” LA STANZA DELL’AMBRA ” CAPITOLO 2°

LA STANZA DELL’AMBRA

CAPITOLO 2°

AMBRA STANZA particolare 400 jm

Tutti i diritti sono riservati e la proprietà
intellettuale appartiene a Grazia Seregni, ex legge 633/41 e successive modifiche.

———

Ambra stanza aquila degli zar

Il titolo è stato ispirato dal più prezioso manufatto artigianale-artistico del mondo: la Stanza dell’Ambra; chiamata anche l’ottava meraviglia del mondo.

La Stanza dell’Ambra fu donata dal Re di Prussia Federico Guglielmo I (1713-1740) al suo (allora) alleato Pietro il Grande e successivamente decorò il palazzo di Caterina la Grande a Carskoe Selo (nei pressi di San Pietroburgo). ALTRI PARTICOLARI E IL PRIMO CAPITOLO AL LINK : https://www.donnecultura.eu/?p=27888

——-

LA STANZA DELL’AMBRA

INIZIO 2° CAPITOLO

L’  “ASSEDIO” AL CUORE DI JAQUELINE.
La viziatissima Jaqueline, abituata a fare ed avere sempre tutto quello che voleva, arrivando a San Pietroburgo, non poteva presagire che il suo cuore avrebbe subito un assedio “devastante”. Anche lei avrebbe vissuto i suoi 900 giorni; pur in ben altro contesto.

Ambra stanza dell'ambra 672 g

San Pietroburgo Ermitage salone azzurro

QUESTA SARA’ LA TUA REGGIA
“Questa sarà la tua reggia”. Affermò Emanuel portando Jaqueline in braccio dentro il palazzo.
Le luci elettriche all’interno erano state spente. I vetri dei quadri e gli specchi riflettevano il luccichio multicolore dei grandi lampadari di cristallo illuminati dalle bianche candele strategicamente collocate sugli antichi candelabri d’argento.
“Tutto qui sembra una grande favola”. Disse Jaqueline, facendo sfavillare la vera nuziale intarsiata di diamanti mentre avvicinava le sue dita lunghe e sottili ad una candela.
La cena venne servita da un cameriere svizzero con i guanti bianchi nel salottino accanto alla camera da letto. I crostini caldi furono ignorati, Emanuel e Jaqueline mangiarono il caviale direttamente con i cucchiaini di madreperla, ingurgitando vodka come fosse acqua.
“E’ stato molto carino da parte tua ordinare questi squisiti gamberi di fiume”. Disse Jaqueline non appena il cameriere servì loro “riso pilaff con corona di crostacei di acqua dolce”. “Sapevo di farti felice, da ora sei la zarina del palazzo e ogni tuo desiderio sarà un ordine”. Rispose Emanuel. “Sarai sempre così carino con me per tutta la vita?”. “Certamente, se tu sarai altrettanto comprensiva nei miei riguardi”. “Vorresti dire che dovrò acconsentire ad ogni tua decisione?”; precisò Jaqueline alquanto perplessa. “Ovvio, tu qui sei la zarina, ma io sono lo zar e nessuno ha mai osato contraddirmi. In Russia le mogli hanno sempre obbedito al marito”. “La Russia degli zar non esiste più caro e spero tu stia scherzando e poi mi ricordo di una “certa” Caterina la Grande, alla quale nessuno osava dire di no. Sai bene quanto io sappia essere ribelle!”, rispose Jaqueline. “Smettiamola con i discorsi seri, questa è una delle nostre notti di follia e nulla deve oscurarla”; rispose Emanuel aprendo la cerniera dell’abito di Jaqueline. “Sei troppo bella per fare discorsi seri”. Prese la mano di lei e baciandola disse: “Ti vorrei nuda”. “Per ora accontentati di slacciare sino in fondo la cerniera”, rispose Jaqueline alzandosi e voltandogli le spalle.
L’aderente abito nero, alquanto scollato, scivolò posandosi sui fianchi. I suoi seni perfetti come quelli di una sedicenne erano avvolti solo dalla nuvola di voile di seta del reggiseno trasparente. I capezzoli si inturgidirono e Jaqueline abbandonò il suo corpo tra le braccia del neo marito. Dopo pochi passi di danza entrambi si sentirono avvolti da una vampata di fuoco.
“Dobbiamo ancora assaggiare la torta Sacher che ho fatto arrivare appositamente per te da Vienna”. Emanuel sapeva bene come prolungare l’eccitazione. “Lasciati rivestire, così possiamo chiamare il cameriere”.
Al suono del prezioso campanello di Fabergé, il cameriere entrò per servire la torta accompagnata da un raro Moscato di Mumiano, lo stesso che l’imperatore Francesco Giuseppe voleva per i suoi pranzi importanti.
Nel bicchiere di Jaqueline, mentre Emanuel la distraeva, furono versate delle strane gocce.”
Da questo momento non abbiamo più bisogno di te, puoi andare”, disse con la massima disinvoltura il novello sposo al domestico.
Emanuel si alzò ed aprì di nuovo la lampo del vestito della moglie mentre la baciava sul collo lasciando due, poco eleganti, lividi.
Jaqueline rispose voltandosi e baciandolo in bocca profondamente. “Voglio mangiare il dolce ammirando il turgore del tuo seno”, proseguì Emanuel slacciandole anche il reggiseno”.
“Sei bellissima. Brindo ai tuoi occhi, alle tue fossette, alle tue splendide mani, alla tua bocca che non si nega mai ed ai tuoi seni che desidero succhiare all’infinito”.
“Ed io brindo all’uomo che mi fa sentire sexy come nessun altro. Solo tu sei capace di farmi vedere la vita attraverso lenti rosate; anzi rosso fuoco…”. Rispose Jaqueline, mentre un brivido, che ben conosceva, le attraversava tutto il corpo.
Altre due fette di torta accompagnarono la fine della bottiglia.
A questo punto Emanuel si alzò, un poco barcollando, raggiunse la bella moglie e la baciò, “Sembri una dea. Devi ballare con me!”. “Non devo, ma voglio”, rispose Jaqueline, sentendosi pervadere da un fuoco che le bruciava tutta la pelle.

