Archivi tag: Salute cosmetici detersivi detergenti creme per la pelle dannosi

SALUTE – I CIBI e i COSMETICI sono ricchi di particelle di PLASTICA come l’ acqua del rubinetto – da dove viene tutta questa plastica che ingeriamo ?

Le numerosissime particelle di plastica che riempiono quasi tutto quello che ingeriamo, ma anche: mari, fiumi e laghi… vengono dalle pellicole per avvolgere i cibi, dalla carta d aforno, dai cosmetici, spray deodoranti per la casa, dai profumi nei detersivi, dai detersivi, dagli ammorbidenti …dalle salviettine per non trasferire il colore da un tessuto ad un altro in lavatrice; anche dai dentifrici…dalle tettarelle dei bimbi in palstica, dai biberon (la cessione di molecole di plastica aumenta con il riscaldamento della superficie della plastica; come quando introduciamo un liquido o cibo caldo).

E’ stato dimostrato che i topi allevati con acqua che proveniva da bittiglie di plastica si ammalavano di cancro molto più delle generazioni precedenti che non bevevano da bottiglie di plastica.

In tutti i prodotti per la casa, la cosmesi, dentifricio compreso, ci sono microparticelle di plastica che servono per pulire o addensare il prodotto.

Nel 1999 solo 1 bambino su 500 era autistico; oggi siamo arrivati a 1 su 88 (dati USA), ma anche noi abu-siamo  delle materie plastiche.

Dati USA degli ultimi 45 anni:

aumento delle malattie nei bambini

il cancro al cervello è aumentato del 38%

leucemia                                                             74%

deformità genitali                                       122%

Sottoposti a test è risultato che il 93% degli americani ha del BPA nel sangue.

PBA: Bisfenolo (interferente endocrino; porta alla sterilità e alla deformazione dell’apparato sessuale), lo si trova in tutto quanto nominato più sopra.

La legge (negli USA) non obbliga a fare test prima di vendere un prodotto.

Diversi gruppi di consumatori e cittadini ammalati, si sono costituiti per combattere la piaga della chimica dilagante indiscriminatamente, ma al momento i risultati sono irrisori a causa di una legislazione che tutele al di sopra di tutti le compagnie produttrici.

Qando si scoprì che l’amianto era cancerogeno, dopo 10 anni di indagini, si riuscì a toglierlo dalla circolazione per breve tempo, ma poi in breve tempo fu di nuovo messo in circolazione per molti anni (oggi è proibito).

L’industria chimica negli USA produce per un totale di 720 miliardi di dollari all’anno. La sua potenza eocnomica è indiscutibile. 

Il polietene (più noto come polietilene o politene) è il più semplice dei polimeri sintetici (derivati dal PETROLIO) ed è la più comune fra le materie: LA PAROLA NON SI LEGGE MAI, ma dovrebbe essere scritta in quasi tutti i prodotti per la pulizia della casa, detersivi per la lavatrice, detergenti per la pelle, creme, dentifrici, shampoo ecc…

SEMBRA SCHIUMA  MA E’ PALSTICA !!!

Questo materiale, passa dal lavandino all’ambiente, distribuito poi insieme ai fertilizzanti, il vento lo sparge nell’atmosfera…

PER PRECISAZIONI SU CONTENUTI IN PALSTICA DEI PRODOTTI VEDI AL LINK https://translate.google.it/translate?hl=it&sl=de&u=http://www.codecheck.info/&prev=search

LA MARCA NIVEA HA EMANATO UN COMUNICATO DOVE SI DICE COME INTENDA ELIMINARE TUTTE LE PARTICELLE DI PLASTICA NEI PRODOTTI PER LA CURA DELLA PELLE.

La plastica in cosmetica è inutile e DEVE ESSERE TOLTA DALL’AMBIENTE.

ANCHE NELLE ACQUE ARRIVANO QUESTE PARTICELLE DI MICROPLASTICA E ARRIVA ANCHE NEI NOSTRI RUBINETTI; baypassando anche i depuratori.

Le particelle di plastica finiscono anche negli alimenti:

anche nel miele sono state trovate minuscole particelle di plastica (lo ha dimostrato una famosa trasmissione televisiva svizzera, con prove scientifiche).

LE PARTICELLE DI PLASTICA SONO DAPPERTUTTO.

ANCHE L’ACQUA DEL MARE è PIENA DI MICROPLASTICA.

ANCHE NEL LATTE SI TROVANO DEI MICROGRANULATI DI PLASTICA.

La plastica, assai diffusa nell’ambiente anche come sacchetti, con gli anni si sbriciola e viene sparsa nell’ambiente.

Da anni alcuni specialisti studiano gli effetti sull’uomo:

-non può essere valutato ancora

-ma non ci sono ancora prove che sia innocua.

A NOI NON PARE CHE UN PRODOTTO DERIVATO DEL PETROLIO POSSA FARE BENE ALLA NOSTRA SALUTE, TANTO PIU’ SE INGERITO O ASSORBITO DALLA PELLE QUOTIDIANAMENTE IN VARI MODI.

Può essere importante sapere che la Francia, nella legislazione che riguarda le materie plastiche e dannose nei cosmentici, al momento è molto più severa di quella italiana.

 L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE dei Giornalisti e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici).