Un mondo migliore – Tecnologie e raccolta plastica in tutto il mondo

Una buona notizia

I ricercatori prevedono un futuro non troppo lontano con tanti robot in grado di raccogliere i rifiuti galleggianti

Nel mondo la gente si sta sensibilizzando per raccogliere la plastica che sta intasando mari – fiumi – montagne – città – sino ai Poli !

Recentemente : 70 eventi di pulizia delle spiagge organizzati quest’anno dall’UE e dall’ONU, quasi 40.000 partecipanti hanno raccolto, nel mondo, circa 850 tonnellate di rifiuti da Haiti, all’Argentina alla Norvegia all’ Indonesia.

 L’Unione Europea ha stanziato 350 milioni di euro per la ricerca e lo sviluppo in questo settore.

TRA LE TANTE NOVITA’

Il progetto “WasteShark” (lo “Squalo dello spreco”), sviluppato a Rotterdam – Olanda, è supportato dall’Unione Europea.

Si tratta di un mini catamarano-drone, controllato a distanza per rimuovere la plastica e gli altri detriti galleggianti dalla superficie dell’acqua. I suoi sensori sono anche in grado di monitorare i livelli di inquinamento. È alimentato con l’ elettricità, senza emissioni, e già raccoglie centinaia di chili di spazzatura per volta.

Continuano le ricerche scientifiche per creare una piccola nave  che arrivi negli spazi ristretti dove si depositano i rifiuti come:  porti e piccole insenature per impedire che tutti quei rifiuti arrivino negli oceani. Si cerca di fare di questa piccola nave un gioiello tecnologico che sia sempre più leggero, più efficiente, più facile per la manutenzione.

Vecchi pneumatici – imballaggi e sacchetti di plastica – monopattini elettrici – scooter – griglie metalliche – lattine – bottiglie.. Il fondo del mare è pieno di rifiuti, lo hanno dimostrato i volontari che, ogni anno, raccolgono i rifiuti gettati nel Mare a Marsiglia !

Ma ora molto si sta muovendo

Tutto è potenzialmente riciclabile

Esclusi gli oggetti monouso – che vanno direttamente nella spazzatura

Per questo, l’Unione Europea ha vietato, dal 2021, tutti i tipi di utensili monouso – contenitori di cibo – piatti – posate – tovaglioli – sacchetti – articoli sanitari – cotton fioc ecc…

Milioni di tonnellate di rifiuti, soprattutto provenienti dalle aree urbane, finiscono ogni anno nell’oceano.

Migliaia di brandelli di rifiuti sarebbero a galla su ogni miglio quadrato di mare.

Intanto i progetti per pulire il mare e gli oceani si moltiplicano, speriamo che i governi li aiutino con i finanziamenti !

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*