LA STANZA DELL’AMBRA ULTIMA REVISIONE CAPITOLO 1°

LA STANZA DELL’AMBRA

( detta anche Camera dell’Ambra ).

La stanza dell'ambra foto ricostruzione San Pietroburgo

Antica foto della stanza dell’ambra; colorata, l’originale è in bianco e nero.

AMBRA 672 collane Ermitage

Ambra di vari colori e valori, al museo Ermitage.

Tutti i diritti sono riservati e la proprietà
intellettuale appartiene a Grazia Seregni, ex legge 633/41 e successive modifiche.

———

Il titolo è stato ispirato dal  più prezioso manufatto artigianale-artistico del mondo: la Stanza dell’Ambra ( o Camera dell’Ambra ); chiamata anche l’ottava meraviglia del mondo.

La Stanza dell’Ambra fu donata dal Re di Prussia Federico Guglielmo I (1713-1740) al suo (allora) alleato Pietro il Grande e successivamente decorò il palazzo di Caterina la Grande a Carskoe Selo (nei pressi di San Pietroburgo).
Il preziosissimo manufatto, un’intera stanza di 55mq. in pura ambra intarsiata da abilissimi artigiani, scomparve misteriosamente durante la Seconda Guerra mondiale e, dopo strane morti che colpirono i ricercatori, non se ne sa più nulla.
Il libro, dopo una serie di romantiche, felici e infelici avventure, darà una risposta, di fantasia, sul ritrovamento della stanza.
In questo  libro, scritto da una donna, storia e moderne vanità si intrecciano con lo scopo di dimostrare che tutti possiamo cambiare, anche in meglio.
Nella speranza che il mondo si renda conto di quanta superficialità e quanti valori veri l’umanità abbia ancora a sua disposizione; basterà saper scegliere.

—–

San Pietroburgo 672 scritta veduta notturna dell'isola SS pietro e paolo

San pietroburgo Ermitage di notte blu

 San Pietroburgo

672 scritta  SAN PIETROBURGOjpg

Sam Pietroburgo Ermitage e piazza 500

Ermitage e la grande piazza antistante.

San Pietroburgo firma chiesa di S Salvatore
LA STANZA DELL’AMBRA

“I SEGNI”

“Ora ci aspetta solo la morte! Nessuno potrà scappare! Sono finito” così scriveva il comandante Mannu-Ki-Libbali di Tushan città assira, oggi Ziyaret Tepe nella zona curda della Turchia. Questo fatto avveniva intorno al 630 a.C. quando l’impero assiro, impreparato allo scontro, poté offrire solo una debole resistenza allo strapotere babilonese che avanzava. Così la civiltà di Tushan e Ninive dovette chinare il capo.
«Ora ci aspetta solo la morte! Nessuno potrà scappare! Sono finito!»
Questo messaggio di trenta righe incise con caratteri cuneiformi , è stato ritrovato dagli archeologi inciso su una tavoletta d’ argilla di circa didici centimetri, durante gli scavi nella città assira di Tushan, l’ odierna Ziyaret Tepe, nella zona curda della Turchia, e firmata firma del comandante cittadino Mannu-ki-Libbali.
Tushan, all’epoca, era la città più importante dell’alta valle del fiume Tigri.
In questo frammento troviamo scritta la fine di un impero che dominò tra il 900 e il 600 avanti Cristo i territori che vanno dall’ odierna Turchia a tutto l’ Iraq, sino all’ Egitto e all’ Iran.
Anche nel nel 52 avanti Cristo ritroviamo la medesima disperazione nei messaggi di Vergigetorige, alle popolazioni della Gallia, prima dell’annessione delle Gallie all’Impero Romano.

La storia ci racconta di molti crudeli assedi, finiti con la fine di importanti culture o, comunque, la sconfitta: da Troia a Masada sino alla più recente Srebrenica e altre città mussulmane che l’ONU abbandonò alle violenze inaudite dei serbobosniaci.

