Como – Uggiate Trevano – 27 novembre presentazione libro ” Storia d’altri incerti …

Buffet informale con lettura -curiosità – riflessioni  

Entrata gratuita alla presentazione del libro

  • ore 21

A Como – Uggiate Trevano – 27 novembre –

“Storia d’altri incerti e di una stria”

di Mario Marini

Uggiate Trevano ( Como )

Via G. Garibarldi 13

Sala “La Meridiana”

Collegamento con l’editore https://www.facebook.com/storiadiunastria/.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Dal libro:

“Ehi, eccola là! Vedete? Eccola laggiù, la tana della stria“ indicava, puntando il dito verso un ampio prato incastonato più giù, tra gli alberi.
Era una casona bianca con tante finestre munite di imposte verdi e rosse, raggruppata attorno alla pietra di un grande camino che si elevava largo, dalla base, pure in pietra, dell’ampio fabbricato, per affilarsi più in alto, verso il tetto di ardesia. Due costruzioni più piccole e rustiche e di lato, la foggia recente di un basso capannone, completavano il piccolo insediamento, mentre un filo di fumo candido si innalzava, continuo e paziente, dal pinnacolo dell’abitazione principale, sparigliato, a tratti, tuttavia, quando un refolo d’aria lo coinvolgeva come un invito di danza.

Un assaggio del libro; che avevamo già pubblicato il 18.11.19

LASSÙ IN ALTO
STORIA D’ALTRI INCERTI E DI UNA STRIA
… ma lassù in alto sussurra il vento
narra novelle di tempi arcani
il bosco fruscia sogni lontani
da accarezzare col naso insù…

Sinossi di “LASSÙ IN ALTO – Storia d’altri incerti e di una stria, romanzo
Marco, ingegnere ambientale, Lucia, fotografa semiprofessionista, Matteo, alpinista psicologo e Luca, valente meccanico d’auto, sono quattro ragazzi appassionati di montagna che, approfittando di una tre giorni messa su dal CAI locale, partecipano ad una escursione sui monti, il cui percorso, nota incidentalmente Matteo, potrebbe avvicinare Cà de la Stria, la casona bianca e, in breve, tutti sono d’accordo di andare a visitarla.
Così i quattro hanno l’opportunità di incontrare e conoscere nientemeno che Adèl la stria in persona, cioè “una ragazza, alta e appariscente, i lunghi capelli raccolti in una specie di voluminosa treccia: una ragazzona si sarebbe detto, se non fosse stato per la naturale proporzione delle sue forme e la sinuosa mobilità delle sue membra, che la rendevano, al vederla così, incredibilmente… perfetta.”
L’incontro con Adèl la stria e il singolare ambiente nel quale essa opera, sintetizzato dal motto “Ecologia Integrale”, e ciò che succede dentro e fuori lo spazio, fasciato di legno, della “casona bianca”, sconvolge l’esistenza dei quattro amici e di due in particolare, che si troveranno, in breve, a dover scegliere tra l’opportunità o la condanna a uno stile di vita “normale” e fin troppo prevedibile, e l’intrapresa di un percorso semplicemente “inimmaginabile” prima del fatale incontro.
E poi c’è il possente cagnone nero, fedele compagno della stria,
C’è il Pizzo di Lù, la montagna incantata, che con l’imponente bestione condivide il nome e sul cui trono di ghiaccio e roccia si svolge una parte essenziale di tutta la storia…
C’è il fuoco del camino ininterrottamente acceso e c’è la Grande Fontana che guarda ad occidente, ultimo oggetto ad essere fagocitato dalle ombre immanenti della sera, perché: “… Una stilla imperitura di sapienza / si tramanda, fiato e voce, a collocare / di fontana il dolce canto e l’esperienza, / nella luce del Gran Giorno che scompare…” dove, per “Gran Giorno”, si intende il solstizio d’estate.
Beh, poi c’è l’amore, certo, che scoppia prorompente e incontenibile, come un grande fuoco d’artificio…
E alla fine, quella stupefacente epifania o incredibile rivelazione, da rivelare al mondo e al consorzio dei popoli, attraverso la coraggiosa provocazione di un universo incantato.

