Archivi categoria: fiere gastronomiche

fiere

Evento imperdibile a Milano cucina giapponese per gourmet

Non solo sushi: la cucina giapponese conquista l’Italia

Inaspettatamente, Italia e Giappone hanno in comune anche alcuni piatti …

Selezione dei migliori prodotti della provincia di Nagasaki a Eataly Milano Smeraldo

Assaggi e show cooking … da non perdere !

Nagasaki Gourmet Duet, un evento organizzato e promosso dalla Prefettura di Nagasaki

Più sotto due ricette di grandi maestri di cucina

Nagasaki; una zona del Giappone da scoprire; ricca di natura, terme, cultura e ottima cucina; più sotto tante informazioni

Foto: preparazione giapponese della pasta, lunga e complessa, richiede grande esperienza e materie prime eccellenti. Il risultato è un prodotto di altissima qualità; in questo caso addirittura preparato con speciale acqua purissima e olio di camelia …

:::::::::

Degustazioni a Eataly Milano Smeraldo

NAGASAKI GOURMET DUET
MENU DEGUSTAZIONE APERTA AL PUBBLICO

12 gennaio ore 18.00 – 20.00
Maguro Shimabara Somen
il piatto con cui chef Lavezzari e il maestro Ichikawa hanno vinto il Girotonno 2017. Si tratta di un particolare tipo di spaghetto di grano giapponese molto sottile cotto nel brodo dashi e condito con:
tonno rosso
Edamame
Sesamo Nero
Alghe Wakame
Ikura
Erba cipollina
Aceto di riso al pompelmo
Salsa di soia

il 13 gennaio alle ore 12.00-14.00
Goto Tenobe Udon (famoso spaghetto in grano duro con olio di camelia) con brodo di pesce volante (ti allego le foto)

il 14 gennaio alle ore 12.00-14.00
Kurogoma Somen (spaghetto sottile con sesamo nero) con Anatra

tutti i piatti saranno accompagnati con il té di Nagasaki.

Maestro Haruo Ichikawa e Chef Lorenzo Lavezzari

:::::::::

Non solo sushi: la cucina giapponese conquista l’Italia

Gli italiani sono stati stregati dalla cucina giapponese: una recente ricerca, ha infatti dimostrato che il piatto più ordinato nel 2017 nel nostro Paese è il sushi.

Da mangiare in un sol boccone, dopo averle intinte nella salsa di soia, le polpettine a base di riso bollito e aromatizzato e pesce, hanno evidentemente conquistato il cuore e i palati nostrani.

Ma, così come la cucina italiana non è sinonimo esclusivo di pizza, anche la tradizione gastronomica del Paese del Sol Levante è ricca di ingredienti e piatti straordinari.

Apparentemente, Italia e Giappone a tavola sono lontanissimi:

la nostra cucina ama mescolare gli ingredienti con grande creatività e innovare le ricette tradizionali grazie ad accostamenti sorprendenti; le parole chiave della cucina giapponese sono invece eleganza e perfezione formale, all’insegna di sapori netti e impiattamenti rigorosi.

In comune, oltre all’attenzione per la freschezza e la qualità degli ingredienti, sicuramente il concetto di convivialità:

nel Paese orientale, a differenza che in Italia, non esiste differenza fra primo piatto, secondo, contorno e frutta; di solito in tavola vengono portati contemporaneamente tutti i cibi, che vengono consumati senza ordine prestabilito.

Nelle case giapponesi spesso però si servono anche piatti cotti con un fornello portatile direttamente in tavola, dove i commensali attingono dalla pentola. È il caso dello shabu shabu: fettine sottilissime di manzo vengono immerse per una ventina di secondi nel brodo di alghe kombu che bolle in un contenitore al centro del tavolo. Una delizia.


Inaspettatamente, Italia e Giappone hanno in comune anche alcuni piatti: oltre a una fascinazione per il fritto chi non apprezza la tempura?ci unisce infatti l’amore per la pasta.

Il prodotto italiano per antonomasia fa parte infatti anche della tradizione giapponese, con due formati tradizionali e allungati rigorosamente a mano: i sōmen e gli udon, che gli italiani sempre più riconoscono e apprezzano.

Così lontani eppure quindi così vicini, Italia e Giappone hanno iniziato anche a contaminarsi a tavola: quando due culture diverse, ma tanto incentrate sul cibo si incontrano, il risultato non può che essere eccezionale.

Lontanissimi dalla confusione di sapori e forme del fusion, quello che sempre più chef italiani stanno sperimentando è infatti utilizzare ingredienti giapponesi – come sōmen e udon – per esprimere la cucina italiana in un modo diverso, sposando il background, l’impiattamento, e magari una tavola di design in stile giapponese.

1. Fonte: http://www.gamberorosso.it/it/news/1046525-i-piatti-piu-ordinati-nel-2017-le-specialita-che-hanno-spopolato-in-italia-e-all-estero

:::::::::::

Nagasaki Gourmet Duet

A Milano la migliore selezione di prodotti della provincia di Nagasaki 
incontra la cucina italiana

Italia e Giappone hanno da poco più di un anno festeggiato i 150 anni del primo Trattato bilaterale di amicizia e commercio fra i due Paesi

Le tradizioni gastronomiche dei due Paesi saranno protagoniste di una straordinaria quattro giorni all’insegna dell’eccellenza e della contaminazione culinaria: Nagasaki Gourmet Duet, un evento organizzato e promosso dalla Prefettura di Nagasaki per presentare al grande pubblico e ai professionisti dell’Ho.Re.Ca. i prodotti a marchio Yokamon! Market di Nagasaki.

L’appuntamento è stato venerdì 12, sabato 13 e domenica 14 gennaio presso Eataly Smeraldo (Piazza XXV Aprile, 10, Milano) con una selezione dei migliori prodotti della provincia di Nagasaki, lo splendido territorio situato all’estremità occidentale del Giappone noto per la sua ricca produzione agroalimentare e ittica: i suoi pendii toccati dal clima mite sono storicamente dediti all’agricoltura e alla frutticoltura, mentre le numerose isole e i mari pescosi l’hanno reso nei secoli il secondo centro di produzione ittica di tutto il Giappone.

Lunedì 15 gennaio sarà dedicato esclusivamente agli chef e ai professionisti di settore.

Yokamon è la parola che nel dialetto di Nagasaki significa “cosa buona, frutto di scelta attenta”: lo Yokamon! Market di Nagasaki porta a Milano, capitale italiana del food e città da sempre aperta sia alle tendenze internazionali sia alla sperimentazione in ambito gastronomico, sōmen e udon (pasta di grano duro allungata a mano), condimenti e salse come il ponzu e l’agodashi, il prezioso olio di camelia, il tè verde, liquori come il shochu, ma anche oggetti di design.

