Weekend – apre Biennale di Venezia 2019 da sabato 11 maggio

La 58a Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia prenderà il titolo da un falso anatema

sabato 11 maggio – 24 novembre  2019

‘Che tu possa vivere in tempi interessanti’

” MAY YOU LIVE IN INTERESTING TIMES “

budget 13 milioni di euro – obbiettivo: superare i 620.000 visitatori del 2017

Sarà Ralph Rugoff il curatore della Biennale 2019

Un newyorchese – direttore della Hayward Gallery di Londra

Ralph Rugoff

ci offrirà il suo originale punto di vista

gli artisti li va a cercare …

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Ralph Rugoff, vuole presentare un’arte più attraente, più umana, più ludica, più pubblica …

L’idea ci piace, come apprezziamo il fatto che sia alla ricerca di artisti nuovi da scoprire; come ha detto, vuole ” stanare ” nuovi artisti.

Ci contiamo molto, vogliamo vedere una Biennale ” sorprendente, divertente e invitante “, nel senso che dovebbe essere questo il compito di una Biennale; scoprire nuovi validi talenti.

Siamo stanchi dei grandi nomi, ripetutti all’infinito, presenti ovunque  …. ci sono certamente tanti talenti che aspettano di essere scoperti.

Buon lavoro Mr. Rugoff.

Quello che apprezziamo del ” pensiero Rugoff “:

  • ci saranno molte donne, molto più delle altre Biennali; 42 artiste e 38 uomini è un caso, dice il curatore, ma comunque significativo
  • NESSUNA SUPERSTAR – pochi nomi noti –  apprezziamo molto !!!
  • tanto spazio al nuovo, anche perché la maggioranza della popolazione mondiale vive in Asia: Cina, Corea, India, Tailandia
  • per la prima volta saranno presenti: Algeria, Ghana, Madagascar, Pakistan
  • ” l’arte non fa politica “
  • ” … un curatore è colui che si prende cura …che la mostra sia chiara e apprezzabile dalla più vasta tipologia di persone possibile … “
  • ” …l’arte contemporanea non è solo quello che raccontano certi brutti film … il mercato non è solo bolle speculative… “

:::::::::::::::

Chi è Ralph Rugoff ?

  • dirige, a Londra, la Hayward Gallery; “nemica” della Tate
  • ha studiato anche semiotica
  • riconosce che le donne siano state sempre sottovalutate anche nell’arte
  • ci piace molto perché confermerà che una Biennale deve cercare nuovi talenti e non riportare i soliti nomi noti sempre presenti ovunque …

:::::::::::::::

ORIGINE DELLA FRASE ‘Che tu possa vivere in tempi interessanti’

In un discorso della fine degli anni Trenta del secolo scorso, il parlamentare britannico Sir Austen Chamberlain invocò un antico anatema cinese di cui era venuto a conoscenza grazie a un diplomatico britannico di stanza in Asia, che curiosamente recitava:

‘Che tu possa vivere in tempi interessanti’.

“Non vi è alcun dubbio che l’imprecazione ci abbia colpito”, osservò Chamberlain. “Passiamo da una crisi all’altra, in un susseguirsi di traumi e disordini.”

Questa breve storia sembra oggi di un’attualità quasi sconcertante, in tempi in cui i notiziari annunciano una crisi dopo l’altra.

In questo esempio specifico, si dà il caso che non sia mai esistita un “antico anatema cinese”, nonostante i politici occidentali lo citino nei loro discorsi da oltre un secolo. Questa espressione, pur essendo frutto dell’immaginazione, un surrogato culturale, ha avuto però un effetto reale nella retorica e nel dibattito pubblico.

Tale artefatto di incerta natura, sospetto ma anche ricco di significati, apre a potenziali percorsi di approfondimento che vale la pena perseguire, soprattutto in questo momento storico in cui i “tempi interessanti” che invoca sembrano essere di nuovo con noi.

Per questo la 58. Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia prenderà il titolo da un falso anatema.

LE NEW ENTRY ALLA BIENNALE 2019

Madagascar – Ghana – Pakistan – Malesia

Malesia: progetto espositivo Re/Mixed; 37 progetti sul rapporto tra Architettura e Natura. Ricerca in ambito urbanistico e architettonico di alcuni dei più interessanti studi di architettura Malesi. Aree naturali all’interno degli spazi urbani, dove la natura è “snaturata” dalla progressiva artificializzazione del paesaggio. Spazi ibridi di una rappresentazione che confonde artificiale e naturale. Curioso e inreressante; da vedere.

Pakistan: titolo dell’opera : Manora Field Notes, un viaggio sull’isola di Manora a sud di Karachi; un vero cosmo evanecsnete con tutta la raffinatezza orientale. Diversi materiali e miti storici, conversazioni con le comunità locali e architetture; un archivio di esperienze sul potere del paesaggio. Un lavoro di ricerca dell’autrice che ha cominciato 10 anni fa, studiando le trasformazioni dell’area, vicina al porto di Karachi.

Madagascar: l’artista Joël Andrianomearisoa, presenta: cascate di carte nere e ispidi cespugli … i lavori sono caratterizzati da contrasti tra la setosità di alcune fibre e la rugosità delle plastiche. Il tutto dall’esperienza di Abusson, città  dove si producono arazzi unici al mondo.

Ghana: Intitolato “Ghana Freedom“, in ricordo della canzone composta da ET Mensah alla vigilia dell’indipendenza della nuova nazione nel 1957; “in grado di mostrare la diversità e la creatività del Ghana su scala internazionale”.

 

 

 

 

 

 

Le frasi del curatore sono estrapolate dall’articolo de La Repubblica – 8 marzo 2019 – pag 39

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*