Paesi Bassi arte e novità – Non ti scordar di me

cliccare per ingrandire – Portrait of a Lady and her Son
cliccare sulle immagini per ingrandirle – Petrus Christus, Portret van een jonge vrouw, c. 1470. Gemäldegalerie der Staatlichen Museen zu Berlin (1)

Mostra d’arte – Non ti scordar di me – Amsterdam 

dal 1° ottobre 2021 al 16 gennaio 2022

Design – ecologia – ufficio galleggiante e tante novità a Rotterdam  e in altre cittadine

____________

Amsterdam

 Il Rijksmuseum presenta 100 ritratti rinascimentali, da Dürer a Sofonisba

Potenti imperatori, sofisticati aristocratici e agiati borghesi.

Una collezione di ritratti rinascimentali da tutta Europa, di ampiezza mai vista prima nei Paesi Bassi.

Dal 1° ottobre sarà possibile ammirare un centinaio di capolavori internazionali di artisti di fama mondiale – tra cui Holbein, Dürer, Memling e il Veronese – nell’ambito della mostra Non ti scordar di me.

Farsi immortalare in un ritratto fu una pratica diffusa nel XV e XVI secolo.

Non ti scordar di me racconta una storia di ambizioni, desideri e affetti perduti: la storia di come vogliamo essere ricordati.

Non ti scordar di me è la prima grande mostra di ritratti rinascimentali nei Paesi Bassi.

Tra i capolavori esposti vi è il Ritratto di fanciulla (circa 1470) di Petrus Christus della Gemäldegalerie di Berlino. Altre opere provengono, tra gli altri, dal Kunstmuseum di Basilea, dalla National Gallery di Londra, dal Museo del Prado di Madrid e dalla National Gallery of Art di Washington.

Non ti scordar di me. Ritratti da Dürer a Sofonisba potrà essere visitata dal 1° ottobre 2021 al 16 gennaio 2022 nell’ala Philips del Rijksmuseum. La mostra è stata resa possibile grazie al supporto di Ammodo, del Circolo Internazionale del Rijksmuseum e dell’Agenzia del Patrimonio Culturale del Ministero dell’Educazione, della Cultura e della Scienza.

Non ti scordar di me

Fin dall’antichità, scopo principale del ritratto era di tenere viva la memoria dell’effigiato.

Intorno al 1500, epoca della prima grande fioritura della ritrattistica rinascimentale, questo genere pittorico ebbe notevole seguito sia a nord che a sud delle Alpi.

Nonostante alcune grandi differenze regionali, il denominatore comune di queste opere d’arte fu soprattutto il bisogno umano di ricordare e di essere ricordati.

Come avviene ancora oggi, colui il quale chiedeva di essere ritratto teneva ad apparire nel migliore dei modi possibili e a trasmettere un’immagine idealizzata di sé.

A tale scopo, ogni elemento della composizione pittorica era dunque ben ponderato:

l’espressione del viso, la postura, l’abbigliamento, gli elementi simbolici, lo sfondo.

Se alcuni ponevano in primo piano la bellezza degli effigiati, altri ne rimarcavano l’autorevolezza e il prestigio sociale.

Intorno al 1533, Carlo V, imperatore del Sacro Romano Impero, volle per esempio mettere in risalto il proprio potere facendosi ritrarre nelle vesti di un imperatore romano.

L’autoritratto di Maarten van Heemskerck, in cui il pittore si raffigurò intento a dipingere, è poi una testimonianza della rivalsa sociale degli artisti nella società del Rinascimento.

Attraverso temi quali la bellezza, il potere, l’ambizione, l’amore, la famiglia, la sete di conoscenza e la fede, Non ti scordar di me mette dunque in luce come gli uomini e le donne del Rinascimento volessero apparire ed essere ricordati.

Capolavori internazionali

La mostra riunisce ritratti provenienti da musei di tutta Europa e degli Stati Uniti.

Il Ritratto di fanciulla (circa 1470) di Petrus Christus, capolavoro del Rinascimento nord-europeo, proveniente dalla Gemäldegalerie, lascerà per la prima volta dal 1994 il noto museo di Berlino.

