La Stanza dell’Ambra 7a puntata 2018

CAPITOLO SESTO

Tutti i diritti sono riservati e la proprietà intellettuale appartiene a G.Seregni, ex legge 633/41 e successive modifiche.

IL VIAGGIO DI JAQUELINE CON ANTON SULL’ISOLA DESERTA AL SIX SENSES CON DAO IN VIETNAM.

Contemporaneamente Jaq era in viaggio, mille miglia lontana da Emanuel.
Le luci dell’aeroporto scintillavano attraverso le vetrate perfettamente linde.
“Per fortuna che esiste il “Lounge club”, dove tutto è ovattato e funzionale! Voglio provare anche la loro spa. Pochi lo sanno, ma s.p.a sarebbe un nome legato alla locuzione latina salus (o sanitas) per aquam (o per aquas), ovvero: ‘salute attraverso l’acqua/le acque’ ”. Affermò una Jaqueline ormai innamorata persa di Anton.

Dopo tutti quegli sconvolgimenti emotivi e il rocambolesco ritrovamento di altri indizi sulla stanza dell’ambra, Jaq era stata presa da una irrefrenabile nostalgia per i suoi amati viaggi e così se ne era andata, all’insaputa dei camerieri rimasti fedeli al marito, al quale poi, aveva spedito una lettera informandolo di un suo viaggio di piacere a Bali.
“Anton non trovi sia stata una buona idea prenotare due viaggi, uno ufficiale e l’altro solo di facciata che farà una mia amica a nome mio?”.
“Su come imbrogliare le carte sei insuperabile!” rispose il bellissimo Anton.
“Dopo questo scalo, ci fermeremo a Ho Chi Minh per due notti, il tempo giusto per confondere le idee a chi volesse rintracciarmi. Comunque io risulto partita dall’aeroporto di San Pietroburgo assolutamente sola”. Continuò Jaqueline: “Ti amo e voglio godermi ogni momento di questa breve libertà, dopodomani noi due partiremo per quell’isola che molti definiscono come uno dei più bei luoghi al mondo”.
A Ho Chi Minh, non uscirono mai dall’albergo, dando sfogo a tutta la loro passione, alternando il letto con la spa annessa alla camera.

“Finalmente soli ! Possiamo fare tutto quello che vogliamo senza limiti di tempo! Cosa ne dici di tutti questi ristoranti dell’albergo? Da quale ordiniamo? Io opterei per il giapponese, così la mia linea rimarrà perfetta anche se abbonderò un poco nelle portate”. Sussurrò Jaq all’orecchio di un ormai esausto e assai affamato Anton, che rispose: “Scegli tu il ristorante, per quanto mi riguarda voglio ordinare: aragosta, papaia, mango, avocado e quel vino che mi avevi nominato come tra i tuoi preferiti: « La Chapelle » della Maison Paul Jaboulet Ainé, invecchiato in quelle famose cave dove il tasso di umidità non supera l’80%. Un luogo conosciuto da molto tempo. I Romani estrassero le prime pietre da questa cava nel 121 a .C. . Pietre di particolare qualità, anche utilizzate per costruire le più belle cattedrali; come quelle di  Strasburgo, Marsiglia, Valence, Lione o Romans. Divini utilizzi…   Le cave di Châteauneuf non sono mai state abbandonate, anche la  Luftwaffe le usò durante la seconda guerra mondiale; in questo ultimo caso l’utilizzo non ebbe nulla a che fare con il divino. Vi coltivarono anche gli champignon, ma è da quando la Maison Jaboulet le ha riscoperte che hanno ritrovato la loro più vera e nobile destinazione”.
Finalmente Jaqueline aveva trovato un uomo che di vini ne sapeva anche più di lei e di suo marito e li apprezzava al meglio. Infatti, Anton non beveva mai oltre un certo limite, insomma sapeva trarre il meglio, dal magico stato di leggera ebbrezza.

Un impeccabile cameriere, completamente vestito di bianco, portò il carrello delle pietanze che vennero adeguatamente apprezzate.
“Una splendida colazione tra le lenzuola di lino è il meglio per rimettersi in forma, non trovi? La mia tempura di verdure e pesce era perfetta; croccante fuori, morbida dentro e leggerissima, ma il mio piatto preferito rimane l’anguilla affumicata preparata come solo i bravi chef giapponesi sanno fare. Anche la zuppa di alghe era un incanto di sapori; potessi avere a casa un cuoco di questo calibro! Ma tutti quelli che vengono in Russia lo fanno solo per aprire ristoranti; vogliono soldi e fama.

