Archivi categoria: fiere gastronomiche

fiere

RIMINI 19 – 21 GIUGNO Chef da tutto il mondo a Rimini per ‘Al Meni’ ; chef Bottura

Un tendone colorato di 1.500 mq affacciato sul mare, omaggio allo spirito onirico di Fellini, si trasformerà in una vera e propria cucina a vista !

Accanto al circo, sul lungomare sino a piazzale Boscovich, è allestito un percorso del gusto tra piccoli e grandi produttori agricoli e case vinicole, un vero e proprio mercato delle eccellenze che avrà al centro 70 fornitori top dei ristoranti stellati.

Massimo Bottura con i grandi chef da tutto il mondo a Rimini 
per ‘Al Meni’,
il Circo 8 e 1/2 dei sapori fra Fellini e piatti d’autore.

Un evento unico, un happening internazionale in cui il gusto si miscela con l’esaltazione della cultura culinaria fra show cooking, degustazioni, street food, mercato delle eccellenze dei prodotti della buona terra dell’Emilia Romagna, laboratori per grandi e piccoli, lab store di artigianato.

Con ‘Al Meni’, ovvero le mani – dal titolo di una poesia di Tonino Guerra – prodotti d’autore e cucina d’autore scivoleranno lungo la Via Emilia per ritrovarsi davanti all’Amarcord del Grand Hotel di Rimini.

Il Sindaco di Rimini Andrea Gnassi: “Se questo evento è stato la novità e il successo dell’estate 2014, assumerà il valore di una edizione speciale nel 2015, anno di EXPO, verso il quale si intende proiettare il meglio delle nostre espressioni produttive e gastronomiche”

12 chef ‘stellati’ dell’Emilia Romagna incontrano 12 giovani chef da tutto il mondo per una kermesse del gusto unica.

Dal 19 al 21 giugno torna a Rimini ‘Al Meni’, il grande  circo 8 e ½ dei sapori capitanato da Massimo Bottura, che invaderà letteralmente il cuore di Marina Centro, a due passi dal Grand Hotel (www.almeni.it).

Un tendone colorato di 1.500 mq affacciato sul mare, omaggio allo spirito onirico di Fellini, si trasformerà in una vera e propria cucina a vista con i migliori talenti della gastronomia del pianeta che presenteranno al pubblico i grandi piatti e i grandi prodotti della cucina d’autore, tra show cooking e degustazioni a prezzi popolari.

Per tre giorni la via Emilia diventerà un enorme ‘scivolo’ per far scendere fino al mare le maggiori eccellenze del territorio, con i grandi chef che diventano cuochi di strada per servire i prodotti della buona terra.

Non c’è al mondo un’altra strada come la Via Emilia che da più di 2.200 anni unisce dieci città ricche di eccellenze enogastronomiche nella regione, unica in Europa, a vantare un paniere di 41 prodotti Dop e Igp.

> Un circo di sapori, show cooking con gli chef

Riflettori puntati sugli show cooking con gli chef stellati. Come Tatiana Levha (Le Servan Paris) e Bartrand Grebaut (Septime Paris, fra i 50 migliori ristoranti del mondo), la coppia di riferimento nella gastronomia contemporanea parigina, chef di due dei gastro bistrot più acclamati.

Da Mosca ci sarà Vladimir Muhin (White Rabbit, Moscow) che con il suo lavoro che affonda nella memoria della cucina russa sta rivoluzionando il panorama della cucina contemporanea. E ancora, da Londra ci saranno Junya Yamasaki (Koya, London) con la sua cucina di origine giapponese e Leandro Carreira.

E ancora, Sven Wassmer (Silver, Vals – CH), Simone Tondo (Roseval, Paris) che con il suo bistrot di soli 24 posti è il migliore di Francia secondo Le Fooding 2013.

E ancora Guillaume Monjuré, (Le Palegrié’, Lyon), Kemal Demirasal (Flint, Istanbul), Fabian van Hauske & Jeremiah Stone (Contra, NY), Lee Tiernan (London), Meng Zijun (London) che da tutto il mondo incontreranno a Rimini i migliori chef dell’Emilia Romagna selezionati da CheftoChef emiliaromagnacuochi.

Da Piergiorgio Parini che con la sua Osteria del Povero Diavolo di Torriana nel 2015 è stato insignito dall’Académie Internationale de la Gastronomie il Prix Chef de l’Avenir a Davide di Fabio (Osteria Francescana).

Da Franco Cimini che con la sua Osteria del Mirasole è uno dei baluardi della cucina di tradizione premiata con i tre Gamberi nella Guida Ristoranti d’Italia 2015 del Gambero Rosso, a Fabio Rossi (Ristorante Vite), da Adalberto Migliari (La Chiocciola) a Luca Marchini (L’Erba del Re), da Fabrizio Mantovani (FM) a Mattia Borroni (Ristorante Alexander), da Massimo Spigaroli (Relais Corte Pallavicina) a Mario Ferrara (Scaccomatto), da Gian Paolo Raschi (Guido) a Raffaele Liuzzi (Locanda Liuzzi).

Tutti insieme protagonisti a Rimini per mettere in scena il lavoro delle mani e del cuore, che è di per sé già uno spettacolo che racchiude tutta la personalità e la grandezza del territorio.

> Il mercato delle eccellenze, la buona terra della via Emilia scorre al mare

Accanto al circo, sul lungomare sino a piazzale Boscovich, è allestito un percorso del gusto tra piccoli e grandi produttori agricoli e case vinicole, un vero e proprio mercato delle eccellenze che avrà al centro 70 fornitori top dei ristoranti stellati. Una ‘festa mercato’ delle eccellenze dei prodotti lungo la via Emilia che raduna i migliori artigiani e produttori del gusto per conoscere, degustare e acquistare i prodotti di una regione che vanta il record delle denominazioni d’origine.

Dal Parmigiano Reggiano all’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, dal Culatello di Zibello al Prosciutto di Parma, dai salumi Piacentini a vini genuini, frutta di varietà riscoperte, piada e squacquerone, i pesci del nostro mare, i funghi del nostro Appennino, lo scalogno migliore del mondo, il riso delle pianure ferraresi.

Contadini e vignaioli, casari e artigiani, chef e gourmet si incontrano in un percorso del gusto unico, nel quale gli avventori possono scegliere le eccellenze del territorio frutto delle mani e del cuore, intesi come fatica e poesia.

