Cultura a Milano – quando potremo uscire – luoghi belli da ri- scoprire – San Maurizio e …

La Cappella Sistina di Milano e della Lombardia”

San Maurizio al Monastero Maggiore, un esempio di meta insolita, la più gettonata tra i veri viaggiatori.

La Cappella Sistina di Milano e della Lombardia”

San Maurizio 630 affreschi_Milano

San Maurizio; particolare.

Tramezzo_630 San_Maurizio_(Milan)

San Maurizio.

Milano 630 Bernardino Luini affreschi San_Maurizio

San Maurizio, affreschi di Bernardino Luini.

Milano 630 affreschi di San Maurizio Parete divisioria delle Monache

San Maurizio.

 “Dall’esterno non si riesce ad immaginare la magia degli affreschi che rivestono gli interni”

“Ti lascia a bocca aperta. Non ci si aspetta un tale gioiello da una chiesa apparentemente senza pretese”

Questi sono due degli entusiastici commenti lasciati dai visitatori di tutto il mondo a proposito della chiesa di San Maurizio su Tripadvisor.com; niente male per una chiesa della quale la maggioranza degli italiani non ha mai sentito parlare!

La chiesa si trova all’angolo tra via Bernardino Luini e Corso Magenta, raggiungibile a piedi dalla Stazione Nord e dal Castello Sforzesco e sulla strada dove si incontra anche uno dei più antichi bar-pasticceria della città di Milano; la pasticceria Marchesi esistente dal 1824 (sul Corso Magenta 200 metri dopo la chiesa di San Maurizio). Prima di San Maurizio, sempre in via Magenta, non si può perdere Palazzo Litta, bellissimo per le sue decorazioni esterne ed interne; uno degli esempi più importanti dell’architettura barocca milanese.

AMBROSIANA BIBLIOTECA MILANO N

Basilica du Sant’Ambrogio e Biblioteca Ambrosiana.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

-In zona anche la bellissima Basilica di sant’Ambrogio e la preziosa Biblioteca Ambrosiana.

Milano 630 bici www.facebook.com-fotodimilano

SAN MAURIZIO.

Gli affreschi della chiesa sono della scuola lombarda, per questo il sito è chiamato anche “La Cappella Sistina di Milano e della Lombardia”.

La parete che divideva la chiesa per il pubblico da quella riservata alle monache, fu affrescata dal famoso artista Bernardino Luini (XVI secolo).

La prima cappella sinistra, detta cappella della Resurrezione, è dei figli di Bernardino Luini, con patronato della contessa Bergamina, sorella di Gian Paolo Sforza, genero di Alessandro Bentivoglio.

La seconda cappella a sinistra, detta cappella di Santo Stefano, fu affrescata intorno al 1550 da Evangelista Luini, altro figlio di Bernardino, con il patronato della famiglia Correto.

La terza cappella a sinistra, detta cappella di San Giovanni Battista,  fu affrescata intorno al 1545 da Evangelista Luini con Biagio e Giuseppe Arcimboldi, sempre con il patronato della famiglia Correto.

La terza cappella a destra, cappella di Santa Caterina di Alessandria,  è decorata con gli affreschi di Bernardino Luini (1530) e voluta da Francesco Besozzi, zio di Ippolito Sforza.

Gli affreschi delle cappelle laterali furono realizzate nel Cinquecento.

L’aula delle monache è totalmente affrescata: la parete divisoria, opera di Bernardino Luini  rappresenta immagini di Santa Caterina e Sant’Agata, delle Nozze di Cana, della Salita al Calvario, del Cristo in Croce e del Cristo morto.

Interamente a trasmissione meccanica è il prezioso organo del 1554.

MEGLIO IN BICI …

Milano 630 bici www.facebook.com-fotodimilano

Altre mete interessanti: 

Santa Maria delle Grazie e la zona circostante che fu frequentata da Leonardo da Vinci: in una viuzza vicina, via Bernardino Zenale, Leonardo da Vinci godeva di un bel giardino, oggi ben restaurato.

S. Maria delle Grazie, via Giuseppe Antonio Sassi.

La Basilica di Santa Maria delle Grazie  è una delle più interessanti e affascinanti Chiese rinascimentali milanesi. Fu costruita tra il 1466 e il 1490 da G. Solari e poi rimaneggiata dal Bramante.

Nel refettorio dei monaci si trova il famoso affresco di Leonardo da Vinci  di Leonardo da Vinci, noto come il Cenacolo, dipinto a tempera ed olio dal Maestro Leonardo tra il 1494 e il 1497. per non fare la coda vedi su internet ” Salta la coda “.