Dopo tante squisitezze, cosa ne dici di utilizzare le chele dell’aragosta per farmi quel simpatico solletico che mi fa impazzire?”. Domandò una assai eccitata Jaqueline.
“Credo proprio che questa esaltazione del gusto dobbiamo ampliarla ad altri sensi, mi rassegno piacevolmente alla tua volontà, mia pricipessa! Anzi ho una proposta migliore, cosa ne dici di chiamare anche quella tua amica che ti sei portata come alter ego; pensi che accetterà?”.

Ora Jequeline si sentiva benissimo, il suo corpo e il suo spirito erano stati stimolati al massimo e tutti suoi problemi si erano sciolti come neve al sole. I suoi occhi avevano ritrovato la luminosità dei momenti migliori e lei si sentiva leggera come una piuma.
Se non fosse stato per la gentile telefonata del portiere, che li avvisava del taxi prenotato, avrebbero perso l’aereo.

IN VOLO VERSO L’ISOLA

Arrivati a bordo Jaq e Anton allungarono piacevolmente le gambe nelle comode poltrone della prima classe, bevendosi un vino svizzero, un ottimo Fendant del Vallese.
“Sapevi che nel Vallese si trova il più grande e più lungo ghiacciaio delle Alpi, il ghiacciaio dell’Aletsch, che fa parte del Patrimonio Mondiale dell’Unesco? E che altri 680 ghiacciai, rappresentanti i due terzi dei ghiacciai presenti in Svizzera e un terzo di tutti i ghiacciai delle Alpi, si trovano in Vallese ?”. Precisò Jaqueline, da grande viaggiatrice quale era sempre stata.

“Dopo quello che mi hai detto, sarai costretta a mostrarmi personalmente questa magnifica zona della Svizzera, pena il mio totale disinteresse nei tuoi confronti”. Rispose Antony sorridendo e si addormentarono.

Al risveglio Anty, come ogni tanto lo chiamava Jaqueline, alzata la tendina del finestrino, rimase stupefatto: “Ho visto tante isole tropicali, ma ne rimango sempre stupito. Questo spettacolo è indescrivibile, tutte le sfumature del blu-azzurro-verde insieme, altro che un quadro di arte moderna, a casa mia voglio un proiettore che riproduca sulle pareti questo spettacolo.
Se il paradiso dovesse esistere non potrebbe essere che così. Grazie tesoro”. Disse Antony baciando Jaq.
“Lo sapevo che saresti rimasto incantato. Sai che l’idea di riprodurre questo spettacolo sulle pareti di una casa moderna è fantastica? Quando verrai nella mia “casetta” sull’Atlantico troverai tutto questo già realizzato. La persona che ne ha cura è una mia amica artista la quale non avrà alcun problema a realizzare quello che mi hai suggerito. Fammi solo ricordare di telefonarle; per lei sarà solo un gioco divertente. Faremo delle foto dall’elicottero che ci porterà all’isola e io le spedirò via mail in modo che lei possa occuparsi della realizzazione di questa bellissima idea. Pensa, entrare in casa e vederti di fronte una parete che riproduce questa magia. Idem sul soffitto della camera da letto e sulla grande parete del mio bagno. Non mi dispiace affatto dover togliere i quadri per sostituirli con questa bellezza naturale. In fondo sono solo pochi quelli che realmente mi piacciono, anzi io salverei solo quelli di Peter Doig.
A proposito penso ti piacerebbe incontrarlo, vive a Trinidad, una meravigliosa isola dei Carabi, ci andremo per il prossimo carnevale e conoscerai il vero spirito caraibico. Io preferisco il loro carnevale a quello di Rio, è più vero. E poi andremo nella vicina Tobago, dove il tempo si è quasi fermato, almeno nella maggior parte dell’isola. Qui potrai vedere depositare le uova dalle tartarughe di settecento chili. Questi animali vivono sulla terra da centocinquanta milioni di anni. Vederli, nel buio della notte, scavare le loro buche è come tornare all’epoca dei dinosauri”. Disse Jaqueline eccitatissima.