cibo ristoranti pietroburgo ristorante strogonoff grnachio gigante 2
LA VERITA’ SULLA VITA DI EMANUEL.
Qualcuno aveva sussurrato che un pro-zio di Emanuel fosse riuscito, rocambolescamente, a murare nel palazzo di famiglia durante la seconda guerra mondiale, la famosa Stanza dell’Ambra, sparita, senza lasciare alcuna traccia, dopo che i tedeschi l’avevano “messa al sicuro” dalle bombe.
Sentite queste voci, Emanuel aveva organizzato una accuratissima ricerca, rivelatasi infruttuosa e così il tutto era stato accantonato come stupida diceria.
“Dalla vita ho avuto tutto”, era solito dire Emanuel, e l’affermazione corrispondeva al vero, almeno per quello che lo interessava.
Aveva sempre pilotato personalmente il suo aereo e viaggiava pernottando in case private. Il resto per lui non valeva nulla, salvo i soldi e le belle donne; anzi bellissime. Tutte storie finite male, compresa un’ex fidanzata rinchiusa in un lussuoso ospedale psichiatrico.
Secondo gli intimi la colpa sarebbe stata di una strana pillola che lui le aveva somministrato per calmarne la, più che giustificata, gelosia.
Gli psichiatri lo conoscevano bene, alcuni dei più noti avevano cercato di curarlo, ma la sua salute mentale era peggiorata con la maturità, senza che nessuno fosse riuscito a comprenderne a fondo la pericolosa personalità.
Brillante e spregiudicato, lucido e freddo, sapeva come ingannare; quasi tutti.
In un Paese del terzo mondo si trovò nella lista dei ricercati per l’omicidio di una delle tante “fidanzate”, ma gli bastò stare alla larga da quel Paese sino a che il delitto non cadde in prescrizione e dichiarare alla stampa che era stato vittima di una persecuzione giudiziaria.
Per il resto l’aveva sempre fatta franca. Fuggito diverse volte dopo incidenti automobilistici che lui stesso aveva causato per ubriachezza, non solo si era salvato grazie alla sua prontezza di riflessi nel rispondere alle domande degli inquirenti, ma anche corrompendo o minacciando quando era il caso.
Vigili, poliziotti e “bravi cittadini” dall’Australia agli USA avevano dovuto o voluto arrendersi alle sue pretese e la sua fedina penale era immacolata, almeno nei paesi dove aveva posseduto una casa. Le impronte digitali di Emanuel non erano mai state segnalate e questo era un bel vantaggio sugli altri; che chiamava stupidi delinquentelli.
“Mi manda Ravin, ti devo segnalare i magazzini Unker, all’una di notte avrai un’ora a disposizione senza le guardie. Entra dall’ingresso laterale sulla via Martin Luther King, in fondo a destra, dietro i pallets con la scritta “Pasta italiana”, troverai i contenitori che ti interessano. Tutti hanno un piccolo bollino verde fosforescente”.
In questo modo era riuscito anche a vendere del materiale radioattivo ad un certo gruppo terroristico, semplicemente segnalando dove e come rubarlo. La percentuale ricevuta era stata usata per largheggiare qualche mese nelle sue spese personali.
Utilizzava le sue “risorse intellettuali e pratiche” anche per manomettere auto e moto di amici con affascinanti fidanzate. Una volta messo ko l’uomo, in ospedale o all’obitorio, lui interveniva per consolare la fanciulla di turno. Era un vero esperto, infaticabile inventore di trucchi che facevano sempre sembrare accidentale l’accaduto.
Nella vita aveva anche provato a lavorare “onestamente”. Sfruttando la sua laurea in legge, con specializzazione in diritto internazionale, esercitando la professione come associato presso un notissimo ufficio a Londra. Il tutto terminò bruscamente con la laconica frase dell’avvocato più anziano dello studio: “Lei ha indebitamente intascato buona parte dei pagamenti dovuti, dalle assicurazioni, ad alcuni nostri clienti. Nel nome di suo padre nulla sarà ufficializzato. Da questo momento la diffido dal cercare lavoro in alcun studio legale, fosse anche nell’Antartico”.
L’altra esperienza lavorativa, nel settore bancario, aveva dato risultati altrettanto disastrosi; sempre per quel suo vizio di intascare soldi altrui. I suoi trucchi, infatti, non erano passati inosservati agli gnomi della banca svizzera presso la quale lavorava. Anche qui fu licenziato con poche parole: “Per il buon nome del suo defunto padre e della banca si tenga ben lontano da ogni tipo di attività finanziaria. I nostri segugi sono già informati, sappia che noi non dimentichiamo mai”.
A cinquant’anni suonati, ma ancora in perfetta forma fisica, aveva deciso di mettere la testa a posto; leggi trovare una bella e ricca moglie che lo mantenesse.
Nonostante la sua esperienza, la cosa non fu facile.
Le nuove generazioni, laureate presso le più prestigiose università, si rivelarono un osso duro; facevano troppe domande specifiche e lui, prima o poi cadeva in contraddizione. Sapeva ingannare bene, ma non quando si trovava di fronte a persone con una cultura ed una intelligenza superiore alla sua.
Inoltre la stampa gossip, in alcuni Paesi, lo aveva screditato.
Comunque, alla fine i suoi sforzi furono premiati; di lui si era invaghita la giovane figlia del noto produttore cinematografico Le Roy, l’attuale moglie Jaqueline.

San Pietroburgo dalla chiesa di S Isacco
DUE SECOLI PRIMA. NEL MEDESIMO [?] PALAZZO DOVE VIVEVA JAQUELINE. UN NOBILUOMO E UNA, NON INSOLITA, STORIA CON LA SERVITU’. QUELLA SERA IL NOBILUOMO AVREBBE AVUTO MOLTO DA SCRIVERE NEL SUO DIARIO. UN INDIZIO?.
Prima che i comunisti sequestrassero il palazzo Andreijevic, Carl, Marcus, Claus… Andreijevic, von Guggheberg, un antenato di Emanuel, vi aveva scoperto un muro che risuonava come se dietro ci fosse il vuoto.
Una volta fatto demolire quel muro dalla sua guardia privata, che lo accompagnava sempre, il nobile Andreijevic incominciò a scendere i malconci e sporchi gradini. “Sembra che da qui non sia passato nessuno da qualche secolo”, disse alla sua guardia-cameriere che aveva avuto il “privilegio” di seguirlo.
Quest’ultimo doveva essere un discendente di quello speciale corpo di guardia che lo Zar Pietro I° il Grande, aveva regalato al re di Prussia Federico Guglielmo I° in cambio della Stanza dell’Ambra, o almeno ne aveva la medesima monumentalità fisica.
“Signore, io sento dei brividi e non di freddo! Perché non lasciamo ai posteri questa brutta scoperta?”. “Voi ignoranti credete ancora alle streghe ed ai fantasmi. La scienza ha da tempo dimostrato che non possono esistere. Al limite troveremo qualche scheletro o forse un “tesoro”, asserì seccamente il nobiluomo. All’improvviso le scale finirono, un lunghissimo passaggio sotterraneo basso, ed in parte allagato, si offrì alla loro vista. Al primo passo entrambi inciamparono in qualcosa sotto il livello dell’acqua, provocando un rumore metallico. “Passami la torcia”, disse con tono imperioso l’anziano nobile.
I resti di una grande armatura giacevano sul fondo del rigagnolo. “Da questo elmo spunta una massa che sembra un rimasuglio di capelli. Pare un’armatura di un antico guerriero! Il copricapo assomiglia a quelli dei mongoli dell’epoca di Gengis Kan”, e così dicendo illuminò il lato destro dell’elmo dove vide un grosso foro apparentemente procurato da una mazza. “Quel poveretto è sicuramente morto per quel colpo. Ma perché è stato ucciso ? Cosa faceva in questo cunicolo? Doveva forse sorvegliare qualcosa? Cosa, di preciso? O forse cercava qualcosa che non avrebbe dovuto trovare? “.
Il cameriere continuando a seguire i suoi pensieri rispose: “Quando non ci sono apparenti spiegazioni si tratta sempre di forze superiori. Io non ho paura di nessun umano, ma del mondo ultraterreno, che non ho mai conosciuto…padrone io preferirei tornare alla luce del sole. Dobbiamo recuperare del cavolo nero farlo a pezzi e dell’acqua fresca di fonte, tornando qui li butteremo nove volte dietro le spalle, senza voltarci e diremo -gettando questi cavoli libero me e chi mi è caro dalle forze che vivono in questo luogo-. Poi, lavandoci due volte le mani con l’acqua della fonte vicino al palazzo, cacceremo sicuramente questi fantasmi”.
“Taci Junker e cammina, io non ho alcun timore e tu sembri una donnicciuola che crede alle streghe ed ai maghi”, tagliò corto Carl Andreijevic.
A queste parole la guardia, si sentì punta nel suo amor proprio e zittì immediatamente.
Junker era alto due metri e quindici centimetri, per un peso di centoventi chili di soli muscoli e ossa e nessuno lo poteva spaventare fisicamente, ma le paure ancestrali, si sa, sono un’altra cosa.
“Ora sono certo che questo viaggio sarà interessante, il mio fiuto aveva sentito bene, e tu Junker devi stare tranquillo. Vedrai che alla fine di questa “incursione” sarò in grado di spiegarti ogni cosa in modo razionale”; lo rassicurò il padrone.
Più avanti scoprirono un’altra armatura, sempre con un grande foro sull’elmo. -Può essere che qualcuno abbia avuto interesse a lasciare delle guardie armate nel sottosuolo, ma perché poi sono state uccise?-; si domandò l’anziano nobile.
Finalmente arrivarono alla fine del lungo passaggio. Ora il cunicolo si allargava in una grande sala dove altre armature, squarciate con delle lance, si presentavano sparse ovunque, così come alcune ossa umane molto mal ridotte.
Ma fu una indecifrabile scritta e la parola: “Mitra” (vedi nota n.° 2) che attirarono l’attenzione dell’anziano padrone.
“Padrone qui non c’è altro che ferro vecchio e fantasmi! Andiamocene”.
“Tu vedi solo ferro e immagini fantasmi; io vedo pezzi di storia e cerco spiegazioni”. Ribadì Carl Andreijevic.
“Qui tutto finisce non c’è nulla di interessante; non vedo nulla oltre questa spaventosa stanza!”; rispose il presunto discendente delle guardie dello zar.
“Picchiamo lungo tutte le pareti e vedrai che scopriremo dell’altro”.
Junker si mise diligentemente, ma sempre spaventato, al lavoro, continuando ad imprecare dentro di se: – Questi nobili sono più pazzi dei pazzi e la loro presunzione li porterà alla rovina! -.
“Abbiamo praticamente sentito tutte le pareti e lei ha potuto verificare che mai hanno suonato a vuoto. Padrone andiamocene ora che siamo ancora vivi”.
“Aspetta, fammi salire sulle tue spalle, voglio provare a battere sul soffitto”. In questo modo ispezionarono ogni parte del soffitto, senza alcun risultato.
Ma proprio quando ogni speranza stava per essere abbandonata, picchiando contro un angolo del soffitto, il nobiluomo sentì un rimbombo.
—————
Nota N° 2 -Mitra era un dio raffigurato dai romani nell’atto di sgozzare un toro. Fu dio molto popolare tra le truppe, il suo culto si diffuse ovunque ci fosse un esercito romano: dall’Inghilterra al Danubio. Il culto di Mitra fu “assorbito” dai cristiani, egli decideva chi dovesse andare in paradiso o all’inferno. Numerosi furono i santuari detti “mitrei”, luoghi bui e sotterranei, trovati oggi dagli archeologi.