EPSON DSC picture

Pinacoteca di Brera.

Pinacoteca di Brera.

La Pinacoteca di Brera è un imprescindibile punto di riferimento per ogni appassionato d’arte. Una ricchissima collezione d’arte, famosa in tutto il mondo, attende i visitatori: 2500 opere di maestri italiani dal XIV al XX secolo.

Tra le tante opere presenti segnaliamo: lo Sposalizio della Vergine di Raffaello, la Madonna col Bambino di Giovanni Bellini, la Crocifissione del  Bramantino, Cristo morto di Mantegna, la Madonna del Roseto di Luini e poi Correggio, Pietro Longhi, Piazzetta, Tiepolo, Canaletto e Fattori, nonché la Cena in Emmaus di Caravaggio e molti altri maestri di fama internazionale.

Basilica di San Marco.

Se si parte da via Brera, e si prosegue per via Solferino, si incontrano sulla destra piazza San Marco e la Basilica.

La Basilica di San Marco è un vero e proprio capolavoro nel cuore di Brera, come San Simpliciano e S. Maria del Carmine, tanto simili nello stile e nei colori. Comunque San Marco è più ricca di opere d’arte.

 La facciata risale al XIII-XV secolo ed è in mattoni rossi con tre portali e tre statue sulla porta centrale,  sotto il rosone in pietra e colonnine a raggiera.

La costruzione della chiesa risale  al 1254, le tre navate sono alte, e  pochi sono i decori dorati. Sulla navata centrale spicca il bellissimo organo del XVI secolo. Il  transetto meridionale di destra contiene quattro sarcofagi del 1300.

Il transetto settentrionale è caratterizzato dalla grande cappella detta “della Pietà”, commissionata da Tommaso Marino.

Dietro l’altare si trova un coro ligneo inciso tra il 1610 e il 1620, ospita un antico fonte battesimale. Le volte affrescate sono affrescate dal Genovesino: 520 mq affrescati!

Qui nel XVIII secolo, il giovane Mozart dimorò nella canonica. Il 22 maggio 1874 Giuseppe Verdi qui, nella Basilica di San marco, diresse la prima esecuzione della Messa da requiem da lui composta per onorare lo scrittore Alessandro Manzoni.

Tra le tante opere, dell’interno, segnaliamo: nella prima cappella della navata destra (di Pietro Foppa) vi sono affreschi del Lomazzo  con Storie dei Santi Pietro e Paolo; alla fine  della navata grande si trova una tela del Legnanino raffigurante Il Presepe con San Gerolamo; nel transetto destro merita attenzione l’affresco dei Fiammenghini Alessandro IV istituisce l’ordine degli Agostiniani, sotto di esso nel restauro del 1956 , è stata scoperta  una Crocifissione del secolo XIV.

San Simplicitano

San Simplicitano o basilica delle Vergini, fu costruita da Ambrogio alla fine del V secolo sulla via  che portava verso la Renania passando dalla città di Como. L’ attuale aspetto lo si deve alla ristrutturazione del XII secolo. Meritano particolare attenzione le decorazioni esterne in pietra e la struttura architettonica delle navate.

Zona Piazza Duomo:

Ovviamente il Duomo, in stile gotico, con le sue meravigliose vetrate, le sue guglie e la Madonnina, oltre al prezioso Museo, meritano una visita. Nella medesima piazza si affacciano la Galleria Vittorio Emanuele II e Palazzo Reale famoso per le mostre d’arte.

Il Duomo.

La costruzione del Duomo iniziò nel 1386, per volere dell’arcivescovo Antonio da Saluzzo e di Gian Galeazzo Visconti, all’epoca signore della città. la sua costruzione durò ben sei secoli,.

I lavori di costruzione videro anche la direzione di Leonardo da Vinci,

Interamente costruito in marmo, è ornato con ben 3400 statue.
La sua struttura è tanto imponente da farne uno degli edifici religiosi più grandi d’Europa.

Partendo da Piazza Duono e attraversata la Galleria Vittorio Emanuele, si giunge in Piazza della Scala, dove si incontra via Manzoni; qui è imprendibile, per ogni appassionato d’arte, il Museo Poldi Pezzoli

In zona Porta Ticinese:

Sant’Eustorgio

Sant’Eustorgio, fu eretta nel 515 dal vescovo Eustorgio II, ed edificata sui resti di una costruzione del IV secolo del tempo del vescovo Eustorgio I.  Alla fine del secolo XI, la chiesa venne modificata in stile romanico. Barbarossa la distrusse quasi totalmente, trasportando a Colonia (1164) un sarcofago romano dove si conservavano, secondo la tradizione, i corpi dei tre re Magi. La  basilica fu ricostruita verso il 1190  ed i lavori si protrassero per secoli.
Il campanile è del 1297-1309.

