Archivi categoria: LA MIA CASA

Consigli di arredamento, beauty farm fai da te, il condominio e le sue leggi, té e tisane, secondo natura, vedi anche “casa ecologica” alla categoria ECOLOGIA.

BIENNALE ARCHITETTURA A VENEZIA – Apre il 26 maggio 2018

BIENNALE ARCHITETTURA 2018

Da sabato 26 maggio a domenica 25 novembre

75 Paesi partecipanti

sette per la prima volta

curata da due donne architetto irlandesi come Yvonne Farrell e Shelley Mc Namara.

Freespace (Spazio libero)

è il titolo dell’esposizione 2018

PIU’ SOTTO SPECIALE CINA E PERU’

Quest’anno la novità è che la mostra non sarà solo ai Giardini ed all’Arsenale, ma l’intera città aprirà alla mostra:

-molte esposizioni collaterali

alcuni padiglioni stranieri con sede nei palazzi veneziani.

Più che  mostra, sarà una nuova idea di architettura “sociale”.

Saranno presenti anche molti architetti pressoché sconosciuti, che Farrell e McNamara hanno scoperto e selezionato in giro per il mondo. Scelta che fa onore alle curatrici.

Ovviamente non mancano i progettisti famosi:

David Chipperfield, Alvaro Siza, Kazuyo Sejima (già direttore di Architettura), Rafael Moneo, Souto Moura, Odile Decq, Toyo Ito, tra i tanti.

Italiani: Cino Zucchi, Marco Pogacnik, Francesca Torzo, Maria Giuseppina Grasso Canizzo.

Per la prima volta, saranno presenti: Antigua e Barbuda, Arabia Saudita, Guatemala, Libano, Mongolia, Pakistan e la Santa Sede.

Dopo la Brexit, il Padiglione inglese, intitolato “Island”, diventerà uno spazio pubblico per incontri popolari per un intero anno.

“Repair” è titolo del padiglione australiano, 30 mila piante esposte all’interno;  65 specie della prateria che rischiano di scomparire.

“In Statu Quo: Architecture of Negotiation” è il tema del  padiglione israeliano; sull’ attuale  tormentata relazione tra Israele e Palestina. Sarà uno dei padiglioni con maggiori misure di sicurezza insieme alla Russia.

Il Padiglione Italia all’Arsenale è curato da Mario Cucinella, con il nome di  “Arcipelago Italia”; per indagare le complessità dei territori interni al Paese Italia.

:::::::::::::::::::::::::::::::::

Padiglione della Cina

Il ritorno alla vita pastorale è stato a lungo un ideale della tradizione letteraria cinese

16a Mostra Internazionale di Architettura La Biennale di Venezia
COSTRUIRE UNA CAMPAGNA DEL FUTURO

26 maggio – 25 novembre 2018 Giorni di anteprima: 24-25 maggio 2018

Anteprima stampa: 25 maggio, 14.45 Cerimonia di apertura: 25 maggio, ore 15.30

“La motivazione per questa mostra è più che solo xiangchou, un termine cinese che si riferisce alla nostalgia per le terre rurali.

Ritorniamo nelle campagne dove la cultura cinese ha origine per recuperare valori dimenticati e possibilità trascurate; da lì, costruiremo una futura campagna. “- Li Xiangning (Curatore)

Una delle maggiori sfide per gli ambienti contemporanei costruiti è il futuro dello sviluppo rurale. In Cina, la campagna è diventata una nuova frontiera per gli esperimenti in questo settore, e il paese sta sviluppando le sue campagne a una velocità e una scala invisibili in Occidente.

Disegnati dalla promessa di opportunità illimitate, architetti, artisti, sviluppatori e il flusso di capitali stanno convergendo nelle aree rurali di tutta la nazione.

Il ritorno alla vita pastorale è stato a lungo un ideale della tradizione letteraria cinese.

Nei tempi moderni, vivere in aree rurali coinvolge in genere aspetti come politica, capitale, infrastrutture e tecnologia.

Mentre la modernizzazione e il progresso tecnologico ci promettono una vita migliore con le condizioni di vita moderne, anche loro, in una certa misura, separano il legame tra vita rurale e tradizione.

Di fronte alle abitazioni rurali prodotte in serie dall’urbanizzazione, gli architetti cercano di trovare una via di mezzo tra tradizione e modernizzazione, sfruttando la tecnologia moderna alla ricerca di una connessione vernacolare.

Dalla grande distesa gialla dell’altopiano di Loess alle città acquatiche a sud dello Yangtze, dalle vaste e abbondanti pianure della Cina nord-orientale alle verdi e bellissime fattorie del sud, centinaia e migliaia di villaggi sono diventati siti per lo sviluppo industriale, -building e creazione culturale.

Questi siti godono di enormi opportunità offerte dalle innovazioni tecnologiche, tra cui internet, sistemi logistici e economie di condivisione.

Lo sviluppo della campagna nella Cina contemporanea non ha precedenti sia nella sua scala che nei suoi approcci.

Ancora più importante, questo sviluppo anticipa una nuova soluzione fondata sulle condizioni uniche della Cina.

