MOSTRA imperdibile!: EROS, miniartextil a Como Villa Olmo.

COVER mini textil ARTE

 

Sabato 12 ottobre… vi aspettiamo a Villa Olmo

 

Il giorno dell’inaugurazione di EROS miniartextil si sta avvicinando! Sabato 12 ottobre alle ore 17.00 oltre 60 artisti da tutto il mondo presentano le loro opere nelle magnifiche sale di Villa Olmo. Sta per iniziare la XXIII edizione di miniartextil che vede la curatela del prof. Luciano Caramel e l’organizzazione dell’associazione culturale Arte&Arte. Durante il periodo di apertura della mostra è possibile prenotare visite guidate singole o per gruppi. Tutte le informazioni sono disponibili sul sito www.miniartextil.it e sulle pagine Facebook e Twitter di Arte&Arte

 

EROS Miniartextil, non solo arteLa mostra EROS miniartextil aperta dal 12 ottobre al 1° dicembre propone un ricco calendario di eventi collaterali, che hanno inizio lunedì 14 ottobre con la prima delle tre proiezioni della rassegna cinematografica organizzata in collaborazione con LunedìCinema FilmStudio al Cinema Gloria. Anche la poesia è protagonista quest’anno di miniartextil con tre serate presentate dall’associazione La casa della poesia di Comoe non manca l’appuntamento con la conferenza di architettura promossa dall’Ordine degli Architetti di Como. Due eventi particolari si svolgono il 21 e 25 novembre in occasione della Giornata nazionale dell’albero e nella Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne. Per i bambini e ragazzi sono proposti due laboratori didattici. Info www.miniartextil.it – tel. 031 305621.

 

 

Il catalogo della mostra: nuovo e trilingueArte&Arte ringrazia tutti coloro che hanno partecipato alla nostra Buonacausa dedicata alla stampa del catalogo della mostra EROS miniartextil, ricordando che chi ha donato 50 euro ha diritto a una copia del catalogo (contattare Arte&Arte press@miniartextil.it +39 031305621). La nuova pubblicazione raccoglie tutte le immagini delle opere in mostra, minitessili e installazioni, accompagnate dalle informazioni sugli artisti. Tradotto in inglese e francese, il catalogo contiene il testo critico del curatore Luciano Caramel. In vendita in mostra si possono trovare anche i cataloghi delle edizioni precedenti di miniartextil

 

Le news tra TV e webArte&Arte è stata nuovamente ospite della trasmissione dell’accesso a cura del Comitato Regionale per le Comunicazioni della Regione Lombardia (CORECOM) registrata negli studi milanesi della RAI. La puntata andrà in onda martedì 8 ottobre alle ore 10.00/10.30 su RAI3. Una novità per i prossimi giorni: Miniartextil presenterà tra qualche giorno un sito completamente nuovo in cui seguire tutte le iniziative dell’associazione, conoscere e scoprire artisti, opere, performance, testi e video che raccontano oltre vent’anni di attività culturale internazionale. Segui miniartextil sul web, sui social network e anche in TV!!

 

Agenda 2014Diventa artista del mese…

…Immagina di avere un pagina dedicata sulla nuova AGENDA di Arte&Arte!

Sì è possibile! perchè abbiamo intenzione di realizzare un’agenda artistica e originale, che possa accompagnarvi, giorno dopo giorno per il prossimo anno.

E’ un nuovo progetto che desideriamo portare avanti, e un’occasione unica per farti conoscere maggiormente.

L’agenda sarà venduta in mostra e online sul nostro nuovo sito. Inoltre sarà distribuita come cadeau a critici, giornalisti, curatori e collezionisti.

Pensaci potrebbe essere l’occasione che aspettavi per promuovere la tua arte.

Per informazioni scrivi a Paola (paola.re@miniartextil.it), sarà lieta di rispondere a tutte le tue domande.

 

Arte&Arte
Via Pannilani 23
I-22100 Como
tel-fax +39.031.305621
www.miniartextil.it
artearte@miniartextil.it

Londra: Valeria Napoleone una mecenate moderna.

COVER NEFERTITI germania 2005 250

UNA DONNA PER LE DONNE, ARTISTE.

arte valeria-napoleone-2-600x336

 

Valeria Napoleone. Foto fornita dall’Ufficio Stampa.

Valeria Napoleone abita al Kensington Palace Gardens,  suoi vicini di casa sono William e Kate, il Sultano del Brunei e la famiglia reale del Qatar.

Nonostante possa permettersi il lusso di annoiarsi tra viaggi, shopping, palestre e spa, Valeria Napoleone è una donna molto impegnata, una moderna mecenate; infatti si occupa di nuove promesse dell’arte, donne in particolare.

Ma non disdegna la buona cucina e da brava italiana, a Londra è famosa per le sue cene con artisti, curatori e collezionisti d’arte.

– Valeria Napoleone’s Catalogue of Exquisite Recipes (edizioni Koenig, 2012, € 38) è il suo nuovo libro nato dalla fusione delle sue grandi passioni, l’arte e la cucina. Nel libro le ricette di casa Napoleone e le sue personali e italianissime, con decine di spassose  illustrazioni create appositamente per il libro dalle artiste della sua collezione: Tomma Abts, Monica Bonvicini, Spartacus Chetwynd, Linder e Goshka Macuga ecc…

Una parte delle entrate del libro saranno donate alla Down Syndrome Education International per aiutare i genitori di bambini affetti dalla sindrome di Down.

