La Stanza dell’Ambra 9a puntata 2018

CAPITOLO OTTAVO

RITORNO A CASA

La gioia era entrata nelle vite di tutta la nuova famiglia.
Lizanika e Ivanov, appena videro le innumerevoli luci della grande San Pietroburgo avvicinarsi sempre più dal finestrino dell’aereo, spalancarono le loro bocche, come non avevano mai fatto in vita loro, ed emisero un lunghissimo “hooooo !!!!”.
Ma le sorprese erano solo all’inizio, dopo le luci dell’aeroporto e gli immensi viali cittadini, ecco il grande albero al centro del giardino addobbato come a Natale, i cristalli brillavano nella notte illuminati da luci nascoste. I due fratellini rimasero paralizzati ed utilizzarono quel poco di russo che avevano imparato all’orfanotrofio negli ultimi mesi, per dimostrare tutta la loro gratitudine e sorpresa.
Durante i primi giorni a palazzo i due bambini non fecero altro che dire “Hoooo ! … che bello!”
Poi, in modo sorprendentemente veloce, come capita solo ai bambini, incominciarono a percepire quasi tutto ciò che li circondava come normale; anche se la loro vita era cambiata integralmente.
L’inverno, quell’anno, si dileguò più velocemente della norma e arrivarono i primi caldi raggi solari che facevano presagire l’arrivo di un’estate assai precoce.
Jaqueline e Alexandra erano sedute su di una panca secolare in ferro battuto, resa comoda da morbidi cuscini rivestiti in lino bianco. “Adoro questi bambini ogni giorno di più dimostrano la loro intelligenza, e sono anche obbedienti quanto basta.” Disse Jaqueline ad Alexandra mentre bevevano il tè.  Le acque della Neva sciabordavano contro il fitto manto d’erba che cresceva anche sul limitare del fiume.
Lizanika e Ivanov  si arrampicavano sui giochi in legno disegnati da Jaqueline per loro e si tuffavano nella piccola piscina riscaldata e appositamente allestita.
Una biondissima cameriera, con un bianco grembiule guarnito con pizzi verde-azzurro, portò dei sandwich salati, mentre il sole sempre meno pallido, si rifletteva nell’acqua creando argentei lampi.
-Manca solo un accompagnamento musicale- pensò Jaqueline, mentre un turbinio di tristi pensieri prendevano definitivamente posto nella sua mente. “E se mio marito riuscisse davvero ad uccidermi, o se facesse uccidere i ragazzi o te, cara Alexandra?” Domandò all’improvviso all’amica che le stava accanto.
“Calmati Jaqueline, non dimenticare che per lui sei l’unica fonte di guadagno”. Rispose calma Alexandra a Jaqueline.
I due bambini, appena si accorsero che era stata servita la merenda, arrivarono di corsa.
“Mamma, ti ricordi che ieri ai giardini pubblici abbiamo incontrato i bambini che abitano nel palazzo accanto? E che domani ci hanno invitato a giocare nella loro bellissima piscina interna con il trampolino alto due metri? La loro mamma ti telefonerà questa sera; ci darai il permesso?” Fu Lizanika a fare la domanda, ma Ivanov le stava vicino pronto ad intervenire; per difendere la richiesta della sorella, ma non fu necessario. “Certamente vi lascerò andare, ma spiegherò quanto sarebbe opportuna anche la presenza di Alexandra e delle guardie del corpo. Promettetemi solo di uscire dall’acqua appena se avrete freddo”. Rispose una ormai tranquillizzata Jaqueline.
La sera, dopo cena, una gentile voce femminile telefonava per confermare l’invito ai bambini, alla mamma ed alla nonna, per una merenda nel giardino accanto. “E non si preoccupi signora Le Roy anche le sue guardie saranno le benvenute”. Questa era stata la frase che aveva definitivamente fatto accettare l’invito a Jaqueline.
Fu così che, non solo Lizanika e Ivanov, scoprirono di avere dei simpatici amici nella dimora accanto, ma anche Jaq e Alexandra incontrarono un’amica preziosa di nome Janje.
Il pomeriggio passò in un baleno. Così, dopo alcuni scambi di ospitalità, Jaqueline e Alessandra vennero a sapere che Janje, chiamata anche Jane, era la discendente di quella Janie descritta in uno dei diari che avevano trovato nella biblioteca privata del palazzo dove  vivevano.

