La Stanza dell’Ambra 3a puntata – 2018

TERZO CAPITOLO

Tutti i diritti sono riservati e la proprietà intellettuale appartiene a G.Seregni, ex legge 633/41 e successive modifiche.

DUE SECOLI PRIMA. NEL MEDESIMO [?] PALAZZO DOVE VIVEVA JAQUELINE. UN NOBILUOMO E UNA, NON INSOLITA, STORIA CON LA SERVITU’. QUELLA SERA IL NOBILUOMO AVREBBE AVUTO MOLTO DA SCRIVERE NEL SUO DIARIO. UN INDIZIO?.

Prima che i comunisti sequestrassero il palazzo del duca Carl, Marcus, Claus… Andreijevic, von Guggheberg, l’ antenato di Emanuel, vi aveva scoperto un muro che risuonava come se dietro ci fosse il vuoto.
Una volta fatto demolire quel muro dalla sua guardia privata, che lo accompagnava sempre, il nobile Andreijevic incominciò a scendere i malconci e sporchi gradini. “Sembra che da qui non sia passato nessuno da qualche secolo”, disse alla sua guardia-cameriere che aveva avuto il “privilegio” di seguirlo.
Quest’ultimo doveva essere un discendente di quello speciale corpo di guardia che lo Zar Pietro I° il Grande, aveva regalato al re di Prussia Federico Guglielmo I° in cambio della Stanza dell’Ambra, o almeno ne aveva le medesime caratteristiche fisiche di altezza e potenza muscolare.
“Signor duca, io sento dei brividi e non di freddo! Perché non lasciamo ai posteri questa brutta scoperta?”.
“Voi ignoranti credete ancora alle streghe ed ai fantasmi. La scienza ha da tempo dimostrato che non possono esistere. Al limite troveremo qualche scheletro o forse un “tesoro”, asserì seccamente il nobiluomo. All’improvviso le scale finirono, un lunghissimo passaggio sotterraneo basso, ed in parte allagato, si offrì alla loro vista. Al primo passo entrambi inciamparono in qualcosa sotto il livello dell’acqua, provocando un rumore metallico. “Passami la torcia”, disse con tono imperioso l’anziano nobile.
I resti di una grande armatura giacevano sul fondo del rigagnolo. “Da questo elmo spunta una massa che sembra un rimasuglio di capelli. Pare un’armatura di un antico guerriero! Il copricapo assomiglia a quelli dei mongoli dell’epoca di Gengis Kan”, e così dicendo illuminò il lato destro dell’elmo dove vide un grosso foro apparentemente procurato da una mazza. “Quel poveretto è sicuramente morto per quel colpo, a meno che l’armatura non sia appartenuta ad altri precedentemente. Ma perché è stato ucciso ? Cosa faceva in questo cunicolo? Doveva forse sorvegliare qualcosa? Cosa, di preciso? O forse cercava qualcosa che non avrebbe dovuto trovare? “.
Il cameriere continuando a seguire i suoi pensieri rispose: “Quando non ci sono apparenti spiegazioni si tratta sempre di forze superiori. Io non ho paura di nessun umano, ma del mondo ultraterreno, che non ho mai conosciuto…signor duca io preferirei tornare alla luce del sole. Dobbiamo recuperare del cavolo nero fatto a pezzi e acqua fresca di fonte, tornando qui li butteremo nove volte dietro le spalle, senza voltarci e diremo -gettando questi cavoli libero me e i miei cari-. Poi lavandoci due volte le mani con l’acqua della fonte vicino al palazzo, cacceremo sicuramente questi fantasmi”.
“Taci Junker e cammina, io non ho alcun timore e tu sembri una donnicciola che crede alle streghe ed ai maghi”, tagliò corto Carl Andreijevic.
A queste parole la guardia, si sentì punta nel suo amor proprio e zittì immediatamente.
Junker era alto mt. 2,15 per un peso di centoventi chili di soli muscoli e ossa e nessuno lo poteva spaventare fisicamente, ma le paure ancestrali, si sa, sono un’altra cosa.
“Ora sono certo che questo viaggio sarà interessante, il mio fiuto aveva sentito bene, e tu Junker devi stare tranquillo. Vedrai che alla fine di questa “incursione” sarò in grado di spiegarti ogni cosa in modo razionale”; lo rassicurò il padrone.
Più avanti scoprirono un’altra armatura, sempre con un grande foro sull’elmo. -Può essere che qualcuno abbia avuto interesse a lasciare delle guardie armate nel sottosuolo, ma perché poi sono state uccise?-; si domandò l’anziano nobile.
Finalmente arrivarono alla fine del lungo passaggio. Ora il cunicolo si allargava in una grande sala dove altre armature, squarciate con delle lance, si presentavano sparse ovunque, così come alcune ossa umane molto mal ridotte.
Ma fu una indecifrabile scritta e la parola: “Mitra” (vedi nota n.° 2) che attirarono l’attenzione dell’anziano padrone.
“Signor duca qui non c’è altro che ferro vecchio e fantasmi! Andiamocene”.
“Tu vedi solo ferro e immagini di fantasmi; io vedo pezzi di storia e cerco spiegazioni”. Ribadì Carl Andreijevic.
“Qui tutto finisce non c’è nulla di interessante; non vedo nulla oltre questa spaventosa stanza!”; rispose il presunto discendente delle guardie dello zar.
“Picchiamo lungo tutte le pareti e vedrai che scopriremo dell’altro”.
Junker si mise diligentemente, ma svogliatamente, al lavoro continuando ad imprecare dentro di se: – Questi nobili sono più pazzi dei pazzi ricoverati nei manicomi e la loro presunzione li porterà alla rovina! -.
“Abbiamo praticamente sentito tutte le pareti e lei ha potuto verificare che mai hanno suonato a vuoto. Padrone andiamocene ora che siamo ancora vivi”.
“Aspetta, fammi salire sulle tue spalle, voglio provare a battere sul soffitto”. In questo modo ispezionarono ogni parte del soffitto, senza alcun risultato.
Ma proprio quando ogni speranza stava per essere abbandonata, picchiando contro un angolo del soffitto, il nobiluomo sentì un rimbombo. “Ecco ci siamo, la nostra ricerca deve continuare da questo angolo, passami il martello e tienimi ben salde le gambe sulle tue spalle mentre lavoro; l’emozione mi sta facendo dimenticare la stanchezza e il freddo, mi sento vicino ad una grande scoperta”.
E mentre cercava di allargare il più possibile il piccolo buco che era riuscito a creare nel soffitto, l’anziano duca si afflosciò tra le braccia di Junker che riuscì a non farlo cadere.
Il volto del vecchio era biancastro come quello di un cadavere, ma il cuore pulsava ancora. Junker pensò subito: “Ecco che si avvera la maledizione della quale avevo sentito parlare”.
Posò il suo padrone sul suolo, si tolse la giacca cercò di coprirlo al meglio. Arrotolò il suo maglione e ne fece un improvvisato cuscino. All’improvviso si ricordò di aver sentito dire che massaggiando il cuore si potevano “resuscitare i morti”.
Così cominciò a massaggiare la zona toracica del suo padrone.
Faceva questi movimenti per istinto, mentre sentiva il suo animo paralizzato dalla paura della grande maledizione.
– Non deve morire, mi ha promesso che avrebbe aggiunto il mio nome al suo testamento! -. Pensò Junker, appena fu in grado di pensare, continuando il rudimentale tentativo di rianimazione.
I risultati non si vedevano, il duca sembrava sempre più cadaverico, il suo cuore batteva sempre più debolmente…Junker si sentì preso dal panico.
– Qualcuno potrebbe dire che sono stato io ad uccidere il mio padrone. Tanto più ora che ho cominciato a raccontare in giro che mi avrebbe nominato nel suo testamento! Lo avevo ben detto che qui non si tratta di scoperte di segreti, ma di smuovere ciò che deve essere lasciato come è da secoli – continuava a rimuginare la guardia-cameriere.

