Salute – Escursionisti attenzione alla Panace di Mantegazza

Nuovo pericolo nei prati – in montagna e lungo i corsi d’acqua

Può causare gravi danni irreversibili

Evitare contatti epidermici

ogni contatto con questa pianta deve seguire delle regole di  assoluta precauzione

Panace di Mantegazza – pianta ombrellifera

– infestatnte e pericolosa provoca:

  • gravi infiammazioni della pelle con estese lesioni bollose che possono lasciare cicatrici permanenti
  • piccole quantità di linfa negli occhi possono causare cecità temporanea o anche permanente

Causa dei danni:

la presenza, nelle foglie, nei fiori, nei semi, nel tronco e nella radice di derivati furocumarinici;  capaci di penetrare nel nucleo delle cellule epiteliali e legarsi al DNA uccidendo le cellule.

 

Descrizione della panta e dei fiori:

il panace di Mantegazza o di Mantegazzi o panace gigante è una pianta della famiglia delle Apiaceae – originaria del Caucaso (nome latino: Heracleum mantegazzianum L.) – è un’ombrellifera che può raggiungere 2.5-4 metri d’altezza.

Le foglie hanno grandi dimensioni, con piccioli numerosi aculei.
Le infiorescenze bianche, sono larghe anche mezzo metro negli esemplari di almeno due anni di vita.

Originaria del Caucaso, è stata introdotta in Europa come pianta ornamentale, ora si è inselvatichita e vive lungo le sponde dei corsi d’acqua, nei prati, in luoghi incolti dove sopraffà la flora locale.

Questa pinata forma velocemente dei popolamenti densi e le sue grandi foglie sono la causa del deperimento e la distruzione della vegetazione indigena.

La radice a fittone,  fino a 60 cm, permette alla pianta una crescita rapida, mentre i semi possono germogliare anche dopo 7-15 anni.

Nella Bergamasca è segnalata in Valle Seriana, tra Ponte Nossa e Clusone; sono in corso azioni per eliminarla.

Cosa fare se la trovate ?

Segnalare subito alla forestale e al comune di competenza.

Come intervenire per cercare di estirpare questa specie che non è parte del nostro patrimonio naturale, ma anzi è un pericolo per noi e per l’ambiente:

  • tagliere l’erba (almeno una volta al mese durante la stagione vegetativa, da aprile), gli esemplari che rispuntano sono indeboliti;
  • eliminare le radici, con un taglio delle medesime di almeno 10 cm sotto l’inserzione delle foglie basali per prevenire il ricaccio.

Le infiorescenze ombrelliformi, con semi maturi ,  si devono raccogliere in sacchi da tenere chiusi ed inviare all’incenerimento con gli altri rifiuti (non compostare!).

L’eventuale diserbo chimico richiede capacità tecnica e attenzione all’ambiente, per evitare ulteriori danni.

Ogni contatto con questa pianta deve seguire delle regole di  assoluta precauzione per evitare contatti epidermici: utilizzare guanti, rivestire le parti del corpo esposte, soprattutto con l’uso del decespugliatore, muoversi con attenzione tra gli esemplari.

Per un’identificazione certa, inviate tramite mail una o più fotografie (max 2 Mb!) scattate da vicino almeno delle foglie a ortobotanico@comune.bg.it oppure gabrielerinaldi@comune.bg.it

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*