Costruire un futuro La campagna descrive la campagna della Cina contemporanea attraverso sei episodi: abitazioni poetiche, produzione locale, pratiche culturali, turismo agricolo, ricostruzione della comunità e esplorazione futura. Questa mostra delinea un freespace per opportunità e anticipa lo sviluppo futuro.

PROGETTI PRINCIPALI
Entrando nel padiglione, seguendo il percorso della mostra, i progetti principali sono:
Forno in legno Bing Ding di Zhang Lei, AZL Architects
Xinzhai Coffee Manor di Hua Li, Trace Architecture Office – TAO
Una vecchia-nuova casa di John Lin + Joshua Bolchover, Rural Urban Framework Cidi Memo, una città della memoria di Liu Yuyang, Atelier Liu Yuyang Architects Mountain Dwelling. Abitazione Waterside. Forest Dwelling di Dong Yugan In Bamboo di Philip F. Yuan, Archi-Union Architects, co. Ltd

Fuori dal padiglione della Cina, nel giardino:

Cloud Village di Philip F. Yuan, Shanghai Digital Fabrication Engineering Technology Centre
LI XIANGNING, CURATORE

Il Dr. Li Xiangning è vice preside e professore ordinario di storia, teoria e critica all’Università di architettura e pianificazione urbana dell’Università di Tongji. È membro della CICA (Comité International des Critiques d’Architecture), ha lavorato come curatore per numerose mostre e ha pubblicato numerose pubblicazioni sull’architettura e l’urbanistica cinese contemporanea. È capo redattore di Architecture China e President of Architecture China Foundation. Inoltre, ha lavorato con musei e istituti internazionali ed è stato membro della giuria di numerosi premi e concorsi internazionali.
PADIGLIONE DELLA CINA – 16 MOSTRA INTERNAZIONALE DI ARCHITETTURA LA BIENNALE DI VENEZIA
Commissario: China Arts and Entertainment Group (CAEG)
Organizzatore: Ministero della cultura e del turismo della Repubblica popolare cinese. Presentatore: China International Exhibition Agency
Vice commissario: Li Jinsheng, Wang Chen
Commissari aggiunti: Huang Xiaogang, Liu Zhenlin, Li Rui, Yang Xin, Xie Yanyi, Li Yunyun, Zhang Ziwei
Collaboratori: Zhu Di, Zheng Hao, Wang Mingxian, Zhu Wenyi, Shi jian, Li Hu
Curatore: Li Xiangning
Assistenti del curatore: Yao Weiwei, Mo Wanli, Gao Changjun Research Team: Zhang Xiaochun, Lin Lin, Deng Yuanye
Display Design: Liu Yuyang, Zhang Ziyue
Graphic Design: Ni Minqing, Li Jixin
Espositori: Dong Yugan, Hua Li, Liu Yuyang, Philip F. Yuan, Rural Urban Framework, Zhang Lei, Atelier Archmixing, Atelier Deshaus, Chen Haoru, Cina Nuova pianificazione rurale e design, Dong Gong, Drawing Architecture Studio, Hsieh Ying-Chun , Jin Jiangbo, Li Yikao, Li Xinggang, Seung H-sang, Nishizawa Ryue, Li Zhenyu, Lyu Pinjing, Naturalbuild, O-office Architects, temp architects, Xu Tiantian, Zhang Li, Zhao Yang, Zhu Jingxiang

Photo: CINA Biennale 2018 Philip F. Yuan, In Bamboo, © Bian Lin Courtesy Pavilion of China at the 16th International Architecture Exhibition of La Biennale di Venezia

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

PERU’ ALLA BIENNALE 2018

Biennale di Architettura di Venezia 2018 – Il Perù si prepara

Per ulteriori informazioni:

http://www.peru.travel

Facebook: www.facebook.com/visitperu

Twitter: https://twitter.com/visitperu

Youtube: www.youtube.com/VisitPeru

Instagram: https://instagram.com/peru/

 

57° EDIZIONE DEL SALONE DEL MOBILE a Milano

AL VIA LA 57° EDIZIONE DEL SALONE DEL MOBILE. ORSINI, FEDERLEGNOARREDO: ”IL SALONE DEL MOBILE È IL MIGLIORE INDICATORE DEL PRIMATO DI UN COMPARTO DINAMICO, IN ITALIA E OLTRE CONFINE” 

Si è aperto sotto il segno un rinnovato ottimismo e dinamismo il Salone del Mobile, vetrina della migliore produzione italiana e internazionale e “motore” d’impresa della città di Milano, sino al 22 aprile, a Fiera Milano, Rho.

I NUMERI DEL COMPARTO 
Un anno positivo per la filiera italiana del legnoarredo: secondo i risultati consuntivi elaborati dal Centro Studi Federlegno Arredo Eventi, la produzione delle imprese di arredamento e illuminazione ha raggiunto nel 2017 i 26,9 miliardi di euro, pari a un incremento del 2,1%, continuando la ripresa avviata nel 2015 e consolidatasi nel 2016. La crescita della produzione è stata stimolata dall’aumento dei consumi interni e da una maggiore capacità di spesa dei consumatori che si è rivolta anche ai beni durevoli come i mobili: 16,9 miliardi di euro, pari a un significativo +1,6%. Buono anche l’andamento delle esportazioni: 14,3 miliardi di euro pari a un significativo incremento del 3,1%.