Ma non sempre gli assedi violenti e crudeli ebbero la sconfitta come finale. L’assedio di Pskow, da parte del re di Polonia che aveva invaso la Russia nel XVI secolo, terminò con una vittoria.
Altrettanto avvenne a Leningrado, ma nulla, forse, fu mai tanto atroce e la difesa tanto tenace, quanto per la città che oggi abbiamo rinominato San Pietroburgo. L’allora Leningrado non aveva nemmeno delle mura difensive.

Leningrado e Pskow insieme, comunque, lasciano alla storia un messaggio triste per gli orrori subiti, ma anche la speranza della loro vittoria finale.

Ben meno eroica è la storia, che riportiamo qui di seguito, e che riguarda una coppia dei giorni nostri; protagonista e vittima dell’apoteosi di un mondo dove tutto sembra possibile, senza limiti né frontiere.

“Le tracce sono sotto gli occhi di tutti, il tempo può averle intorbidite, ma noi non possiamo permettere che vengano oscurate”. Così lesse Jaqueline sul testamento di Nikolajev Mikoloij morto per una bronchite nel 2002, uno dei pochi sopravvissuti ai 900 giorni dell’assedio di Leningrado, oggi San Pietroburgo, durante la seconda guerra mondiale.

San Pietroburgo monumento a Pietro il Grande a cavallo

“IO NON HO CONFINI”
“Io non ho confini”. Emanuel lo diceva sempre, ed a ragione, almeno dal punto di vista geografico e come stile di vita. Nato e cresciuto negli Stati Uniti tra l’appartamento di New York a Central Park e la villa sulle colline di San Francisco, aveva sempre avuto l’impressione che il mondo fosse ai suoi piedi.
Dopo la morte del padre e della petulante, aprofittatrice ed insopportabile madre, si era trasferito nel meraviglioso palazzo di famiglia a San Pietroburgo. Unico bene immobile riacquistato, dopo la caduta del muro di Berlino, e mantenuto con i soldi rimasti in anni di spese spropositate e amministrazioni disastrose del patrimonio di famiglia.
Viziato, fanatico, egoista; questi era, in breve, Emanuel o Em; così si faceva chiamare dagli amici. In realtà nei documenti ufficiali risultava essere anche: Emanuel, Alexeij, Adolf, Gragorian, Ferdinando, Leopoldo, Andrej… ed altri nomi che la famiglia gli aveva donato insieme agli illustrissimi cognomi.
Emanuel era figlio del ben più conosciuto padre Alexander, Nikolaj, Petrović, Adolf, Fransisco, Frederic… Dolgorukij, Šeremetev, Nikolaevič, Hanover, Voznitsky, Szlachta, Dulgorukov, Woolf, von Guggherberg; discendente dalle più note dinastie europee ed, anche, proprietario di una delle più importanti case farmaceutiche svizzere.
Alto, capelli scuri, colpiva sempre per quegli occhi azzurro-ghiaccio, penetranti come due stalattiti appuntite e per quel largo disarmante sorriso che aveva imparato a sfoderare al momento opportuno. Mentre la grande bocca, contornata da sottilissime labbra e la frequente espressione sarcastica, ai più, passavano inosservate.

San Pietroburgo firma ermitage salone 3

UNA PROPOSTA DI MATRIMONIO

“Come potrei dire di no ad una proposta di matrimonio da parte dello scapolo ambito da molte delle donne più belle al mondo?”. Rispose Jaqueline Le Rey; viziatissima figlia del noto regista hollywoodiano Max Le Rey; una vera regina del gossip.