Un esperto ‘personal shopper’ Slow Food sarà a disposizione di chi vorrà farsi guidare alla scoperta dei prodotti e dei produttori presenti al mercato, fra Presìdi Slow Food, Mercati della Terra Slow Food e produttori selezionati da CheftoChef emiliaromagnacuochi.

> I laboratori: dire, fare, gustare

Sotto al tendone spazio anche a laboratori per grandi e piccoli con ‘Dire, fare, gustare’: due incontri al giorno, per quattro appuntamenti organizzati da Slow Food Emilia Romagna con pescatori, gourmet, chef, piadaiole, sfogline che insegnano al pubblico la storia, i luoghi, le tradizioni, la stagionalità di Piade e piadine, Pesce pescato, Sfoglia ed Erbe aromatiche e spontanee.

> L’enoteca di ‘Al Meni’

All’interno del circo 8 e ½ non potevano mancare i vini di qualità del territorio da degustare all’enoteca di “Al mèni”, organizzata dall’Enoteca Regionale Emilia Romagna.

Una selezione di circa cento etichette regionali, servite al bicchiere dai sommelier dell’enoteca, e una selezione di birre artigianali tra i migliori produttori selezionati dalla guida delle birre di Slow Food proposte dai mastri birrai in persona. Inoltre acque e succhi di frutta biologici di provenienza del territorio.

> Speciale Matrioska, artigianato, design, buone idee

Accanto al mercato dei contadini e di fronte al circo 8 e ½, piazzale Fellini sarà invaso dagli artigiani e dai creativi per dare vita a Speciale Matrioska, un luogo denso di storie e invenzioni, arte e originalità, un lab store dell’artigianato, del design, degli antichi e nuovi mestieri.

Dalle biciclette alle ceramiche, dagli arredi all’abbigliamento, dagli accessori alle lampade a tutto ciò che unisce innovazione, manualità e amore per il creare.

> Un pic nic d’autore nei giardini del grand Hotel

Evento nell’evento, la déjeuner sur l’herbe, domenica 21 giugno (dalle ore 10 alle 13) i cancelli del Grand Hotel si apriranno per un pic nic speciale organizzato nei giardini dello splendido Hotel liberty caro a Fellini a cura di Claudio di Bernardo, chef del Grand Hotel di Rimini, di Roberto Rinaldini, maestro di pasticceria, in collaborazione con Massimo Bottura e gli chef di Al Meni.

> Aspettando Al Meni, una cena fra antico e presente sul bimillenario ponte di Tiberio

Cultura ed enogastronomia, tra antico e presente, hanno ispirato l’idea di un’anteprima d’eccezione che vede insieme Al Meni e il Festival del mondo antico. Giovedì 18 giugno le arcate del bimillenario ponte di Tiberio accoglieranno una cena di grande suggestione sospesa fra antico e presente.

Nella magica ambientazione di un tramonto estivo, affacciata sull’acqua si animerà una originale mensa con piatti ispirati alle ricette romane, suggerite dai grandi chef dell’impero. Il tutto “condito” dalla verve di un narratore quale Roberto Mercadini.

> Il commento

“Rimini – commenta il Sindaco Andrea Gnassi – mette al centro i giacimenti naturali e i tesori che ha e che, per estensione, fanno dell’Italia il Paese più desiderato per l’enorme ricchezza di prodotti della terra e delle cultura nel manipolarli e proporli.

Non c’è al mondo un luogo come la via Emilia, cuore di tutto questo patrimonio straordinario e fattore di attrazione dal valore incalcolabile. Se questo evento – con le sue 60 mila presenze – è stato la novità e il successo dell’estate 2014, assumerà il valore di una edizione speciale nel 2015, anno di EXPO, verso il quale si intende proiettare il meglio delle nostre espressioni produttive e gastronomiche. Al Meni 2015 sarà l’evento principe di congiungimento fra Rimini e Milano, dando voce a prodotti generati da un inimitabile DNA antropologico non solo per noi ma per l’Italia intera”.

Info: HYPERLINK “http://www.almeni.it”www.almeni.it

La manifestazione Al Meni è ideata da Massimo Bottura, Comune di Rimini, Regione Emilia Romagna

Promossa da
CheftoChefemiliaromagnacuochi
Slow Food Emilia Romagna
Postrivoro
Enoteca Regionale Emilia Romagna
Apt servizi Emilia Romagna

in collaborazione con
Rimini Street Food
Matroska lab store
Strada dei vini e dei sapori di Rimini
Unione Costa Adriatica

Partner istituzionale
Anci per Expo

Sponsor
Cucine Marrone
Hera
Rimini Fiera
Sgr Rimini

Sponsor tecnico
Pentole Agnelli

“http://www.riminiturismo/”

www.riminiturismo.it

VIAGGI ; IN OLANDA ANCHE PER GOURMET ; EVENTI SPECIALI

Dal 29 maggio al 9 giugno, è costituito da un mix stimolante di festival culturali, mostre ed eventi culinari e molto altro…

Più sotto anche : OSTRICHE & COMPANY !

Testi press newsletter culinaria Olanda 10 Febbraio 2014

Scheveningen, il 14 giugno l’arrivo delle nuove aringhe
Da anni il “Vlaggetjesdag” (la giornata delle bandiere) celebra l’arrivo delle prime aringhe pescate

In 70.000 a Haarlem per il festival della buona cucina
Haarlem Culinair è il festival annuale per i buongustai organizzato nella storica cittadina di Haarlem, a poca distanza da Amsterdam dal 1 al 4 agosto. Precisazioni più sotto.

immenso “ristorante all’aperto” di Maastricht: ‘t Preuvenemint

GOURMET EVENTO GRATUITO: Il ‘t Preuvenemint (da “preuve”, assaggiare, e “evenemint”, evento) è un evento gastronomico di quattro giorni (28-31 agosto)

-Si tratta di un evento gratuito che si tiene ogni anno durante l’ultimo fine settimana di agosto. I ricavi del ‘t Preuvenemint vengono devoluti in beneficenza. 

