Classifica mondiale street food – Viaggiare per il buon cibo dalle stelle allo …

Viaggiare per il buon cibo dalle stelle allo street food

Precisato che la capitale mondiale del cibo non è in Italia – ha 308 stelle Michelin
ed è Tokyo –  passiamo a cibo più economico; lo street food

Ogni giorno 2,5 miliardi di persone consumano lo “street food”.

Blatte e insetti ? Tranquilli ci sono anche tanti piatti meno impressionanti …

Il cibo di strada o street food, nacque dalle esigenze dei popoli nomadi.

Nell’antica Roma, lo street food, divenne un vero affare; poichè molto richiesto da chi arrivava in città per vari motivi e da chi ci viveva; chioschi sul ciglio della strada e taverne. Ma era solo cibo per poveri; i ricchi lo disdegnavano.

Oggi, lo “street food” è tornato di moda per tutte le classi sociali, infatti se ne occupano, ad alto livello, anche i grandi gourmet, le riviste del settore e non, e gli chef; a ogni latitudine.

In Italia c’è un “Festival dello street food”, uno su tutti quello dell’ ottobre prossimo a Cesena. Frequentatissimo ogni anno.

Forbes e Virtual Touris hanno stilato una classifica delle 10 città del miglior street food del mondo:

Bangkok – pollo al curry, pad Thai, e mille altre proposte; un abbinamento, sempre raffinato, tra salato – dolce – piccante – croccante, ma anche specialità a base di cavallette, coleotteri … proprio di tutto; anche dolci raffinati. Ovviamente i gourmet si passano gli indirizzi migliori
Singapore; qui trovate la cucina cinese, malese, peranakan e indiana ed anche un miscuglio di tutte. Ottimo il pollo tandori (indiano), ed il kaya toast (panino con marmellata al cocco). Il Iaksa, sono delle tagliatelle in zuppa di cocco al curry con carne, tofu, pesce; piatto unico come unione di diverse culture
Penang, Malesia; char koay teow (spaghetti di riso saltati in padella), l’ Assam laksa (zuppa di sgombro stufato con tamarindo, citronella, peperoncini e pasta di gamberetti) e sempre i dolcetti del luogo
4° Marrakech sulla sua piazza più importante, Djemaa el Fna, è sempre l’ora per provare sapori e profumi; arrosto d’agnello, cous cous alle verdure, kebab, ma anche molto altro. Il ritrovo è la sera quando arriva il clima più fresco e le luci si accendono; solo a quest’ora il mercato del cibo da il meglio di sè
5° Italia soprattutto Palermo, per le crocchè di patate, arancini di riso, panelle, cannoli e pani cà meusa (focaccia farcita di milza di vitello), ma poi c’è anche Napoli, Gallipoli con il pesce mangiato al porto con l’aperitivo e poi… forse lo sapete meglio di noi… ognuno ha i suoi migliori indirizzi
6° Ho Chi Minh City, Vietnam, ma anche Hanoi no scherza; l’abbiamo verificato personalmente. A Ho Chi Minh City, sono segnalati: il pho (zuppa di noodle), banh mi (panini) e gli involtini primavera, ma in queste zone dovete sempre guardare o informarvi sulle condizioni igieniche non è difficile, se andate a caso e senza esperienza, capitare in qualche problema gastro-intestinale !!! Meglio leggere le recensioni su internet e guardare i posti molto frequentati dai viaggiatori. Noi abbiamo mangiato benissimo ad Hanoi, ma solo in posti sui quali ci eravamo ben documentati; leggendo recensioni e facendo una valutazione in base alla nostra esperienza personale
7° Turchia, Istanbul; doner kebab (carne di agnello, manzo o pollo cotta su griglia o spiedo verticale e servita nel pane pita), il Iahmacun (pizza turca, ovvero: focaccia con verdure, carne spezie) e il pane Borek, ma anche squisite pannocchie di mais alla griglia e molto altro …. il tutto a prezzi basssissimiiii
8° Città del Messico; elote, mais rivestito di maionese, formaggio cotija, fiocchi di peperoncino e lime spremuto, tacos al pastor (farciti con ananas e carne di maiale), i churros al cioccolato e le patate dolci (camotes). ATTENZIONE all’IGIENE !!!
9° Bruxelles, Belgio; cartoccio di patate fritte, con salse a piacere, i dolcissimi waffle; cialde bollenti condite in modo molto vario ecc… qui l’igiene è quasi sempre assicurata, ma la miglior qualità va cercata
10° Ambergris Caye, Belize,famoso per il suo “cibo dock”; pesce freschissimo fritto direttamente sul molo o in barca, specialità indimenticabile: il barracuda appena pescato !

E poi … fate voi una vostra classifica e se ce la inviate, grazie !

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*