Anche lei, a modo suo, non aveva frontiere. Parlava cinque lingue, russo compreso; apprese poco a scuola e tanto viaggiando.
All’apparenza Jaqueline era una delle tante belle ragazze americane cresciute a bistecche e sport. In realtà, la doppia fossetta sul lato sinistro del suo sorriso e due vivaci occhi verde-smeraldo sulla luminosa carnagione, sempre dorata, la rendevano unica. Come unica, secondo lei, era stata la sua sofferenza per essere cresciuta senza la madre: morta “spiaccicata” sul marciapiede per una “accidentale caduta” dal terrazzo del suo super-attico in uno dei recenti palazzi di vetro e acciaio di Singapore. Sicuramente la spinse laggiù il fallimento del suo matrimonio, o forse fu lo stesso marito, come molti parenti, figlia e amici, avevano sempre sostenuto.

“Non ti impressionano i carati e la luce azzurra del diamante dell’anello di fidanzamento?”. Domandò Emanuel.
“Sai bene che potrei comprarmene anche di più grandi, se solo volessi! Il diamante servirà solo a tranquillizzare mio padre sulle tue capacità finanziarie”, fu la risposta di Jaqueline.
Lei non poteva immaginare che, dopo la morte del padre di Emanuel, i capitali di famiglia si fossero sciolti come neve al sole. In pochi anni i vari amministratori, non più sorvegliati, avevano affondato i loro artigli nelle varie società, mentre Emanuel continuava il suo costosissimo tenore di vita. I creditori cominciavano ad inseguirlo e il matrimonio con la ricca ereditiera americana era la sua ultima speranza.
“Non trovi che qui si mangino squisiti babà al rhum come a Napoli e soprattutto si trovi il miglior Sauternes Chateau Lamothe-Guignard come a Parigi?”; chiese Jaqueline infilandosi il diamante al dito; mentre Emanuel pensava: -Finalmente!-, ma diceva, a voce alta: “Ti ho portato al “Four Seasons” perché so che è il tuo ristorante preferito e io vado pazzo per la loro croccante anatra alla Formosa, eccellente !”.
“Penso che tu ami questo ristorante soprattutto per la sua cantina e non voglio nemmeno tentare di immaginare quanto ti sia costata questa cena. In ogni caso anche lo Chateau Lafite dei Rothschild è stata un’esperienza mistica”; disse Jaqueline che aveva imparato ad apprezzare il buon vino.
“Sai perché sopporto di spendere oltre duemila dollari per 375 decilitri del Sauternes che ti piace tanto? La verità è che anch’io adoro il fungo Botrytis Cinerea che gli conferisce quel suo sentore di ananas, pesca, albicocca e il fresco legno di Allier che ne esalta il sapore di vaniglia ed infine il sapore di miele e spezie dolci; un cocktail simile al sapore della tua pelle. Ritieni che tuo padre accetterà di buon grado il nostro fidanzamento?” Domandò Emanuel; fingendo di non aver mai discusso dell’argomento con il padre di lei.
“Se mi sposo a mio padre resteranno molto più tempo e soldi per dedicarsi alle sue amanti e ne sarà felicissimo”, rispose Jaqueline.
In realtà Emanuel aveva già parlato con il padre di Jaqueline ed erano arrivati ad un accordo che accontentava entrambi: “Mi sono informato e so bene quali siano le tue reali condizioni finanziarie, sposandola ti sistemi economicamente, per quanto mi riguarda devi solo continuare a passarmi le più belle pollastrelle che ti girano intorno. In questo modo non perderò più tempo e soldi a rincorrere e pagare, profumatamente, i direttori dei giornali per evitare la pubblicazione dell’ultimo scandalo con mia figlia protagonista”; aveva chiarito Marx Le Roy, il padre di Jaqueline, a Emanuel.
IL NOBILE PALAZZO DI SAN PIETROBURGO
L’idea di andare a vivere nella storica residenza appartenuta alla famiglia di Emanuel a San Pietroburgo, soddisfaceva appieno le aspirazioni romantico-sociali di Jaqueline. Il matrimonio le avrebbe permesso di superare l’unica frontiera che conoscesse: l’accesso alla cerchia della nobiltà europea. Era convinta che non avrebbe mai fatto fare alcuna brutta figura al marito. Le due università private, mai terminate, l’avevano comunque messa nelle condizioni di poter sostenere conversazioni di arte, storia e musica e questo, secondo lei, bastava.
In realtà San Pietroburgo era molto cambiata e più che dalla vecchia nobiltà era ora frequentata da una massa di nuovi arricchiti che poco sapevano di cultura e molto di come arricchirsi velocemente.

