Weekend di cultura a Lugano – Entrata gratuita il 6 aprile al MUSEC

 

BALI-Collezione-Brignoni.
Mostra Metamorfosi-Lugano-Je-suis-l’autre.-Giacometti-Picasso-e-gli-altri-
MUSEC Spazio-Tesoro
Nkisi-Nkonde-Je-suis-l’autre.-Giacometti-Picasso-e-gli-altri
BALI-Collezione-Brignoni.

Sabato 6 aprile 2019 dalle 17.00 alle 20.00, in occasione dell’inaugurazione del Museo nella rinnovata sede di Villa Malpensata

Riapre Villa Malpensata

Lugano ritrova uno dei suoi musei più amati dal grande pubblico

il MUSEC – Museo delle Culture di Lugano sarà aperto gratuitamente al pubblico che potrà visitare le quattro esposizioni:
 
 
Spazio Maraini – «Le metamorfosi della nostalgia. Esotismo e fotografia fra Otto e Novecento» (7.4-1.9.2019)
 
Spazio Mostre – «Je suis l’autre. Giacometti, Picasso e gli altri. Il Primitivismo nella scultura del Novecento» (7.4-28.7.2019)
 
Spazio Tesoro – Esposizione permanente con una selezione di capolavori delle collezioni del Museo
 
Spazio Cielo – «Un tesoro ritrovato. Nuove opere della Collezione Brignoni» (15.2-16.6.2019)
 
 
Dal 7 aprile il MUSEC sarà aperto tutti i giorni dalle 11 alle 18, tranne il martedì.

Je suis l’autre. Giacometti, Picasso e gli altri. Il Primitivismo nella scultura del Novecento

7 aprile – 28 luglio 2019, Spazio Mostre

Lugano ritrova uno dei suoi musei più amati dal grande pubblico.

Il  7 aprile, con l’esposizione Je suis l’autre. Giacometti, Picasso e gli altri. Il Primitivismo nella scultura del Novecento, saranno infatti inaugurate al pubblico le sale totalmente rinnovate di Villa Malpensata, oggi sede del MUSEC – Museo delle Culture di Lugano.

Per molti anni Villa Malpensata è stata il punto d’incontro tra la grande arte e la Città di Lugano.
Oggi, lo storico complesso edilizio affacciato sul lungolago di Lugano è stato ristrutturato e ammodernato, diventando più grande e ancora più accogliente. Così si prepara a tornare al centro della scena culturale del Ticino e di tutta la Regione dell’Insubria.

«Il MUSEC che torna a svolgere in pieno le sue attività a Villa Malpensata – luogo storicamente votato alle esposizioni d’arte e amato dal grande pubblico – è anche un peculiare e innovativo modello di conduzione delle moderne organizzazioni culturali – dice il Sindaco della Città di Lugano, On. Marco Borradori – un modello il cui obiettivo di sviluppo in parte è originale, e in parte accomuna lo stesso MUSEC al Museo d’arte della Svizzera italiana (MASI) per la scelta gestionale di una fondazione privata di utilità pubblica. Stiamo parlando di un sistema che si fonda principalmente sulla sostenibilità economico-finanziaria e sui piccoli passi, ma anche sul lavoro che genera risorse e quindi crescita. Ci sono voluti molti anni per capirlo. Non era facile, ma i risultati raggiunti ci permettono oggi di comprenderlo e di apprezzarlo sino in fondo».

«Molti dei risultati che giustamente oggi celebriamo con la riapertura del MUSEC a Villa Malpensata – dice il presidente della Fondazione culture e musei Roberto Badaracco, municipale della Città di Lugano – si devono a un sistema di collaborazioni che permette di collocare questo museo, da protagonista, sulla scena di settori diversi tra loro: la museografia, la ricerca nel campo dell’antropologia e dell’arte, la formazione superiore e, più in generale, un campo, quello della cultura, non sempre così facile da delimitare o recintare».

«In un giorno per noi così importante – aggiunge il direttore del MUSEC e della Fondazione culture e musei, Francesco Paolo Campione – il mio pensiero e il mio ringraziamento va a tutte le persone che hanno lavorato per raggiungere questo obiettivo. Dalle sale dell’Heleneum a quelle di Villa Malpensata il salto è grande. La nostra rete di protezione è annodata dai fili tessuti negli ultimi 15 anni da tutti coloro i quali hanno collaborato con il Museo. Un pezzo del successo di oggi appartiene a ciascuno di loro».