“Ecco ci siamo, la nostra ricerca deve continuare da questo angolo, passami il martello e tienimi ben salde le gambe sulle tue spalle mentre lavoro; l’emozione mi sta facendo dimenticare la stanchezza e il freddo, mi sento vicino ad una grande scoperta”.
E mentre cercava di allargare il più possibile il piccolo buco, che era riuscito a creare nel soffitto, l’anziano padrone si afflosciò tra le braccia di Junker che riuscì a non farlo cadere.
Il volto del vecchio era biancastro come quello di un cadavere, ma il cuore pulsava ancora. Junker pensò subito: “Ecco che si avvera la maledizione della quale avevo sentito parlare”.
Posò il suo padrone sul suolo, si tolse la giacca cercò di coprirlo al meglio. Arrotolò la sua giacca e ne fece un improvvisato cuscino. All’improvviso si ricordò di aver sentito dire che comprimendo nella zona del centro del torace si potevano “resuscitare i morti”.
Così cominciò a fare delle pressioni al centro del torace del suo padrone.
Faceva questi movimenti per istinto, mentre sentiva il suo animo paralizzato dalla paura della grande maledizione.
– Non deve morire, mi ha promesso che avrebbe aggiunto il mio nome al suo testamento! -. Pensò Junker, appena fu in grado di pensare, continuando il rudimentale tentativo di rianimazione.
L’uomo sembrava sempre più cadaverico, il suo cuore aveva smesso di battere e non dava segni di ripresa..Junker si sentì preso dal panico.
– Qualcuno potrebbe dire che sono stato io ad uccidere il mio padrone. Tanto più ora che ho cominciato a raccontare in giro che mi avrebbe nominato nel suo testamento! Lo avevo ben detto che qui non si tratta di scoperte di segreti, ma di smuovere ciò che deve essere lasciato come è da secoli – continuava a rimuginare la guardia-cameriere.
AVVIENE IL “MIRACOLO” !
E avvenne il miracolo. Il cuore ricominciò a battere, i muscoli di un occhio del vecchio cominciarono a lavorare, piano piano anche i muscoli dell’altra palpebra si mossero nel tentativo di sollevarla. Gli occhi del padrone si aprirono, seppur parzialmente, anche la bocca si aprì, ma non riuscì ad emettere alcun suono. La forte voce di Junker interruppe il glaciale silenzio: “Padrone dica qualcosa”.
Intanto cominciò, con rinnovata energia a massaggiare tutto il corpo dell’uomo nel tentativo di riscaldarlo e riattivarne la circolazione.
Passarono alcuni lunghi minuti nei quali l’orecchio acuto del servitore percepì il lontano suono di gocce d’acqua cadenti e gli parve di percepire anche la presenza di qualcosa che si muoveva.
“Padrone si svegli, dobbiamo scappare”; disse Junker.
La ripresa dell’uomo era troppo lenta, decise così di caricarselo sulle spalle e, con quel fardello, rifece tutto il cammino alla rovescia al massimo della velocità che gli fu possibile, mormorando formule magiche che ricordava appena: “Spiriti maledetti andatevene da questo posto so chi chiamare per distruggervi. Maledetti, scappate o vi manderò chi vi distruggerà per sempre…”.
Gridare e correre gli toglieva energie; così continuò camminando velocemente, ma in silenzio. Senza tuttavia smettere di mandare le maledizioni mentalmente.

RIENTRO NELLE STANZE DEL PALAZZO
Una volta arrivati al piano terra del palazzo, al centro delle grandi scalinate, chiamò la cameriera: “Irina, vieni subito il signore sta male! Irina corri e porta la cassetta del pronto soccorso”.
Le sue urla risalirono l’ampia rampa delle scale e attraversarono i grandi saloni. Irina si precipitò scendendo gli scalini due a due, fermandosi solo per raccogliere la cassetta del pronto soccorso nel ripostiglio del primo piano. Una volta arrivata al piano terra, la povera ragazza faticava a respirare e lo spettacolo del padrone quasi cadavere la fece crollare al suolo.
– Ecco la maledizione che si ingigantisce; il male porta male -, pensò Junker.
In quel momento dalla porta principale entrò il guardiacaccia Vladimir che rimase di stucco nel vedere i due, quasi cadaveri, riversi uno a terra e l’altro sul divano. “Cosa sta succedendo?”, disse.
“Il signore è svenuto mentre eravamo nel bosco e la cameriera si è sentita male appena lo ha visto in queste condizioni”. Rispose Junker.
“Presto mi passi la cassetta del pronto soccorso, sono veterinario e credo di poter far qualcosa”; sollecitò il guardiacaccia.
Non si sa se il merito fu della calda coperta, che Junker aveva posto sul corpo del suo padrone, del massaggio al cuore del guardiacaccia o di quanto fece il guardiacaccia-veterinario, ma l’effetto fu rapido ed efficace.
Il vecchio padrone si rizzò seduto, guardandosi intorno stupito e riconoscente.
“Grazie amici”, disse. Non aveva mai rivolto tale appellativo alla sua servitù, ma questa volta le parole venivano dall’inconscio che parlava senza la censura culturale.
Appena Carl aveva aperto gli occhi, tentando di parlare e muoversi senza riuscirci aveva temuto di essere stato colpito da una paralisi, ma ora percepiva benissimo ogni parte del suo corpo e poteva muoverla. Aveva appena superato un rischio mortale e le parve di rivivere una seconda volta.
Dopo il padrone anche la domestica Janje venne prontamente ed adeguatamente soccorsa da Vladimir ed anche per lei l’effetto fu rapido. Janje spalancò i suoi splendidi occhi scuri, che molti trovavano identici a quelli che Carl Andreijevic aveva ereditato dalla madre, figlia del re di Spagna. Quegli occhi scurissimi contrastavano meravigliosamente sulla chiara carnagione nordica ed i biondissimi capelli ereditati dalla madre.
Jane era veramente una bella donna, pensò il giovane guardiacaccia, chissà se quel positivo intervento lo avrebbe aiutato nei suoi tentativi goffi, ma sinceri, di attirare l’attenzione di lei. A lui non importava nulla di quello che raccontavano i soliti maligni. Il sentimento che Vladimir provava, da molto tempo, era sincero e profondo, ma la sua timidezza non gli aveva mai permesso il coraggio di un approccio.
Ora lei era lì, così vicino a lui…, piena di riconoscenza e aveva appena schiuso le labbra carnose per dirgli: “Vladimir! Non so cosa lei abbia fatto, ma ora mi sento molto meglio, come posso ringraziarla?”.
“Domani venga a cena con me; andremo nella miglior trattoria a mangiare selvaggina”, rispose il guardiacaccia tutto d’un fiato, trattenendo il respiro.
“Sarà un piacere, anche se devo avvisarla che, se mi sta invitando con altre intenzioni oltre il semplice chiacchierare insieme, la consiglio di desistere”.
“No, no, non mi fraintenda io desidero solo il piacere della sua compagnia”, rispose pronto il guardiacaccia.
Janje si alzò e corse accanto al divano dove riposava il conte: “Padrone come sta? Per un attimo ho temuto per la sua vita!”.

