CENTENARI ; CONCENTRAZIONE IN SARDEGNA GLI SCIENZIATI LI STUDIANO

 Si trova in Sardegna una delle più alte concentrazioni di centenari al mondo.

Non è solo merito della genetica, ma anche l’alimentazione ha un grande peso sulla longevità; questo dice la ricerca scientifica più avanzata su questo tema.

La Sardegna rurale mangia: formaggi, verdure e frutta del proprio orto e vino, tradizionalmente prodotto in casa.

Ma forse uno dei segreti più importanti è il fatto che siano circondati da stima e affetto,  amati dalla famiglia e da tutto il paese.

Uno studio dell’università di Sassari ha dimostrato che il valore nutrizionale di questi prodotti hanno una concentrazione di sostanze nutritive, di molto superiore ai cibi acquistati nei supermercati.

Si tratta di cibo prodotto senza concimi chimici o forzature di ogni genere.

Il latte delle pecore degli allevamenti allo stato brado, contiene bacilli molto particolari e resistono all’acidità gastrica.

Infatti anche dopo avere superato l’acidità dello stomaco, continuano a produrre sostanze che aiutano a tenere sotto controllo il colesterolo, ma anche omega-3 e altri grassi protettivi nei formaggi sardi fatti  in casa.

Tra i tanti centenari, il record è di un uomo è nato nel 1718 ed è  morto nel 1842,  si è risposato a 110 anni e ha  vissuto in totale 124 anni (dati rilevati dagli archivi della parrocchia).

Pare che questi centenari abbiano in comune un carattere particolarmente allegro e socievole e sostengano l’importanza del ballo e del canto come utili per mantenersi allegri.

DYNAFIT X-SERIES: TECNOLOGIA INNOVAZIONE PER LA CORSA IN MONTAGNA

DYNAFIT PRESENTA LA X-SERIES: SPIRITO TECNOLOGICO E INNOVAZIONE PER LA CORSA IN MONTAGNA

450 SCARPE CORSA DYNAFIT_PE15_X-Series

450 SCARPE DYNAFIT_PE15_64015_0333_MS Feline X7

Una nuova linea ispirata alla spedizione X7, che in sette giorni ha portato sette atleti Dynafit su sette vette in sette diversi paesi. A questa esperienza, l’azienda leader per lo scialpinismo, ha deciso di dedicare una linea di calzature premium per l’estate 2015.
La X-Series è resistenza, versatilità e leggerezza, creata per affrontare diverse discipline in montagna e con ogni condizione atmosferica. Valore aggiunto il sistema di allacciatura Boa per una calzata personalizzabile al millimetro.

SCARPA DYNAFIT MS FELINE X7, articolo 64015
Feline X7 rappresenta al meglio il concetto di spirito tecnologico e di innovazione applicato alla corsa in montagna. Caratteristiche tecniche:

– sistema di allacciatura BOA
– calzata SENSITIVE FIT
– tomaia ADAPTIVE GRID, grande flessibilità e ventilazione
– sottopiede ORTHOLITE® con schiuma memory foam, si adatta alla morfologia del piede
– intersuola MULTIPAD MIDSOLE, si adatta in modo dinamico alle asperità del terreno
– suola MAPPING COMPOUND by VIBRAM®, grip incredibile, anche su terreni bagnati e scivolosi
– Peso: 299 g (8 UK)
– Misure: 6 – 12, 13 UK

Prezzo consigliato al pubblico: Euro 160,00

SCARPA DYNAFIT MS PANTERA X7, articolo 64014
Pantera X7 è la perfetta unione fra il DNA tecnologico e innovativo di Dynafit applicato alla corsa in montagna di media e lunga distanza. Caratteristiche tecniche:

– sistema di allacciatura BOA
– costruzione SENSITIVE FIT+, calzata ampia nell’avampiede, avvolgimento e controllo nel mesopiede
– tomaia ADAPTIVE GRID, grande flessibilità e ventilazione
– sottopiede ORTHOLITE® con schiuma memory foam, si adatta alla morfologia del piede
– intersuola MULTIPAD MIDSOLE, si adatta in modo dinamico alle asperità del terreno
– suola MAPPING COMPOUND by VIBRAM®, modello door to trail
– Peso: 340 g (8 UK)
– Misure: 6 – 12, 13 UK

Prezzo consigliato al pubblico: Euro 160,00

Crowd-funding : un’idea da copiare, ma ci vuole onestà e serietà da parte di tutti

Il concetto è semplice: le persone arrivano, pagano $ 5  e lanciano un’idea per migliorare la comunità locale.

“Le Minestre invernali sempre fanno bene”, dice Detroit Soup fondatore Amy Kaherl, in preparazione per l’ultimo dei suoi eventi di raccolta fondi.

“Le persone sono grate per la possibilità di uscire dal letargo.”

Con un piccolo gruppo di volontari hanno riempito le tavole imbandite con enormi pagnotte di pane e zuppa.

Kaherl e amici cominciarono la “Detroit Soup” per aiutare gli artisti locali, ma cinque anni dopo, “Soup”, è un movimento che coinvolge tutta la città ed è andato ben al di là della comunità artistica.

Siamo alla 95a serata di zuppe e in totale sono stati raccolti oltre $ 85.000″

Come previsto, nonostante il freddo, la gente viene portando i vassoi di cupcakes, dolci e pentole di cibo caldo da aggiungere alla tariffa standard di zuppa e insalata.
Il concetto è semplice: le persone arrivano, pagano $ 5 (£ 3,30) e lanciano un’idea per migliorare la comunità locale.

Le persone riflettono sulle proposte fatte e poi votano la preferita.

Il vincitore porta a casa tutti i soldi incassati per finanziare il suo progetto, con la promessa che tornerà dopo tre mesi di riferire sul suo lavoro.

Si è finanziato di tutto: un programma di alfabetizzazione per adulti, una biblioteca della comunità, un gruppo di sostegno per aiutare le persone handicappati, una nuova compagnia teatrale che inscena spettacoli gratuiti di Shakespeare, la creazione di panchine per le fermate degli autobus, e una start-up che trasforma la grafite in gioielli….