La sua passione per il collezionismo d’arte nasce negli anni ’90 dopo  una laurea in giornalismo alla New York University e un Master al Fashion Insitute of Technology in Art Gallery Administration a N.Y.

 Il suo primo acquisto fu un’opera fotografica di Carol Shadford; una fotografia in bianco e nero dove ogni bolla, se vista da vicino, rivela una immagine di donna. Un autentico colpo di fulmine che, nel tempo,  si è rivelato un’ottima scelta. Un inizio ben promettente, visti i risultati.

Una donna alla quale auguriamo sempre più successo per le sue iniziative.

BED & BREAKFAST – VIAGGI – Airbnb.it per dormire a prezzi competitivi.

COVER  MONTEROSA LUNA IMG_7064

 

Oltre 4 milioni di iscritti per alloggi in 35.000 città.

www.Airbnb.it

Un nuovo modo di viaggiare, anche per vere subito un contatto diretto con gli abitanti del posto.

Ma c’è da fidarsi? Sicuramente è meglio leggere le  referenze lasciate da chi è già stato cliente.

Il fenomeno è tanto vasto che sta allarmando gli albergatori.

Basta iscriversi, pubblicare la foto della propria casa, il prezzo per notte  e attendere che qualcuno ci contatti.

 

 

MOSTRA. IL VOLTO DEL ‘900 DA MATISSE A BACON. CAPOLAVORI DAL CENTRE POMPIDOU.

DAI GRANDI COME MAGRITTE AD AUTORI MAI ESPOSTI  IN ITALIA, MA DI

GRANDE QUALITA’ PITTORICA.

UNA MOSTRA IMPERDIBILE !

Palazzo Reale, Milano; 25.09.2013 – 19.01.2014

Vedi anche a questo link: http://www.donnecultura.eu/?p=3425

Tra pochi giorni un altro articolo di maggiore approfondimento su questa mostra.

-80 opere per raccontare il mutamento di stili e caratteri nella  ritrattistica e raffigurazione umana, che hanno caratterizzato  la storia dell’arte del XX secolo e la storia dell’arte in generale. 

Il Volto2 _mostre

MATISSE; LO STUPRO.

image mostra '900

-Matisse, Bonnard, Modigliani, Magritte – il cui celeberrimo Lo stupro con il volto-nudo femminile è l’immagine della rassegna –

-Music, Suzanne Valadon, Maurice de Vlaminck, Severini, Bacon, Delaunay, Brancusi, Julio Gonzalez, Derain, Max Ernst, Mirò, Léger, Adami, De Chirico, Picasso, Giacometti, Dubuffet, Fautrier, Baselitz, Marquet, Tamara de Lempicka, Kupka, Dufy, Masson, Max Beckmann, Juan Gris, autori di opere magistrali, spesso mai esposte in Italia, di eccezionale qualità pittorica e artistica, che entrano a pieno titolo nella rappresentazione dell’evoluzione del genere ritratto avvenuta nel corso del Novecento.

Attraverso una serie strepitosa di icone della pittura e scultura del XX secolo, viene raccontato un periodo fondamentale per l’evoluzione del concetto stesso di ritratto e autoritratto, messo in discussione e trasformato dai più celebri maestri dell’epoca, in seguito ai grandi cambiamenti della società e alle tragedie della storia umana.

La mostra è promossa e prodotta dal Comune di Milano – Cultura, Palazzo Reale, MondoMostre e Skira editore in collaborazione con il Musée National d’Art Moderne – Centre Pompidou di Parigi.

INFORMAZIONI

Da Matisse a Bacon iIl volto del ‘900, capolavori dal Centre Pompidou;  di Jean-Michel Bouhours.

Palazo Reale 25 settembre 2013-9 febbraio 2014

-Lunedì 14,30-19,30 mart/mercol/ven/domenica 9,30-19,30 giovedì e sabato  9,30-22,30

www.ilvoltodel900.it         www.comune.milano.it/palazzoreale

Info line: 02. 92 800 375 da lunedì a sabato ore 8-18,30.

Novità: prenotare l’entrata alle varie mostre in Italia via web www.musement.com 

ALTRE MOSTRE A PALAZZO REALE:

RODIN2_mostre

RODEN; IL BACIO.

17.10.2013 – 26.01.2014 ;  RODIN. IL MARMO, LA VITA. 

NELLA BELLISSIMA SALA DELLE CARIATIDI A PALAZO REALE, MILANO.

-dal 17 ottobre dal Musèe Rodin di Parigi: Auguste Rodin: 60 opere dello scultore tra le quali primeggerà “IL BACIO” in un allestimento che si assicura spettacolare.

IL BACIO“  fu commissionato dal governo francese all’artista Rodin nel 1888 per l’Esposizione Universale del 1889, ma fu esposta per la prima volta al Salon del Louvre nel 1898.