NOTA : se volete proseguire la lettura, tenetevi informati su https://www.facebook.com/storiadiunastria/

Marco era laureato in ingegneria: ingegneria ambientale per la precisione e lo era da appena qualche mese. Quando aveva scelto quella specializzazione, si era immaginato qualcosa di concretamente declinato allo studio e alla salvaguardia dell’ambiente, da praticare costantemente sul campo; invece si era spesso trova-to alle prese con un sacco di teorie, che, definire artificiose, gli sembrava, a volte, per lo meno eufemistico. Per non parlare del cosiddetto studio comparato: pagine e pagine di numeri e tabelle buttate lì, appunto, per dar corpo anche a quelle teorie.
Ma ormai, raggiunta quella prima meta, non vedeva l’ora di passare ai fatti: qualche idea già ce l’aveva e, appassionato di montagna com’era, si era unito volentieri a quella “tre giorni” messa su dal CAI locale, per passare un po’ di tempo nel suo ambiente preferito.
Marco aveva fatto gruppo con altre tre persone: Matteo, Luca e Lucia, la ragazza di Luca; sapeva che erano tutti e tre buoni camminatori e abbastanza interessati all’ambiente montano da porsi, di fronte ad esso, con un atteggiamento se non di rispetto assoluto, almeno di aperta e vigile attenzione.
Qualche riserva, in verità, Marco ce l’aveva su Luca, che riteneva il meno sensibile al sottile richiamo alpino, ma la sua recente relazione sentimentale con Lucia, pareva averlo trasformato…
E Lucia non era solo una tipa solare e simpatica, un po’ fuori dagli schemi e col pallino della fotografia: era, come dire… vivacemente e poliedricamente disposta a tutto ciò che fosse veramente nuovo e, in qualche modo, futuribile.
Era un peccato che Luca si fosse… insomma che Lucia… anche perché li aveva sempre considerati così diversi e lontani…
E quando l’amico l’aveva ufficialmente presentata come “sua ragazza”, lei aveva subito puntualizzato sorri-dendo, ma con una punta di polemica ironia, che dunque, egli doveva essere, di conseguenza, il “suo ragaz-zo” e lo disse come se il possessivo sua, suo, fosse un termine… obsoleto, lasciando l’interdetto Luca a boc-ca aperta e il subconscio di Marco, con qualche rimpianto in più.
In quanto a Matteo, per quanto giovane, era da sempre il punto di riferimento di tutto ciò che aveva a che fare con l’istituzione montagna, alla conoscenza della quale sembrava aver dedicato ed orientato la propria esistenza…
…Quella mattina il sole splendeva allegro nel cielo azzurro e terso, che solo certe belle giornate di inizio esta-te sanno regalare e, tra i monti, esso era talmente pieno e luminoso che, a sentirlo raccontare, uno non ci avrebbe creduto.