—–

29-30 marzo: il festival del cioccolato di Amsterdam
Sabato 29 e domenica 30 marzo 2014 gli amanti del cioccolato potranno realizzare i propri sogni al Chocoa Festival di Amsterdam. Il festival si terrà al Museo Marittimo Nazionale (Het Scheepvaartmuseum), presso il porto della città, uno dei porti più coinvolti al mondo nel commercio di cacao

.
Al Chocoa Festival

saranno presenti i migliori mastri cioccolatai, pronti a raccontare le loro storie e i segreti della produzione del cioccolato. Sarà possibile assaggiare ogni varietà di cioccolato (ne esistono quasi 700) e conoscere sapori e aromi mai incontrati prima, imparare ad assaporare al meglio le diverse specialità e approfittare delle offerte disponibili al festival. Una rassegna adatta a tutte le età, con i più piccoli che potranno divertirsi dipingendo con le mani o sul volto oppure ascoltare le narrazioni del cantastorie sotto un albero… di cioccolato, naturalmente.
http://www.chocoa.nl/en/events/chocoa-festival/

DISTILLATI DI GINEPRO

Jenever Festival a Schiedam: la qualità della tradizione

Nella suggestiva cittadina di Schiedam,non lontano da Rotterdam, il 17 e 18 marzo 2014 durante la terza edizione dello Jenever Festival, i distillatori olandesi di jenever (ginepro) mostrano le loro abilità tradizionali.
Lo Jenever Festival è organizzato per conto dei distillatori di ginepro olandesi e si svolge nel caratteristico Jenever Museum di Schiedam, il quale organizza una vasta gamma di attività durante il festival.
Tra le altre cose lo Jenever Festival propone degustazioni e workshop, nonché una raffinata selezione di gin tradizionali e speciali. Durante l’evento si terrà anche una particolare competizione nazionale di bartending, nell’ambito della quale i visitatori saranno invitati a provare i cocktail più deliziosi ed esotici.
L’ingresso al festival è limitato alle persone maggiorenni in possesso di un biglietto d’ingresso valido e un documento d’identità. I biglietti in prevendita sono disponibili online a € 16.00 sul sito www.jeneverfestival.nl (solo versione olandese) e a € 17,50 al botteghino del festival. Il prezzo d’ingresso comprende due “stokertjes” (monete del festival) e un bicchiere del Festival.
http://www.schiedamcentrum.nl/evenementen/jenever-festival/

OSTRICHE & COMPANY !

I prodotti dello Zeeland: astici, ostiche e altre delizie
In Olanda, la stagione dell’astice si aprirà con grandi feste il 27 marzo, nella provincia dello Zeeland. Fino al 15 luglio i palati fini potranno assaporare queste delizie dell’estuario della Schelda, considerate le più prelibate al mondo rispetto alle altre varietà, proprio per via del loro unico patrimonio genetico. Per l’occasione, dieci ristoranti dello Zeeland si sono uniti, e offrono per l’intera stagione un menù a base di astice da € 59,50.
Con un’iniziativa dal titolo “ZeeuwseZilteZaligheden“ (Delizie Marine dello Zeeland), la provincia olandese offre numerose prelibatezze provenienti dal mare. Accanto ai prodotti più conosciuti come le ostriche (la famosa Ostrica Creuse oppure l’Ostrica Piatta) e le cozze, lo Zeeland ha da offrire altre gioie meno conosciute al palato: l’Aster tripolium (astro di mare), è un ortaggio dalle foglie oblunghe il cui sapore ricorda lo spinacio leggermente salato. Questa specie pioniera cresce in gran quantità nelle zone più alte accanto alle dighe, e si può assaggiare da metà marzo a fine luglio. Altro prodotto tipico della zona è la salicornia, il cui aspetto ricorda un piccolo cactus senza spine. Cresce nelle zone brulle e spoglie, e nelle paludi salmastre. La salicornia assorbe direttamente dal mare importanti vitamine e sali, che le conferiscono un sapore caratteristico.
Per maggiori informazioni: http://www.vvvzeeland.nl/en/, www.oosterscheldekreeft.nl; http://www.holland.com/costa


I mercati del formaggio nelle piazze di Alkmaar e Edam

Il mercato del formaggio di Alkmaar rappresenta la principale attrazione della città. Ogni venerdì, dal 4 aprile al 5 settembre 2014, dalle 10 del mattino alle 12,30 è possibile osservare come da secoli viene commercializzato il formaggio, sempre con le stesse modalità. Questo vivace spettacolo folcloristico si svolge sulla Waagplein (”Piazza della pesa“).

— Già nel 1365, quando esisteva una sola pesa, il formaggio veniva commercializzato su questa piazza. La mattina presto le forme di formaggio vengono collocate in lunghe file e gli ispettori e i commercianti controllano che sia perfetto alla vista. Circa 30.000 chili di formaggio, equivalenti a 2.200 forme, attendono quindi l’arrivo dei compratori.
Personaggi indissolubilmente legati a questo mercato sono i “portatori del formaggio”. Anche i ‘collocatori’, i ‘tiratori’ e i ‘responsabili della pesatura’ sono figure importanti. Tutti loro appartengono a una tradizione mantenuta viva nel tempo.

— Anche la graziosa cittadina di Edam, tra le 10.30 e le 12.30 dei mercoledì dei mesi di luglio e agosto, ospita un importante mercato del formaggio olandese. Raggiungibile in mezz’ora di autobus da Amsterdam, a Edam, come per quasi tutte le città olandesi, il modo migliore di spostarsi è la bicicletta; è possibile noleggiarne una in vari punti noleggio in città, ad esempio da Ton Tweewielers, o chiedere informazioni all’ufficio del turismo. La città è piccola ed è comunque visitabile comodamente anche a piedi, per chi preferisce.
http://www.kaasmarkt.nl/welcome.asp?lang=5
http://www.edam.com/

A L’Aia è di scena il Sudest asiatico con la Tong Tong Fair

La Tong Tong Fair de L’Aia è dal 1959 la fiera euroasiatica più grande al mondo.

