Aprono musei e biblioteche in attesa di precisazioni – in Europa … Lombardia e Campania …

Riflettiamo un momento:

nuovi casi di Covid19, fanno chiudere – le scuole – appena aperte in Francia – la Germania ha ri-chiuso, dopo avere aperto alcune sue regioni, per l’aumento di casi da coronavirus … a Hog Kong le aperture hanno portato molte morti di cittadini tra i 18 e 30 anni; quelli meno prudenti !

La maggioranza delle nazioni europee NON vuole aprire le frontiere in tempi brevi; segno che le sicurezze non esistono e i rischi sono sempre presenti

:::::::::::::::::::::

ITALIA

A partire da stamattina negozi – musei – uffici – archivi e biblioteche si preparano o hanno già aperto

Sarà un’ apertura graduale

Apripista è Roma –  con i suoi musei capitolini

Ottima l’idea di riaprire le mostre che non si sono potute visitare per Covid19

LE MOSTRE SARANNO VISITABILI ANCHE DOPO LA SCADENZA (se la visita fu impedita dalla chiusura Covid19)

Tutto, comunque, è sottoposto alle ordinanze delle varie regioni

Le linee guida delle Regioni e indicate gia’ ieri dal Governo
avranno effetto da lunedi’ 18 a domenica 31 maggio.

Il presidente della Regione Toscana precisa che avrebbe preferito aperture più garduate – ma il governo ha evidentemente ceduto alle pressioni di molte categorie che scalpitano per aprire il più presto possibile

la maggioranza degli italiani imprenditori vuole aprire ad ogni costo

ma se dovessero aumentare i contagi potrebbero doversi creare nuove zone rosse

con conseguenze economiche che tutti pare vogliono ignorare

A NOI PARE CHE SI SIA DECISO CHE E’ MEGLIO TORNARE A SPENDERE E LAVORARE PIUTTOSTO CHE RIMANDARE DI UNA O DUE SETTIMANE PER SCONFIGGERE VERAMENTE IL VIRUS

SI E’ PREFEIRITO SCEGLIERE DI CONVIVERE CON IL CORONAVIRUS E CON LE SUE CONSEGUENZE – ANCHE LE MORTI

____________

LOMBARDIA

La stazione Cadorna era affollata nell’ora di punta e pure la metropolitana,

Dal 18 maggio è possibile spostarsi all’interno del territorio regionale.

Sino al 2 giugno compreso sono vietati gli spostamenti verso altre Regioni, salvo motivi giustificati e gravi.

Per i soggetti in quarantena vige divieto assoluto di muoversi dalla propria abitazione o dimora.

La misurazione della temperatura dei clienti è fortemente raccomandata e, invece, obbligatoria per ristorazione con consumo sul posto.

Consentiti spostamenti verso le seconde case, in regione, o per raggiungere le proprie imbarcazioni ; sono eliminate le limitazioni alla navigazione lacuale e fluviale.

Via libera anche alle funzioni religiose.

L’apertura, per la Regione Lombardia, è rinviata di una settimana per molte attività culturali e non.

Palestre e piscine saranno riaperte il 25 maggio. Resta l’obbligo delle mascherine. Obbligatoria la misurazione della febbre per i clienti dei ristoranti.

_______________

GENOVA

Genova l’uso delle mascherine è ORA obbligatorio sempre in tutte le aree – tranne per chi pratica attività sportiva.

______________

CAMPANIA

De Luca ha firmato,nella notte, l’ordinanza per le riaperture: plexiglass al ristorante solo con distanze inferiori al metro e la riapertura dei servizi alla persona (parrucchieri, barbieri, centri estetici..), delle attività commerciali al dettaglio e dei bar solo per il servizio al banco.

La  ristorazione ripartirà dal 21 maggio.

Riaprono musei, biblioteche e luoghi di cultura – ma restano chiuse piscine e palestre fino al 25 maggio

Il Presidente della Campania preferisce avere più cautela nelle aperture. 

La colpa sarebbe del Ministro della Salute che non si prenderebbe la respondabilità delle aperture, ma la scarica sulle Regioni.

_______________

GENERICHE PER L’ITALIA

Nei Musei Civici e in molti altri diventa un obbligo prenotare.

A noi non piace perché è un  obbligo da rispettare, con assoluta puntualità, anche le scelte del tempo libero (ci vengono alla mente delle corse affannate, alla ricerca di parcheggio o tram  o bus o treno in ritardo … e la perdita dell’appuntamento prenotato tre mesi prima … !)

Sarà necessario, ma non fateci passare il tutto come un miglioramento della vita; è chiaramente un PEGGIORAMENTO.

Per ora regna un “poco” di confusione sulle varie  misure da prendere nelle varie regioni; aspettiamo con pazienza italiana.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Cosa devono fare musei e & – prima di aprire:

  • regole precise antivirus
  • uno specifico piano di accesso per i visitatori (giorni di apertura, orari, numero massimo visitatori, sistema di prenotazione, etc.)  esposto e  comunicato ampiamente 
  • potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso con temperatura > 37,5 °
  • visitatori sempre con mascherina
  •  personale lavoratore deve indossare la mascherina ( in presenza di visitatori e comunque quando non è si può garantire il distanziamento interpersonale di almeno 1 metro )
  • area di contatto tra personale e utenza  può essere delimitata da barriere fisiche adeguate
  • a disposizione soluzioni igienizzanti 
  • un programma degli accessi pianificato (es. con prenotazione online o telefonica
  • evidenziare le aree per favorire il distanziamento interpersonale.

::::::::::::::::::::::::::::::::

Copertina: ” Anche le oasi spariscono “ 2010 – Foto – inchiostro e Photoshop – di Grazia Seregni Copyright© All rights reserved – Qualsiasi riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta è vietata. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*