-Più di 60 opere del grande scultore Auguste Rodin, il quale come Michelangelo rappresenta una grande rivoluzione nella tradizione plastica.

-I contemporanei di Roden lo descrissero come un “dominatore” in grado di far tremare la materia.

-Le sue sculture sono vita e forma dell’anima moderna.

Pollock2_mostre

POLLOK.

24.09.2013 – 16.02.2014; POLLOCK E GLI IRASCIBILI. La scuola di New York.

-Più di 60 capolavori  dal Whitney Museum di New York, che ha rilasciato un permesso eccezionale per esportare l’opera Number 27 di Pollock  a Palazzo Reale.

-Non solo Jackson Pollock ma  anche: Rotko, de Kooning, Kline ed altre superstar dell’arte americana per questa mostra che sarà certamente un evento, tra altri non meno importanti, di questa magnifica stagione a Palazzo Reale.

Kandinsky_mostre

KANDINSKY.

17.12.2013 – 4.05.2014; VASSILY KANDINSKY. La collezione dal Centre Pompidou di Parigi.

Una vera occasione per vedere, o rivedere, uno degli artisti protagonisti della storia dell’arte.

-100 opere di Kandinsky, dalle prime esperienze in Russia, alla  stilizzazione delle forme; dall’esperienza del Bauhaus di Weimar sino agli anni ’30. Kandinsky  si occupò di: pittura, musica, arti popolari, disegni di bambini, creando un mondo pittorico dove il colore aveva anche una dimensione spirituale, punto-linea-superficie erano ricerca profonda nella grafica e il teatro un modo per unire tante arti differenti.

arte WARHOL w670_20130705145452

ANDY WARHOL

24.10.2013 –  02.03.2014; WARHOL. Dalla collezione di Peter Brant.

ANDY WARHOL, padre della Pop Art americana,  ancora a Milano per una grande mostra monografica proveniente dalla collezione Peter Brant, appassionato collezionista che acquistò opere di artisti contemporanei americani; sin da giovanissimo.

Six Senses: cinque stelle e spa, extra lusso, per difendere la barriera corallina,

COVER DA SIX SENSES MARE 975x250_jetty_2

Six Senses Ninh Van Bay promuove una partnership con l’Università di Utrech  nei

Paesi Bassi per salvaguardare la barriera corallina.

Progetti di sostenibilità ambientale e responsabilità sociale per il lusso intelligente.

Six Senses è una catena di hotel, resort e SPA a cinque stelle che promuovono la

filosofia del lusso sostenibile.

975x250_jetty_2

I resort e le SPA del gruppo, sono luoghi unici, costruiti e gestiti nel rispetto dell’ambiente e del territorio per donare ai propri ospiti un senso di benessere psico-fisico a 360°.

Ristorazione, attività e trattamenti sono ideati per offrire esperienze uniche ed esclusive per soddisfare le necessità dei visitatori più esigenti.

Il gruppo presenta resort Six Senses in Vietnam, Thailandia, Oman e Cina, resort Evason in Vietnam, Thailandia e Giordania e le SPA Six Senses in tutta Europae nelle migliori strutture alberghiere del mondo. (http://www.sixsenses.com/).

Six Senses Ninh Van Bay promuove una partnership con l’Università di Utrech  nei Paesi Bassi per salvaguardare la barriera corallina

In futuro gli ospiti potranno adottare il proprio corallo e contribuire al progetto .

 

grazia firma sub m

maldive firma tramonto palme ok copy

VIETNAM, Baia di Ninh Van Bay.

 Ogni realtà del gruppo Six Senses, resort e SPA che promuovono il concetto di lusso eco-sostenibile,  è collocata in un ambiente unico, in armonia con la natura.

-Uno dei punti forti di Ninh Van Bay è la sua barriera corallina all’interno della baia sabbiosa, una biodiversità da rispettare e proteggere come obbligo e privilegio. Six Senses Ninh Van Bay accetta la responsabilità di migliorare i propri metodi di sostenibilità e di diminuire l’impatto ambientale che viene attribuito al turismo attraverso la partnership con due giovani – ma molto esperti – biologi marini provenienti dai Paesi Bassi – il Dott. Thomas Swierts e la Dottoressa Selma Ubels.

Entrambi sono laureati in Biologia Marina (Università di Utrecht nei Paesi Bassi) e stanno attualmente lavorando sulle loro tesi di dottorato:  Selma si concentra sulla biologia ambientale e Thomas sulla sostenibilità, le bio-diversità e la protezione delle barriere coralline. Entrambi hanno partecipato a vari progetti di ricerca e di lavoro sul campo in tutto il mondo dall’Indonesia al Sud America. Le loro figure combinano perfettamente le più recenti conoscenze scientifiche e tecnologiche e una comprovata capacità acquisita nel loro anni di esperienza nel settore.

Il mondo sta cambiando rapidamente ed è fondamentale fare tutto quanto in nostro potere per proteggere e preservare un ecosistema altamente sensibile per il futuro e per lo stesso turismo, come quello rappresentato dalla barriera corallina.

