Archivi categoria: – Cos’ è www.donnecultura.eu? What donnecultura.eu is?

Scritto e diretto da una giornalista G.Seregni
N° tessera iscrizione Ordine Nazionale Giornalisti: 097176.

www.donnecultura.eu è una testata on line depositata presso il tribunale di Como in data 7.6.2010; n° registro 7.
nuovo blog, arte, viaggi, casa, salute, mostre d’arte, lusso, spa, ecologia
Tutti i diritti sono riservati e la proprietà intellettuale appartiene a G.Seregni, ex legge 633/41 e successive modifiche.

Como – Cernobbio – VERNISSAGE VILLA BERNASCONI – MOSTRA Matteo Galvano

VILLA BERNASCINI – Cernobbio (Co)

UNA SLPENDIDA CORNICE LIBRTY DEL LAGO DI COMO

Cernobbio Villa Bernasconi

Foto: Grazia Seregni

architAMORfosi
MOSTRA PERSONALE dell’artista Matteo Galvano
VILLA BERNASCONI Largo Campanini, 2 CERNOBBIO (CO)

VERNISSAGE: 8 GIUGNO dalle ore 20:30 Ingresso Libero
9-10 GIUGNO mostra aperta
10:00 – 12:00
14:00 – 18:00

VILLA BERNASCONI eccoci tornati qui da Te

concepita come abitazione privata dell’ingegner Davide Bernasconi, per poi vederti, dopo qualche anno dalla sua morte, nelle mani di molti tra cui un Comando della Guardia di Finanza e diventare, negli anni a seguire, fruibile al Pubblico grazie all’acquisto da parte del Comune di Cernobbio che tutt’oggi tiene cura di ogni aspetto che ti riguardi.

Da poco hai aperto le tue porte al Pubblico in una Nuova Veste: ora sei MUSEO !

Coloro i quali hanno avuto l’opportunità di “VIVERTI” ed “ABITARTI” fino ad oggi, per la prima volta sentono la tua Voce nel percorso di visita.

Specialmente i protagonisti degli eventi organizzati nelle tue Sale certamente si saranno domandati: “Chi sa cosa lei avrà pensato di Noi ?!”

Questo il pensiero che si è scatenato nell’artista Matteo Galvano, il quale ha scelto di Donare il tuo “ritratto” al Museo, in segno di Ringraziamento per la Calorosa Accoglienza in occasione di un Progetto che l’ha visto Partecipe nel 2014, “La Chiave Contemporanea del Liberty”, che ha portato curatrici ed artisti ad approfondire il tema del periodo storico in questione, con passione ed attenzione ad ogni dettaglio.

Alle prime notizie riguardanti il Nuovo Utilizzo della Villa,
l’artista Galvano insieme alla Curatrice (Dott.ssa Roberta Macchia) dell’evento sopra citatomhanno ipotizzato la donazione dell’opera [vedi immagine e didascalia in allegato] che, con approvazione della Responsabile Ufficio Cultura Claudia Taibez,ha trovato posto nel percorso di visita e da oggi segna il
Respiro di una Contemporaneità nel Pieno Rispetto delle Stratificazioni del Passato.

Unitamente alla donazione nasce la proposta di realizzare una MOSTRA PERSONALE, volta a sintetizzare
in un unico ambiente ( la Torretta ) ed in un unico termine ( architAMORfosi )  sia il passato di questa affascinante Location sia il futuro dell’artista, il quale proporrà al pubblico per la prima volta la serie da cui è tratto il titolo dell’esposizione.

architAMORfosi nasce dall’esigenza dell’artista di non fermarsi a ciò che ognuno di noi è capace di vedere attraverso l’occhio umano, viaggiando, navigando in rete o semplicemente sfogliando le pagine di un Libro. Matteo Galvano ama l’architettura e la interpreta a suo piacimento come a voler riappropriarsi della città ideale. Ecco che, attraverso le sue più recenti opere, due città geograficamente distanti tra loro si fondono immaginando di vivere condividendo lo stesso spazio, utile a ottenere silenziosi momenti nel turbinio dei suoni urbani tradotti nel continuo ripetersi di tratti della sua biro. [si veda in allegato una tra le opere, appartenenti alla serie, realizzate che ha girato l’Europa per due anni con l’evento JEUNE CREATION EUROPEENNE]

Perché proprio questo Titolo ?
architAMORfosi richiama il termine Metamorfosi e quest’ultimo può essere l’estrema sintesi di quanto Villa Bernasconi fino ad oggi ha vissuto: più immediato il richiamo con le decorazioni esterne del baco da seta ricomposto ora come bruco ora come farfalla, più riflessivo il richiamo ai cambiamenti morfologici, fisiologici indicati nelle prime righe di questo testo, implicanti ogni volta un diverso rapporto con l’ambiente circostante.

TU, Gioiello del Liberty, ci hai accolto DUE VOLTE
In veste di Location nel 2014
In veste di Museo OGGI
e di questo te ne saremo Sempre Grati.

