Archivi tag: ZONE A RISCHIO TERRORISMO O SALUTE – DOVE ANDARE E COSA EVITARE – Infromazioni per turisti

ZONE A RISCHIO TERRORISMO O SALUTE – DOVE ANDARE E COSA EVITARE – Informazioni per turisti

L’ultimo attacco a Londra, prova che il rischio è sempre alto.

L’attacco di Manchester ci ricorda che tutti i luoghi di ritrovo e divertimento, ma anche ogni assembramento di persone come un aeroporto o una stazione ecc.. sono i preferiti dai terroristi, perché possono colpire più persone contemporaneamente.

In questo momento la Russia è tra le mire del fondamentalismo; a causa della forte azione di Putin contro il terrorismo. In particolare in Siria. Ma rimane sempre molto remoto il rischio di finire proprio nel centro di un attentato.

Gli ultimi sviluppi ci dimostrano che ogni città Europea, ma non solo, può essere  oggetto di attentato terroristico. Anche se ogni luogo è potenzialmente a rischio, per questo non dobbiamo cadere nella trappola di vivere nel terrore e modificare esageratamente la nostra vita normale.

Tra i luoghi considerati a rischio vi è  la bellissima città di Istambul; soprattutto se siete donne sole, non è il momento.

Premesso che dopo gli ultimi sviluppi della situazione internazionale,  dovremmo sempre più imparare a comportarci  e pensare come gli israeliani che, da moltissimi anni convivono con il terrorismo, ma continuano a vivere una vita normale.

Gli israeliani, sanno dalla prima infanzia che si devono adottare molte piccole cautele e un minimo livello di attenzione, dopo di che pensare di capitare nel mezzo di un attentato è, nel calcolo delle probabilità, molto più basso di avere un incidente statale. 

Non dimentichiamo che, a differenza di quanto molti pensano, per i turisti Israele è più sicura di qualunque città europea. Nessun attentato ha mai coinvolto gruppi di turisti.

Dicembre 2016: purtroppo l’Europa è ancora stata minacciata. Più a rischio sono i Paesi della Coalizione Internazionale che combattono l’Isis: Francia, Gran Bretagna, Danimarca, Belgio, Paesi Bassi, Canada, Australia e Giordania. Alle unità militari curde e irachene giungono anche gli aiuti militari inviati da Albania, Bulgaria, Repubblica Ceca, Germania e Italia.

——–

Dato per scontato che vivere è un continuo rischio; nel senso che non esiste un luogo sicuro; ci si può fare molto male anche stando in casa …

Chi non fosse andato all’estero per l’estate 2016 (per timore di atti terroristici), ma poi fosse finito in vacanza nella zona italiana di Matriciana e dintorni, ha rischiato la vita.

NESSUNO POTEVA PREVEDERLO.

D’ALTRA PARTE I VARI MINISTERI DEGLI ESTERI FANNO IL LORO DOVERE SEGNALANDO QUALI SIANO LE ZONE PIU’ A RISCHIO, MA OVVIAMENTE SI TRATTA SOLO DI INFORMAZIONI. OGNUNO POI NE DEVE TRARRE LE PROPRIE CONCLUSIONI; secondo il proprio punto di vista.

———-

PREMESSO CHE NEL CALCOLO MATEMATICO DELLE PROBABILITA’ E’ MAGGIORE IL RISCHIO DI UN INCIDENTE SU DI UN’ AUTOSTRADA ITALIANA, CHE INCAPPARE IN UN ATTENTATO TERRORISTICO DURANTE LE NOSTRE VACANZE; ecco quanto possiamo dedurre dai dati in nostro possesso.

Farnesina: 

” Negli ultimi anni lo scenario internazionale ha fatto registrare un progressivo mutamento. Nuovi fattori di rischio hanno fatto la loro comparsa su scala globale dando origine a minacce molteplici e difficilmente prevedibili … “.

Vedi http://www.viaggiaresicuri.it/home.html

NON VOLGIAMO TERRORIZZARE NESSUNO, NE DANNEGGIARE IL TURISMO; RIPORTIAMO SOLO DATI UFFICIALI E CONOSCIUTI.