A proposito di Six Senses Ninh Van Bay

Six Senses Ninh Van Bay si trova in una baia spettacolare, con sabbia dorata e montagne torreggianti. Il resort per famiglie dispone di 58 ville con piscina, numerosi bar e ristoranti che servono specialità locali e internazionali, accompagnati da ottimo pesce locale. E ‘anche il luogo ideale per i matrimoni.

La Spa Six Senses presso Ninh Van Bay è un santuario per tutti i sensi, con i trattamenti tradizionali vietnamiti e gli internazionali di Six Senses per soddisfare ogni individuo. A vostra disposizione anche moltissime attività come gli sport acquatici o le escursioni, immersioni alla scoperta della barriera corallina e  tour culturali  attraverso la fauna selvatica.

A proposito di Six Senses PAESAGGIO TRAMONTO MALD SCUR 450 FIRMA 074 copy

Six Senses Hotel Resort e Spa, è una società di management e sviluppo, che gestisce resort con i marchi Six Senses e Evason, oltre alle SPA firmate Six Senses in tutto il mondo.

Il marchio Six Senses è focalizzato sulla incredibile bellezza naturale dei luoghi che, con l’attenzione  per la privacy e la riservatezza dei propri ospiti, crea sempre qualcosa di nuovo da scoprire. Six Senses propone uno stile individuale con un design dalla personalità unica e diversificata, oltre a un forte senso di comunità.

Le SPA del gruppo sono un elemento chiave di tutte le proprietà Six Senses. Le SPA offrono una vasta gamma di pratiche fondate sul principio del benessere olistico, e trattamenti dedicati alla bellezza e al ringiovanimento che vengono somministrati da esperti terapisti di fama internazionale. Le SPA Six Senses sono ospitate da prestigiosi hotel e resort in molte  località del mondo. 

Il marchio Evason rappresenta una collezione di resort unici che seguono senza compromessi la filosofia Six Senses di responsabilità sociale e ambientale. Queste proprietà sono pensate per le famiglie e offrono una vasta gamma di servizi appositamente dedicati.

donna viola maldive

MALDIVE.

A proposito di Six Senses Laamu

Six Senses Laamu è l’unico resort a Laamu, atollo a sud delle Maldive.

-Un viaggio in un paradiso con 97 ville, che rispettano la filosofia del turismo eco-sostenibile, disposte sulla laguna e sull’isola.

 –E’ possibile cavalcare la Yin Yang, l’onda per il surf più famosa delle Maldive che ‘rompe’ solo in mare aperto.

-Ci sono onde anche per i principianti ed è possibile fare snorkeling osservando la barriera corallina.

-Gli chef preparano piatti creati con ingredienti provenienti dagli orti biologici presenti sull’isola,e ogni pasto è impreziosito da incantevoli panorami tropicali.

La Six Senses Spa mette a disposizione terapisti altamente qualificati e medici famosi per una gamma completa di trattamenti esclusivi per il  ringiovanimento e il relax psico-fisico.

 

DCIM100GOPRO

ISOLA DI SAMUI

Six Sense Samui, in prima linea per l’ecoturismo a 5 stelle con il Social Contribution Programme”

Six Senses Spa press oil Resort Six Senses Zighy Bay.

Six Senses Samui, resort collocato su un promontorio sulla punta nord dell’isola di Samui, in Vietnam, è caratterizzato da una ventina di ettari di piantagioni autoctone con una vista mozzafiato sul mare circostante e sulle altre isole, ha previsto la nascita di iniziative dedicate al rapporto con il territorio all’interno dello specifico programma “Social Contribution Programme at Six Senses Samui”.

L’ultima iniziativa del programma è stata la partnership con la Baan Plai Laem School che ha coinvolto oltre 40 ospiti del resort nella tinteggiatura delle pareti esterne della scuola insieme agli abitanti di Samui per offrire una nuova immagine, più calda e accogliente all’istituto.

Questo è solo uno dei recenti progetti attivati da Six Senses Samui che si muove da una parte per ridurre al minimo l’impatto ambientale, ad esempio con la produzione in proprio del Bio Disel, dall’altra per creare una condivisione dei benefici socio-economici derivanti dal turismo.

Negli ultimi anni, la missione di Six Senses Samui è stata quella di sensibilizzare l’opinione pubblica sulla salvaguardia ambientale ma anche e soprattutto sull’importanza del rapporto con la popolazione locale.

–  I Resort Six Senses sono da sempre molto attenti agli effetti sull’ambiente e alla responsabilità sociale sul territorio: dal 1990 la filosofia di Six Senses è consapevole dell’impatto che il turismo ha sull’ecosistema naturale di un luogo e propone delle soluzioni che permettono di unire armonicamente lusso e sostenibilità.   In particolare, Six Senses Samui in Vietnam, è uno dei resort sempre in prima linea su queste tematiche, tanto da vincere, nel 2006, il  Green Globe 21, il certificato che attesta l’impegno per il turismo sostenibile.

A proposito di Six Senses Samui

Six Senses Samui si trova su un promontorio, con panorami splendidi sul Golfo di Thailandia. Le  66 ville del resort, ciascuna con piscia privata, si trova a 45 minuti a sud di Bangkok. Questo resort serve alcuni dei migliori cibi sull’isola offrendo piatti della cucina regionale e internazionale e una cantina di vini pregiati.

