La Stanza dell’Ambra 8a puntata 2018

CAPITOLO SETTIMO

JAQUELINE TENTA DI DIMENTICARE

Dopo il funerale, Jaqueline si rinchiuse nelle sue stanze, non aveva voglia di uscire, ma riprese freneticamente i suoi studi e le sue ricerche. La San Pietroburgo “bene” notò presto la mancanza della bella e misteriosa signora bruna.
-Aveva parlato di un lungo viaggio, forse ha deciso di non tornare-; era l’opinione corrente.
-Una feroce concorrente in meno, meglio così-; pensò la maggior parte delle giovani “presenzialiste” della San Pietroburgo più esclusiva.
Il marito, nel frattempo, l’aveva minacciata di voler divorziare, ma Jaq sapeva bene che si trattava solo di parole. In caso di divorzio Emanuel avrebbe avuto solo da perdere perché la sua situazione finanziaria si era ulteriormente aggravata.
Ormai per Jaqueline, Emanuel era solo un uomo molto pericoloso, ma ci avrebbero pensato le sue guardie private a proteggerla, o non sarebbe bastato? Quanto avrebbe potuto guadagnare Emanuel dalla morte di Jaqueline?

Ancora una volta  gli amati studi aiutarono Jaqueline a distrarsi dai cattivi pensieri.
Dopo mesi di letture e ricerche, finalmente si accorse del timido arrivo della primavera. La morsa del gelo stava per abbandonare la città, il grande giardino, bianco per la neve ghiacciata, si stava macchiando di marrone-verde.
Jaq riprese ad uscire. Prima furono brevi passeggiate, poi si spinse sino ai cimiteri della Seconda guerra Mondiale, dove ricominciò a parlare con i pochissimi sopravvissuti e con i figli che riportavano i racconti dei padri.
Riprese anche a frequentare il Mercato Kuznechny, dove acquistava i diversi prodotti dei contadini. I banchi del miele erano i suoi preferiti. Chiacchierava con le prosperose produttrici-venditrici, mentre assaggiava quel ben di Dio che, ormai, conosceva benissimo, ma a ogni stagione i sapori del miele erano leggermente diversi e questo la incuriosiva.
Una di quelle mattine si era attardata al mercato ed aveva proprio fame.  Il palazzo distava venti minuti di buon cammino. Da tempo aveva smesso di usare l’auto e si faceva accompagnare a piedi dall’autista-guardia del corpo. Per accelerare il ritorno decise di prendere una scorciatoia; una strada piuttosto malconcia.

