La Stanza dell’Ambra – 4a puntata 2018

DUE SECOLI DOPO. NEL “MEDESIMO” ? PALAZZO LA NEO SPOSA INCONTRA LA SUA LENINGRADO.

Tutti i diritti sono riservati e la proprietà intellettuale appartiene a G.Seregni, ex legge 633/41 e successive modifiche.

Superati oltre due secoli, eccoci ai giorni nostri all’interno del palazzo, forse quello di fianco o il medesimo di quello nominato sopra? Oggi comunque di proprietà del marito di Jaqueline.
Passò poco tempo e la neo sposa Jaqueline cominciò a dubitare seriamente del fatto che Emanuel, suo marito,  fosse l’uomo premuroso ed attento che aveva conosciuto prima del matrimonio.

Un mese dopo la fine della luna di miele il marito si era rivelato distratto e occupato in quelli che lui chiamava affari in giro per il mondo. Jaqueline lo minacciò di riferire tutto a suo padre, ma Emanuel sapeva bene quanto poco suo suocero volesse occuparsi della figlia, così pensò che sarebbe bastato isolarla nella lussuosa residenza di San Pietroburgo.
Ora Jaqueline poteva parlare con l’esterno solo alla presenza del marito a causa di un presunto terribile esaurimento nervoso. Emanuel aveva scelto medici e servitori adeguati, tutti personaggi legati in qualche modo ad una totale fedeltà nei suoi confronti.

IL GHIACCIO ENTRA NELL’ANIMA DI JAQUELINE

L’anima di Jaqueline si era ghiacciata come il lunghissimo inverno di San Pietroburgo. Non riusciva ad intravedere alcuna via di scampo. Il padre non aveva risposto alle sue commuoventi lettere; forse non le aveva mai ricevute e non rispondeva alle telefonate.
Nemmeno l’immenso albero di Natale, addobbato con cristalli Swarovsky nel suggestivo giardino del palazzo, riusciva a placare il terrore che si era impadronito di lei soprattutto nelle lunghe notti insonni.
Abituata alla luce dei riflettori ed a vedere accontentato ogni suo capriccio, la sua autostima all’improvviso crollò drasticamente. Non aveva nessuno con cui confidarsi e di cui fidarsi. Le poche “quasi” vere amiche raggiunte al telefono, dopo avere sentito solo raffiche di lamentele concitate, si erano convinte che Emanuel avesse ragione; Jaqueline era improvvisamente impazzita.

LE TRINCEE NEL TERRENO GHIACCIATO, LE DONNE CHE LE DIFESERO SINO ALLA MORTE E LA REAZIONE DI JAQUELINE QUANDO LESSE QUESTI FATTI.

Conoscendo il russo, Jaqueline era in grado di leggere tutti i libri della preziosa e rara biblioteca di famiglia. Alcune frasi ebbero un grande impatto psicologico sulla donna abituata a una vita di agiatezze e smossero l’orgoglio, calpestato, di Jaqueline.
Tra le tante, anche queste frasi rimasero impresse nella sua mente: “La città di Leningrado resistette ad un esercito di proporzioni enormemente superiori, anche come munizioni, senza avere nessuna fortificazione, ma solo con la forza e l’eroismo dei suoi abitanti e soldati. Impossibile tralasciare una particolare menzione in ricordo dei soldati siberiani che dopo dure marce di avvicinamento scavarono nel terreno ghiacciato trincee, combattendo e vincendo la terribile battaglia che vide i tedeschi tanto vicini all’ultimo confine rappresentato dal fiume. I più morirono, durante tre giorni di incessanti bombardamenti e cannoneggiamenti, insieme alle donne delle fabbriche che lasciavano la loro postazione solo quando morivano, sempre rimpiazzate da altre…”.

JAQUELINE CAPISCE CHE LA VITA E’ FATTA ANCHE DI LOTTE

Superati i primi terribili mesi nei quali aveva orribilmente sofferto, Jaqueline prese coscienza della cruda e dura realtà e decise di fingere di adattarsi a quel momentaneo stato di prigionia.
Si convinse quindi ad ingannare se stessa e vivere una favola immaginaria. Aggirandosi nei saloni si fingeva l’erede diretta dello zar e così, in questa veste, cominciò a scrivere le sue “memorie” basandosi sui libri che leggeva in biblioteca. In realtà quello che scriveva, se letto con un codice da lei ideato, narrava quanto le stava accadendo.
La sua improvvisa calma, riferita puntualmente al marito, insospettì Emanuel che immediatamente telefonò al suo cameriere personale: “Devi far mettere venti gocce di quel medicinale che sai nella tisana serale di Jaqueline”.
Forse la cameriera sbagliò la dose e fu così che lei si accorse dello strano sapore della bevanda, ma finse di berla.
La sera seguente seguì la cameriera e la vide mentre aggiungeva le gocce alla sua tisana. Non disse nulla, si mostrò assonnata, stanca e addormentata sui libri. In realtà proseguiva i suoi studi in biblioteca. Scoprì così che il palazzo aveva un passaggio segreto verso l’esterno.

JAQUELINE RICONQUISTA LA LIBERTA’

Aveva riconquistato la libertà, ma finse che tutto fosse come prima. Ora sarebbe stata in grado di mettere a punto la sua vendetta.
Dormiva molto durante il giorno e poi, dopo essersi ritirata presto la sera nelle sue stanze, usciva.
Il travestimento era perfetto: parrucca e trucco la rendevano irriconoscibile. Cominciò a frequentare i salotti che contavano in città facendosi passare per una stravagante ereditiera. All’arrivo del marito, una delle rare volte che tornava a palazzo, lo accolse una donna irriconoscibile: “Bentornato caro, scusami, ma il dovere mi chiama non posso più stare lontano dai miei libri, se hai bisogno di me chiama la cameriera, se non dormo mi avviserà”. Queste furono le uniche parole che gli rivolse all’arrivo. Continuò a mostrarsi stanca, assonnata e disinteressata a tutto ciò che era estraneo agli studi in biblioteca, tanto che Emanuel non fece altro che compiacersi con se stesso.

LA LETTERA AL PADRE

Durante una delle sue uscite segrete Jaqueline riuscì a spedire personalmente, l’ennesima lettera al padre spiegando tutto e pregandolo di non intervenire direttamente, ma di appostare sempre due guardie fuori dall’ingresso segreto del palazzo. Il padre credette alla lettere, si commosse e l’accontentò; come sempre era accaduto in passato.
Finalmente Jauqeline aveva trovato qualcosa che la assorbiva completamente, assecondava la sua fervida fantasia e soddisfaceva la sua ambizione di forti emozioni; preparare una crudele vendetta contro suo marito.
Aveva letto le versioni ufficiali inerenti la Stanza dell’Ambra e la sua misteriosa sparizione ed era decisa a svelarne il segreto e farsi giustizia da sola; da brava discendente dei cow-boy americani.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*