FRIULI VENEZIA GIULIA – natura e gastronomia con arte

FORMAGGI DELLE MALGHE E PROSCIUTTI AFFUMICATI, ALBERGHI DIFFUSI E

COVER Cime dolomitiche dal rifugio Som Picol ok

NORMALI ALBERGHI CON CHEF DI ALTISSIMO LIVELLO…MARE E DINOSAURI.

Cartello indicatore per il rifugio GIAF Forni di Sopra Friuli
Cartello indicatore per il rifugio GIAF Forni di Sopra Friuli

FRIULI VENEZIA GIULIA E’ ANCHE MARE : bandiera blu, un mare di proposte

verdi e una cucina che incanta!

Friuli Venezia Giulia, Dolomiti viste da Forni di Sopra.
Friuli Venezia Giulia, Dolomiti viste da Forni di Sopra.

www.turismo.fvg.it info.turismo@regione.fvg.it 800 016 044 WEEK END   tel 800.016 44 www.turismo.fvg.it

 

Friuli Venezia Giulia, il casaro.
Friuli Venezia Giulia, il casaro dell’Alpe Varmòst.

Il massimo è arrivare a Forni di Sopra all’alba: le cime dolomitiche si tingono di rosa e si ha la giusta impressione di essere giunti in un luogo magico.Un piccolo paese dove l’architettura originaria non è stata contaminata. Siamo lontani mille miglia dal falso formaggio stagionato, dalle false fiere paesane, dai piatti locali e tradizionali conditi con formaggi e salumi industriali.

 

il caseificio in quota

 

formaggi del casaro

FORNI DI SOPRA www.fornidisopra.org ; www.fornidispra.net tel.0433.88553; per tutte le informazioni turistiche, percorsi di montagna, alloggi, appuntamenti con la tradizione e anche per percorsi in mountain bike.

chiesa di

In estate da Forni di sopra una comoda seggiovia porta all’alpe Varmòst; qui un allevatore lavora il latte: il formaggio è venduto a diverse stagionature, ottima anche la ricotta affumicata. I prezzi sono veramente competitivi e la genuinità imbattibile.

BIRRIFICIO ARTIGIANALE “FOGLIE D’ERBA”- via Nazionale 87-Forni di Sopra  (UD) tel 043388066 www.birreinmontagna.it    info@birreinmontagna.it

HOTEL RISTORANTE POSTA FORNI DI SOPRA (Ud) via Nazionale 174, tel. 0433.88 423; www.hotelposta.org ; info@hotelposta.org Qui non troverete le cucine a vista dei locali up-to-date, ma uno chef che è stato anche allievo di Bocouse: Claudio Menegon

Forni di Sopra (UD) fa parte del gruppo PERLE ALPINE . Le “Alpine Pearls” sono impegnate ad offrire ai propri ospiti una vacanza di alta qualità, ecologicamente sostenibile, culturalmente stimolante e ricca di esperienze.   www.alpinepearls.com/alpine_pearls/…/show.php3

Albrgo Tarandan a Forni di Sopra

A Forni di Sopra si incontra anche una bella passeggiata attraverso prati, boschi e acque circondati da opere d’arte create utilizzando materiali del luogo.

Silenzio il bosco ti ascolta; arte nel bosco.
Silenzio il bosco ti ascolta; arte nel bosco.

 

Stakanoviste a 6 zampe opera di Mariagrazia Paderi arte nel parco a Forni di Sopra
Stakanoviste a 6 zampe opera di Mariagrazia Paderi arte nel parco a Forni di Sopra

——

SAURIS:

IMG_0013

SAURIS: Anche le specialità gastronomiche qui meritano il viaggio: si producono: dell’ottimo speck, prosciutto e salumi affumicati, tutti con riconoscimento IGP. L’affumicatura, come conservante, fa parte dalla tradizione, poiché anticamente il sale era costoso e lontano. Non mancano ovviamente i formaggi di malga e la ricotta serviti con la famosa polenta.

Friuli Venezia Giulia, Sauris, prosciutti di produzione locale.
Friuli Venezia Giulia, Sauris, prosciutti di produzione locale.

 

 

Friuli ristoranti fette prosciutto

Albergo Diffusowww.albergodiffusosauris.com ; tel. 0433.86221 Una caratteristica del borgo di Sauris  è l’Albergo Diffuso. Si tratta di vecchie case tradizionali, magnificamente ristrutturate, che dispongono di appartamenti di varie metrature, anche su due piani, dotate di ogni confort: del calore del legno e dei camini, ma anche della lavastoviglie. Lo scopo, raggiunto, è quello di inserire il viaggiatore nel contesto del paese. Qui tutto è come una volta, ci si trova a chiacchierare con le persone del villaggio mentre si fa la spesa, si acquista il giornale o si beve un caffé al bar.

