Archivi tag: Pamela Mastropietro aveva solo 18 anni e violenza degli immigrati nigeriani

Violenze inaudite su Pamela Mastropietro e l’ombra della mafia nigeriana

Pamela fatta a pezzi da un branco di nigeriani ?

Un quarto nigeriano indagato .

Sono 500.000 le persone in Italia che DOVREBBERO ESSERE RIMPATRIATE – PERCHE’ DELINQUONO O SONO PERICOLOSE O COMUNQUE NON HANNO TITOLO PER RESTARE IN ITALIA

Informativa dell’Ambasciata nigeriana a Roma 2011:

-“Vorremmo attirare la vostra attenzione sulla nuova attività criminale di un gruppo di nigeriani appartenenti a sette segrete, proibite dal governo a causa di violenti atti di teppismo: purtroppo gli ex membri di queste sette, che sono riusciti ad entrare in Italia, hanno fondato nuovamente l’organizzazione, principalmente con scopi criminali”.

COSA HA FATTO L’ITALIA DAL 2011 A OGGI, 2018, PER QUESTO ??? !!!!

Si parla anche di uccisioni rituali, tipiche della “cultura” nigeriana … ma le stesse cose le dice il Corano estremista dei wahabiti … che predica di violentare e uccidere tutte le donne che non rispettano la Sharia .

Il fatto di Pamela, con tutto il rispetto per il dolore della famiglia e per lei stessa, sta svelando un’incapacità vergognosa di riconoscere la verità, di affrontare una popolazione problematica che ospitiamo in Italia tra carceri e delinquenza  …

SENZA MAI DIVIDERE BENE CHI LAVORA ONESTAMENTE E CHI E’ QUI SOLO PER DELINQUERE

IL TUTTO ALLA LUCE DEL GIORNO

ALLA VISTA DI TUTTI

Uno dei nigeriani che ha partecipato a fare a pezzi Pamela è stato anche alloggiato in un albergo 4 stelle …. (Lo scrive Libero).

:::::::::::

BASTA PARLARE DI PERCEZIONE

COME SE I CITTADINI FOSSERO UNA MASSA DI ASINI CHE NON SAPPIANO RISALIRE AI DATI SERI;  QUELLI INCONTESTABILI

sappiate che è facile dire che siano più le violenze degli italiani; rispetto a quelle straniere.

Ma non si dice che la popolazioen straniera è solo dell’8% e questo, se non detto come avviene regolarmente nei dibattiti radiofonici o televisivi,  cambia tutto il risultato; non cadete nel tranello !

Avevamo già scritto il 9.2.18 e giorni recedenti

Pamela Mastropietro aveva solo 18 anni !!!

Tre i nigeriani fermati: contestato l’omicidio.

Oshegale è stato interrogato durante la notte; ad inchiodarlo c’è anche la testimonianza  da un cittadino straniero, estraneo ai fatti, che ha dichiarato di avere visto il nigeriano nella serata del 30 gennaio in possesso delle valigie contenenti i resti di Pamela.

 Altri fermati: Awelima Lucky, 27 anni, e Desmond Lucky, il pusher che risultava già indagato.

NON SI TRATTA DI PERCEZIONE, MA DI UN FATTO MATEMATICO (e chi parla di percezione usa la parola per non affrontare la realtà dei fatti):

gli immigrati o migranti sono solo l’8% della popolazione, ma incidono pesantemente sulla delinquenza nel nostro Paese

dati ufficiali; controllate su altri siti seri:

IL 50% DEI FURTI IN ITALIA E’ DOVUTO A IMMIGRATI O MIGRANTI

IL 40% DELLE VIOLENZE ALLE DONNE E’ DOVUTO AGLI IMMIGRATI (che sono solo l’8% delle persone presenti in Italia; quindi la delinquenza dei migranti e matematicamente altisssima rispetto a quella degli italiani).

E’ inutile dire che la maggioranza dei crimini è di italiani, senza fare le dovute percentuali.

Al 1 gennaio 2016 gli stranieri residenti in Italia erano 5.026.153, pari all’8,3%

Nel 1990 gli stranieri erano lo 0,8% della popolazione, nel 2000 il 2,5%, e solo nel 2006 hanno superato il 5%.

Il corpo fatto a pezzi di Pamela Mastropietro è ridotto in modo tale che l’anatomopatologo che ha analizzato il cadavere ha detto:

-io stesso con gli attrezzi di chirurgia a disposizione avrei bisogno di più di 10 ore per fare quel lavoro …

Risultato autopsia:

La ragazza, ancora viva,

-ha ricevuto un colpo alla testa con un corpo contundente

-un colpo al fegato

Da morta:

-gli sono stati asportati il cuore e gli organi genitali

-il corpo è stato lavato con candeggina…

NON NE PARLIAMO PERCHE’ CI SONO LE ELEZIONI

PRECISIAMO ANCHE CHE CHI SCRIVE HA VIAGGIATO IN TUTTO IL MONDO E PURE LAVORATO IN AFRICA, INCONTRANDO PERSONE MERAVIGLIOSE; ma oggi il mondo è cambiato, i pericoli sono aumentati, le diffidenze e gli odi si sentono quasi ovunque … come la morte per fame che prima, non c’eraprima che arrivassero le ONLUS, gli africani erano poveri ma quasi tutti avevano il minimo per sopravvivere ed avevano sguardi felici.