Vedi anche al link http://www.donnecultura.eu/?p=25860 per conoscere i Paesi più pericolosi per le donne.

—–

PREMESSA:

Gli ultimi sviluppi dei fatti e il conseguente incremento di rischio terrorismo nel mondo, ci suggeriscono di imparare dagli israeliani come convivere con gli attentati.

Noi Europei non siamo abituati a convivere con la violenza sin da bambini, come succede da sempre agli israeliani.

Dobbiamo imparare a vivere senza avere terrore addosso, altrimenti, la nostra vita e di quelli che ci stanno vicino diventerebbe un inferno.

Per fare un esempio, i bambini israeliani, sono abituati a leggere, nelle loro scuole, i manifesti che danno le regole da seguire quotidianamente. Piccole attenzioni da mettere in atto, per essere vigili, ma non ossessionati.

Speriamo che il nostro governo si attivi in questo senso; basta poco per dimostrare, vera e concreta, buona volontà.

Quindi dobbiamo imparare a vivere stando più attenti a quello che ci succede intorno; questa è la prima regola per difendersi meglio.

—–

E’ anche evidente che alcuni Paesi siano, almeno nel calcolo delle probabilità, più sicuri di altri. Certamente i paesini di montagna, sperduti sulle Alpi, sull’Appennino o sui Pirenei, a meno che non siano un luogo di assembramento di rifugiati, danno più tranquillità di una grande città. Più sotto altre precisazioni.

———-

NON ANDATE IN EUROPA E STATE LONTANI DA GRANDI CITTA’ E ASSEMBRAMENTI SPORTIVI ; questo è quanto consigliano le autorità degli USA ai loro cittadini, DA MESI !!!

DATA LA SITUAZIONE ATTUALE: è impossibile prevedere dove, anche un solo individuo, possa colpire per fanatismo; propagandato dai terroristi internazionali. Ovviamente i grandi assembramenti di persone, fanno più gola al terrorismo che cerca un grande impatto mediatico.

Ecco cosa dice, DA MESI,  un comunicato USA: “Gruppi terroristici continuano a pianificare attacchi a breve termine attraverso l’Europa, avendo come obiettivo eventi sportivi, siti turistici, ristoranti, e trasporti”.

E’ SCONSIGLIABILE, ovviamente, PROGRAMMARE VIAGGI E VACANZE IN TURCHIA, EGITTO, TUNISIA,  E PAESI CIRCOSTANTI.

——

VIRUS ZIKA

L’ULTIMO PROBLEMA SANITARIO  RIGUARDA IL VIRUS ZIKA

IL MINISTERO DEGLI ESTERI ITALIANO SCONSIGLIA I VIAGGI NON INDISPENSABILI NELLE ZONE DI CONTAGIO: il pericolo è che, una volta tornati in Europa coloro che hanno il virus senza i sintomi, potranno trasmetterlo agli altri tramite la zanzara tigre o contatti sessuali.

PAESI DA EVITARE PER un  turista che non vuole, quasi, nessun rischio, ma …. (lo stesso fatto che stiamo vivendo vuole dire che rischiamo di morire in mille modi diversi; ovunque noi siamo):

-Messico

-Guatemala

-El Salvador

-Panama

-Colombia-

Equador

-Repubblica Dominicana

-Haiti

-Venezuela

-Guyana

-Suriname

-Bolivia

-Paraguay

Trovate tutte le info  riguardo il virus ZIKA al link http://www.donnecultura.eu/?p=28505

——-

DATA LA SITUAZIONE ATTUALE DI RISCHIO TERRORISMO, MA NON SOLO … per chi cerca i luoghi più tranquilli e sicuri

Premettiamo che, data la situazione attuale, ci sono alcune destinazioni e metodi di viaggio più  sicuri.

Un semplice esempio: raggiungere, dall’Italia, in auto, una destinazione di montagna in Svizzera è, nel calcolo delle probabilità, estremamente sicuro.

Tutta L’Italia di piccoli paesi molto lontani dalle città, è più sicura di altre destinazioni: pensiamo alla campagna toscana, alle colline e montagne del Veneto o Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Val d’Aosta.. per scendere sugli Appennini, piccole località liguri o umbre e poi via verso tutto il sud, sino alla punta estrema della Sicilia, Sardegna e piccole isole [Ovviamente nessuno potrà MAI prevedere gli atti di squilibrati e/o individui isolati o cellule dormienti che si attivano].