TUTTO CAMBIA. L’INCONTRO CON UNA BABUSHKA

Fu così che si trovò di fronte una babushka (vecchia signora russa con il caratteristico foulard), piuttosto malmessa. Il suo viso era una fitta rete di rughe, i capelli radi, ma  due piccoli occhi luminosi; di un azzurro chiarissimo, lasciavano immaginare una bellezza sfumata, un’intelligenza ancora viva e un profondo dolore.
“Bella signora, la mia casa è stata venduta e io sono stata buttata fuori, ho perso tutto. Hanno cambiato la chiave prima che io potessi raccogliere i miei ultimi stracci. Sono dei porci, crudeli e insensibili; come quelli che durante l’assedio mangiarono carne umana! Questi preferiscono lasciarci morire di fame e freddo. Nulla è cambiato, quelli uccidevano, questi ti condannano a sicura tortura: morte per fame e freddo”.
All’improvviso Jaqueline sentì come impellente il desiderio di salvare quella donna; la abbracciò e le disse: “Non pianga più e venga con me. L’aiuterò io la terrò nella mia casa”.
La donna, prima incredula, poi confortata dalle rassicurazioni di Jaqueline, congiunse le mani inchinandosi e si mise a piangere, ma di gioia. “Che Dio la benedica signora, io sono povera, ma colta. Saprò ricompensarla con la mia compagnia ed il mio modesto lavoro. Farò qualunque cosa lei mi ordini, lei mi sta salvando la vita. Grazie, grazie, grazie, grazie…e continuò sino a che Jaqueline la interruppe. “Non dovrà mai più dire grazie a nessuno, nella mia casa. Sarà la mia dama di compagnia e non dovrà mai più lavorare. Credo che la vita sia stata abbastanza crudele sino ad ora con lei.
Io, davanti a lei mi vergogno, ho avuto tutto dalla vita e, sino ad ora non sono stata capace di fare nulla di buono, ma voglio cambiare e lei sarà la mia compagna di questo cambiamento. Lei non riesce nemmeno ad immaginare quanto la sua esperienza potrebbe essere utile per la mia nuova vita. Piuttosto mi dica quale è il suo nome?”.
“Alexandra”, fu la risposta. “Alexandra le prometto che da oggi la sua vita non sarà più la stessa. Avrà una stanza tutta sua e tutto quanto le servirà per vivere dignitosamente. A me basterà ascoltare i suoi ricordi, sento che ho molto da apprendere da una donna come lei”.
Nessuno avrebbe potuto riconoscere in quelle parole la Jaqueline dei tempi del gossip e del jet-set; stava forse superando definitivamente i confini che separano due vite e due modi di pensare completamente opposti tra di loro?.
“Ecco questa è la mia casa”. Disse Jaq una volta arrivate di fronte al palazzo. La babushka non voleva credere ai propri occhi.
“Ma perché una bella e ricca signora come lei vuole prendersi cura di una vecchia malandata come sono io?”, sospirò Alexandra.
“Non si preoccupi, io sento che lei vale molto di più di quanto creda. E, come le ho già detto, sento anche che ha tanto da insegnarmi. Lei potrebbe divenire la mamma che non ho mai avuto”. E questa volta fu Jaqueline a piangere, mentre i ricordi della sua triste infanzia le invadievano la mente.
“A me basterebbe essere la sua domestica, signora. E poi la prego mi dia del tu e non del lei, io non sono nessuno”. Sospirò una confusa Alexandra.
“No Alexandra, qui ci sono domestici a sufficienza; tu sarai trattata come avrei trattato mia madre. E visto che ti do del tu anche tu devi parlarmi allo stesso modo. Tra noi non devono esistere differenze, siamo solo due donne con due storie molto diverse, ma che hanno molto da darsi reciprocamente”. Tagliò corto una determinata Jaq; con la voce tornata sicura e decisa.
Ad Alexandra fu assegnata una camera accanto a quella di Jaqueline. Nella stanza dominava un grande camino acceso che suscitò gridolini di gioia da parte di Alexandra la quale, ormai, si era convinta di sognare. Ma quando si vide davanti al grande specchio con i nuovi vestiti, stivali, borsetta e cappello, dovette arrendersi all’evidenza; era tutto vero!.
“Jaq, non ho mai visto in vita mia tanto ben di Dio. Io che sino a poche ore fa non avevo nemmeno i soldi per mangiare …!”.
“Da oggi hai ripreso la dignità che ogni essere umano dovrebbe meritare. Ora vieni a mangiare, poi ti mostrerò tutto il palazzo e il giardino e tu mi racconterai un po’ della tua vita”. Affermò una entusiasta Jaqueline.
Ogni giorno Jaq era sempre più orgogliosa della scelta di avere invitato a vivere con lei Alexandra. Quest’ultima si era rivelata una donna di grande saggezza ed esperienza, inoltre conosceva molte delle persone sopravvissute all’assedio di Leningrado e buona parte dei loro figli.
Fu così che insieme ripresero le ricerche sulla vera storia della Stanza dell’Ambra.
Ogni giorno Jauqeline scopriva nuovi racconti e nuove informazioni, ma le era sempre più difficile distinguere tra fantasia e realtà.
Jaq continuava ad ascoltare, registrare e scrivere tutto. Ora aveva un nuovo diario, un sofisticato quaderno in carta riciclata, con la copertina nera, semplice ed elegantissimo.
“Un giorno scopriremo insieme la verità sulla Stanza dell’Ambra, te lo prometto sui miei figli che sono tutti morti”.  Affermò solennemente Alexandra a Jaq.
Con la Jeep di Jaqueline fecero diversi viaggi per andare a trovare le amicizie di Alexandra.
A Sveti Stelo, visitarono il Palazzo d’Estate di Caterina La Grande e la ricostruita stanza dell’ambra che suscitò in Jaqueline una fortissima emozione.
Ogni viaggio per Alexy, come ormai la chiamava regolarmente Jaqueline, era l’occasione per incontrare vecchie amicizie e Jaq rimaneva sempre sorpresa dalla sincera cordialità con la quale veniva accolta.
Jaqueline fece anche diverse donazioni e tutti ormai la chiamavano la benefattrice.
Alexandra era sempre più orgogliosa nel presentare Jaqueline alle sue vecchie conoscenze.