IL CONTE PROVA UN SENTIMENTO DA SEMPRE NASCOSTO.
“Janje bambina mia! Dunque a qualcuno dispiacerà della mia morte?”. Le parole gli erano uscite dalla bocca senza dargli il tempo di pensare; quel -bambina mia- non era proprio nel suo stile, stava forse rimbambendo? O forse aveva finalmente lasciato parlare il cuore?.
“Padrone lei non riesce ad immaginare come mi sono sentita quando l’ho vista, sembrava un cadavere, disteso su questo divano. Sono una serva, ma anch’io ho un cuore e dei sentimenti”. Avrebbe voluto aggiungere: -Come mia madre che fu sua amante per tutta la vita, senza aver mai chiesto nulla in cambio, se non l’assicurazione di un lavoro onesto per la sua bambina-, ma ritenne che non fosse ancora il momento, attendeva un segno dal cielo, dalla sua adorata mamma; lei avrebbe fatto accadere tutto. Un giorno sarebbe stata fatta giustizia di tutte le loro sofferenze; per questo pregava tutte le sere la Madonna.
Il guardiacaccia se ne stava andando: “Ho fatto quello che potevo, ora ho dato ordini perché arrivi il suo medico personale, sono felice di essere stato utile, ma è tardi devo portare i cani nel bosco per l’allenamento quotidiano. Buona serata padrone ci vediamo domani mattina. Salve Junker, buona sera Janje e non dimentichi la promessa della cena !”; e si allontanò.
Il vecchio nobile rimase così solo con il suo servo-guardia-del-corpo in attesa del medico.
“Spero tu non abbia parlato con nessuno delle nostre scoperte sotterranee”. Disse a bassa voce il nobiluomo a Junker, non appena Janje si fu allontanata. “Assolutamente no, mio signore”, rispose con deferenza il servo. “Ma se mi permette un suggerimento, dopo quello che è successo, mi sembra evidente che a qualcuno di molto potente la nostra incursione non sia piaciuta. La prego non torni mai più laggiù io, comunque, mi rifiuto di accompagnarla”. “Sei rimasto ai pregiudizi medioevali, sbagli, ma non riesci a rendertene conto. Io mi sono sentito male per il freddo e lo sforzo. E’ chiaro che tu non vuoi aiutarmi, ma te ne pentirai”. Disse il nobiluomo alludendo alla promessa modifica del testamento.

San Pietroburgo Luigi Premazzi Museo dell'Ermitage

NUOVI PENSIERI FRULLANO NELLA TESTA DEL NOBILE ANDREIJEVIC
Per i suoi ultimi anni di vita aveva solo bisogno di una persona di fiducia, ed ora che aveva intuito quanto affetto nascosto potevano celare i modi freddi di quella povera cameriera, le era venuta un’idea.
Probabilmente la madre aveva informato Janje di quanto era accaduto tra loro, ma quella gente era forte e orgogliosa; volevano ottenere chiedendo il meno possibile. Sarebbe stato molto piacevole poter aprire il suo vecchio cuore alla fanciulla che tanto gli ricordava la madre; ma questa volta solo per puro affetto paterno.
E poi a chi mai avrebbe lasciato i suoi averi ? Quel Junker non meritava nulla, nemmeno le briciole, era solo stupido e superstizioso. Oppure si, giusto le briciole per assicurarsi la sua assistenza sino alla fine.
Sto diventando vecchio e debole.

Questi erano i pensieri del vecchio Carl; mai da giovane avrebbe ceduto le sue sostanze ad una “servetta”; seppure fosse stata sua figlia.
-Mi sto adeguando ai tempi, sto arrendendomi alla rivoluzione francese? Ho ancora dei dubbi, ma non ho figli, dalla famiglia mi sono allontanato per sempre dopo essere stato costretto a studiare per divenire cardinale. E ora come prelato che ha lasciato la toga non sarò mai riaccettato e il mio cuore mi suggerisce di seguire il mio istinto; anche contro i principi dei miei avi-. Questo era quanto vorticava nel cervello del vecchio nobiluomo; mentre aspettava il medico.
Il dottore entrò nel palazzo proprio in quel momento, interrompendo quei pensieri “scandalosi”.
Dopo una visita accurata il dottore, anche compagno di caccia del nobiluomo, espresse il suo parere: “Carl devi rassegnarti al fatto che non sei più giovane, non so quale sforzo sia stata la causa del tuo malore, ma è evidente che il tuo vecchio cuore non può più permettersi di sopportare certe fatiche. Promettimi che da oggi limiterai la tua attività fisica alle passeggiate in giardino senza più lavorare nella serra quando fa caldo o seguire l’addestramento dei cani. Se mi ascolti abbandoni anche la caccia, ormai è troppo faticosa per te”.
“Certo la fate facile voi, dottori, basta non bere, basta mangiare brodini, basta donne e, adesso, anche basta caccia. Ma non è forse meglio morire prima, mangiando a piacere e gozzovigliando anche con il sesso?. Meglio morire contento che vivere sempre scontento!”.
Ma mentre diceva queste parole a voce alta, dentro di se stava pensando: -E se rinunciassi a tutto e mi guadagnassi l’affetto di quella figlia mai riconosciuta? Forse la vita non è fatta solo di tradizioni, apparenze e ricchezza, forse gli affetti non sono solo un racconto per donnicciole…-. E con questi pensieri per la testa si avviò nelle sue stanze.

San Pietroburgo, Monumento agli "Eroici difensori di Leningrado", ingresso.
San Pietroburgo, Monumento agli “Eroici difensori di Leningrado”, ingresso..

DUE SECOLI DOPO. NEL “MEDESIMO [?]” PALAZZO LA NEO SPOSA INCONTRA LA SUA STALINGRADO.
Superati oltre due secoli, eccoci ai giorni nostri all’interno di uno dei fastosi palazzi di San Pietroburgo, forse quello di fianco o il medesimo di quello nominato sopra?
Passò poco tempo e la neo sposa Jaqueline cominciò a dubitare seriamente del fatto che Emanuel fosse l’uomo premuroso ed attento che aveva conosciuto prima del matrimonio. Un mese dopo la fine della luna di miele il marito si era rivelato distratto e occupato in quelli che lui chiamava affari in giro per il mondo. Jaqueline lo minacciò di riferire tutto a suo padre, ma Emanuel sapeva bene quanto poco suo suocero volesse occuparsi della figlia, così pensò che sarebbe bastato isolarla nella lussuosa residenza di S. Pietroburgo.
Ora Jaqueline poteva parlare con l’esterno solo alla presenza del marito a causa di un presunto terribile esaurimento nervoso. Emanuel aveva scelto medici e servitori adeguati, tutti personaggi legati in qualche modo ad una totale fedeltà nei suoi confronti.
IL GHIACCIO ENTRA NELL’ANIMA DI JAQUELINE
L’anima di Jaqueline si era ghiacciata come il lunghissimo inverno di San Pietroburgo. Non riusciva ad intravedere alcuna via di scampo. Il padre non aveva risposto alle sue commuoventi lettere; forse non le aveva mai ricevute e, stranamente, non rispondeva nemmeno alle telefonate. Forse le aveva mandato un messaggio , che non le era mai arrivato, sul cambio di numero?
Nemmeno l’immenso albero di Natale, addobbato con cristalli Swarovski nel suggestivo giardino del palazzo, riusciva a placare il terrore che si era impadronito di lei soprattutto nelle lunghe notti insonni.
Aveva letto su Vogue, che la donna più scandalosa di Russia, la ballerina che fu amante di Nicola II, usava addobbare il suo albero di Natale con decorazioni dorate, pere di cristallo e, nella parti più basse i balocchi acquistati presso le bancarelle del Campo di Marte. Così aveva ordinato a Swarovski di creare per il suo gigantesco albero le medesime decorazioni.
Voleva stupire tutti quelli che fossero passati nei dintorni, ma l’albero si vedeva anche dall’altro lato della Neva.

Tornando alla nostra Jaq, abituata alla luce dei riflettori ed a vedere accontentato ogni suo capriccio, la sua autostima pretendeva ben altro di un albero di Natale unico.
All’improvviso la sua autostima crollò drasticamente. Non aveva nessuno con cui confidarsi e di cui fidarsi. Le poche “quasi” vere amiche raggiunte al telefono, dopo avere sentito solo raffiche di lamentele concitate, si erano convinte che Emanuel avesse ragione; Jaqueline era improvvisamente impazzita.

