Biennale da non perdere – Venezia 2019 – Ralph Rugoff

La 58a Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia prenderà il titolo da un falso anatema

‘Che tu possa vivere in tempi interessanti’

” MAY YOU LIVE IN INTERESTING TIMES “

budget 13 milioni di euro – obbiettivo: superare i 620.000 visitatori del 2017

Sarà Ralph Rugoff il curatore della Biennale 2019

Quello che apprezziamo del ” pensiero Rugoff “:

  • ci saranno molte donne, molto più delle altre Biennali; 42 artiste e 38 uomini è un caso, dice il curatore, ma comunque significativo
  • NESSUNA SUPERSTAR – pochi nomi noti –  apprezziamo molto !!!
  • tanto spazio al nuovo, anche perché la maggioranza della popolazione mondiale vive in Asia: Cina, Corea, India, Tailandia
  • per la prima volta saranno presenti: Algeria, Ghana, Madagascar, Pakistan
  • ” l’arte non fa politica “
  • ” … un curatore è colui che si prende cura …che la mostra sia chiara e apprezzabile dalla più vasta tipologia di persone possibile … “
  • ” …l’arte contemporanea non è solo quello che raccontano certi brutti film … il mercato non è solo bolle speculative… “

:::::::::::::::

Chi è Ralph Rugoff ?

  • dirige, a Londra, la Hayward Gallery; “nemica” della Tate
  • ha studiato anche semiotica
  • riconosce che le donne siano state sempre sottovalutate anche nell’arte
  • ci piace molto perché confermerà che una Biennale deve cercare nuovi talenti e non riportare i soliti nomi noti sempre presenti ovunque …

:::::::::::::::

ORIGINE DELLA FRASE ‘Che tu possa vivere in tempi interessanti’

In un discorso della fine degli anni Trenta del secolo scorso, il parlamentare britannico Sir Austen Chamberlain invocò un antico anatema cinese di cui era venuto a conoscenza grazie a un diplomatico britannico di stanza in Asia, che curiosamente recitava:

‘Che tu possa vivere in tempi interessanti’.

“Non vi è alcun dubbio che l’imprecazione ci abbia colpito”, osservò Chamberlain. “Passiamo da una crisi all’altra, in un susseguirsi di traumi e disordini.”

Questa breve storia sembra oggi di un’attualità quasi sconcertante, in tempi in cui i notiziari annunciano una crisi dopo l’altra.

In questo esempio specifico, si dà il caso che non sia mai esistita un “antico anatema cinese”, nonostante i politici occidentali lo citino nei loro discorsi da oltre un secolo. Questa espressione, pur essendo frutto dell’immaginazione, un surrogato culturale, ha avuto però un effetto reale nella retorica e nel dibattito pubblico.

Tale artefatto di incerta natura, sospetto ma anche ricco di significati, apre a potenziali percorsi di approfondimento che vale la pena perseguire, soprattutto in questo momento storico in cui i “tempi interessanti” che invoca sembrano essere di nuovo con noi.

Per questo la 58. Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia prenderà il titolo da un falso anatema.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Le frasi del curatore sono estrapolate dall’articolo de La Repubblica – 8 marzo 2019 – pag 39

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*