L’evento, in programma dal 29 maggio al 9 giugno, è costituito da un mix stimolante di festival culturali, mostre ed eventi culinari, con un vero e proprio arcipelago di stand e esposizioni. Una delle attrazioni principali è il Tong Tong Festival, con centinaia di performance che avranno luogo per 12 giorni, al quale si può accedere con il pass per la Tong Tong Fair.
La Tong Tong Fair è un evento imperdibile per chi non ha il tempo o il denaro per concedersi un viaggio nel Sudest asiatico. Alla fiera si trova il Grand Pasar, la famosa esposizione con centinaia di stand che offrono prodotti e cibi asiatici. Da non perdere anche il Food Court, la grande area allestita con dozzine di ristoranti e “warungs”, le tipiche attività familiari di ristorazione indonesiane.
Il Tong Tong Festival si svolgerà in quattro teatri allestiti nell’aera fieristica: nel grande Bintang Theatre si esibiranno i principali artisti, il Tong Tong Podium sarà il set per musica acustica e danze, il più intimo Bibit Theatre presenterà conferenze, interviste e performance teatrali, mentre nel Bengkel studio si potrà partecipare a diversi workshop dedicati alla musica, alla danza, all’arte, alla cucina e molto altro. Il tutto è reso possibile grazie alla partecipazione di artisti, scrittori e chef provenienti da Indonesia, Singapore, Malesia, Vietnam, Cambogia, Sri Lanka e Stati Uniti.
http://tongtongfair.nl/

Scheveningen, il 14 giugno l’arrivo delle nuove aringhe

Da anni il “Vlaggetjesdag” (la giornata delle bandiere) celebra l’arrivo delle prime aringhe pescate (‘Hollandse Nieuwe’) nelle cittadine costiere meridionali olandesi. Migliaia di persone si riuniscono il 14 giugno a Scheveningen, rinomata località balneare de l’Aja, per godersi i festeggiamenti e osservare i pescherecci adornati per l’occasione. Oltre all’immancabile assaggio delle aringhe la giornata presenta anche una serie di attività per grandi e piccoli, non necessariamente legate alla pesca. Come vuole la tradizione il primo barile di aringhe viene venduto all’asta il giovedì precedente il Vlaggetjesdag e il ricavato è devoluto in beneficienza.
Durante il Vlaggetjesadag i visitatori potranno osservare spettacolari dimostrazioni delle squadre di salvataggio, partecipare a giochi antichi, ammirare le creazioni di artisti e la Marina Reale, fare tour in barca, vedere artigiani all’opera e semplicemente godersi l’atmosfera, ravvivata dai colorati costumi tradizionali. Orchestre, bande e artisti contribuiranno al divertimento, oltre ai numerosi assaggi di diverse qualità di pesce. 
E per fare una pausa tra un festeggiamento e l’altro è possibile rilassarsi in uno dei tanti bar e locali o esplorare con una passeggiata il centro storico di Scheveningen. www.vlaggetjesdag.com

In 70.000 a Haarlem per il festival della buona cucina

Haarlem Culinair è il festival annuale per i buongustai organizzato nella storica cittadina di Haarlem, a poca distanza da Amsterdam dal 1 al 4 agosto. In occasione di questo evento molti ristoranti di Haarlem e dei dintorni sono presenti con le loro specialità culinarie e i visitatori possono gustare piatti straordinari a prezzo modico.
Il festival, che nel 2014 arriva alla ventesima edizione, attira ogni anno circa 70.000 amanti della buona cucina. Vengono presentati cibi provenienti da tutto il mondo, ma l’attenzione è rivolta soprattutto ai piatti regionali, preparati con prodotti locali e genuini.
I prezzi dei piatti variano, ma la spesa massima si aggira sui 6 euro per una porzione. Vi è anche la possibilità di degustare birre e vini speciali e non manca la musica dal vivo. Le ubicazioni principali sono le piazze Botermarkt e Oude Groenmarkt nel centro di Haarlem.
http://www.haarlemculinair.nl/

L’immenso “ristorante all’aperto” di Maastricht: ‘t Preuvenemint

Il ‘t Preuvenemint (da “preuve”, assaggiare, e “evenemint”, evento) è un evento gastronomico di quattro giorni (28-31 agosto) che si tiene sulla centralissima piazza Vrijthof di Maastricht, una delle capitali gastronomiche d’Europa. Per l’evento sono presenti oltre 30 stand che funzionano come normali ristoranti di qualità e offrono la possibilità di assaggiare piatti e vini deliziosi e di ascoltare musica dal vivo. Tutto ciò fa del ‘t Preuvenemint di Maastricht il ristorante all’aperto più grande al mondo che attira ogni edizione più di 100.000 visitatori.
‘t Preuvenemint è un ottimo punto di partenza per imparare a conoscere la cultura della provincia meridionale del Limburg. Si tratta di un evento gratuito che si tiene ogni anno durante l’ultimo fine settimana di agosto. I ricavi del ‘t Preuvenemint vengono devoluti in beneficenza.
http://www.preuvenemint.nl/en

MILANO GOURMET : IDENTITA’ GOLOSE 2015, CHEF DAL GAN E…

IDENTITA’ GOLOSE UN APPUNTAMENTO A MILANO DA NON PERDERE:

http://www.identitagolose.it

8 -10 febbraio via Gattamelata, a Milano,

ALESSANDRO DAL DEGAN RACCONTA IL SUO TERRITORIO

8 febbraio presso la Sala Blu del Mico , in via Gattamelata, a Milano, alle ore 15.

A IDENTITA’ GOLOSE 2015

0 cucina 450 montagna

0 ALESSANDRO DAL DEGAN

L’8 febbraio, presso il Mico di Milano, appuntamento con lo chef de La Tana Gourmet di Asiago per scoprire le tradizioni dell’Altopiano

“Una sana intelligenza”. Sana e non più solo golosa.

E’questo il tema della undicesima edizione di IdentitàGolose, la manifestazione enogastronomica che dall’8 al 10 febbraio aprirà le porte ai nomi più importanti del settore e che vedrà protagonisti grandi chef internazionali tra cui molti stellati.

A loro il compito di proporre una cucina ricca di ingredienti che oggi sono diventati un modo innovativo di viverla ma, soprattutto, un’indispensabile fonte di salute e di benessere. E di questo, i cuochi ne sono ben consapevoli e dunque pronti a creare piatti golosi, saporiti e soprattutto sani.

Alessandro Dal Degan è diventato famoso come lo “chef dell’Altopiano”, perchéle sue straordinarie ricette partono proprio dal territorio che ama e che ha tanto da offrire.