*****

Dopo alcune anteprime, Villa Malpensata inaugura quindi le sue nuove sale espositive con una mostra promossa dal Museo delle Culture di Lugano e dal Museo Nazionale Romano con Electa.
Il progetto di Je suis l’autre. Giacometti, Picasso e gli altri. Il Primitivismo nella scultura del Novecento è curato da Francesco Paolo Campione con Maria Grazia Messina. Dopo una prima tappa alle Terme di Diocleziano a Roma, prosegue mettendo in dialogo ottanta opere tra sculture di grandi maestri del Novecento e capolavori di arte etnica e popolare databili tra il XVIII e l’inizio del XX secolo, assieme a una selezione di opere precolombiane.

Je suis l’autre è un viaggio tematico attraverso l’atto creativo, l’inconscio e i miti ed è concepito come una mappa che guida il visitatore attraverso la rivoluzione formale della scultura del Novecento, nata per l’appunto dall’incontro tra gli artisti delle Avanguardie e l’arte etnica e popolare. Dagli inizi del Novecento, infatti, comincia anche per la scultura quel processo di rinnovamento dei linguaggi che aveva già coinvolto la pittura: con il desiderio di affrancarsi dai canoni della verosimiglianza, gli scultori fecero propria l’idea di poter esprimere i loro mondi interiori. L’universo espressivo ingenuo, spontaneo e denotato da una forte carica vitale dell’arte cosiddetta «primitiva» ha, in tal senso, rappresentato una vera «rivelazione».

La mostra è accompagnata da un catalogo edito da Electa e curato da Francesco Paolo Campione e Maria Grazia Messina. Il volume comprende numerosi saggi e un ricco corredo fotografico.
In occasione dell’esposizione luganese sarà presentata anche una ricca antologia sulle «arti primitive» viste dagli artisti e dagli intellettuali del Novecento, un testo che offre un’ampia e documentata visione multifocale dei significati e dei valori delle opere presentate e, più in generale, del tema del Primitivismo nell’arte del Novecento.

 

Gli artisti in mostra:

Karel Appel, Kenneth Armitage, Jean Arp, Enrico Baj, Mirko Basaldella, Adriana Bisi Fabbri, Serge Brignoni, Agustín Cárdenas, Alik Cavaliere, Lynn Chadwick, Gaston Chaissac, Pietro Consagra, Roberto Crippa, André Derain, Jean Dubuffet, Max Ernst, Agenore Fabbri, Sonja Ferlov Mancoba, Lucio Fontana, Henri Gaudier-Brzeska, Umberto Gervasi, Julio González, Henry Heerup, Ernst Ludwig Kirchner, Jacques Lipchitz, Piero Manzoni, Marino Marini, André Masson, Luciano Minguzzi, Louise Nevelson, Costantino Nivola, Isamu Noguchi, Pablo Picasso, Arnaldo Pomodoro, Man Ray, Regina [Cassolo Bracchi], Raffaello Arcangelo Salimbeni, Salvatore Scarpitta, Fritz Wotruba, Ossip Zadkine.

*****

Contemporaneamente alla mostra Je suis l’autre. Giacometti, Picasso e gli altri. Il Primitivismo nella scultura del Novecento, il MUSEC offre al pubblico la possibilità di visitare tre diverse esposizioni:

  • nello Spazio Maraini, «Le metamorfosi della nostalgia. Esotismo e fotografia fra Otto e Novecento» (fino al 1° settembre 2019);
  • nello Spazio Tesoro, l’esposizione permanente con una selezione di capolavori delle collezioni del Museo (entrata gratuita);
  • nello Spazio Cielo, «Un tesoro ritrovato. Nuove opere della Collezione Brignoni» (fino al 16 giugno 2019).

*****

sede

Lugano, MUSEC – Museo delle Culture
Villa Malpensata, Via Giuseppe Mazzini 5/Via Riva Caccia 5

date di apertura al pubblico

7 aprile – 28 luglio 2019

promossa da

Museo delle Culture di Lugano Museo Nazionale Romano

a cura di

Francesco Paolo Campione con Maria Grazia Messina

produzione e catalogo Electa

orari di apertura

Tutti i giorni 11:00 – 18:00 Martedì chiuso

sito internet

www.musec.ch

social media

MuseoCultureLugano @MuseoCulture @museoculturelugano

#jesuislautre

::::::::::::::::::::::::::::::::

Approfondimento

Villa Malpensata, la casa dell’arte e della cultura di Lugano

Villa Malpensata venne costruita nella prima metà del XVIII secolo secondo lo stile che a quel tempo caratterizzava il riassetto monumentale e paesaggistico delle rive dei grandi laghi alpini.
Dopo diverse trasformazioni e ampliamenti, nel 1845 divenne proprietà della famiglia Caccia che nel 1893 la cedette alla Città di Lugano con il vivo desiderio di vederla trasformata in museo. Cosa che effettivamente accadde a partire dal 1912.