GHIACCIO 672 INVERNO ACQUA

LE TRINCEE NEL TERRENO GHIACCIATO, LE DONNE CHE LE DIFESERO SINO ALLA MORTE E LA REAZIONE DI JAQUELINE QUANDO LESSE QUESTI FATTI.
Conoscendo il russo, Jaqueline era in grado di leggere tutti i libri della preziosa e rara biblioteca di famiglia. Alcune frasi ebbero un grande impatto psicologico sulla donna abituata a una vita di agiatezze e smossero l’orgoglio, calpestato, di Jaqueline.
Tra le tante, queste frasi rimasero impresse nella sua mente: “La città di Leningrado resistette ad un esercito di proporzioni enormemente superiori, anche come munizioni, senza avere nessuna fortificazione, ma solo con la forza e l’eroismo dei suoi abitanti e soldati. Impossibile tralasciare una particolare menzione in ricordo dei soldati siberiani che dopo dure marce di avvicinamento scavarono nel terreno ghiacciato trincee, combattendo e vincendo la terribile battaglia che vide i tedeschi tanto vicini all’ultimo confine rappresentato dal fiume. I più morirono, durante tre giorni di incessanti bombardamenti e cannoneggiamenti, insieme alle donne delle fabbriche che lasciavano la loro postazione solo quando morivano, sempre rimpiazzate da altre…”.
JAQUELINE CAPISCE CHE LA VITA E’ FATTA ANCHE DI LOTTE
Superati i primi terribili mesi nei quali aveva orribilmente sofferto, Jaqueline prese coscienza della cruda e dura realtà e decise di fingere di adattarsi a quel momentaneo stato di prigionia.
Si convinse, quindi, ad ingannare se stessa per vivere una favola immaginaria. Aggirandosi nei saloni si fingeva l’erede diretta dello zar e così, in questa veste, cominciò a scrivere le sue “memorie” basandosi sui libri che leggeva in biblioteca. In realtà quello che scriveva, se letto con un codice da lei ideato, narrava quanto le stava accadendo.
La sua improvvisa calma, riferita puntualmente al marito, insospettì Emanuel che immediatamente telefonò al suo cameriere: “Devi far mettere venti gocce di quel medicinale che sai nella tisana serale di Jaqueline”.
Forse la sua cameriera sbagliò la dose e fu così che lei si accorse dello strano sapore della bevanda, ma finse di berla.
La sera seguente seguì la cameriera e la vide mentre aggiungeva le gocce alla sua tisana. Non disse nulla, si mostrò assonnata, stanca e addormentata sui libri. In realtà proseguiva i suoi studi in biblioteca. Scoprì così che il palazzo aveva un passaggio segreto verso l’esterno.

Leggendo il libro di Arienne Sharp “La ballerina dello zar”, Jaq ebbe anche l’occasione di darsi una seria infarinatura dei fatti storici russi precedenti la rivoluzione. La storia della ballerina Mathilde Kschessinka, figlia del grande Felix Kschessinsky, che danzò per quarant’anni per gli zar, è libro ricco di pettegolezzi sulla vita controcorrente e scandalosa della ballerina, ma anche generoso di particolari storici. Nel leggerlo, a Jaueline, non fu difficile immedesimarsi nella protagonista e nei suoi scandali, ma rimase anche impressionata dalle sue sofferenze.

ACQUA GOCCIA 672 VARIO BLU K
JAQUELINE RICONQUISTA LA LIBERTA’
Aveva riconquistato la libertà, ma finse che tutto fosse come prima. Ora sarebbe stata in grado di mettere a punto la sua vendetta.
Dormiva molto durante il giorno e poi, dopo essersi ritirata presto la sera nelle sue stanze, usciva.
Il travestimento era perfetto: parrucca e trucco la rendevano irriconoscibile. Cominciò a frequentare i salotti che contavano in città facendosi passare per una stravagante ereditiera.

All’arrivo del marito, una delle rare volte che tornava a palazzo e in Russia, lo accolse una donna irriconoscibile: “Bentornato caro, scusami, ma il dovere mi chiama non posso più stare lontano dai miei libri, se hai bisogno di me chiama la cameriera, se non dormo mi avviserà”. Queste furono le uniche parole che gli rivolse. Continuò a mostrarsi stanca, assonnata e disinteressata a tutto ciò che era estraneo agli studi in biblioteca; tanto che Emanuel non fece altro che compiacersi con se stesso.

LA LETTERA AL PADRE
Durante una delle sue uscite segrete Jaqueline riuscì a spedire personalmente, l’ennesima lettera al padre spiegando tutto e pregandolo di non intervenire direttamente, ma di appostare sempre due guardie fuori dall’ingresso segreto del palazzo. Il padre finalmente ricevette e credette alle lettere, si commosse e l’accontentò; come sempre era accaduto in passato.

Finalmente Jauqeline aveva trovato qualcosa che la assorbiva completamente, assecondava la sua fervida fantasia e soddisfaceva la sua ambizione di forti emozioni; preparare una crudele vendetta contro suo marito e ritrovare la Stanza dell’Ambra.
Aveva letto le versioni ufficiali inerenti la Stanza dell’Ambra e la sua misteriosa sparizione ed era decisa a svelarne il segreto e farsi giustizia da sola; da brava discendente dei cow-boy americani.

AMBRA 672 collane Ermitage

LA STORIA DELLA STANZA DELL’AMBRA.
Lo zar Pietro I° il Grande ricevette in dono la Stanza dell’Ambra dal re di Prussia Federico Guglielmo I° e ricambiò con un intero corpo di guardia formato da soldati russi di statura gigantesca.
Il valore commerciale attuale di questo capolavoro, eseguito nel 1709 da artigiani di Königsberg, può essere valutato intorno ai 60.000 milioni di euro c.a.. Si tratta di pezzi d’ambra finemente lavorati e montati su telai di metallo progettati per rivestire un’intera stanza. Oggi, purtroppo se ne può solo ammirare la copia; rifatta secondo le poche foto rimaste dell’originale. La Stanza dell’Ambra è, a ragione, considerata l’ottava meraviglia del mondo e la testimonianza del favoloso e terribile passato della storia russa.
I fortunati turisti moderni possono vedere la preziosa Stanza nel Palazzo d’estate di Caterina, a Pšhkin (oggi: Tsarskoye Selo località vicino a San Pietroburgo), circondato da grandi parchi e dalla frescura di vecchi tigli. Qui passeggiarono Tolstoj, Aleksandr Blok, il compositore Gavriil Popov e la moglie, Boris Asafjev e probabilmente anche tutti i grandi della vicina Leningrado.
Pšhkin fu occupata durante l’assedio di Leningrado, quando le truppe tedesche arrivarono sino ai sobborghi meridionali della città; nel settembre del 1944.
Le SS rimossero La Stanza dell’Ambra dal Gran Palazzo di Caterina e la portarono, secondo numerose testimonianze, nel castello di Königsberg, dove molti sostennero fosse bruciata.
Al contempo, testimoni altrettanto credibili, parlarono di un altro nascondiglio prima che il castello fosse bruciato, per la seconda volta dai russi; poco tempo prima lo fu, parzialmente, per mano tedesca.
A questo proposito il curatore d’arte dei palazzi zaristi A.Kurchumov affermò che tra i resti dell’incendio non vi era traccia d’ambra. Di fatto l’ambra bruciata poteva avere lasciato solo tracce praticamente invisibili tra i rimasugli dell’incendio.
Altri sostennero la tesi di un rocambolesco viaggio verso una lontana meta prima dell’assedio al castello.
Sta di fatto che la stanza scomparve, numerosi libri sono stati scritti e centinaia di testimonianze vagliate; non mancano nemmeno morti sospette, testimonianze negate o di fantasia.
Numerosi abitanti del luogo, sostennero di aver visto affondare, con la protezione delle SS, decine di casse misteriose nelle acque del lago Toplitz, in Austria; a 100 chilometri da Bertechsgaden, il “Nido d’aquila” che fu residenza estiva del Fürer.
Tra le tante ipotesi non si è mai scartata la possibilità che le casse contenenti la Stanza dell’Ambra fossero state affondate da una nave russa per non lasciarle cadere in mano tedesca.
Altri parlarono di una miniera vicino a Göttimgen, quale ultimo rifugio, fatta saltare deliberatamente.
I più fantasiosi sostengono la tesi che, ancora oggi, si trovi in un sotterraneo di miliardari texani.
Il giornale italiano La Repubblica del 17 maggio 1997 riportò che uno dei soldati tedeschi addetti allo smantellamento della Stanza nel Palazzo d’Estate di Caterina aveva lasciato in eredità i mosaici di pietra dura fiorentini che decoravano la stanza dell’Ambra; rubati durante il trasporto verso il castello di Königsberg.
Nel 2008 il governo di Mosca denunciò ufficialmente la sparizione di 50 mila “pezzi” dai propri musei: gioielli della corona, preziosissime icone, medaglie della Seconda Guerra Mondiale e argenteria; il tutto per un valore di diversi milioni di dollari, ma nemmeno un indizio riguardo alla Stanza dell’Ambra. Le opere, secondo Mosca, furono trafugate o perse durante i trasferimenti alla fine dell’era sovietica. Pare che la mancata informatizzazione, ed una catalogazione antiquata, siano i motivi di tanto ritardo nella scoperta dei fatti.
Ovviamente viene il dubbio che i ritardi abbiano fatto comodo a qualcuno.
I musei che hanno subito i furti, sono i più importanti: dall’Hermitage al museo Etnografico di San Pietroburgo, ai musei dell’Altaj e della città di Novokuznetsk. A questo riguardo solo due uomini sono stati arrestati, padre e figlio parenti della curatrice dell’Hermitage di San Pietroburgo che, secondo le cronache, per il dolore sarebbe morta d’infarto.
Gli oggetti trafugati, del valore di cinque milioni di dollari, furono venduti al Monte dei Pegni.
Queste sono le deboli tracce lasciate dalla Stanza dell’Ambra e da altri preziosissimi reperti di grande valore storico e artistico.