Tra le numerose opere in mostra spicca, inoltre, il Ritratto d’uomo (1476) di Antonello da Messina, in prestito dal Museo Civico d’Arte Antica di Palazzo Madama a Torino.

L’allestimento includerà anche il monumento funerario di Isabella di Borbone (Jan Borman II e Renier van Thienen, 1475-76) della Cattedrale di Nostra Signora di Anversa che, per l’occasione, sarà riunito con i dieci Pleuranti del Rijksmuseum (in prestito permanente dal Comune di Amsterdam).

Non mancheranno opere di Albrecht Dürer: il Ritratto di uomo africano (1508) dell’Albertina di Vienna e il Ritratto di giovane donna con capelli sciolti in preghiera (1497) dello Städel Museum di Francoforte.

Dal Kunstmuseum di Basilea provengono poi diverse opere, tra cui i Ritratti di Jakob Meyer zum Hasen e sua moglie Dorothea Kannengiesser (1516) di Hans Holbein II.

Tra gli altri dipinti in mostra possono infine essere ricordati il Ritratto di Jan Jacobsz Snoeck (circa 1530) di Jan Gossart della National Gallery of Art di Washington e il celebre autoritratto di Sofonisba Anguissola (circa 1556) del Muzeum-Zamek w Łańcucie in Łańcut.

Design

Il design dell’allestimento è di Jean Michel Wilmotte, mentre Irma Boom ha curato la progettazione grafica.

Catalogo

La mostra è accompagnata da un catalogo riccamente illustrato, la cui progettazione grafica è anch’essa di Irma Boom. Il volume, pubblicato in inglese e olandese, sarà in vendita dal giorno d’inaugurazione della mostra.

Ringraziamenti

Il Rijksmuseum è grato a tutti coloro i quali hanno voluto sostenerlo durante questo difficile periodo. Adesso più che mai, le sovvenzioni del governo, i contributi della comunità imprenditoriale, i fondi, le donazioni, i lasciti nonché i contributi degli Amici del Museo sono e continueranno a essere essenziali per il Rijksmuseum.

 IL DESIGNER PIET HEIN EEK APRE UN HOTEL A EINDHOVEN CHE CELEBRA LA BELLEZZA DELL’IMPERFETTO

È uno dei pesi massimi del design olandese e il suo studio-negozio-ristorante a Eindhoven è un must per gli amanti del design.

Piet Hein Eek gode di un riconoscimento internazionale per la sua attenzione al design sostenibile e artigianale, ma il suo centro di lavoro rimane nella stessa città dove ha studiato ed è cresciuto professionalmente: Eindhoven. Il suo laboratorio si trova in una ex fabbrica di componenti radio e TV della Philips, il gigante che ha plasmato la città e le cui fabbriche sono oggi un focolaio di creatività e tendenze. Qui produce tra i 15 e i 30 nuovi progetti ogni anno, e al suo laboratorio sono annessi il suo ristorante, uno showroom, un negozio, una galleria d’arte e una sala per eventi pubblici.
A questi ambienti della “fabbrica”, come è noto l’edificio, se ne è aggiungerà presto un altro: il PHE hotel.

Un’esperienza di design a 360º che, secondo Eek, richiedeva la necessità di poter pernottare, soprattutto per quei visitatori che di solito vengono da tutto il mondo per vedere il suo lavoro.

L’hotel si trova all’ultimo piano dell’edificio e ha tredici camere: ogni stanza è diversa dall’altra e combina lo stile personale di Piet Hein Eek con quello di tredici artisti della sua galleria che aggiungono il loro tocco personale.

Il bar, la sala colazione e la lobby sono al piano inferiore, il salotto dell’hotel. Qui potete curiosare tra opere d’arte, antichità e design. A completare il progetto, una terrazza su diversi livelli piena di verde e un bar esclusivo. Il ristorante è integrato nella lobby e fa parte della stanza delle meraviglie, la “Wunderkammer”.