Infatti, ha sempre creduto nella tradizione, nei valori dei prodotti della sua terra, spesso dimenticati, se non addirittura sconosciuti, facendoli rivivere in modo innovativo e ricco di creatività.

Questa sua arte di “fare bene”, sperimentando e studiando le migliori materie prime, lo ha portato a rivoluzionare gli stereotipi legati alla cucina di montagna trasformandola, senza tuttavia stravolgere la sua identità.

La sua partecipazione a IdentitàGolose 2015 è un appuntamento con la montagna, con le sue ricchezze, i suoi sapori capaci di reinventarsi in modo fantasioso ma soprattutto in grado di tenere fede a una filosofia che pone salute e benessere in primo piano.
Un incontro dedicato interamente alla cultura gastronomica d’alta quota che Alessandro Dal Degan racconterà in due piatti dall’interpretazione unica e particolarissima.

Identitàdi montagna, con Alessandro Dal Degan, vi aspetta domenica 8 febbraio presso la Sala Blu del Mico , in via Gattamelata, a Milano, alle ore 15.

—–

CAVOLFIORE E VARIAZIONI, PER UNA DONNA CHEF

Variazioni di cavolfiore, un intellegente antipasto di Emanuela Tommolini dell‘Osteria Esprì di Colonnella (Teramo). Da dicembre scorso il ristorante è 100% vegetariano. Meglio ancora, precisa la cuoca, “Ora siamo un laboratorio artigianale di cucina naturale, perché non amiamo darci etichette o erigere barriere”

—–

PIETRO LEEMANN; ORMAI UN’ISTITUZIONE, PRIMO TRA I PRIMI A PROPORRE A MILANO UNA CUCINA VEGETARIANA SQUISITA:  DA PROVARE PER NON DIMENTICARE…!

Pietro Leemann, classe 1961, dal 1990 chef di “alta cucina naturale” del ristorante Joia di Milano, una stella Michelin dal 1996.

Il cuoco di Locarno aprirà l’undicesima edizione del congresso di Identità Milano, domenica 8 febbraio, ore 10. La lezione si concentrerà sui vantaggi dell’alimentazione vegetariana, con la preparazione di due piatti (foto tratta dal profilo facebook)

—–

UNA DONNA CHEF PER UNA COLAZIONE

I N D I M E N T I C A B I L E !

Francesca Morandin, lievitista valdostana: suo il brevetto di un lievito madre di frumento gluten-free. A Identità Milano preparerà una colazione a base di pane, burro e marmellata d’alta qualità, col pane rigorosamente senza glutine, ottenuto da lievito madre, mix di farine e Bricks Petraviva

—–

Marianna Vitale, cuoca dell’anno per la Guida di Identità Golose

Impepata: mischiato delicato con cozze, pepe e limone. E’ uno dei piatti con cui Marianna Vitale, cuoca dell’anno per la Guida di Identità Golose, aprirà la giornata di Identità di pasta martedì 10 febbraio. Sul palco dopo di lei, Christian e Manuel Costardi, Luca Fantin, Viviana Varese, Enrico Croatti, Davide Scabin, Tony Mantuano, Andrea Berton e, per la prima volta nel format, Massimo Bottura

—–

CHEF A CERVINIA

Dal Clandestino a Cervinia
Il modenese Federico Zanasi ha lasciato Cedroni, ora è lo chef dell’Hotel Principe delle Nevi.

—–

DA NEW YORK PER VOI A MILANO

Daniel Humm (38 anni) e Will Guidara (34), rispettivamente chef e direttore di Eleven Madison Park a New York, 3 stelle Michelin e 4 stelle New York Times. Il loro successo, racconta per noi Ryan King, si fonda su una sintonia particolare tra sala e cucina, ricca di colpi di scena. I due terranno lezione a Identità Milano lunedì 9 febbraio alle ore 10.45 (foto thenomadhotel.com)

—–

WEEKEND PER GOURMAND. Crostacei svedesi: i migliori al mondo.

Il 22 settembre apre l’attesa pesca all’astice.

Il miglior posto dove acquistare i frutti di mare a Göteborg è il mercato del pesce ”Feskekörka, risalente al 1874, con numerosi pescivendoli e due ristorantini tra cui il ristorante Gabriels fisk- o skaldjursbar, gestito da Johan Malm, esperto di ostriche

Norvegia cibo 450 Anna_Skoog_ima52806_A5

Foto: Anna_Skoog_

SVEZIA cibo Bjertorps slott10_7_julbord_photocred_Anneli_Johansson

Foto: _Anneli_Johansso

CIBO 672 PESCE CROSTACEI RISTORANTI

Foto: G.Seregni

I crostacei della Svezia occidentale sono tra i migliori al mondo, grazie alla lunga maturazione nelle acque fredde.

Il 22 settembre apre l’attesa pesca all’astice quando in tanti, sia pescatori professionisti che privati, escono con le loro barche lungo la costa a nord di Göteborg, Bohuslän, per gettare le nasse nel mare sperando in una ricca raccolta.

Dal 22 settembre a novembrei pescatori, ristoranti e alberghi della regione propongono pacchetti weekend all’insegna dell’astice in diversi paesini pittoreschi.

Il pacchetto comprende un safari all’astice in barca con un pescatore partecipando alla cattura, seguito da una cena a base di questa prelibatezza in un ristorantino di charme a lume di candela, per poi concludere la giornata in un grazioso alberghetto.

Due proposte di pacchetti:
Safari all’astice a Fjällbacka, il paese di Camilla Läckberg: gli amanti dei gialli della Läckberg non posssono perdersi un weekend autunnale a Fjällbacka dove sono ambientati i suoi romanzi.

Pranzo, safari all’astice che include bollitura del proprio pescato, cena a base di astice più pernottamento. Info e prezzo su: Stora Hotellet Bryggan
Pacchetto astice a Smögen: soggiorno in una delle località più famose lungo la costa, piena di turisti in estate e di tranquillità e relax in autunno.

Safari all’astice, cena a quattro portate a base di astice, accesso alla spa e pernottamento. Tutti i dettagli su: Smögens Havsbad

Info su tutti i pacchetticon relativi prezzi:
http://www.vastsverige.com/en/Shellfishjourney/Lobster-packages/
È consigliata la prenotazione prima dell’arrivo in Svezia!