All’inizio degli anni Settanta fu avviato il primo restauro del complesso architettonico e la trasformazione dello stesso in una vera e propria sede espositiva.
Villa Malpensata diventò quindi, nel 1973, sede stabile del Museo d’Arte e sito apprezzato di importanti mostre, molte delle quali di grande successo.

Oggi, completamente rinnovata, ospita il MUSEC – Museo delle Culture.

Il secondo restauro della Villa, avviato nel 2014, ha coinvolto – oltre all’edificio principale – sia le due palazzine che la fiancheggiano a Nord, destinate agli uffici e al centro di ricerca e di documentazione, sia il giardino terrazzato a Sud, riorganizzato per ospitare gli spazi all’aperto del museo.

Tutti gli spazi sono stati riallestiti secondo gli standard internazionali climatici e museotecnici e sono stati dotati delle migliori condizioni di sicurezza.

Le superfici espositive create dal MUSEC all’interno di Villa Malpensata sono quattro.
Al piano terra, lo Spazio Maraini è interamente destinato alle esposizioni di fotografia del progetto Esovisioni e presenta, in alternanza, nuove acquisizioni, fotografie dell’esotismo o piccole mostre dedicate a maestri contemporanei (nel periodo da febbraio ad aprile) e monografiche che proseguono il ciclo di attività inaugurato nel 2005 dal MUSEC all’Heleneum (da maggio a dicembre).

Al primo piano lo Spazio Tesoro, aperto gratuitamente al pubblico, dove sono esposte opere (o gruppi di opere) che presentano le principali collezioni del museo, le culture che hanno realizzato le opere e gli argomenti centrali della ricerca che il MUSEC svolge nel campo dell’antropologia dell’arte. Il riassortimento delle opere è in genere effettuato nei mesi di giugno e dicembre.

Le sale del primo e secondo piano – Spazio Mostre – ospitano le grandi esposizioni dei cicli: Ethnopassion, dedicato al rapporto fra l’arte primitiva e quella contemporanea; Altrarti – rivolto dal 2006 ai generi delle arti etniche – e OrientArt – che mette in dialogo le diverse forme di derivazione e d’interazione fra l’arte contemporanea e le tradizioni culturali locali da cui gli artisti dell’Asia, dell’Africa e dell’Oceania attingono i loro linguaggi.

Al terzo piano, lo Spazio Cielo ospita le esposizioni del progetto Cameredarte, dedicato alle nuove acquisizioni, ai collezionisti che collaborano col MUSEC e agli artisti contemporanei che nel corso degli anni si sono avvicinati alle attività del museo. Le esposizioni sono normalmente tre all’anno, distribuite nei periodi marzo-giugno, luglio- settembre e ottobre-febbraio.

Punti salienti dell’esposizione

Esotismo e Primitivismo: due facce di una stessa medaglia

– Le emozioni provocate dal pensiero di Paesi lontani, e le espressioni artistiche e letterarie che di conseguenza ne derivarono, presero corpo nella cultura europea a partire dalle relazioni dei viaggiatori, dal XII al XVIII secolo. Se volessimo elencare le principali fra quelle emozioni, non potrebbero senz’altro mancare: la mitizzazione dell’altro, contenuta fra gli estremi della nostalgia e dell’inquieto esorcismo; la poesia della distanza; l’idea di un Oriente artefatto fra sapienza, crudeltà e voluttà; e gli afflati preromantici per l’«altra riva». Pur non potendo tout court considerare l’Esotismo come il padre del Primitivismo, è innegabile però che esso ne costituì al contempo la premessa e il brodo di coltura. Il pensiero illuminista, poi, con il mito del buon selvaggio e le mode orientaleggianti, preparò il campo dell’immaginario collettivo arato in seguito dalla letteratura di viaggio ottocentesca. Senza i diari di Cook non avremmo avuto i capolavori di Stevenson, di Melville, né le opere di Hearn, Loti e Fenellosa che segnarono il gusto di un’epoca; senza tutti loro non avrebbe preso forma la pittura di Gauguin. Su una faccia della medaglia vi fu il valore delle opere d’arte orientali, etniche e popolari riversate nei mercati europei; sull’altra faccia continuò a rimanere l’estetica del «diverso» che il pensiero occidentale non aveva mai cessato di alimentare.

L’incontro fatale – A partire dal 1860, e poi ininterrottamente per oltre un secolo – complici, di massima, le politiche coloniali – l’irruzione sulla scena mondiale delle culture non-occidentali, produsse, nel campo delle arti, una vera rivoluzione: si estese l’universo delle fonti per gli artisti – generi, forme, decorazioni – ed emerse e crebbe il desiderio di oltrepassare visioni e schemi che il realismo europeo aveva ereditato da quattro secoli di riflessione estetica.

