre truffe vengono perpetrate contro l’ignaro consumatore, anche quando acquista prodotti che sono “certificati” di alta qualità.

345 milioni di litri di olio di oliva sono stati esportati dall’Italia nel 2013.

445 milioni di litri di olio d’oliva importati in Italia nel 2011.

Come mai il secondo produttore di olio di oliva nel mondo, l’Italia, importa più di quello che esporta?

NON VOGLIAMO DEMONIZZARE NESSUNO, MA DIFENDERE QUEI PRODUTTORI ONESTI CHE RINUNCIANO AI GUADAGNI DEL 1.000% REALIZZATI CON LA CONTRAFFAZIONE.

A dicembre 2013 i carabinieri del Nas hanno scoperto 14 tonnellate di olio artefatto pronto per le tavole natalizie.

Ad ottobre le autorità avevano bloccato al porto di Salerno una megapartita di olio di sansa diretto in Sud Africa, spacciato per extravergine di oliva.

A Siena l’Azienda Olearia Valpesana, 110 milioni di euro di fatturato, rivendeva olio “100% italiano” : era olio vergine e olio lampante deodorato per eliminarne il cattivo odore  !!!!

Ecco cosa è l’olio lampante (una volta olio per lampade): 

gli avanzi delle ultime spremiture subiscono questi trattamenti:

-deacidificazione con soda caustica e lavaggi caldi.

-decolorazione: l’olio passa attraverso filtri di terra, dopo trattano la terra con esano per recuperare tutto l’olio (l’esano è il solvente principale presente nella benzina) anche quello che le dà il suo tipico odore

deodorazione: l’odore (la puzza!) viene tolto con una bella distillazione a 220 gradi.

a volte gli fanno fare anche un giro di demargarinizzazione: un processo di centrifugazione a temperature sotto lo zero poi diventerà  la margarina vegetale!

Olio da usare solo come combustibile, giusto?”
No, la legge italiana consente di “fabbricare” il comune “olio d’oliva” miscelando questo “olio da lampade” deacidificato, decolorato e deodorizzato con olio vergine:  l’importante è che il composto finale non abbia una acidità superiore all’1% .

Negli Stati Uniti hanno scoperto che il 69% dell’olio d’oliva importato dall’Italia era stato manomesso = tagliato con olio contraffatto.

Tir che partono dal nord dell’Africa, Spagna Grecia e sbarcano in Italia: Napoli, Gioia Tauro, Livorno, Ancona, Genova.  Da qui raggiungono le industrie dove avviene la “trasformazione”  in olio extra vergine di oliva italiano.

Calcolate che in Tunisia questo olio può costare anche 0,23 centesimi al litro !

I guadagni dei frodatori sono del mille per cento.

Dietro a tutto questo ci sono le lobby che proteggono l’agro-mafia e le lobby  industriali.

Solo 10 sono le aziende finite, nel 2011, sotto l’attenzione dell’Agenzia delle dogane settore frodi del Corpo Forestale e Guardia di Finanza.

-Nota: COSA E’ L’OLIO DI SANSA? L’olio rimasto dalla spremitura a caldo (già più scadente della spremitura a freddo) viene “lavato” con SOLVENTI! Poi il solvente è separato dall'”olio”. Questo olio  puzza ed è terribilmente acido. Ecco l’olio di sansa.

P.S.: i vari oli di semi subiscono le stesse denaturazioni.

Tutti i diritti sono riservati e la proprietà

intellettuale appartiene a G.Seregni, ex legge

633/41 e successive modifiche.

Reg. Tribunale di Como il 7.6.10 n°7/10

ARTE A PARIGI, SEMPRE NOVITA’: PANTIN !

SI CHAIMA PANTIN ED ‘E IL NUOVO CENTRO ARTISTICO DI PARIGI.

Parigi arte IMG_0012

Qui, tra l’altro,  hanno sede i laboratori di Chanel ed Hermes, quest’ultimo ha sovvenzionato il nuovo arredo urbano con oltre 7 milioni di euro. (Come avviene in Italia! Hai….noi!).

Siamo nel quartiere periferico di nord est di Parigi; dopo la Villette.

Hermes ha anche deciso di aprirvi una nuova scuola per la formazione di nuovi artigiani; visto che, alla faccia della crisi, le vendite vanno benissimo.

Tra poco qui si inaugura una sezione dell’Istituto di Design Camondo, dove si sono diplomati: Philippe Starck ecc…

I più noti galleristi internazionali di arte contemporanea sono già sbarcato a Pantin.

Nota: Affitta da persone reali in 34000 città e 192 paesi in tutto il mondo.Vedi al link: http://www.donnecultura.eu/?p=8390

arte Parigi-Street-Art-9-320x320

arte Parigi-Street-Art-7-320x320

Per gli stessi  parigini, più tradizionalisti, è ancora difficile capire che si possa andare tranquillamente a Pantin (oltre il Periphérique, il raccordo anulare) nel fine settimana per un giro tra le gallerie d’arte , ma ci stanno facendo l’abitudine.

