Attacco in Siria: e ora ? – Commento da ISPI

Riceviamo da : ISPI – Istituto per gli Studi di Politica Internazionale

Al momento non sembra che l’azione punitiva nei confronti di Damasco  risponda a una una strategia politica …

Dopo gli annunci e le tensioni degli scorsi giorni, in quella che è apparsa come una escalation inarrestabile, l’attacco è arrivato: alle 4.30 del mattino ora di Damasco, Usa, Francia e Gran Bretagna hanno condotto un raid missilistico in punizione dell’attacco chimico dello scorso 7 aprile: sono stati colpiti un centro di ricerca scientifica a Damasco, in cui si ritiene vengano prodotte armi chimiche e biologiche, due depositi di armi chimiche e un centro di comando siriano a ovest della città Homs.

L’operazione ha suscitato le dure condanne di Damasco, che annuncia di aver “reagito”, e di Russia e Iran, che hanno invece avvertito che “ci saranno conseguenze”.

Perché questo attacco?

E quali scenari si aprono ora?

UNA SCELTA MIRATA: PERCHÉ?

La natura degli obiettivi colpiti – tutti apparentemente collegati alla produzione e allo stoccaggio di armi chimiche – rivela che quello di questa notte è stato un attacco punitivo, in risposta agli eventi dello scorso 7 aprile, legato dunque all’obiettivo di dissuadere Bashar al-Assad dal compiere ancora simili attacchi in futuro.

Si è trattato di un intervento più ampio rispetto a quello dello scorso anno, in cui gli Usa avevano lanciato 59 missili Tomahawk sulla base di Shayrat in risposta all’attacco chimico di Khan Sheikhoun.

Questa volta è stato lanciato il doppio dei missili, e la partecipazione alla missione punitiva è stata estesa a Francia e Regno Unito.

Un intervento su scala maggiore dunque – legato alla necessità di “fare qualche cosa di più” rispetto allo scorso anno – ma non su scala così ampia da rischiare una escalation pericolosa come quella che sembrava prospettarsi fino a qualche ora fa.

Nell’attacco infatti non sono rimasti coinvolti consiglieri militari russi, la vera linea rossa che avrebbe potuto innescare la risposta di Mosca, rischiando di far precipitare lo scontro verso la guerra aperta.

Nei comunicati ufficiali, la Russia ha condannato gli attacchi a guida statunitense come “un atto di aggressione” mettendo in guardia dalle possibili conseguenze, e Usa, Francia e Gran Bretagna per l’indisponibilità ad aspettare il risultato dell’indagine dell’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPAC), che oggi inizia il suo lavoro a Douma (necessita di un mese per avere risposte sicure).

Una missione che – lo ricordiamo – ha il solo scopo di accertare l’effettivo utilizzo di armi chimiche, non di stabilire chi le abbia usate.

Una missione di questo secondo tipo, infatti, è stata impedita dal veto russo in Consiglio di Sicurezza.

Sebbene Russia e Stati Uniti neghino di avere comunicato in queste ore, è possibile ipotizzare che il lasso di tempo abbastanza lungo intercorso tra la minaccia Usa dell’attacco e la sua effettiva attuazione sia servito proprio a mettere a punto da parte di Usa, Francia e Gran Bretagna un piano di attacco che permettesse di colpire obiettivi simbolici ma non determinanti, e alla Russia di evacuare i propri uomini dai siti considerati a rischio.

In questo modo lo scenario dello scontro aperto sembrerebbe per ora essere stato evitato.

VERSO LO SCONTRO APERTO ?

La natura “chirurgica” dell’attacco e il fatto che non siano stati coinvolti obiettivi russi lascia supporre che, verosimilmente, lo scontro militare potrebbe fermarsi qui.

Nelle intenzioni di Usa, Francia e Regno Unito, Assad è stato “punito” per essersi reso colpevole dell’utilizzo, secondo le accuse, di armi chimiche contro la popolazione civile nel sobborgo di Douma lo scorso sabato.

Nei tre paesi che hanno perpetrato l’attacco di questa notte, non sembra sussistere la volontà di portare lo scontro a un livello superiore.