Vario 672 rosa ok arte vb
JAQUELINE DOPO LE LETTURE SULLA STORIA DELLA STANZA DELL’AMBRA. UNA DONNA NUOVA.
Tutte le ipotesi formulate sui vari testi, riguardo la Stanza dell’Ambra, stimolarono la fervida fantasia di Jaqueline che decise di approfondire l’argomento: lei l’avrebbe trovata e se ne sarebbe impossessata.
La Stanza era divenuta la sua ossessione; un presentimento le diceva che la Stanza dell’Ambra non era stata distrutta e che lei l’avrebbe avrebbe scoperto il nascondiglio.
Ora era lei che addormentava la servitù di notte, dopo essersi fatta “amica” di una cameriera della quale aveva scoperto un amante segreto.

EMANUEL A HOLLYWOOD
Emanuel aveva come base la villa che Jaqueline possedeva a Hollywood, con il beneplacito del padre di lei, circondato da numerose starlette e sempre più raramente affrontava il viaggio a San Pietroburgo.

IN UNA GELIDA NOTTE NELLA BIBLIOTECA DEL PALAZZO DI SAN PIETROBURGO
Fu durante una freddissima notte, del suo primo inverno russo, che Jaqueline trovò una parte di quello che cercava: uno strano testamento, scritto su pergamena, probabilmente appartenuto ad un pro-zio di suo marito. Parlava di quando le truppe tedesche entrarono nel Palazzo di Caterina a Pšhkin e di come la Stanza dell’Ambra fosse stata imballata, insieme ad altri grandi capolavori, e spedita altrove.
Si accennava ad un furto; una sostituzione e un enigma che doveva essere risolto. Seguiva un racconto di fantasmi e streghe che popolavano il palazzo, i parchi di San Pietroburgo e della vicina Pšhkin, di uscite segrete e morti che parlavano attraverso le pareti dove erano stati murati vivi perché non rivelassero un segreto.

TORNA EMANUEL
Una notte Emanuel tornò all’improvviso: “Sei impazzita perché picchi il muro della tua stanza? E che ci fanno qui queste guardie armate?”. Prontamente Jaqueline spiegò: “Queste guardie sono pagate da me perché mi devono aiutare nella ricerca dei fantasmi che abitarono il palazzo”.
Emanuel, ormai certo che la moglie delirasse a causa della lunga cura di tranquillanti, accettò di buon grado questa spiegazione. Comunque lui aveva già fatto accurate ricerche riguardo la stanza dell’ambra ed era certo che la moglie non avrebbe avuto nulla da scoprire. Ammesso che ne fosse a conoscenza.
Da allora anche le guardie di Jaqueline accettarono, apparentemente, di riferire sempre a Emanuel le mosse della moglie.
Emanuel, come sempre, si stancò presto della monotonia della vita in quel palazzo e tornò presto negli Stati Uniti.

Ora Jaqueline si sentiva molto sicura e poteva raddoppiare l’intensità delle sue ricerche. Contemporaneamente cercava di mettere a punto la sua vendetta.
Cominciava anche ad apprezzare il fascino del lungo inverno russo, se ne stava seduta sulla panca all’interno di un monumentale camino nella sua stanza preferita; leggendo e scrivendo. Sempre alla ricerca di nuovi chiarimenti per raggiungere il suo scopo.
Indubbiamente aveva anche un poco di nostalgia dei miti inverni californiani, ma aveva deciso di risolvere, a modo suo, il mistero e portare a termine la sua vendetta; e questo suo nuovo modo di vivere la intrigava moltissimo.

varie 672 ghiaccio neutro j
IL GHIACCIO SULLA NEVA SI SCIOGLIE; COME IL CUORE DI JAQUELINE
All’arrivo della primavera, la magia del ghiaccio lasciò il posto ai primi, timidi, fili d’erba. Dagli alberi spuntarono le foglioline verde chiaro e quando sbocciarono i primi fiori nei giardini, il medico di fiducia di Jaqueline, completamente conquistato non tanto dal suo fascino, ma dai luccicanti Rolex d’oro regalatigli, era diventato il suo amante.
Passarono notti di fuoco, facendo l’amore anche con belle turiste ed aitanti guardie del corpo; in città per accompagnare qualche neo-ricco in trasferta; incontrati nei più esclusivi locali della città.
A Jaqueline piaceva molto e non avrebbe mai pensato di essere gelosa dei compagni e delle compagne amorevolmente condivisi per puro divertimento, ma non aveva mai sopportato che un suo fidanzato non la facesse partecipe delle proprie stravaganze sessuali.
Intanto la “neo-zarina-Jaqueline”, in incognito e irriconoscibile, continuava a frequentare le feste nei salotti buoni della città e fu così che conobbe un nobile giovane, bello, sensibile e intelligente che subito cancellò ogni ricordo dell’interessato medico; il quale si consolò, prontamente, con una nobildonna più anziana, ma ancora più generosa di Jaqueline.
Ora la bellissima Jaq non si sentiva più sola, forse aveva trovato qualcuno con cui condividere i suoi progetti, ma per il momento decise di tacere.

JAQUELINE CONTINUA A LEGGERE CERCANDO INDIZI.
“L’improvvisa aggressione tedesca sorprese le truppe russe negli accampamenti e molti aerei furono distrutti negli aerodromi”. Jaqueline più leggeva e rileggeva, più desiderava approfondire l’argomento, per lei così tanto lontano dalla sua realtà.
Del libro “L’epopea di Leningrado” ricordava, ormai quasi a memoria, alcuni tratti: “Nonostante tutto…il generale delle SS Halder scrisse: -Le notizie dal fronte confermano che i russi si battono dappertutto fino all’ultimo uomo..-, ma a due settimane e mezzo dall’inizio della dichiarazione di guerra le SS si erano impossessate di quasi tutti i Paesi Baltici e si trovavano già nella regione di Leningrado dove le fortificazioni, a suo tempo approvate, erano lontane dall’essere terminate… dal 30 giugno al 6 luglio 1941, 97 mila cittadini, su 200 mila, si offrirono volontari, furono arruolati come milizie popolari…La città venne mimetizzata per confondere gli aerei nemici…dall’alto i tetti apparivano giardini e parchi… i tetti vennero rivestiti di materiale ignifugo… vennero costruite fortificazioni, ricoveri blindati, fossi anticarro. Tutto venne utilizzato: cemento armato, tubi… e anche le fognature.
In luglio e agosto i tedeschi attaccarono la città con 1.600 bombardieri, ma solo 28 raggiunsero Leningrado; gli altri furono abbattuti.
Agosto e settembre videro anche un massiccio attacco via terra. Nonostante l’inferiorità russa, il nemico riuscì ad avanzare solo -molto lentamente e con gravissime perdite-.
Nel frattempo la città venne trasformata in un forte inespugnabile. Da settembre a novembre vi caddero 3.000 bombe dirompenti e 2.063 persone morirono.
Tutto avvenne mentre il compositore Dmitrij Dmitrievič Šostakovič (1906-1975) incominciava a scrivere la sua “Settima sinfonia”, interrompendo il lavoro, ad ogni allarme aereo, con due A sullo spartito.
A proposito di queste dure offensive, sempre respinte, il generale Tippelskirch disse: -…a causa di una accanitissima resistenza dei difensori rafforzati dai fanatici operai di Leningrado, l’atteso successo venne meno-“.