L’hotel di Piet Hein Eek non vuole essere un hotel nel senso usuale della parola, ma piuttosto un hotel esperienziale. Qualcosa che è garantito dalla mano di questo designer pioniere nel rivendicare la bellezza dell’imperfetto e proporre creazioni artigianali e materiali riciclati.

Piet Hein Eek Hotel
Beeldbuisring 201, Eindhoven
hotel@pietheineek.nl
https://hotelpietheineek.nl/

cliccare per ingrandire – GCA Floating Office Rotterdam

 LA RINASCITA CULTURALE DI ROTTERDAM ATTRAVERSO 4 NUOVI SPAZI ICONICI

Rotterdam si afferma sempre più come il cantiere culturale del nord Europa, grazie al potente impulso che design e innovazione hanno conferito alla città, soprattutto negli ultimi dieci anni.

Oltre a sorprendenti edifici, grattacieli all’avanguardia, trasformazioni creative e meraviglie fluttuanti, la quantità e la varietà di spazi dedicati a programmi culturali sono in forte espansione. Ecco qualche esempio eclatante.

Depot Boijmans Van Beuningen, il primo deposito d’arte completamente accessibile al mondo, apre le porte al pubblico il 6 novembre.

Progettato dal rinomato studio di architettura MVRDV, fornirà una nuova sede all’intera collezione del museo, composta da oltre 150.000 opere. A forma di ciotola, in modo da “non dare le spalle” a nessuno delle costruzioni vicine, l’edificio è rivestito da 1.664 pannelli a specchio. Le opere sono presentate in cinque aree diverse, ognuna caratterizzata da una zona climatica, e collocate in vetrine scenograficamente sospese sull’atrio. Un giardino pensile popolato da 75 betulle a più fusti ospiterà anche un ristorante e offrirà una vista mozzafiato sulla città.

Previsto in apertura nel 2024, il FENIX Museum of Migration sorge nel luogo dove si trovava Fenix, il più grande magazzino del mondo, costruito nel 1923. Il progetto di MAD Architects è il primo in Europa a essere realizzato dallo studio di architettura cinese ed è caratterizzato da due scale a chiocciola che si estendono da terra e formano un ponte di osservazione che offre una vista a 360 gradi sul fiume Maas e Rotterdam.

Nei secoli passati, più di 3 milioni di emigranti sono passati attraverso il porto di Rotterdam: il Museo ha il compito di contribuire a preservare la memoria storica delle migrazioni di massa, che hanno caratterizzato la prima metà del secolo scorso.

Nella rinnovata e dinamica area portuale M4H nasce un ulteriore, innovativo, ecosostenibile quartiere urbano.

Il Kunst & Complex è costituito da due edifici monumentali del 1916, completamente rinnovati, dei quali sarà ovviamente preservato l’aspetto proto-industriale del complesso, che raggiunge i quasi 7.000mq di area coperta. Il nuovo complesso disporrà di una sua propria programmazione culturale e farà sì che Kunst & Complex diventi un polo di attrazione e incontro per artisti, designer e creativi che vivono e lavorano nella città di Rotterdam.

Un’eredità brutalista

L’artista Joep van Lieshout e sviluppatore immobiliare RED Company hanno unito le forze per costruire un cluster culturale con unità residenziali, uffici e servizi nell’area portuale M4H chiamato BRUTUS.

Questa cooperazione vuole essere un nuovo modello di rinnovamento urbano che non spinge automaticamente fuori i creativi una volta che i quartieri si ammodernano, ma mira a mantenerne viva la presenza, alimentando una nuova comunità artistica.

Van Lieshout è uno dei pionieri originali di M4H, ha lavorato nella zona per più di 30 anni e vede BRUTUS come la sua eredità.

BRUTUS misura 7.000 m2 e ospita un museo, spazi espositivi, un deposito d’arte accessibile al pubblico, studi e spazi di lavoro/vita per artisti, un cinema all’aperto, un teatro, un giardino di sculture e tre blocchi di appartamenti con un totale di 750 unità residenziali.