Una volta raccolte tutte le notizie, Jaqueline iniziò a segnare dei punti fermi, e ne parlò con Alexandra: “Secondo me non si può scartare la possibilità che la Stanza dell’Ambra fosse nelle casse portate sul treno dalle SS verso il castello di Königsberg. Comunque potrebbe essere un errore ignorare le tante voci che parlano di una sostituzione. Personalmente non credo alle voci sui maghi, streghe, folletti e al volo delle casse piene verso il cielo, ma dietro ad ogni leggenda c’è sempre del vero.
Ora è fondamentale riuscire a dividere la fantasia dalla realtà e posso farlo solo se mi aiuti con il tuo intuito e con quello dei tuoi  amici  più credibili.
Tu personalmente cosa ne pensi?”. Domandò Jaqueline.
“Io posso solo dirti quello che faccio e farò è presentarti persone che ti possano aiutare, ma non chiedermi altro, non sono a conoscenza di tutti quei fatti o indizi che tu hai potuto leggere e raccogliere in questi ultimi tempi. Comunque sappi che ti starò sempre vicina e vedrai che riusciremo a trovare la Stanza”. Rispose Alexandra; sempre prudente.
“Ok, d’accordo, ma aiutami ad inventare qualcosa per far stare lontano mio marito. Al telefono minaccia ritorsioni contro di me per questo mio nuovo stile di vita, ma in realtà hai già capito anche tu che forse vuole addirittura eliminarmi fisicamente.
Con te al mio fianco ha compreso che sono più forte di quello che poteva immaginare e lui ti detesta.
Non so cosa possa pensare realmente, ma è un uomo pericoloso. Ti ho già raccontato quello che ho saputo su di una sua fidanzata finita in manicomio, dell’altra sparita nel nulla e di una o più condanne per omicidio in Paesi del Terzo Mondo.
Tempo fa non avrei creduto a queste storie, ma ora mi sembra tutto possibile”. Disse Jauqeline, assai preoccupata.

UN NUOVO TIPO DI VIAGGIO

“Puoi sempre partire per un altro viaggio e informandolo su di una falsa meta come hai fatto per l’altro. Prendi tempo, informa tuo padre, lui ti potrebbe aiutare a trovare una soluzione che accontenti Emanuel. In fondo lui vuole solo dei soldi e tuo padre sospetto sappia di lui molto di più di quello che tu possa immaginare”. Rispose Alexandra soggiungendo: “Ti propongo un viaggio insolito. Il nostro Pope ci parla sempre di un orfanotrofio in Romania, lui raccoglie soldi per aiutare questi bimbi sfortunati. Tu sei una donna ricca e generosa che sta vivendo una grande svolta della propria vita, visitare un mondo che forse non hai mai immaginato esistesse ti aiuterà nella ricerca della vera Jaqueline, più saggia, più vera”.
Queste parole entusiasmarono Jaq: “Mi sento come l’Araba Fenice, sto rinascendo dalle mie ceneri più forte, saggia e serena di prima.
Ok, deciso, informiamoci sull’indirizzo di quell’orfanotrofio, sento che questa idea sarà proprio l’inizio di una nuova vita. Inoltre, mio marito non verrà mai a cercarmi in Romania nei pressi di un orfanotrofio! E ti dirò di più, torneremo con un piccolo bimbo sfortunato al quale cambierò la vita e farò una generosa offerta per tutti quelli che rimarranno.
Alexy sei grande, solo tu potevi suggerirmi un’idea tanto brillante! Hai cambiato la mia vita e ora cambieremo quella di un bimbo”.
“Non fare la modesta, hai avuto il coraggio di rivoluzionare la tua vita in un tempo brevissimo. Sei più generosa, forte e coraggiosa di quanto immagini”. Fu l’ammirata affermazione di Alexandra.
“Tu sei una perfetta adulatrice, ma veramente mi sento già un’altra. Riempiremo il palazzo di urla e capricci  ed Emanuel starà certo lontano per un bel po’ di tempo.
Sarai tu ad adottare quel bimbo, così io non dovrò chiedere nessuna firma a mio marito”.
“Forse siamo un po’ pazze tutte e due, ma stare con te mi ha già ringiovanito di trent’ anni, mi ritornano alla mente tutti i ricordi di quando insegnavo nella scuola elementare. Grazie ancora Jaq, non so come esprimere la grande riconoscenza che ti dovrò per sempre”. Rispose una sincera Alexandra, con un dolcissimo e aperto sorriso che Jaqueline notò per la prima volta su quel viso; dove le rughe si susseguivano molto più velocemente di quelle che ispirarono Beethowen nella composizione del Chiaro di Luna.
“Un bambino darà un senso vero alla mia vita, soprattutto ora, che ho deciso di non mettere al centro della mia vita solo un mondo fatto di lussi e lussurie. Un mondo che conosco a fondo e, proprio per questo, posso comprendere quanto possa, a volte, essere lontano da una vita serena e soddisfacente”. Affermò Jaqueline, sempre più entusiasta.