La Spa Six Senses offre un menu completo di trattamenti resi indimenticabili dagli splendidi scorci sulla baia. Le gite in barca permettono di esplorare completamente questa bellissima isola.

Chef_Anthony_Demetre__ssyn_lr

Michelin-starred Chef Anthony Demetre hosts three exclusive dinners
at Six Senses Yao Noi during October 2013.

 

 

BARBARA PYM, LA JANE AUSTEN DEL ‘900; UN’AUTRICE DA RITROVARE.

BARBARA PYM images

NEL 1977  BARBARA PYN FU PREMIATA DA UN REFERENDUM, DEL TIMES

LITERARY SUPPLEMENT,  SULLE FIGURE PIU’ SOTTOVALUTATE DELLA

NARRATIVA BRITANNICA CONTEMPORANEA.

I suoi libri parlano di  anziani antropologi e virtuose zitelle nel più puro ed elegante sottile umorismo British-style.

Purtroppo la sua popolarità arrivò tardi, perché morì senza avere il tempo di godere dei riconoscimenti e dei guadagni di una tarda popolarità.

Già la cada editrice La Tartaruga, aveva stampato in italiano i suoi libri; oggi se ne occupa Astrea.

Ironia e compassione caratterizzano la sua scrittura che ben interpreta universi ristretti e passioni represse per rispetto del decoro. Una donna di bizzarria del quotidiano che non lascia indifferente chiunque di libri se ne intenda.

Oggi la Barbara Pym Society, formata dalle fan della scrittrice, è in continua crescita internazionale.

LA VITA.

-Figlia di un avvocato nel West Midlands dell’Inghilterra, Barbara Pym nacque nel 1913 , fu educata a Oxford , e servì la Royal Naval Service femminile durante la seconda guerra mondiale.

Lavorò per gran parte  della sua vita in Africa presso l’Istituto Internazionale di Londra.

-La Pym era la quintessenza della donna inglese borghese, proprio come il suo idolo, Jane Austen.

-Come la Austen ,Barbara Pym ha scritto commedie di costume sui membri della sua classe sociale .

-I suoi romanzi sono popolati da mogli del Vicario, sorelle non sposate che vivono in villaggi rurali, da titolari di posti di lavoro in uffici di medio livello ,  da sonnolenti preoccupazioni londinesi e da antropologi assortiti ( sulla base di quelli che aveva incontrato presso l’istituto di antropologia ) .

Pym ebbe un modesto successo con il primo di questi romanzi, pubblicati nel corso del 1950, ma nei primi anni ’60, un editore dopo l’altro respinsero le sue proposte . Questo accadde  perché il suo stile low-key e  unsensational erano passati di moda ? Forse.

Per 14 anni la Pym non riuscì a trovare un editore per i suoi romanzi , anche se lei  continuò a scrivere.

Titoli dei libri: 

Donne eccellenti

Crampton Hodnet

Su EBay: Un sacco di benedizioni, B.Pym – La Tartaruga ed. 1995, € 4,70; Per guarire un cuore infranto Barbara Pym, € 6,50; Tutte le Virtù, B.Pyn, La Tartariga, 1998, € 8,00; Per guarire un cuore infranto, B.Pym, € 8.

NUOVO LIBRO DELL’AUTORE DI “L’UOMO CHE SCAMBIO’ SUA MOGLIE PER UN CAPPELLO”.

COVER 450 deserto NERA OPPRIMENTE

“ALLUCINAZIONI”

OLIVER SACKS, DOPO ANNI DI PUBBLICAZIONI DI SUCCESSO, SCRIVE SULLE ALLUCINAZIONI, SULLA SUA MARTORIATA  INFANZIA E COME TROVO’ RIFUGIO NEI NUMERI E NELLA SCIENZA.

Dalle sue emicranie infantili all’attuale situazione, di uomo maturo che ha perso un occhio per un melanoma, Sacks spiega come il suo cervello abbia compensato dolori e sofferenze con suggestive visioni geometriche.

Nel libro Allucinazioni non mancano gli accenni all’Inghilterra inibita, ai quattro anni trascorsi in collegio, durante la guerra, alle prepotenze dei compagni bulli e del preside manesco.

Si formò così una personalità introversa e disturbata, ma lo studio delle scienze lo aiutò a vincere le sue paure.

All’arrivo negli Stati Uniti, dopo la laurea a Oxford, Sacks conobbe la velocità delle corse in moto e le allucinazioni della droga.

Sacks sostiene che le allucinazioni, nelle forme più diverse,  siano più diffuse di quanto si possa credere ed abbiano avuto un importante ruolo nella cultura, nell’arte, nel folclore e nella religione. L’allucinazione può anche verificarsi, in persone sane, nello stato di addormentamento o risveglio, in particolari condizioni mistiche e religiose o in processi di lutto, grave dolore o esaltazione. La creatività può facilmente partire da uno stato di esaltazione che porta al “colpo di genio”.