DA LEGGERE ; UN RACCONTO GRATUITO E SI LEGGE IN UN ATTIMO DI PAUSA

LO SQUALO

di Susy S.

ANIMALI SQUALO IMG_4376

Ambra come sempre si alza alle sette.
Questa mattina ha poco tempo da sprecare, si veste in fretta, un caffè al volo e via.
Questo è il suo tempo.
Ogni giorno per lei è unico, dal mattino alla sera, chiusa nel suo silenzio isolato, dove la parola le è nemica, un nodo scorsoio che la soffoca ora dopo ora, da diversi anni.
I vetri dell’auto sono appannati, la pioggia della notte ha raffreddato l’aria, il vento ha strappato i manifesti elettorali in piccole strisce che sventolano come bandierine festeggiando una vittoria ancora da raggiungere.
Il viale alberato sembra un tappeto color ocra, le foglie ingiallite si disperdono leggere, silenziose, lasciando i rami nudi e indifesi aggrappati al tronco, come braccia angosciate che s’intrecciano l’uno nell’altro, quasi a volersi proteggere dal freddo grigiore dell’autunno.
Ambra guida, immersa nella sua opaca, cauta insonnia, del suo riciclato vivere.

L’ufficio postale non dista molto, posteggia un isolato prima, l’inebriante aria fresca le accarezza la pelle nel nebuloso paesaggio ancora in parte addormentato, cammina a testa bassa contando le mattonelle del marciapiede, evitando di toccare la linea che le congiunge, un gioco che a volte diventa ossessione, ma la aiuta a distrarre la mente dai tristi pensieri.
Non c’è molta gente, meno male, le poche voci sono sussurrate e si mescolano ai respiri, come nell’abside di una chiesa.
Eccola, davanti allo sportello, il vetro oscurato non da modo di distinguere bene chi c’è dall’altra parte, ma sicuramente non è il solito impiegato delle altre mattine, l’avrebbe già salutata, all’improvviso l’immagine si mette a fuoco nel cerchio dell’oblò, un volto scolorito bianco perla dagli occhi vitrei la afferra al collo, come un morso di squalo affonda i denti nella carne, lasciandola senza fiato, paralizzata, incapace di muovere qualsiasi muscolo del suo corpo.

Ambra ora è nella sua nave, nel buio della stiva, nella sua paura…
Dall’oblò non entra luce, la nave è sommersa nel profondo oscuro del mare, lo squalo nuota attorno, la osserva, con sguardo ferino l’attende, affamato le sorride, con bocca vorace che spolpa e divora.
Sente le gambe cedere, si raggomitola sul pavimento stringendosi nel suo bozzolo fetale impenetrabile, non sente più nessun rumore, nessuna voce, sola nella sua infinita angoscia infeconda, affonda il pensiero come una lama nei ricordi.

“Zitta…zitta… non devo far rumore, nasconditi…nasconditi, non deve trovarmi, i sui passi sono vicini lo sento, lo sentoooo…anche lui mi può sentire, zitta ..zitta…zitta, il sangue pulsa batte forte sulla tempia, la paura è un fiume caldo ch trasuda dai pori della pelle, il respiro può far rumore..non respirare..non respirare,…. tratterrò il respiro fino a scoppiare, come un palloncino ubriaco d’aria vorrei sollevarmi leggera e volare via, esplodere in un botto tremendo e sparire nel nulla. Lui è vicino, sento l’odore, il suo dopobarba é nauseante, mi viene il vomito, la sua mano mi trova, come artiglio mi solleva, sono morta”.

L’uomo dietro l’oblò spazientito batte la penna ripetutamente sul vetro, inveendo, gesticolando, cercando in tutti i modi di richiamare l’attenzione di Ambra seduta sul pavimento, ma inutilmente, ormai si è smarrita in un altro mondo di ricordi e paure, nell’ipnosi della sua mente.
Qualcuno finalmente si avvicina, la solleva, ma il suo corpo è un tronco pesante, appena abbattuto, amputato dalle radici che lo sorreggevano saldamente alla terra, ricade come peso morto in uno stato d’incoscienza neutro, buio, indefinito.

Un ago di ghiaccio risveglia la sua linfa, penetra la corteccia fino al midollo, sente il liquido freddo che estraneo alle sue vene entra in circolo nel corpo, un anestetico, che rende immuni al dolore, scivola dolcemente fino al suo cervello.

Quando Ambra riapre gli occhi, si ritrova in una stanza asettica, un tanfo di disinfettante la risveglia quasi totalmente, dandole un senso di nausea.
E’ rimasta nel suo oblio per ore nella totale amnesia, ora con grande sforzo, cerca di capire, di ritrovarsi, ma lo stato di confusione in cui si trova non le permette, al momento, di ricordare nulla, nemmeno il suo nome.
Vorrebbe alzarsi dal letto ma sente di non appartenere più al suo corpo, ogni gesto, ogni movimento non è percepito, s’inondano gli occhi di lacrime, si distendono come un velo sulle guance, quando ne sente sulle labbra il sapore, si accorge finalmente di essere ancora viva.

Una voce metallica giunge, senza pause di respiro, fino a scuoterla dal suo torpore, «signora mi sente…mi sente…»
Ambra abbozza un si muovendo la testa, «Ha avuto un malore, è stata ricoverata, ricorda qualcosa? », ma c’è solo nebbia nella sua mente e questa fastidiosa voce che vorrebbe spegnere, tasto off, è cosi facile, quasi indolore chiudere gli occhi e cadere nel buio, nel ricordo.

“Il suo sorriso, una mascella che mi divora, sento il suo alito caldo che azzanna il mio collo, le braccia fragili di bambina che si dibattono inutilmente, che sferzano pugni nel vuoto, senza senso, contro il mortale crudele morso cannibale che sussurra nell’acre saliva detestate parole d’amore.
Finisce in fretta… finisce in fretta… chiudi gli occhi Ambra…canta..canta..
«Quattro stelle ho visto passare quattro stelline sul bordo del mare: una per me, una per te, una la chiede la figlia del re…….».”