Eliminiamo le città più grandi (perché è più facile, nel calcolo delle probabilità, che nel grande numero si annidi qualcuno con cattive intenzioni).

Ognuno di voi, dopo avere letto quanto riportiamo più sotto, saprà comprendere quale può essere la destinazione che più lo rassicura; partendo dalla propria località di residenza.

I PAESI PIU’ SICURI DAL PUNTO DI VISTA DEL TERRORISMO SONO:

-LA SVIZZERA,

-VIETNAM,

-LE ISOLE DEI CARAIBI,

-CUBA,

-POTO RICO,

-COSTA RICA,

-SANTO DOMINGO…

-SINGAPORE,

-PANAMA.

-TAIWAN (Taiwan: attenzione ai monsoni; estati calde e umide, da maggio a settembre temperature medie di 28 °C, e “miti” stagioni invernali, da dicembre a febbraio, con temperature medie di 18 °C; nel periodo estivo l’isola è a volte colpita da violenti tifoni);

ovviamente rimangono i rischi, sempre presenti nel calcolo delle probabilità, di attentati negli aeroporti di scalo o sugli aerei; che, tuttavia,  sono inferiori ai rischi che corriamo tutti i giorni sulle nostre strade guidando un’auto o una moto (come già precisato più sopra).

————-

PARTICOLARMENTE A RISCHIO, IN QUESTO MOMENTO, sono:  PARIGI E ROMA, MA ANCHE LONDRA BRUXELLES, ISTAMBUL …MILANO soprattutto le metropolitane affollate, le stazioni ferroviarie; sempre gli aeroporti.

NON DIMENTICATE DI inserire i vostri dati e spostamenti al link del Ministero degli esteri: Dove siamo nel Mondo : https://www.dovesiamonelmondo.it/dovemondo/index.php?id=2&tipol=1

Il parere più autorevole riguardo alle situazioni pericolose nel mondo  lo trovate sul FOREIGN OFFICE INGLESE: https://www.gov.uk/foreign-travel-advice/greece/safety-and-security

VIAGGIARE

PERICOLI NEL MONDO

-Ora anche le Maldive sono sconsigliate, considerate pericolose le soste a Male.
Le agenzie di viaggio rassicurano, ma le Maldive non sono più quel paradiso che noi personalmente avevamo fotografato 35 anni fa, anche sott’acqua, quando la barriera corallina era viva anche in superficie. Quando nelle grandi e piccole isole non galleggiavano pezzi di plastica.

OGGI ALLE MALDIVE:  un’intera isola di rifiuti fronteggia la capitale e versa nelle acque tonnellate di pericolosissimi liquami rilasciati da computer, frigoriferi, televisori, telefonini ecc.. ammassati ormai da decenni. (Ma i turisti più distratti nemmeno se ne accorgono; anche se sono costretti a passarci vicino per raggiungere le varie destinazioni).

L’EGITTO, purtroppo, NON E’ TRA I  PAESI SICURI, ANCHE SE  IL GOVERNO EGIZIANO SI IMPEGNA MOLTISSIMO PER GARANTIRE I TURISTI .

ALTRO PAESE DA EVITARE IN QUESTO MOMENTO IL VENEZUELA.

RICORDARE SEMPRE CHE IL MESSICO,  sicuro se con gruppi turistici organizzati, RICHIEDE PER I TURISTI SINGOLI UNA GRANDE ATTENZIONE; COME PURE PARTE DEL CENTRO E SUD AMERICA ( vedi altre info più sotto ).

Crimine

Il furto di portafogli e borse è comune in tutte le metropolitane  e bus  o strade affollate del mondo; escludendo Singapore.

Lasciare gli oggetti di valore in un luogo sicuro; al vostro hotel o appartamento, ma state attenti fotografate tutto in modo che si veda dove sono localizzati in albergo, per eventuali denunce.