Situato a 1400 metri, Sauris è il paese più alto della Carnia e proprio a causa dell’altitudine si è mantenuto isolato dalle altre comunità favorendo il mantenimento della cultura originale e del dialetto che ha origine nella  cultura tedesca dalla metà del secolo XII. Il panorama, tra il lago di fondovalle e le belle vette che lo circondano, è indimenticabile.

——

N.B. i testi che seguono saranno presto approfonditi anche con nuove foto.

TRIESTE

Passeggiando per Trieste vi accorgerete quanto può essere simile a Vienna nell’atmosfera mitteleuropea dei suoi caffé storici. Qui si fermarono James Joice ed Italo Svevo.

UDINE

Udine è arte e cultura europea, ma ha anche il fascino di Venezia: tra le sue piazze, la Loggia del Lionello e la Torre dell’Orologio. Gli affreschi del Tiepolo vi aspettano nel Palazzo Arcivescovile e dal belvedere del suo Castello ammirerete tutta la città ed il panorama sino alle montagne.

GORIZIA

Gorizia è un’elegante città mitteleuropea ai confini con la Slovenia, l’incontro di diverse culture si percepisce passeggiando per le sue vie. Qui arte, atmosfere e sapori anno il senso della più vera tradizione.

Storici e “Profeti” a Gorizia Ritorna ogni primavera “èStoria”, il festival internazionale che attraverso tre giorni di incontri, dibattiti, presentazioni di libri e documentari si propone di riflettere sul significato etico dello studio del passato, di conoscere dai protagonisti metodi e criticità della ricerca storiografica moderna, di individuare nuovi strumenti e modelli didattici…e molto altro.

—-

ARTA TERME www.termediarta.it , un paese nel verde dei boschi dove rilassarsi e godere dei benefici termali.

—-

GRADO

GRADO, ovvero un mare tranquillo ed un incantevole centro storico circondato da una natura splendida. Da visitare: Campo dei Patriarchi con la Basilica di S:Eufemia, il Battistero e la Basilica di S.M. delle Grazie, una delle più antiche chiese paleocristiane. Potete ammirarvi anche i bassorilievi lasciati dai romani e quelli alto-medioevali del Museo Lapidario. Recentemente è stato ristrutturato tutto il centro storico: palazzo Biagio Marin in particolare. Grado, ai tempi di Aquileia, ne fu lo scalo navale. La nave “Iulia Felix” sarà presto protagonista nel nuovo Museo Nazionale dell’Archeologia Subacquea di Grado.

GRADO IL MARE ANCHE IN INVERNO

Terme marine: una piscina di mare riscaldata a 32° con grande vasca idromassaggio, reparto sauna e bagno turco con vasca Whirpool, centro fitness, estetica, massaggi:rilassanti, Shiatsu i Thai, Stone Massage, trattamenti contro la cellulite e per viso, corpo…orario: 10-20;  info@gradoit.it www.gradoit.it t.0431. 899 256

——

AQUILEIA:

la STORIA: fondata nel181 a.C. è oggi patrimonio storico-archeologico dell’umanità (UNESCO). Vide passare Giulio Cesare e le sue legioni nel I sec. a.C. e le orde di Attila cinque secoli dopo. Gli scavi archeologici hanno portato alla luce il suo porto fluviale, dove giungevano spezie, stoffe e profumi dall’oriente e dove partiva l’ambra dei paesi baltici, vetro e vini locali. Ancora oggi il vetro e il prelibato vino vi lasceranno un ricordo indimenticabile. Il Museo Archeologico Nazionale vi mostrerà il meglio delle ambre incise e di una produzione di vetri multicolori. Affreschi e mosaici bellissimi vi aspettano al Museo Paleocristiano

Albergo-ristorante Patriarchi da 79€ la doppia con colazione, via Giulia Augusta 12, Aquileia, tel 0431. 91 9595 www.hotelpatriarchi.it

LA COLOMBARA: da 15 a 30€, pesce di ottima qualità, pane fatto in casa, via S.Zilli 42, t. 0431. 91 513.