AVVIENE UN “MIRACOLO” !

E avvenne il miracolo, i muscoli di un occhio del vecchio cominciarono a lavorare, piano piano anche i muscoli dell’altra palpebra si mossero nel tentativo di sollevarla. Gli occhi del duca si aprirono, seppur parzialmente, anche la bocca si aprì, ma non riuscì ad emettere alcun suono. La forte voce di Junker interruppe il glaciale silenzio: “Signor duca dica qualcosa”.
Intanto cominciò, con rinnovata energia a massaggiare tutto il corpo dell’uomo nel tentativo di riscaldarlo e riattivarne la circolazione.
Passarono alcuni lunghi minuti nei quali l’orecchio acuto del servitore percepì il lontano suono di gocce d’acqua cadenti e percepì anche la presenza di qualcuno o qualcosa che si muoveva.
“Padrone si svegli, dobbiamo scappare”; disse Junker.
La ripresa dell’uomo era troppo lenta, decise così di caricarselo sulle spalle e, con quel fardello, rifece tutto il cammino alla rovescia al massimo della velocità che gli fu possibile, mormorando formule magiche che ricordava appena: “Spiriti maledetti andatevene da questo posto so chi chiamare per distruggervi. Maledetti, scappate o vi manderò chi vi distruggerà per sempre…”.
Gridare e correre gli toglieva energie; così continuò camminando velocemente, ma in silenzio. Senza tuttavia smettere di mandare le maledizioni mentalmente.