I BONUS FISCALI
Una spinta ulteriore alla domanda è giunta dalle iniziative fiscali – bonus mobili e bonus ristrutturazioni fortemente voluti da FederlegnoArredo – e dalla dinamicità del mercato immobiliare che ha visto l’aumento delle compravendite residenziali e, soprattutto, la crescita delle ristrutturazioni che si sono confermate come l’area attiva di un settore edile ancora ai minimi in termini di nuove costruzioni. La ripresa del credito alle famiglie da parte del settore bancario ha inoltre fornito i mezzi necessari all’utilizzo degli incentivi, che hanno così potuto esprimere tutto il potenziale di sviluppo della domanda.

L’EXPORT
Buono anche l’andamento delle esportazioni: 14,3 miliardi di euro pari a un significativo incremento del 3,1%.Tra i destinatari di prodotti di arredo e illuminazione italiani, analizzando il periodo gennaio-dicembre 2017 troviamo al primo posto la Francia (2,2 miliardi di euro, +5,4%) seguita da Germania (1,6 miliardi di euro, +1,0%), Stati Uniti (1,3 miliardi di euro, +4,1%) e Regno Unito (1,2 miliardi di euro, -3,4%). Confermata la forte crescita del mercato cinese che ha raggiunto i 518 milioni di euro pari a un incremento del 36,5%.

CUCINE E ARREDO BAGNO
Risultato stabile per il comparto delle cucine che ha chiuso il 2017 con una produzione pari a 2,2 miliardi di euro (+0,5%), ma con un’impennata delle esportazioni: +3,2% pari a 779 milioni di euro.
Nel settore arredobagno, infine, positive sia la produzione (2,7 miliardi di euro, +1,5%) sia le esportazioni cresciute dell’1,1% e attestatesi a 1,3 miliardi di euro.

Elettrodomestici alta gamma ottimo prezzo da OULET SAN DONATO Milanese

Smeg e molte altrenotissime marche a prezzi stracciati perché provenienti da esposizioni.

Noi abbiamoa acquistato piano cottura Smeg, lavatrice di ottima marca, lavastoviglie Smeg per 1.000 euro !!!

ANCHE CONSEGNE A DOMICILIO.

info@outletelettrodomestico.it

www.ouletelettrodomestico.it

tel 02 51 800 556

Aperto tutti i giorni 10- 12,30 / 14,30 – 19,30

OUTLET – ELETTRODOMESTICO

SAN DONATO MILANESE, VIA CIVESIO, 1A

Donne e natura – lei ci parlerà di natura – Floreka 2018 a Bergamo

Parco Comunale di Gorle Bergamo

Via Marcono 5

L’Associazione Petali e Parole per l’11esimo anno consecutivo, il 28 e 29 aprile 2018, organizza la kermesse dedicata ai giardini, alla natura ed alle arti creative “green”, in una parola: «Floreka»

FLOREKA 2018

una veste tutta al femminile

DONNE E NATURA: LEI CI PARLERÀ DI NATURA 

TORNA LA MOSTRA MERCATO DI GIARDINAGGIO E PRODUZIONI CREATIVE. PROTAGONISTE: LE DONNE

Le piante? Parlano! e probabilmente la lingua delle donne.

Lo sanno bene le “Petale”, infaticabili amanti del verde, volto e cuore dell’Associazione Petali e Parole che per l’11esimo anno consecutivo, sabato 28 e domenica 29 aprile, organizza la kermesse di giardinaggio e arti creative «Floreka: Donne e Natura, Lei ci parlerà di Natura».

Una rassegna dedicata agli amanti del pollice verde, e non solo, che nell’ultima edizione è riuscita a coinvolgere oltre 7 mila persone e che quest’anno punta a fare ancora di più con una veste tutta al femminile: gli incontri a corollario della mostra-mercato, infatti, avranno per protagoniste le donne.

DONNE CHE SI RACCONTANO

Si parte sabato con Elena Macellari, agronoma e paesaggista, autrice del libro

Le signore della botanica: storie di grandi naturaliste italiane” che, con un attento e minuzioso lavoro di ricerca, ha ricostruito gli studi di numerose botaniche del ‘900 come Eva Mameli Calvino, Eleonora Francini, Albina Masseri e Camela Cortini (h. 11.00).

A seguire nel pomeriggio (h. 15.30), sempre per il ciclo «Passioni che divengono mestieri», Camilla Zanarotti, racconterà di come la sua passione per la musica si sia accostata a quella per il paesaggio durante l’incontro “Musica e Agronomia»; agronoma e architetto del paesaggio, Zanarotti è esperta di progetti di restauro di parchi storici e autrice de “Porcinai ed il paesaggio”, I giardini delle ville venete” con il fotografo Dario Fusaro e di “Più orto che giardino” con Simonetta Chiarugi.