“Non dimenticare che sei una bellissima e giovane donna, non devi e non puoi vivere i tanti anni che hai davanti senza accettare la possibilità di un futuro incontro maschile che possa sconvolgere ancora la tua vita. Ma sono certa che allora sarà qualcosa di ben diverso da quelle pazzie che hai vissuto sino ad ora. Ti chiedo solo di non escludere nulla. Ormai sei definitivamente cambiata, in meglio, e non potrai mai più essere la Jaqueline del passato”. Suggerì Alexandra.

“Alessandra, tu parli bene, tu hai intuito quanto questo mondo moderno sia pieno di persone disposte a tutto pur di arricchirsi, ma che non sanno nulla della felicità. Alcuni di loro sono abili e consumati attori o si tratta solo di adulatori, ma a volte è assai difficile riconoscerli e capire cosa c’é dietro. Noi, uomini e donne siamo così pieni di vana gloria!
Pensa alle violenze, subite o cercate, che moltissime donne hanno dovuto affrontare; attrici, dirigenti, umili impiegate, operaie, cameriere … o donne che hanno sposato uomini ricchissimi solo per i soldi; magari anche mio padre è tra i colpevoli.
Pur tuttavia, questo non significa che esistano anche molte donne che hanno fatto carriera solo con la loro forza di volontà, meriti e intelligenza”. Rispose Jaq.
Poi, cambiando completamente discorso: “E ora decidiamo quali saranno le stanze del bambino e mettiamo un annuncio per scoprire la migliore tata di San Pietroburgo”.
“Ma come, non sarò io ad occuparmi del bimbo? Lasciami almeno questa incombenza, devo sentirmi utile”, affermò decisa Alexandra. “No cara Alexy, tu sorveglierai la tata, ma il compito è troppo faticoso per la tua età. Tu avrai, insieme a me, ogni potere decisionale su come allevare questo bambino, o sarà una bambina? Lasciamo fare al destino”.
A queste determinate parole di Jaq, Alexandra rispose rassegnata: “Forse questa volta hai proprio ragione tu. Io mi sento ancora forte, ma un bambino piccolo è fisicamente faticoso da accudire e questa mia povera colonna vertebrale si è tanto piegata negli ultimi anni…! Ecco, vedi, insieme saremo una ottima mamma e una dolce nonnina; oh come mi sento felice! Ma ora dobbiamo trovare ancora il bimbo e poi sarà faticoso e lungo superare tutta la burocrazia di questi due paesi. Non dimenticare che qui non siamo in America!”.
“Non siamo in America, ma con i soldi supereremo tutto molto più in fretta”, affermò con sicurezza Jaq e continuò:
“E poi potremo trascorrere il tempo vuoto della burocrazia dedicandoci alla ricerca delle stanze, dell’arredamento e di tutto quanto dovrà essere pronto all’arrivo del bambino o della bambina”.
“Sei testarda come un mulo, ma questo ti porterà lontano. Ed oggi sono certa che tu sia sulla strada migliore. Anch’io apprezzo questa scelta. Mi stai dando una famiglia, un futuro che meriti di essere vissuto. E non dirmi sempre che sono una perfetta adulatrice; quello che dico è tutto vero”. Questa fu la risposta di Alexandra.

