Covid e sicurezza – Austria minaccia prigione per mancata quarantena – 74.6 % dei positivi in Italia è in isolamento domiciliare senza controlli

Non rispettare la quarantena equivale a mettere a repentaglio la vita del altri

Questo è quanto – giustamente – si sostiene in Austria dove chi è in quarantena viene regolarmente controllato e multato se non la rispetta

ITALIA

In Italia sappiamo che ci sono ben un 74,6% di positivi al coronavirus che dovrebbero rispettare la quarantena, ma non ci risulta si siano istituiti controlli adeguati.

I dati trasmessi dalle televisioni sul Covid-19, hanno rassicurato gli italiani , che si sentono i più sicuri d’Europa.

Questo fa benissimo al marketing del turismo, ma gli italiani dovrebbero pensare anche a non distruggere questa sicurezza che abbiamo in questo momento (che porta anche ricchezza economica); anche alla luce dei casi di contagi in aumento e della reale possibilità di contagi dalle persone che provengono dalle vicine frontiere europee  per lavoro e per vacanze, dove i contagi sono ben più alti.

Vedi i dati aggiornati al link: https://www.google.com/search?q=30+luglio+contagi+in+italia+covid&oq=30+luglio+contagi+in+italia+covid&aqs=chrome..69i57j33.9249j0j8&sourceid=chrome&ie=UTF-8

Lombardia
96.054
+46
43.442
16.802
Piemonte
31.648
+14
17.016
3.718
Emilia-Romagna
29.625
+28
18.258
4.008
Veneto
19.891
+42
13.666
2.073
Toscana
10.458
+17
6.867
1.134

Ieri si sono rilevati piccoli focolai anche in Sicilia, oltre a Venezia, Emilia Romagna, Valle d’Aosta, in Campania due cugine si sono contagiate in un campo estivo e in altre regioni  altri piccoli focolai, ma la maggior concentrazione di casi risulta tra Milano e la Pianura Padana (dove ci sono gli spedizionieri internazionali e le grandi industrie alimentari che importano animali da macello e altro in celle frigorifere che ben “aiutano” il Covid-19).

Abbiamo scelto come fonte di dati Google, perché organizza i dati è a livello mondiale; da diverse fonti sicure e non è influenzato da interessi particolari dei vari stati. Vi è anche la precisazione che l’ultilizzo di vari fonti e il diverso modo di calcolare i dati, possono dare risultati differenti.

Ecco l’origine delle fonti prese in considerazione:

It comes from Wikipedia & other authoritative sources

Data comes from sources like Wikipedia, government health ministries, The New York Times, and other authoritative sources, which may be added over time with attribution. Cases are constantly updated from resources around the world. Daily situation reports are also available on the World Health Organization site.

Why do I get different data from different sources?

There are various sources that are tracking and aggregating coronavirus data. They update at different times and may have different ways of gathering data.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*