Vogliamo anche precisare che, anche per esperienza personale, alcune notizie non vengono riportate nella loro interezza; impedendo ai cittadini di farsi una propria, sperabilmente equilibrata, opinione.

::::::::

Piccola parentesi

COME FUNZIONA L’ITALIA IN QUESTO MOMENTO ?

Un piccolissimo esmpio per spiegare l’Italia di oggi in poche righe:

  • è uscita la legge che riconosce che la malattia dell’Alzheimer, in Italia, sarà curata gratuitamente; indipendentemente dal reddito della persona.

Sino all’altro giorno abbiamo letto, su tutto i giornali, che la sanità ha gravissimi problemi economici.

Sembra che le leggi che si fanno non siano in sintonia con la situazione italiana e quello sopra è solo un esempio.

:::::::::::

TORNANDO AL TEMA DELLE VIOLENZE DA PARTE DI MOLTI MIGRANTI

Senza che gli italiani diventino razzisti, è giusto segnalare i pericoli ai quali stiamo andando incontro;  i politici devono capire che abbiamo dei problemi seri da risolvere e non siamo interessati a nessuna fantasiosa promessa fatta da chi, forse, non  conosce lui, per primo, bene il problema o non ha la volontà, faticosa, di gestirlo onestamente.

Per esempio, chi abita a Como, vive in una città con numerosissimi africani ventenni che in attesa di asilo, bighellonano per la città tutto il giorno, prendono treni per Milano senza pagare il biglietto, sempre senza fare nulla, nemmeno studiare l’italiano … e ci vengono in mente i problemi di terrorismo delle terze generazioni in Francia, Belgio ecc…

I ventenni che passeggiano tutto il giorno per Como e sulle sponde dle lago,  sono vestiti meglio dei nostri giovani della periferia e con modelli di telefono che quasi nessuno dei pensionati può permettersi.

L’affermazione è stata fatta perché è serio occuparsi di tanti giovani nullafacenti, ventenni, visto che sono una bomba innescata; cosa faranno quando non otterranno l’asilo politico ?

Il loro livello culturale è bassissimo e non sembra che siano preparati a fare lavori di basso livello; fisicamente faticosi … è evidente che sono qui, a parte i pochissimi che vengono veramente da zone con diritto d’asilo, per ragioni economiche come faranno quei soldi che servono a vivere come vivono oggi, pagati dalle nostre tasse  ???

Se ne incontrano tanti gruppi, in tutta la città, a ogni ora del giorno, passeggiano lungo il lago e prendono il bus e molti hanno una tessera gratuita; che i pensionati non hanno.

Ecco quello che dovrebbero capire gli intellettuali e i politici italiani; e questo non si chiama razzismo si chiama buon senso, guardare al di la’ del prorpio giardinetto …

::::::::::::

 

Non possiamo non evidenziare altre parole dell’anatomopatologo che fanno pensare: anche un esperto di anatomia con attrezzi adeguati avrebbe fatto molta fatica a tagliare così perfettamente quel corpo ed eliminare le parti in una casa con a disposizione solo un bagno pe rfare questo lavoro … .

A proposito dei Nigeriani.

 

Buhari, leader della Nigeria dice: colpa nostra la cattiva reputazione all’estero.
In Nigeria sanno bene che in Europa moltissimi immigrati nigeriani finiscono in prigione.

Lo sostiene il prestigioso giornale britannico Telegraph.

Il presidente della Repubblica Federale di Nigeria, l’ex generale Muhammadu Buhari ha dichiarato:

«Alcuni nigeriani dicono che la vita nella loro patria sia troppo difficile, ma è anche vero che hanno reso difficile farsi accettare dagli europei e dagli americani, a causa del numero di nigeriani detenuti in carcere in tutto il mondo accusati di traffico di droga o di traffico di esseri umani … Non penso che i nigeriani abbiano qualcuno da incolpare: possono rimanere a casa loro, dove possono rendersi utili per ricostruire il paese».

E, aggiungiamo noi, devo stare nel loro paese perché è loro dovere, poiché giovani e forti, combattere Boko Haram e i suoi estremisti islamici che continuano a violentare donne, imprigionarle, e mandare bambini a combattere.

Abbiamo gli accordi con la Nigeria per i rimpatri perchè non li facciamo? Come con le altre nazioni del nord Afric a, con le quali abbiamo l’accordo che permette di rimpatriare almeno i delinquenti. Inoltre l’Europa ha almeno accordi con 7 nazioni per rimpatri forzati; approfittiamone, diamoci da fare e inseriamoci nell’accordo …

Una recente statistica pubblicata dal quotidiano Vanguard (con sede a Lagos), spiega come 170mila nigeriani siano detenuti all’estero; in carcere per traffico di stupefacenti e di esseri umani e vari reati di immigrazione, oltre a 10mila donne forzate a prostituirsi in Europa.

Sono i giovani nigeriani e la criminalità che comanda sui flussi di migranti verso l’Europa e Sud Africa; dove pure si segnalano forti tensioni contro la comunità nigeriana.

Dalla Nigeria arrivano i dati che pongono i nigeriani tra i primi nelle classifiche dei richiedenti asilo in Italia.

Il Viminale ha dichiarato che più di 1500 nigeriani lo scorso novembre,1900 a ottobre 2018, circa lo stesso numero a settembre sono arrivati in Italia.

La mafia nigeriana è definita la più temibile al mondo.

La Direzione Investigativa antimafia ha lanciato l’allarme sulla mafia nigeriana in Italia.