Como cultura – Camminare in città seguendo Alessandro Volta …

Visitare a piedi la città di Como

Scoprire Como con il passo del pellegrino: camminando –  senza fretta

Primo percorso

  • guida il visitatore tra le principali chiese urbane, la rete dei con­venti e degli eremi in direzione Brunate
  • Se­condo percorso
  • porta invece sui passi dei suggestivi riti della Settima­na Santa.
  • Terzo percorso
  •  monumenti e siti archelogici, Parco Regionale Spina Verde, collocati  su antichi itinerari , le­gati,  alle origini del cristianesimo,  al culto di Sant’Eutichio, vescovo ed eremita, e agli antichi riti delle Rogazioni – Primo percorso: parte dalla Basilica di S. Abbondio, dove è situata l’antica chiesa dei SS. Cosma e Damiano, prosegue per la via Regina, si­no alla chiesa di S. Rocco, passando davanti al Cimitero monu­mentale; via Rimoldi, sale passando davanti alla facciata dell’antico ospizio di S. Lazzaro. dalla via Rimoldi si giunge alla basilica di S. Carpoforo,  per raggiungere la Croce occorre lasciare la via Rimoldi ed imboccare sulla destra la via Castel Baradello. In località Genöcc sulla strada dì destra si ag­gira il colle del Castel Baradello, per passare al fianco della ca­scina Respaù di Sotto, raggiungendo quindi la cascina Respaù di Sopra. Dal Respaù di Sopra il percorso prosegue per la località Pian Valle, presso cui si possono vedere gli scavi ar­cheologici della Como preromana. Dopo la Baita Pian Valle si trova la carrozzabile creata nel 1925 dal benemerito Pio Bagatti e risale verso la Baita Mon­te Croce da dove si raggiunge, in salita,  la Croce di S. Eutichio.Il secondo percorso inizia dalla basilica di S. Giorgio, dopo avere per­corso la via XXVII maggio, detta Garibaldina, si passa nel­la Valfresca. Attraver­so la località Costa si arriva nel Comune di San Fermo della Battaglia, per poi raggiungere, attraverso la via Mon­te Croce e la Baita Monte Croce, la Croce di S. Eutichio. Il ritorno è in un nel bosco di castagni, roverelle e robinie e scende verso una strada sterrata che ci riconduce a S. Abbondio.
  • Quarto percorso
  • riscoprire un antichissimo quartiere di Como, S. Giuliano in Pomario, e la rete di ospedali e luoghi di assistenza
  • Quinto percorso
  • la città e i suoi tesori, fra cui la fucina dell’architettura razionalista: negli anni Venti e Trenta dello scorso secolo un gruppo di giovani e un po’ meno giovani tra cui: Giuseppe Terragni, Pietro Lingeri, Cesare Cattaneo, Attilio Terragni, Luigi Zuccoli, Luigi Origoni, Augusto Magnaghi Delfino, Mario Terzaghi, Gianni Mantero… architetti e ingegneri, artisti e tecnici, eredi, in un certo senso, dell’antica tradizione dei “Magistri Comacini”,  guardarono con grande interesse alle nuove esperienze di quell’architettura europea.

Un portale internet che propone diverse passeggiate a piedi nella città di Como.

Il sesto dei cammini previsti è dedicato alla visita dei luoghi di Alessandro Volta: “C’era unA. Volta”  p

Tutti i percorsi sono  in italiano e in inglese

Presto, a giugno,  saranno posizionate in città anche le insegne che li segnaleranno fisicamente.

Un portale su internet consultabile anche da ipovedenti e ciechi:

www.camminacittà.it

PER SAPERNE DI PIU’ SU COMO:

Weekend a COMO – IL LAGO PIU’ BELLO DEL MONDO

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*