Non ricorda…non ricorda più come finisce la filastrocca, questo pensiero all’improvviso la agita
«Si svegli, reagisca, mi sente..» la voce insiste, scuote fisicamente il sonno patologico dove Ambra si rifugia, apre gli occhi, un gesto che le costa fatica, un silenzio liquido le inonda la gola e sale con impeto nella morsa delle labbra che si dischiudono, con tutta la forza che le rimane cerca una parola che la liberi da quel mutismo, un vagito, siiiii, il dottore che le sta accanto le stringe la mano, un gesto d’approvazione « bene brava mi sente finalmente, non riuscivamo più a svegliarla, sa dove si trova ..sente qualche dolore?» nessun dolore pensa Ambra, muovendo in senso negativo il capo, ho paura mi aiuti , vorrebbe gridare, ma con nessun gesto riesce ad esprimere questo suo stato d’animo, la voce è assente, partorire quel siiii è stato un lungo travaglio che ha consumato le sue poche energie, il dottore le stringe più forte la mano sorridendole, in modo quasi paterno e consolatorio.
Rimasta sola nella stanza cerca di rientrare nel proprio corpo da cui è evaporata, percepisce la punta delle dita che sfiorano il lenzuolo, un leggero formicolio lungo la schiena le fa muovere le gambe, sembra che pian piano corpo e mente si riuniscono, dopo questo suo viaggio astrale.

“Devo uscire, da questo buio, salgo a piccoli passi la scala, lo squalo ha lasciato la stiva passando dall’oblò, vorrei che il mare lo inghiottisse per sempre, le mie scarpette blu di tennis seguono silenziose i miei passi, mentre le lacrime scendono lasciando sul mio viso tracce che mi avvolgono nel nulla.
Il cortile è pieno di sole e saltellando rincorro le grida dei ragazzi che giocano a pallone, col mio sorriso riciclato, dimenticando per un attimo il dolore”

Trascorsa un’altra settimana, Ambra sembra star meglio, tra ricordi e amnesie, ha più volte spezzato e ricomposto la sua mente, con l’aiuto dei medici che l’hanno dimessa con la prognosi “ disturbo depressivo patologico dell’umore”. Ambra sorride leggendo l’esito sul foglio di dimissione, nessuno riuscirà mai a capire ciò che ha dentro, la paura che la consuma da una vita e la rabbia che ha un effetto di minaccia come un temporale che rumoreggia…rumoreggia… e da un momento all’altro può scoppiare.
Dopo un mese la sua vita sembra aver ripreso il solito ritmo, ma nella testa di Ambra continuano a vagare senza meta le parole della filastrocca, che cantava da piccola, non ricorda più come finisce «Quattro stelle ho visto passare quattro stelline sul bordo del mare: una per me, una per te, una la chiede la figlia del re…….»
é diventata un’ossessione, qualcosa d’incompiuto che non sopporta, un difetto, un frammento che fa male, passa le giornate sola con questo pensiero assillante e i ricordi riaffiorano.

“ Se chiudo la stiva e l’oblò forse mi salvo, lo squalo perde le tracce e non mi trova, non voglio più sentire il cigolio della maniglia né il rumore cupo del ferro, che ha l’odore del sangue rappreso, tutto diventa pelle, pelle e sudore, sudore e lacrime, ecco perché mi trova quando è affamato, la paura giunge mi fa tremare sento un liquido caldo scendere tra le cosce…stupida…stupida ora ti trova..scappa..scappaaaa “

D’improvviso si risveglia, tra le lenzuola bagnate di sudore e urina, piange, un pianto ininterrotto che da tempo attendeva, si butta sotto la doccia, riversa in un urlo tutto il dolore, colpendo con pugni la parete avvolta nel vapore, colpisce, colpisce, fino a far sanguinare le nocche, finché la sua rabbia non si esaurisce e la fa sentire vuota, ora il suo corpo ha consumato le sue ultime resistenze.

Sono le sette, è già pronta per uscire, è passato più di un mese, prende l’auto percorre la solita strada con una calma che da tempo non provava, giunge come al solito all’ufficio postale, sul marciapiede cammina spedita, le mattonelle non hanno più linee, non le osserva, alto lo sguardo, nella sua testa solo un pensiero, la filastrocca come finisce, come finisceee, nell’ufficio postale solo un paio di persone, ecco ora tocca a lei, ancora come l’ultima volta si ritrova quel volto dietro l’oblò…è lui lo squalo..ora ne è sicura, per un attimo il suo sguardo incrocia l’altro, rivede gli occhi di ghiaccio che come lama le trapassano il cuore e sente una morsa al collo, ma questa volta non concede tempo alla paura di soffocarla in nessun modo, in una frazione di pochi secondi senza esitare, impugna la pistola che ha nella borsa e spara, l’oblò si frantuma e un urlo agghiacciante s’impossessa della sua voce, spara, spara ancora, svuotando il caricatore finché dell’occhio dello squalo non rimane che un grumo di sangue spiaccicato sul vetro.

“Ora finalmente non potrà più entrare, la nave riemerge lasciando sul fondo del mare le ossa dei ricordi, dall’oblò della stiva entra il sole, non c’è più il buio, non ho più paura, allaccio le mie scarpe da tennis blu, e saltellando corro verso la luce…canta Ambra….canta…

Quattro stelle ho visto passare
 quattro stelline sul bordo del mare: 
una per me, una per te,
 una la chiede la figlia del re.
La quarta la vuole il reuccio cattivo: 
grida, comanda, la vuole per sé! 
Ma la stellina resta a guardare 
poi sorridendo 
si spegne nel mare.

Susi©
2014

MOSTRA A MILANO : ARTE LOMBARDA DAI VISCONTI AGLI SFORZA

ARTE LOMBARDA DAI VISCONTI AGLI SFORZA

Milano al centro dell’Europa

12.03.15 > 28.06.15
PALAZZO REALE
Piazza Duomo, 12 – 20122 Milano

ARTE SFORZA MI

prima mostra di EXPO 2015

promossa e organizzata da Comune di Milano, Palazzo Reale e Skira Editore, Main Partner UniCredit per celebrare il ruolo centrale di Milano e della Lombardia nei secoli dal primo Trecento al primo Cinquecento, alle radici della cultura dell’Europa moderna.