I TASSELLI SI INCASTRANO

“Io sono proprio la bisnipote di quella Janje che ereditò questo palazzo dal nobile Alendrejevic e poi sposò il suo guardiacaccia”. Purtroppo mio marito è morto di infarto da tempo ed io e i bambini continuiamo a sentirci molto soli. Il loro padre era un uomo delizioso, sempre attento alle nostre anche più piccole necessità e ci colmava di attenzioni. E’ stata una vera fortuna conoscervi; anche per i miei figli”.
“Anch’io penso la medesima cosa”. Rispose entusiasta Jaqueline. “E’ merito dei nostri rispettivi bambini se ci siamo incontrate”. Dissero entrambe quasi all’unisono e una squillante risata uscì dalle loro labbra.
Alexandra, che pure condivideva pienamente questa amicizia, stava addentando uno squisito spiedino con tre tipi di carni differenti e non voleva parlare con la bocca piena.
Si trovavano tutti nel giardino del palazzo di Jaqueline mentre veniva servito un semplice, ma squisito barbecue fatto con le carni prodotte dalle fattorie non lontane dalla città. L’unica nota “esotica” era la salsa: un semplice ciumiciurri, ovvero la più conosciuta salsa dei barbecue argentini: basilico, prezzemolo, aglio, olio, sale; con mille varianti, secondo gli usi familiari.
Era una di quelle magiche notti bianche che San Pietroburgo regala in estate. Il sole era fermo appena sotto l’orizzonte e illuminava le nuvole con tutte le tonalità dell’arancione che si sarebbero presto trasformate in sfumature di rosa, blu e viola. Il tutto si rifletteva nelle acque del fiume Neva e lo spettacolo era tanto incredibilmente suggestivo, da sembrare frutto di una foto rielaborata con Photoshop.
“Queste notti estive sono proprio speciali. Perché domani non andiamo tutti insieme sulla cupola della cattedrale di Sant’Isacco ad ammirare la città intera avvolta dai colori del tramonto?” Disse Jaqueline e la risposta fu un coro di “Siiii … che bello!!!”. “Ma voi bambini dovete prometterci che terrete sempre qualcuno per mano. Sia durante la salita verso la cupola che, soprattutto, durante la discesa; sono due percorsi molto pericolosi a causa di quei piccoli e ripidi gradini”, precisò Jaqueline.
Finito il pasto, mente Alexandra raccontava una delle sue meravigliose favole ai bambini, Jane e Jaq si avviarono verso l’interno del palazzo; mentre quest’ultima raccontava di quanto avesse scoperto nelle su ricerche in biblioteca ed altro.
“Cara Jaq, se permetti ti voglio fare una confidenza, anch’io sono sempre stata incuriosita dalla storia del palazzo dove vivo e voglio mostrarti qualcosa”.
Il giorno dopo Janie portò Jaqueline in una cantina del suo palazzo e le fece notare i segni di un vano che era stato murato.
“Perché non proviamo a demolirlo”. Suggerì Jaq. “Le mie guardie, come ti ho detto, sono fidate e se mi permetti, domani le possiamo portare qui; penseranno loro a demolire il muro ”.  “Ma certo cara”. Rispose Janie.
Jaqueline pensò bene di informare ulteriormente l’amica; ”Devi sapere che sfondare questo muro potrebbe portare ad una scoperta molto importante. Tempo fa ho trovato in biblioteca un testamento, scritto su pergamena, che parlava di quando le truppe tedesche erano entrate nel Palazzo di Caterina a Pushkin e di come la sala dell’ambra fosse stata imballata, insieme ad altri grandi capolavori, per essere spedita altrove. Secondo quanto scritto, qualcuno, però, fece in modo che gli imballaggi originali fossero sostituiti da casse contenenti dei sassi e della resina comune.
Il testamento parlava di un furto ben congegnato e avvenuto di notte e di due soli testimoni che sarebbero poi stati uccisi. Nel testamento si accennava anche a  un enigma da risolvere. Seguiva un racconto di fantasmi e streghe che popolavano il palazzo e che, secondo l’autore del testamento avrebbero protetto il tesoro sino a che fosse arrivata una persona degna di scoprirlo.
Si parlava anche di uscite segrete e di murati vivi perché non rivelassero il segreto.
Forse domani la nostra curiosità troverà una risposta. La mia idea è di allontanare i bambini affidandoli ad Alexandra. Magari li mandiamo al Giardino Botanico come avevano chiesto l’altro giorno.
Parlerò con Alexandra e li terrà occupati l’intera giornata; così noi saremo libere di occuparci di queste mura che ci circondano. Forse, finalmente, riusciremo a trovare una risposta a tutte le domande che ci stiamo facendo da tempo”.
“Fantastico, domani sarà certamente una giornata da ricordare” Rispose Jane. Continuarono ancora per poco le loro confidenze per poi tornare in giardino e ricordare ai bambini che era ora di lasciare il giardino perché si stava avvicinando l’ora di andare a dormire.