San pietroburgo Ermitage di notte blu
OGNI SERA JAQUELINE…SI TRASFORMAVA IN UNA MISTERIOSA BRUNA STRANIERA
Ogni sera, una volta chiusasi nelle sue stanze, Jaqueline cominciava una lunga vestizione preceduta da un bagno caldo nella spaziosa vasca Jacuzzi immersa in acqua arricchita da uno speciale olio da bagno proveniente dalla sua spa preferita: il Grand Hotel Sonoma Inn a Sonoma Valley a nord di San Francisco.
Terminato il bagno, Jaqueline si avvolgeva in un accappatoio con l’interno in morbida spugna e l’esterno di luccicante ciniglia di seta verde-acqua che metteva in risalto il colore dei suoi occhi.
A Hollywood la sua stilista personale le aveva insegnato anche i segreti dei grandi truccatori; nozioni che divennero utili per modificare completamente il suo aspetto: una parrucca nera a caschetto era il primo, efficace, trucco. Con un apposito pennellino rendeva folte e scure le sopracciglia bionde, con una grossa linea di eye-liner scuro allungava modificando la forma degli occhi che scuriva con le lenti a contatto. La bocca era resa più evidente con una matita water-proof rosso squillante e relativo rossetto.
Gli abiti che indossava erano quelli acquistati per puro divertimento, durante i suoi shopping compulsivi americani.
Tallieurs neri molto aderenti, con spacchi vertiginosi nella gonna e calze di seta nera, la rendevano ulteriormente irriconoscibile. L’alternativa erano tubini neri molto accollati, ma con spacchi provocanti su calze a rete o pizzo; rigorosamente nere.
Il tutto veniva accuratamente coperto da splendidi mantelli di leggerissimo zibellino: erano abiti e pellicce acquistati a Los Angeles nell’ingenua idea di stupire un marito innamorato.
Ormai conosceva tutta la San Pietroburgo che “contava”, non i nobili che aveva sognato, ma uomini d’affari, senza scrupoli, disposti a tutto pur di avvicinare una donna tanto affascinante e misteriosa.
Questo tipo di vita appagava l’irrequieta Jaqueline.

0 672 soldi-ARTE-PIATTO-SANGUE-SOLDI500X300

UNO STRANO EPISODIO
Solo uno strano episodio le tolse, per poco, la serenità raggiunta.
Una sera, davanti ad un ristorante, mentre la guardia del corpo andava a parcheggiare l’auto, Jaqueline decise di fare due passi da sola; la neve e il ghiaccio coprivano tutto, attraversato il grandioso viale, la grande cupola illuminata della Cattedrale di Sant’Isacco e il fiume Nieva gelato, le regalarono un momento di solitudine e libertà; un brivido di felicità la pervase.
Nel cielo nero, nonostante le luci della strada, si intravedevano le stelle e lei si soffermò a cercare il grade carro; una delle poche costellazioni che conosceva.
All’improvviso due tipi alti e vestiti di nero la bloccarono e tentarono di infilarla in un’auto con il motore acceso. Per fortuna, proprio in quel momento, apparve un gruppo di amici che si stava avviando al ristorante. Le loro guardie del corpo udirono le sue grida soffocate e intervennero immediatamente bloccando gli assalitori ma, deliberatamente, li lasciarono poi fuggire.
Jaqueline spaventata, anzi sconvolta, ringraziò i suoi salvatori e li invitò al suo tavolo. Fu una bella serata; i nuovi amici simpatizzarono subito con gli altri che attendevano Jaqueline la quale, dopo i primi due bicchierini di vodka, dimenticò ogni paura.
La cena al ristorante Stroganoff Steak House, uno dei più famosi di San Pietroburgo per alcune sue specialità, fu di ottimo livello.
Iniziarono tutti con il King Crub della regione di Kamchatka; servito con caldi blinis e caviale; poi ognuno ordinò il suo piatto preferito tra quelli in menù e finirono con degli strepitosi babà pieni di forte rum della Giamaica (preparati appositamente secondo le indicazioni che Jaqueline dava ogni volta che prenotava quel ristorante).
Fu l’ultima volta che Jaqueline mangiò il King Crub; anche se quello del ristorante proveniva da pesca legale. Proprio il giorno dopo, la golosa Jaqueline, lesse su internet alcune notizie sulla pesca pirata di questo meraviglioso, e buonissimo, granchio a rischio estinzione.
Da quella sera Jaqueline si fece sempre accompagnare, sino all’interno dei vari locali, da una delle guardie private e piano, piano dimenticò il brutto episodio.Ma rimase il dubbio se dietro quell’aggressione non ci fosse qualche conoscenza di suo marito.

0 672 varie blu ok arte ghiaccioconsfoviolaOK
ESISTONO CONFINI TRA LA NOSTRA ASSURDA ABBONDANZA E L’ASSURDA MISERIA MORALE DI MOLTA PARTE DELL’UMANITA’? 200 CHILOMETRI DI STRADA COSTRUITA TRA TEMPESTE DI NEVE E BOMBARDAMENTI E POI IL LAGO LADOGA GELATO…UNA STARDA PER LASCIARE ANCORA UN POCO DI SPERANZA AD UNA LENINGRADO ALLO STREMO.
Esistono confini per la nostra assurda abbondanza o per l’assurda miseria morale dell’umanità? Comunque non dobbiamo smettere di sperare che l’uomo, con le infinite risorse che ha ben dimostrato di possedere nei momenti più bui della storia, sappia andare oltre l’immaginabile, anche nei suoi comportamenti positivi! I 900 giorni della resistenza di Lenigrado ne sono la prova.
Già nell’antichità durante la battaglia delle Termopili, un piccolo esercito di eroi, coraggiosi e ben motivati riuscì a tenere in scacco i persiani, il più grande esercito dell’epoca!
Jaqueline continuava a ripensare a queste ed altre frasi, lette nei libri della biblioteca, che l’avevano particolarmente colpita.

La primavera e l’estate erano ormai un lontano ricordo e l’inverno si presentava più lungo e più freddo del solito. Proprio come quello del 1942-43 quando i sovietici costruirono, tra l’altro, una strada di comunicazione sul ghiaccio del Lago Ladoga, nonostante i continui bombardamenti nemici. Chi conosce i particolari di questa vicenda la annovera tra le grandi opere umane al limite del possibile. Anche bambini, donne, uomini e merci vennero bersagliati dal fuoco nemico mentre erano trasportati lontano dall’assedio di Leningrado ma, a dispetto delle SS, molti giunsero salvi alla meta.
I 200 chilometri di strada costruita tra tempeste di neve e bombardamenti, attraverso boschi e paludi si prolungavano sul lago Ladoga gelato. Tutto ciò permise, a fine novembre, di portare nella città ormai priva di tutto, materiale per il riscaldamento, scorte di cibo superiori alle necessità previste e munizioni.
La primavera che seguì fu brevissima.
E venne l’estate con le sue meravigliose notti bianche e gli stratosferici colori dell’aurora boreale. La magia che il grande nord regala ai suoi abitanti; quasi voglia farsi perdonare la durezza dell’inverno.
Persino durante il grande assedio di Leningrado la bella stagione donò momenti magici ai suoi abitanti; descrizioni che Jaqueline leggeva e memorizzava assai facilmente:
“…una primavera di calma e distensione. Nei Giardini d’Estate campi di cavoli sostituivano le distese erbose. Tra le batterie contraeree sul Campo di Marte, crescevano appezzamenti di patate. Qua e là spuntavano piccoli cartelli “Orto di Kozin”, “Orto di Aleksandr Prokofjev”… Sulla scalinata della cattedrale di Kazan bolliva un samovar di rame e le donne bevevano tè fatto di chissà quali erbe. Tutti si confezionavano sigarette con pezzi di carta strappata da vecchie copie della Pravda. Le accendevano sfruttando il riflesso del sole in una lente. I tram… spesso si fermavano per i cannoneggiamenti..[ma] la morte era meno frequente… Luknitkij…vide soltanto due cadaveri [!]. Certo, la gente era magra e tesa… molti avevano le guance arrossate dal sole estivo… Troppi erano morti… Ai muri delle case erano affissi elenchi di piante selvatiche commestibili, con tanto di disegno… La casa degli scrittori… era di nuovo pulita, non più cadaveri nei ripostigli”.
La città e la sua storia avevano tanto affascinato Jaquelne, che lo studio di quest’ultima era divenuto, per la ex regina del gossip, una vera ossessione ed i suoi punti di riferimento stavano coambiando.
NOTA N° 3:
Le frasi tra virgolette sono tratte dal libro “L’epopea di Leningrado”; già tradotto da Bompiani, successivamente riproposto in Italia da Salisbury.