La mostra, che ripensa in chiave attuale quella celebre di Roberto Longhi del 1958, prende in esame tutta la signoria dei Visconti, poi degli Sforza, fino alla frattura costituita dall’arrivo dei Francesi.

“Oggi l’arte lombarda della fine del Medioevo e del Rinascimento – affermano i due curatori Mauro Natale e Serena Romano – appare come una realtà storica di grande rilievo internazionale, che estende le proprie diramazioni ai maggiori paesi europei”.

In mostra circa duecentocinquanta opere provenienti da importanti musei italiani e stranieri di grandissimi artisti che lavorarono a lungo per le dinastie dei Visconti e degli Sforza:

Giovanni di Balduccio, il Maestro di Viboldone, Bonino da Campione, Giovanni da Milano, Giusto de’ Menabuoi, Giovannino de’ Grassi, Michelino da Besozzo, il Maestro Paroto, Francesco Zavattari, Bonifacio Bembo, Pisanello, Gentile da Fabriano, Vincenzo Foppa, Zanetto Bugatto, il Maestro di Chiartavalle, Gottardo Scotti, Giovanni Antonio Amadeo, Bernardino Butinone, Bergognone sino ai leonardeschi Boltraffio, de Predis e Zenale.

Inaugurazione 11 marzo, nella serata, solo su invito.

La mostra sarà aperta sino al 28 giugno.

YEMEN COSA STA SUCCEDENDO?

ACCORDO DELLA COALIZIONE ARABA SULL’INTERVENTO IN YEMEN.

Le truppe saudite potrebbero spingersi all’interno dello Yemen.

Il conflitto, secondo i bene informati, potrebbe avere ramificazioni in tutto il Medio Oriente.

Yemen  - pugnale

L’ Arabia Saudita e altri otto paesi arabi stanno combattendo un nemico comune, utilizzando gli aerei: i ribelli Houthi sciiti.

Gli Houthi sciiti hanno già conquistato parti fondamentali dello Yemen e spodestato il presidente.

Il pericolo è che nello Yemen potrebbe inserirsi l’influenza iraniana.

Un potere iraniano in Yemen è inaccettabile per il Golfo Persico, Arabia Saudita, esattamente come lo è per il governo israeliano.

Da tempo i militanti di al Qaeda sono presenti nella penisola arabica, lo Yemen, Stato in fallimento, è il terreno ideale per essere conquistato dall’estremismo.

Un intervento via terra sarà sicuramente sanguinoso e duro perché gli Houthi sono guerriglieri induriti dalle battaglie e potrebbero tentare di invadere l’ Arabia Saudita.

SLOVENIA: ARTE, FORESTE INCONTAMINATE, CIBO BUONO E SANO, ORSI…

SLOVENIA UN PAESE DALLA NATURA INCONTAMINATA E PIENO DI VITA

RDFG

La Slovenia sa accontentare tutti. www.kolpariver.eu

La Slovenia è sempre stata identificata come una destinazione paragonabile alla Svizzera: meravigliosi spettacoli naturali, un ambiente ordinato, sicuro, pulito e ben organizzato. Ma voi potrete scoprire molto di più: una popolazione accogliente, prezzi buoni, cibo sano e un servizio turistico all’avanguardia.

AA camera hotel CUBO Lubiana

In Slovenia gli alberghi sono moderni e tecnologicamente all’avanguardia, ma se preferite non mancano sistemazioni con il calore della tradizione.

LUBIANA. I giovani sanno che qui trovano un’intensa vita notturna invernale ed estiva: concerti e tante manifestazioni dedicate. Bar e piazze sono sempre gremiti di gente che si diverte a prezzi abbordabili.

UIOJ

Lubiana è il frutto di un serio e ragionato piano urbanistico: la sua bella architettura è pienamente godibile e particolarmente suggestiva con le luci della notte.

AA Lubiana sul fiume

Grande attenzione è stata posta anche all’eliminazione di ogni inquinamento luminoso del cielo.

Dal castello si può ammirare il cielo stellato anche se si è in pieno centro cittadino. Info:www.visitljubljana.si Tutte le manifestazioni su: www.ljubljana.si/en/newsletter/

IL FESTIVAL DI LUBIANA ha fama internazionale ed attira appassionati di musica da tutto il mondo. www.ljubljanafestival.si

La parte più nuova della città comprende moderni centri commerciali dove sbizzarrirsi in uno shopping con buoni rapporti di qualità prezzo.

AA bellezze slovene

I romantici prediligeranno il mercato quotidiano, ricco di colori, fiori, frutta e verdura, formaggi, pane, miele, olio di zucca, carni e tanto pesce freschissimo. Da visitare almeno la parte coperta che si riflette sul fiume. La sera lo spettacolo delle luci è imperdibile.

AA deco arte

Ogni due anni a Lubiana si tiene l’International Biennial of Graphic Arts www.mglc-lj.si . La città di Lubiana è anche sede di mostre, musei, un allegrissimo carnevale, importanti convegni… Il Crystal Palace è il nuovo centro congressi. www.kristalna-palaca.com

AA luci al ristorante

La gastronomia occupa un posto molto importante nella moderna Slovenia. Qui troverete ristoranti stellati o più semplicemente una cucina up-to date, ma anche tanta tradizione.

I numerosi ristoranti e trattorie  offrono prodotti locali; e non si fa per dire. Il chilometro zero qui è una realtà: formaggi, carni,  deliziosi salumi, vini, olio e verdure provengono dalle zone più vicine dove il terreno è ricco di torba e  produce ottimi frutti.

AAA Slovenia salumi

Il viaggio in Slovenia può essere anche l’occasione per  conoscere le GOSTILNE, ambienti tradizionali dove mangiare e, volendo, dormire. Durante il viaggio sarà facile anche approvvigionarsi di cibo e vino, sani e a buon mercato per un goloso rientro a casa.