 

—-

CIVIDALE

Cividale: bel centro storico, tempietto longobardo, antico ponte del diavolo: www.cividale.com/citta

Tra castelli e prosciutti: a 1.200 mt. di altezza Sauris di Sopra www.sauris.com, caratteristico borgo duecentesco, si assaggia un prosciutto di montagna saporito e non meno pregiato del più famoso San Daniele

Strassoldo un affascinante borgo della Bassa-Friulana, si trova sull’antica Via dell’Ambra che univa il Mare Adriatico con il Mar Baltico. Nei secoli i mulini a vento e le sorgenti permisero la riproduzione dei primi giardini “all’inglese”.

A 4 km da Strassoldo si incontra PALMANOVA che andrebbe visitata prima dal cielo per ammirare le mura a stella lasciate dai veneziani. Il posto più noto, Gambero Rosso, è la Caffetteria Torinese, qui si servono yogurt  naturale, formaggi francesi, ostriche  e pesce crudo, ma anche acciughe cantabriche: caro.

—-

IL PROSCIUTTO CHE ACQUISTA OBAMA: S.Daniele del Friuli, Bottega del Prosciutto, via Umberto I, n° 2/4, www.bottegadelprosciutto.com

—-

OSTERIA-PROSCIUTTERIA: LA TAVERNACCIA, via UmbertoI, n°20, San Daniele del Friuli.

 

——

PORDENONE B&B

Bed & breakfast Civico 22, nel cuore di Pordenone Civico 22 è un bed & breakfast moderno e ricercato nel cuore di Pordenone. La sua collocazione consente di raggiungere subito il centro storico, che è cornice di varie manifestazioni culturali più volte l’anno, ma allo stesso tempo garantisce riposo e tranquillità dopo una giornata di lavoro o di visita alle tante bellezze naturali e storiche dei dintorni.

 

Giosuè Carducci e la magia della Carnia – Diciassettesima puntata: autori celebri in Friuli Venezia Giulia        In Carnia 
[                                                                       Piano d’Arta, 1 agosto 1885]
                            Su le cime de la Tenca / Per le fate è un bel danzar. 
            Un tappeto di smeraldo / Sotto al cielo il monte par. 
            Nel mattin perlato e freddo / De le stelle al muto albor 
     Snelle vengono le fate / Su moventi nubi d’òr.

Alla scoperta delle Valli del Natisone Tra le sorprese che il Friuli Venezia Giulia riserva, ce n’è una davvero particolarissima: è  la zona a nord est di Cividale al confine con la Slovenia, chiamata Benecjia o Slavia friulana o Valli del Natisone. I suoi nomi raccontano già qualcosa di questo territorio, ma non svelano tutto.

Una regione tutta hi tech Dilaga in Friuli Venezia Giulia il “contagio” hi tech: oltre al portale turistico regionale, navigabile per mezzo della cartografia interattiva e cuore di un sistema informativo che utilizza i canali online, anche i singoli operatori turistici della regione si stanno orientando numerosi verso le scelte tecnologiche e il web marketing e molto altro.

—–

IL PIU’ GRANDE E COMPLETO DINOSAURO ITALIANO: ADROSAUROIDE (parente

stretto degli adrosauri americani dal becco d’anatra).

 

TRIESTE E DINTORNI.

PRESSO DUINO www.comune.duino-aurisina.ts.it UNA DELLE PIU’ IMPORTANTI SCOPERTE DELLA PALEONTOLOGIA ITALIANA DEL XX SECOLO

La presenza dei dinosauri ha dimostrato come questo territorio sia stato anche arcipelago abitato dai dinosauri

-Il Villaggio del pescatore, nel Comune di Duino Aurisina vicino a Trieste, ospita uno dei siti paleontoligici più interessanti d’Italia.

-La prima scoperta risale agli anni ’80

-I primi scavi risalgono agli anni ’90

-Una studentessa al termine del suo corso di Studi alla Facoltà di Scienze Geologiche dell’Univ. degli Studi di Trieste durante gli studi per la sua tesi, scoprì la zampa anteriore di un rettile fossile, che poi divenne il famoso “ANTONIO”

-Nuova campagna di scavi 1996-7: emerse il dinosauro al suo completo e anche altri esemplari della medesima specie di cui uno soprannominato “BRUNO”, nonché ossa di coccodrilli, pesci, gamberi.

CASTELLO DI DUINO www.castellodiduino.it

Il castello, sorge sulle rovine di un avamposto romano. Costruito nel 1300, domina il Golfo di Trieste. La visita dura c.a. 1 1/2 ora; si ammira la flora mediterranea, gli arredi ben conservati e i documenti storici.

