BICI BIKE BICICLE BICICLETTA VIAGGI IN OLANDA ! SPECIALI EVENTI

Programmate le vostre vacanze in bici in Olanda

SPECIALISTI IN BICICLETTE, QUI VACANZE DA SOGNO PER CICLISTI

PIU’ SOTTO I MIGLIORI PRODUTTORI DI BICI AL MONDO !

IN OLANDA TROVERETE IL PARADISO DEI  CICLISTI !

Il Fietscafé di Henk e Zwier van Laar aggiunge un tocco di originalità all’esercizio fisico: si tratta di un bancone da pub mobile da 17 posti, sul quale si può gustare una bevanda pedalando in giro per la città !

Ogni anno vengono ripescate dai canali di Amsterdam quasi 900 biciclette !  C’è perfino la “stagione di pesca delle biciclette”

Nei Paesi Bassi vengono percorsi annualmente in bicicletta più di 14 miliardi di km

La città di Utrecht costruirà il parcheggio per biciclette più grande del mondo. Una volta completato, offrirà 12.500 posti che si vanno ad aggiungere alle 315.000 rastrelliere…

Il 26% dei viaggi in Olanda è effettuato in bicicletta. Per i viaggi al di sotto dei 75 km, le persone usano la bicicletta il 34% delle volte.

Dallo scorso agosto a Utrecht è stata aperta la prima fermata per un passaggio in bicicletta, con apposito cartello. Basta sollevare il pollice ed attendere che un ciclista offra un passaggio

Prevista nel corso di quest’anno, dell’indicatore di percorso “Glow in the dark”, che durante la notte rende luminosa la superficie della pista. L’asfalto che la costituisce infatti si ricarica e trattiene la luce del sole durante il giorno, per poi rilasciarla in forma luminosa nelle ore buie…

Il consiglio comunale di Amsterdam ha deciso di accelerare l’introduzione di ulteriori misure per agevolare i ciclisti in città. I nuovi provvedimenti vanno a completare il Meerjarenplan Fiets, un piano a lungo termine dedicato alle biciclette, che prevede l’aggiunta di 40.000 parcheggi e 15 chilometri di nuove piste ciclabili ad Amsterdam.

Groninga, la capitale mondiale della bicicletta

Se l’Olanda è il paese ideale per chi ama andare in bicicletta, pare che non esista città più ottimale di Groninga in questo senso. Il 50% degli spostamenti si effettuano in bici anche per andare all’IKEA...