Durante Nagasaki Gourmet Duet la bellezza, l’armonia e il rigore formale della cucina giapponese incontreranno la tradizione culinaria italiana; i quattro giorni di degustazioni gratuite, sia aperte al pubblico sia riservate ai professionisti dell’Ho.Re.Ca., racconteranno in particolare una eccellenza gastronomica comune ai due Paesi: la pasta. 


Gli udon, un formato di pasta a base di farina di grano duro realizzato da secoli a mano nella prefettura di Nagasaki, verranno infatti utilizzati per reinterpretare una delle ricette maggiormente rappresentative della cucina italiana: l’amatriciana.

A Eataly, a rappresentare la fusione fra il Paese del Sol levante e l’Italia saranno due chef d’eccellenza: il Maestro Haruo Ichikawa e lo chef Lorenzo Lavezzari, che hanno vinto la Tuna Cuisine Competition al Girotonno di Carloforte 2017 proprio con un piatto di Maguro Shimabara Sōmen, dove i tradizionali spaghetti giapponesi sono stati serviti in brodo con tonno, wasabi e dashi.

Si tratta di una gara gastronomica internazionale alla quale partecipano chef provenienti da diversi Paesi che si sfidano presentando ricette a base di tonno.

Nella giornata del 15 gennaio presso Feeling Food Milano invece ad affiancare il Maestro Haruo Ichikawa sarà Vito Mollica, grande interprete della cucina e dei sapori italiani,1 stella Michelin presso Il Palagio del Four Seasons Firenze e La Veranda del Four Seasons Milano.
Programma dettagliato
Venerdì 12 gennaio

– Ore 10:30. Welcome drink Nagasaki Style.
– Ore 11:00. Conferenza stampa e piccolo tasting dei prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki, Auditorium Eataly Smeraldo (2° piano).
Interverranno:
Sig. Terutomo Hiro, rappresentante della Prefettura di Nagasaki;
Maestro Haruo Ichikawa & Chef Lorenzo Lavezzari, vincitori del Girotonno 2017;
Sig. Hiroaki Naganuma di JFC Italia, distributore italiano dei prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki.
Presentazione della Prefettura di Nagasaki e dei suoi prodotti enogastronomici a cura del Sig. Junpei Kawaguchi.
Show-cooking di udon fatti a mano a cura del Sig Noritaka Miyake & Yasuhiko Inuzuka, Maestro di Goto Udon

– Dalle ore 11:30, degustazione presso la cucina Arclinea di Eataly Smeraldo. Show cooking a cura del Maestro Haruo Ichikawa e dello chef Lorenzo Lavezzari che prepareranno i Goto Udon (una varietà di noodles preparati con farina di grano duro e olio di camelia) all’amatriciana e i Maguro Shimabara Sōmen.
– 12:00 Conclusione
– Dalle ore 18:00 alle 20:00, degustazione gratuita aperta al pubblico (a gruppi di 25 persone) con oltre 80 assaggi. I prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki saranno eccezionalmente venduti a Eataly, negli spazi adiacenti la cucina Arclinea, nei quattro giorni del Nagasaki Gourmet Duet. Non è necessaria la prenotazione.

Sabato 13 gennaio e domenica 14 gennaio
– Dalle 12.00 alle 14.00, nella cucina Arclinea di Eataly Smeraldo, degustazione gratuita aperta al pubblico (a gruppi di 25 persone). Non è necessaria la prenotazione.
– Ore 17:30. Welcome drink Nagasaki Style
– Ore 17:45. Presentazione e piccolo tasting dei prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki.
Interverranno:
Sig. Terutomo Hiro, rappresentante della Prefettura di Nagasaki;
Maestro Haruo Ichikawa & Chef Lorenzo Lavezzari, vincitori del Girotonno 2017.
Presentazione della Prefettura di Nagasaki e dei suoi prodotti enogastronomici a cura del Sig. Junpei Kawaguchi.
– Ore 18:15. Aperitivo a cura del Maestro Haruo Ichikawa e dello Chef Lorenzo Lavezzari.
- Ore 19:30. Conclusione

L’appuntamento pomeridiano è riservato agli chef e ai professionisti Ho.Re.Ca. 
I posti sono limitati (massimo 30 persone): gli interessati sono pregati di accreditarsi scrivendo a eventi@freedot.it o telefonando al 335 5425490.

Lunedì 15 gennaio
– Ore 17:30. Welcome drink Nagasaki Style.
- Ore 17:45. Presentazione e piccolo tasting dei prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki
Interverranno:
Sig. Terutomo Hiro, rappresentante della Prefettura di Nagasaki;
Maestro Haruo Ichikawa & Chef Vito Mollica (1 stella Michelin);
Camilo Becerra, GM di Feeling Food Milano;
Sig. Hiroaki Naganuma di JFC Italia, distributore italiano dei prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki.
– Ore 18:00. Presentazione della Prefettura di Nagasaki e dei suoi prodotti enogastronomici a cura del Sig. Junpei Kawaguchi.
Show-cooking di udon fatti a mano a cura del Sig Noritaka Miyake & Yasuhiko Inuzuka, Maestro di Goto Udon.
- Ore 18:30. Aperitivo a cura del Maestro Haruo Ichikawa e dello Chef Vito Mollica.
- Ore 19:30. Conclusione

L’appuntamento del 15 gennaio è riservato agli chef e ai professionisti Ho.Re.Ca. 
I posti sono limitati (massimo 30 persone): gli interessati sono pregati di accreditarsi scrivendo a eventi@freedot.it o telefonando al 335 5425490.

Gli chef
Haruo Ichikawa
Il Maestro Haruo Ichikawa conosce benissimo l’Italia, dove vive da più di vent’anni. Classe 1954, è stato al timone della cucina di un importante ristorante giapponese a Milano, dopo un percorso che lo ha visto formarsi fra Tokyo e Los Angeles. Pur rimanendo fedele alla tradizione giapponese, lo chef Ichikawa integra spesso e volentieri nelle sue preparazioni prodotti di eccellenza italiana. L’incontro con lo chef Lavezzari è stato determinante per entrambi. Una coppia creativa perfetta che unisce la tradizione all’innovazione.
Lorenzo Lavezzari
Lo chef Lorenzo Lavezzari entra prima alla corte dello chef Igles Corelli, poi dello chef Bruno Barbieri e infine dello chef Mauro Ricciardi. Di ritorno a Milano nel 2008, entra a far parte della brigata dello chef bistellato Claudio Sadler presso il suo Ristorante Sadler (2 stelle Michelin) a Milano, una delle esperienze più importanti della sua carriera.
Lavezzari ha inoltre un passato da responsabile della pralineria di cioccolato e aiuto pasticcere presso Ernst Knam. In seguito, affascinato dal mondo asiatico inizia la sua lunga avventura al fianco del maestro Haruo Ichikawa in un famoso ristorante di Milano, unico in Italia, premiato nel 2014 con una stella Michelin.
Oggi lo chef conduce Otto – Bottega&Cucina, suo progetto innovativo a Novate Milanese. Si tratta di una Bottega dove poter acquistare e degustare i prodotti che l’Azienda Agrituristica produce e di una cucina che offre “merende salate” ed “emozioni di gusto”, le materie prime stagionali a km zero di aziende agricole liguri, toscane e della cerchia milanese. Il progetto dello chef è quello di riportare la gente a stare tutti assieme a tavola, una social kitchen, creando un legame speciale tra Agri-Chef e commensali.
Vito Mollica