ANTON LA VUOLE SPOSARE

“Con te la vita sembra sempre un sogno, ma quando potremo viverlo quotidianamente, senza nasconderci?”.Buttò lì Anton.
“Devo prima risolvere un grande problema e tu lo sai bene, su questo sono inflessibile”. “Ok, ok come non detto, non ne parliamo più, promesso, ma ricorda che un uomo al tuo fianco potrebbe anche rappresentare un’ulteriore sicurezza per la tua persona”.

Un solerte maggiordomo, elegantemente vestito di seta blu notte, trasportò i loro bagagli sull’elicottero.
Jaq ed Anton, dopo avere ammirato il panorama e fatto molte foto dall’alto, arrivarono sull’isola si avviarono subito verso la spiaggia, rincorrendosi e rotolandosi come bambini, quindi si buttarono in acqua completamente vestiti, togliendosi solo le scarpe.

“Anche senza maschera qui sotto è un paradiso di colori, mi ricordano i colori abbaglianti dei coralli delle Maldive prima che il turismo di massa, l’inquinamento, il riscaldamento delle acque e lo tsunami cambiassero tutto; almeno sino alla profondità di diciassette metri!”. Disse un incantato Anton.

“E’ un errore chiamarli coralli, queste sono madrepore; ma guarda che bei colori vivaci ha questo pesce Pappagallo! Gira la testa, lì, alla tua destra, quei tentacoli rosa brillante appartengono ad un’ Attinia e guarda come sono belli i pesciolini neri e arancione che vi sguazzano in mezzo; si chiamano Pesci Pagliaccio. L’ attinia, che sembra un fiore con morbidi petali, è urticante per tutti i pesci, ma non per i pagliaccio che mangiando, la tengono libera dai parassiti. Si tratta di una forma di mutuo-soccorso, detta simbiosi mutualistica.
Non toccare nulla, tra le madrepore si possono nascondere i Pesci Pietra, mortali per il veleno che ti iniettano appena li tocchi. Guarda quel pesce con i pallini bianchi sulla pancia, si tratta di un raro Pesce Balestra. Ormai è quasi impossibile incontrarlo a causa della terribile caccia a cui è stato sottoposto per rifornire gli acquari di tutto il mondo. E pensare che la maggioranza dei pesci catturati ha poca speranza di sopravvivere a lungo. Molti muoiono durante il trasporto, inoltre i proprietari degli acquari sono frequentemente degli ignoranti in materia e non sanno come trattare questi pesci che necessitano di spazi ben definiti e di un impianto sempre al massimo dell’efficienza.

Questi pesci vengono comperati, a ben 1.5000 euro l’uno, solo per fare meravigliare gli ospiti, e trattati come un giocattolo. Quando il giocattolo si rompe, se ne acquista un altro. Ecco perché ne sono rimasti così pochi”.

“Quello che mi dici è criminale, perché dovremmo privare l’umanità intera di tanta bellezza per una felicità così breve?”. “Ti confesso che conosco bene il problema solo perché anche mio padre trattava come un gioco il suo acquario. Poi, un giorno, è venuto a trovarci un regista che era anche un appassionato subacqueo e ci ha consigliato di leggere un libro di Konrand Lorenz. Questo etologo ha osservato e studiato, per anni, anche la vita dei pesci della barriera corallina. Pensa, la maggioranza di loro vive in coppia per tutta la vita e ogni specie necessita di un certo spazio per sopravvivere. Insomma, se non ne capiamo nulla è meglio rinunciare all’acquario”. “E … brava la mia Jaqueline, non conoscevo questo aspetto ecologico del tuo carattere”.
Dopo la nuotata la fame li spinse verso il loro alloggio. “Ma guarda che meraviglia, una casa costruita solo utilizzando le palme, sarà freschissima con questi silenziosi ventilatori a soffitto”. Disse Anton. “E poi che meraviglia questo arredo essenziale, è tanto elegante che ci vedo la mano di un design italiano”. Aggiunse Jaq. “Che ne dici dell’idea di non mettere televisione ed aria condizionata?”. Soggiunse Anton.
“Di solito in questi “rifugi” chic c’è tutto, ma ben nascosto tanto che se non lo cerchi, puoi non vederlo”. Rispose una Jaqueline molto a suo agio in questo tipo di ambienti.
Il letto costruito, come i mobili, utilizzando solo alberi di palma, era ricoperto da disegni ben augurali fatti con i petali colorati e profumati del Frangipane. Altri fiori di Frangipane galleggiavano nella grande Jaccuzzi della sala da bagno, a cielo aperto.
Per la prima cena sull’isola Jaqueline aveva deciso di indossare un elegante, semplice, ma aderente tunica di lino turchese che metteva meravigliosamente in risalto i suoi occhi. Uscì dalla sua camera da letto muovendo il capo in modo da scompigliare i lunghi capelli che la avvolsero come un velo. “Sei bellissima, anche senza un filo di trucco”. Declamò Anton, realmente incantato dalla bellezza di Jaqueline.

