Venezuela – sul lastrico – vende lingotti d’ oro alla Turchia e si appropria degli immobili degli emigrati

Un pasticcio internazionale non esente anche da – pare – anche  libero riciclaggio di denaro sporco …

Dietro le quinte accordi impensabili, ma reali

Il Venezuela sempre più disperato … è sempre peggio la situazione !

Alcuni beni di privati cittadini sono stati già acquisiti dallo stato, ma ora si parla di un intervento massiccio su negozi e varie proprietà immobiliari di chi se ne è fuggito all’estero per anche disperazione.

Intanto, in Venezuela un pollo costa come uno stipendio mensile di un operaio …

Il Venezuela – paese ricchissimo di petrolio – oggi si ritrova con la popolazione ridotta alla fame. Gli Stati Uniti lo stanno ulteriormente martoriando con una raffica di sanzioni, anche sul petrolio; che rappresenta il 96% del reddito venezuelano.

La grave situazione, sta spingendo il governo a vendere la sua riserva d’oro; il Venezuela è il quarto paese al mondo per riserve auree.

Accordi firmati a dicembre con la Turchia che permettono l’esportazione di oro dal Venezuela. Da parte sua la Turchia si è impegnata nella raffinazione del petrolio venezuelano, ma soprattutto può sfruttare l’oro per salvare i propri scambi commerciali con i paesi che soffrono per sanzioni restrittive.

Un esempio; dal 2012 la Turchia acquista petrolio iraniano dall’Iran (sanzionato pesantemente dagli USA).

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*