Classe 1971, lucano di nascita ma cresciuto a Origgio, nel varesotto, Vito Mollica può definirsi a tutti gli effetti un veterano del Four Seasons: vi entrò per la prima volta nel 1996, nella sede di Milano, per poi trasferirsi, quattro anni dopo, al Four Seasons di Praga. Particolare il rapporto che lo lega ancora oggi alla città, dove sono nati i suoi due figli, che nel 2007 ha lasciato per tornare in Italia alla volta di Firenze, dove oggi è responsabile del comparto Food&Beverage ed Executive Chef del ristorante gourmet dell’hotel, Il Palagio, premiato nel 2011 dalla stella Michelin. Nel maggio 2015 Vito Mollica duplica i suoi incarichi, affiancando alla guida del ristorante fiorentino anche quella de La Veranda del Four Seasons Milano. Un ritorno alle origini che lo vede succedere a un grande maestro della cucina italiana di cui fu allievo, Sergio Mei.
Appassionato cultore della materia prima, Mollica seleziona personalmente i suoi fornitori, setacciando campagne, aziende agricole e mercati regionali in cerca di produttori che con lui condividano la passione per la qualità e l’eccellenza. “La cura nella produzione degli ingredienti – spiega nel suo profilo ufficiale – si riflette nel gusto. Più semplice è la preparazione degli ingredienti, più facile sarà amplificarne il sapore”.

I prodotti dello Yokamon! Market di Nagasaki
Sōmen 
I sōmen sono la pasta allungata a mano di Shimabara, la penisola situata nella parte meridionale del Giappone, circondata dal mare di Ariake. Si tratta di una specie di tagliolini la cui produzione risale a 350 anni fa; oggi Nagasaki ne riesce a soddisfare un terzo del fabbisogno nazionale. Preparati con acque sotterranee pure e ricche di minerali del monte Fugendake e farina a contenuto di glutine medio-alto, arrivano sulle tavole dopo un attento processo di stagionatura. 

Udon allungati a mano di Gotō
Introdotti in Giappone nel VII secolo d. C. da un viaggiatore cinese, questi udon sono fra i tre più celebri del Paese. A medio contenuto di glutine, sono preparati con farina di grano duro, sale delle acque a largo del mare di Gotō e olio di camelia selvatica tipica della città della prefettura di Nagasaki. Data la limitata produzione di questi ingredienti, quelli di Gotō vengono chiamati “udon dei sogni”.
Ponzu
Si tratta di un condimento onnipresente nella cucina giapponese, di una salsa acidula e agrumata. Si prepara con mirin (sakè dolce giapponese da cucina), aceto di riso, fiocchi di katsuobushi (fiocchi filetti di tonnetto striato essiccato, fermentato e affumicato) e alga (konbu), e bollito a fuoco lento. Quando il liquido è raffreddato viene colato per far asciugare il katsuobushi e viene aggiunto succo di yuzu o sudachi (agrumi giapponesi). È il condimento ideale per una grande varietà di piatti, come marinate, cibi alla griglia, tempura. 

Agodashi
Prediletto dagli chef, è un dashi (ingrediente fondamentale per la preparazione dei brodi giapponesi) a base di pesce volante. Cotto accuratamente al carbone e fatto seccare al sole, è un autentico condensato di umami, il sapore raffinato che è uno dei pilastri della cucina giapponese. Al pari del katsuo (tonno striato) e delle alghe konbu, permette di ottenere brodi eccellenti che lo rendono un prodotto davvero popolare se non insostituibile.
Olio di camelia 
Si tratta di un olio vegetale preparato a base di camelia selvatica dell’arcipelago di Gotō.
Con un maggior contenuto di acido oleico dell’olio d’oliva, l’olio di camelia ha un potere idratante che lo rende ideale per la bellezza della cute ed è per questo utilizzato per la preparazione di cosmetici e farmaci.
Tè verde giapponese 
La prefettura di Nagasaki è celebre per essere stata la prima area del Giappone dove si è diffusa la coltivazione delle foglie del tè e l’arte della degustazione. Essa infatti presenta una grande abbondanza di terreno adatto alla coltivazione di foglie di alta qualità ed è rinomata per essere una delle principali regioni di produzione in Giappone, avendo vinto numerosi premi a fiere di settore.
Sochu
Si tratta di un distillato d’orzo prodotto nell’isola di Iki, situata nelle agitate acque del mar Genkainada. Al pari del whisky scozzese, del bourbon e del bordeaux, nel 1995 anche lo shochu di Iki è stata conferita dalla WTO, l’organizzazione mondiale del commercio, la designazione di prodotto a indicazione geografica, trasformandolo così in un marchio riconosciuto a livello internazionale. Le sue caratteristiche distintive sono la dolcezza del malto di riso e l’aroma dell’orzo.
Ingredienti alimentari creativi
Grazie alla nostra abilità dello Yokamon! Market di Nagasaki nello sviluppare nuovi piatti, vengono creati nuovi ingredienti con sapori inediti che vanno incontro alle necessità degli chef che li hanno desiderati. Si tratta di prodotti concepiti con idee molto gustose e ottimi per la salute, dove nessuno dei loro preziosi ingredienti varrà mai sprecato. 

Design giapponese 
In Europa sta crescendo la domanda di design giapponese. L’artigianato in ceramica della prefettura di Nagasaki ha un design che si armonizza facilmente con ambienti di gusto europeo, in luoghi come hotel e ristoranti, case private e altri. Un esempio? Gli origami a forma di gru realizzate con fogli di ceramica, considerate simbolo di pace, oltre che di armonia fra moglie e marito. Sono ideali come regalo.

La prefettura di Nagasaki

Situata all’estremità occidentale del Giappone, la prefettura di Nagasaki vanta il maggior numero di isole di tutto il Paese. Grazie ai mari pescosi e alle terre fertili, questo territorio è il secondo centro di produzione ittica del Giappone e vi prosperano importanti allevamenti di bestiame, agricoltura e frutticoltura. Inoltre, grazie alla vicinanza con il continente asiatico, nei secoli scorsi la prefettura di Nagasaki è stata il punto di accesso del Giappone al mondo esterno, plasmando così la sua vocazione internazionale.

