Weekend verde a Merano – thriller botanico nella Serra

il terribile parassita che avrebbe potuto infestare l’intera Europa è stato debellato qui a Merano

Il thriller botanico nella Serra dei Giardini di Castel Trauttmansdorff – MERANO

Qui l’imperatrice Sissi, trascorreva la stagione invernale

 

Una storia di rinascita dopo un’infestazione da parassita

– La Serra rappresenta un piccolo mondo a parte all’interno dei Giardini di Castel Trauttmansdorff, popolato da piante provenienti da luoghi lontani, con climi caldi e umidi.

La Serra è stata inaugurata nel 2014, è alta 12 metri e ha una superficie di 300 metri quadrati; è dotata di un sistema di oscuramento automatico che regola la penetrazione solare durante la stagione calda, evitando il surriscaldamento della struttura e mantenendo la temperatura costante tra 23° e 25° Celsius.

Prima dell’infestazione da parassita scoperta grazie ai costanti e scrupolosi controlli dei giardinieri di Trauttmansdorff nell’aprile del 2020, la Serra ospitava alberi di mango, papaya e cacao, piante profumate come il patschouli e l’Ylang Ylang, piante fibrose come il kapok e l’albero a vite, insieme a variopinte orchidee e odorose spezie come la vaniglia, la cannella, il pepe e la curcuma.

A causa dello scolitide Euwallacea fornicatus, un coleottero di circa due millimetri di dimensione, originario del sud est asiatico, la Serra ha dovuto subire un attento smantellamento: l’area infestata è stata tempestivamente sigillata per evitare il pericolo che l’insetto si diffondesse all’esterno della Serra e tutte le piante, tra cui 500 orchidee, hanno dovuto essere rimosse e bruciate.

Per assicurarsi che nessun coleottero nascosto sopravvivesse, la Serra è stata sottoposta ad una “terapia del calore” per i mesi successivi; inoltre, nel raggio di diversi chilometri sono state installate numerose trappole attrattive per l’insetto e sono stati effettuati controlli visivi accurati nell’intera area del giardino botanico.

Tutto ciò è stato possibile grazie alla collaborazione con il Servizio fitosanitario della Provincia autonoma di Bolzano, che ha coordinato le attività di monitoraggio e di eradicazione.

Fino alla primavera del 2020, la presenza di questa specie di insetto non era mai stata riscontrata in Europa.

Grazie al lodevole lavoro dell’entomologo Hannes Schuler della Libera Università di Bolzano e al network che ha creato con colleghi europei, si è scoperta la presunta origine dell’infestazione: un’importazione di piante dall’Olanda nel 2018, provenienti da una zona intorno al Vietnam. L’intero caso è stato documentato da Schuler e dai colleghi europei in “Research Square”, un accurato studio scientifico che dimostra l’importanza, in questi casi, dell’agire tempestivo e del ricostruire le vie attraverso le quali avviene l’introduzione di organismi nocivi per prevenirne ulteriori diffusioni.

La Serra è stata riaperta al termine dell’intervento, a inizio estate 2021.

Ora ha un aspetto diverso rispetto a quello originario, che presentava una vegetazione lussureggiante e un’atmosfera tropicale. Infatti, anche per evitare di incorrere in situazioni simili a quella trascorsa, si è scelto di piantumare piante giovani, non ancora cresciute, ma che diventeranno presto floride e rigogliose.

In tutta questa vicenda, provvidenziale è stato il monitoraggio intensivo da parte dei giardinieri di Trauttmansdorff, che hanno rilevato piccoli buchi e segatura su alcuni tronchi e rami di piante della Serra. Le misure adottate tempestivamente e la collaborazione tra i diversi attori coinvolti hanno dimostrato che è possibile tenere sotto controllo e risolvere in maniera esemplare una situazione delicata come questa, impedendo la diffusione del parassita nelle aree circostanti, ma non solo.

Questo intervento ha permesso di contenere il parassita anche a livello europeo; infatti, il fornitore olandese, una volta informato della situazione, ha provveduto a eliminare le piante coinvolte.

Per ulteriori informazioni sui Giardini di Castel Trauttmansdorff: www.trauttmansdorff.it.

 

I Giardini di Castel Trauttmansdorff

Suddivisi in quattro aree tematiche, i Giardini di Castel Trauttmansdorff presentano, su una superficie di 12 ettari, più di 80 paesaggi botanici con piante da tutto il mondo.

La loro posizione panoramica è unica: a forma di anfiteatro naturale, si estendono su un dislivello di oltre 100 metri, aprendo a ogni passo affascinanti prospettive panoramiche sulle montagne circostanti e sulla città di Merano e integrandosi con perfetta armonia nel paesaggio naturale circostante.

Grazie al clima mite del territorio, quello dei Giardini di Castel Trauttmansdorff è il luogo ideale per un giardino botanico, offrendo la possibilità di ospitare piante provenienti da tutto il mondo, alcune delle quali sono esemplari rari. Meravigliosi tripudi di fioritura cambiano l’aspetto dei Giardini settimana dopo settimana, rendendo le visite affascinanti in ogni stagione.

I Giardini sono un’esperienza per tutti i sensi e per tutte le età, luogo di riposo e svago sia per gli esperti del settore che per i profani.

Nel cuore dei Giardini troneggia Castel Trauttmansdorff dove, un tempo l’amata Imperatrice Elisabetta, meglio conosciuta come Sissi, trascorreva la stagione invernale. Oggi questo stesso castello è sede del Touriseum, il Museo provinciale altoatesino del Turismo che racconta 200 anni di storia del turismo alpino.
Grazie al mix unico di giardino botanico e attrazione turistica, al riuscito connubio tra natura, cultura e arte e al loro inconfondibile spirito d’innovazione, i Giardini di Castel Trauttmansdorff sono stati premiati più volte a livello nazionale, europeo ed internazionale.

Per ulteriori informazioni

I Giardini di Castel Trauttmansdorff
Tel. 0473/255608
Ilaria Marcolini
Ilaria.Marcolini@provincia.bz.it
www.trauttmansdorff.it

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*