Qui furono ospitati: la principessa SISSI, Rainer Maria Rilke che qui compose le Elegie Duinesi.

 

FALESIE DI DUINO: bianchi ciglioni calcarei a picco sul mare. www.falesiediduino.it

Queste falesie hanno ottenuto il riconoscimento giuridico di tutela ambientale e sono formate da rocce carbonatiche. 50 milioni di anni fa, nell’EOCENE, il fondo marino è stato portato verticalmente in superficie per le spinte della zona continentale africana contro la zona baltica.

VEGETAZIONE:

-Pini neri, lecci, carpini, ciliegio canino…

-Solo in questa zona si può trovare la Centaurea Kartschiana (DAI FIORI ROSA VIOLA), una pianta che cresce nella parte delle falesie più vicina al mare.

FAUNA:

-passero solitari, gabbiano reale, corvo imperiale, falco pellegrino, svassi, fringuello, ghiandaie, picco, sparvieri, scoiattoli, rettili…

La Riverva Regionale Naturale delle Falesie di Duino è un eccezionale balcone ove affacciarsi per godere l’incantevole bellezza del Golfo di Trieste. Nella riserva si possono conoscere i prodotti enogastronomici della zona, la sua storia e ammirare la incontaminata natura.

La Riserva è stata istituita nel 1996, si estende per 107 ettari e presenta un elevato grado di bio-diversità.

-Sentiero naturale di Rainer Maria Rilke: per ammirare la natura dei dintorni

-Il sentiero per le persone con ridotte capacità motorie inizia dall’abitato di Duino e raggiunge la piazzola al bordo delle falesie.

Come arrivare: dall’abitato di Duino o parcheggio nei pressi del bivio per Sistiana Mare, dove si trovano le indicazioni per il Sentiero RILKE

Per chi proviene da Venezia/Udine uscita A4 allo svincolo di DUINO.

SENTIERO DEI PESCATORI

Antica strada usata dai pescatori di Aurisina per recarsi al mare per la pesca al tonno, con le tipiche barche dette zoppoli scavate in un unico tronco, da cui prendono il nome la spiaggia e il porticciolo di Aurisina.

VILLAGGIO DEL PESCATORE www.marecarso.it in stagione tel 040.29 91 66

Dista meno di 20 km. da Trieste, nel Comune di Duino Aurisina. Da Trieste statale 14 verso Sistiana, Duino Aurisina. Da Udine  e Venezia si esce a LISERT dall’autostrada.

VILLAGGIO DEL PESCATORE www.marecarso.it in stagione tel 040.29 91 66

Dista meno di 20 km. da Trieste, nel Comune di Duino Aurisina. Da Trieste statale 14 verso Sistiana, Duino Aurisina. Da Udine  e Venezia si esce a LISERT dall’autostrada.

 

LA GROTTA DEL MITREO

-qui era adorato Mitra, il mitrismo era un culto iniziatico di salvezza, riservato a un ristretto numero di fedeli; il rito terminava con il sacrificio di un toro.

IL CASTELLIERE DI SLIVIA è uno dei meglio conservati

-castellieri: centri fortificati dell’età del bronzo, 7100-1365 a.C.

-si raggiunge dalla strada Slivia-San Pelagio sulla destra una carrareccia che conduce al Castelliere di Slivia.

 

LE FONTI DEL TIMAVO, fiume ricordato da Virgilio, Livio e Plinio

– il Timavo nasce in Croazia e riemerge, dopo 38Km di percorso sotterraneo alle Bocche del Timavo sulla SS 14  sulla sinistra, appena entrati nell’abitato di San Giovanni di Duino.

– il mito greco racconta che presso lo sbocco del Timavo si concluse il viaggio degli Argonauti, mentre secondo Starbone qui vi era il santuario dedicato all’eroe omerico Diomede.

STORIA E PRESITORIA ATTORNO AL TIMAVO

Il Gruppo Speleologico FLONDAR ha allestito, periodicamente, una mostra che si rifà alla scoperta di fauna risalente a 85 milioni di anni. ANTONIO, il dinosauro, ha ispirato la mostra.

La Grotta Azzurra di Samatorza, nei pressi del Villaggio dei Pescatori, è stata oggetto di scavi insieme al Riparo di Visogliano, dove,  le ricerche tutt’ora in corso hanno messo in luce un livello del Paleolitico, datato 400.000 ann

2 comments

    1. I read your web site, I appreciate it, but I’m not interested to buy anything from Barbour or other stylist.
      Best G.

Rispondi a dog barbour jacket Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*