CI RISULTA CHE IN MOLTI PAESI NEMMENO LA CASSETTA DI SICUREZZA SIA SICURA; LASCIARE SEMPRE UN BIGLIETTO CON LA  CIFRA E L’ELENCO O FOTO DI QUANTO INSERITO (e tenetene una copia con voi); pare sia comune, in alcuni Paesi, sottrarre piccole cifre o solo un oggetto, in modo che il proprietario possa avere dei dubbi sul furto o non accorgersene…

-REGOLA GENERALE. Alcune zone di confine sono militarmente sensibili. Anche se è possibile visitare queste aree, si dovrebbe evitare di scattare fotografie o video. Si dovrebbe anche evitare di avvicinarsi o fare fotografie o riprese video di installazioni militari e aeroporti.

STRADE

Prestare particolare attenzione quando si viaggia su strada. All’estero in alcuni Paesi la guida è veramente pericolosa come in Centro America, Messico, Bali, Indonesia in genere, India ecc.. come minimo, se avete un incidente, avrete dei problemi anche molto gravi da risolvere.

IN CASO DI INCIDENTE E EVENTUALE TRASFUSIONE SANGUIGNA; IN MOLTI PAESI NON E’ AFFATTO CONSIGLIABILE (Paesi con grande diffusione di AIDS), IDEM SE ANDATE DAL DENTISTA; per non parlare dei contatti sessuali.

Assicurarsi che ogni veicolo che si noleggia sia in buone condizioni e verificare che ci sia un’assicurazione casco, fotografare eventuali segni prima di firmare il contratto

QUESTA NOTA DERIVA DALLA NOSTRA ESPERIENZA PERSONALE :

-noleggiare solo con compagnie di fama internazionale, costano di più ma danno migliori garanzie, oppure state bene attenti al contratto e ai particolari.

leggere ACCURATAMENTE IL CONTRATTO di noleggio !. ATTENZIONE PRETENDETE UNA FIRMA CHE ATTESTI CHE AVETE CONSEGNATO L’AUTO CON IL PIENO DI BENZINA, ALTRIMENTI POTRESTE TROVARVI DEI SOLDI SCALATI DALLA VOSTRA CARTA DI CREDITO COME SPESE DI BENZINA; questo vale in tutto il mondo.

A volte chiedono il passaporto come forma di sicurezza. Non consegnare il passaporto in nessun caso. Controllare i termini e le condizioni riguardanti i danni al veicolo.

Se avete intenzione di noleggiare un motorino avrete bisogno di una patente di guida valida  almeno per la categoria A1 – ‘motociclo leggero’. Categoria P,   valido per la Gran Bretagna per i ciclomotori  fino a 50cc, non è valida per la Grecia…INFORMATEVI BENE.

Per legge è necessario indossare un casco su uno scooter, ciclomotore o motociclo. I ciclisti devono indossare un casco integrale (o casco non integrale, più gli occhiali). Il mancato uso del casco potrebbe invalidare la vostra assicurazione di viaggio.

Nuoto

Seguire i consigli locali ; possono essere  presenti meduse o sqauli o correnti pericolose.

In Australia i pericoli sono moltissimi: dalle correnti improvvise anche vicino a riva, alle onde anomale; anche quando il mare è calmo, alle punture, anche mortali, di alcune meduse …

La conchiglia del Conus Textile contiene un mollusco con un pungiglione in grado di provocare anche la morte; non toccate grandi conchiglie, se possono contenere il mollusco vivo…

Sulle Barrire Coralline il pesce Pietra (sembra un pezzo della Barriera Corallina, fermo e immobile) può essere mortale, non accarezzate lo Pterois Volitans, detto anche  Pesce Leone o Scorpione; bellissimo per le sue pinne come piume.

———

Ecco il link più serio e aggiornato su quanto succede nel mondo per chi viaggia: https://www.gov.uk/foreign-travel-advice

Sulla base della nostra esperienza e di quella, ben più autorevole, di grandi viaggiatori per professione, questo è l’unico sito sul quale si può fare affidamento, gli altri sono generici e  scandalosamente imprecisi, per ignoranza dei fatti e incapacità professionale e perché un eccesso di prudenza  protegge chi conosce male quello di cui sta parlando.