Questa sua tesi, oggi, è confermata dai più recenti studi sul cervello. La trasmissione dalla retina al cervello (è la corteccia che si occupa di riconoscere gli oggetti), avviene a seguito di una forte riduzione dello stimolo (da 10 miliardi di bit al secondo a 100 bit al secondo), si perdono così  “per strada” molti particolari riconosciuti dalla retina. Il cervello si trova quindi nella condizione di individuare l’oggetto secondo un numero limitato di dati e lo fa utilizzando tutta la sua precedente esperienza. Basandosi quindi sulla ripetitività e regolarità di oggetti precedentemente conosciuti.

Dopo queste scoperte scientifiche è più facile capire come sia possibile che il cervello, in particolari situazioni psicologiche, possa registrare immagini che non siano proprio fedeli a quanto percepito dalla retina, ma frutto della loro rielaborazione. 

-Quanto spiegato sulla relazione retina-cervello è riportato anche  dall’articolo di Silvio A. Merciai, Psichiatra e Psicoanalista che insegna Psicoanalisi e Neuroscienze alla Facoltà di Psicologia dell’Università Vita-Salute San Raffaele, Milano; “Il Venerdì” 6 settembre 2013, pag 25.

PARIGI. NELLY WENGER E’ LA RESPONSABILE DEL NUOVO POLO CULTURALE SULLA SENNA R4.

SI CHIAMA  R4  L’AVANGUARDISTICO PROGETTO CHE FARA’ COLLABORARE ARTISTI,

COLLEZIONISTI, GALLERISTI E AMANTI DELLA CULTURA.

Un futuribile progetto di pareti trasparenti dell’archistar Jean Nouvel si ergerà sull’isola di Seguin, sulla Senna a Parigi.

Ile-Seguin-Seguin-Island-Urban-Redevelopment-—-Render-Jean-Nouvel-Atelier-Boulogne-Billancourt-©-Jean-Nouvel-Atelier-480x319

Una donna a capo di un progetto che fa ben sperare per il futuro dell’arte.

Si chiama Nelly Werger ed è stata a capo dell’EXPO02 e alla direzione Nestlè Europa, ora è la responsabile del progetto R4; futuro polo d’arte a Parigi.

Un progetto altamente innovativo, sia per l’architettura, ma soprattutto per la sua funzione che assomiglierà ad una micro-cittadina, con autosufficienza economica, il cui compito sarà mettere  in connessione creazione e logistica.

-Una “piccola città-museo-galleria’” della creatività ricca di spazi espositivi, gallerie, studi d’arte. Sarà luogo d’elezione per un grande incontro tra istituzioni culturali, artisti, galleristi, collezionisti e appassionati d’arte.

“L’obbiettivo non è produrre profitto. ma generare bellezza, senza mecenatismi fini a se stessi” Questo è quanto dichiara Nelly Werger a proposito del suo lavoro per R4.

Solo nel 2010 l’isola di Seguin è stata aperta al pubblico dopo anni di chiusura della locale fabbrica automobilistica Renault.

I-primi-rendering-del-progetto-R4-sull’Île-Seguin-foto-Atelier-Jean-Nouvel-1-480x240

Ora si prepara a presentarsi come uno spazio trasparente da dove osservare lo scorrere del fiume, ma anche creare un nuovo modo di vive l’arte: ospitalità per artisti e tutti quelli che girano intorno al mondo dell’arte e della cultura con aspirazioni, ovviamente, cosmopolite, multiculturali e dotato di un team internazionale.

I due grandi edifici della R4 porteranno a un viaggio fluido nell’arte come la Senna che sarà ben visibile da ogni prospettiva. Due enormi volumi in acciaio e calcestruzzo quasi solo di vetro,  si estenderanno da nord a sud lungo la riva del fiume Senna.

Saranno collegati da un ponte in acciaio: connessione e  snodo per gli spostamenti interni.

Il progetto ha rischiato di fallire anche per  l’abbandono del “patrocinio” di Pinault che decise per Venezia-Dogana-Palazzo Grassi.

Finalmente il famoso centro d’arte R4 – nome che richiama l’antico utilizzo degli spazi come fabbrica della Renault – si sta avviando alla realizzazione e sarà  pronto per il 2016.

– Jean Nouvel è l’archistar incaricata  di ridisegnare gli enormi spazi ex industriali dell’Île Seguin.

I-primi-rendering-del-progetto-R4-sull’Île-Seguin-foto-Atelier-Jean-Nouvel-5-150x150

A FERRARA IL CARAVAGGIO SPAGNOLO: Francisco de Zurbarán

COVER zurbaran_ferrara_245

PALAZZO DEI DIAMANTI, FERRARA: 14 settembre 2013-6 gennaio 2014

Apertura della prima mostra italiana di Francisco de Zurbarán.

50 opere del “Caravaggo spagnolo”; come qualcuno lo ha definito.

Francisco de Zurbarán, un maestro del “Siglo de Oro“,  1598-1664.

OK zurbaran_ferrara_25

zurbaran_ferrara_8

zurbaran_ferrara_107

Zurbaran arte San Francesco 1635 Milwaunkee Art Museum

Zurbaran-San-Francesco-1635-Milwaunkee-Art-Museum.

Francisco de Zurbarán, più di Velásquez, accentuò il chiaroscuro e lo portò ai suoi estremi. Rigore e drammaticità prevalgono nei suoi lavori ad argomento religioso. I martiri vengono rappresentati in ceppi, i religiosi sono tenebrosi; questa è l’arte di  Zurbarán.