Arrivando da La Villette il paesaggio è senza soluzione di continuità, del passato operaio restano i mulini, oggi ristrutturati dalla Bpn-Parisbas. L’agenzia di comunicazione Betc, gruppo, Havas, si trasferirà qui nel 2015.

Pantin è ben collegata con il centro della città, che dista 6,4 chilometri.

Un quartiere ha bei giardini, senza i prezzi stratosferici del centro di Parigi; così Pantin ha attirato in breve ben 54.136 abitanti giovani e in prevalenza donne. Tanto che, recentemente, i prezzi per l’acquisto di un appartamento sono già lievitati a 5.000 euro al mq.

Qui sono nate e stanno nascendo nuove sale da concerti, teatri, gallerie d’arte ecc…

Ed ora anche progetti per case ecologiche, volute dal nuovo sindaco.

La dinamica Parigi non finisce di stupire; da un quartiere operaio, poi polo industriale del lusso, oggi ha fatto nascere la nuova frontiera per giovani artisti.

Pantin ci ricorda un poco il quartiere berlinese di Spree, a causa di un tranquillo canale che lo attraversa: il Canal de l’Ourcq; voluto da Napoleone nel lontano Ottocento.

Un luogo destinato all’oblio si era da tempo trasformato in museo all’aperto: centinaia di writers – tra cui Da Cruz, Artof, Popof, JR, M. Chat – si sono alternati lungo i muri  lasciando come tracce graffiti e tag; poi la zona si è imposta come uno degli spazi indipendenti più importanti per gli artisti della capitale.

Per amore della verità si deve anche dire che non tutti i problemi legati alla convivenza con la parte non rinnovata del quartiere ha dato qualche problema di sicurezza, i furti nelle case sono aumentati, ma il nuovo sindaco è sicuro di risolvere tutto a breve.

Viaggiare low cost in tutto il mondo con airbnb.it

Affitta da persone reali in 34000 città e 192 paesi in tutto il mondo. Esempio doppia per 53/ 94 euro a notte a New York Manhattan quartiere elgant-chic di Celsea o  67/100 euro per il centro di Londra.

350.000 host. 8 milioni di ospiti. 192 paesi.

L’affidabilità è la chiave di questo successo.

OSPITARE E ESSERE OSPITATI A PREZZI CONCORRENZIALI CON TUTTE LE GARANZIE.

vedi: https://www.airbnb.it/

Gli ospiti e gli host verificano la propria identità collegandosi ai social network ed effettuando una scansione del proprio documento ufficiale o confermando i dati personali.

Conosci meglio il tuo ospite o il tuo host attraverso profili dettagliati e recensioni.

Una Piattaforma Sicura.

Gli ospiti pagano attraverso Airbnb quando prenotano un alloggio. Gli host ricevono il pagamento tramite Airbnb 24 ore dopo il check-in dell’ospite. Noi ci prendiamo cura di tutte le transazioni, a te resta solo da dire “Ciao!”

Gli host sono coperti dalla nostra garanzia di 700.000€. Quando ospiti con Airbnb il tuo alloggio è coperto fino a 700.000€. Ogni prenotazione, in ogni momento.

Siamo qui per aiutarti h24.

Contatta il nostro Team Assistenza Clienti di prima classe quando sei in viaggio o mentre ospiti. È formato da persone reali che sono disponibili giorno e notte, ovunque nel mondo. 

Chi siamo.

Fondata nell’agosto del 2008 e con sede principale a San Francisco – California, Airbnb è un portale affidabile per la sua community in cui le persone possono pubblicare, scoprire e prenotare alloggi unici in tutto il mondo — online o dal loro cellulare.

Sia che si tratti di un

appartamento per una notte, di

un castello per una settimana o di

una villa per un mese, Airbnb mette in contatto le persone con autentiche esperienze di viaggio a qualsiasi prezzo in

-35.000 città e 192 paesi.

-Inoltre, grazie al nostro fantastico servizio di assistenza clienti e a una community di utenti sempre in crescita, Airbnb è il modo più facile per trarre profitto dal tuo spazio in più e mostrarlo a un pubblico di milioni di persone.

Utilizza il nostro sistema di messaggi per saperne di più su un host o per chiedere a un ospite i dettagli del suo viaggio.

GRANDI MOSTRE IN SPAGNA PER CELEBRARE EL GRECO.

A 400 anni dalla morte di Domenikos Theotokopulos, detto El Greco( 1541-1614), la Spagna ha previsto una serie di mostre-monstrum (nel senso di gigantesche) per celebrare questo suo figlio geniale e irascibile che non volle riconoscere per tanto tempo.

ARTE 672 El_Greco_The_Vision_of_Saint_John_1608-1614-620x300

-Delacroix ne era entusiasta, come Baudelaire, Rilke, Cézanne e molti altri, ma non el rey prudente Filippo II che avrebbe dovuto renderlo ricco e famoso.

ARTE El Greco_672 portraitoftheartistssonjorgemanueltheotokopoulos

Tutta quella modernità di figure allungate e santi muscolosi allontanò El Greco dall’approvazione della controriforma che voleva e doveva essere garante della tradizione.