Usciti dal ristorante, li aspettava una decappottabile a due posti del 1932 che suscitava sempre l’ammirazione dei loro amici e non solo; un prestito, mai restituito, del padre della futura sposa.
Jaqueline era un’esperta autista: “Il corso anti-rapimento che ho seguito in Svizzera, mi fa sentire padrona dell’auto come un pilota professionista. Ora posso finalmente affrontare con sicurezza anche le manovre più adrenaliniche”. Emanuel si divertiva come un pazzo quando seminavano gli amici lungo i grandi viali di New York prima dell’alba. Le multe non erano un problema; pagava papà.
La città illuminata dalle luci notturne era sempre uno spettacolo e, con la luna piena che si rispecchiava nel fiume Hudson, il ponte di Brooklin ricordava una ragnatela magica dietro la quale sfavillavano pietre preziose incastonate in ogni finestra illuminata nei grandi grattacieli.
“Mi baci?” Chiese Jaqueline frenando.
All’improvviso videro un’auto che veniva verso di loro con i fari abbaglianti. Chi poteva essere? Un ficcanaso, un’auto della polizia, qualcuno con cattive intenzioni? Subito Jaqueline riprese il volante schizzando via dopo una rapidissima inversione di marcia. Il conducente dell’auto pensò: “Ricchi e irraggiungibili; meglio aspettare qualcuno più sprovveduto”.

San Pietroburgo  firma Ermitage particolare di mobile intarsiato

I mobili degli zar.

“LE TRACCE”

Superando le frontiere del tempo e dello spazio, un secolo prima, dall’altra parte dell’oceano ben altra realtà era quotidianità storica.
Daniel Leonidovic Andrejev, figlio del grande Leonid Andrejev, visse per intero l’assedio di Leningrado. A proposito dell’apocalisse di Leningrado scrisse, più o meno, queste parole:
“Abbiamo conosciuto ogni cosa…
… in russo non esiste
parola per quel folle inverno di guerra…
quando l’Ermitage tremava sotto le bombe…
le case diventavano di ghiaccio e le tubature scoppiavano per il gelo…
la razione-100 grammi…
…sulla Nevskij, cadaveri.
E abbiamo saputo, anche, di cannibalismo.
Vedevamo quelli con le gote rosse e piene…
Abbiamo conosciuto ogni cosa…”.

S Pietroburgo  firmata ok cattedrale di  Sant'Isacco

LA FAMIGLIA LE ROY.

Da dove veniva la straordinaria ricchezza dei Le Roy? La famiglia di Jaqueline vantava origini francesi; il che faceva sempre il suo effetto, soprattutto tra gli intellettuali di Boston e New York, ma anche a San Francisco e Los Angeles.
Di certo un antenato del padre di Jaqueline aveva partecipato alla corsa all’oro e ne aveva investito i proventi in ranch texani. Successivamente i figli si erano trovati padroni di diversi pozzi petroliferi.
Nessuno in famiglia approvò la scelta di Max Le Roy di andarsene a Los Angeles a giocarsi la sua parte di eredità facendo il regista. Solo quando vinse il primo Oscar tutti lo chiamarono al telefono, ma Max non si fece mai trovare.
Il padre di Jaqueline era tanto geniale nel suo lavoro, quanto dissoluto e arrogante nella vita privata.