Per il grande numero d’opere d’arte conservate, la chiesa è un  museo-gioiello: affreschi, sarcofagi, sacelli, statue. 
Al centro della cappella, la celebre Arca di San Pietro Martire 1336 – 1339 da Giovanni di Balduccio. Quest’arca è molto importante poiché segna una tappa importantissima nel rinnovamento della scultura lombarda.

San Lorenzo Maggiore, Mailand

San lorenzo Maggiore.

Basilica di san Lorenzo Maggiore

La Basilica di san Lorenzo Maggiore risale al IV secolo, ed è una delle più antiche chiese  presenti in Italia.
Le sue forme e soluzioni architettoniche ne fanno uno dei più importanti capolavori dell’Alto Medioevo e dell’arte Paleocristiana.

La Basilica di san Lorenzo Maggiore, è anche un importantissimo modello di riferimento per altri famosi templi del Cristianesimo,  quale è la  Basilica di San Vitale  di Ravenna.

Dietro alla Basica meritano una visita anche le sedici colonne di San Lorenzo che risalgono al periodo romano e qui trasportate  come materiale di rimpiego, alte circa 7,60 m, scanalate, con capitelli corinzi, sono collegate da un’architrave  aggiunta nel corso del Medioevo.

I CHIOSTRI BRAMANTESCHI  DELL’UNIVERSITA’ CATTOLICA DI MILANO.

I giudizi postati sul sito di TripAdvisor, sono valsi, per la sede storica dell’Università Cattolica di largo Gemelli 1 a Milano, il Certificato di eccellenza 2014.

I chiostri bramanteschi rappresentano una attrazione storico-artistica come attesta la reazione di docenti e studenti di tutto il mondo quando si affacciano affascinati nel complesso monastico di Sant’Ambrogio, con l’incanto delle ore di luce o la quieta penombra della sera.

I chiostri si trovano in Largo Gemelli, non lontano dalla Stazione delle Ferrovie Nord Milano, dalla Basilica di Sant’Ambrogio e dal Castello Sforzesco.

Questo antico monastero cistercense adiacente alla Basilica di Sant’Ambrogio è uno dei più prestigiosi complessi architettonici del capoluogo lombardo.  

I due chiostri realizzati secondo il progetto rinascimentale di Donato Bramante, e l’annessa facciata di inizio Novecento progettata dall’architetto Giovanni Muzio, sono divenuti il simbolo dell’Università.

Insieme a tante altre pregevoli patrimoni culturali, come l’aula magna, antico refettorio del convento, con gli

-affreschi cinquecenteschi di Callisto Piazza,

-l’atrio dello Zodiaco del diciassettesimo secolo, o

-la ghiacciaia dove i monaci conservavano le vivande.

—–

Nella periferia di Milano.

Certosa di Garegnano, fondata nel 1349 da Giovanni Visconti e  ospitò  il poeta italiano Francesco Petrarca. La si trova nel borgo di Garegnano per permettere ai monaci di vivere in ritiro.

Moltissime sarebbero le altre meritevoli segnalazioni, per ora abbiamo scritto secondo le nostre preferenze personali. Ci ripromettiamo di aggiornare e amplificare man mano che si avvicinerà la data dell’EXPO.

Milano 630 m

——–

Where to eat in Milan? Dove mangiare?

Sempre utile dare un’occhio a Simone Ruggiati e i suoi consigli cliccando su Google : food advisor puntate

Quello che conosciamo noi: qualità alta e prezzi accettabili

ZONA DUOMO: LUINI ottimi famosissimi panzarotti, frequentatissimo anche da studenti (eccellente gusto; pasta variamente ripiena)Via Santa Radegonda, 16, sulla parte sinistra posteriore del Duomo girare, da Corso Vittorio Emanuele, la prima strada a sinistra.Telefono:02 8646 1917.

AOYAMA, sicuro ristorante take-away giapponese, formula 20 euro mangi quanto vuoi, viale Monte Nero 25, non lontano dai Magazzini COIN in Piazza Cinque Giornate, tel 02.54 12 39 06

Vi ricordiamo che  a volte i ristoranti cambiano nome o chef e qualità, non siamo responsabili di tali cambiamenti che non siano di nostra conoscenza.