L’autunno è il periodo ideale per gustare anche altri frutti di mare della regione, in particolare gamberi, ostriche, cozze e gamberetti, tutti freschissimi e molto saporiti. Oltre ai safari dell’astice la costa occidentale invita ad ulteriori soggiorni gastronomici con uscita in barca con un pescatore (“Shellfish Journey”), tutti i prodotti garantiti a kmzero!http://www.vastsverige.com/en/Shellfishjourney

Un esempio:
Safari alle cozze con pernottamento in hotel art decò: con la barca M/S Märta da Ljungskile si arriva agli allevamenti di cozze nel fiordo Scanfjord. Dopo averle raccolte insieme al pescatore si torna a riva dove vengono bollite sopra fuoco vivo. Cena a base di prodotti locali e pernottamento in un romantico alberghetto dell’inizio del ‘900. I dettagli su: Villa Sjötorp.

Chi sceglie un pacchetto a Fjällbacka ed è appassionato dei gialli best seller di Camilla Läckberg può anche partecipare a un tour guidato a Fjällbacka per scoprire i luoghi descritti nei libri e nella fiction.

Il Läckberg murder mystery tour dura 45 minuti con prenotazione necessaria al info@kustguiden.eu, 120 sek (13 euro).
Si può anche scegliere di girare da soli con una cartina dei luoghi dei libri.Per chi ama la vista dall’alto da non perdere una passeggiata sulla cima di Vetteberget che sovrasta il paese e che offre uno stupefacente panorama dell’arcipelago.
A 30 minuti in barca da Fjällbacka si trova la riserva naturaleVäderöarna, le isole più occidentali della Svezia – luogo del delitto nel settimo libro della Läckberg “Il guardiano del faro“, che esce in Italia il 15 ottobre (Marsilio).
Un meraviglioso paesaggio con rocce estese di granito, un faro da dove ammirare l’arcipelago e un ottimo ristorante Väderöarnas värdshus.
A pochi chilometri dalla costa, a Tanum, si trovano le interessantissime incisioni rupestri dell’età del bronzo, Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO, in mezzo alla natura.

NOVITÀ AUTUNNO 2014:
Weekend con safari al gambero e ritmo urbano!Chi decide per un weekend sulla costa deve assolutamente fare un salto a Göteborg, città di partenza per raggiungere i vari paesini lungo la costa.

La seconda città della Svezia, è una città molto giovane e dinamica dove la maggior parte delle attrazioni, negozi e ristoranti sono raggiungibili a piedi. Göteborg è anche una della destinazioni culinarie più apprezzate della Svezia (con 4 ristoranti stellati) grazie ai sempre più numerosi chef innovativi e agli ingredienti di alta qualità.
Ora si può prenotare un pacchetto che combina un soggiorno di relax sul mare a Fjällbacka dove vivere il safari all’astice (22/9-2/11) oppure safari al gambero (maggio-ottobre) con un soggiorno nella vivace Göteborg presso il grande hotel Gothia Towers situato vicinissimo a diversi attrazioni e a quartieri molto frequentati la sera (e il cui sky bar serve i panini ai gamberetti più grandi della Svezia!).
Il pacchetto include:1 pernottamento a Fjällbacka e 1 a Göteborg, safari all’astice o ai gamberi, 1 pranzo e 2 cene.Vedere: http://www.vastsverige.com/en/products/176897/Crayfish-safari-with-city-pulse-Gothenburg-meets-Bohuslan/
Il miglior posto dove acquistare i frutti di mare a Göteborg è il mercato del pesce ”Feskekörka, risalente al 1874, con numerosi pescivendoli e due ristorantini tra cui il ristorante Gabriels fisk- o skaldjursbar, gestito da Johan Malm, esperto di ostriche e campione del settore.
Altri ristoranti specializzati in pesce e frutti di mare sono Fiskekrogen, Lilla Torget 1, Sjömagasinet (una stella Michelin), Adolf Edelsvärds gata 5, Sjöbaren i Haga, Haga Nygata 25, e, per un pranzo fast food tipico della zona, raccomandiamo “Strömmingsluckan”, carrettino ambulante, che serve aringa fritta in burro servita sul pane o con purè di patate, Magasinsgatan 17.

COME ARRIVARE:

Per raggiungere Göteborg dall’Italia si vola non stop con la Ryanair da Orio al Serio (Bergamo) 2 volte alla settimana (fino al 3 novembre) e da Roma (Ciampino) 2-3 volte a settimana (tutto l’anno).
Con la Norwegian da Roma (Fiumicino) 2 voli non stop alla settimana. Con la SAS si raggiunge Göteborg via Copenaghen ogni giorno da diversi aeroporti italiani. Il modo più veloce e facile per arrivare da Göteborg a Fjällbacka e Smögen è in macchina (1 h30 min).

INFO: pacchetti weekend http://www.vastsverige.com/en/Shellfishjourney
Göteborg: http://www.goteborg.com/en/Languages/Italiano/Start/
Dove mangiare a Göteborg: http://www.goteborg.com/en/Eat/Eat-Startpage/

TARTUFO FIERA INTERNAZIONALE AD ALBA

TARTUFO E VINO, GLI INGREDIENTI DELL’AUTUNNO PIEMONTESE SECONDO HOMELIDAYS.IT

PIEMONTE 400 tartufi

ALBA.

Piemonte 400

Piemonte Alba Tartufo 400

11 ottobre-16 novembre 2014

È pensare che non si conosce il nome del primo maiale che ha trovato un tartufo!
(Edmond de Goncourt)

Un buon bicchiere di vino rosso, un risotto al tartufo e la magnifica vista delle colline piemontesi come contorno.

Nulla come una pausa autunnale nelle Langhe può riconciliarci con il mondo e farci assaporare il gusto di uno stile di vita più rilassato.  Inebriante è il paesaggio che si prospetta agli occhi, così come il sapore della tradizione enogastronomica locale, che in autunno viene celebrata con sagre, feste e appuntamenti di rilievo come

-la Fiera Internazionale del tartufo d’Alba, un appuntamento imprescindibile per tutti i buongustai e gli amanti della filosofia “slow food”. 