A cavallo fra Otto e Novecento, l’«incontro fatale» si trasformò in un duraturo innamoramento che, nonostante l’egemonia del modello sancito dall’estetica occidentale, lungi dal creare una frattura creativa, generò una feconda apertura culturale e la prima vera convergenza del mondo nell’arte.

Una nuova rappresentazione della natura

– L’Oriente contribuì al rinnovamento dei linguaggi con una critica radicale alla prospettiva e con la semplificazione dell’uso dei segni e delle forme plastiche; più profondamente permise agli artisti di accedere all’idea dell’opera d’arte come oggetto di un processo di meditazione. Dopo aver scoperto la complessità delle ricerche di Utamaro e di Hokusai, che nulla avevano della spontanea ingenuità con cui erano state giudicate in un primo tempo, e dopo essersi avvicinati al valore della percezione dell’impermanenza nella statuaria buddhista, gli artisti europei impararono a concepire la rappresentazione della natura nei termini di una semplificazione che tendeva a restituire in astratto i contorni e l’essenza delle cose.

Oltre le affinità – Interpreti coscienti e partecipi di quello che fu ben presto considerato come un diffuso tentativo di ritorno alle origini, furono almeno tre intere generazioni di artisti, che vi aderirono soprattutto in virtù di un percorso di ricerca personale. L’ispirazione tratta dall’armamentario primitivista fu per molti un motore di dialogo interiore. Oltre che una questione di «affinità», il Primitivismo fu una sorta di «rivelazione» in grado di rendere concrete, a più livelli e in tutte le forme dell’espressione artistica, intuizioni linguistiche e formali ed emozioni destinate altrimenti a rimanere inespresse.

L’eterno europeo

– Il saldo passivo del progressivo successo delle estetiche primitiviste fu la prosecuzione della rappresentazione di un «mondo altro» reinventato dal pensiero occidentale, senza sostanziali differenze ideologiche rispetto a quanto era accaduto nei secoli precedenti. La visione etnocentrica continuò a caratterizzare l’interpretazione di un’alterità confinata per lo più al ruolo di pretesto per l’elaborazione delle poetiche e delle politiche identitarie dell’«eterno europeo».

Il dialogo segreto delle arti

– L’armamentario primitivista fornì le chiavi per aprire le porte di una poetica che oltrepassava decisamente i confini della realtà e della natura. Forse anche per questo molti artisti del Novecento divennero appassionati frequentatori dei musei di etnologia e collezionisti di arte etnica. La moltitudine di forme e decorazioni di cui si circondarono permise loro di coltivare un dialogo, in gran parte segreto, dal quale doveva promanare una speciale energia e una bellezza particolare, di cui ancora oggi rimane traccia nelle foto in bianco e nero delle case e degli atelier di molti pittori e scultori della prima metà del Novecento.

La chiave interpretativa – In tutto ciò l’artista occidentale, senza averne particolare contezza, fece propri – diciamo così «fenomenologicamente» – una serie di proprietà che appartenevano alle estetiche locali e alle concezioni che animavano la creatività nei contesti etnici, orientali e popolari. Inconsapevolmente la visione «etica» e la visione «emica» finirono così per trovare una piattaforma comune. Il che ci permette oggi di delineare alcune grandi categorie d’insieme, di carattere sostanzialmente antropologico, attraverso le quali possiamo utilmente accostare e interpretare gli universi culturali in questione. Non si tratta naturalmente di categorie esaustive, poiché sfugge per esempio tutto il valore dell’azione sociale dell’opera d’arte, un’azione che è inevitabilmente diversa nei contesti in gioco, ma purtuttavia si tratta d’insiemi semiologici di una certa solidità, in grado di offrire un sottofondo condiviso di principi universali che riguardano lo statuto epistemologico dell’opera d’arte, a prescindere dalle sue espressioni culturali. Una guida metodologica per dare sostanza alle percezioni che non ingannano; una guida per oltrepassare finalmente il livello delle affinità e il confine morfologico che esse esprimono.

Genere di accostamento delle opere – Le opere saranno accostate in modo da generare una tensione emotiva soprattutto grazie al gioco della trasposizione dimensionale (micro/macro), della sorpresa anticonformista e del richiamo della ridondanza corale delle tensioni espressive data dall’accostamento di opere che condividono un dato orizzonte tematico. Sarà invece per lo più evitato il gioco delle citazioni, degli accostamenti e delle affinità formali oltrepassando il livello percettivo che corrisponde proprio alla fase interpretativa degli anni ‘80 del Novecento cui il progetto espositivo intende offrire un modello alternativo.