STORICO: BAR MAGENTA in stile LIBERTY autentico; per un buon spuntino veloce; via Carducci 13, MILANO-ottimi panini e cocktail-www.barmagenta.it

Trattoria della Gloria non lontano dai navigli; Via Mario Pichi, 5 | ang. via Giosuè Borsi, 20146 Milano, Italia.  Il menu è stagionale e monofoglio, senza fronzoli.  Le influenze sono campane da parte di Carmine e friulane da parte di Gloria.Piatti di novembre:  linguine con pesto di Cetara in colatura di Alici, stracotto di manzo con polenta biologica, risotto con salsiccia, pasta e cicerchie bio, flan di zucca, polpette di ricotta, zuppa di castagne e funghi con crostini di polenta, cime di rapa saltate. In inverno: pitina (carne di cervo o di capra insaccata conservata sotto aromi, fritta nel burro e servita con polenta) o il frico (formaggio fritto con polenta e cipolla.  I piatti costano sui 10 euro, tranne qualche eccezione, come la tagliata di Fassona con funghi porcini (19 euro). La ricchezza dei piatti di verdura offre anche un’ottima cena vegetariana. 

CUCINA COREANA: DELIZIOSA. Bab, Il posto è minuscolo (8 coperti), proprietari  cordiali e simpatici.; il cibo è buono,  sano e cucinato con ingredienti freschissimi e scelti con cura. Via San Marco, 34, Milano, zona Brera vinco a via Fatebenfratelli;  tel. 02 8342 2356.

RISTORANTE CINESE DI OTTIMA QUALITA’ E LOW COST

Ristorante cinese RuiHao. Sembra l’ennesimo ristorante cinese e invece si scopre che ha  un menu ricco e ben assortito di pietanze. Tutto il menu è cucinato sul momento e ogni piatto ha un aroma davvero orientale. si mangiano cibi che hanno un sapore e un carattere tipicamente orientale senza però essere avvolti nell’aroma di fritto tipico dei ristoranti cinesi. Cibo saporito e cotto secondo tradizione: menu ricco di piatti tipici  della tradizione cinese come l’anatra all’arancia e di altri piatti scritti solo in cinese sul menù. I prezzi sono ottimi, si riesce a mangiare bene spendendo davvero poco.Via Mac Mahon 104 (Certosa-zona Piazza Firenze) Milano , tel. 02 39257507 Aperto dal lunedì alla domenica 10-23. Nessun giorno di chiusura. Il menu va dai 2 ai 14 €

GIAPPONESE FUORI MILANO: PRENOTARE ! Ottimo cuoco, ottimo  il Ramen,  pesce freschissimo, prezzi ragionevoli: formula e prezzo fisso o alla carta massimo 30-40 euro (se si esagera); da non ordinare il fritto. Frequentato anche era giapponesi. Non rumoroso ne affollato; frequentato da persone giovani, niente ragazzini, niente famiglie. Ambiente unico con circa 10 tavoli Via Timavo, 78, 20099 Sesto San Giovanni Milano Telefono:02 2622 7080

FUORI MILANO: Trattoria DEL GALLO a Gaggiano tel 02 9085276, pollo ruspante croccante con patatine da favola, indimenticabile! info@trattoriadelgallo.com . Centotrent’anni di vita ed è ancora un mito per i milanesi, ad un quarto d’ora di auto dalla città nel parco sud del Ticino. Locale storico riconosciuto, è stato condotto per tre generazioni dalla famiglia Gerli: dal 1990 è di proprietà di Paolo Reina, chef di 32 anni.

PER I PIU’ ESIGENTI, IL MASSIMO DELLA CUCINA VERGETARIANA E MOLTO DI PIU’: PIETRO LEEMAN  (stella Michelin dal ’96, e nella guida dell’Espresso)è una garanzia di eccellenza nella cucina vegetariana: i suoi piatti sono un’esperienza indimenticabile anche per i non vegetariani. Ora ha aperto anche un BISTROT dai prezzi contenuti. Ristorante JOIA: v.Panfilo Castaldi 18, Mi, tel 02.29 522 124 www.joia.it , prezzo adeguato al livello, alto, del ristorante.

 

5 comments

  1. Le mani di Gesù dipinte da Leonardo nel Cenacolo, uniche nel dipinto, una con la palma verso il basso e l’altra verso l’altro indicano che Gesù era ambidestro come naturalmente era Leonardo e in parte Michelangelo Buonarroti? Non a caso Andy Warhol, genio anche lui, riprodusse, oltre il Cenacolo, serialmente la Gioconda e Marilyn che richiamano lo stesso volto archetipo. Cfr. ebook (amazon) di Ravecca Massimo: Tre uomini un volto: Gesù, Leonardo e Michelangelo. Grazie.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*