BISTRA: un antico convento, oggi Museo della Tecnica www.tms.si: qui si passeggia nel parco e si ammirano i vecchi mulini funzionanti, si batte il ferro, si vedono le auto di Tito e si mangia nell’ ottima trattoria: GOSLINA BISTRA www.avtotrade.si Nelle vicinanze meritano una visita anche: VRHNIKA, ULOVKA-ZAPLANA, PODLIPSKA DOLINA, BARJE, LIGOJNA… e le cascate circostanti. www.zavod-cankar.si

AAA panorama dei monti innevati e grafismi

Lubiana: Moors Parco Naturale: un’area protetta umida dove è possibile incontrare animali e uccelli anche rari come beccacce, beccaccini, aironi… www.ljubljanskobarje.si Imperdibile quando è chiuso nella gelida morsa invernale, ma anche quando sbocciano i fiori primaverili ed estivi, o con i colori caldi dell’autunno e gli animali di passo nelle mezze stagioni. Il bird-waching qui è indimenticabile.

A Črna vas, non lontano da Lubiana, la chiesa di San Michele merita una visita. Costruita nel 1938 dal famoso architetto Jože Plečnik, la chiesa ha molte parti in legno lavorato e dipinto. Molto interessanti sono i presepi, la storia della sua costruzione e di un altare in legno che fungeva da chiesa prima dell’attuale.

Polhov Gradec: una visita al castello rinascimentale offre l’occasione per partecipare ad una scenografica ricostruzione storica dell’epoca del Conte Richard Blagaj, l’antico proprietario.

AA paesaggio sloveno senza neve

Vrzdenec, al nord est di Vrhnika, si trova vicino alla zona pre-alpina della Slovenia Centrale. Qui potrete visitare una antica casa contadina, con una rara collezione di fisarmoniche antiche.

La Slovenia comprende anche una serie di interessanti centri termali moderni e ben attrezzati, località marine e luoghi incontaminati dove vivere a contatto con la natura.

In inverno le località sciistiche offrono anche snow-parks e maestri competenti. Le località più note sono: KRVAVEC e KRANJSKA GORA, quest’ultima con gli impianti funzionanti anche in estate per gli appassionati delle discese spericolate in bici.

MARTINŠEK MARTJAŽ maestro di sci, organizza anche varie attività sportivo-turistiche, martinsek1@gmail.comlocalità: Planina.

ALPE-ADRIA: il comprensorio turistico che integra 10 regioni confinanti e comprende Austria, Italia, Ungheria, Slovenia e Croazia. Uno spunto per un tour turistico molto interessante: www.alpeadria-tip.si www.salonplovil.s

Nel sud-est segnaliamo le zone naturalistiche intorno a ČKOEVJE. Qui si trovano alloggi anche a partire da 15 euro a notte, circondati da

 fiumi e laghi con trote, gamberi, carpe…e una foresta incontaminata dove bivaccare e di giorno praticare gli sport preferiti: canoa, bike, trekking, bird-watching, nuoto, pesca… ed anche acquistare miele, vino, formaggi e salumi dai produttori.

ČKOEVJE: al centro della città, presso l’ufficio informazioni troverete tutte le indicazioni di cui necessitate.

 

AA Lubiana ristorante sulla piazza del castello

LUBIANA DOVE DORMIRE:

Chic e bar gourmet al CUBO HOTEL www.hotelcubo.com

Göbekli Tepe o Göbeklitepe : uno dei siti archeologici più sconosciuti e importanti.

Göbekli Tepe: uno dei siti archeologici  più sconosciuti e importanti del mondo.

Gobekli Tepe ( detto anche Göbeklitepe ). La culla degli Dei.

Il sito è più piccolo di una piramide egiziana, ma richiese, 7.000 anni prima delle piramidi, una organizzazione simile.

Non fu l’agricoltura a fare la rivoluzione culturale, ma la religione che convinse gli uomini di essere  superiori agli animali.

VEDI FOTO PIU’ SOTTO

Göbekli Tepe (300 metri x 300, ma molto è da scavare ancora), in turco significa collina tondeggiante; da sempre considerato luogo sacro.
Secondo gli studiosi questo è il primo tempio in cui si sia mai celebrato un culto organizzato.
Il ritrovamento è situato nel sud della Turchia (18 km a nordest dall’attuale città di Şanlıurfa, vicino al confine siriano).
I pilastri sono incisi, con una tecnica buona, realistica; gli animali sono realizzati con tecnica pregevole; in altorilievo.

I pilastri monoliti, rapresentano uomini stilizzati, raffigurati di profilo tutti senza la testa, ma con altri dettagli ben precisati.

Pare si tratti di antenati o divinità, forse le più antiche divinità della storia dell’uomo e quindi saremmo di fronte al tempio più antico del mondo databile 11.500.

Molto più sofisticato di Stonehenge, ma più antico di 7.000 anni.

Pare che qui, oltre 11.000 anni fa, l’essere umano adorasse misteriose divinità.

Diversi millenni prima delle piramidi, prima dell’antica cultura mesopotamica e della cultura Maya: ecco l’epoca delle vestigia di  Göbekli Tepe.

Fu costruito da uomini dell’età della pietra, alla fine della prima era glaciale.

Siamo ancora nella preistoria: gli archeologi di tutto il mondo, dopo la scoperta, dicono: “la storia umana è completamente da riscrivere”.

Sono alti fino a cinque metri e mezzo, i pilastri del tempio di Göbekli Tepe e, forse, potrebbero rappresentare danzatori sacri.

L’ erezione dei tempi di Göbekli Tepe, avrebbe richiesto l’opera di centinaia di uomini nell’arco di tre o cinque secoli.

Le più antiche testimonianze architettoniche, prima di questa scoperta, erano le ziggurat babilonesi; datate ben 5000 anni più tardi.

Come ha fatto l’uomo primitivo a procurasi, tagliare ed erigere tali pilastri?

La fine di questo sito è altrettanto misteriosa; pare che nell’8000 a.C. il sito fu deliberatamente abbandonato; essendo seppellito con terra portata dall’uomo.

Questo tempio è stato costruito prima che l’uomo inventasse gli utensili, la ruota ecc.. sopravviveva solo cacciando; poi all’improvviso…12.000 anni fa l’uomo accelera le sue conoscenze, perché?