L’indomani tutti si alzarono di buon’ora. I bambini erano molto agitati all’idea di trascorrere un’intera giornata fuori dai rispettivi palazzi.
Anche Janje e Jaqueline non si sentivano affatto calme, forse si stavano avvicinando alla soluzione di un mistero che durava da troppo tempo.

Quando i bambini furono usciti e dopo avere ricevuto tutte le raccomandazioni di cautela da parte della saggia Alexandra, Jaqueline chiamò due delle guardie, per raggiungere con loro il palazzo di Janje.

Jane era sulla soglia impaziente. Appena entrarono nel palazzo, subito si avviarono verso le cantine accompagnate dalle guardie di Jaqueline; con il necessario per scavare.

Raggiunto il punto dove si poteva ben vedere un muro che dava l’impressione di essere stato costruito in modo assai frettoloso, alle guardie fu ordinato di sfondarlo.

I mattoni erano stati messi piuttosto disordinatamente ed era chiaro che non si trattava del lavoro di un professionista, ma di un maldestro incompetente.
Comunque, il cemento ed i mattoni, pur messi tanto maldestramente, facevano molta resistenza ai tentativi delle guardie; alle quali non mancava l’attrezzatura né la forza fisica. Verso la fine della mattinata decisero di fare una pausa, erano riusciti solo ad aprire un piccolo varco, e Jaqueline pretendeva di entrare avendo un’apertura il più grande possibile per motivi di sicurezza. Voleva poter vedere bene all’interno prima di varcare quella soglia.
La pausa pranzo prevedeva dei semplici sandwich per tutti, spremuta di frutta e caffè.