Foto dell’Opera
DONATA AL MUSEO

VILLA BERNASCONI – CERNOBBIO
Bozzetto di Studio
Biro nera su carta e Tecnica Mista
21x30cm – 2014

https://matteogalvano.wixsite.com/artist

Foto dell’Opera

Appartenente alla serie
architAMORfosi

ESPOSTA INDIVERSE CITTA’ EUROPEE
CON LA PARTECIPAZIONE ALLA MOSTRA JEUNE CREATION EUROPEENNE

TORRE PENDENTE (PISA) – TURNING TORSO (MALMO)
Biro nera su carta cotone
50×100 cm – 2015

https://matteogalvano.wixsite.com/artist

Libri – Straordinaria ” biografia ” di Malaparte

Il buonuomo Lenin

Curzio Malaparte

“In tutto il corso della sua vita, Lenin non si è mai battuto per la libertà. Si è battuto per ben altro.

Le illusioni umanitarie e le ideologie democratiche dei patrioti russi del diciannovesimo secolo, le romantiche aspirazioni liberali dei Decembristi, lo spirito di sacrificio dei nichilisti, non rientrano nella sua logica.

Egli non si batte per la libertà, ma per il potere, rien que pour le pouvoir.

La parola libertà, durante gli anni d’esilio, dalla prima “Iskra” al suo ritorno in Russia, gli suona male in bocca: è una di quelle parole che egli pronunzia sorridendo e stringendo gli occhi.

«Spero di mostrare un Lenin del tutto diverso da come appare agli occhi dell’opinione pubblica europea» confidò Malaparte all’amico Halévy nel  1931.

Il suo intento era, in realtà,  mostrare il personaggio Lenin come appare agli occhi dei «Russi intelligenti».

Uscito a Parigi nel 1932, ebbe l’effetto di una scossa tra i lettori e l’intellighenzia dell’epoca.

Per Malaparte, Lenin non  il Gengis Khan proletario sbucato dal fondo dell’Asia per conquistare l’Europa, ma un piccolo borghese.

Nessuna pretesa di realtà storica, ma è un libro da leggere per capire meglio quello che sappiamo dalla storia ufficiale e trane le nostre personali conclusioni. Ora che la storia ha messo a nudo molte verità.

Lenin è riportato come:

-uomo che ambisceal potere, senza ideali romantici

-freddo, riflessivo, sedentario, burocratico, animato da una «crudeltà platonica», ostile a ogni romanticismo terrorista

-a suo agio più nelle discussioni politiche e nelle faide personali

– Lenin non è che un fanatico e un opportunista, per il quale la rivoluzione è solo il risultato di ossessivi calcoli

-incapace di fare i conti con la realtà, dovrà poi affrontarla e inventarla, imponendola ai suoi collaboratori, al popolo russo e alla rivoluzione proletaria.

Il buonuomo Lenin, Curzio Malaparte, Adelphi, 20 euro.

UN BLOG CHE NON E’ UN BLOG…www.donnecultura.eu

COVER maldive tramonto palme ok

Tutti i diritti sono riservati e la proprietà

intellettuale appartiene a G.Seregni, ex legge

633/41 e successive modifiche.

N° tessera iscrizione Ordine Nazionale Giornalisti: 097176.

www.donnecultura.eu è una testata on line depositata presso il tribunale di Como in data 7.6.2010; n° registro 7.

www.donnecultura.eu  è nato per essere un giornale, infatti l’autore è un giornalista iscritto all’Ordine ed all’associazione scientifica di giornalisti UGIS, ma ha subito riscontrato di essere volentieri letto come un blog. 

Pertanto l’autore vorrebbe fare due semplici precisazioni ai lettori:

-1° non scriverò un articolo al giorno, ma lo farò ogni volta che si presenterà una valida occasione, proprio perché questa mia creazione nasce come idea giornalistica on line, e quindi con scopo informativo su argomenti anche molto seri come la salute e le innovazioni scientifiche (che richiedono lunghi tempi di informazione, verifica e stesura)

-2° comunque mi è piaciuta  l’idea del blog e quindi ho deciso  di aggiungere anche brevi cenni di attualità e  costume.

Ogni commento è gradito, anche se non positivo; tutto può servire a migliorare questo servizio che è gratuito e senza alcun tipo di finalità economica.

 

Usano il nostro nome per farsi pubblicità ?

donnecultura.eu NON è stato creato da nessun altro che l’autore di  donnecultura.eu

Ecco come il nostro giornale può sembrare creato da un ufficio di pubbliche relazioni che NON ha nulla a che fare con noi !

Cosa si trova in internet digitando donnecultura.eu

Donnecultura.eu – OMNIA Relations

www.omniarelations.com/donnecultura-eu/

Follow Us. Facebook · Twitter · Linkedin · Instagram · YouTube · Follow Us on Facebook.com. ABOUT US. OMNIA Relations · OMNIA International · OMNIA .