-La risposta è stata, sino ad oggi, nell’agricoltura, non dovendo più l’uomo spostarsi per mangiare, avendo più tempo per organizzare la società e differenziare le specializzazioni umane..ecc. Ora questa verità è posta in dubbio dalla scoperta di Göbekli Tepe.

Il sito è più piccolo di una piramide egiziana, ma richiese, 7.000 anni prima delle piramidi, una organizzazione simile.

Negli scavi si sono trovati diversi animali, solo selvatici: gazzelle, le più numerose, cinghiale, cervo, montone.
Le ossa ritrovate sono solo di animali selvatici senza ossa rotte, quindi abbiamo ancora a che fare con cacciatori raccoglitori e con un’organizzazione di tipo pre-agricola.

Nei resti archeologici di “cittadine” ( anche più di 200 km di distanza) abitate nel circondario,  contemporanee al tempio, si sono trovati luoghi dove gli uomini raccoglievano i vegetali, non coltivati, per avere scorte di cibo; come nella comunità agricola.

E’ stata rinvenuta, nei pressi dei centri abitati, una statua dell’epoca del tempio e statue simili si sono trovate anche a Göbekli Tepe: queste statue hanno un viso, mentre gli uomini rappresentati nel tempio erano senza capo, quindi i contemporanei, forse gli stessi che costruirono Göbekli Tepe, sapevano scolpire abbastanza bene teste umane, se ne può dedurre che non le abbiano messe, sui grandiosi corpi del tempio, di proposito, per significare qualcosa.

La creazione dei pilastri di Göbekli Tepe richiedeva conoscenze di geologia, organizzazione e capacità di scavare monoliti di 7 metri.
Con le leve sollevavano la roccia incisa con dei punteruoli; sono state trovate rocce spaccate nel tentativo di staccarle.
Il monolite (anche 10 tonnellate) veniva mosso con 50 uomini, si è calcolato, spingendolo sul terreno come se remassero sulla terra (secondo gli archeologi).

I templi, avevano portali come ingressi, pesanti tonnellate, pare che i portali siano stati considerati come un ingresso per un mondo ultraterreno, quindi il tempio aveva a che fare con la morte.

Le mura di cinta avevano un diametro di 10-30 metri: le costruzioni sono numerose, molte ancora da scoprire.

Sono anche stati trovati indizi di lavori riferibili alla fine dell’epoca glaciale 15.000 anni fa.
Quindi, molto prima dell’agricoltura che è considerato il momento chiave del progresso umano.

I bassorilievi dei pilastri sono, secondo il dott. Rose esperto del settore, fondamentali per la comprensione di questa civiltà.
Quando le comunità sono numerose, si devono stabilire dei codici morali; se vuoi far parte della comunità devi rispettare i codici.

Questa è la motivazione che ha fatto nascere questo tempio. Gli uomini si sentono, grazie ai tempi ed alla religione e la fede, riuniti in un unico gruppo dove ci si stima e si ha fiducia reciproca.

La differenza in questo tempio, ciò che fa di questo tempio un pilastro nell’avanzamento della civiltà umana, è la prospettiva; superiore ai dipinti delle caverne.

Qui ed ora (a Göbekli Tepe), l’uomo si sente superiore all’animale; l’uomo è rappresentato in grande, come figura superiore.

Secondo il prof. Rose, la religione ha portato l’uomo verso l’agricoltura; questa teoria, ribaltando le precedenti, pone l’uomo al di sopra degli animali e della natura…un peccato di superbia necessario per il progresso?

Quindi non fu l’agricoltura a fare la rivoluzione culturale, ma la religione che afferma che gli uomini sono superiori agli animali.
La spinta verso il divino avrebbe dato origine alle nostre società.
Ma perché il tempio fu seppellito dallo stesso uomo, con terra riportata?

PECCATO CHE OGGI L’UOMO SIA ARRIVATO A SENTIRSI TANTO SUPERIORE ALLA NATURA DA RISCHIARE DI ESSERNE TRAVOLTO.

Ne parla il

National Geographic.

Potete vedere il filmato, e quanto qui tradotto, a questo link:

http://traveltheunknown.com/tripfinder/tour-group/gobekli-tepe?gclid=CKXzy6iIxLsCFYZZ3godl1QA7g

http://traveltheunknown.com (in inglese)

 Göbekli Tepe ARCHEOLOGIA IMG_0338

Prima della civiltà della Mesopotamia:  Göbekli Tepe; in Turchia, non lontano dal Monte Ararat.

Göbekli Tepe ARCHEOLOGIA IMG_0315

Göbekli Tepe ARCHEOLOGIA IMG_0323

Ricostruzione al computer del sito archeologico di Göbekli Tepe.

Göbekli Tepe ARCHEOLOGIA IMG_0322

ARCHEOLOGIA IMG_0339

Göbekli Tepe ARCHEOLOGIA IMG_0328

Göbekli Tepe ARCHEOLOGIA IMG_0318

Göbekli Tepe ARCHEOLOGIA IMG_0320

Göbekli Tepe ARCHEOLOGIA IMG_0321

Göbekli Tepe ARCHEOLOGIA IMG_0305

 Göbekli Tepe.

TRAVEL THE UNKNOWN

raccomandato anche dalla Lonely Planet (prima della guerra in Siria).

Göbekli Tepe: sconosciuto scavo archeologico turco che sconvolge le conoscenze della storia dell’uomo.

Tratto da: http://traveltheunknown.com (in inglese)

Quando l’archeologo Klaus Schmidt dell’Istituto Archeologico Germanico di Istanbul fu chiamato ad indagare alcune strane pietre trovate da un pastore errante in Turchia orientale nel 1994, subito capì di avere a che fare con qualcosa di immensa importanza .

-Avrebbe trascorso il resto della sua vita tra le pietre incredibili di Göbekli Tepe .

Il dottor Schmidt sta ancora scavando Göbekli Tepe, lui ha deciso di prendere le cose molto lentamente per paura di danneggiare il sito a causa della fretta di trovare l’antica verità  di questo luogo speciale; come molti archeologi hanno fatto in altri siti importanti .

Quello che Göbekli Tepe significhi è ancora oggetto di acceso dibattito nei circoli archeologici, ma che sia uno dei siti più importanti del mondo è universalmente accettato .

