Weekend -Vigne friulane si beve e si suona

XXI edizione Jazz & Wine of Peace
Sino al 28 ottobre
Vino e jazz vanno d’accordo, e come …!
A Cormons, fra Collio friulano e sloveno, nascono vini pregiatissimi; noti in tutto il mondo.

Jazz & Wine of Peace – appuntamento annuale

nel 2017 erano presenti oltre 6 mila spettatori da tutta Europa

Oltre 40 concerti – anteprime esclusive e concerti di livello in cantina.

Ville e dimore storiche sono aperte alla musica e alla miglior enogastronomia.

Se amate il genere, programmate questo weekend in zona.

Tutto parte dal Teatro di Cormòns; centro nevralgico della manifestazione, poi l’evento si allarga portando la musica nelle migliori cantine e aziende vinicole del Collio, nelle ville e dimore storiche del Friuli Venezia Giulia e della Slovenia e in molti altri luoghi favolosi.

– Sabato 27 ottobre East West Daydreams (Romania, Argentina, Slovenia), ensemble che fonde le esperienze di Alexander Balanescu, Javier Girotto e Zlatko Kaučič; XY Quartet (Italia), gruppo che spazia fra jazz e ricerca con fluidità e leggerezza; The Thing (Sweden, Norway), trio il cui stile è stato definito “garage-jazz” e “impro-punk”; e per i “vecchi” conoscitori di jazz ci sarà anche un gruppo che ha rappresentato un pezzo fondamentale della storia musicale d’avanguardia negli anni ’70: l’Art Ensemble of Chicago (qualcuno li ricorderà certamente quando si presentavano ai concerti con il camice bianco da medico, allora erano Lester Bowie alla tromba, Roscoe Mithcell ai sassofoni, Malachi Favors al basso, Don Moye alle percussioni) & Guests.

– Domenica 28 ottobre Roots Magic (Italia), quartetto con un repertorio nato intorno all’idea di reinvenzione della radice blues; Richard Sinclair (U.K.), uno dei personaggi più importanti del leggendario “Canterbury Sound” anni ’70; David Helbock’s Random Control (Austria) con oltre venti strumenti suonati sul palco! E Moses Boyd Exodus (U.K.), quartetto condotto da Moses Boyd, musicista che sta guidando la rinascita del jazz britannico.
E poi ci saranno i concerti abbinati a degustazioni enogastronomiche, a ingresso libero per gli appuntamenti nei locali “round midnight”, eventi collaterali fra i quali “Jazz, Wine & Bike in bici per il Collio“, la presentazione della nuova Guida Slow food Osterie d’Italia 2019 in italiano e in tedesco (sono moltissimi gli ospiti in arrivo dall’Austria e dalla Germania). E saranno oltre 25 le cantine coinvolte.

COLLATERALI
Anche quest’anno il cartellone dei concerti è affiancato da un ricco calendario di eventi collaterali, a partire dagli appuntamenti di ROUND MIDNIGHT, connubio di music&food, che si terranno nei locali di Cormòns, a ingresso libero e che sono diventati ormai un vero e proprio festival nel festival. Sono inoltre previsti percorsi cicloturistici, storico-architettonici e visite guidate attraverso paesaggi, vigneti e cantine del Collio; la presentazione della Guida Slow Food Osterie d’Italia 2019 e gli itinerari gastronomici di Jazz & Taste, in cantine storiche, con musiche a cura di Eduardo Contizanetti;

Il festival è organizzato dal Circolo Controtempo con la direzione artistica di Mauro Bardusco, è sostenuto da Mibact, Ministero della cultura della Repubblica Slovena, Regione Friuli Venezia Giulia, Promoturismo Fvg, Comune di Cormons, Camera di Commercio Venezia Giulia Trieste Gorizia, Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*