RIENTRO NELLE STANZE DEL PALAZZO

Una volta arrivati al piano terra del palazzo, al centro delle grandi scalinate, chiamò la cameriera: “Irina, vieni subito il signore sta male! Irina corri e porta la cassetta del pronto soccorso”.
Le sue urla risalirono l’ampia rampa delle scale e attraversarono i grandi saloni. Irina si precipitò scendendo gli scalini due a due, fermandosi solo per raccogliere la cassetta del pronto soccorso nel ripostiglio del primo piano. Una volta arrivata al piano terra, la povera ragazza faticava a respirare e lo spettacolo del padrone quasi cadavere la fece crollare al suolo.
– Ecco la maledizione che si ingigantisce; il male porta male -, pensò Junker.
In quel momento dalla porta principale entrò il guardiacaccia Vladimir, che rimase di stucco nel vedere i due, quasi cadaveri, riversi uno a terra e l’altro sul divano. “Cosa sta succedendo?”, disse.
“Il dica è svenuto mentre eravamo nel bosco e la cameriera si è sentita male appena lo ha visto in queste condizioni”. Rispose Junker.
“Presto mi passi la cassetta del pronto soccorso, sono veterinario e credo di poter far qualcosa”; sollecitò il guardiacaccia.
Non si sa se il merito fu della calda coperta, che Junker aveva posto sul corpo del suo padrone, del massaggio al cuore del guardiacaccia o dell’iniezione di adrenalina, ma l’effetto fu rapido ed efficace.
Il vecchio duca si rizzò seduto, guardandosi intorno stupito e riconoscente.
“Grazie amici”, disse. Non aveva mai rivolto tale appellativo alla sua servitù, ma questa volta le parole venivano dall’inconscio che parlava senza la censura culturale.
Quando Carl aveva aperto gli occhi, tentando di parlare e muoversi senza riuscirci, aveva temuto di essere stato colpito da una paralisi, ma ora percepiva benissimo ogni parte del suo corpo e poteva muoverla; aveva appena superato una grande paura e le parve di rivivere una seconda volta.
Dopo il duca anche la domestica Janje venne prontamente ed adeguatamente soccorsa da Vladimir ed anche per lei l’effetto fu rapido. Janje spalancò i suoi splendidi occhi scuri, che molti trovavano identici a quelli che Carl Andreijevic aveva ereditato dalla madre, figlia del re di Spagna. Quegli occhi contrastavano meravigliosamente sulla chiara carnagione nordica ed i biondissimi capelli ereditati dalla madre.
Jane era veramente una bella donna, pensò il giovane guardiacaccia, chissà se quel positivo intervento lo avrebbe aiutato nei suoi tentativi goffi, ma sinceri, di attirare l’attenzione di lei. A lui non importava nulla di quello che raccontavano i soliti maligni. Il sentimento che Vladimir provava, da molto tempo, era sincero e profondo, ma la sua timidezza non gli aveva mai permesso il coraggio di un approccio.
Ora lei era lì, così vicino a lui…, piena di riconoscenza e aveva appena schiuso le labbra carnose per dirgli: “Vladimir! Non so cosa lei abbia fatto, ma ora mi sento molto meglio, come posso ringraziarla?”.
“Domani venga a cena con me”, rispose il guardiacaccia tutto d’un fiato, trattenendo il respiro.
“Sarà un piacere, anche se devo avvisarla che, se mi sta invitando con altre intenzioni oltre il semplice chiacchierare insieme davanti ad un buon bicchiere di vodka, la consiglio di desistere”.
“No, no, non mi fraintenda io desidero solo il piacere della sua compagnia”, rispose pronto il guardiacaccia.
Janje si alzò e corse accanto al divano dove riposava il conte: “Padrone come sta? Per un attimo ho temuto per la sua vita!”.

IL DUCA PROVA UN SENTIMENTO DA SEMPRE NASCOSTO.