CENA SULL’ISOLA

Arrivò il maggiordomo, giacca e pantaloni neri con bottoni in madreperla scura che, alla luce delle candele, emettevano mille bagliori. Il menù venne consegnato con un inchino.
Anton lesse con cura la carta dei vini e, ricordando l’ottimo vino bevuto sull’aereo, fece una domanda per saggiare le conoscenze enologiche del maggiordomo, il quale rispose in perfetto inglese: “Signore, lo Chasselas è il vitigno bianco tipico della Svizzera Romanda. In Vallese prende il nome di Fendant. Il Fendant è, comunque e sempre, il vino per aperitivo per eccellenza e lo straordinario compagno di piatti di formaggi stagionati, ottimo anche con il pesce di lago o un pesce delicato di mare come un giovanissimo squalo. Questo Fendant Les Murettes, di Robert Gilliard, è un’ottima scelta, signore”. Intanto l’esperta Jaq recitò: “Uva: Chasselas, alcool: 12%, al naso rivela delicati fiori bianchi e tiglio e al palato un attacco fruttato con note minerali; con un finale intenso. Sai che è prodotto da più di 60 anni? E che va benissimo anche con il sushi?”. “Ne sai una più del diavolo o sei il diavolo in persona?”. Scherzò Anton, mentre il cameriere tornava con la bottiglia.

“A questo viaggio e ai mille che ne seguiranno”. Brindò Anton, senza tralasciare di aggiungere: “Ma soprattutto brindo alla meravigliosa donna che mi sta accanto”.
“Grazie, sei sempre galante con me”. Rispose una soddisfatta Jaqueline.
Bevvero all’aperto sulla spiaggia, mentre il sole si annullava nel mare e comparivano le prime stelle nel cielo color viola. Anche la sabbia aveva assunto una sfumatura viola e un airone solitario stagliava le sue forme sinuose contro il mare.
Il sushi, servito come accompagnamento dell’aperitivo, su richiesta di Jaqueline, venne adeguatamente apprezzato. Il riso era della migliore qualità, preparato secondo le regole tradizionali e il Wasabi era appena stato grattugiato, non quella salsa verde che viene quasi sempre utilizzata per comodità ed economia e che contiene poco, o niente, vero Wasabi e tanto rafano o altre radici più economiche. Ovviamente, anche pesce e salsa di soya erano all’altezza.
“Per fortuna che non sei tra quelli che non sopportano il sapore del Wasabi. Molti occidentali lo odiano; è così diverso dai sapori ai quali siamo abituati ! Partendo da piccolissime quantità, qualunque palato si abituerebbe e lo apprezzerebbe. Sai che ha proprietà formidabili? Le donne giapponesi ne mettono pochissimo sotto la lingua diverse volte al giorno perché aiuta a mantenere la pelle bella, ma non solo.
Il Wasabi ha proprietà antibatteriche e addirittura previene le intossicazioni; forse il suo utilizzo con il pesce crudo nasce proprio da questa sua particolarità, inoltre il Wasabi è anche un ottimo digestivo”. Precisò Jaqueline, facendo sfoggio delle sue conoscenze gastronomiche e salutistiche.