::::::::::

SUPER – RICETTE

GOTO UDON ALL’AMATRICIANA

Maestro Haruo Ichikawa & Chef Lorenzo Lavezzari

Ingredienti
per 4 persone

300 g Goto Udon con olio di camelia di Nagasaki
300 g pancetta di Wagyu 
500 g pomodorini ciliegini
1 cipolla bionda
Aceto Balsamico di Modena
Pecorino grattugiato
4 foglie di shiso (basilico giapponese)
Olio extravergine d’oliva

Procedimento

In una casseruola, rendere fondente una cipolla bionda tagliata fine con 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva, frullare i pomodorini ciliegini, passarli al setaccio e aggiungerli nella casseruola. Sfumare con dell’aceto balsamico e cuocere per circa 20 minuti (aggiustare con del brodo vegetale se la salsa risulta troppo densa).

Tagliare la pancia di Wagyu a pezzettini regolari (spessore 3-4 mm 4×1 cm), disporli su una placca rivestita con carta da forno. Infornarli dopo aver preriscaldato il forno a 200°C e renderli croccanti.

Cuocere i Goto Udon in acqua bollente, senza sale ma con un cucchiaio di salsa di soia, per 6 minuti. Scolare e lavorare in una ciotola con olio extravergine e un po’ di acqua di cottura.

Trasferire i Goto Udon nella casseruola e mantecarli con la salsa di pomodorini, il pecorino grattugiato e metà di pancetta di Wagyu croccante. Creare quattro nidi di pasta, disporli sui piatti da portata e guarnire con la salsa di pomodoro, pecorino, guanciale croccante e foglioline di shiso tritato molto fine.

MAGURO SHIMABARA SOMEN
Vincitore Girotonno 2017

Maestro Haruo Ichikawa & Chef Lorenzo Lavezzari

Ingredienti
per 4 persone

200 g Shimabara Somen di Nagasaki
140g tonno rosso
200 g pancetta di tonno
n. 20 fave di edamame
20 g wasabi
n. 4 foglie di shiso (basilico giapponese)
1.600 ml dashi (brodo giapponese)
Olio extravergine d’oliva

Procedimento

Preparare il dashi bollendo in una pentola acqua, salsa di soia, mirin, sake, umami dashi (Ago dashi, brodo di pesce volante di Nagasaki).

Affettare la pancetta di tonno a pezzetti regolari (spessore 3-4 mm 4×1 cm), disporli su una placca rivestita con carta da forno. Infornarli dopo aver preriscaldato il forno a 200°C e renderli croccanti.

Preparare il Zuke Maguro (tonno marinato) lasciando per 4 ore il tonno rosso precedentemente affettato in una marinatura a base di salsa di soia e mirin.

Cuocere i Shimabara Somen in acqua bollente, senza sale, per 1/1,5 minuti; scolarli.
Passarli velocemente sotto un getto di acqua fredda per interrompere la cottura e scolarli nuovamente per rimuovere l’acqua in eccesso.

In un piatto fondo disporre in sequenza i Shimabara Somen, alcune fette di Zuke Maguro, la pancetta di tonno croccante, il wasabi, gli edamame e guarnire con delle foglioline di shiso. Prima di servire, aggiungere il brodo di dashi caldo.

Taste Festival Courmayeur

UN’ESPERIENZA UNICA

FATTA DI ECCELLENZE ITALIANE

Per un’edizione “ad alta quota” che si rispetti  non potevamo non avere grandi brand come ingredienti essenziali di questa nuova “ricetta stellare”: #tasteofcourmayeur

In un luogo magico come Courmayeur, fatto di glamour ma anche di tradizione, tutti i prodotti utilizzati dai nostri chef e nelle svariate attività diurne saranno firmati da un food partner d’eccellenza, Esselunga che da 60 anni è parte integrante della storia italiana.

Ad accompagnare i 24 piatti creati ad hoc dai nostri chef sarà una delle migliori selezioni di vini provenienti da ogni angolo d’Italia e del mondo firmata Trimani, vinai in Roma dal 1821, oggi con oltre 6.000 referenze.

Ad “accogliere” vini unici e cocktail spettacolari, come quelli che potrete degustare nelle tre giornate di evento, sarà “Allegra”, il calice ufficiale dei Taste Festivalitaliani di casa Pasabahce, splendente ed elegante come sempre.

E per ogni “fine pasto” che si rispetti non poteva mancare un unico “blend”, quello del tuo caffè illy, capace di trasmettere un dialogo equilibrato tra note acide e amare, fiorite e fruttate, caramello, pan tostato, cioccolato, sentori di mandorla e miele che infine lasciano al palato una sensazione dolce.

IL 1° TASTE FESTIVAL SUL GHIACCIO

TI ASPETTA DAL 26 AL 28 GENNAIO!

Weekend a Courmayeur #tasteofcourmayeur – DAILY TIME GRATUITI

Trucchi e i segreti dei grandi chef – corsi di cucina, – laboratori di cioccolato – lezioni di mixology e degustazioni di vini – tè e infusi

Rendere speciali anche i tuoi piatti più semplici?

#tasteofcourmayeur 27 e 28 gennaio 2018

IMMAGINA DI POTER DARE L’EFFETTO “WOW” AI TUOI PIATTI

Tre giornate all’insegna dell’alta cucina e del divertimento, tre serate con musica, dj set, atmosfera glamour e divertimento in grande stile, sei cucine che vedranno protagonisti otto grandi chef …

Quante volte hai cercato di rendere speciali anche i tuoi piatti più semplici?

O hai provato a lasciare a bocca aperta amici e parenti con le tue creazioni?

Di sicuro avrai sognato almeno una volta di poter immortalare e condividere un piatto che somigliasse a un’opera d’arte!

Tutti i trucchi e i segreti dei grandi chef, ma anche tanti corsi di cucina, laboratori di cioccolato, lezioni di mixology e degustazioni di vini, tè e infusi a #tasteofcourmayeur

Per i non “ski-addicted” e per tutti i più curiosi abbiamo pensato a un fitto programma di attività nei nostri DAILY TIME GRATUITI dalle ore 12.00 alle ore 16.00 nelle giornate del 27 e 28 gennaio, non puoi mancare!

Il Courmayeur Mountain Sport Center si trasformerà in una travolgente giostra di sapori, colori e aromi per tutti i palati e le età.

Di giorno: un evento a ingresso libero con un fitto programma di attività coinvolgenti dedicate al cibo di qualità.

LOCALITÀ

Courmayeur Mountain Sport Center

via dello Stadio 2

11013 Courmayeur

Confermare partecipazione gratuita al link:

https://www.eventbrite.it/e/biglietti-taste-of-courmayeur-sabato-2701-e-domenica-2801-daytime-40940738852?aff=eac2

Bocuse d’Or Europe 2018 – Alta gastronomia – Torino e Piemonte protagonisti

LA PIU’ IMPORTANTE COMPETIZIONE MONDIALE DELLE ARTI GASTRONOMICHE IDEATA NEL 1987 DALLO CHEF PAUL BOCUSE

Per la prima volta nell’Europa Meridionale

11- 12 giugno 2018 Torino e Piemonte al centro dell’alta gastronomia europea; all’Oval Lingotto

A Torino, dall’8 al 16 giugno 2018 una settimana-clou; dove si concentreranno eventi per tutti

Torino e dintorni saranno protagonisti di numerosi  eventi  che coinvolgeranno il pubblico interessato a eventi gastronomici e culturali, già a partire da gennaio.