PREPARATIVI PER UNA NUOVA VITA

Il giorno successivo Jaqueline prese i dovuti contatti per concretizzare quanto deciso e con Alexandra andò dal Pope per conoscere l’indirizzo dell’orfanotrofio e prenotare aereo e alloggio.
“Cosa ne dici Alexandra se giustificherò questo viaggio con una mia improvvisa conversione religiosa? Così non sarà difficile far  credere a mio marito che questo spostamento è solo un modo per occupare il mio tempo libero ed andare a donare personalmente dei soldi all’orfanotrofio. Lui sa bene quanto io sia sempre stata diffidente nei confronti delle varie organizzazioni che dicono di esistere per il bene del terzo mondo. Del resto come mai continuano a sorgere, come funghi, nuove organizzazioni? Se qualcuno volesse veramente fare del bene, ne esistono già abbastanza, basta collaborare o donare a queste … Tutta questa proliferazione di buone opere è sospetta e mi fa pensare a tanti grossi “affari”, anche  di “immagine”.
Ho visto con i miei occhi tanti presidenti di queste organizzazioni benefiche volare in prima classe per portare i soldi della beneficenza altrui… e amici sicuri mi hanno informato degli acquisti di caviale e Champagne per festeggiare il Natale nel Benin ed in altri paesi poverissimi. Alla faccia della beneficenza. Anche il saggio Cicerone, me lo hai insegnato tu, nel trattato “De amicizia” diceva: “…la coerenza è ciò che ci aiuta a distinguere chi agisce bene e chi si limita a parlare bene”.
Al ché Alexandra ribatté subito: “Caspita impari proprio in fretta. Sei la migliore allieva che abbia mai avuto”. “Il merito è alla fonte e quindi è sempre tuo cara Alex. Anzi cosa ne dici se da oggi ti chiamassi mamy? Mi farebbe molto piacere e sarebbe una costante conferma che finalmente anch’io ho avuto una vera mamma. Non di sangue, ma di fatto”.
“Cara Jaq, chiamarti la mia bambina sarà per me un grandissimo onore”. “E smettila una volta per tutte con questo onore!”. Si schernì Jaq, scoccandole un grosso bacio sulla fronte.
Prima di partire riuscirono anche ad organizzare l’arredo per le stanze del bimbo che sarebbe arrivato.
“Mamy,  mi sto rendendo conto che, come avevi detto tu e come ha confermato il Pope, ci vorranno tempo e diversi viaggi per concludere tutta la trafila burocratica necessaria per avere fisicamente il bimbo qui nel palazzo. Ma ho già promesso cospicue mance a chi mi aiuterà ad accelerare i tempi”. Subito “mamma” Alex rispose: “Eccoti di nuovo nei panni della signora –io posso tutto-”. “Hai ragione, ma potrai sopportare qualche piccolo difetto rimastomi dell’ex ragazza-capriccio? In fondo sono molto cambiata, lo dici sempre!”. “Va bene per questa volta ti perdono visto che è tutto a fine di bene”. Rispose una rassegnata Alex, fingendosi più seccata di quanto fosse in realtà.
A tavola brindarono alla loro nuova vita con della semplice acqua, quale segno di un profondo cambiamento anche nello stile di vita di Jaqueline.
“Salute! Ma non intendo abbandonare completamente il buon bere e il buon cibo, questo brindisi è solo un simbolo”. Disse una Jaq allegra come se avesse bevuto il miglior Sauternes, e proseguì: “Mio padre ha accettato bene quest’idea di adottare un bambino con il tuo nome  e ne ha parlato come: -quello che io spero sia il tuo ultimo capriccio-“.