Nelle Langhe, i piaceri del palato si traducono in cibo per la mente. Sulle colline note per la produzione vitivinicola e l’abbondanza di tartufo, la locuzione latina Mens sana in corpore sano prende forma tra un Barolo d’annata e un Nebbiolo di prestigio, una passeggiata tra i vigneti e una degustazione del pregiato tubero.

Con HYPERLINK “http://www.homelidays.it/”Homelidays, sono tante le possibilità offerte a chi desidera respirare il profumo dell’autunno in Piemonte e partecipare a uno degli eventi enogastronomici più importanti d’Italia, che quest’anno si terrà dall’11 ottobre al 16 novembre 2014.

 Nelle campagne di Alba – Per non perdere gli appuntamenti più importanti della Fiera del Tartufo e soggiornare in un ambiente tranquillo e appartato, a soli 10 minuti dalle maggiori attrazioni, Homelidays propone un’antica tenuta di campagna dell’800, accuratamente ristrutturata e immersa nel verde. Per soggiornarvi:  HYPERLINK “http://www.homelidays.it/casa-vacanze/p6581420” Annuncio n° 6581420 – Appartamento per 5 persone, a partire da 80 € a notte.

Nel centro storico di La Morra – Nel cuore di uno dei più bei borghi delle Langhe, di fronte al Palazzo Comunale e alla chiesa barocca, un appartamento nuovo e moderno offre agli ospiti un ottimo punto di appoggio per partire alla scoperta delle migliori cantine della zona. Per soggiornarvi:  HYPERLINK “http://www.homelidays.it/casa-vacanze/p6441767” Annuncio n° 6441767 a partire da 64 € a notte per 4 persone.

Nel Barolo Golf Club – Vino e cibo di qualità si uniscono al golf per donare all’appassionato giornate di sport, relax e eccellenze del gusto in questo moderno appartamento di 90 m² situato all’interno di un contesto unico. Tutto ciò che si può desiderare da un soggiorno nelle Langhe, in un solo luogo. Per soggiornarvi: HYPERLINK “http://www.homelidays.it/casa-vacanze/p6656841″Annuncio n°  6656841 a partire da 90 € a notte per 5 persone.

 

 

 

 

 

 

ARTUSI, IL GRANDE CUOCO: MODERNO O SUPERATO?

DA NON PERDERE: A SAN MAURO PASCOLI

-Processo in piena regola, con tanto di accusa e difesa guidate da studiosi e cuochi.

Processo Artusi: moderno o superato?

A confronto Alfredo Antonaros-Silverio Cineri (accusa);

Piero Meldini–Alberto Faccani (difesa)

Il verdetto sarà emesso dal pubblico presente

Domenica 10 agosto ore 21,00

La Torre-Villa Torlonia a San Mauro Pascoli (Fc)

 San Mauro Pascoli (Fc)

– Chissà cosa penserebbe Pellegrino Artusi se fosse ancora tra noi e domenica 10 agosto si trovasse nella cittadina di San Mauro Pascoli.

-Non a un evento celebrativo tra i tanti che quotidianamente la penisola gli tributa, bensì a un

-Processo in piena regola, con tanto di accusa e difesa guidate da studiosi e cuochi, e il verdetto emesso dal pubblico presente.

Chissà cosa penserebbe, almeno per due ragioni: prima di tutto per il luogo che lo processa, quel paese che ha dato i natali a Giovanni Pascoli, il poeta che fece del Passatore un’icona “cortese”, schiaffo in piena regola all’Artusi che subì sulla propria pelle le atrocità del personaggio.

Poi perché il Processo avverrà in una terra di Romagna, dalla quale si allontanò poco più che trentenne, per farvi ritorno saltuariamente, salvo poi ricordarla nel suo cospicuo lascito testamentario alla città di Forlimpopoli (un milione e 700 mila euro di oggi).

Insomma, chissà cosa bollirebbe nell’animo del gastronomo di fronte all’interrogativo che il 10 agosto aleggerà sul suo nome nel corso della serata: la sua cucina è moderna o superata?

Alla Torre pascoliana alle 21,00 se lo chiederanno lo scrittore e giornalista enogastronomico, Alfredo Antonaros Taracchini nei panni dell’accusatore, e Piero Meldini, membro del Comitato scientifico di Casa Artusi, nelle vesti di difensore.

Novità di questo processo sarà

-l’ingresso di due illustri firme della cucina, per la prima volta sul grande palco della Torre: in sostegno della difesa lo chef AlbertoFaccani (Ristorante Magnolia Cesenatico), nei panni dell’accusatore Silverio Cineri (Ristorante Silverio Faenza). Presidente del Tribunale Gianfranco Miro Gori, fondatore del Processo e Presidente di Sammauroindustria. Il verdetto sarà emesso dal pubblico presente munito di paletta. L’evento è organizzato da Sammauroindustria, associazione pubblico privato di San Mauro Pascoli.

Ma quanto è attuale la cucina dell’Artusi?

L’accusatore Taracchini non ha dubbi:

-“Artusi non è più moderno e attuale e, probabilmente, è del tutto superato. Non per colpa sua, bensì perché i tempi sono cambiati, in primis il rapporto col cibo. Ce lo vedete voi oggi il suo Manuale in un’epoca che ha sempre fretta e che ha fatto del web la sua religione?”. E mette le mani avanti sul clima del Processo: “Non vorrei che si affermasse la legittimasuspicione, cioè il sospetto che l’ambiente locale (la terra di Romagna in cui il dibattimento ha luogo) possa influenzare giuria e testimoni durante un processo in cui è imputato uno dei romagnoli più illustri”.

Non la pensa allo stesso modo il difensore, Piero Meldini, secondo cui

— “Artusi è attuale non solo come letterato ma anche per la sue idea di cucina. La sua non è una cucina di campanile, esclusivamente legata alla tradizione romagnola, ma è invece una cucina eclettica, aperta all’Italia e al mondo”.

Insomma, nessuno  mette in dubbio, nell’Artusi, il suo essere il padre della cucina italiana. Piuttosto è all’oggi che si rivolge il Processo. Con buona pace del gastronomo, che per una sera si dovrà sedere sul banco degli imputati, in quello stesso tribunale che dodici anni fa assolse il suo nemico di sempre, Stefano Pelloni detto il Passatore. Difficile fare pronostici sul verdetto di questo processo, tanto più davanti a una giuria popolare. Di certo, nel caso di condanna dell’Artusi, lo schiaffo sarebbe eterno.