Sarà nostra premura informare sui programmi; appena ne verremo a conoscenza.

Alba è la sede del quartier generale dell’Accademia Bocuse d’Or Italia, il cui presidente è Enrico Crippa; chef di grande esperienza; anche con Marchesi e poi all’estero.

CULTURA

Il Circolo dei Lettori di Torino sarà il motore che coinvolgerà in modo capillare tutti i territori e i centri culturali nella città e fuori.

I VINI PIEMONTESI PROTAGONISTI

Si chiama Piemonte Land of Perfetction ed è patner di Bocuse d’Or Europe 2018.

Splendidi vini, alcuni conosciuti a livello mondiale come l’Asti e l’Asti secco o il Barbera, ma anche vini di nicchia, poco conosciuti e tutti da scoprire come il Rouchè di Castagnole Monferrato DOCG. A noi piace segnalare il Bracchetto d’Acqui DOCG, un rosso dolce e aromatico, rosso rubino con sfumature violacee, ha profumo delicato e aromatico; ricordando la frutta rossa e la rosa. Delicato e morbido.

 

GOURMET EXPOFORUM 2018

Terza edizione 10-12 giugno 2018 al Lingotto Fiere

www.gourmetforum.it

Salone biennale  a carattere strettamente professionale.

::::::::::::::::

Una donna chef, ROBERTA ZULIAN,  ha avuto il coraggio di partecipare, come primo concorso della sua vita, alla selezione del Bocuse d’Or 2017.

Foto: ROBERTA ZULIAN, Sous Chef

Suo, il buonissimo uovo (solo tuorlo con fonduta di formaggio, caviale e polvere di porro) e il dolce, servito alla fine della presentazione degli eventi e da tutti apprezzatissimo.

Al momento lavora al ristorante Il Chiostro di Andrea all’interno dell’Umanitaria a Milano.

Il ristorante, che è l’incontro a pranzo,  degli avvocati del vicino tribunale, offre piatti intorno ai 12 – 25 euro.

http://www.ilchiostrodiandrea.it

::::::::::::::::

FINALI DEL BOCUSE D’OR  A LIONE

Le finali del Bocuse d’Or si svolgono a Lione, insieme alla Coppa del Mondo do Pasticceria; ogni due anni durante il Sirha. Quest’ultima, grande fiera internazionale dedicata al mondo della ristorazione; 200.000 presenze nell’ultima edizione, di cui 25.000 chef.

MARTINO RUGGERI, VINCITORE DEL BOCUSE D’OR ITALIA 2017

Lo chef Martino Ruggeri, vincitore del Bocuse d’Or Italia 2017, a gennaio 2018 sarà a capo del viaggio del team italiano. Sempre da gennaio 2018 parte anche la  preparazione tecnica, per arrivare al rappresentante italiano della nostra nazione alla finale di Lione.

 

Evento gourmet a Milano 11 al 13 novembre – GOLOSARIA

GOLOSARIA MILANO

TRE GIORNI DA VIVERE OLTRE IL BUONO

Aglio nero dal Giappone: non ha il noto cattivo odore, ma un sapore delicatissimo … da provare assolutamente anche se non amate l’aglio; questo è tutta un’altra cosa.

Una bottarga da sogno; un sapore più delicato ed elegante delle nostrane, delicatissima, dal prodondo nord da un’italiana che vive in Svezia: Lia Berti wwwbottargaborealis.com … indimenticabile !

Salumi fenomenali di maiali neri; da Norcia, ma anche dalla Calabria, www.nerocalabria.com, dove abbiamo trovato un lardo da incanto.

Da Norcia (stand appena entrati) anche uno yogurt di pecora di una bontà rara (nulla a che vedere con gli yogurt dei supermercati) e una ricotta di pecora da non perdere.

Non lontano dall’ingresso, giovani ragazzi presentano delle mostrade di zucca, di mela, ma anche di anguria … bianca !!! Da non perdere, veramente come fatte in casa; bravissimi.

Sempre non lontano dall’ingresso, una produzione del lecchese, Marco D’Oggiono www.marcodoggiono.com, vende fantastiche mortadelle di fegato, ma anche un buonissimo cotechino e prosciutto…..

Da Pregnana Milanese, anatre e un’azienda agricola per un VERO agriturismo non lontano da MIlano. Ottimi i derivati dall’anatra; prosciutti, salami e altrowww.cascinamadonnina.com

Oli  extra vergine buinissimi; da provare. Da Termoli, Molise, buonissimo: www.mirandaferretti@virgilio.it

Forteto della Luja: nell’oasi WWF, offre dalle passeggiate anche per orchidee selvatiche (marzo-luglio), giardino delle farfalle, deguastazioni guidate dei vini, il moscato “Loazzolo”; a Loazzolo (Asti) www.fortetodellaluja.it

Antica Macelleria e ristorante Turba a Rivolta d’Adda (Cremona; chiuso lunedì), carne di qualità in vendita a Melzo (vicino a Milano)www.macelleriaturba.it

E poi ognuno assaggi e decida secondo il proprio buon gusto.

Meno quattro a Golosaria, la rassegna di cultura e gusto che per il dodicesimo anno, dall’11 al 13 novembre, rinnoverà a Milano l’appuntamento con le migliori produzioni dell’agroalimentare italiano, portando negli spazi del Mi.Co – Milano Congressi (viale Eginardo ang. via Colleoni – ingresso GATE 3) 200 espositori di cibo (con una clamorosa presenza di dolci con 40 pasticceri da tutta Italia) 100 cantine,

-16 Cucine di Strada e un palinsesto con oltre 60 eventi declinati sul concetto di “Oltre il Buono” che alzeranno il sipario sulle nuove tendenze dell’enogastronomia contemporanea; dalla professionalità dell’oste italiano al recupero delle eccedenze, che passa anche attraverso l’offerta della doggy bag entrata tra gli skills dei locali selezionati del GattiMassobrio.

Quindi un affondo sull’agricoltura delle nuove idee, con l’ingresso di giovani innovatori che useranno il palco di Golosaria per presentare alcune curiosità come l’aglio nero, il rabarbaro o l’alchechengi italiani, sullo sviluppo della domotica, ovvero le nuove tecnologie che entrano nella cucina domestica portandola al pari di quella professionale, sulla rivoluzione qualitativa della pizza, siglata dal debutto di un’area dedicata all’arte bianca, e sulla miscelazione vista dall’Italia che vedrà la presenza di grandi firme degli spirits nostrani.