“Ora dobbiamo scegliere il menu, caro”. Disse una deliziata Jaqueline.
“Perché non partiamo dal vino? Mi pare che, sul tema vini, tu sia forse più brava di me, quindi suggerisci cosa bere, poi decideremo il menù per quel vino, ti va?”. “Ottima idea. Ecco, io vorrei un rosso, rimaniamo pure nella zona e con la stessa casa produttrice.
Ci porti un Dôle Des Monts, Robert Gilliard”. Rispose con aria saccente Jaq, aggiungendo: -“Dôle è una produzione protetta; esclusivamente vallesana. E’ creato con uve Pinot Noir e Gamay, alcool: 12.5%, ha sentore di frutti rossi, fragole, ciliegie e al palato offre un attacco fruttato con sentori di tannini morbidi e segosi: è prodotto da più di 120 anni. Si abbina con carni bianche e rosse, charcuterie e formaggi. Quindi benissimo per ordinare il pollo al curry che, secondo il maggiordomo, è la specialità del nostro chef”.
Mangiarono con gusto e appetito, apprezzando l’ottimo sapore del pollo al curry.
I vini avevano fatto la loro parte, mentre la magica atmosfera della notte rifletteva la luna appena sorta all’orizzonte, le palme mosse dalla brezza marina bisbigliavano le loro poesie e nel mare il plancton luccicava; ricoprendolo di mille cristalli; Jaqueline si buttò in acqua vestita.

“Lo so che può essere una pazzia, di notte le razze dormono vicino alla riva e se le sorprendi possono alzare l’aculeo e forarti la pancia. Non so se l’elicottero sarebbe tanto veloce da salvarmi. Comunque non potevo resistere”. Disse ritornando sulla spiaggia.
La tunica bagnata le aderiva al corpo che la luce della luna rivelava in tutta la sua eleganza.
Anton prese dall’acqua diverse manciate di luminoso plancton e le depose su tutto il corpo di Jaqueline, che ora risplendeva come un’apparizione extra-terrestre.
“Ferma per tre secondi, vado a prendere la macchina fotografica a raggi infrarossi, voglio farti una foto così, per non dimenticare mai questo momento”. “Ok, ma fai presto; ho dei brividi…-. Rispose un’ormai eccitatissima Jaq.

“Eccomi, devi solo assumere la posa della Venere di Milo, proprio così, due foto e sono tutto per te”. Furono le parole di un affannato Anton. Il quale, appena finite le foto, cominciò a leccare il plancton dal corpo di Jaqueline che, alla fine, si tolse la tunica. Allora Anton la sollevò come fosse un fuscello e la fece ruotare intorno a sé, quindi la depositò sulla sabbia coprendola non solo di baci.
Si addormentarono sulla spiaggia ed al risveglio fecero il bagno, più volte, mentre i colori dell’alba srotolavano la loro tavolozza dall’orizzonte. Quindi si riaddormentarono sulla spiaggia.
Il sole aveva rigato l’orizzonte di fasce rosa, poi le aveva trasformate in arancioni, alternate a sottili strisce di nuvole. Mentre il solito airone impertinente avanzava verso di loro; abbracciati immobili nel sonno.

RISVEGLIO E VITA SULL’ISOLA

Quando l’inserviente arrivò con la barca per portare la colazione, li vide distesi sulla sabbia e silenziosamente, come solo gli orientali sanno esserlo, piantò una tenda sopra di loro, in modo da proteggerli dai raggi del sole.

“Oddio il sole è già basso nel cielo, ma quanto abbiamo dormito? Per fortuna che hanno messo questa tenda altrimenti ci saremmo bruciati! E mi hanno anche lasciato un pareo per coprirmi”. Disse Jaqueline ad un ancora assonnato Anton.

Su di un tavolino trovarono in un thermos del caffé caldo e lo bevvero avidamente. Mentre una caraffa termica conteneva una deliziosa e freschissima spremuta di mango; dopo tante ore di sonno avevano più sete che fame.
Arrivò il cameriere che chiese loro dove servire la cena. “Io propongo di rimanere qui sulla spiaggia cosa ne dici Ant, non trovi sia una magnifica idea?”. “Hai proprio ragione. Ci porti due bicchieri di Champagne in bagno e apparecchi pure qui, torniamo entro venti minuti, intanto prepari la carta dei vini e il menù”. Soggiunse Anton ormai sveglio, dopo il buon caffè.

