Archivi tag: UTOPIA di Thomas More compie 500 anni – ancora attuale

UTOPIA di Thomas More compie 500 anni – ancora attuale

500 anni fa, nel 1516, Thomas More scrisse Utopia.

Utopia non è un libro facile, ma riflette le condizioni dell’Inghilterra dell’epoca  e le idee di un uomo molto lungimirante; ma la perfezione, si sa, non è di questo mondo…

More, in anticipo sui tempi, parla di una società dove il lavoro è onorato.

In Utopia si parla di un giorno lavorativo di sei ore e del tempo libero per lo svago dei lavoratori.

Vi si parla di tempo per i rapporti affettivi, sociali e culturali.

EGOISMO, AVIDITA’ E OPPORTUNISMO, che tanto sono ancora diffusi nella nostra societa’, IN UTOPIA SONO CONDANNATI. QUESTA TESI verrà poi sfruttata per giustificare pulizie etniche ed altri orrori… insomma l’ideale esiste, ma è quanto mai difficile, per non dire, impossibile ottenerlo …

In Utopia la legge è uguale per tutti.

La giustizia non si rifà ad alcuna appartenenza di classe.

La vita pubblica nega la retorica, perché apportatrice di menzogne.

Infine il popolo non è una massa di esseri addomesticati dai pochi che detengono il potere.

In Utopia si promuove la cultura, come arte, musica e letteratura a disposizione di tutti.

I cittadini vengono educati secondo il metodo sperimentale; quello dell’illuminismo (che nel 1500 deve ancora venire).

In Utopia si parla del bel vivere collettivo e privato rispettando le leggi della natura umana.

UTOPIA PER QUESTI MOTIVI E’ LA MATRICE DELLE MODERNE COSTITUZIONI.

CHI ERA THOMAS MORE ?

Erasmo da Rotterdam definì Thomas More come: ansioso di una fede nemica di ogni superstizione.

I bolscevichi, poi, lo immortalarono in un monumento davanti al Cremlino e di fianco a Tommaso Campanella.

Thomas More, dopo la stesura di Utopia, seguì una brillante carriera politica lo portò a divenire cancelliere di Enrico VIII.

Il successivo divorzio di re Enrico VIII causò all’Inghilterra la rottura con Roma e segnò la fine della carriera del cardinale cattolico More; il quale fu giustiziato nel 1535 e santificato da Pio XI nel 1935.

Thomas More è stato dichiarato da papa Giovanni Paolo II protettore dei politici..