Perno della manifestazione sarà poi l’editoria gastronomica, con il debutto della nuova collana I libri del Golosario firmata in coedizione Cairo–Comunica.

Sabato alle 17.30 con L’Apericena non esiste!

insieme a Federico Francesco Ferrero, alle 18.30 con la presentazione de Il Libro del Riso Italiano di Valentina Masotti e Massimo Biloni e alle 19.30 con Subito Barbecue, in presenza dell’autore Marco Agostini. Domenica sarà la volta de ilGolosario, con il riconoscimento legato anche alla rivista Bell’Italia (ore 14.00) mentre lunedì (ore 11.00) saliranno sul palco i protagonisti del GattiMassobrio 2018.

Tutte le informazioni sul programma e i protagonisti della prossima edizione su www.golosaria.it

PROGRAMMA

SABATO 11 NOVEMBRE

• ore 14.30 | Apertura Manifestazione

• ore 16.00 | agorà – “Oltre il buono” alimenta il futuro
talk show inaugurale condotto da Paolo Massobrio con Elisabetta Soglio, giornalista, direttrice di Buone Notizie del Corriere della Sera. Intervengono Eleonora Bertolone di Riso di Nori; Elena Casadei di Tenuta Casadei; Fabio Cerri dell’Albero del Pane di Visso; Gian Maria Debenedetti di Evolvere; Don Sandro Luparia, autore di Adesso, 365 giorni da vivere con gusto; Giovanni Mazzucotelli di Res Naturae Rabarbaro italiano; Cristiana Poggio di Piazza dei Mestieri; Giacomo Perletti del caseificio Contrada Bricconi; Alessio Rovetta, Pizzeria 7 Ponti; Francesco Trevisani del progetto Re.Me.Diet.

• ore 17.30 |  agorà – L’Apericena non esiste!
Federico Francesco Ferrero spiega i segreti per mantenersi in forma, vivendo una vita sociale molto intensa, fra aperitivi e cene fuori casa. Frutto del suo libro definitivo che debutta in società (coedizione Cairo Editore / Comunica Edizioni). Interviene Cristina Viggè. 

• ore 18.30 | L’ora del risotto. Omaggio al risotto milanese
con presentazione del Libro del riso italiano. Con lo chef Max Masuelli del ristorante Masuelli di Milano. Partecipano Valentina Masotti e Massimo Biloni autori del Libro del riso italiano. Conduce Paolo Massobrio

• ore 19.30 | area esterna BBQ – Accendiamolo!
Presentazione del libro Subito Barbecue di Marco Agostini intervistato da Martino Marai
tutti i segreti per grigliare senza timori (coedizione Cairo Editore – Comunica Edizioni)

• ore 22.00 | Chiusura manifestazione

DOMENICA 12 NOVEMBRE

• ore 10.00 | Apertura Manifestazione

• ore 11.00 I agorà – consegna dei  Top Hundred 2017
i 100 (e più) Migliori Vini d’Italia de ilGolosario e le 24 Cantine evergreen

• ore 14.00 | agorà – riconoscimento ilGolosario/Bell’Italia
preview. Le radici territoriali del buono.
Con intervento Associazione Nazionale Città dell’Olio e Envision Gallura
Le migliori botteghe artigianali d’Italia salgono sul podio e salutano le Ciberie

• ore 16.00 | agorà – La Pizza Contemporanea, 10 anni di rivoluzione qualitativa
Talk con Molino Quaglia e i protagonisti di una nuova storia legata alla pizza

• ore 20.00 | Chiusura manifestazione

LUNEDI’ 13 NOVEMBRE

• ore 10.00 | Apertura Manifestazione

• ore 11.00 | agorà – presentazione de “Il GattiMassobrio 2018″ (III edizione)
il meglio della ristorazione italiana di qualità si ritrova

• ore 17.00 | Chiusura manifestazione

Evento a Roma nel mondo dei super-alcolici – Fiera 19 al 21 maggio 2018

Fiera Roma
Via Portuense, 1645/647 Roma
http://www.fieraroma.it/

SPIRITS & MORE – LA VOCAZIONE INTERNAZIONALE CONSOLIDATA DALLE PRIME CONFERME DI OSPITI INTERNAZIONALI

Per: apprendere i segreti della degustazione e miscelatura, al fine di apprezzare e distinguere i singoli prodotti

A maggio Roma si tinge di “Spirits& More”, il primo grande evento trasversale e verticale che Fiera Roma dedicherà al mondo dei super-alcolici.

Manifestazione di respiro internazionale che vedrà convogliare alcuni dei più importanti players sul mercato, rivolgendo particolare attenzione ai liquori e ai distillati italiani, l’iniziativa – in programma dal 19 al 21 maggio 2018 (il lunedi sarà indirizzato esclusivamente agli operatori del settore, i giorni precedenti aperto anche al pubblico) – coinvolgerà professionisti, estimatori, ed amanti della night life che potranno soddisfare, allo slogan “Mix & Taste” ogni curiosità sull’ampio mondo del Beverage.

La professione del barman a tutto tondo, il nuovo manager dell’Horeca al dettaglio, la sua formazione e aggiornamento come leve per il successo del suo business saranno alcune delle tematiche approfondite in tale contesto: la presenza delle principali scuole di barman, gare e contest di flair e grandi star del mondo degli alcoolici movimenteranno le tre giornate sotto la supervisione di due eccezionali leader del settore.

A coordinare l’articolato programma che prevede da un lato competizioni sulla preparazione del cocktail più originale e dall’altro incontri e show-drink con ospiti di caratura internazionale, saranno rispettivamente Michele Di Carlo e Stefano Turrini.

Il primo, “gustosofo” per eccellenza, è un affermato esperto in miscelazione e bartending, barman e consulente di alcune tra le più importanti aziende multinazionali.

La sua filosofia del gusto è la base strutturale di ogni progetto rivolto alla costruzione di un prodotto giusto: contro ogni eccedenza di ingredienti che spesso mirano solo ad arricchire un cocktail menu senza la giusta pertinenza con l’essenza dello specifico drink,  Di Carlo ha contribuito fortemente ad innovare e stabilizzare alcune modalità di consumo-tipo, tra cui la combinazione dello spritz e il rituale del chupito, sempre in nome della condivisione con il fruitore e di una stimolazione emotivo-sensoriale che sproni ad identificare mnemonicamente e d’istinto il personal drink.

A lui è affidato un contest rivolto a professionisti del settore che, sotto il giudizio di una giuria di esperti, decreterà il prodotto più originale. Diviso in due step, dalla preparazione dei “must” straclassici all’innovazione pura con specifici prodotti, il contest sarà lanciato nelle prossime settimane (regolamento, iscrizioni e scadenze al sito www.spiritsandmore.it)

Il secondo curatore del programma, Stefano Turrini, è accreditato tra i sales e marketing manager più interessanti a livello internazionale.