 

Pubblicazioni

Je suis l’autre. Giacometti, Picasso e gli altri. Il Primitivismo nella scultura del Novecento

Catalogo dell’esposizione
a cura di
Francesco Paolo Campione, Maria Grazia Messina Formato: 23 x 33 cm Pagine: 352

Anno di pubblicazione: 2018 Lingua: Italiano
Genere: Arte
Marchio: Electa

Prezzo: CHF 45.-

Il catalogo accompagna la mostra, allestita prima a Roma alle Terme di Diocleziano, e successivamente a Villa Malpensata, dal 7 aprile al 28 luglio 2019.

I saggi introduttivi dei curatori, Francesco Paolo Campione e Maria Grazia Messina, fanno luce sui prodromi di questa vicenda che inizia con la scoperta da parte di artisti quali Picasso, Matisse, Brancusi, Modigliani, Laurens, i tedeschi della Brücke dell’art nègre, negli anni precedenti la prima guerra mondiale.

Fra gli altri testi di approfondimento, Alessandro Del Puppo scrive delle contaminazioni fra il primitivismo “mondano” e le estetiche surrealiste; Marco Fagioli del Primitivismo nella scultura europea; Carsten Juhl del significato estetico-rituale della scultura; Chiara Fabi approfondisce il tema delle fonti del Primitivismo nella cultura italiana del Ventennio. Imogen Heitmann introduce le tematiche antropologiche relative alle sezioni espositive.

*****

Le «arti primitive» e gli artisti del Novecento

Pagine d’autore per scoprire «l’armamentario primitivista» con cui i grandi artisti delle Avanguardie del Novecento, ma non solo, rilessero e cambiarono il proprio stile e il proprio modo di fare arte.

È questo, in sintesi, l’obiettivo che si pone l’antropologo Francesco Paolo Campione con il suo ultimo lavoro, Le «arti primitive» e gli artisti del Novecento (Electa), antologia di testi quasi tutti inediti in italiano interamente dedicata al «modo in cui almeno tre intere generazioni di artisti, in virtù di un percorso di ricerca personale, furono capaci di oltrepassare un interesse formale per le nuove fonti e realizzare attraverso esse, un dialogo interiore che permise l’espressione di originali orizzonti creativi».

Il Primitivismo, spiega l’autore, non fu soltanto una tendenza dell’arte ispirata ai modi e alle forme delle culture non occidentali e popolari, ma anche un argomento di dibattito animato, una questione ideologica, un’irresistibile attrattiva.

Nei 58 brani di cui si compone l’antologia sono così racchiusi dialoghi, osservazioni critiche, poesie, ricordi, pensieri sparsi. Testi «capaci di rivelare, oltre che una piacevole aneddotica e l’atmosfera del tempo, anche l’elaborazione di una specifica visione»: quella di un’arte estranea ai linguaggi consolidati della tradizione occidentale ma in grado di scardinare e rimettere in discussione, con la sua potenza espressiva, gli stili e le certezze di molti «grandi» della pittura e della scultura del Novecento.

Estratti dal catalogo dell’esposizione

Parigi, novembre 1906 – «Sono arrivato alla scultura africana senza alcuna mediazione. Passeggiavo spesso lungo Rue de Rennes, passando davanti alle vetrine piene di ogni genere di oggetti di un negozio di curiosità, gestito da mercante che si faceva chiamare Le Père Sauvage. Un intero angolo del negozio conteneva statuette di legno di origine negra. Mi sbalordiva il linguaggio scultoreo con cui erano state concepite; e come fossero vicine all’arte egizia. Intendo dire che, al contrario della scultura europea, che ha sempre preso le sue mosse dalla muscolatura, con l’obiettivo di descrivere un oggetto, le sculture negre erano invece realizzate a partire dal loro materiale, secondo piani e proporzioni immaginari. Ogni volta che passavo davanti al negozio mi fermavo a guardarle, pur senza avere intenzione di comprar nulla, fin quando, un bel giorno, non decisi di entrare e ne acquistai una per cinquanta franchi. Andai nell’appartamento di Gertrude Stein in Rue de Fleurus e le mostrai la statuetta. Poi arrivò Picasso e ci mettemmo a chiacchierare. Fu allora che Picasso, come ha detto la Stein, venne a conoscenza della scultura africana. Fu Derain poi a comprare una grande maschera che divenne il movente dell’interesse di un gruppo di pittori che avanzava su nuove strade.»

Henri Matisse, 1941.

L’infinito esorcismo – «Era disgustoso il Trocadero, quando vi sono andato. Un mercato delle pulci. Puzzava. Ero solo. Volevo andarmene. Non me ne andavo. Restavo. Restavo. Ho capito che era molto importante: mi stava accadendo qualcosa, no? Le maschere non erano sculture come le altre. Per niente. Erano oggetti magici.

Non come le opere degli Egizi, dei Caldei: non ce n’eravamo accorti, ma quelle erano opere primitive, non magiche.