– David McGuinness ( co – fondatore , Viaggi the Unknown )

NATIONAL GEOGRAPHIC:

Leggi l’articolo di Charles Mann’s su Göbekli Tepe nella rivista National Geographic ( giugno 2011) .

Guarda un video su Göbekli Tepe da History Channel ( 8 min 20 ).

P.S. Tutte le foto provengono dal sito http://traveltheunknown.com

ARTE A MILANO : La Grande Madre, Fondazione Trussardi e Comune Milano

Comune di Milano | Cultura e Fondazione Nicola Trussardi

dal 26 agosto

presentano

La Grande Madre
a cura di Massimiliano Gioni

Una mostra promossa da Comune di Milano | Cultura
Ideata e prodotta dalla Fondazione Nicola Trussardi
insieme a Palazzo Reale
per Expo in città 2015

Palazzo Reale, Milano
26 agosto – 15 novembre 2015 | opening 25 agosto 2015

Presentata oggi alla stampa e al pubblico La Grande Madre, a cura di Massimiliano Gioni, alla presenza di Domenico Piraina, Direttore di Palazzo Reale, Filippo Del Corno, Assessore alla Cultura del Comune di Milano, Beatrice Trussardi, Presidente della Fondazione Nicola Trussardi, Massimiliano Gioni, Direttore Artistico della Fondazione Nicola Trussardi, e Anna Boccaccio, Responsabile Relazioni Istituzionali BNL Gruppo BNP Paribas.

La Grande Madre è una mostra promossa da Comune di Milano | Cultura, ideata e prodotta dalla Fondazione Nicola Trussardi insieme a Palazzo Reale per Expo in città 2015 e realizzata con il sostegno di BNL Gruppo BNP Paribas, main sponsor dell’esposizione.

La mostra, che aprirà al pubblico dal 26 agosto al 15 novembre 2015, è il frutto di una collaborazione tra istituzioni pubbliche e private nella condivisione di un progetto che porta la grande arte contemporanea, anche nelle sue dimensioni più attuali e innovatrici, nello spazio espositivo più prestigioso della città, rappresentando l’evento di punta del calendario di Expo in città nel secondo trimestre di Expo 2015.

“Il palinsesto di Expo in città propone una mostra prestigiosa, ospitata in una delle sedi espositive più visitate d’Italia, Palazzo Reale, che chiude il cerchio di una proposta completa sull’arte, le sue stagioni e i suoi linguaggi. – ha dichiarato l’Assessore alla Cultura Filippo Del Corno – Una proposta che non solo offrirà al pubblico la possibilità di compiere un viaggio straordinario nella storia dell’arte e della cultura italiana e internazionale, ma sarà anche un’occasione speciale di approfondimento sulla figura della madre, che più di tutte incarna l’idea della nutrizione, tema centrale di Expo 2015. Un risultato reso possibile grazie alla Fondazione Nicola Trussardi nel quadro di un ampio dialogo tra pubblico e privato, stretti in un’alleanza per la diffusione dell’arte e
della cultura”.

“La Grande Madre offre uno sguardo sulla maternità e sulla condizione femminile filtrato attraverso un secolo di opere d’arte, che ripropongono questioni oggi non solo presenti ma spesso ancora irrisolte – ha sottolineato Beatrice Trussardi, Presidente della Fondazione Nicola Trussardi – Questo ci permette di affrontare le problematiche legate al tema generale di Expo secondo una prospettiva di genere che ribadisce la centralità delle donne nella società, ruolo molto spesso non adeguatamente riconosciuto. Nonostante gli enormi passi avanti fatti negli ultimi decenni e le azioni sociali e politiche di difesa della donna che hanno contributo a diffondere conoscenze e diritti anche nei paesi più poveri, molti sono i pericoli che oggi minacciano di rallentare o ostacolare il percorso di emancipazione femminile. Per questo motivo La Grande Madre può e deve essere un’occasione importante per riflettere sui valori di cui la presenza della donna è portatrice in ogni settore sociale, contribuendo a rendere Expo una piattaforma di idee e progetti concreti per lo sviluppo del pianeta.”

“Attraverso le opere di centoventisette artiste e artisti internazionali e con un allestimento che si estenderà su una superficie di circa 2.000 metri quadrati al piano nobile di Palazzo Reale, La Grande Madre analizzerà l’iconografia e la rappresentazione della maternità nell’arte del Novecento, dalle avanguardie fino ai nostri giorni – ha affermato Massimiliano Gioni, direttore artistico della Fondazione Nicola Trussardi e curatore della mostra – Dalle veneri paleolitiche alle “cattive ragazze“ del post-femminismo, passando per la tradizione millenaria della pittura religiosa con le sue innumerevoli scene di maternità, la storia dell’arte e della cultura hanno spesso posto al proprio centro la figura della madre, a volte assunta a simbolo della creatività e metafora della definizione stessa di arte. La madre e la sua versione più familiare di “mamma” sono anche stereotipi intimamente legati all’immagine dell’Italia. La Grande Madre sarà una mostra sul potere della donna: non solo sul potere generativo e creativo della madre, ma soprattutto sul potere negato alle donne e sul potere conquistato dalle donne nel corso del Novecento. Partendo dalla rappresentazione della maternità, l’esposizione si amplia per passare in rassegna un secolo di scontri e lotte tra emancipazione e tradizione, raccontando le trasformazioni della sessualità, dei generi e della percezione del corpo e dei suoi desideri.”

La mostra La Grande Madre sarà accompagnata da un catalogo a cura di Massimiliano Gioni, pubblicato in due lingue, italiano e inglese. Il volume raccoglierà più di trecento immagini a colori che illustreranno testi monografici e approfondimenti su tutti gli artisti presenti in mostra e una raccolta di saggi e testi critici inediti, commissionati per l’occasione a Marco Belpoliti, Barbara Casavecchia, Whitney Chadwick, Massimiliano Gioni, Ruth Hemus, Raffaella Perna, Lucia Re, Pietro Rigolo, Adrien Sina, Guido Tintori, Calvin Tomkins, Lea Vergine.

Il progetto grafico della mostra e dei prodotti editoriali è firmato dallo studio Goto Design di New York.