La DUTCH DESIGN WEEK DI EINDHOVEN dal 16 al 24 ottobre 2021

Ogni anno, a ottobre, si svolge a Eindhoven la Dutch Design Week (DDW), la più importante manifestazione dedicata al design nel nord Europa. I progetti e le idee di oltre 2.600 designer sono presentate a 350.000 visitatori, provenienti dai Paesi Bassi e da tutta Europa. In oltre 110 location, distribuite in tutta la città, il programma di DDW include mostre, conferenze, cerimonie di premiazione, eventi di networking, dibattiti e feste. Sebbene l’evento affronti ogni possibile interpretazione e declinazione del design, l’accento è posto su sperimentazione, innovazione e cross-over. Un’attenzione eccezionale va al lavoro e allo sviluppo dei giovani talenti, poiché DDW è particolarmente focalizzata sul design del futuro e sul futuro del design. L’obiettivo è quello di mostrare come i designer di tutto il mondo plasmino un futuro condiviso e positivo, e a tale missione contribuiscano in particolar modo i giovani designer olandesi.

Dal 16 al 24 ottobre 2021, DDW presenta una vasta gamma di progetti di design stimolanti e attuali. Il tema generale di quest’anno è The Greater Number – la ricerca del numero migliore e un appello alla qualità, intesa come valore a sé stante, ma anche come diversità e originalità. Diviso in quattro sotto-temi, il programma si concentra sia sull’idea speculativa e la ricerca che sul prodotto finale e le soluzioni concrete ai problemi. Questa attenzione si riflette nelle mostre al Klokgebouw, Microlab Hall e Fuutlaan. Prestando peraltro DDW particolare attenzione ai giovani talenti, numerosi studi professionali, università e partner mettono in mostra i loro progetti in tutta la città.
Il fulcro della DDW è il Klokgebouw a Strijp-S, che apre l’edizione 2021 con una mostra dalla forma di labirinto sulle idee dell’ex architetto capo del governo e ambasciatore DDW Floris Alkemade. C’è anche la mostra unica Class of 2021, in cui dieci college di design sono invitati a mostrare il lavoro dei loro migliori studenti. Le università di tecnologia presentano i loro progetti come Design United, testimoni dell’avanguardia della ricerca scientifica, della tecnologia e del design. Nel Klokgebouw, il Fondo olandese per l’industria creativa presenterà anche i destinatari delle borse di studio per i più meritevoli, e quattro ambasciate mondiali del design mostreranno i risultati della loro cooperazione di un anno. Fuori, sulla Ketelhuisplein, l’artista Arne Hendriks presenterà il progetto Hara Hachi Bu, un piccolo villaggio dove la gente si esercita a produrre meno e consumare meno. Sulla piazza si trova anche The Exploded View, una casa progettata dai Nieuwe Helden di Lucas de Man, costruita interamente con materiali bio-based. Dedicata al rapporto tra l’uomo e la natura, si concentra sulle soluzioni che si possono trovare nel mondo naturale, la maggiore fonte di ispirazione quando si tratta di adattabilità.

È nella nostra natura @ Klokgebouw

In questa mostra tematica sul rapporto tra l’uomo e la natura, ci soffermiamo prima sulle soluzioni che si possono trovare nella natura, la più grande fonte di ispirazione quando si tratta di adattabilità
Questa è solo un ‘introduzione a DDW. Una prima panoramica dei progetti presente alla design week è online su ddw.nl. Nelle prossime settimane si aggiungeranno nuovi progetti.
https://ddw.nl/

Floating Office Rotterdam, l’edificio per uffici galleggiante più grande al mondo

Floating Office Rotterdam (FOR) è lo straordinario ufficio galleggiante, ormeggiato nell’area dell’ex porto industriale di Rijnhaven, nel cuore della città.

E’ un perfetto esempio di edificio resiliente con un’architettura in grado di adattarsi ai cambiamenti climatici. Ennesima testimonianza della sensibilità green e della propensione all’innovazione che caratterizzano da sempre la seconda città olandese.