Dopo una lunghissima serie di fidanzate, più o meno ufficiali, fu incantato dalla bellezza, dolcezza e innocenza della madre di Jaqueline, Catherine. Peccato che lui la trattò sempre come un bel giocattolo anche quando nacque l’ agognato erede; che avrebbe dovuto essere maschio; secondo gli ideali del buon “machio texano”.
Alla nascita di Jaqueline, Marx non fece nulla per nascondere la sua delusione alla già provata Catherine e se ne andò in vacanza alle Hawaii; con la sua amante preferita.
Lei non resse il colpo e cadde in un grave stato di depressione che si concluse con un assai “dubbio” suicidio.
Catherine aveva amato moltissimo la figlia e chi la conosceva bene non poté dimenticare le ultime sue parole prima del fatidico viaggio a Singapore: “Soffro molto, ma devo rimettermi al più presto per amore di mia figlia”.
Al contrario Jaqueline non aveva mai provato alcun sentimento per la madre, sicuramente sempre depressa e offesa dai continui sfacciati tradimenti del marito.
Appena adolescente Jaqueline preferì vivere lontana da sua madre; coltivando un forte rancore per non avere mai conosciuto il calore di una famiglia.

San Pietroburgo Ermitage salone azzurro

FABERGE'uova-di-fabergé-in-mostra-a-san-pietroburgo

Preziosissime uova che il gioielliere francese Fabergé confezionava per le importanti ricorrenze degli zar.

LE NOZZE E LA LUNA DI MIELE

Le nozze vennero celebrate a Hollywood, nella villa del padre di Jaqueline con il maggior sfarzo possibile; senza che mancasse quel tocco pensate di kitsch; tipico di una certa parte americani arricchitisi velocemente.

“Ho vissuto la nostra luna di miele come un grande sogno. Mi hai fatto conoscere e apprezzare anche quella piccola parte del mondo che era sfuggita alle mie peregrinazioni mondane. Non ero mai stata alle isole Figi, né su di un panfilo regale. Come hai fatto ad ottenere il permesso di attraccare il batiscafo, anche di notte, presso l’isola Molokini delle Hawai ? E non dimenticherò mai quella foca che dormiva sulla spiaggia vicino alla nostra casa, quando soggiornammo nell’isola di Kauai di fronte a Poipu Beach.
Ho un meraviglioso ricordo anche delle cene al lume di candela, accanto a quell’immenso camino nella villa di Frederich, a Lech in Austria. Non conoscevo Lech, ma voglio tornarvi in estate per fotografare le numerose specie di orchidee di montagna che, secondo il filmato dell’ufficio del turismo, in inverno vengono protette da neve artificiale, senza additivi, per difenderle dagli sciatori! E la cantina di Frederich? Mi ha permesso di apprezzare dei vini poco noti. Chi avrebbe mai immaginato di trovare un tale tesoro tra le montagne austriache? Ho copiato i nomi dei vini e dei produttori più interessanti e mi devi promettere che li comprerai per noi”. Aveva commentato Jaqueline. “Forse, come ospiti, non avremmo dovuto approfittare tanto, ma si è trattato di una vera iniziazione a vini che anch’io non conoscevo.” Era stata la risposta di Emanuel.