LA SAGGEZZA DEGLI ANTICHI ATTIRA LA CURIOSITA’ DI JAQUELINE

Dopo il caffè, Janje chiesa a Jaqueline se volesse ascoltare poche righe di quanto stava leggendo nella premessa del libro “Vizi e virtù dell’animo umano” di Seneca; sulla conquista della libertà interiore e dell’autonomia intellettuale e spirituale. Jaqueline, che non aveva mai studiato niente di simile, ma aveva trovato interessante il libro di Seneca “Lettere a Lucilio”, che aveva trovato in biblioteca e letto nei momenti più infelici della sua vita, accettò volentieri incuriosita.
“Ma il saggio non può perdere nulla; tutto ha riposto in sé, non affida nulla alla fortuna, ha i suoi beni al sicuro, appagato della virtù … Ma la virtù non è un suo dono, perciò nemmeno può toglierla: la virtù è libera, inviolabile, salda, incrollabile, così indurita contro le disgrazie che non può essere neppure piegata, tanto meno vinta; guarda a testa alta i preparativi di cose terribili, non muta per nulla il suo volto, qualunque realtà le si mostri, sia dura sia favorevole…”.
Jane sapeva leggere e trasmettere la sua passione e fede in quello che leggeva. Jaqueline ascoltava incuriosita e incantata; un mondo nuovo le si era aperto davanti negli ultimi anni e sembrava migliore e più sicuro di quello che aveva conosciuto negli anni della sua dissoluta giovinezza.
Janje chiese se poteva continuare; “Ma certo, ascoltando la tua lettura anche un pensiero complesso diviene chiarissimo; leggi ancora qualche riga, per favore”.
“… Non solo invitto [non vinto], ma indenne; infatti aveva con se i veri beni, dei quali nessuno può impadronirsi, mentre quelli dispersi e saccheggiati non li considerava suoi, ma esteriori e soggetti al capriccio della fortuna… Non c’è ragione che tu dubiti che chi nasce uomo possa elevarsi al di sopra dell’umano, assistere tranquillo ai dolori, danni, piaghe, ferite, grandi movimenti di cose rumoreggianti intorno a sé. e sopportare con serenità le avversità e accogliere con moderazione le circostanze favorevoli, e senza cedere a quelle e senza confidare in queste, possa restare sempre lo stesso pur in situazioni diverse, non considerando suo nient’altro che sé, e sé ancora … “Non solo invitto, ma indenne; infatti aveva con se i veri beni, dei quali nessuno può impadronirsi, mentre quelli dispersi e saccheggiati non li considerava suoi, ma esteriori e soggetti al capriccio della fortuna… Non c’è ragione che tu dubiti che chi nasce uomo possa elevarsi al di sopra dell’umano, assistere tranquillo ai dolori, danni, piaghe, ferite, grandi movimenti di cose rumoreggianti intorno a sé. e sopportare con serenità le avversità e accogliere con moderazione le circostanze favorevoli, e senza cedere a quelle e senza confidare in queste possa restare sempre lo stesso pur in situazioni diverse, non considerando suo nient’altro che sé, e sé ancora … Non c’è ragione che tu creda me vinto e te vincitore: semplicemente la tua fortuna ha vinto la mia. Non so dove siano quei beni caduchi, i quali cambiano sempre padrone, per quanto concerne le mie cose, esse sono con me, con me saranno in futuro… gli ambiziosi hanno perso la curia e il foro…io certo mantengo tutti miei beni intatti e inviolati… Quindi convinciti di questo… I suoi beni sono protetti da baluardi solidi e invincibili. Ad essi non potresti paragonare le mura di Babilonia, nelle quali Alessandro penetrò…queste fortificazioni recano l’impronta del nemico: quelle che difendono il sapiente sono al sicuro sia da incendi che da irruzioni, non offrono alcun accesso, sono elevate, inespugnabili, all’altezza degli dei … ma la malvagità non è più forte della virtù; il saggio, dunque, non può essere danneggiato. Soltanto i malvagi tentano di offendere i buoni; tra i buoni c’è pace, mentre i malvagi sono dannosi tanto ai buoni quanto reciprocamente a se stessi”.
“Grazie” per queste parole, disse Jaqueline. “In pochi istanti mi hai chiarito molte cose e sto per prendere una importante decisione. Ti chiedo solo di lasciarmi pensare tutta la notte e poi te ne parlerò domani mattina.
Prestami questo libro, perché voglio rileggere quelle frasi che mi hanno tanto colpito”.
E fu così che alle guardie venne ordinato di abbandonare lo scavo e Jaqueline tornò a casa sua con il libro di Seneca.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*