Il segretario Usa alla Difesa James Mattis – che nei giorni scorsi aveva cercato di frenare la loquacità di Trump – ha dichiarato che si tratta di un “one-time shot”; il premier britannico Theresa Mayha affermato che dietro l’attacco non c’è l’intenzione di attuare un cambiamento di regime a Damasco.

Anche il presidente francese Emmanuel Macron nella sua dichiarazione post-intervento ha ribadito la natura limitata e punitiva dell’attacco, giustificata dal fatto che utilizzando armi chimiche contro la propria popolazione, Assad ha oltrepassato la linea rossa tracciata dalla Francia nel maggio 2017.

Queste dichiarazioni sembrerebbero rivelare che, al momento, l’azione punitiva nei confronti di Damasco non risponda a una una strategia politica – della quale la forza militare potrebbe essere considerato come uno strumento – che sul medio termine miri a un vero e proprio “regime change” in Siria.

L’Alto Rappresentante UE Federica Mogherini ha ricordato che “non esiste altra soluzione al conflitto siriano se non quella politica”, invitando al contempo Russia e Iran a esercitare pressione sul regime di Damasco affinché si eviti il ripetersi di attacchi chimici in futuro.

Se la presenza persistente di armi chimiche sul territorio siriano dovesse essere confermata nonostante il fatto che già nel 2013 Mosca si impegnò a garantirne lo smaltimento da parte di Damasco, rimane però l’incognita sulle modalità con cui la comunità internazionale intende affrontare la questione nel prossimo futuro.

QUALI SCENARI ?

Lo scenario più probabile per il momento è quello che continui come negli scorsi mesi lo sforzo bellico da parte del regime siriano, impegnato nella riconquista degli ultimi territori ancora in mano ai ribelli.

Qualora fosse confermato, lo stesso utilizzo di armi chimiche da parte di Damasco potrebbe essere interpretato come un messaggio da parte di Assad a quei ribelli che ancora non si sono resi disponibili a firmare accordi di evacuazione con il regime, come invece avrebbero fatto nelle scorse settimane i ribelli stanziati nella roccaforte di Ghouta, portata allo stremo dalla stretta militare del regime.

Al momento, rimangono tre grandi sacche di resistenza: nel nord, la regione attorno a Idlib, nel centro, l’area tra Homs e Hama, e nel sud-ovest, lungo il confine con Israele e Giordania.

Di questi tre fronti, il più caldo rischia di essere proprio il terzo.

Mentre i territori lungo il confine con Israele e Giordania sono al momento controllati dai ribelli, truppe di Hezbollah e altre milizie pro-Iran sono schierate nell’area, pronte a supportare lo sforzo di riconquista del regime.

L’avanzata di Hezbollah verso le alture del Golan – area formalmente sotto controllo siriano ma de facto occupata da Israele dal 1967, e dove corre la linea di confine tra Siria e Israele – mette in serio allarme Tel Aviv.

La linea rossa tracciata da Israele relativamente al conflitto siriano, infatti, è l’avvicinamento di Iran, Hezbollah e delle milizie a loro alleate al confine israeliano.

Tel Aviv sta cercando di fare pressione su Mosca affinché “contenga” l’espansione iraniana nell’area, lanciando segnali – come il bombardamento dello scorso 8 aprile sulla base russo-iraniana T4 – di essere pronta a intervenire direttamente se la linea rossa fosse oltrepassata.

Potrebbe però non essere semplice per Mosca – anche qualora ne avesse la volontà – contenere l’alleato iraniano.

A differenza dei paesi occidentali, però, Israele vede questa questione come vitale, e potrebbe essere disposto all’attacco per proteggere le proprie posizioni.

Potrebbe dunque essere questo il fronte a cui guardare con più attenzione oggi, e sul quale concentrare gli sforzi diplomatici per evitare che il conflitto si estenda ulteriormente con conseguenze imprevedibili.

Evento
Nuovi venti di guerra in Siria
Giovedì 19 aprile, 18:00 – ISPI (Milano)

A cura di:
Annalisa Perteghella, Research Fellow

Infografiche:
Tiziana Corda, Research Assistant
ISPI – Istituto per gli Studi di Politica Internazionale

Via Clerici, 5 – 20121 MilanoTel.: +39 (0)2 86 33 13 1Fax: +39 (0)2 86 92 055ispi.segreteria@ispionline.it

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*