Nonostante tutto, Jaqueline non riusciva a dimenticare un fatto che la lasciava alquanto perplessa. Visitando un vulcano durante il viaggio di nozze era stata invitata da Emanuel ad indietreggiare, per una foto, proprio sul bordo di un piccolo lago dove affioravano minuscole bolle e un grosso cartello, alle sue spalle, avvertiva del pericolo. Per fortuna si era fermata in tempo. Ma certamente si trattava di una distrazione di Emanuel, tutto preso dalla sua nuova mania di fotografare e spedire subito a tutti gli amici.
SAN PIETROBURGO COME UNA VENEZIA CONGELATA.
La città era un’immensa Venezia congelata. Tutte le vie brillavano, tanto da poter essere scambiate con i canali. I brividi dei passanti forse non erano dovuti solo ai 35 gradi sotto zero, ma anche alla bellezza del paesaggio. La luce riflessa dalla neve gelata accentuava le decorazioni architettoniche. Le luci dei lampioni che si riflettevano sul ghiaccio della Neva, sui canali, nelle strade, nei bianchi giardini, sembravano gialle onici immerse nel ghiaccio.
Il silenzio totale poteva trasportare agli occhi del viandante più attento, l’immagine di un miraggio: avrebbe potuto intravedere il protagonista del “Cappotto” di Gogol’ con la sua “marsina” nuova; orgoglioso di avere raggiunto, dopo tanti sacrifici, cotanto confortevole lusso, ma poi si sarebbe sovrapposto qualcosa di totalmente differente. Un uomo le cui molecole cerebrali erano state devastate come dopo una deflagrazione nucleare; semi-congelato dal freddo e disperato per il furto del cappotto subito.

San Pietroburgo firma Cattedrale Smolnyj di Rastrelli

Cattedrale-Smolnyj-di-Rastrelli.

San  Pietroburgo 500 cattedrale di san nicola parte posteriore

CHI PERDEVA LA TESSERA MORIVA DI FAME.

Davanti al grande incanto degli edifici di San Pietroburgo sommersi tra ghiaccio e neve, non si comprende quale follia portò i tedeschi, durante la seconda guerra mondiale, al drammatico assedio della città di Leningrado.

“In quei giorni perdere la tessera del pane voleva dire morire. Subito qualcuno l’avrebbe rubata; impossibile averne una copia. Chi perdeva facilmente la tessera? I vecchi con scarsa memoria, i numerosi bambini ormai soli al mondo …quanti morirono solo per aver smarrito quella preziosissima tessera!
Dove siete oggi voi che avevate le guance ancora rotonde, mentre tutti soffrivano la fame? Noi sapevamo cosa mangiavate … i nostri sguardi erano di disprezzo e le nostre guance incavate dalla fatica e dalla fame. Il cannibalismo rappresentò il livello più abbietto di quei giorni che non devono essere dimenticati…per non ripeterli”. Anche questo scoprirà, la nostra bella Jaqueline, nel diario di Vladimir Bukorovick, ma quasi le medesime parole le lesse anche in un altro libro del quale non ricordava il nome; certamente, quanto descritto, corrispondeva al vero.

San Pietroburgo monumento agli eroici difensori di leningrado satua

COVER ristoranti pietroburgo ristorante strogonoff grnachio gigante 2

DALL’ORRENDO PASSATO DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE ALLE INGIOIELLATISSIME MODELLE DI OGGI.

Poco nella città, risorta dopo il lungo assedio della seconda guerra mondiale, ricorda oggi quegli orrendi novecento giorni. Lussuosi panfili sfrecciano sulla Neva. “Chi sono quelle ingioiellatissime splendide e giovani donne che vivono tra un party e l’altro come nelle favole? quale è la loro vera storia?”

Oggi ci sarà un party nel Palazzo d’Inverno, la tavola sarà decorata con ortensie incastonate in cubi di ghiaccio rischiarati da luci nascoste ed ogni ospite riceverà in dono un orologio d’oro massiccio in edizione speciale.
Domani alla Fortezza di San Pietroburgo, per il ricevimento ufficiale dell’Ambasciata del Qatar, splendide rose blu, decorate con cascate di piccoli cristalli, accoglieranno gli invitati insieme a molte altre sorprese.
Questa è la città che la nostra Jaqueline si accinge a “conquistare”.

San Pietroburgo, Piskarevskoe, cimiterio della memoria; qui riposano migliaia di vittime dell'assedio durato 900 giorni.
San Pietroburgo, Piskarevskoe, cimiterio della memoria; qui riposano migliaia di vittime dell’assedio durato 900 giorni.