Domenica 29 Simonetta Chiarugi sarà protagonista dell’appuntamento «Dalla moda ai giardini» per il ciclo «Passioni che divengono mestieri» raccontando la sua esperienza: dal mondo della moda, alla passione per orto e giardino che diventa un mestiere, passando per la creazione del seguitissimo blog Aboutgarden, fino alle recenti pubblicazioni (h. 10.30).

Ancora domenica, un‘altra donna speciale: Cristina Mostosi racconterà del suo Giardino delle Iris a Trebecco, simbolo di un legame familiare che, nel ricordo di suo papà, è riuscita a trasformare da luogo di ricordi in instancabile ed appassionata opera di divulgazione e, forse, nel mestiere della sua vita (h. 16.30). Ad accompagnare nei loro racconti le ospiti di Floreka sarà Lorita Biffi, appassionata libraia, anima della libreria Spazio Terzo Mondo.

Per tutti gli appassionati di giardini e natura che vorranno incontrare le Camilla, Simonetta, Elena e Cristina tutte assieme in un unico appuntamento, sabato pomeriggio le quattro special guest dialogheranno sul filo conduttore di questa edizione di Floreka: “Donne e natura”. (h.17.00)

Affiancheranno i racconti delle nostre protagoniste, le esperienze innovative di giovani che hanno deciso di riscoprire e/o recuperare la terra.

Questa edizione di Floreka, infatti, dedicherà spazio ed approfondimento ai racconti di chi recupera antiche tradizioni (il mais spinato di Gandino) a chi sperimenta nuove coltivazioni, (il Tropico dei Colli) e a chi coltiva fiori e si inventa un mestiere, come accaduto con Edwin e Nitsuhe con il loro progetto Tulipani Italiani. Il tutto, tra la magia di laboratori e corsi ispirati ad arte e natura dedicati ai più piccoli, attività educative volte a promuovere lo sviluppo di una cultura sostenibile, momenti musicali ed enogastronomici che, come da tradizione, renderanno per un week end la manifestazione un punto di attrazione imperdibile per tutti i green lovers.

INCONTRI E APPUNTAMENTI

Dopo l’inaugurazione, domenica si parte con Rose Rifiorentissime «Coltivazione delle Rose» (h. 14.30) e «Cura delle piante grasse» con Giorgio Tomio (h. 15.00); a seguire «La gioia di coltivare un agrume nella nostra casa» con il Vivaio Ghellere (17.30) e la dimostrazione di composizione floreale «Bouquet di primavera» con il fiorista Mazzoleni (h. 18.00). Per concludere la giornata dalle 19 l’Happy FL-Hour con musica dal vivo con il trio Très Manouche.

Domenica si prosegue con «Cura, coltivazione e utilizzo delle aromatiche» a cura di Floricoltura del Bosco (h. 9.00), l’incontro «Edwin e Nitshue. Un coloratissimo campo di tulipani sboccia in città» con Tulipani Italiani (h. 14.30) e il Lab «Cupcakes in Fiore» con i Pasticcioni (h. 15). E, da non perdere, il convegno con show cooking «Lo sapevi? I fiori si mangiano» per scoprire con Fioreat, Francichef – volto noto anche della trasmissione Tv La Prova del Cuoco – e Fiori commestibili bio Carmazzi, tutte le proprietà nutritive – antiossidanti, antitumorali e organolettiche – dei fiori edibili, il loro tradizionale linguaggio e il loro significato (h.15.00).

In entrambe le giornate i laboratori a cura di Tropico dei Colli «Giardini utili. Piante utili, sempreverdi e a bassa manutenzione» e «Verde insolito. Coltivazione e cura delle carnivore» a cura di Daniele Righetti.

LABORATORI PENSATI PER I PIÙ PICCOLI

Durante l’intero weekend anche laboratori per i bambini a cura di Trentunodi: «Cresco sempre di più: seminare, giocare, crescere. Il tempo dell’attesa» (sabato h. 10.30 e 17.30, domenica 17.30). «Mani che creano con gioia. I colori delle emozioni» (sabato h. 16.00, domenica h. 10.30 e h.16).

CURIOSITÀ FLOREKA 2018

Il programma, come ogni anno, sarà arricchito da un appuntamento dedicato ad arte e natura – la mostra fotografica «Lumen Print» di Danilo Pedruzzi e da momenti di puro relax – i mini trattamenti zen e shiatsu con la scuola Zen Shiatsu, accompagnati da piacevoli Flash mob musicali nel parco.

Poi spazio all’intrattenimento tra libri e caffè con Spazio Terzo Mondo, il Bistrot a cura di M1.lle Storie & Sapori e i corner food a cura di Pasticcioni e Birrificio Artigianale Elav.

Diffondere la conoscenza della natura, dell’ambiente, del paesaggio e del florovivaismo, parlare di buone pratiche, coltivazioni agricole e della produzione del cibo, ma anche di giardini e di fiori, si può fare in molti modi, ma per le Petale è diventata una missione senza mai dimenticare lo spirito che ha fatto nascere tutto questo: l’amicizia e la condivisione!