Mentre andavano in camera a rinfrescarsi camminavano avvinghiati, e sbandavano ridendo ad ogni passo.
“Non trovi che la vita insieme potrebbe essere magnifica?”. Azzardò Anton, ma Jaqueline lo bloccò con un bacio.
Fecero il bagno nella vasca Jaccuzzi sorseggiando la coppa di Champagne, ombreggiati da un albero pieno di profumatissimi fiori Frangipane.
“Non ho mai capito perché delle semplici bollicine possano essere considerate tanto afrodisiache, ma funziona!”. “E’ solo uno dei macroscopici effetti dell’influenza che la tradizione, la pubblicità e tutti i media hanno su di noi… e poi l’alcool fa sempre la sua parte, se non ne abusiamo, e tu lo sai meglio di me!”. Furono le parole dell’alquanto allegra Jaqueline

Dopo il bagno, come la sera precedente Jaqueline indossò una semplice tunica, questa volta color corallo, in puro chiffon di seta che lasciava intravedere proprio tutto. Niente gioielli, niente trucco. Era comunque bellissima e guardandola stagliarsi contro il cielo arancio Anton ebbe un sussulto.

“Domani, per espresso desiderio della signora, è stata organizzata un’ escursione all’isola delle mante”. Informò il maggiordomo non appena si sedettero a tavola. “Grazie Jahid, ora ci mandi pure il cameriere”. Disse Antony.
“Vediamo un po’, cosa ordiniamo questa sera?” Continuò Anton non appena ebbe il menù in mano. E si ripeté la scenografia della sera precedente, ricerca dei vini, dei piatti e conclusione con bagno. Ma questa volta raggiunsero il letto abbastanza presto, per le loro abitudini; il giorno dopo la barca li aspettava di buon ora, come suggerito da Jaq, che voleva fare il bagno evitando le ore di maggior insolazione.
Lei pensava sempre alla sua bellezza e sapeva bene come l’eccesso di esposizione al sole sarebbe stato un danno irrimediabile e come l’abuso dei filtri solari non fosse la miglior soluzione all’invecchiamento cutaneo.

Le mante solcavano l’acqua come giganteschi uccelli primordiali, creando una grande ombra sul sottostante fondale tanto trasparente da sembrare vicinissimo.
Tutto era così calmo, così irreale che Jaqueline sentì quello stesso brivido che gli poteva procurare la promessa di una notte d’amore. Si allontanò da Anton con un guizzo potente di pinne e si mise a rotolare nell’acqua circondata da quei magnifici esemplari della natura.

All’improvviso si ricordò della neve, del ghiaccio di San Pietroburgo e della sua vendetta che doveva ancora consumare e sentì un brivido di freddo, ma tutto era così lontano che non fu difficile scacciare quel pensiero.
“Perché scappi? A volte sei strana, non sei forse felice di condividere con me tanta bellezza?”. Disse Anton raggiungendola: “Perché non mi parli di questi magnifici animali, è la prima volta che li vedo e poi mi piace tanto ascoltare le tue lezioni di biologia marina”.
“Vuoi una lezione di biologia marina? Io vorrei godermi in pace quello che ci circonda?”. Rispose Jaqueline un poco stizzita.
“Veramente, se non ci fosse quel tipo sulla barca potrei chiederti altro, ma dobbiamo rimandare a dopo. Spero che il nocchiere si allontani dopo averci servito il pranzo”. Fu la risposta di Anton.
Quando raggiunsero la riva scoprirono che lo chef stava preparando il pesce sulla brace. Una tenda bianca copriva un angolo della piccola isola e un tavolo bianco con due semplici sedie ricoperte in lino bianco era quanto di meglio si poteva ottenere in quei pochi metri quadri di isola.
“Mi sono permesso di scegliere un Pierre Ollaire come mi ha suggerito il maggiordomo, nella speranza di assecondare i vostri gusti. Questo vino è prodotto con uva Petite Arvine. E’ ottimo come aperitivo e con pesci di mare e conchiglie. Quindi l’ho ritenuto perfetto per il menù di oggi. Spero sia di vostro gradimento”, precisò il nocchiere.
“Conosco bene questo vino da quando ero giovanissima, infatti è tra i preferiti da mio padre che dice di amarlo per come associa alla sua ricchezza di sapori delle note che giocano sul contrasto dolce/salato. Ottima scelta, sapremo apprezzarlo”. Rispose l’esperta Jaqueline.