I “SEGNI” E LE MEMORIE CHE NON DOVREMMO DIMENTICARE PER UN FUTURO, SI PUO’ SOLO SPERARE, MIGLIORE.

La memoria dei rari sopravvissuti all’assedio di Leningrado (oggi San Pietroburgo) e la Storia, dovrebbero aiutare gli europei, ma non solo, a non dimenticare perché non si ripeta quello che qui accadde durante la seconda guerra mondiale e in tutte le altre simili tragedie, purtroppo ancora tanto attuali nel mondo. Ricordare per dire basta, ma quanti lo vogliono veramente? L’egoismo, l’ingordigia, l’indifferenza, l’ignoranza e la superficialità non sono mai morte!
QUESTA E’ LA STORIA
Prima di sconfiggere: Polonia, Danimarca, Belgio, Olanda e Norvegia, verso la fine del 1940, Hitler programmò il piano “Barbarossa”; convinto di poter annientare rapidamente la Russia.
L’esercito tedesco, per aggredire l’Unione Sovietica, mise in campo ben 5,5 milioni di soldati e ufficiali, 4.300 carri armati, 47.200 cannoni e mortai, 4.980 aerei da combattimento e 192 navi da guerra. Inoltre, anticipatamente, svolse un’accurata opera di spionaggio preventivo tra la Germania e Leningrado; proponendosi come salvatore dell’oppressore comunista e trovando molti dissidenti ben disposti a tradire la patria. I nobili tedeschi si erano imparentati con i nobili russi, ma non avevano dimenticato la loro patria, né la vita agiata che il comunismo gli aveva tolto.
“Alle quattro del mattino del 22 giugno del 1940 la Germania, violando i reciproci accordi di non belligeranza, aggredì la Russia sganciando bombe su città e villaggi immersi nel sonno. Ungheria, Romania, Finlandia ed Italia entrarono in guerra in appoggio alla Germania. A mezzogiorno dello stesso giorno le stazioni radio dell’URSS informarono la popolazione che la responsabilità dell’aggressione doveva ricadere solo sui dirigenti militari tedeschi”. Questo è il riassunto di quanto Jaqueline imparerà leggendo uno dei tanti libri disponibili nella biblioteca del palazzo di San Pietroburgo.
In un altro testo, più precisamente nel libro “I 900 giorni dell’assedio di Leningrado”, dell’americano Harrison Salsbury“, Jaqueline leggerà un’interpretazione dei fatti totalmente in contrasto con il libro “L’epopea di Leningrado” scritta da militari russi. Questi ultimi, qualunque sia stata la verità, non avrebbero mai potuto scrivere sull’impreparazione dei vertici dell’URSS ad affrontare l’improvvisa aggressione delle SS. I concetti espressi dal testo che, in un non lontano futuro, Jauqeline leggerà, rimarranno così impressi nella sua memoria e l’aiuteranno a vedere il mondo con occhi diversi: “La situazione non lasciava presumere alcunché di buono. Di fatto, il tragico assedio a Leningrado fu la conseguenza di molti errori strategici e di disinteresse.

L’attacco nazista aveva trovato Stalin assolutamente impreparato e questo lo fece precipitare in un grave stato di collasso psichico. Se ne stava chiuso nella sua stanza, incapace di partecipare attivamente al governo del paese. Zhdanov, il vero artefice della politica russa nei confronti del governo nazista, nel 1930 aveva detto della Germania: “Non può e non sarà disposta a combattere su due fronti”. Zhdanov aveva anche fatto scrivere il 29 giugno del 1939 sulla Pravda, come opinione personale, che l’Inghilterra e la Francia non avrebbero mai stretto un’alleanza con la Russia; anzi erano intenzionate ad intrappolarla per coinvolgerla nella guerra contro Hitler. Tuttavia, ammise anche che: “Amici erano di opinione contraria”.
Zhdanov era il delfino di Stalin e fu certo determinante per il patto nazi-sovietico del 23 giugno 1939. Forse fu proprio per questi fatti che, allo scoppio della guerra tra Russia e Germania, egli era irreperibile sia a Leningrado che a Mosca: si trovava in vacanza in Crimea.

