Salute – Anti age secondo i saggi monaci e antichi personaggi …

I priori dei grandi monasteri vivevano a lungo – perché ?

Anche alcuni notissimi personaggi, dei secoli passati, vissero a lungo – mentre i loro contemporanei morivano giovani – perché ?

I nobili del Medioevo, che mangiavano tanta carne, mal conservata e ricca di grassi animali, morivano intorno ai 35/45 anni, ma Carlo Magno, che seguì uno stile di vita monacale, è noto per essere vissuto sino a 72 anni; ben oltre la vita media del suo tempo.

I monaci, si cibavano soprattutto di verdura,  poco vino ed avevano ben diviso il tempo di lavoro, studio e si permettevano otto ore di sonno; quella che oggi chiamiamo vita sana.

I monaci del Medioevo, quindi avevano già inventato le canoniche otto ore di attività e il riposo domenicale (che noi abbiamo cancellato).

Lo stile di vita dei monaci era molto più sano di come viviamo oggi, nella nuova fase digitale del secolo XXI; epoca che avrebbe dovuto togliere all’uomo le fatiche del lavoro e regalargli lunghi weekend per i suoi hobby… ricordo che l’era dei computer era stata teorizzata come l’era dell’uomo con tanto tempo libero a disposizione e le possibilità economiche per dedicarsi ai propri interessi personali … a me non sembra andata così e a voi ? E cosa ci aspetta ora che arriverà l’intelligenza artificiale ad occupare tanti altri posti di lavoro ? Anche quelli dei colletti bianchi ? Gli ottimisti dicono che ci saranno TANTI lavori alternativi ! Io NON ci credo !

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Torniamo alla nostra salute:

I monaci mangiavano quindi meglio dei grandi nobili; che morivano dai 35 ai 45 anni circa.

Più avanti nei secoli, gli intellettuali parigini morivano intorno ai 55 anni perché, anche loro avevano un’alimentazione simile  a quella dei nobili (anche se non eguale).

Nella medesima epoca,  Giuseppe Verdi (che investì i suoi guadagni in coltivazioni e introdusse la pianta del caco in Italia), mangiando prevalentemente i suoi prodotti agricoli, visse 88 anni; più a lungo dei suoi contemporanei parigini.

Anche Goete, che morì ultraottantenne, è la prova che chi viveva morigeratamente campava molto di più della media. A Weimar, dove Goethe visse la sua maturità, non c’erano distrazioni e le osterie chiudevano alle otto di sera. Goethe lascia la sua impronta di stile di vita anche nel giardino della sua casa,  diviso in tre parti: il pendio, il frutteto soleggiato e nella parte inferiore  le verdure.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*