Libro – Bruxelles e la storia dell’Europa di ieri e di oggi – Estremismi compresi

Bruxelles. Terra di frontiera tra mondo latino e tedesco

Da Napoleone agli jiadisti

la frontiera tra mondo latino e mondo tedesco

 dal Liberty al paradiso del capitalismo occidentale

dalle migliori patate fritte d’Europa al grande impero coloniale

Viaggio nell’Europa attraverso la storia di una città

Una capitale originale e insolita, vero melting pot di culture ed esperienze diverse, che meglio di altre incarna le molte anime del continente europeo, Bruxelles si situa esattamente alla frontiera tra mondo latino e mondo tedesco e vive di compromessi incredibili e convivenze inaspettate.

Il 30% dei suoi abitanti è straniero (di questi il 70% sono europei), conta due lingue ufficiali, tre con l’inglese come lingua franca, è attraversata da un confronto acceso tra laici e cattolici, oltre che da quello di lunga data tra fiamminghi e valloni.

Da Marx a Baudelaire, Bruxelles è stata terra d’esilio di numerosi intellettuali europei, e ha nutrito grandi artisti, da Van Eyck a Magritte, ma è stata anche culla di una straordinaria rivoluzione industriale e capitale di un grande impero coloniale.

Come tutto questo trovi una sua sintesi imperfetta nella città, metafora di un’Europa incompiuta, è il racconto coinvolgente che ci offrono queste pagine.

Straordinario incrocio di culture, non senza conflitti e incomprensioni, incredibile e feconda combinazione di stili, arti e tendenze, Bruxelles può ben dirsi un microcosmo dell’Unione europea, con le sue tante lingue, nazionalità e istituzioni.

Nonostante i suoi problemi di integrazione, la città di Magritte e del surrealismo resta una delle capitali più accoglienti e cosmopolite dell’intero continente.

Bruxelles. Terra di frontiera tra mondo latino e tedesco, Bada Romano, Il Mulino, 15 euro.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*