“Sarai una buona madre. Questa notte ho fatto un sogno nel quale tu cullavi un bimbo cantando la medesima ninna-nanna che mi cantava mia madre e prima di svegliarmi ho sentito come un forte alito di vento. I vecchi hanno sempre sostenuto che questo è il segno che si è sulla buona strada. So che tu non credi a queste cose, ma una forte convinzione è sempre fondamentale per un buon esito; di qualunque cosa si tratti”.
“In ogni modo un punto di vista positivo, non può che essere un favorevole inizio. Buona notte cara mamy, ci vediamo domattina e, come dici tu, “ad maiora!” ”.  Fu la conciliante risposta di Jaqueline.
In poche settimane Jaqueline riuscì ad organizzare il primo viaggio verso l’orfanotrofio. Niente prima classe, niente vini pregiati a bordo; voleva provare a vivere il più possibile la vita di una persona normale per avvicinarsi di più alla psicologia del bambino che voleva adottare. Proprio come le avevano suggerito i vari specialisti durante i numerosi colloqui.
L’aeroporto e il volo furono per Alexandra un’esperienza sconvolgente, si adattò abbastanza bene; anche se continuava a stupirsi per tutto quanto veniva servito a bordo “gratuitamente”.
Un taxi, assai mal messo, accompagnò le due donne all’albergo.
Mai Jaqueline aveva visto tanto squallore: “Per fortuna che l’agenzia di viaggi ha insistito perché prenotassi un albergo quattro stelle! Non voglio fare la super-donna viziata, ma questo albergo in America sarebbe qualificato con meno di una stella”. Disse un poco spaventata. Per fortuna la buona Alexandra sapeva sempre rincuorarla, ma la sera a tavola Jaqueline sbottò di nuovo: “Questa minestra è veramente immangiabile e le verdure del self-service mi sembrano scolate direttamente dalla scatola. Chiederò due uova sode, almeno quelle riuscirò a mangiarle”. Peccato che le uova una volta tagliate a metà rivelarono un tuorlo grigio-nero.
“Jaqueline, tu non puoi cambiare così repentinamente le tue abitudini, chiunque ha bisogno di tempo. Dammi retta vediamo se riusciamo a trovare un albergo più adatto a te. Io capisco il tuo spirito di sacrificio, ma credimi non sarai una madre migliore perché sei riuscita a farti venire una bella dissenteria per cibo avariato”.
“Hai ragione, chiedo subito al portiere se esiste un albergo cinque stelle nei dintorni. Cara Alexandra cosa farei senza di te, tu si che hai buon senso”.
Fu così che le due donne si fecero trasportare in taxi nel migliore ristorante della città e poi nell’hotel cinque stelle vicino all’aeroporto. “Non è certo un cinque stelle americano, ma ora mi sento molto meglio. Qui almeno funzionano sia l’acqua calda che quella fredda, ho un bagno decente e c’è l’aria condizionata funzionante”.
All’indomani, dopo una abbondante colazione a base di spremuta di arancio, pane, burro, marmellata, uova, pancetta e tè, le due donne chiamarono il taxi per essere trasportate all’orfanotrofio.
Attraversarono una periferia di vie  mai asfaltate, né pulite, ridotte a putride pozzanghere dalla pioggia. Gli abitanti di questi luoghi erano subito riconoscibili, anche in centro città, per quelle loro scarpe eternamente sporche di fango, quando pioveva, e di polvere terrosa nella stagione asciutta.
Le vecchie case popolari del regime comunista si stavano sfaldando. La manutenzione era un vocabolo dimenticato da prima della caduta del muro di Berlino. Quando qualcosa si rompeva mancavano i soldi per ripararla. Le grandi stazioni di vecchi bus, se non fosse stato per la gente che li affollava, avrebbero potuto sembrare depositi abbandonati.

