MOSTRA: RENOIR Dalle Collezioni del Musée d’Orsay e dell’Orangerie, a Torino.

COVER Renoir; Madame Georges Charpentier (1876-77)

RENOIR AL MUSEO GAM DI TORINO.

Dal 23 ottobre 2013 al 23 febbraio 2014.

Info tel 011.44 29 518   www.gamtorino.it 

Ronoir; La Balançoire (1876) particolare

Renoir-La-Balançoire-1876-particolare.

Renoir; Madame Georges Charpentier (1876-77)

Renoir-Madame-Georges-Charpentier-1876-77.

– Un ventaglio di attività elaborate e condotte dal Dipartimento Educazione GAM permetterà di conoscere e interpretare in modo creativo le molteplici suggestioni offerte dalle opere esposte e dalla biografia dell’artista.

-Pierre-Auguste Renoir (1841-1919) è stato tra i protagonisti dell’impressionismo francese con Monet, Manet,Degas,Pisarro,Sisley e Cezanne. La mostra documenta lo sviluppo della su attività pittorica evidenziando le tappe più significative e le importanti svolte della sua ricerca nell’arte.

l Musée d’Orsay e il Musée de l’Orangerie, che dispongono della collezione più completa al mondo dell’opera di Renoir, hanno permesso a una sessantina di capolavori di raggiungere il Museo Gam di torino, per  una straordinaria rassegna che documenta tutta l’attività di questo grandissimo pittore, mostrandone i momenti più significativi e le svolte che hanno portato l’artista a un progressivo allontanamento dall’Impressionismo.

-La curatela della mostra è affidata a Sylvie Patry, Conservatore Capo presso il Musée d’Orsay e grande specialista di Renoir, e a Riccardo Passoni, Vice Direttore della GAM di Torino.

RENOIR.

Un uomo timido, magro e assai nervoso, così ci raccontano sia stato Renoir mentre scriveva la storia dell’arte moderna con il suo fantastico pennello.

Sfuggì al destino, il padre lo voleva decoratore di porcellane, e riuscì ad iscriversi all’Êrcole de Beaux-Arts a Parigi.

La sua produzione fu caratterizzata dall’irregolarità; egli era sempre alla ricerca di “altro”.

-60 opere raccontano tutta la storia di Renoir

-La storia di Monet parte dal lavoro “en plein air” insieme a Monet e Chailly.

-La visione dei lavori di Raffaello in Italia, sconvolgono il suo pensiero sull’arte.

-Continua a lavorare con Monet, Manet, Dagas, Fantin-Latour; al caffè Guerbois essi pongono le basi dell’arte moderna.

-Renoir era un tipo taciturno, forse anche perché meno preparato degli altri amici artisti. Un’insicurezza che non è mai apparsa nella sua pittura.

-Lavorava all’aperto nel giardino di casa sua, in rue Cortot a Monmartre e poi finiva i lavori nel suo studio di Rue St. Georges.

-Nonostante il nervosismo e la timidezza si parla anche del suo buonumore che, di fatto,  trapela nei suoi lavori.

-Finalmente arriva il successo e quindi il denaro.

-Pur soffrendo di artrite reumatoide pare non si lamentasse mai dei dolori.

-Comunque si trasferisce al sud a Cagnes-sur-Mer e dipinge su di una sedia a rotelle, ma non smette mai pur lavorando con i pennelli legati al polso.

-Muore il 2 dicembre 1919.

Catalogo SKIRA.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*