I negri erano degli intercessori, è da allora che so la parola in francese. Contro tutto: contro spiriti sconosciuti, minacciosi. Continuavo a guardare i feticci. Ho capito: anch’io sono contro tutto. Anch’io penso che tutto è sconosciuto, è ostile. Tutto! Non i dettagli: le donne, i bambini, le bestie, il tabacco, giocare… proprio tutto! Ho capito a cosa servisse, ai negri, la scultura. Perché scolpire così, e non altrimenti. Mica erano cubisti! Il Cubismo non esisteva. Senza dubbio qualcuno aveva inventato i modelli, altri li avevano imitati; la tradizione, no? Ma tutti i feticci servivano alla stessa cosa. Erano armi. Per aiutare la gente a non essere più soggetta agli spiriti, a diventare indipendente. Strumenti. Se diamo una forma agli spiriti, diventiamo indipendenti. Gli spiriti, l’inconscio (non se ne parlava ancora molto), l’emozione sono una cosa sola. Ho capito perché ero pittore. Solo in questo museo orribile, tra le maschere, le bambole pellerossa, i manichini polverosi. Les Demoiselles d’Avignon mi devono essere nate quel giorno: non per via delle forme, ma perché era la mia prima tela d’esorcismo.»

Pablo Picasso, 1937.

Conta solo lo sguardo – «La scultura delle Nuove Ebridi è vera, più che vera, poiché possiede lo sguardo. Non è l’imitazione di un occhio, è uno sguardo fatto e finito. Tutto il resto si muove intorno allo sguardo. La scultura greca, al contrario, non possiede lo sguardo: è il corpo che attira il mio sguardo e indirizza la mia analisi. Se ci si pensa è strano.

Nella scultura egizia, che mi ha sempre molto turbato e attratto, troviamo lo Scriba, i cui occhi sono stati riprodotti col vetro o le pietre, così da imitare più possibile il vero occhio. Lo Scriba però non ci guarda. Ha soltanto un occhio di vetro, tutto lì. Il che m’infastidisce, nonostante l’ammirazione che nutro per lo Scriba. M’infastidisce davvero. L’egizio che ha scolpito lo Scriba, evidentemente, è infinitamente più forte, conosce infinitamente più cose, domina infinitamente più cose di colui che ha realizzato le sculture delle Nuove Ebridi. Tuttavia, colui che ha realizzato le sculture delle Nuove Ebridi è riuscito a donar loro lo sguardo, senza imitare l’occhio. È solo lo sguardo che conta. Lo scultore delle Nuove Ebridi è molto più vicino alla realtà, molto più vicino a ciò che va fatto. In ciò è più incisivo dell’Egizio. In altre parole, vi è una contraddizione fra le conoscenze palesate dallo Scriba e quella specie di ingenuità – o di stupidità – che è rivelata da un occhio di vetro. Nello scultore delle Nuove Ebridi invece non ve n’è traccia: non vi è altro che la sensibilità, l’intelligenza, del fatto di aver realizzato uno sguardo. Anche quando la scultura – che è l’aspetto fisico del personaggio – ha un lato incontrollato e naïf.»

Alberto Giacometti, 1959.

:::::::::::::::::::::::::

Opere esposte

Le opere sono ordinate secondo le sezioni tematiche del percorso espositivo.

Introduzione L’infanzia dell’essere

Marino Marini
Danzatrice, 1953
Bronzo, 148,2×64,8×39,3 cm
Fondazione Marino Marini, Pistoia

Quetzalcoóatl

Figura raffigurante Quetzalcoóatl
America Settentrionale, Mesoamerica, Altopiano Centrale Cultura azteca 1325-1521

Andesite, 17×16,2 cm Museo Civico d’Arte Antica, Palazzo Madama, Torino

André Derain
Femme au long cou, 1940 Bronzo, 32×16×20 cm Collezione privata, Lugano

Hei-tiki

Pendente antropomorfo Oceania. Polinesia. Nuova Zelanda
Māori

XIX secolo
Nefrite e conchiglia, 13×6,5×1,7 cm
MUSEC, Collezione Brignoni, Lugano

Henri Gaudier-Brzeska

Doorknocker, 1914 (1965) Bronzo, 33×20 cm Collezione privata, Londra

Gaston Chaïssac
Totem (Hugo der Reise), 1960
Olio su legno, 224×102×10 cm
Collezione Nathan Fine Art, Zurigo

Sezione di un pilastro una volta posto all’ingresso di una casa delle anime Oceania. Melanesia. Isole Salomone.