———-

Il fantastico mondo della bici in Olanda: Fatti e cifre

• Conosciuta come Opa- o Omafiets (la bicicletta del nonno o della nonna), è la classica bicicletta usata e riparata, la più popolare tra gli olandesi.
• Una ricerca del 1999, dimostra che il 40% delle biciclette in uso in Olanda ha dai 30 ai 40 anni.
• Nelle città olandesi, spostarsi in bicicletta risulta essere dal 5% al 10% più veloce che spostarsi con qualsiasi altro mezzo.
• Nei Paesi Bassi vengono percorsi annualmente in bicicletta più di 14 miliardi di km: una media di 900 km per abitante.
• Dal 1880 al 1940 l’esercito olandese aveva un reggimento in bicicletta, il Militaire Wielrijders, completo di banda musicale.
• Secondo una stima dell’Unione Ciclistica Olandese, ci sono 32.000 km di piste ciclabili, contro i 2.274 km di autostrade.
• Il “White Bicycle Plan” di Amsterdam fu il primo piano di bike-sharing al mondo, avviato nel 1965 dal movimento contro culturale Provo. Dipinsero di bianco 500 biciclette mettendole a disposizione di chiunque volesse utilizzarle.
• Ogni anno vengono ripescate dai canali di Amsterdam quasi 900 biciclette. C’è perfino la “stagione di pesca delle biciclette” per gli studenti, che possono prendere possesso delle bici non registrate come rubate.
• Il record assoluto di velocità in bicicletta è detenuto dall’olandese Fred Rompelberg dal 1995, quando raggiunse i 269 km orari sulla scia di un’auto da gara. Classe 1945, Rompelberg è anche il ciclista professionista più anziano del mondo.
• La ciclista migliore d’Olanda è Leontien van Moorsel. Prima di interrompere la sua carriera, vinse 4 ori olimpici e 10 campionati mondiali. Nel 2003 ha inoltre stabilito il record orario femminile di 46,07 km
La città di Utrecht costruirà il parcheggio per biciclette più grande del mondo. Una volta completato, offrirà 12.500 posti che si vanno ad aggiungere alle 315.000 rastrelliere già presenti nelle stazioni ferroviarie olandesi.
• Ogni anno in Olanda vengono vendute circa 1,3 milioni di biciclette. Secondo una stima ne vengono rubate da 550.000 a 897.000.
• Ci sono oltre 2.100 negozi di biciclette in Olanda, uno ogni 165 mq.
• Wim van Est è stato il primo olandese a indossare la maglia gialla del Tour de France, anche se è più conosciuto per essere precipitato in un burrone di 70 m mentre deteneva il titolo. È stato portato in salvo con una catena di camere d’aria, utilizzando l’intera scorta del suo team che ha così dovuto ritirarsi dalla competizione.
• Il Fietscafé di Henk e Zwier van Laar aggiunge un tocco di originalità all’esercizio fisico: si tratta di un bancone da pub mobile da 17 posti, sul quale si può gustare una bevanda pedalando in giro per la città
• In Olanda ci sono 18 milioni di biciclette, e 13, 5 milioni di persone al di sopra dei quattro anni ne possiedono una, con una media di 1,3 biciclette per persona.
Il 26% dei viaggi in Olanda è effettuato in bicicletta. Per i viaggi al di sotto dei 75 km, le persone usano la bicicletta il 34% delle volte.
• Con un’ampia cassa al di sotto e davanti al manubrio, la “Bakfiets” era utilizzata in origine per il trasporto di merci di vario genere. La natura di questa bici cargo tuttavia è cambiata nel 2000, quando un nuovo design l’ha resa un utile mezzo per trasportare soprattutto bambini o la spesa.

A Wageningen in Olanda, la prima pista ciclabile riscaldata
Il comune di Wageningen, nel cuore dell’Olanda, ha introdotto un’interessante novità: una striscia di pista ciclabile riscaldata della lunghezza di 50 metri.
La sezione di pista ciclabile è realizzata con un cemento in grado di auto riscaldarsi. Il processo di riscaldamento avviene in modo del tutto naturale: attraverso l’accumulo, e il successivo rilascio, di energia e calore solare.

 Queste lastre di cemento riscaldate presentano diversi vantaggi. Garantiscono maggiore sicurezza ai ciclisti poiché non gelano mai. Proprio per questo non rendono necessario lo spargimento di sale, responsabile delle alterazioni alle aree naturali circostanti, che non risultano quindi in alcun modo compromesse. Infine, non necessitano di manutenzione e sono riciclabili al 100%.

Luci nella notte 
Altro aspetto innovativo di questo tratto ciclabile è la realizzazione, prevista nel corso di quest’anno, dell’indicatore di percorso “Glow in the dark”, che durante la notte rende luminosa la superficie della pista. L’asfalto che la costituisce infatti si ricarica e trattiene la luce del sole durante il giorno, per poi rilasciarla in forma luminosa nelle ore buie. 

I percorsi ciclabili riscaldati hanno tre importanti vantaggi: aumentano la sicurezza dei ciclisti, prevengono molti incidenti e sono un incentivo ad utilizzare la bici più spesso, anche in condizioni atmosferiche sfavorevoli.
Tutte le curiosità di Utrecht, città bike friendly