CH 672 varie inverno ghiaccio montagna neve ghiacciaio-della-Jungfrau-682x1024
LE DOMADE DI JAQUELINE SULLA STANZA DELL’AMBRA. JAQUELINE NON E’ PIU’ SOLO LA DONNA FRIVOLA DI UN TEMPO.
Se di notte Jaqueline rimaneva la donna frivola e capricciosa, di giorno quando non dormiva o leggeva, aveva cominciato a girare per la città con un paio di jeans stracciati ed una semplice t-shirt bianca; interrogando le poche persone sopravvissute ai fatidici 900 giorni ed alla vecchiaia. Registrava le loro storie e le trascriveva.
Ovviamente faceva molte domande sulla sparizione della Stanza dell’Ambra, ma le risposte o erano negative o parevano frutto di una interminabile fantasia.
Secondo qualcuno la Stanza dell’Ambra era stata rubata alle SS e sotterrata in una delle tante fosse comuni.
Un’anziana babushka di Pushkin, assai rotondeggiante, ma con le guance “divorate” dagli anni e dalle fatiche, raccontò di avere visto, la notte prima del presunto trasporto del tesoro da parte delle SS, degli uomini incappucciati scaricare grandi contenitori in un magazzino di fronte a casa sua.
Un uomo raccontò che la Stanza era stata portata in salvo dai compagni che erano riusciti a sottrarre il tesoro, già imballato, con un aereo da guerra oltre le linee nemiche verso Irkutsk, in Siberia, dove era stato seppellito sulle sponde del lago Baikal. La medesima persona sosteneva anche che i tedeschi quando si accorsero del furto, per non subire le punizioni dei superiori, prepararono casse identiche, riempite di legna.
Altri ritenevano di aver visto le casse salire verso il cielo nella notte stellata che precedette la loro spedizione ufficiale, chi gridava al miracolo divino, chi alla magia di una strega del luogo.
Alcuni parlavano di un mago che aveva predetto, molti anni prima, il furto di un bene preziosissimo e legato ad una maledizione.
Molti concordavano sul fatto che le casse si erano misteriosamente duplicate e che solo quelle riempite con assi di legno fossero state regolarmente spedite dai tedeschi il giorno dopo.
La teoria più comune era che qualcuno avesse trafugato le casse, che quelle spedite dai tedeschi, in treno, contenessero solo strutture di metallo e legno.
I successivi trasferimenti della Stanza dell’Ambra, in castelli e cave, sarebbero stati solo considerati necessari per deviare le indagini.
Alla fine delle sue ricerche Jaqueline concluse che, sia i russi che i tedeschi, dimostravano di voler più complicare che favorire le ricerche. Forse, erano entrambi complici della sparizione. Si erano spartiti il bottino? Qualcuno, minacciando, era sempre riuscito ad evitare che la verità emergesse?
Se era sopravvissuta dove si trovava oggi la Stanza dell’Ambra?
Jaqueline si ripromise, ancora una volta, che il ritrovamento della Stanza dell’Ambra, o almeno di qualche sua parte, sarebbe divenuto il suo obbiettivo principale, insieme alla vendetta verso suo marito.
“LA DIFESA DI LENINGRADO 1941-44” Di: N.Baliasnikov.
Jaqueline continuava a leggere; “La difesa di Lenigrado1941-44” di N.Baliasnikov: “Nonostante le privazioni i cittadini lavorarono e continuarono a produrre negli stabilimenti, molti sino alla morte.”.
“…lavoravano sino all’ultimo respiro e morirono al posto di lavoro”.
“Il nostro campo di battaglia è il reparto”. “…gli operai decuplicarono le produzioni…”.
La sua lettura continuava, a volte, a notte fonda sino a che si addormentava direttamente con il capo sul libro e mentre dormiva nella sua mente si fissavano le frasi che l’avevano più colpita: “nel dicembre del 1941 le truppe sovietiche avanzarono da 100 a 120 chilometri riportando il nemico sulle linee di metà ottobre”.
La situazione fu descritta così da un generale: “…inizio della prima grave crisi che investì tutta l’armata tedesca dell’est. I sogni di una rapida vittoria si dissolsero come fumo”.
“Nel frattempo a Leningrado si formarono delle squadre di tiratori scelti e per questo venne creata una scuola utilizzando fucili muniti di cannocchiali. I nuovi esperti si avvicinavano alle linee del nemico costringendolo nelle trincee e scoprendo la localizzazione dell’artiglieria nemica, con il risultato che i cannoneggiamenti sulla città diminuirono”.
DIARIO DA TENERE NEL NASCONDIGLIO SEGRETO.
Oggi ho scoperto la sua passione per il balletto e la musica: “Sai che sono orgoglioso di sapere che stiamo camminando sul suolo dove Serge Djagilev portò sul palco i ballerini Anna Pavlova e Vaslav Fomich Nijinsky ? Era il 19 maggio 1909 e nascevano i Ballets Russes. Successivamente Serge Djagilev scoprì Igor’ StravinskiJ, cui commissionò “ L’Uccello di fuoco “ e sai che durante l’assedio dei 900 gioni, Dmitrij Šostakovič compose la fiabesca “ Sinfonia di Leningrado, scrivendo delle A sullo spartito ogni volta che era interrotto a causa degli allarmi anti-bombardamento ? ”.
Mentre parla mi guarda e pare che mi voglia mangiare con gli occhi! Tutto ciò mi fa sentire bella e importante.
Si chiama Alex è bruno con gli occhi scuri, ha disperso le mie tenebre come un dio greco, sempre elegante, percepisce il mio umore come se mi conoscesse da tempo, non sono attirata tanto dal suo bellissimo corpo, quanto dalle sue attenzioni e dalla forza e sicurezza che emana.
Il suo sorriso è contagioso, la sua risata sempre squillante. E, pare, sia pazzo di me, come io di lui. Per la prima volta in vita mia ho capito cosa voglia dire essere innamorati.
Ora mi è chiaro che mio marito è stato solo uno dei tanti miei capricci; volevo dimostrare a me stessa che sarei riuscita a conquistare l’uomo più ambito dalle donne del jet-set. O forse, fu lui a decidere di volermi come moglie per i miei soldi, per le mie amiche e quelle di mio padre e io ci cascai da brava stupida qual’ ero allora.
Lui si faceva desiderare con le sue numerose assenze e io andavo in paranoia e soffrivo per la sua mancanza. Più ci soffrivo, più lui si divertiva ad assentarsi. Uno stupido gioco, che funziona sempre con donne che non conoscono questo genere di biechi trucchetti.
Con Alex tutto è diverso, lui non finge, lui non si fa desiderare, lui è sempre disponibile, cerca di capirmi; per quello che io gli permetto. Non chiede mai nulla, mai una spiegazione, mai una domanda imbarazzante. Forse tutto questo è un’abilità acquisita con il suo lavoro di importanti pubbliche relazioni? Dice di essere un collezionista d’arte; sarà vero?
Gli ho chiesto se è giusto essere così felici: “Per ora godiamoci i colori delle aurore boreali sulla Neva, mentre i ponti si sollevano ed abbassano lentamente quando guardiamo passare le grandi navi dalla cima della cattedrale di Sant’Isacco. Il prossimo anno partiremo anche noi su una di quelle navi da crociera ed io farò in modo che non te ne possa mai dimenticare”. Questa è la sua risposta.
La sera ci ritroviamo al fresco sotto la folta chioma secolare degli alberi dell’isola di Krestovsky ed io sono la donna più felice del mondo. Mi chiede sempre di come è andata la mia giornata ed io racconto volentieri: “Oggi sono stata a passeggiare in jeans, maglietta e una vecchia giacca a vento attraverso i parchi cittadini. Mi piace passare ore sulle panchine ammirando il trascorrere delle stagioni ed i grandiosi e edifici rispecchiati nella Neva. Per me questa città è come un’orchestra, dove tutto è splendida armonia; qui le stagioni si susseguono elegantemente come nelle Quattro Stagioni di Vivaldi. Ecco cosa penso di San Pietroburgo”. Lui sorride, mi ascolta e mi bacia.
Dopo il bacio, proseguo nel mio racconto giornaliero: “Ma lo sai che la mia vera passione, quando piove, è andare al Chocolate Museum? Oggi ho comprato questi cioccolatini al peperoncino, devi provarli sono veramente speciali e non guardare quel sacchetto, non è per te. Se proprio sei tanto geloso devo confessarti che si tratta dei cioccolatini riservati ai miei amici; vecchi e poveri.
Domani vado al Museo Etnografico, devo fotografare gli antichi abiti confezionati con pelle di pesce; ne voglio uno simile per il carnevale del prossimo anno.
Appena pioverà mi devi promettere che verrai con me al Museo Imperiale della Porcellana, all’interno dell’Hermitage, così mi aiuterai a trovare, tra i suoi 35.000 pezzi, un disegno che voglio far riportare sulle tazze della nostra colazione; cosa ne dici?”.
Mentre la nostra Jaqueline si occupa di porcellane e del suo nuovo amore, nella biblioteca del palazzo, continua a leggere la storia di Leningrado.

Grazie per la lettura e alla prossima puntata.

Tutti i diritti sono riservati e la proprietà
intellettuale appartiene a Grazia Seregni, ex legge 633/41 e successive modifiche.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*