Il grande stato sovietico i primi giorni dell’attacco nazista era completamente alla deriva, senza una guida.

Questo fu uno dei grandi errori che “prepararono” la tragedia dei 900 giorni di assedio a Leningrado.

Prima dell’attacco, le spie tedesche avevano, da tempo, superato le frontiere dell’URSS e si erano accordati con i dissidenti per la facile resa di alcune città importanti e le forze schierate erano assolutamente impari. Oltre al vantaggio della sorpresa, i tedeschi avevano dalla loro parte milioni di soldati e ufficiali, mezzi corazzati ed aerei decisamente superiori, oltre al ben congegnato piano “Barbarossa”.
Nessuno il 22 giugno poteva immaginare cosa sarebbe accaduto; a Leningrado si viveva come sempre, quasi increduli dell’attacco tedesco alle frontiere sovietiche”.

Come già accennato sopra, ben diversa è la versione nel libro “L’epopea di Leningrado” (1985), del generale russo N.Kislizyn e del colonnello V.Zubakov, che fu accusato da Salisbury di essere “partigiano” e di non avere sufficientemente evidenziato i giochi di potere ai quali veniva sacrificato il bene della città e, soprattutto, di non avere abbastanza chiarito la prima decisione di Mosca di abbandonare Leningrado al suo destino per salvare la capitale.
A questo proposito i russi Kislizyn e Zubakov scrissero: “…i sacrifici…non furono vani, come cercarono di presentarli alcuni storici e giornalisti occidentali. Il libro “I 900 giorni dell’assedio di Leningrado” è chiaramente esplicativo. L’autore era il giornalista americano Harrison Salisbury, che si trovava nell’URSS durante la guerra; in veste di corrispondente dell’agenzia “United Press”.

Egli (Harrison Salisbury), rivisitò Leningrado anche nel 1944 Leningrado; quando era già stata liberata dall’assedio.

Nel suo libro troviamo esempi di coraggio e di eroismo; riportati (secondo la versione russa dei fatti) soltanto per creare l’apparenza di un’esposizione obbiettiva, mettendone in risalto gli episodi più scabrosi e i fatti più foschi e penosi”.

Secondo i russi, Salisbury scrive di Leningrado come di una città condannata, sostiene come il successo nella sua difesa sia un fatto più dovuto al caso che alla capacità di resistenza dei russi. “..in questo libro…si riflette l’aspirazione…a ridurre l’importanza delle gesta eroiche del popolo sovietico…”; questa è la tesi sostenuta dalla Russia.

Ovviamente ognuno parla dei fatti secondo il proprio punto di vista politico, ma le sofferenze, l’eroismo dei combattenti e dei comuni abitanti della città martire è bene che rimangano come monito per le generazioni future.

Nel 2008 il settimanale Der Spiegel ha pubblicato alcuni documenti inediti, rinvenuti negli archivi di Mosca. Da essi si evince che Stalin fu diffidente nei confronti dei rapporti dei propri agenti, relativi alla possibilità di intervento del Terzo Reich contro la Russia, perché già in passato si erano rivelati non affidabili. Infatti, nel 1936 gli fu erroneamente riferito che Hitler soffriva di un cancro non operabile e che i medici gli avevano dato, come massimo, un anno di vita. Addirittura si parlò della designazione di un successore.
Secondo le ultime rivelazioni fu per questo che Stalin non accettò come possibilmente vera la notizia della imminente aggressione da parte delle SS.

[NOTA n.1:
N.Kislizyn, V.Zubakov, L’epopea di Leningrado, Mosca, 1985.
H.Salisbury, The 900 days. The Siege of Leningrad, New York, 1969.]

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*