Nel 2015 il Tour de France partirà da Utrecht: dopo cinque anni, il più grande evento ciclistico del mondo torna in Olanda. La Grand Départ non poteva che svolgersi in questa città olandese bike friendly, e costituisce l’occasione per scoprire una sorprendente Utrecht.
Se nel 2010 il Tour era stato accolto dalla grande città portuale di Rotterdam, il 2015 vede Utrecht protagonista, con la sua giovane popolazione e il famoso centro storico.
Fatti e cifre su…
…Utrecht
• La De Utrechtse Rijwiel Fabriek (DURF), è un produttore di biciclette dove i giovani si impratichiscono con l’esperienza. Gli apprendisti imparano da un esperto come realizzare le biciclette “VANMOOF” dal design innovativo e vengono assistiti nella ricerca di un lavoro. Un programma unico che ha contribuito alla diffusione delle biciclette che vedete sfrecciare nel centro di Utrecht.
www.durfutrecht.nl
• Utrecht ha la pista ciclabile più antica d’Olanda. Nel settembre del 1885 la strada pedonale sulla Maliebaan di Utrecht fu aperta al transito delle biciclette ogni domenica pomeriggio, diventando successivamente una vera e propria pista ciclabile
• Dallo scorso agosto a Utrecht è stata aperta la prima fermata per un passaggio in bicicletta, con apposito cartello. Basta sollevare il pollice ed attendere che un ciclista offra un passaggio. Se in un primo momento il comune di Utrecht ha fatto rimuovere il cartello perché installato senza autorizzazione, se ne sta ora considerando l’introduzione ufficiale anche in altri punti della città.
• In giro per Utrecht è possibile trovare le Traffic Barbies. Troppo spesso i ciclisti dimenticano di segnalare la direzione in prossimità di incroci pericolosi: ecco che su alcuni semafori sono state posizionate delle Barbie che ricordano simpaticamente ai ciclisti di indicare la direzione. Molte delle Barbie sono state “rapite”, ma l’azione ha raggiunto il suo scopo.
• Intorno alla Stazione Centrale di Utrecht saranno realizzati dei parcheggi coperti per biciclette con 12.500 posti. Si tratterà del parcheggio per biciclette più grande del mondo.
• Nei prossimi anni la città di Utrecht metterà a disposizione 33.000 nuovi parcheggi per biciclette, due terzi dei quali saranno posizionati fuori dalla stazione ferroviaria
• La città conduce esperimenti per i semafori intelligenti: il tempo di attesa al Lucasbrug è stato ridotto da 35 a 21 secondi
• Il Festival Lief di Utrecht mette a disposizione biciclette per i suoi visitatori al motto di “pedalare insieme, ballare insieme, condividere”

• Per promuovere le aree verdi della città, gli itinerari ciclabili che partono dal centro storico sono segnalati con speciali indicazioni
…la bicicletta in Olanda
• Con 19 milioni di biciclette l’Olanda ha la densità più alta al mondo di due ruote per abitante
• Ogni bambino olandese sostiene un esame per ottenere il diploma per la bicicletta
• L’84% degli olandesi possiede una o più biciclette
• Ogni anno gli olandesi percorrono in sella 15 miliardi di chilometri
• L’Olanda ha un “Piano Ciclistico Nazionale”, che prevede tra l’altro il pagamento del 52% di ogni bicicletta attraverso le tasse
Per ulteriori informazioni:
www.visit-utrecht.com

Groninga, la capitale mondiale della bicicletta

Se l’Olanda è il paese ideale per chi ama andare in bicicletta, pare che non esista città più ottimale di Groninga in questo senso. Il 50% degli spostamenti avviene in bici (60% nel centro città) e i suoi 190.000 abitanti sfruttano questo mezzo circa 10 volte a settimana. Ci si muove in bicicletta per fare praticamente qualsiasi cosa, anche fare acquisti all’IKEA: se non possiedi una bici a rimorchio, te ne viene fornita una.
E non è la qualità dell’aria a rendere possibile tutto questo, bensì il contrario: il clima salutare di Groninga è il risultato di una precisa politica di oltre trent’anni fa, che ha valorizzato le caratteristiche già favorevoli della città. Nel 1977 la parte centrale di Groninga è stata divisa in quattro quadranti ed è stato decretato che non si potesse passare da un quadrante all’altro con l’automobile. Gli automobilisti possono cambiare quadrante solo attraverso la circonvallazione, con la conseguente “esternizzazione” del traffico e dei problemi derivanti da esso (inquinamento, rumore, incidenti). Tale limitazione non è applicata ai ciclisti e spostarsi in bici diventa la soluzione più rapida e comoda per muoversi in città, oltre che la più economica. Inizialmente il provvedimento ha ricevuto parecchie critiche, in particolare dai negozianti che temevano di rimetterci se i clienti non avessero potuto raggiungere i loro negozi in automobile. E invece la gente, dagli studenti ai più anziani, si è adattata e ha cominciato a usare di più la bicicletta.
Negli ultimi vent’anni il comune di Groninga ha investito circa 40 milioni di euro per costruire nuove piste ciclabili e ristrutturare quelle esistenti (quasi ogni carreggiata presenta una pista ciclabile su entrambi i lati), costruire parcheggi per le biciclette (quello della stazione ha 5000 posti, è gratuito e sorvegliato 24 ore su 24) e trasformare gli incroci in rotatorie con attraversamento privilegiato per i ciclisti. Gli effetti sono sotto gli occhi di tutti e oggi Groninga è conosciuta per essere una città a misura di ciclista come nessun’altra al mondo.
Per ulteriori informazioni:
http://toerisme.groningen.nl/it