Giunti in loco, se l’erano presa comoda i quattro: era necessario indagare per bene prima di intraprendere il cammino, perché non volevano fare un giro a caso, ma erano determinati, per così dire, ad unire l’utile al dilettevole. Si accamparono così, ad un tavolo appartato dell’unico bar, ritrovo, posteria del paese e comin-ciarono a tirar fuori dagli zaini le loro brave cartine, quelle con tracciatura meticolosa dei sentieri, linee al-timetriche e tutto, aprendole e commentandole ad alta voce.
Ipotizzarono un paio di percorsi con relative varianti: sembravano entrambi ben equilibrati, con la giusta commistione di bosco, prato, terreno ripido e meno, con qualche passaggio esposto e la possibile visita ad alcune delle malghe che la cartina segnalava; forse ci sarebbe stato anche lo spazio per salire fino al passo, ma, avendo a disposizione tre giorni, avrebbero deciso al momento.
E poi, muniti di sacchi a pelo, chissà, magari un pernottamento in quota, non era comunque da escludere a priori.
Matteo osservò, per inciso, che il percorso uno passava vicino a “Cà de la Stria” e in breve tutti furono d’accordo di visitarla senz’altro.
“Al posto vostro io non andrei a “tantare” la stria” sbottò d’un fiato uno del posto, tutto baffi, che sembrava saperla lunga.
“Tantare la stria? Che significa? Ma perché, c’è davvero, questa… stria?” risposero incuriositi i quattro giova-ni.
“Se c’è? Certo che c’è e vi garantisco che non è il caso di andare su alla sua tana”.
Altri avventori si erano, nel frattempo, avvicinati ed un paio avevano cominciato a raccontare di strani episo-di, di inquietanti coincidenze, di inspiegabili accadimenti, correlati alla presenza di enigmatiche figure fem-minili che sembravano tramandarsi un misterioso sapere…
“Adesso c’è su l’Adèl, la figlia de la pora Agnées. Un gran tocco di gnocca, neh; ha sistemato quel casotto che c’è su e la stalla e il fienile, li ha sistemati per bene, niente da dire, ci ha attaccato anche un capannone per le bestie, ma non provate ad avvicinarla, quella lì è capace di tirarvi una sciupettada senza pensarci due vol-te”.
“E dai Remo, esagera no! L’Adèl l’è anca brava. Ci sa fare in tanti modi: te se regordat ul fiulet dal Giuan: l’è stada lée con i so impacch e i so segn, a guaril. Pensate: i duttur avevano già decretato di tagliargliela via quella povera gamba, non c’era verso di farla rimarginare, ma l’Adèl no, l’ha dit, “fidatevi di me”, e pian pianin l’ha guarìi.”
“Appunto, l’è ‘na stria!” tagliò corto il Remo in tono definitivo.
“E quell’animal dal so can, che mi dici eh? L’è pussée gross da un vedel; negru, cun dü öcc che sbarlüsissan: peggio del diavolo in persona…”.
Così sentenziarono i compaesani di Adèl la stria, che continuarono peraltro in quella pratica, infervorati com’erano, anche quando i quattro ospiti, un po’ alla chetichella, si defilarono dal quel rispettabile conses-so, porgendo con prudenza un cauto buongiorno, finché non riuscirono ad uscir fuori all’aria aperta…
…“Ehi, eccola là! Vedete? Eccola laggiù, la tana della stria“ e indicava Matteo, puntando il dito verso un am-pio prato incastonato più giù, tra gli alberi, mentre passava agli altri il suo prezioso binocolo, cercando, nel frattempo, conferma sulla fedele cartina.
Lo strumento mostrava una casona bianca con tante finestre munite di imposte verdi e rosse, raggruppata attorno alla pietra di un grande camino che si elevava largo, dalla base, pure in pietra, dell’ampio fabbrica-to, per affilarsi più in alto, verso il tetto di ardesia. Due costruzioni più piccole e rustiche e di lato, la foggia recente di un basso capannone, completavano il piccolo insediamento, mentre un filo di fumo candido si innalzava, continuo e paziente, dal pinnacolo dell’abitazione principale, sparigliato, a tratti, tuttavia, quan-do un refolo d’aria lo coinvolgeva come un invito di danza.“Però! Tecnologica la stria: guardate un po’? C’è un impianto fotovoltaico sul tetto e nemmeno tanto piccolo e poi… certo, ci sono anche i pannelli solari per l’acqua calda” commentò Luca, passando il binocolo alla vi-cina Lucia.
