Weekend gourmet alla 89a Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba

Da sabato 21 settembre sino al 31 gennaio in Piemonte

TUBER PRIMAE NOCTIS
La notte del debutto

dal 21 settembre è aperta in Piemonte
la stagione della “cerca” del Tartufo Bianco d’Alba

89a Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba, appuntamento autunnale che permette di addentrarsi nel mondo e nel fascino del Tuber magnatum Pico, l’emblema di un territorio universalmente conosciuto per l’eccellenza del proprio patrimonio enogastronomico.

“TUBER PRIMAE NOCTIS”: AL VIA UNA RICCA STAGIONE
TRA TARTUFO BIANCO D’ALBA E ALTA LANGA DOCG

Un legame di gusto e progetti è quello che in questi anni sta cementando il rapporto tra Consorzio Alta Langa ed Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco di Alba.

Questo legame ha portato alla sinergia nella creazione dell’evento “Tuber Primae Noctis” in cui, tra le bollicine di Alta Langa, si celebra l’avvio ufficiale della stagione della cerca del tartufo bianco in Piemonte.

Dalla mezzanotte del 20 settembre, Consorzio Alta Langa ed Ente Fiera inaugurano un autunno ricco di occasioni e collaborazioni.
Le alte bollicine piemontesi torneranno anche quest’anno a essere l’Official Sparkling Wine della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba (5 ottobre – 24 novembre).
In questo contesto, i Foodies Moments avranno di nuovo i vini Alta Langa protagonisti degli
abbinamenti con i piatti al tartufo preparati dagli chef stellati; lo stesso dicasi per le Ultimate Truffle Dinner (24 ottobre Ultimate Truffle Dinner: chef Francesco Oberto e Andrea Ferrucci e 14 novembre Ultimate Truffle Dinner: chef Maurilio Garola e Davide Palluda) dove Alta Langa sarà abbinato a tutto pasto.
In questi giorni, a Cheese, diverse masterclass dedicate all’analisi sensoriale di Alta Langa e Tartufo Bianco d’Alba si svolgono nella lounge del Consorzio (posizione CA 202 – Piazza Carlo Alberto):
domenica 22 alle 11.30 e alle 18 e lunedì 23 alle 14 e alle 18.

Tutti gli appuntamenti che si svolgeranno nella Lounge del Consorzio si possono prenotare scrivendo
ad altalangadocg@altalangadocg.com
Il prossimo lunedì 21 ottobre, nella cornice di Palazzo Serbelloni a Milano, il Consorzio darà vita dalle 10 alle 19 a un’edizione meneghina de La Prima dell’Alta Langa, la grande degustazione di tutte le cuvée dei soci in un evento riservato a giornalisti e professionisti del settore horeca: anche in questo caso sono previste masterlcass dedicate all’analisi sensoriale di Alta Langa e Tartufo Bianco d’Alba.
Dice il presidente del Consorzio Giulio Bava: “Alta Langa si conferma un grande spumante
gastronomico: il legame con il tartufo bianco lo comprova e gli abbinamenti con i piatti dei grandi chef durante i Foodies Moments della Fiera permetteranno a tutti di sperimentarlo. Con l’incremento delle vigne coltivate e del numero delle bottiglie prodotte per la denominazione stiamo diffondendo sempre di più questa eccellenza enologica piemontese”.
L’ALTA LANGA DOCG È LO SPUMANTE BRUT STORICO DEL PIEMONTE – Una denominazione dalla produzione contenuta, con una storia molto lunga: fu il primo metodo classico a essere prodotto in Italia, fin dalla metà dell’Ottocento, nelle “Cattedrali Sotterranee”, dal giugno 2014 riconosciute Patrimonio dell’Umanità Unesco.

È fatto di uve Pinot Nero e Chardonnay, in purezza o insieme in percentuale variabile; può essere bianco o rosé, brut o pas dosé e ha lunghissimi tempi di affinamento sui lieviti, come prevede il severo disciplinare:almeno 30 mesi. L’Alta Langa è esclusivamente millesimato, riporta cioè sempre in etichetta l’anno dellavendemmia.
L’Alta Langa bianco ha sfumature da giallo paglierino a oro intenso e aromi che ricordano la frutta bianca e gli agrumi con sentori di crosta di pane. Al palato è armonico, caratterizzato da una delicata sapidità.