Ed è questo che gli appassionati di Floreka respirano da anni durante la due giorni.

«Quest’anno ci siamo volute fare un regalo: dedicare l’undicesima edizione di Floreka alle donne! Saranno proprio quelle donne, a cui le piante, i fiori, i giardini, l’ecologia, la sostenibilità hanno cambiato la vita, infatti, a declinare quest’universo. Il risultato sarà un fiorire di contaminazioni creative, di sensazioni e sensibilità diverse ma tutte rivolte alla condivisione dei temi che sentiamo nostri. Non mancate!» – raccontano le Petale, le amiche fondatrici dell’associazione Petali e Parole.

Per informazioni http://florekabg.wixsite.com/floreka 

Profumi in casa solo se non sono pericolosi – CULTI

L’Europa ha bandito una grande quantità di sostanze contenute nei più economici profumi / spray / candele  ecc… da interno, per le nostre case, perché le loro basi chimiche danneggiano la salute e favoriscono l’inquianmento ambientale.

Se vogliamo godere del piacere di un aroma che caratterizzi la nostra casa, dobbiamo rivolgeci sono all’alta gamma; altrimenti è meglio rinunciare.

Culti, rappresenta uno dei milgiori prodott del settore.

Una selezione di materie prime di origine naturale, privi nelle loro formulazioni di oli minerali e parabeni

Ecco le novità.

La linea WELCOME di CULTI MILANO racchiude tutta la vitalità della natura, coccolando il corpo con profumi vivifici e diffondendo negli ambienti fragranze originali.

Costituita da diffusori ambiente e prodotti di Body care, è caratterizzata da un design lineare che esalta i valori del marchio.

Novità 2018: un vaporizzatore con trigger e l’ultima creazione la fragranza ‘OFICUS.

‘OFICUS prende vita dalla maestosità della pianta del fico, dall’energia vitale delle sue radici, dalla dolcezza dei suoi frutti e dall’unicità delle sue foglie.

Dalla sfaccettatura verde del fico, ‘OFICUS diffonde un avvolgente e rilassante tono di vaniglia che si unisce alla spiritualità del sandalo, creando una sensazione di equilibrio destinata a durare. Le note briose di ‘OFICUS rendono la fragranza perfetta per creare una gradevole armonia tra anima e corpo.

Il nuovo Spray ambiente da 500 ml con sistema trigger pensato per WELCOME, permette una fruizione immediata e una vaporizzazione fine espandendo il profumo nella stanza come una nuvola impalpabile.

I nuovi elementi di WELCOME sono disponibili nelle boutique italiane di CULTI MILANO.

Hand & Body Soap e Hand & Body Lotion si adattano con sobrietà a tutti gli spazi in cui il benessere è una componente imprescindibile del buon vivere.

Destinati ad una distribuzione anche nel canale alberghiero, sono prodotti secondo una selezione di materie prime di origine naturale, privi nelle loro formulazioni di oli minerali e parabeni. Risultano gradevolmente emollienti e super-idratanti, donando vitalità con le note energizzanti della fragranza AQQUA e dolcezza con le note fresche e fiorite della fragranza ODE ROSAE.

CASE IN 3D – La nuova casa stampata – Cemento e software – Milano Salone del Mobile

Ecologica e con un costo che sarà sempre molto più basso di una abitazione tradizionale – ecco le caratteristiche della casa in 3D

La prima casa stampata in 3D, sarà esposta nei giorni del Salone del Mobile; dal 17 al 22 aprile 2018.

A pochi passi dal Duomo, piazza Beccaria, è in cantiere la creazione della prima casa stampata in 3D.

Realizzata ed esposta in occasione della settimana del Salone del mobile e della Design Week, dal 17 al 22 aprile.

100 metri quadrati:

-zona giorno, zona notte, cucina, bagno.

La casa verrà realizzata nell’arco di due o tre settimane con una stampante 3D e con un cemento di nuova concezione; realizzato da Italcementi.

Questa casa sarà ecologica, rispettosa dell’ambiente, potrà essere demolita, spostata e ampliata senza danni all’ambiente circostante.

La possibilità di costruirla in poco tempo incide sul costo che sarà sempre più basso di una abitazione tradizionale.

Questo progetto potrà essere dedicato anche al social housing, o destinato a popolazioni colpite da calamità naturali. Lo dice Massimo Borsa; ingegnere responsabile del laboratorio innovazione di Italcementi

Utopia ??? !!! – VIVERE SENZA SOLDI E DIVENTARE RICCHI, COME MARK BOYLE.

Mark Boyle, ex manager, e’ diventato ricco vivendo senza soldi.

Boyle è un inglese di 34 anni, ex imprenditore e laureato in economia che, per scelta, ha vissuto per due anni senza usare denaro.

Grande ammiratore di Gandhi, Mark Boyle ha voluto dimostrare a se e al mondo come si possa vivere senza soldi e, soprattutto, ci vorrebbe far riflettere su quanto stiamo sprecando; anche quando crediamo di avere ridotto il nostro tenore di vita.