FOR è stato progettato dallo studio di architettura Powerhouse Company di Rotterdam e sviluppato da RED Company per ospitare la sede del Global Centre on Adaptation, ONG che mira a promuovere la pianificazione, gli investimenti e le tecnologie per mitigare gli effetti negativi del climate change.

L’edificio galleggiante è progettato a emissioni zero, autosufficiente e costruito con materiali riutilizzabili al 100%.

Gli architetti di Powerhouse Company hanno scelto per la realizzazione di FOR solo materiali che fossero riutilizzabili e riciclabili, adottato tecnologie e inserito elementi architettonici che potessero contribuire al risparmio energetico e alla sostenibilità dell’edificio. La struttura di FOR, per esempio, è interamente in legno lamellare incrociato e, grazie alla scelta di non utilizzare alcun tipo di adesivo, FOR è tenuto insieme esclusivamente da dadi e bulloni, il che significa che è completamente smontabile e può essere rimontato altrove in scala 1:1. Sfruttando quasi 1.000 mq di pannelli solari e un sistema di scambio di calore, che ricicla l’acqua del porto di Rijnhaven, l’edificio è energicamente autonomo, cioè genera da sé l’energia che consuma. La presenza del tetto a spiovente per il piano superiore e dei balconi sporgenti per i livelli inferiori assicurano ombra e regolano l’insolazione degli interni.
“Con FOR vogliamo dimostrare che l’architettura può contribuire alla risoluzione delle conseguenze e delle minacce indotte dai cambiamenti climatici” dichiara Nanne de Ru, fondatore di Powerhouse Company. Sulla piattaforma trovano spazio non solo Powerhouse Company e il Global Center on Adaptation, ma anche ABN Amro , una piscina e “Putaine”, ristorante à la carte di fascia medio-alta, in apertura a ottobre 2021.

Infine, se, a causa dei cambiamenti climatici, il livello del mare dovesse innalzarsi, FOR potrà galleggiare e continuare a esercitare la sua funzione.
https://www.powerhouse-company.com/for-office

. Thomas: uno spazio da favola nel cuore di Eindhoven

L’interno è una impressionante opera d’arte che copre l’intera superficie di circa 600 mq di pareti e soffitti

L’edificio che ospita il caffè “Thomas” a Eindhoven ha una lunga storia.

Contraddistinto dallo stile barocco con i suoi caratteristici tratti decorativi, è forse il posto più bello dello Stratumseind, la lunga via pedonale di Eindhoven con solo bar e pub.
Quello che colpisce sono i suoi interni: una scena surreale, onirica, in cui si intrecciano immagini di fantasia, a cui nessuna descrizione può rendere giustizia, su un fondo di colore rosa esaltato da materiali chiari come il bancone in marmo bianco, le piastrelle o le grandi lampade.

L’opera include una gigantesca scimmia incoronata, una statua volante con una balena, una donna altissima avvolta in un panno, un dinosauro domestico e una ciambella galleggiante.
Il bar con la sua cucina aperta è il cuore pulsante del ristorante. Qui, i baristi preparano i migliori cocktail d’autore.
Martijn Lensink e Paul van Boxtel, i proprietari, hanno deciso di rinnovare completamente l’ambiente pensando fuori dagli schemi; per loro fortuna il Comitato per i Monumenti del Comune di Eindhoven ha dato loro il via libera alla creazione di uno spazio da favola opera del duo artistico Studio Giftig composto da Niels van Swaemen e Kaspar van Leek.

Un edificio costruito intorno al 1880 come sala da concerto per il coro maschile di Eindhoven e in seguito ospitò un laboratorio di mobili. Negli anni ‘ 90 è diventato un caffè con ristorante, molto elitario, dal nome Meneer van Dijk, che voleva rendere omaggio all’architetto dell’edificio, Thomas van Dijk. Oggi, dopo l’ennesima ristrutturazione, solo Thomas.
Da Thomas si può pranzare, cenare, bere e ballare. Il locale è infatti aperto 7 giorni su 7 dalle 11.00 alle 02.00
Thomas. Stratumseind 23, 5611 Eindhoven
https://thomaseindhoven.nl/

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*