L’Alta Langa rosé ha un colore rosa cipria o più marcato quando è giovane, l’intensità aromatica tipica del Pinot Nero, con profumi che spaziano dal pompelmo alle spezie, un gusto equilibrato, ampio e lungo in cui si ritrova la sapidità caratteristica dell’Alta Langa Docg.
LE TERRE DELL’ALTA LANGA DOCG – Un territorio che guarda le cime innevate delle Alpi e respira il mare.
Una terra che raccoglie l’eredità conservata dagli avi, mantenuta intatta per molto tempo senza subire trasformazioni radicali come è avvenuto invece nelle basse colline. L’Alta Langa è una zona preziosa, fragile,da sostenere, in cui salvaguardare la biodiversità. Terra letteraria, terra straordinaria di resistenze – di guerre e di culture -, che ha fatto fronte ai cambiamenti e li ha assecondati, senza perdere il suo bagaglio di memoria e la sua forte identità.
IL CONSORZIO ALTA LANGA DOCG – Quello dell’Alta Langa è oggi un Consorzio molto attivo: viticoltori e produttori sono coinvolti nello sviluppo di un vino, di una denominazione e di un territorio. Tutti legati da una grande scommessa: quella di un vino che non sarà pronto prima di sei anni dall’impianto e che per questo deve necessariamente essere un vino importante.

Da sabato 21 settembre sino al 31 gennaio in Piemonte sarà infatti possibile procedere alla ricerca del Tuber magnatum Pico: in questo periodo, sulla base della legge regionale, il Tartufo Bianco d’Alba farà il suo ingresso in ristoranti, mercati e negozi.

Il primo giorno di “cerca” è dunque un momento solenne perché segna l’inizio della stagione autunnale, annuncia la Fiera Internazionale del Tartufo Bianco e prepara l’intero territorio all’accoglienza di visitatori e turisti da tutto il mondo, generando una fondamentale ricaduta economica e di interesse per Langhe Monferrato e Roero.

Il “capodanno del tartufo” è importante anche perché informa tutti gli estimatori del prezioso fungo sul calendario ufficiale di consumo e di acquisto. Il Centro Nazionale Studi Tartufo e l’Unione delle Associazioni Trifulau Piemontesi colgono l’occasione per ribadire quanto sia necessario un periodo di “fermo biologico”, dal 1 al 20 settembre di ogni anno, per evitare un eccessivo sfruttamento dell’ambiente durante un momento fondamentale per la maturazione tartufi che si potranno gustare dal 21 settembre in poi.

Tuber Primae Noctis è, per la prima volta, l’occasione per festeggiare, come annunciato dal tema della 89a Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba, l’equilibrio perfetto fra ambiente naturale e consumatore.

«È una grande emozione celebrare la Tuber Primae Noctis – dichiara la Presidente dell’Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba Liliana Allena – e sono orgogliosa di farlo insieme agli attori di un territorio così speciale.

Ringrazio i trifulau per il loro lavoro, ricercatori instancabili nelle notti di luna, in perfetta sintonia con i propri cani. Tra pochi giorni il frutto delle loro ricerche sarà accolto nel nostro Mercato Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba, un luogo unico ed inebriato dai 120 profumi del Tuber magnatum Pico in cui acquistare tartufi certificati sotto l’occhio vigile dei giudici del Centro Nazionale Studi Tartufo. Con un calice d’Alta Langa alzato brindiamo insieme ad una nuova ed entusiasmante stagione del Tartufo Bianco d’Alba.»

A questo link “Meteo e Tartufo” a cura di Fulvio Romano, socio onorario Società Meteo Italiana e collaboratore de La Stampa
https://drive.google.com/file/d/1hATLM1JypNMoKzX45xNBexmtRPMeFDi9/view?usp=sharing

PER INFORMAZIONI:
Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba
Piazza Medford, 3 – 12051, Alba Tel. +39 0173 361051 -info@fieradeltartufo.org
www.fieradeltartufo.org

Per la prima volta i più importanti attori della filiera di valorizzazione del territorio, l’EnteFiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba, l’Ente Turismo Langhe Monferrato Roero, Il Centro Nazionale Studi Tartufo in collaborazione con il Consorzio Alta Langa DOCG e l’Unione delle Associazioni Trifulau Piemontesi celebrano l’inizio della stagione della “cerca” con una vera e propria festa.
“Tuber Primae Noctis”, quest’anno organizzata al Pavaglione di San Bovo di Castino nel cuore dell’Alta Langa, vuole essere l’occasione per brindare alla prima notte dell’anno in cui si dà l’avvio alla cerca per i trifulau, un momento molto atteso da tutti gli appassionati di Tartufo Bianco d’Alba in Italia e nel mondo.

Copertina – particolare di Archivio dell’Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba – foto di Tino Gerbaldo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*