L’ORFANOTROFIO

Finalmente arrivarono all’agognato orfanotrofio. L’edificio aveva perso grossi pezzi di cemento in tutte le sue parti e le strutture in ferro arrugginito fungevano da squallido “decoro”. All’intorno prati abbandonati pieni di sterpaglie e avanzi in plastica; in rappresentanza di un discutibile progresso. Il panorama non era certo il migliore per crescere in armonia con l’ambiente.
“Poveri bambini, sono discriminati anche nella loro prima visione del mondo”. Disse Jaqueline guardandosi attorno angosciata.
Una volta scese dal taxi, le due donne furono accolte con grande deferenza dalla direttrice in persona.
“Benvenute in questa modestissima dimora e grazie per avere scelto il nostro orfanotrofio. Io sono la direttrice e il mio nome è Lucilla Pedrovick. Padre Dvar mi ha parlato molto di lei Lady Le Roy, delle sue sofferenze e della sua ferma volontà di aiutare qualcuno dei nostri sfortunati bambini; anche se per interposta persona. Qui la ammiriamo tutti e siamo disponibili ad aiutarla.
Immagino che lei sia Lady Alexandra Pteloy, la persona che adotterà con il proprio cognome il bambino scelto.
Prego, venite in biblioteca dove abbiamo preparato una piccola festa in occasione del vostro arrivo”. Così si presentò la direttrice con un inglese dall’accento assai “esotico”.
Le tre donne attraversarono lunghissimi corridoi sui quali si affacciavano enormi stanzoni sovraccarichi di letti a castello. Gli stanzoni aperti erano ben puliti e con i letti perfettamente rifatti. Purtroppo sopra tutto aleggiava uno forte odore di candeggina che non riusciva a coprire un fondo di fognature mal funzionanti.
“Qui un esercito di donne disoccupate e senza casa ha trovato lavoro.  Fanno tutto; dalla cucina alla lavanderia, dalla pulizia al riordino delle camere. Alcune di loro sono ex insegnati  senza pensione e qui continuano ad esercitare la loro professione in cambio di vitto e alloggio.” Continuò Lucilla Pedrovick. “Potete entrare in qualunque stanza dove volete e verificare il nostro lavoro. Ma eccoci arrivate alla biblioteca”.
Un dolce suono di violino accolse le ospiti.
“Vi abbiamo voluto dare il benvenuto con il suono del violino della nostra migliore allieva. Si tratta di una ragazza molto dotata, secondo quanto afferma la sua insegnante, ma avrebbe bisogno di poter frequentare un conservatorio. Noi non abbiamo abbastanza soldi per questo tipo di aiuti”. Continuò la direttrice.
“Non sono un’esperta di musica classica, ma questa bambina mi sembra suoni divinamente e poi è bellissima, mi sono già innamorata di lei. Ecco chi adotterò”. Intervenne Jaqueline.
“Aspetti a decidere Lady Le Roy, ne conoscerà molti altri e le assicuro che sarà difficile scegliere. Capita a tutte le persone di buona volontà che passano da questo luogo”. Rispose la direttrice, continuando con un; “Prego accomodatevi alla nostra modesta tavola, provate questo vino prodotto con le uve locali. Tutto quanto qui è stato preparato dalle donne in cucina con l’aiuto dei bambini. Insegniamo loro anche  a cucinare. Si tratta di cibi semplici, ma sani, fatti solo con i prodotti locali”.
Con un sorriso sulle labbra Jaqueline avvicinò il bicchiere di plastica alla bocca e assaggiò il vino, ma con fatica mantenne il sorriso dopo il primo sorso. Si trattava di un vino assai acido, privo di qualunque criterio di buona vinificazione. Quindi abbandonò il bicchiere ancora colmo con tutta la nonchalance di cui era capace.
“Provi anche questi salatini con il pesce affumicato, la maionese è stata fatta dai ragazzi, fresca per voi e con le uova della fattoria qui accanto”. Continuò la direttrice, fingendo di non avere visto l’abbandono del bicchiere da parte di Jaqueline.
Con cautela, ma sempre sorridendo, Jaqueline avvicinò alla bocca il pane nero guarnito con pesce e maionese. “Ma è fantastico, io adoro il pesce affumicato, la maionese fatta in casa e questo pane sono  squisiti. Bravissimi”. Fu l’entusiastica affermazione di Jaqueline.
“Il nostro pane è fatto in casa fresco tutti i giorni e sono molto orgogliosa di tutta la nostra panificazione, provi queste brioche salate al formaggio; fornito da una donna che cura le sue pecore in un campo non lontano dal nostro edificio”. Interloquì la Pedrovick.
“Veramente ottime, e che buon formaggio!” Fu la risposta di Jaq, mentre Alexandra si era allontanata per cercare qualcuno che parlasse russo e poter sapere qualcosa al di fuori dell’ufficialità.
Continuarono così a parlare del più e del meno, mentre si alternavano suoni di violino e di pianoforte. “Anche chi suona il pianoforte mi sembra molto bravo”. Disse Jaqueline alla direttrice. “Aspettavo proprio questa sua affermazione. Dovete sapere che il bimbo che suona il pianoforte pensiamo sia il fratellino della fanciulla che avete sentito suonare il violino. Si tratta di due orfani dei quali, in realtà, non sappiamo nulla, li abbiamo trovati qui fuori infreddoliti, ma ben coperti. Personalmente sono convinta che debbano essere figli di qualche artista, penso siano bimbi nati ascoltando della buona musica, altrimenti non si spiegherebbe la facilità con la quale hanno appreso i rudimenti dei due strumenti e la loro, seppur minima, conoscenza della lingua inglese. Purtroppo non abbiamo soldi per fare loro un esame del DNA.
Non siamo mai riusciti a farli parlare dei loro ricordi, se li interroghiamo si chiudono entrambi in un feroce mutismo. Devo essere molto chiara a proposito di questi bambini; ho sempre pensato che sarebbe solo un atto di atroce crudeltà dividerli dato che passano tutto il tempo libero insieme”. Rispose la direttrice con tono deciso.
“Dov’è? Alexandra? Vorrei consultarmi con lei”. Domandò Jaqueline. “Lady Alexandra sta parlando con una maestra che conosce il russo, ma la faccio chiamare subito”. Fu la solerte risposta della direttrice.

Jaqueline e Alexandra tornarono all’orfanotrofio ogni giorno per sette giorno consecutivi. Ogni volta facendo più domande, ogni volta con la pena nel cuore per dover scegliere e quindi abbandonare tutti gli altri bambini al loro destino.
Ogni sera discutevano tra loro sulle impressioni della giornata, ma alla fine prevalse  l’istinto che le aveva fatte avvicinare, sin dal primo giorno, ai due orfanelli musicisti.

