COVID perché quarta ondata ? – gravissima in Germania

Arriverà la quarta ondata COVID anche in Italia ?

No – ma solo se seguiremo le regole che non hanno seguito inglesi – tedeschi – rumeni ecc..

 

  • Germania – la politica ha sottovalutato il ruolo dei vaccinati (lo ha detto prof. Alexander Kekulé, uno dei più celebri epidemiologi tedeschi).
  • Gran Bretagna – il liberi tutti da luglio ha scatenato di nuovo il virus e i contagi.
  • Romania – qui la situazione è la più grave d’Europa anche perché solo il 30% si è vaccinato – la scarsa vaccinazione e la libertà di trovarsi a ballare, nei locali e il vivere – in generale –  senza mascherine – il sistema sanitario qui non è tra i migliori d’Europa e questo rende ancora più problematico trovare posti negli ospedali per salvare la vita ai più gravi.

Perché la Germania ha così tanti contagi ?

Una lode all’Italia – che ha fatto bene ad essere più severa nelle restrizioni.

Cosa sostiene il prof. Alexander Kekulé

  • consentire manifestazioni e assembramenti di persone senza alcuna misura di controllo – senza test e distanziamento e mascherina – questo porta sicuramente alla diffusione forte del virus
  • la percentuale dei non vaccinati è ancora molto alta – i non vaccinati quando si infettano possono diventare subito ammalati gravi – salvo i più giovani – ma non vale per tutti
  • il vaccino ha efficacia  – nel non tramettere il virus – tra il 50 e il 70% – questo vuol dire che su 10 vaccinati  da 3 a 5 rimangono in grado di tramettere il virus – perché il vaccino su di loro  non ha avuto un effetto completo o addirittura scarso
  • anche le scuole hanno contribuito con un’ondata invisibile (perché si contagiano, ma quasi non hanno sintomi e quindi infettano quelli che incontrano senza saperlo) – i non vaccinati non hanno nessuna difesa dal contatto con gli studenti ammalati, ma senza sintomi e quindi considerati sani
  • la grande diffusine del virus in alcune zone dell’est, della Baviera e in BadenWürttemberg – sono regioni agricole con popolazioni male informate (forse incapaci di capire la seria portata della malattia )

Secondo il prof. Alexander Kekulé ecco cosa si deve fare:

  • vaccinare almeno gli anziani e i deboli senza colpevolizzarli – per evitare spaccature nella società
  • mettere limiti precisi : manifestazioni solo per vaccinati o chi ha fatto test recentissimo (non più di 1.000 persone per manifestazioni)
  • obbligo mascherine e distanziamento
  • test gratuiti
  • terza dose di vaccino di richiamo ai più deboli e ultrasessantenni – a sei mesi dal secondo vaccino
  • obbligo di vaccinazione per personale medico – infermieristico – operatori in case di anziani / ospizi / ospedali
  • l’Italia in queste regole è stata più severa della Germania e ora ha meno contagi.

Londra per gli errori sul virus: “Ora pass e mascherine”

 Mentre il ministro delle Finanze Rishi Sunak, rifiuta perfino di indossare una mascherina nell’affollata camera dei Comuni, in Gran Bretagna il virus avanza anche con una nuova variante della Delta (variante di cui si sa pochissimo).

Un’ agenzia governativa, la Uk Health Security Agency, ha chiesto alle autorità locali per sapere se sono pronte ad appoggiare “l’immediata applicazione del piano invernale”; ovvero il piano B che Boris Johnson, sino ad oggi,  rifiuta di intraprendere per evidenti motivi di scelte politico/economiche (la Gran Bretagna ha già tanti grattacapi sugli approvvigionamenti dopo la Brexit).

 Il primo ministro, Boris Johnson,  continua a sostenere  che i vaccini sarebbero la loro unica soluzione.

Basteranno i vaccini per evitare agli inglesi un nuovo lockdown per le feste di Natale ? Lo sapremo poi.

Gli inglesi sono notoriamente restii a qualunque limitazione delle libertà individuale e Boris Johnson non vuole scontentare una bella fetta del suo elettorato; imponendo mascherine e Green – Pass.

Comunque la Gran Bretagna ha già fatto la sua bella figuraccia quando Boris Johnson si ammalò gravemente, fu in punto di morte, e una volta guarito impose regole severe (Boris, il borioso, aveva sempre sostenuto che il Covid era solo un’influenza !!! ).

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*