Zona nord-occidentale. Isole del tesoro.
Isola Mono. Villaggio di Falamai

Ante 1895
Legno scolpito, 51×20×21 cm
Collezione privata, Lugano

Busto di pietra raffigurante un antenato fondatore del villaggio
Asia. Indonesia. Nusa Tenggara.

Isola di Flores. Area occidentale
oppure centrale
Ngada o Manggarai
Fine del XIX – inizio del XX secolo

Pietra scolpita e incisa, 88,5×26×22,5 cm
MUSEC, Collezione Brignoni, Lugano

Scultura raffigurante una coppia di individui di alto rango
Asia. Regione indiana. Nord- est.

Nagaland Konyak

Fine del XIX secolo
Legno scolpito, semi e metallo, 105×42×20 cm MUSEC, Collezione Brignoni, Lugano

Scultura raffigurante un’antenata che porta in grembo un essere sovrannaturale maschile Oceania. Melanesia. Basso Sepik.

Villaggio di Mangot Angoram
Ante 1909
Legno, scultura e incisione, 52×19×17 cm

MUSEC, Collezione Brignoni, Lugano

Max Ernst
Mon ami Pierrot, 1974 Bronzo, h. 51 cm Collezione privata, Lugano

Maestro di Ogol

Nommo

Figura di antenata
Africa. Africa occidentale. Mali
Dogon
XVIII – XIX secolo
Legno, h. 63 cm
Rietberg Museum, Zürich

Hans Arp
Poupée borgne, 1964 Bronzo, h. 90 cm
Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, Roma

Henry Heerup
Hover af Skjolddyr, 1945 Legno dipinto, 119×75×35 cm
Collezione Alain Tarica, Ginevra

La visione e il sogno

Ernst Ludwig Kirchner Hockende Frau, 1910 ca Pietra arenaria, 36x16x23,5 cm

Kirchner Museum, Davos

Roberto Crippa Prometeo, 1955 Ferro, 62×40×16 cm Museo del Novecento, Milano

André Masson
Duo amoroso, 1939 Bronzo, 55×84,5×23 cm Galerie Jean François Cazeau, Parigi

Umberto Gervasi
Giardino dell’amore, 2013 Terracotta, h. 68 cm Collezione privata, Milano

Jacques Lipchitz Arlecchino con mandolino, 1920
Gesso patinato, 66,7×25,4×21,6 cm Museo di Palazzo Pretorio, Prato

Iniet

Scultura raffigurante uno spirito accompagnatore Oceania. Melanesia. Arco melanesiano.

Nuova Britannia e Isole del Duca di York. Penisola della Gazzella e Isole del Duca di York

Tolai
Fine del XIX – inizi XX secolo Pietra, 37×18,5×5 cm MUSEC, Collezione Brignoni, Lugano

 

Iran

Figura seduta raffigurante uno spirito femminile Africa Occidentale. Costa occidentale.

Guinea Bissau. Isole Bissagos
Bijagó
Ante 1939

Legno e pigmenti, 69×20×27 cm
MUSEC, Collezione Brignoni, Lugano

Bis oppure Bisj
Palo cerimoniale
Oceania, Melanesia, Nuova Guinea.
Asmat
Inizio del XX Secolo
Legno scolpito e dipinto, 392×30×170 cm
MUSEC, Collezione Brignoni, Lugano

Matakau

Coperchio di sarcofago Oceania. Polinesia. Isole Figi Nukuoro
Seconda metà del XIX secolo Legno, 113×33×22 cm MUSEC, Collezione Brignoni, Lugano

Jean Dubuffet Cherche-aubaine, 1973 Poliuretano dipinto con resina epossidica, 88×48×20 cm
Fondation Dubuffet, Parigi

Nenna

Insegna di grado raffigurante un antenato
Oceania. Melanesia. Vanuatu Isola Malekula. Area sud- occidentale

Fine XIX – inizio XX secolo

Legno e pigmenti, 174×18×21,5 cm
MUSEC, Collezione Brignoni, Lugano

Karēau

Figura accovacciata
Asia. Regione indiana. Nicobare.
Great Nicobar
Shompen (?)
Seconda metà del XIX secolo Legno e tessuto, 61×28×21,5 cm

Museo di Antropologia ed Etnologia – Sistema Museale di Ateneo, Università degli Studi di Firenze

Man Ray
L’indicateur, 1952 Tempera su legno, 35×37×20 cm Collezione Angelo e Silvia Calmarini, Milano

«Falsa testa»
America meridionale. Perù Chancay, 900-1470
Legno, capelli e stoffa, 33×19,5×22 cm
Museo di Antropologia ed Etnologia – Sistema Museale di Ateneo, Università degli Studi di Firenze

Atei

Scultura raffigurante un importante antenato del clan Oceania. Melanesia. Nuova Guinea.