“Già niente male! Ehi, ma guardate: sembrano capre o pecore, sparse attorno, sul prato boh, da qui non si capisce, e… e ci sono delle arnie, sì, delle arnie per le api al limitare del bosco e poi… e poi, quello dev’essere… e sì: il cane nero; caspita! Ma è enorme! E come corre, su e giù a radunare il gregge”.
Ora era il turno di Marco, che osservò a lungo, quell’andirivieni d’animali, quasi stesse ammirando una recita. “Però della stria nemmeno l’ombra” sentenziò alla fine, come a scrollarsi di dosso l’involontario e inaspetta-to coinvolgimento.
“Chissà, forse è da qualche parte ad esercitare…” riprese Lucia “Sapete” aggiunse come pensasse a qualcosa che non riusciva bene a cogliere: “Non dev’essere poi tanto male… la condizione di stria…”…
… Decisero di prendere la via più breve per andare a trovare la “stria”: un ampio giro sul costolone erboso, appena sotto i ghiaioni, per poi perdere rapidamente quota una volta superata la profonda incisione che costituiva il naturale deflusso delle acque di alcuni massicci rocciosi, ancora abbondantemente innevati sul lato a settentrione.
“Pizzo di Lù” precisò Matteo, l’attrezzato “cartografo” della compagnia, mentre erano impegnati a superare una stretta cengia trenta metri a picco sui pascoli sottostanti.
“E’ il più alto e imponente, come vedete; ben oltre i tremila. Il lato a est è relativamente abbordabile, almeno visto da qui; quello a ovest… mica tanto: fino a quella selletta ci si arriva senza problemi, ” sentenziò, indi-cando verso l’alto, “ma da lì in su è tutta roccia e ghiaccio quasi verticale.”
Camminavano veloci i quattro, quasi correndo, ora che il sentiero si allargava scendendo tra il verde stempe-rato degli spiazzi erbosi e quello più cupo del bosco. Era come un richiamo, una tacita urgenza ad arrivare ad un appuntamento inderogabile, fissato nel tempo…
Fu Marco, avanti di qualche decina di metri, ad essere accolto per primo, sbucando dal bosco, proprio sopra la casona bianca, dai vibranti latrati del cagnone nero, che in quattro balzi, lo raggiunse al limite del prato.
“Lù…” risuonò squillante un’alta voce femminile che sembrava provenire da dietro la casa, “Lù…” ripeté quel-la voce in chiaro tono di comando, tuttavia impregnata da una sfumatura melodiosa e accattivante. Il cane nero si fermò immediatamente, a quel richiamo, ringhiando minaccioso, due enormi occhi ardenti a inchio-dare l’ospite inatteso, raggiunto intanto dai suoi compagni, che, prudentemente, se n’erano rimasti un po’ più indietro.
E alla voce, voltando l’angolo della casa, seguì chi l’aveva modulata, quella voce, cioè la Stria in persona!
Era una ragazza, alta e appariscente, i lunghi capelli raccolti in una specie di voluminosa treccia: una ragazzo-na si sarebbe detto, se non fosse stato per la naturale proporzione delle sue forme e la sinuosa mobilità delle sue membra, che la rendevano, al vederla così, incredibilmente… perfetta.
“Un gran tocco di gnocca” dovette concedere Marco, pensando all’istante alla rustica espressione del Remo, la mattina giù al paese.
“Giovannona coscialunga” commentò in cuor suo Matteo, da buon cultore di film e filmetti anni ’70, ammi-rando due cosce ben tornite che spuntavano fuori da un paio di stretti calzoncini da ragazzo. Si avvicinava intanto, passo dopo passo, come muovendosi lungo un ampio cerchio immaginario, la padrona di casa, un comodo camicione a quadrettoni rossi e neri senza maniche, dal quale spuntavano due lunghe braccia, lisce ed abbronzate, che imbracciavano niente meno che un vero fucile ed abbondantemente aperto sul davanti, lasciando intravedere, più che intuire, un seno prosperoso…