La Spagna “negra” e baciapile dell’inquisizione fa parte del mondo di questo autore che rappresenta San Serapio appena morto dopo la tortura, ma con un volto con l’espressione di chi, sfinito, è crollato nel sonno. Nessuna traccia di sangue sui drappeggi della tunica bianca.

Gabriele Finaldi consulente scientifico della mostra e direttore aggiunto del Prado, ha deciso che il San Serapio aprirà la mostra; una delle 3 opere che ha inviato a Ferrara.

-Gabriele Finaldi sostiene come improbabile il fatto di una conoscenza diretta da parte di Zurbarán di Caravaggio, ma riconosce il suo contatto con i caravaggeschi.

Zurbarán nacque a Fuente de Cantos, in Extremadura, dal padre merciaio acquisì la grade capacità di raffigurare i preziosi tessuti dell’epoca.

Nel 1614  Zurbarán andò a Siviglia a studiare pittura, non dal grande Francisco Pacheco che fu maestro di Velásquez, ma Pedro Diaz un illustre sconosciuto.

Siamo nel “Siglo de Oro”, dall’eldorado americano arriva l’oro e la ricchezza, Siviglia è la Wall Street dell’Andalusia. Qui si mescolano mercanti, banchieri, ruffiani, killer ecc…

Zurbarán, terminati gli studi, torna nella tranquilla Extremadura.

Il numero delle commesse è tale che è costretto a tornare a Siviglia, dove incontra la mafiosità delle corporazioni di pittori che pretendono il pizzo.

Zurbarán può non accettare queste imposizioni; grazie alle numerose commesse da parte degli ordini religiosi.

Velásquez, artista preferito dal re Filippo IV, lo inviterà alla corte di Madrid. Qui decorerà il Salón del Buen Retiro.

A Madrid Zurbarán non produce solo lavori legati alla religione, ma affronta anche temi mitologici come “Le fatiche di Ercole”, militari come “La difesa di Cadice contro gli inglesi”. A questo proposito Finaldi fa notare come Zurbarán non rispetti la prospettiva.

Ignacio Cano, curatore della mostra, fa notare come Zurbarán abbia lavorato anche alle nature morte; a dispetto di un’epoca che le sottovalutava.

Due nature morte di Zurbarán saranno presenti a Ferrara: “Tazza d’acqua” e “Una rosa su un piatto d’argento” da mettere a confronto con i medesimi temi dei fiamminghi dell’epoca, ma “in Zurbarán diventano emanazioni divine”; come afferma Ignacio Cano.

Tornato a Siviglia Zurbarán scopre di essere “passato di moda”,  il successo artistico del momento è rappresentato da: Francisco Herrera (il giovane), Juan de Valdés Leal e Bartoloné Esteban Murillo.

-Zurbarán  a Siviglia vide morire di peste il  figlio Juan. Era un’epoca dove tutti avevano parenti uccisi da questo flagello e la drammaticità della situazione certamente influenzò l’artista.

Tanto Velásquez è  rivoluzionario anche nel suo intimo; a tal proposito nella sua biblioteca furono trovati testi dei classici, di Petrarca, dell’Ariosto, del Vasaro, di astronomia, di medicina ecc…,  tanto Zurbarán è uomo veramente credente e ben inserito nella  sua epoca. Quest’ultimo muore indebitato e povero.

La Spagna di Zurbarán sta in questi fatti: 200 mila conventi maschili e femminili, una celebrazione religiosa poteva durare 24 ore, religiosi concubini, alcuni preti giravano armati e gestivano bische. Solo il Concilio di Trento metterà ordine  a certe consuetudini.

Contemporaneamente in altri luoghi Sant’Agata mostrava i seni nudi mozzati dai carnefici, Apollonia d’Alessandria impugnava la tenarglia che le avrebbe strappato i denti e Sant’Orsola la freccia che ne fece una santa.

Il mondo di Zurbarán, a noi figli dell’illuminismo, appare così lontano e tanto difficile da interpretare, ma questa  mostra ci può aiutare a capire un’epoca e un modo di pensare tanto lontani.

-Mostra a cura di Ignacio Cano, con la consulenza scientifica di Gabriele Finaldi, organizzata da Fondazione Ferrara Arte e da Centre for Fine Arts, Brussels con la speciale collaborazione del Museo Nacional del Prado e del Museo de Bellas Artes di Siviglia.

Info
Ufficio Informazioni e prenotazioni Mostre e Musei
tel. 0532.244949 fax 0532.203064 e-mail diamanti@comune.fe.it

Ufficio stampa: Studio ESSECI – Sergio Campagnolo, tel. 049 663499
info@studioesseci.net     www.studioesseci.net

 zurbaran_01

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

UN FARMACO RACCOMANDATO DALL’ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA’: AVASTIN ECONOMICO, MA LA LEGGE ITALIANA IMPEDISCE AGLI UTENTI DI USUFRUIRNE.

lungo disegno Lory

OMS: AVASTIN (Bevacizumab) FARMACO INDISPENSABILE  SALVAVISTA.