Le giornate e le notti si susseguirono troppo velocemente e venne il giorno del ritorno. Jaqueline, sebbene felicissima della vacanza, ricominciò a pensare al marito ed a come sarebbe stato bello divorziare e vivere per sempre con il suo Anton. “E’ troppo presto”. Pensò: “Devo prima arrivare a fondo nella mia vendetta e trovare la Stanza dell’Ambra”.
Anton, che le era accanto disteso sull’amaca con lei, si accorse subito del cambiamento di umore di Jaq. “Cosa ti angusta?”, le chiese. “Il ritorno”. Fu la laconica risposta. “Perché non prendi in considerazione l’idea di lasciare tuo marito e venire a vivere con me?” Suggerì, pronto, Anton. “Davvero lo vorresti?” Rispose una più allegra Jaqueline. “Sarà duro, per me, al ritorno aspettare le tue visite, è così bello averti sempre vicina!”. A queste parole Anton fece seguire un profondo bacio nella bocca di Jaqueline. “Conosci troppo bene l’effetto dei tuoi baci su di me. E ne approfitti da quando ti ho confessato che nessuno mi aveva mai baciato come fai tu. I tuoi sono baci “orientali”, dolci, lenti e sensualissimi. Davvero vorresti che io lasciassi mio marito per te? Ma non dimenticare che prima devo portare a termine il compito che mi sono prefissata, ma poi…perché no?”. Fu la risposta di Jaqueline.

Finalmente era di nuovo felice e passarono la notte camminando in riva al mare e ammirando le sconosciute costellazioni dell’emisfero australe. Prima dell’alba Anton spalmò per l’ultima volta sul corpo di Jaq manciate di plancton. “Sei come la Venere di Milo, ma luccicante!”. Constatò un ammirato Anton e fecero l’amore per l’ultima volta sull’isola.

RITORNO ALLA REALTA’

“Cosa ne dici di queste nuove poltrone letto della first-class?”. Domandò Anton, una volta a bordo dell’aereo. “Comode, ma nulla di paragonabile all’intimità dell’isola”. Rispose Jaq. “Non dimenticare che il meglio della nostra vita deve ancora arrivare, sposami e non ti pentirai!”. Disse Anton avvicinando i due bicchieri di Chateau La Fitte delle cantine Rotschild. Poi si addormentarono.

Quando Jaqueline si svegliò Anton non c’era, sarà alla toilette, fu il primo pensiero. Aveva sognato di vivere nella sua bella casa di Long Island con Anton insieme a tre bellissimi bambini. -Ecco forse questa è la vera felicità della vita- pensò sorridendo mentre si incamminava verso la toilette. I corridoi erano semi oscurati; tutti dormivano ancora.
All’improvviso sentì una risata soffocata e gli parve di udire la voce di Anton. Scostò la vicina tenda che separava il personale a riposo dai passeggeri e vide Anton avvinghiato a due bellissime hostess.
In un primo momento rimase senza parole, poi sbottò, senza preoccuparsi del tono acuto della sua voce: “Sei anche tu come tutti gli altri uomini. E io che credevo di avere trovato l’amore, che stupida sono stata! Mi fai schifo, trovati un altro posto sull’aereo e non farti mai più vedere da me”.
Anton cercò le solite parole: “Ho sempre pensato che, per una donna di mondo come te, un piccolo diversivo non avesse alcuna importanza. Non volevo ferirti, scusami. Mi hanno dato da bere; non riesco nemmeno a capire cosa ci faccio qui. Io ti amo, non distruggere tutto per una stupidaggine, perdonami. Non potevo immaginare che una donna come te potesse essere gelosa, e poi di cosa? Tra noi non è cambiato nulla. Perdonami!”. E si mise in ginocchio, ma Jaq gli aveva già voltato le spalle e si era chiusa nella toilette a piangere.

Ancora una volta si era innamorata, e si era illusa o la sua era davvero stupida gelosia? No, dopo tutto erano insieme da pochissimo tempo e se già ora lui necessitava di diversivi…e poi dopo una così bella vacanza, dopo averle chiesto di sposarla. Oltretutto era anche una questione di cattivo gusto, non era disposta ad accettare un uomo a queste condizioni, sarebbe stato tutto come con suo marito. Ma anche questa volta, si promise, lei sarebbe stata capace di dimenticare; doveva dimenticare.

Intanto Antony batteva sulla porta della toilette scongiurandola di aprire, mentre il comandante in persona si prodigava per fare abbassare i toni da operetta che la faccenda aveva assunto.
Piano, piano, Jaq riuscì a calmarsi; ora rifletteva freddamente: “Ho perso, ma per fortuna me ne sono accorta in tempo! Non devo sprecare altra energia in questa storia. La mia vera vita devo ancora scoprirla”. E si lavò il viso con un delizioso latte detergente che si sciolse subito a contatto con l’acqua, lasciandole una piacevole sensazione di freschezza. Continuò a spruzzarsi il viso con l’acqua fredda, sino a che le palpebre persero il turgore del pianto. Uscì dalla toilette, mentre tutti la guardavano, ma lei era abituata ad essere osservata dal pubblico e la cosa la lasciò indifferente.