Importante scopo di questa fetta di vita senza soldi è stato anche un desiderio di riflettere su ciò che sia davvero importante nella vita e sullo spreco della nostra società dei consumi.

Prepararsi una pastella  fatta di ossi di seppia e semi di finocchio per autoprodurci, senza spese, un dentifricio, può sembrare uno strano modo di risparmiare, ma funziona.

Mark Boyle si è fatto una stufa con due taniche trovate in  discarica, un doccia con acqua riscaldata dal sole, il pane con cereali barattati e macinati a manovella, la margarina l’ha recuperata nei cassonetti e la lattuga l’ha coltivata di fronte alla roulotte dove ha vissuto.; ha raccolto frutti, erbe e funghi nel bosco.

Per due anni ha abitato  presso una fattoria del Somerset, nutrendosi di frutta e verdura del suo  orto e di alimenti regalati o scartati.

L’indispensabile l’ha guadagnato facendo volontariato nella fattoria ed ha praticato il baratto per i vestiti e altri generi di prima necessità.

Nel frattempo ha scritto un libro, che gli ha pure reso qualche soldo: “L’UOMO SENZA SOLDI”, ed. Ultra, 17,50 euro.

Con i soldi guadagnati con il libro ha creato il sito  

http://www.justfortheloveofit.org  il sito da consigli per vivere senza denaro.

Boyle sostiene: “Se tutti fossero costretti a produrre il cibo che consumano non ne sprecherebbero e se vedessimo i bambini che tagliano le stoffe per i nostri vestiti, probabilmente  ne faremmo a meno…”

E voi cosa ne pensate?

CASA CLIMA: case ecologiche a risparmio energetico per un futuro migliore.

CASA CLIMA 24-26 GENNAIO Fiera a Bolzano.

INTRODUZIONE: due parole sul nostro futuro.

Fabbisogno energetico mondiale: situazione attuale e prospettive future

L’energia è il motore dell’economia moderna

I combustibili fossili costituiscono ancora la fonte principale garantendo oltre l’80% del fabbisogno energetico complessivo: 34% il petrolio, 26% il carbone e 22% il gas metano.

Nel decennio scorso vi è stato un consistente rincaro del petrolio: da circa 25 dollari a barile si è passati a 100 e oltre.

-Il rincaro del petrolio ha portato a cambiamenti consistenti: i combustibili fossili in questa condizione sono diventati redditizi.

-Le grandi aziende investono in nuove forme di energia e in energie alternative.

-L’energia eolica e l’energia solare, ad esempio, hanno registrato importanti sviluppi.

-“rivoluzione” del gas di scisto negli Stati Uniti: dagli esperti considerato un pericolo per l’ecosistema per l’inquinamento delle falde acquifere e la causa di terremoti

-Il Medio-Oriente, tradizionale fornitore di energia prossimamente perderà rilevanza almeno per gli Stati Uniti

-numerosi Paesi produttori di petrolio e di gas e quelli che fungono da corridoi di trasporto sono situati in aree politicamente instabili (ad esempio il Medio Oriente e l’Africa).

-il fabbisogno energetico aumenta soprattutto nei Paesi emergenti e in quelli in via di sviluppo.

-I fattori più significativi che determinano il fabbisogno energetico sono l’aumento della popolazione da un lato e l’incremento economico dall’altro, nonché la crescente industrializzazione ed urbanizzazione nei Paesi emergenti e in quelli in via di sviluppo.

Tra il 2010 e il 2040 la popolazione mondiale passerà dagli attuali 7 a 9 miliardi di individui.

– Se un americano consuma 7 tonnellate di energia l’anno, un indiano ne consuma solo 0,6.

-In base alle ultime previsioni tra il 2010 e il 2040 il fabbisogno energetico mondiale aumenterà del 35%.

-L’incremento di energia si registrerà solo nei Paesi emergenti Cina e India nonché nei Paesi in via di sviluppo quale conseguenza dell’incremento demografico, dell’impulso economico, dell’aumento d’industrializzazione, d’urbanizzazione e quindi del benessere.

–  grazie ad un maggiore impiego di gas metano da una lato e all’aumento di energie alternative dall’altro, entro il 2025 le emissioni di CO2 aumenteranno solo lievemente rispetto ai decenni passati; entro il 2040 possiamo auspicare un’inversione di tendenza con una leggera riduzione delle emissioni.

Da un articolo di Monika Psenner
Esperta in energie

Vedi anche ai link:

Case Low cost in Veneto già una realtà:

https://www.donnecultura.eu/?p=7447

Una casa in legno:

https://www.donnecultura.eu/?p=6702

Trasportabile,  di Enzo Piano:

https://www.donnecultura.eu/?p=5602

Villaggio ecologico:

https://www.donnecultura.eu/?cat=63

Da 1.800 euro una casa eco-green di design:

https://www.donnecultura.eu/?p=9170

KLIMAHOUSE 2014

Percorsi di architetture ad alto risparmio energetico 

 – Si rinnova a Fiera Bolzano, dal 23 al 26 gennaio prossimo, l’appuntamento con Klimahouse, manifestazione fieristica che ha saputo anticipare in Italia le più innovative tendenze internazionali nell’ambito del risanamento e dell’efficienza energetica in edilizia.