Ad Amsterdam nuovi spazi dedicati alle biciclette

La bicicletta è il mezzo di trasporto più importante e popolare ad Amsterdam, e il suo utilizzo è aumentato di più del 40% negli ultimi vent’anni. In media, tutti gli abitanti della capitale olandese percorrono ogni giorno migliaia di chilometri, e le piste ciclabili devono essere continuamente riadattate per accogliere il crescente volume del traffico a due ruote.

Anche le rastrelliere sovraccariche collocate vicino alle stazioni incominciano a costituire un ostacolo per l’accessibilità.

Il consiglio comunale di Amsterdam ha quindi deciso di accelerare l’introduzione di ulteriori misure per agevolare i ciclisti in città. I nuovi provvedimenti vanno a completare il Meerjarenplan Fiets, un piano a lungo termine dedicato alle biciclette, che prevede l’aggiunta di 40.000 parcheggi e 15 chilometri di nuove piste ciclabili ad Amsterdam. Il programma prevede inoltre l’introduzione delle cosiddette “onde verdi” per migliorare il flusso di traffico ciclistico, ampliando gli incroci e designando incaricati con il compito di rimuovere le biciclette abbandonate e in disuso.

La città ha deciso di introdurre misure aggiuntive che daranno ottimi risultati ad Amsterdam, come ad esempio la presenza di addetti preposti alla rimozione delle biciclette in disuso abbandonate nelle rastrelliere, l’introduzione del tempo limite di parcheggio presso i parcheggi per biciclette (già in vigore in alcuni luoghi della città), ulteriori possibilità di parcheggio temporanee nei pressi della Stazione Centrale, e dei punti di raccolta bici “pop-up”, che potranno essere allestiti in qualsiasi luogo e momento di particolare congestione del traffico su due ruote.
Il membro del consiglio municipale Maarten van Poelgeest ha così commentato gli sviluppi: “La città di Amsterdam trae benefici nel crescente aumento di utilizzo della bicicletta, e per questo la città deve andare incontro al bisogno di ulteriori spazi per i ciclisti. Le due ruote consentono di spostarsi in modo economico, veloce e non nocivo per l’ambiente, e aiutano a migliorare l’accessibilità in città. Inoltre, il crescente utilizzo della bicicletta permette di risparmiare 20 milioni di Euro sul trasporto pubblico, e altri 20 milioni sulle infrastrutture automobilistiche“.

Queste nuove misure a breve termine vanno ad integrare il piano dedicato alla viabilità ciclistica Meerjarenplan Fiets 2012-2016. Una parte del piano a lungo termine prevede invece la creazione di punti di raccolta sotterranei presso la Stazione Centrale, Leidseplein e lungo il tragitto della nuova linea metropolitana che porta da nord a sud della città, e che verrà completata nel 2016. I nuovi parcheggi che saranno collocati sotto la Mahlerplein, vicino alla Station Zuid, consentiranno il parcheggio di 3.000 biciclette, e saranno completati entro il 2016. Sempre nello stesso anno, si conteranno 8.000 nuovi spazi dedicati al parcheggio delle biciclette negli spazi pubblici accanto alle stazioni della città. I costi dei provvedimenti sono coperti dai fondi stanziati appositamente per il Meerjarenplan Fiets 2012-2016.

Investimenti fino al 2020
Insieme a Prorail e Stadsregio Amsterdam, la città di Amsterdam investirà circa € 120 milioni fino al 2020 per fornire soluzioni ai problemi di parcheggio e di viabilità ciclabile in città. Di questo investimento, 90.000 milioni di Euro saranno utilizzati per creare 40.000 nuovi parcheggi per biciclette. Si prevede che, entro il 2040, saranno necessari ancora € 200 milioni e di questi, 170 milioni verranno utilizzati per il miglioramento dei parcheggi per le due ruote.