Dalle winery californiane ai multibrand di settore, è l’inventore del Dimmi liquore di Milano, il noto distillato ispirato all’originale business cocktail americano degli anni Trenta, che ha saputo veicolare all’estero con speciale attenzione verso ottimi ristoranti, bar a cinque stelle con lobby bar e famosi cocktail. A lui il compito di introdurre sulla scena romana, per la prima volta in Italia, alcuni delle più famose star della mixologymondiale che attraverso corsi di training, parleranno della propria esperienza di successo nel settore.

Tra questi ci saranno anche Kevin Diedrich, “bartender of the year” e general manager del  Pacific Cocktail Haven a San Francisco; Jimmy Yeager, proprietario del Jimmy’s di Aspen, Colorado, riconosciuto tra i massimi esperti internazionali di liquori a base di agave, tequila e mezcal, e Allison Widdecombe, bar manager di alcuni locali top di Denver, tra cui il Williams & Graham e il Matsuhisa, il cui Manhattan è stato definito da molti il migliore di tutti gli Stati Uniti.

Un’occasione unica, Spirits & More, per un confronto quindi con alcuni tra i pro di riferimento a livello mondiale.

Oltre gli ospiti internazionali, che naturalmente hanno particolarmente apprezzato l’invito nella Città Eterna, “Spirits& More” dedicherà percorsi monotematici sia ai principali distillati – Gin, Rum, Vodka e Whisky – quanto ai prodotti italiani di maggior diffusione internazionale – amari, grappe, liquori –  con approfondimenti “verticali” su nascita, segreti della produzione e nuove tendenze, che consentiranno anche ai neofiti di apprendere i segreti della degustazione e miscelatura, al fine di apprezzare e distinguere i singoli prodotti.

Saranno infine due gli spazi dedicati alla formazione e business: The Main Stage, con interventi e speech finalizzati a valutare l’andamento del mercato, individuare i principali trend in atto, delineare i possibili scenari futuri, studiare i casi più significativi e i locali di eccellenza; il  Trade Bar, locale espressamente “lounge” dove le aziende potranno organizzare esclusivamente per i propri invitati dimostrazioni, esibizioni e dibattiti.

A confermare la vocazione internazionale dell’appuntamento non solo la presenza di tanti bartender, giornalisti, bar manager di assoluto prestigio da tutto il mondo, ma anche le serate organizzate in alcune tra le location più prestigiose della Capitale, che faranno da suggestivo sfondo a tutta l’iniziativa nella settimana antecedente.

Appuntamento a primavera nella Capitale, per conoscere ed apprezzare l’inconfondibile “True Roman Spirit”!

Sito web: http://www.spiritsandmore.it

Novità a Bologna per golosi e gourmet – FICO

FICO

 Fabbrica Italiana Contadina

dalla fattoria al consumo

BOLOGNA

eccellenza dell’enogastronomia italiana;  dal campo alla forchetta

anche: 45 luoghi di ristoro tra ristoranti, chioschi e bar

  •  8 ettari di estensione
  • 40 ristoranti e bistrot
  • 2 milioni di turisti stranieri previsti ogni anno e 2,5 milioni di visitatori italiani.

Grande parco tematico dedicato all’agroalimentare nel mondo.

Prodotti e venduti:

ortaggi, carni, formaggi, olio, pasta e birra in fabbriche contadine dedicate.

SCONTI PER I SOCI COOP; le varie coop italiane organizzeranno anche viaggi con questa meta; su richiesta dei soci.

MANGIARE PER TUTTE LE TASCHE E GUSTI:

7 chioschi di cibo da strada (dalla piadina al gnocco fritto), trattorie ed anche 4 ristoranti; con prezzi adeguati al ristorante di livello: Guido di Rimini per il pesce, Amerigo di Savigno per la pasta, Massimo Pezzali per l’Osteria delle Terre Verdiane e Di Pisa + Rosarose per il Ristorante dell’Orto

 

COME ARRIVARE

entrata gratuita

tutti i giorni dalle 10 alle 24.

Via Paolo Canali 8, Bologna.

Raggiungibile in AUTO: autostrada A14 USCITA BOLOGNA FIERE

Autobus veloci dalle grandi città d’ Italia: www.eatalyworld.it

7 mega bus elettrici (DIVENTERANNO 11)personalizzati, espressamente dedicati solo a FICO, dalla stazione, dalla fiera, dall’aeroporto e dal centro storico.

ALTRE INFO PER VIAGGI E PACCHETTI TUTTO INCLUSO : www.robintour.it

Torino 17 – 19 novembre 2017 Gourmet Food Festival

Aspettando Gourmet Food Festival

Sette tappe tra ristoranti ed enoteche di Torino in avvicinamento alla manifestazione enogastronomica in programma al Lingotto Fiere dal 17 al 19 novembre.

Prende avvio domani, con la prima delle sette tappe in programma, “Aspettando Gourmet Food Festival”, il percorso di avvicinamento verso la prima edizione della manifestazione enogastronomica biennale in programma a Torino dal 17 al 19 novembre al Lingotto Fiere, frutto della collaborazione tra GL events Italia e Gambero Rosso.

Il “fuori salone” di Gourmet Food Festival si sviluppa attraverso un calendario di cene e degustazioni di vini organizzate in una serie di locali di Torino: le prime sono a pagamento ed è necessario telefonare direttamente ai ristoranti per la prenotazione obbligatoria, mentre in alcune enoteche è possibile assaggiare gratuitamente i prodotti messi a disposizione dalle aziende coinvolte.

L’apertura di venerdì 27 ottobre alle ore 19 prevede un aperitivo nei locali di Rossorubino  in via Madama Cristina, 21 che vede protagonisti i vini delle cantine Ronco Margherita e Cesti Vini in un incontro condotto da William Pregentelli.

Ma è con l’approssimarsi della rassegna che si concentra la maggior parte dei momenti enogastronomici, a partire da martedì 7 novembre alle ore 20, quando il Ristorante Carignano (via Carlo Alberto, 35) ospiterà l’appuntamento “A Tavola con l’Amarone Bertani”, che chiama in causa la cucina del talentuoso Fabrizio Tesse, chef resident del Grand Hotel Sitea e i vini Amarone Bertani, introdotti da Gianni Fabrizio. Il costo della cena è di 70 euro ed è possibile riservare il proprio posto al numero 011.5170171.

Il giorno successivo, mercoledì 8 novembre alle ore 19, si ritorna in enoteca facendo tappa da Papà Noè in corso Stati Uniti, 11 con “Bollicine in Città” che offre agli appassionati un aperitivo con degustazione delle bottiglie dell’azienda Tosti.