Il programma, che include gli enertour, la formula City Parcour e, per la prima volta, l’iniziativa Go to Klimahouse 2014, offre una dimostrazione di concretezza per architetti, operatori del settore e utenti finali che desiderano toccare con mano costruzioni caratterizzate da standard energetici e di sostenibilità particolarmente elevati grazie anche all’integrazione di impianti a fonte rinnovabile.

TOUR PER VEDERE PERSONALMENTE LE CASE E ALTRO A RISPARMIO ENERGETICO: 10 itinerari.

 Gli enertour (visite a case ecologiche), che registrano sempre grande consenso e partecipazione, sono visite tecniche guidate a CaseClima esemplari realizzate in Trentino Alto Adige.

-Il programma, particolarmente articolato, prevede 10 differenti itinerari per offrire un’ampia panoramica in base alle destinazioni d’uso e alle diverse soluzioni tecnologiche adottate: dai Net Zero Energy Buildings a quartieri sostenibili ad alta efficienza energetica, dagli edifici abitativi CasaClima in fase di cantiere ad esempi di risanamento di edifici residenziali, da strutture commerciali certificate CasaClima Work&Life e alberghi Climahotel alla Cantina vinicola certificata CasaClima Wine.

-Tra gli esempi di punta, il nuovo quartiere ad elevata efficienza energetica “Le Albere” progettato da Renzo Piano Building Workshop.

-Partecipando al City Parcours, i visitatori di Klimahouse, in particolare famiglie e privati, hanno la possibilità di scoprire l’eco-quartiere “Casanova” di Bolzano, realizzato secondo elevati standard di efficienza energetica (CasaClima A) grazie all’utilizzo di fonti rinnovabili e alla gestione razionale delle acque e della mobilità.

 -Partendo dalla Fiera con il treno è possibile raggiungere il quartiere in pochi minuti grazie alla nuova fermata dedicata.

– Esteso su circa 350.000 m3, il quartiere “Casanova” conta 950 appartamenti per 3.000 abitanti.

PULLMAN DA TUTTA ITALIA PER LE VISITE:

Novità assoluta di quest’anno è l’iniziativa “Go to Klimahouse 2014…!”.

-Ai visitatori che desiderano recarsi in fiera senza preoccuparsi dell’organizzazione del viaggio,

-Fiera Bolzano offre un servizio agevolato “all inclusive” comprensivo di trasferimento in pullman da diverse città del Nord Italia (Milano, Bergamo, Brescia, Bologna, Mantova, Verona, Mestre, Padova e Vicenza) con ingresso in fiera e visita guidata al quartiere ecosostenibile “Le Albere” di Trento (progettato da Renzo Piano Building Workshop) oppure al “Casanova” di Bolzano.

Programma, costi e registrazione obbligatoria: http://www.fierabolzano.it/klimahouse/tour-programma.htm

Per i visitatori che desiderano godere di una visita in fiera in pieno relax senza preoccuparsi dell’organizzazione del viaggio, Fiera Bolzano propone “GO TO KLIMAHOUSE 2014…!”.

-Il nuovo servizio “all inclusive” comprende il trasferimento in pullman da diverse città del nord Italia (Milano, Bergamo, Brescia, Bologna, Mantova, Verona,  Mestre, Padova e Vicenza), il biglietto d’ingresso e la visita guidata al quartiere ecosostenibile “Le Albere” di Trento oppure “Casanova” di Bolzano.

(Costi: € 99,00 a persona-comprensivo di viaggio a/r in pullman, biglietto d’ingresso alla fiera, buono pasto, visita guidata al quartiere ecosostenibile “Casanova” di Bolzano o “Le Albere” di Trento; € 89,00 a persona – pacchetto completo senza buono pasto). Programma dettagliato e registrazione obbligatoria: http://www.fierabolzano.it/klimahouse/gotoklimahouse.htm

Anche l’iniziativa KLIMAHOUSE CITY PARCOURS, espressamente ideata per famiglie e privati, ha come meta l’eco-quartiere “Casanova” di Bolzano, realizzato secondo elevati standard di efficienza energetica.

INCONTRARE CHI VIVE IN CASE A RISPARMI ENERGETICO 

-L’occasione ideale per un’esperienza diretta che prevede un confronto ‘vis-à-vis’ con gli inquilini sugli interventi, le sfide affrontate, i costi sostenuti e soprattutto su come è cambiata la loro qualità di vita. (Dal 24 al 26 gennaio. Costo: € 10,00 a persona)

Programma dettagliato e registrazione obbligatoria: http://www.fierabolzano.it/klimahouse/klimahouse.htm

-La giornata di sabato 25 è dedicata al risanamento energetico: l’Univ. Prof. Mag. Arch. Boris Podrecca, Studio di architettura Boris Podrecca di Vienna, ne illustra le sfide e le opportunità mentre il Prof. Giovanni Caudo, Assessore alla Trasformazione Urbana di Roma Capitale, propone una case history sul “Protocollo della qualità urbana di Roma Capitale”.