Dietro la porta della toilette si era fatta promettere dal comandante che Anton non l’avrebbe più disturbata e così fu. Il posto accanto a lei era vuoto e lo rimase per tutto il viaggio. Anton era stato evidentemente trattenuto tra la cabina di comando e la zona riservata a hostess e steward.

Appena scesa dall’aereo a Doha, Jaqueline se ne andò tutta sola verso l’aereo che l’avrebbe riportata a San Pietroburgo. Si sentiva molto triste e non riusciva, nonostante tutto, a dimenticare il loro ultimo lungo e romantico bacio.

Tornata a palazzo, trovò un furibondo marito che l’accolse nel peggiore dei modi.
Lei si rinchiuse nelle sue stanze e non ne uscì per parecchi giorni. Intanto suo marito se ne era andato contro la sua volontà; perché costretto da un grave problema economico che doveva assolutamente risolvere.

La guardia-autista di Jqueline bussò ripetutamente alla porta. “Mi scusi tanto signora, ma sono stato incaricato da una sua conoscenza di comunicarle un fatto molto grave”.
“Quale fatto può essere tanto grave per potermi disturbare quando ho dato ordini contrari?” Urlò una seccatissima Jaqueline.
“Sono veramente dispiaciuto signora, e mi creda fatico a parlare… ma devo comunicarle che il sig. Anton è in punto di morte dopo un gravissimo incidente d’auto”.
Jaqueline rimase impietrita per qualche secondo, poi disse alla guardia di preparare l’auto per una partenza immediata verso la clinica dove Anton era ricoverato.

I suoi sforzi per dimenticare il loro amore erano falliti miseramente.
Nascondendo le lacrime sotto scuri, grandi occhiali neri, Jaqueline uscì senza nemmeno cambiarsi d’abito.
Entrata in auto i singulti ebbero il sopravvento e la guardia-autista, preoccupata per il suo stato le domandò se poteva fare qualcosa per lei. La risposta fu: “Non perda tempo e guidi alla maggior velocità possibile”.
Arrivati alla clinica Jaqueline uscì come una furia dall’auto e si diresse verso la sala di rianimazione inseguita da una infermiera che pretendeva di registrare le sue generalità e che Jaq bellamente ignorò.
Aprì la porta delle sale di rianimazione e subito individuò parenti e amici di Anton che stavano davanti ad una porta chiusa. Appena la videro le si avvicinarono spiegandole che nessuno era autorizzato ad entrare. Lei non badò a nulla e spalancò la porta buttandosi verso quel letto che era quasi interamente ricoperto da attrezzature mediche; tubicini di ogni genere e colore fuoriuscivano da buste di plastica appese vicino al letto e finivano sul corpo del moribondo.
Anton respirava a fatica nella maschera ad ossigeno, ma la riconobbe e i suoi occhi ebbero un lampo. “Ti perdono, ti perdono, ma non morire” urlò Jaqueline, e le palpebre di Anton si chiusero e si riaprirono velocemente, tanto che lei vi lesse un: -Ho capito, grazie-.
Il ticchettio dell’apparecchio che registrava i battiti cardiaci fu sovrastato dalle parole del personale paramedico che voleva e doveva allontanare Jaqueline.
Lei, impietrita guardava il suo Anton e non voleva saperne di andarsene. Passò parecchio tempo prima che riuscissero ad allontanarla.

Jaqueline fu fatta uscire con la forza e trascorse l’intera notte di fronte al finestrino che permetteva la visione all’interno della stanza.
La mattina un’infermiera riuscì a convincerla a fare un riposino nella stanza accanto.
Al risveglio Jaqueline si trovò di fronte una dottoressa che, con tutta le delicatezza possibile, dovette informarla della morte di Anton.

Ma il peggio fu quando Jauqeline seppe che la morte era da addebitarsi ad un distacco di una flebo a carico di un estraneo che era entrato nella stanza vestito da medico.
Jaqueline vide il mondo crollarle addosso e i medici dovettero intervenire per collasso cardiaco.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*