Si passa quindi a giovedì 9 novembrealle ore 20 per la cena evento che abbina grandi vini e cucina d’autore in cima al grattacielo di Intesa Sanpaolo di corso Inghilterra 3: il Ristorante Piano 35 propone “Mezzacorona ad alta quota”, serata curata dallo chef Fabio Macrì, le cui creazioni saranno accompagnate delle etichette di Mezzacorona, al costo di 65 euro prenotandosi allo 011.4387800.

Altra cena venerdì 10 novembrealle ore 20, quando al costo di 30 euro viene proposta una serata dedicata alla birra artigianale presso il Ristorante Tre Galli (per adesioni 011.5216027) durante la quale sperimentare l‘abbinamento tra provolone Valpadana e birre Flea, grazie al menu ideato da Giovanni Battista Caputo.

La settimana successiva, quella che si concluderà con la tre giorni del festival al Lingotto Fiere, prevede martedì 14 novembre alle ore 20 una cena all’Artemisia Bistrot (tel. 011.7607495, costo 60 euro), con la cucina creativa di Giuseppe Rambaldi abbinata ai vini della cantina Bel Colle.

Infine, alla vigilia dell’apertura della manifestazione, giovedì16 novembre alle ore 19 si chiude il percorso di “Aspettando Gourmet Food Festival” con la degustazione dei vini Bertani per la quale si ritorna all’Enoteca Rossorubino (via Madama Cristina, 21).

Gourmet Food Festival 2017

Dedicato ai foodies e agli amanti dell’enogastronomia di qualità, ma anche agli operatori Ho.Re.Ca. in cerca di idee e stimoli creativi, Gourmet Food Festivaldal 17 al 19 novembre propone al Lingotto Fiere eventi, degustazioni, dibattiti e workshop con chef ed esperti selezionati dal Gambero Rosso, offrendo inoltre al pubblico la possibilità di scoprire e acquistare le eccellenze alimentari di produttori e artigiani in arrivo da tutta Italia.

Cuore della manifestazione è una grande area centrale dedicata alla “cultura” del cibo, suddivisa in quattro ambienti tematici: i prodotti e la cucina (salumi, formaggi, carni, pesci, verdure, oli ecc.), il mondo del dolce (pasticceria, gelateria, cioccolato, caffè, tè e tisane), il pane e la pizza, il beverage (vino, birra, mixology).

Ad animarla, un ricco programma di appuntamenti che coinvolge i volti più noti della scena enogastronomica nazionale: Carlo Cracco, Gino Sorbillo, Iginio Massari, Simone Padoan, Massimo D’Addezio, Gianfranco Pascucci, Sal De Riso e Igles Corelli, con i talent del Gambero Rosso Channel, sono solo alcuni dei personaggi con cui il pubblico potrà interagire facendosi accompagnare in un’esperienza a 360° nel gusto e scoprire le migliori tecniche di preparazione a tavola.

 

Weekend 20 -22 ottobre a Milano – Aperti e gratuiti

Chekup medici, showcooking, personal trainer … gratuiti con prenotazione

Starbene festeggia 40 anni di vita, per due giorni alla Microsoft House, via Pasubio 21, con un APERTO A TUTTI

Gratuiti: chekup medici, showcooking con nutrizionisti e con il Gruppo Opedaliero San Donato e chef di Sale&Pepe; ma anche personal trainer.

Obbligatoria la prenotazione su starbene.it

STARBENE è la rivista di benessere della Mondadori.

Weekend gourmet e Gubbio – STAGIONE DEL TARTUFO

Gubbio ospita la MOSTRA MERCATO DEL TARTUFO BIANCO

36esima edizione della Mostra Mercato Nazionale del Tartufo Bianco

CHE LA STAGIONE DEL TARTUFO ABBIA INIZIO!

Dal 26 ottobre al 2 novembre 2017, il tartufo bianco locale sarà il protagonista all’interno di uno dei borghi medievali più suggestivi d’Italia!

Dal 26 ottobre al 2 novembre Gubbio ospita la MOSTRA MERCATO DEL TARTUFO BIANCO e di tutti i prodotti agro-alimentari autoctoni, un’occasione unica e imperdibile che offre a tutti gli avventori la possibilità di scoprire le ricchezze, le risorse e le tipicità del territorio, dall’ambiente all’artigianato, dalla cultura all’arte, dall’agricoltura alla gastronomia.

Per l’occasione, Park Hotel Ai Cappuccini si prepara ad accogliere i foodies di tutto il mondo: circondato da splendidi paesaggi naturali l’ex convento di frati cappuccini è il luogo ideale per assaporare i piatti della tradizione umbra fra cui il tartufo.

Si tratta di un appuntamento di assoluto rilievo tra le rassegne autunnali, sia per la straordinaria qualità del tartufo bianco locale (Tuber Magnatum Pico) e delle altre prelibatezze presenti negli spazi espositivi (formaggi di pascolo, norcinerie, carni selezionate, olio, miele, dolci tradizionali etc…), sia per la prestigiosa collocazione nel cuore del centro storico di Gubbio.

La 36esima edizione della Mostra Mercato Nazionale del Tartufo Bianco è dedicata al gusto, alla cultura, e all’artigianato e rappresenta un’occasione imperdibile per gli amanti del travel food.

Le 8 giornate prevedono numerosi appuntamenti imperdibili, fra cui degustazioni guidate, dimostrazioni, la mostra dell’artigianato artistico locale, concerti e spettacoli.

::::::::::::::::::::::::::

Per chi vuole

DORMIRE NEL LUSSO 

Immerso nella quiete di un vasto parco di alberi secolari, Park Hotel ai Cappuccini è il luogo dove passato e futuro si fondono in un connubio unico e indimenticabile.

Un tempo antico monastero di frati cappuccini, oggi è uno splendido Resort & SPA che accoglie i suoi ospiti in un ambiente unico avvolto in un’atmosfera di pace.

Pacchetti 2 notti a partire da € 374 per persona comprende:

  • 2 pernottamenti in camera doppia con piccola colazione a buffet
  • 1 cena gourmand tipica con proposte di piatti al tartufo
  • 1 Ingresso al “Cappuccini Wellness & SPA” con libero accesso, piscina Acque emozionali, vasca baby e nuoto controcorrente, area idromassaggio a 30°, palestra con area cardio-fitness e power-training. Percorso con saune finlandesi, bagno turco, bagno mediterraneo, docce emozionali, wasser paradise, area relax con angolo tisane

• percorso Acque: sala vasche idromassaggio con vasca a forma di arca con acqua addizionata di potassio e magnesio, vasca circolare idrojet e vasca talasso
• 1 trattamento corpo detossinante “Terre d’Umbria” della durata di 1 ora ( un impacco speciale preparato con fanghi ricchi di proprietà nutritive che viene applicato su tutto il corpo dopo un’accurata stimolazione della microcircolazione)

Info: www.parkhotelaicappuccini.it
Indirizzo: Via Tifernate, 06024 Gubbio (Perugia) Tel: 075 9234