DA DONNA DEL JET SET ALL’ADOZIONE DI ORFANI

“Sono tanto felice che anche tu Alexandra sia convinta che adottando i due fratellini corrisponda a salvare un’intera famiglia”. Concluse Jaqueline.
Così iniziò un’altra settimana occupata solo dalle pratiche burocratiche e dall’elargizione, anche forzata, di abbondanti mance.
Alla fine le due donne se ne tornarono a San Pietroburgo con la gioia di essere sulla buona strada per ottenere il permesso di adottare i due fratellini, ma con la tristezza di doverli lasciare ancora per parecchio tempo in quell’orfanotrofio.
Jaq e Alexandra trascorsero l’estate e un intero inverno, intervallati da altri tre viaggi per vedere i bambini e per adempiere alla cieca burocrazia; in attesa che tutto si risolvesse per il meglio.

UN ALTRO INVERNO, MA DIVERSO

Dopo le lunghe notti bianche estive la Neva, come tutto ciò che gli stava intorno, era gelata e rifletteva i colori del cielo. Grigio nebbioso nelle brevi e frequenti giornate nuvolose, bianco brillante durante le pochissime giornate di pallido sole, ma lo spettacolo che Jaqueline preferiva era quello notturno, quando era possibile vedere la luna. A volte la nebbia diradava lasciando intravedere i suoi raggi che giocavano sul manto nevoso e splendevano sul ghiaccio. Quando, al mattino, il pallido sole riusciva a filtrare tra le nuvole, creava una fitta nebbia che saliva dal fiume e tutto aveva le sembianze di in un paesaggio fiabesco.

“Vorrei essere un pesce della Neva e guardare la pallida luce della luna attraverso lo strato di ghiaccio”. Disse una sera Jaqueline ad Alexandra. Intanto le giornate dietro le finestre del palazzo trascorrevano in fervidi preparativi e progetti.
Al ritorno a San Pietroburgo, per prima cosa Jaqueline si era informata sui migliori insegnati privati di violino e pianoforte della città, poi aveva visitato le più prestigiose scuole e il Conservatorio. Sapeva bene di trovarsi in una città ideale per questo tipo di ricerca.
L’inverno, per le due donne, fu lunghissimo, sia meteorologicamente, che psicologicamente. Comunque con i primi ciuffi d’erba arrivò anche il sospirato documento; potevano adottare i due bimbi.

Emanuel non si era mai fatto vedere a palazzo e Jaqueline era certa che stesse affogando la sua rabbia in qualche nuova storia “d’amore” e, forse anche, alla ricerca dei soldi per assoldare qualcuno per fare molto male a quelli che ormai considerava gli intrusi di palazzo.
Nonostante questi pensieri le due donne erano abbastanza serene, le guardie private di Jaqueline si erano rivelate molto affidabili e poi entrambe non intendevano stare per sempre in quel luogo, anzi stavano già programmando qualcosa che avrebbe modificato l’insignificante vita di Emanuel e l’avrebbe per sempre reso innocuo.

Quella sera Jaqueline e Alexandra festeggiarono vicino al camino mangiando quello che, per la seconda, era diventato il suo cibo preferito: spaghetti aglio olio e peperoncino. “E’ proprio bravo il nostro cuoco, è capace di dare la giusta viscosità al piatto, che è poi la sua vera essenza”. Disse una Jaqueline che non aveva dimenticato la buona tavola; anche se non era più la fanatica di un tempo. Ora cercava, per quanto le era possibile, di limitarsi ad una cucina quasi chilometro zero. Per questo motivo continuava ad essere una accanita frequentatrice del mercato più vicino a palazzo.

Passò un’altra estate e solo a fine novembre riuscirono a definitivamente a sbrigare tutti i problemi burocratici e i molti imprevisti.

FINALMENTE A CASA

E venne finalmente il giorno della partenza per portare i due bambini in quella che sarebbe divenuta la loro casa.
Una grande festa accolse le due donne in orfanotrofio e le loro guance si rigarono di lacrime per i bimbi rimasti, ma presto la gioia ebbe il sopravvento.
Ormai i due fratellini conoscevano bene la nuova mamma e la nuova nonna e lasciarono, senza alcuna esitazione, quella che era stata negli ultimi anni la loro casa.
L’aeroporto e l’aereo stupirono e un po’ anche spaventarono i due bambini, ma l’affetto e le parole delle due donne li rincuorò presto anche con l’aiuto dei giocattolini che l’hostess regalò loro appena terminato il decollo.
Lo stupore dei due fratellini, Lizanika e Ivanov, continuò quando furono introdotti nella cabina di comando per osservare da vicino come funziona un aereo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*