Per ulteriori informazioni:
www.amsterdam.nl (sito web del comune), www.Iamsterdam.com (sito web del turismo)
L’amore di Amsterdam per la bicicletta ispira tutto il mondo
Utilizzata da persone altolocate e da gente umile, la bicicletta è il grande livellatore sociale di Amsterdam, con più del 50% di spostamenti all’interno della città attraverso la due ruote più ecologica. Ad Amsterdam, la bici ‘non fa il monaco’: non è difficile infatti trovarne di antiche e anche un po’ arrugginite, spesso personalizzate con disegni fatti a mano e con catene antifurto e chiavi tenute insieme con del nastro isolante. Evidentemente, gli abitanti della città sono consapevoli che una bella bicicletta può essere rubata più facilmente. Si stima che nella capitale vengano rubate ben 50.000 biciclette l’anno. Tuttavia, le cose funzionano davvero bene. “Ora che molte città nel mondo devono affrontare il problema del traffico, l’inquinamento e il poco spazio per parcheggi, guardano ad Amsterdam e scoprono che la soluzione consiste proprio nella nostra popolare due ruote”, dice Jorrit Kreek, fondatore di urban Arrow, una compagnia che produce la versione elettrica delle particolarissime bakfiets, le famose biciclette che consentono il trasporto di carichi piuttosto pesanti o spesso anche dei bambini.
Considerando la sua natura piatta, è facile pensare che Amsterdam sia stata molto agevolata nell’utilizzo della bicicletta, ma anche gli abitanti della città hanno giocato un ruolo fondamentale nella diffusione del mezzo. L’ormai diffusa pratica del bike sharing per esempio, trova la sua ispirazione nel “White Bike Plan” del 1965, il primo programma di condivisione della bicicletta concepito dal politico radicale Luud Schimmelpennik in collaborazione con il movimento Provo. A partire dagli anni ’70 poi, la legislazione e gli investimenti hanno reso l’uso dell’auto in città sempre più oneroso e pedalare molto più conveniente, anche in termini di tempo: un viaggio in auto per attraversare la città richiederebbe un’ora, mentre in bicicletta si impiega addirittura la metà.
Nel campo della produzione di biciclette, molti imprenditori di Amsterdam hanno l’opportunità di diventare leader del settore: una bici prodotta ad Amsterdam gode di ottimo prestigio nel mercato mondiale. Le biciclette di Vanmoof ad esempio, con un sistema di blocco catena integrato, si sono già guadagnate una serie di premi internazionali per il design.
Mark Groot Wessink di Roetz-Bikes sta portando la proverbiale sostenibilità della bici alla sua logica conclusione. I telai in acciaio di bici dismesse vengono rimpiazzati con materiali naturali, come manubri in sughero del Portogallo.

PRISTINE
Nella città della bicicletta per antonomasia c’è anche spazio per le sottoculture del ciclismo. Un esempio è Pristine, situato nella zona Oude-West, un tempio per gli amanti della bicicletta a scatto fisso. Oltre ad essere un rivenditore di biciclette e accessori, Pristine è anche un ritrovo per gli appassionati, con tanto di spazio espositivo.
Kinkerstraat 14, www.pristinefixedgear.com

DE FIETSFABRIEK
Questo duo turco-olandese produce biciclette adatte ai lavoratori o alle famiglie numerose. A caratterizzarle sono infatti le capienti casse e gli spaziosi carrelli in cui si possono facilmente trasportare bambini, grandi quantità di spesa e animali.
Sarphatistraat 141, www.defietsfabriek.nl

ROETZ-BIKES
Il produttore di biciclette Roetz fabbrica biciclette dallo stile particolare e realizzate con elementi sostenibili quali telai riciclati, parafango in legno e manubrio in sughero. Oltre a riutilizzare parte del milione di biciclette che ogni anno vengono buttate, Roetz-Bikes offre anche posti di lavoro a persone disabili e a disoccupati.
Jan Evertsenstraat 719, http://roetz-bikes.com
WORKCYCLES
Fondata nel 2003 dall’ex designer americano Henry Cutler, la WorkCycles produce esattamente ciò che il suo nome fa intendere: produce biciclette e tricicli destinate all’utilizzo per lavori pesanti, funzionali e estremamente resistenti.
Lijnbaansgracht 32b e Veemarkt 150a, www.workcycles.com
Per ulteriori informazioni: www.Iamsterdam.com

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*