La Grande Madre è realizzata grazie al sostegno di BNL Gruppo BNP Paribas, main sponsor dell’esposizione.
Si ringrazia SKY ARTE HD, che in qualità di media partner realizzerà una produzione originale per raccontare la mostra.

ENGLISH

Comune di Milano | Cultura and the Fondazione Nicola Trussardi
present

The Great Mother
curated by Massimiliano Gioni

An exhibition promoted by the Cultural Office of the City of Milan
Conceived and produced by the Fondazione Nicola Trussardi
in partnership with Palazzo Reale
for Expo in Città 2015

Palazzo Reale, Milan
August 26 – November 15, 2015 | Opening August 25, 2015

Presented today to press and public The Great Mother, curated by Massimiliano Gioni, in the presence of Domenico Piraina, Director, Palazzo Reale, Filippo Del Corno, Councilor for Culture, City of Milan, Beatrice Trussardi, President, Fondazione Nicola Trussardi, Massimiliano Gioni, Artistic Director, Fondazione Nicola Trussardi, Anna Boccaccio, Head of Institutional Relations BNL Group BNP Paribas.

The Great Mother is promoted by the Cultural Office of the City of Milan, conceived and produced by the Fondazione Nicola Trussardi in partnership with Palazzo Reale for Expo in Città 2015, and supported by BNL – BNP Paribas Group as main sponsor.

The exhibition, which will be open to the public from August 26 to November 15, 2015, is a collaboration between the public and private sectors to bring contemporary art into Palazzo Reale, the city’s most prestigious exhibition venue, as the pivotal event on the Expo in Città calendar for the second half of Expo 2015 in Milan.

“The programming for Expo in Città will feature a prestigious exhibition – housed in one of Italy’s most popular exhibition venues, Palazzo Reale– which offers a sweeping panorama of the history and languages of art,” says Filippo Del Corno, the city’s Councilor for Culture. “Not only will this project offer the public the chance to take an extraordinary journey through Italian and international art history and culture, it will be a special opportunity to explore the figure of the mother, the quintessential symbol of nourishment, which is the key theme of Expo 2015. This achievement is made possible by the Fondazione Nicola Trussardi as part of a broader dialogue between the public and private sector, which are joining forces to help spread art and culture.”

“The Great Mother examines motherhood and the condition of women through a century of artworks that raise issues which are not only still topical but often still unresolved,” explained Fondazione Nicola Trussardi President Beatrice Trussardi. “This allows us to deal with questions related to the overall theme of the Expo from a perspective that underscores the central role of women in society, a role that all too often goes unrecognized. Despite the enormous strides that have been made over the last few decades and the social and political work that has helped defend and spread awareness of women’s rights even in poorer countries, there are many dangers that threaten to check or block this path of liberation. That’s why The Great Mother can and should be an important opportunity to reflect on the values that women bring into every sector of society, helping to make the Expo a showcase of concrete strategies and visions for the future of our planet”

“With work by 127 international artists and an exhibition layout that will cover some 2000 square meters (20,000 square feet) on the piano nobile of Palazzo Reale, The Great Mother will analyze the iconography of motherhood in the art and visual culture of the twentieth- and twenty-first centuries, from early avant-garde movements to the present,” declared Massimiliano Gioni, Fondazione Nicola Trussardi Artistic Director and curator of the exhibition. “From the Venuses of the Stone Age to the bad girls of the postfeminist era, and through centuries of religious works depicting innumerable maternity scenes, the histories of art and culture has often centered on the figure of the mother, often adopted as a symbol of creativity and metaphor for art itself. In the more familiar version of “Mamma”, it is also a stereotype closely tied to the image of Italy. The Great Mother will be an exhibition about women’s power: not just the life-giving creative power of mothers, but above all, the power denied to women and the power won by women over the course of the twentieth century. In undertaking an analysis of the representation of motherhood, the exhibition The Great Mother will trace a history of women’s empowerment, chronicling gender struggles, sexual politics, and clashes between tradition and emancipation.”

The exhibition The Great Mother will be accompanied by a catalogue edited by Massimiliano Gioni, to be published in two languages, Italian and English. The volume will bring together three hundred color images, illustrating monographic texts and in-depth information on all the artists in the exhibition and a collection of new essays and criticism, written specifically for the occasion by Marco Belpoliti, Barbara Casavecchia, Whitney Chadwick, Massimiliano Gioni, Ruth Hemus, Raffaella Perna, Lucia Re, Pietro Rigolo, Adrien Sina, Guido Tintori, Calvin Tomkins, and Lea Vergine.

The graphic design for the exhibition and publishing products is by GOTO Design, New York.

ARTE DA NON PERDERE : SHAPE \* MERGEFORMAT p e s c e d’ a p r i l e a Dongo

Copertina: lavoro di S. Müllauer

WEEKEND D’ARTE SUL LAGO DI COMO

L’associazione culturale Lake Art
presenta

SHAPE \* MERGEFORMAT

p e s c e d’ a p r i l e

collettiva di pittura scultura ceramica

PARTECIPANTI: bianchi caremi castelnuovo e castelnuovo w. colombo crippa duerrschnabel falzone faverio galimberti galanti garganigo girgi lamonaca larobatorio mascheroni a. mascheroni s. müllauer napolitano nastasi parenti paulon peiti pizzarelli rampoldi senz’H smeraldi tiffon turri vettor

DOVE: Dongo atelier “casa perla”

DATE: inaugurazione domenica 19 aprile 2015 ore 11.00

la mostra rimarrà aperta fino a domenica 26 aprile 2015
dalle 10,00 alle 12,00 e dalle 16,00 alle 19,00.

Un esempio concreto del lavoro di S. Müllauer, una delle artiste partecipanti.

0 arte Trude 8sd

0 arte trude 5 gh

0 arte Trude kmj

0 arte Trude 1 d

0 arte Trude 6 gh

 

0 arte Trude 10 jn

0 arte Trude 4 vb

 

 

 

0 arte Trude

 

0 arte Trude 8 hj

 

 

0 arte Trude 9 gb

 

0 arte Trude 5sd

 

 

DonnE…Cultura