… L’interno della casona bianca era in penombra, nonostante le molte finestre aperte, come quadri di luce appesi alle pareti. L’ambiente era ampio e, a suo modo, accogliente: un vasto locale foderato di legno con un grande camino, in cui scoppiettava allegramente un eterogeneo e voluminoso carico di legna. Lungo una parete, una lunga serie di scaffali aperti alloggiava diversi vasi in vetro, alcuni vuoti, ma i più ripieni di ciò che le etichette identificavano, in rigoroso ordine alfabetico, come erbe officinali: achillea, agrimonia, al-chemilla, aloe e poi bardana, bergamotto, biancospino e ancora maggiorana, melissa, malva, per terminare con tarassaco, timo, verbena. In un angolo, un massiccio tavolone di legno scuro era quasi del tutto ricoper-to da fasci d’erbe fresche, evidentemente tagliate il mattino, mentre un altro più piccolo, doviziosamente sparso di carte e libri, fungeva da postazione computer. Un altro grande tavolo rettangolare era allineato lungo una pesante cassapanca, che faceva da contraltare ad una monumentale credenza, mentre diverse seggiole e altre panche, di differente fattura, sembravano regolarmente distribuite sul pavimento, pure in legno. Più all’interno, un comodo divano in velluto e due poltrone del medesimo stile, erano disposte at-torno alla luce attenuata di una lampada, che sembrava fiorire direttamente dal pavimento, plasmando un ambiente intimo e discreto che mascherava una spaziosa e fornita libreria sopra la quale campeggiava una scritta in bella evidenza: “Ecologia integrale”…
… “Ehi, ma tu sei… laureata, ehm, oggettivamente laureata! Sentite un po’: “… si conferisce laurea in Scienze della terra e conservazione ambientale a…” interloquì Matteo con visibile stupore, leggendo qualcosa di in-corniciato sopra il camino.
“Ma va? Perché è una prerogativa riservata a quelli del mondo… ehm… civile, la possibilità, oggettiva o meno, di prendere una laurea? Ribatté piccata la stria.
“Noo, scusa: è che non me l’aspettavo.” Si giustificò Matteo.
Intanto i quattro ospiti si erano avvicinati al camino per vedere meglio e, accanto al certificato di laurea, in-corniciato per bene, affinché risultasse in bella evidenza rispetto a tutto il resto, rilevarono l’abbozzo stiliz-zato di un disegno che richiamava immediatamente la vertigine di un favoloso panorama alpino e, sovrap-posto ad esso, come fosse su un vetro, poterono leggere quanto c’era scritto sopra:
“Io sono nata libera e, per poter vivere libera, scelsi la solitudine dei picchi: gli alberi di queste montagne sono la mia compagnia, l’acqua chiara di questi ruscelli i miei specchi; agli alberi e all’acqua confido i miei pensie-ri e dono la mia bellezza. A queste cime innevate il pegno del mio essere.
Ma sono anche fuoco distante e spada riposta. A te, che vieni da lontano, la gioiosa fatica di render vivo que-sto fuoco e sguainare questa spada.” Da “Don Chisciotte” libro I, capitolo XIV: libera reinterpretazione di Adèl la Stria.
“Però!” Esclamarono insieme Lucia e Matteo e il loro era un tono tra il perplesso e l’ammirato.
“Bellissimo” fu il commento di Marco e l’inflessione della sua voce era di commozione sognante.
“Questa qui è tutta matta!” Pensava intanto Luca con un’espressione di arcigna disapprovazione dipinta sul viso.
“Beh, sapete, quello dovrebbe essere inteso un po’ come il mio… progetto di… di vita” riprese la stria, “ma, se non vi dispiace, ne riparliamo stasera: adesso diamoci da fare, non posso permettermi di passare qui l’intera giornata.”
Fu come se un incantesimo si fosse spezzato all’improvviso: Lucia fu la prima a reagire e con naturale sempli-cità prese per mano quello che aveva appena definito “il suo ragazzo” per condurlo docilmente presso il ta-volo delle erbe. Allora, Marco e Matteo, si voltarono insieme verso la padrona di casa, come dire: “Siamo qui, siamo a tua disposizione, dicci cosa dobbiamo fare”…

La continuazione e il modo di acquistare il testo (non ancora pubblicato nella sua interezza) al link:

https://www.facebook.com/storiadiunastria/

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*