“Janje bambina mia! Dunque a qualcuno dispiacerà della mia morte?”. Le parole gli erano uscite dalla bocca senza dargli il tempo di pensare; quel -bambina mia- non era proprio nel suo stile, stava forse rimbambendo? O forse aveva finalmente lasciato parlare il cuore?.
“Signor duca, lei non riesce ad immaginare come mi sono sentita quando l’ho vista, sembrava un cadavere, disteso su questo divano. Sono una serva, ma anch’io ho un cuore e dei sentimenti”; e avrebbe voluto aggiungere: -Come mia madre che fu sua amante per tutta la vita, senza aver mai chiesto nulla in cambio, se non l’assicurazione di un lavoro onesto per la sua bambina-, ma ritenne che non fosse ancora il momento, attendeva un segno dal cielo, dalla sua adorata mamma, lei avrebbe fatto accadere tutto. Un giorno sarebbe stata fatta giustizia di tutte le loro sofferenze; per questo pregava tutte le sere la Madonna.
Il guardiacaccia se ne stava andando: “Ho fatto quello che potevo, ora ho dato ordini perché arrivi il suo medico personale, sono felice di essere stato utile, ma è tardi devo portare i cani nel bosco per l’allenamento quotidiano. Buona serata signor Duca ci vediamo domani mattina. Ciao Junker, buona sera Janje e non dimentichi la promessa della cena !”; e si allontanò.
Il vecchio nobile rimase così solo con il suo servo-guardia-del-corpo in attesa del medico.
“Spero tu non abbia parlato con nessuno delle nostre scoperte sotterranee”. Disse a bassa voce il nobiluomo a Junker, non appena Janje si fu allontanata.
“Assolutamente no, signor conte”, rispose con deferenza il servo. “Ma se mi permette un suggerimento, dopo quello che è successo, mi sembra evidente che a qualcuno di molto potente la nostra incursione non è piaciuta. La prego non torni mai più laggiù io, comunque, mi rifiuto di accompagnarla”. “Sei rimasto ai pregiudizi medioevali, sbagli, ma non riesci a rendertene conto. Io mi sono sentito male per il freddo e lo sforzo. E’ chiaro che tu non vuoi aiutarmi, ma te ne pentirai”. Disse il nobiluomo alludendo alla promessa modifica del testamento.

NUOVI PENSIERI FRULLANO NELLA TESTA DEL NOBILE ANDREIJEVIC

Per i suoi ultimi anni aveva solo bisogno di una persona di fiducia, ed ora aveva intuito quanto affetto nascosto potevano celare i modi freddi di quella povera cameriera; svenuta appena lo aveva intuito morente.
Probabilmente la madre l’aveva informata di quanto era accaduto tra loro, ma quella gente era forte e orgogliosa; volevano ottenere chiedendo il meno possibile. Sarebbe stato molto piacevole poter aprire il suo vecchio cuore alla fanciulla che tanto gli ricordava la madre; ma questa volta solo per puro affetto.
E poi a chi mai avrebbe lasciato i suoi averi ? Quel Junker non meritava nulla, nemmeno le briciole, era solo stupido e superstizioso. Oppure si, giusto le briciole per assicurarsi la sua assistenza sino alla fine.
Sto diventando vecchio e debole.

UN SECOLO PRIMA DELLA VICENDA DI JAQUELINE: I PENSIERI DEL VECCHO Carl, Marcus, Claus, Andreijevic

Questi erano i pensieri del vecchio Duca Carl; mai da giovane avrebbe ceduto le sue sostanze ad una “servetta”; seppure fosse stata sua figlia.
-Mi sto adeguando ai tempi, sto arrendendomi alla rivoluzione francese? Ho ancora dei dubbi, ma non ho figli, dalla famiglia mi sono allontanato per sempre dopo essere stato costretto a studiare per divenire cardinale. E ora come prelato che ha lasciato la toga non sarò mai riacettato e il mio cuore mi suggerisce di seguire il mio istinto; anche contro i principi dei miei avi-. Questo era quanto vorticava nel cervello del vecchio nobiluomo; mentre aspettava il medico.
Il dottore entrò nel palazzo proprio in quel momento, interrompendo quei pensieri “scandalosi”.
Dopo una visita accurata il dottore, anche compagno di caccia del nobiluomo, espresse il suo parere: “Carl devi rassegnarti al fatto che non sei più giovane, non so quale sforzo sia stata la causa del tuo malore, ma è evidente che il tuo vecchio cuore non può più permettersi di sopportare certe fatiche. Promettimi che da oggi limiterai la tua attività fisica alle passeggiate in giardino senza più lavorare nella serra quando fa caldo o seguire l’addestramento dei cani. Se mi ascolti abbandoni anche la caccia, ormai è troppo faticosa per te”.
“Certo la fate facile voi, dottori, basta non fumare, non bere, basta mangiare bene, basta donne e, adesso, anche basta caccia. Ma non è forse è meglio morire prima, mangiando a piacere, fumando e gozzovigliando anche con il sesso ?. Meglio morire contento che vivere sempre scontento!”.
Ma mentre diceva queste parole a voce alta, dentro di se stava pensando: -E se rinunciassi a tutto e mi guadagnassi l’affetto di quella figlia mai riconosciuta? Forse la vita non è fatta solo di tradizioni, apparenze e ricchezza, forse gli affetti non sono solo un racconto per donnicciole…-. E con questi pensieri per la testa si avviò nelle sue stanze.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*