ARTE El Greco 600 vista-y-plano-toledo-museo-greco.jpg_369272544

-Tradito nelle sue aspettative di gloria, El Greco si ritirò sdegnato sulle cime di Toledo.

ARTE Autoritratto 1604 El Greco

-Nella più cupa e misteriosa eccentricità continuò a lavorare selvaggiamente sino alla fine dei suoi giorni.

-Di lui si dice che vestisse da dandy sempre in nero.

Pare che usasse pazzi e mendicanti come modelli. 

-Studiò, da solo, Omero, Aristotele, Senofonte, Petrarca ecc.. annotando le sue considerazioni ai margini dei vari libri.

-Studi a parte parlava una sua lingua che non gli facilitava la socialità essendo una summa di Italiano-spagnolo e definita itañolo.

-Non che mancassero gli ammiratori: il clero cittadino e la miglior intellighenzia lo avevano riconosciuto come genio, ma l’immediata posterità continuò ad ignorane il valore.

-El Greco ottiene il meritato riscatto solo con i romantici e poi con le avanguardie.

-Oggi la Spagna vuole farsi perdonare con mega-mostre:

a Toledo Museo di Santa Cruz dal 14  marzo. al 14 giugno 2014; un itinerario che dal Museo toccherà i luoghi del suo lavoro, dalla Sacrestia della Cattedrale al Convento di San Domenico.

a Madrid Museo del Prado dal 24 giugno al 5 ottobre 2014; El Greco e la sua influenza sulla pittura  Moderna

a Toledo Museo Santa Cruz dall’8 settembre al 9 dicembre 2014; mostra dedicata al grande influsso che El Greco ebbe in Spagna sul modo di dipingere e sul modo di concepire l’iconografica religiosa.

Se andate a Toledo non perdetevi la casa-museo, che non fu mai sua casa, dove campeggiano le tele “Entierro del Señor de Orgaz” e il “Caballero”.

Ricordatevi che Toledo dovreste visitarla senza seguire i percorsi consigliati, ma lasciandovi vagare secondo la vostra ispirazione e fantasia. 

-L’ideale sarebbe abbinare la visita di Toledo con Madrid utilizzando il treno veloce che unisce la due città.

-E non dimenticate che Toledo è anche famosa per il maialino al forno e la carne in genere, il pesce qui è in genere soconigliato; come sempre, no alle taverne per turisti.

MANGIARE. 

-El Alfar, il miglior rapporto qualità/prezzo,12-34 euro per un pranzo o cena, Calle Rosa del Azafrán, 8, 45700 Consuegra, Toledo, tel.+34 925 48 18 07.

-Restaurante Alfileritos 24, C/Alfileritos, 24, 45001 Toledo, 50 euro.

DORMIRE.

Nota: Affitta da persone reali in 34000 città e 192 paesi in tutto il mondo.Vedi al link: http://www.donnecultura.eu/?p=8390

Per dormire al miglior prezzo: https://www.airbnb.it/ in tutto il mondo un contatto sicuro e garantito; più economico di booking.com e altri del genere.

EL GRECO.

El Greco, pur riuscendo a rappresentare splendidamente l’animo castigliano  non era spagnolo, ma nato a Creta (Candia), sotto il dominio di Venezia.

-El Greco si formò come artista in Italia.

-Pare provenisse da una famiglia di mercanti cristiano-ortodossi.

-Parlava veneziano e greco. Il latino lo apprese più tardi come autodidatta.

Da giovanissimo già dipingeva madonne neo-bizantine di ottima fattura.

-A 26 anni sbarca a Venezia per migliorare la sua tecnica, e vi apprende soprattutto da Tintoretto e Jacopo Bassano.

-In una lettera-credenziale El Greco figura come allievo della bottega di Tiziano, ma non si ha conferma sicura.

-Con questa, forse falsa credenziale, viene raccomandato al cardinale Alessandro Farnese:

“Un giovane Candiotto, discepolo di Tiziano, che a mio giudizio parmi raro nella pittura”.

-Finalmente a Roma El Greco alloggia a Palazzo Farnese.

-In una bella giornata soleggiata romana, Giulio Clovio, che lo aveva raccomandato al cardinale, lo invitò ad una passeggiata che venne prontamente rifiutata da El Greco.

-Di lui dice Clovio: “Rimasi esterrefatto, quando entrai nello studio e vidi le tende delle finestre chiuse tanto ermeticamente che solo a stento si distinguevano gli oggetti”.

-“Rifiutò di uscire con me perché la luce del giorno turbava la sua luce interiore”.!

-El Greco approdò in Spana con le stesse motivazioni di un qualunque emigrante: lì c’era lavoro.

-Lettura consigliata: “Visionario illuminato” di Gómez de la Serna, editore Abscondita; divertente e molto arguta.

Tutti i diritti sono riservati e la proprietà intellettuale appartiene a G.Seregni, ex legge 633/41 e successive modifiche.

DonnE…Cultura