UN PROBLEMA CHE RIGUARDA 100.000 PAZIENTI.


L’organizzazione Mondiale della Sanità ha inserito Avastin  nell’elenco dei farmaci indispensabili per la vista.

PER LA CURA DELLA MACULA SENILE; una malattia non ben conosciuta che porta alla cecità, ma che coinvolge moltissimi pazienti anziani e non.

UN FARMACO NON RIMBORSABILE: IL COSTOSISSIMO LUCENTIS.

UN FARMACO RACCOMANDATO DALL’ORGANIZZAZIONE MONDILAE DELLA SANITA’: AVASTIN, ASSAI  ECONOMICO, MA LA LEGGE ITALIANA IMPEDISCE AGLI UTENTI DI USUFRUIRNE.

“Siamo soddisfatti che anche l’OMS condivida quanto da tempo afferma la Società Oftalmologica Italiana ossia che Avastin era ed è un farmaco indispensabile per salvaguardare la vista a milioni di cittadini che soffrono della Degenerazione Maculare Senile (DMS).

-Speriamo quindi che anche le nostre Istituzioni si decidano a prenderne  atto e accolgano quanto da tempo  è stato richiesto: inserire Avastin come farmaco da  impiego non più off label e a carico del SSN”.

– In questi giorni l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) – World Health Organization (WHO) – ha diramato l’elenco dei farmaci indispensabili e tra questi ha inserito Avastin come unico farmaco per il trattamento della DMS neovascolare. Una scelta che riscuote il plauso di tutti coloro che da anni si battono affinché anche in Italia questo farmaco sia riconosciuto come farmaco di prima linea nella lotta alla cecità da DMS: prima fra tutti la Società Oftalmologica Italiana che ancora una volta richiede a gran voce l’inserimento di Avastin tra i farmaci erogati dal SSN non più come farmaco off-labe l.

L’OMS – aggiorna periodicamente l’elenco minimo dei farmaci indispensabili per l’assistenza sanitaria e vi ha inserito l’Avastin. Nell’ elenco sono inseriti i farmaci che sono più efficaci, più sicuri e con un buon rapporto costo/efficacia per la cura di condizioni cliniche prioritarie.
L’elenco ha una sezione complementare in cui sono inseriti i farmaci essenziali per malattie prioritarie, per l’impiego dei quali, però, è necessaria una diagnosi e un monitoraggio specialistico.

-Nella recente revisione pubblicata a luglio 2013, l ‘unico farmaco anti-VEGF inserito per il trattamento della Degenerazione Maculare Senile Neovascolare è il Bevacizumab (Avastin).
Come detto, trattandosi di un farmaco che richiede diagnosi e monitoraggio specialistico, Avastin è inserito nella sezione complementare.

-La chiara e inequivocabile presa di posizione della OMS – dichiara Matteo Piovella, presidente della Società Oftalmologica Italiana – rende ancora più insostenibile e illegittima la posizione di AIFA e del suo Direttore Luca Pani, che, nonostante le numerose e pressanti azioni della Società Oftalmologica Italiana, formulate con il sostegno della Evidence Based Medicine e delle Società Scientifiche più importanti del mondo, persevera nel voler strumentalmente sostenere  la pericolosità di Avastin a difesa dell’accordo economico sancito con Novartis al momento dell’accesso alla rimborsabilità di Lucentis.

-Nonostante tutto questo e malgrado sia in corso un’indagine dell’Antitrust, a cui SOI ha partecipato in qualità di esperto tecnico scientifico, persiste la latitanza sull’argomento del Ministro della Salute  in carica, che SOI ha recentemente chiamato ad una azione di responsabile commissariamento dell’AIFA stessa. L’emergenza in atto con oltre 100.000 pazienti esclusi dalla terapia,

-per l’impossibilità degli ospedali pubblici di erogare il costosissimo Lucentis, e la prevista inutile spesa per il 2014 di oltre un miliardo di euro, indicata da SOI, mettono in drammatico risalto tutta una serie di incompetenze e inadeguatezze imputabili al  Ministro Lorenzin, che dal suo insediamento, si è più volte negata a un confronto con gli oculisti italiani.
Tutto ciò a dimostrazione che il ruolo strategico di Ministro della Salute – per cui sono idonei per esperienza capacità e carisma non più di una decina di Persone in Italia – non può essere improvvisato facendolo ricoprire a chi ha, quali elementi caratterizzanti principali, la qualità di essere “donna” e “giovane”. Occorre molto di più. Soprattutto in un momento storico così delicato. Ci vogliono adeguata preparazione ed esperienza in campo sanitario.

-Per far fronte a tali carenze, la SOI è inevitabilmente obbligata a fare un passo in avanti a tutela dei cittadini e del loro diritto alle cure, in un servizio sanitario nazionale che rappresenta un bene primario che politici incapaci stanno smontando con grande irresponsabilità, incuranti delle devastanti conseguenze. E’ per tali ragioni che la SOI ha agito – e agirà – nei confronti di chiunque, con evidente conflitto d’interessi, sostiene strumentalmente la maggiore pericolosità di Avastin nei confronti di Lucentis”- conclude il presidente Piovella.

DonnE…Cultura