Litorale orientale. Basso Sepik
Kopar
Fine del XIX – inizi del XX secolo

Legno e fibre, 193×19×12,5 cm

 

MUSEC, Collezione Brignoni, Lugano

Salvatore Scarpitta
Peat Bog Sled, 1992 Legno, tela, 222×36×14,6 cm
Collezione privata, Milano

Il mondo magico

Enrico Baj
Re Ubu, Madre Ubu, 1984- 85
Costruzioni di meccano colorato, h. 68x30x31,5; h. 56×18×29 cm
Fondazione Marconi, Milano

Waka

Scultura raffigurante un illustre defunto
Africa orientale. Etiopia sud- occidentale.

Area a sud del Lago Chamo Gato (Konso-Gato)
Prima meta del XX
Legno scolpito e inciso, 115×17×16 cm

MUSEC, Collezione Brignoni, Lugano

Agustín Cárdenas
Resine, 1957
Legno di cedro, 88×13×13 cm
Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, Roma
Dono di Arturo Schwarz (1998)

Byeri

Guardiano di reliquiario Africa. Africa centrale. Gabon Fang Mvai
Fine del XIX – inizio del XX secolo

Legno scolpito, h. 38 cm Collezione privata, Bergamo

Bastone magico
Oceania. Melanesia. Maprik Abelam
Fine del XIX – inizio del XX secolo
Legno dipinto, 115×15×3 cm
MUSEC, Collezione Brignoni, Lugano

Pietro Consagra
Plastico in ferro, 1952 Ferro, 56,5×36,5×7,3 cm Collezione Angelo e Silvia Calmarini, Milano

Nkisi

Statua magica
Africa. Africa Centrale. Congo Legno, ferro e argilla, 94×44×30 cm Völkerkundemuseum der Universität Zürich, Zurigo

Luciano Minguzzi
Gatto, 1952
Bronzo, 32×86×34 cm Museo Novecento, Firenze

Sciaitian

Gruppo di sculture raffiguranti delle divinità Asia. Siberia occidentale Ostiachi
Seconda metà del XIX secolo Legno scolpito e inciso, (75- 85)×20×10 cm
Museo di Antropologia ed Etnologia – Sistema Museale di Ateneo, Università degli Studi di Firenze

Mirko Basaldella
Idolo, 1961
Legno dipinto, 182×58×54 cm

Museo Novecento, Firenze

Sapundu harimaung

Sommità di palo cerimoniale Asia. Indonesia. Borneo Ngaju oppure Ot danum
XIX – inizio del XX secolo Legno di ferro scolpito e inciso, 164×32×62 cm MUSEC, Collezione Brignoni, Lugano

Raffaello A. Salimbeni Pace contrastata, 1956 Gesso e ferro, 280×68×24 cm
Collezione privata, Firenze

Quattro pilastri di sostegno del pavimento del primo piano di una Casa degli uomini

Oceania. Melanesia. Basso Sepik. Area del fiume Keram. Fine del XIX – inizio del XX secolo

Legno scolpito, h. 217 cm; h. 247 cm; h. 251 cm; h. 220 cm
MUSEC, Collezione Brignoni, Lugano

Arnaldo Pomodoro
La Colonna del viaggiatore, 1962
Bronzo, 250×40 cm Fondazione Marconi, Milano

Costantino Nivola Donna, 1984 c. Filetto rosso di Trani, 42,5x20x50 cm Collezione Angeli, Pietrasanta

Kafigeledjo

Figura oracolare
Africa. Africa occidentale. Costa d’Avorio

Senufo
Inizio del XX secolo
Legno, tessuto, penne e specchi, h. 78 cm Collezione privata, Bergamo

Adriana Bisi Fabbri Gorgone, 1915
Gesso dipinto, 34×23×18 cm
Collezione Angelo e Silvia Calmarini, Milano

Lynn Chadwick
Beast, 160, 1955
Bronzo, 39,5×31,5×11 cm Museu Coleção Berardo, Lisbona

Gruppo di sei tithu (bambole kachina)
America settentrionale. Sud- ovest

Indiani Pueblo. Hopi e Zuñi XIX – XX secolo
Legno scolpito e dipinto, h. 30-35 cm c. Völkerkundemuseum der Universität Zürich, Zurigo

Amore e morte

Serge Brignoni
Anatomie approximative, 1984
Bronzo dipinto, 28,5x57x24,5 cm
Galerie Carzaniga, Basilea

Agenore Fabbri
Cavalletta atomizzata, 1957 Bronzo, 46×91×34 cm Museo del Novecento,

:::::::::::::::::
 
MUSEC – Museo delle Culture
Villa Malpensata
Via G. Mazzini 5 / Riva Caccia 5
6900 Lugano
+41 58 866 69 60
press@musec.ch
www.musec.ch

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*