Un po’ di storia del Processo

Promosso da Sammauroindustria, il Processo è nato nel 2001 dall’idea di riaprire il caso sull’omicidio del padre del Poeta, Ruggero Pascoli, assassinato in un agguato il 10 agosto del 1867. Da quella prima intuizione si sono susseguiti, il 10 agosto di ogni anno, altri Processi su personaggi che hanno fatto la storia della Romagna (e non solo): il Passatore di Romagna (2002), La cucina romagnola (2003), Mussolini (2004), Mazzini (2005), Secondo Casadei (2006), Garibaldi (2007), Togliatti (2008), Badoglio (2009), il Romagnolo (2010), Cavour (2011), Processo d’Appello Pascoli (2012), Rubicone (2013).

I protagonisti del Processo.

Piero Meldini. Riminese, si occupa di storia dell’alimentazione e della cucina dalla seconda metà degli anni Settanta. In questo campo ha scritto, tra le altre cose, La cucina dell’Italietta (1977), Le pentole del diavolo (1989), Le ricette d’e’ Gnaf (1997), La cultura del cibo tra Romagna e Marche (2005) e Gli Italiani e il cibo negli ultimi due secoli (2013). Ha collaborato dalla fondazione alla scomparsa al mensile “La Gola” e fa parte del Comitato scientifico di Casa Artusi. È anche autore di cinque romanzi di successo tradotti in sei lingue.

Alfredo Antonaros Taracchini. Autore e conduttore con la Rai, dal 1999, sul canale RaiSat Gambero Rosso Channel, su alcuni programmi televisivi di Rai1 e alcune rubriche di Radio Uno Rai  (Linea Verde, Tornando a casa). Come gastronomo è stato membro della giuria del Food Festival di Hong Kong, Festival mondiale della cucina cinese, e del Festival Gastronomico dell’America Latina e dei Caraibi, promosso a Puebla (Messico) dall’Unesco, e a tutte le edizioni del Festival Mistura di Lima (Perù) dove, nelle prime due edizioni, ha coordinato la partecipazione dell’Italia. È autore dell’unica Storia universale del vino scritta, negli ultimi ottant’anni, in italiano da un ricercatore italiano, e di tre saggi interamente dedicati al carattere dei romagnoli. E’ anche autore di drammaturgie, saggi e romanzi, alcuni dei quali tradotti all’estero.

Silverio Cineri. Chef e titolare del Ristorante Silverio di Faenza, è tra le firme più illustri della cucina dell’Emilia Romagna, definita da Veronelli cucina ‘cineriana’ evitando così di classificarla con modalità standard. Tra gli aderenti dell’Associazione CheftoChef, è autore di numerose pubblicazioni sulle tradizioni e la cultura gastronomica. Per citarne alcune, Arte e convito, Cucina poetica, La mia infanzia a tavola. Curiosità, per il Comune di Bologna ha girato lo spot ‘Sembra facile dire tortellino’, giallo di Carlo Lucarelli e Giampiero Rigosi.

Alberto Faccani. Nato a Bologna poco più di trent’anni fa, è considerato uno dei migliori chef italiani. Dal 2003 ha aperto il ristorante Magnolia a Cesenatico, col quale nel 2005 ha ricevuto la Stella Michelin. Fa parte dell’associazione Jeunes Restauraters d’Europe e CheftoChef. Tra i riconoscimenti, nel 2009 ha vinto la settima edizione del Festival Internazionale del Brodetto e delle Zuppe di Pesce di Fano, a Pesaro Urbino. Il Magnolia è anche scuola di cucina e servizio catering, attraverso i quali porta la cucina del suo locale in tutta Italia.

Informazioni per il pubblico.

“Processo Artusi: moderno o superato?

Domenica 10 agosto – Ore 21,00

Villa Torlonia La Torre – San Mauro Pascoli

In caso di maltempo l’iniziativa si svolgerà nella sala degli Archi sempre alla Torre.

Info: Sammauroindustria tel. 0541-933656

Ingresso libero.

AGRITURISMO ? NOSTRANO? SAGRE TAROCCATE, UNA TRUFFA COMUNE !

SONO 27.000  LE SAGRE TAROCCATE CHE OFFRONO PRODOTTI IMPORTATI !

560 MILIONI DI EURO E’ IL FATTURATO DELLE SAGRE TAROCCATE.

Pare che le sagre, degne di questo nome, siano solo 15.000/16.000 circa.

LE MULTE SONO RIDICOLE: SOLO 200-300 EURO PER CHI METTE SUL BANCO PRODOTTI INADEGUATI.

Ci eravamo accorti anche noi quando abbiamo trovato in un negozio di provincia il farro a quasi metà prezzo, stesso produttore e tipo di prodotto, rispetto alla fiera del paese; dove lo avevamo acquistato il giorno prima con il buon proposito di aiutare i produttori locali!

 Due  agriturismi su tre sono finti  (ovvero non sono legati ad una vera azienda agricola e non servono i loro prodotti). Anche di questo ce ne eravamo accorti da tempo, quando ci hanno presentato un agriturismo che aveva i bagni con le piastrelle firmate Versace; un kitsch impensabile per un vero agriturismo che si rispetti e che si è procurato onestamente il capitale da investire.

Per non parlare di pranzi di gruppo dove si era  mangiato veramente male; almeno per chi le lasagne se le fa in casa da sempre.

 Nelle sagre vengono vendute anche le lasagne della Metro, scongelate, come afferma il giornale La Repubblica a pag 25; venerdì 25 aprile 2014.

 Purtroppo le truffe arricchiscono velocemente: immaginate la differenza di costo tra il contadino che fatica a produrre usando il suo concime per la produzione agricola  e invece chi  il prodotto più scadente sul mercato all’ingrosso, sicuramente di produzione industriale estera, e non paga l’IVA ed è esente dall’IRPEF come il vero contadino…

 Pensate a quanto guadagna il produttore di miele che lo sostituisce con una pasta fatta con aromi e zucchero cotti, o vende il suo miele come produzione locale mentre invece si tratta di miele scadente industriale o quello di provenienza dai paesi dell’est; che costa notevolmente meno !

Per saperne di più: www.coldiretti.it   www.fipe.it

Fonte dei dati: Coldiretti e Fipe