Archivi tag: DONNE – medico VIOLENTATE E IGNORATE in Sicilia – ma non solo ….

DONNE – medico VIOLENTATE E IGNORATE in Sicilia – ma non solo ….

SERAFINA STRANO – DOTTORESSA CORAGGIOSA DENUNCIA IN TELEVISIONE
UNA STORIA DA MEDIOEVO

La dottoressa Serafina Strano, è stata violentata durante il suo turno di Guardia Medica notturna a Trecastagni, in provincia di Catania

NELLE GUARDIE MEDICHE D’ITALIA VI SONO SITUAZIONI DI GRAVE PERICOLO

IN TRIBUNALE NON HA VUTO NEMMENO IL CONFORTO DELLA PRESENZA DI UN RAPPRESENTANTE UFFICIALE DELL’ORDINE DEI MEDICI (lo ha riferito la TV La7 nella trasmissione: “Non è l’Arena” di Massimo Giletti)

Lo stupro NON è come una caduta dalle scale …. !!! Per chi non lo avesse ancora capito !!!

Dopo una violenza la dottoressa è stat dichiarata dall’apposito comitato di Palermo:

“ NON INDONEA A TORNARE AL LAVORO ” – Ma non è stata accettata la sua richiesta di trasferimento in un luogo di lavoro più sicuro !!!

Più sotto:

ITALIANA TORNA NEL SUD DEL SUDAN PER INCHIODARE GLI STUPRATORI ma …

::::::::::

SERAFINA STRANO, NON è l’UNICA DOTTORESSA VIOLENTATA IN UN PRONTO SOCCORSO

Alla trasmissione televisivo era presenta anche un’altra dottoressa; Mia Francesca Falconi, anche lei con esperienza nell’ambito delle violenze nelle guardie mediche.

Entrambe hanno dichiarato di altre donne – medico accoltellate …

MA LE MUSURE DI PREVENZIONE ADOTTATE SANNO SOLO DI RIDICOLO: NON COLLAUDATE, NON EFFICIENTI …

SERAFINA STRANO – in televisione risponde di continuare la sua battaglia, grazie alla rabbia che è diventata la sua forza.

Nemmeno un citofono a difesa della dottoressa sola nella guardia medica in piena notte; obbligata ad aprire il portone senza vedere chi ha bussato.

I braccialetti introdotti, come ?? SICUREZZA ???, solo dopo numerose pressioni, portano alla possibilità di parlare, dopo avere composto il numero del caso, da un altro telefono , fuori dalla stanza dove è in atto il pericolo …per chiedere aiuto !!!

PRIMA DELLO STUPRO LA DOTTORESSA SERAFINA STRANO, ed altre, AVEVANO SEGNALATO ALLE AUTORITA’ COMPETENTI I RISCHI E LE DIFFICOLTA’ CHE DOVEVANO AFFRONTARE QUOTIDIANAMENTE … senza ricevere risposta !!!

PER LEGGE LE AUTORITA’ COMPETENTI DEVONO PROVVEDERE AD ADEGUATI PRESIDI NELLE ZONE SEGNALATE COME PERICOLOSE ….

IL FATTO SOPRA SEGNALATO è AVVENUTO IL 19 SETTEMBRE 2017, PRESSO UNA GUARDIA MEDICA IN SICILIA – alle ore 24.

La dottoressa conosceva il paziente che aveva già chiesto, in passato e più volte, un antidolorifico.

Le telecamere, come in  molti latri luoghi,  esistono solo fuori dall’ambulatorio … ed hanno segnalato ingresso del violentatore, tentativi di fuga della vittima … ma non quanto accaduto nell’ambulatorio – dove NON sono previste telecamere di sicurezza !!!

Il violentatore era un culturista, che non ha avuto problemi ad immobilizzare la donna – medico.

Quando, alla fine ha chiesto un accendino, la dottoressa ha colto l’occasione per scappare fuori dall’ambulatorio, ma è stata immediatamente immobilizzata di nuovo.

Durante l’aggressione, alla dottoressa, sono stati anche tappati la bocca e il naso; così ha compreso che avrebbe anche potuto morire; se non avesse cercato in qualche modo di non irritare ulteriormente l’aggressore …. la morte per asfissia è un fatto già accaduto durante uno stupro e ben presente nella memoria della dottoressa.

NON ULTIMO PER IMPORTANZA IL RISCHIO CHE OGNI DONNA CHE LAVORA IN ORARI NOTTURNI DEVE AFFRONTARE NEGLI SPOSTAMENTI IN AUTO O MEZZI PUBBLICI.

La maggioranza si fa accompagnare, ma non a tutte questo è possibile.

::::::::::::::::::

ITALIANA TORNA NEL SUD DEL SUDAN PER INCHIODARE GLI STUPRATORI

Ora è la comunità internazionale che deve fare pressione affinché quella busta venga aperta e sia fatta giustizia. In un paese dove la giustizia è una parola dai significati ambigui …

L’operatrice umanitaria era stata stuprata con altre cinque donne, dai soldati governativi nel 2016.

Il Sudan è al 165° posto, su 188, tra i paesi dove è più bassa la Gender Inequality.
Index ONU, che misura la disparità di genere.

L’italiana è stata l’unica a testimoniare davanti alla corte marziale locale.

Per farlo, ha dovuto tornare nel paese dove era stata stuprata; le è stato impedito di testimoniare e deporre a distanza.

Lì le donne subiscono violenza e stupri tutti i giorni, ma non hanno la possibilità di denunciare; per vari motivi legati alla situazione locale.

Questo è di fatto il primo processo per violenza sessuale come crimine di guerra del paese.

L’esito di quel processo non è ancora stato reso noto e rimane chiuso in una busta; il giudice è morto un mese dopo avere emesso la sentenza.

Ora è la comunità internazionale che deve fare pressione affinché quella busta venga aperta e sia fatta giustizia.
In un paese dove la giustizia è una parola dai significati ambigui … !