L’eco-quartire “Casanova” sarà anche meta dell’iniziativa CITY PARCOUR. Esteso su circa 350.000 m3, conta 950 appartamenti per 3.000 abitanti. L’occasione è ideale per un confronto diretto tra i visitatori e gli inquilini sugli interventi, le sfide affrontate, i costi sostenuti e soprattutto su come è cambiata la loro qualità di vita.

Solo profumi di alta qualità – Nuovo profumo 2018 firmato CULTI MILANO

E’ di moda regalare e regalarsi profumi, diffusori di aromi , candele ecc… ma dobbiamo sapere che se non sono di altisssima qualità,  la nostra salute ne può risentire; anche gravemente.

Alcuni profumi sono stati proibiti dall’Unione Europea, ma sono ancora in vendita.

Il consiglio è quello di pensare, oltre che all’olfatto, alla salute evitando di acquistare prodotti scadenti.

Il profumo non è una necessità, acquistiamolo solo se siamo certi che non ci faccia male e sia un vero piacere per l’olfatto e lo spirito.

Culti è uno dei nomi più sicuri; una garanzia di altissima qualità.

In primo piano a Maison&Objet Paris
il nuovo Original Home Perfume di CULTI MILANO

 – La maestosità della pianta del fico, l’energia vitale delle sue radici, la dolcezza dei suoi frutti e l’unicità delle sue foglie sono l’ispirazione per ‘OFICUS, il nuovo profumo 2018 firmato CULTI MILANO.

In occasione dell’edizione di gennaio di Maison&Objet viene presentato tutto il range della nuova collezione: Home spray, Car Fragrance, Home Sachet e Home Diffuser nelle linee STILE, DECOR, WELCOME.

‘OFICUS rievoca un tiepido pomeriggio trascorso all’ombra degli alberi dove una rinnovata vitalità rinfresca l’atmosfera e crea una sensazione di equilibrio per una felicità destinata a durare.

Dalla sfaccettatura verde del fico, ‘OFICUS diffonde un avvolgente e rilassante tono di vaniglia che si unisce alla spiritualità del sandalo, lasciando il corpo e l’anima in completa armonia.

Particolarmente indicata per aree dedicate alla condivisione come living room, cucina o studio, ‘OFICUS si presta ad essere utilizzata in tutte le stagioni dell’anno.

La fiera di Parigi, manifestazione di riferimento per le tendenze nel settore dell’arredamento, dell’interior design, dell’architettura e della cultura del lifestyle è la vetrina internazionale scelta da CULTI MILANO per il lancio delle novità.

Prodotti che si prendono cura del benessere personale, dall’ambiente alla bellezza del corpo, che hanno come filo conduttore la qualità delle materie prime, l’esclusività delle fragranze, l’originalità del design.

Foto dal Paradiso degli Agrumi

La Papeda di Mauritius o Kaffir lime o Combawa (Citrus hystrix)

Agrumi dai colori e dalle forme incredibili.

Limoni con i colori dell’arancia rossa :

Un vero paradiso per gli amanti degli agrumi rari e rarissimi si trova alle porte di Milano; Monza per la precisione.

Gli agrumi,  non solo sono  belli, profumati e dal succo deliziosao, ma sono anche ricchi di antiossidanti e carotenoidi; quindi molto salutari per la nostra salute.

-lo abbiamo visitato e ne siamo usciti con  l’acquisto di un esemplare di La Papeda di Mauritius o Kaffir lime o Combawa (Citrus hystrix); un agrume originario dell’Oriente; il profumo dell’olio contenuto nella sua buccia, la forma e il suo colore ci hanno affascinato.

Il Combawa è un ” unicum “ che viene riprodotto, in molti paesi, tra cui Mauritius, l’ Indonesia e la Thailandia; unico nel suo genere.

Il Kaffir lime, con il suo sapore inimitabile caratterizza  la cucina orientale; ingrediente fondamentale nella “Thai cuisine“.

Questo frutto è una prelibatezza.  Le foglie, tritate emanano sapori e profumi INDIMENTICABILI; adornano e insaporiscono tutti i piatti. Il succo possiede una fragranza e un gusto dieci volte superiore a quello della foglia.

— Basta grattugiare la buccia nella pietanza e / o spremere il frutto, per dare al piatto un gusto unico!

Il succo e la buccia de La Papeda di Mauritius o Kaffir lime o Combawa (Citrus hystrix), sono ricchi di antiossidanti e carotenoidi, molecole note per essere estremamente utili per la nostra salute ed anche nella lotta contro i tumori.

:::::::::::

 

Il vivaio che abbiamo visitato dispone anche di molte altre specie di piante da appartamento e da giardino.

La figlia del proprietario, grande conoscitore  ed appassionato esperto, si occupa anche di allestire matrimoni.

Vivaio: Davide Chiaravalli. Floricoltura CHIARAVALLI. Via Gondar,26. Monza – 20900. Tel: 039 745572

http://www.floricolturachiaravalli.altervista.org/contatti.html

Floral design: facebook.com/chiaravallilabfloreale