—–

RIPORTIAMO QUI SOTTO DIVERSI PARERI AUTOREVOLISSIMI, COSI’ CHE POSSIATE FARVI UN’IDEA IL PIU’ PRECISA POSSIBILE DELLA SITUAZIONE ATTUALE

 

quasi tutto il nord/centro Africa e il Medio Oriente a partire da Istanbul  e TUTTA LA TURCHIA.

LA  FRANCIA, in questo momento, è sicuramente un obbiettivo possibile; visti gli ultimi avvenimenti. IDEM per il Belgio e Londra, ma anche le più vicine Roma o Milano.

Anche gli STATI UNITI, rientrano tra i possibili obbiettivi del terrorismo; lo ha detto recentemente un’autorità locale.

——-

La società  britannica che studia i rischi naturali ed umani, la Maplecrocroft, ha recentemente stilato una classifica dei paesi più a rischio di attentati, ponendo al primo posto la Somalia.

Ecco i risultati che interessano il turista

Per quanto riguarda gli Stati Uniti d’America, si deve affermare che il rischio attentati è medio. Dopo l’attentato alle Twin Towers, infatti, è aumentata notevolmente la soglia di attenzione, e di conseguenza anche il livello di sicurezza generale. Comunque sia, il rischio di attentati, negli Usa, è sempre possibile.

PURTROPPO DOPO GLI ULTIMISSIMI AVVENIMENTI LA TURCHIA E’ IL PAESE PIU’ A RISCHIO DI ATTENTATI, MA  NESSUN PAESE E’ SICURO AL 100%.

E’ chiaro, quindi, che chi vuole fare un viaggio dovrà sapere che una volta arrivato a destinazione, i controlli saranno sempre più minuziosi .

———

L’autorevole giornale “The Guardian” ha redatto una lista dei 20 posti  dove non è assolutamente consigliato recarsi.

Elenco dei più pericolosi…

RECENTEMENTE SI E’ AGGIUNTA LA TUNISIA

1) Iraq: particolarmente alta la percentuale di sequestri di stranieri

2) Afghanistan: nessuna zona può essere considerata tranquilla ma è  fortemente sconsigliato qualsiasi viaggio a Kabul

3) Cecenia, Ingushetia e Dagestan nel Caucaso settentrionale: pericolosità ai massimi vertici nella zona di Kabardino-Balkaria

4) Sudafrica: i percorsi turistici sono abbastanza al sicuro mentre al di fuori dei circuiti convenzionali c’è un alto rischio di furto d’auto, rapina ed omicidio

5) Giamaica:  i luoghi più pericolosi sono quelli che raramente i turisti frequentano, nelle periferie e nelle zone isolate; anche le spiagge deserte e le aree rurali sono da evitare anche nelle ore diurne

6) Sudan: sconsigliatissimi i viaggi in qualunque zona

7) Thailandia:  la zona lungo il confine con la Cambogia e nelle province del sud, Pattani, Yala, Narathiwat e Songkhla

8) Colombia rapimenti di bambini e sequestri in molte zone nelle aeree rurali e pericoli a causa dei campi minati. La Colombia sta ora andando verso una pacificazione e punta al turismo, ma si devono sempre seguire regole di buona prudenza.

9) Haiti: problemi di violenza e rapimenti di bambini in generale in tutto il Paese

10) Eritrea: pericoloso oltermodo i viaggi lungo i confini (sempre volatili a causa della guerra) con l’Etiopia e Gibuti

11) Repubblica democratica del Congo: basso rischio di terrorismo ma situazione instabile, sconsigliato recarsi nelle regioni orientali e nord-orientali

12) Liberia:  qualsiasi viaggio fuori dalla capitale è sconsigliato. Anche a Monrovia la situazione non è tranquilla per l’alto tasso di crimini armati e  dimostrazioni

13) Pakistan: pericolo in tutto il Paese specialmente nelle zone in cui sono in atto la guerra e le attività militari. Sotto attacco tutte le strutture frequentate da stranieri.

14) Burundi: alto rischio, anche nella capitale Bujumbura dove sono frequenti i crimini per strada, furti e assalti armati.

15) Nigeria: alto rischio di sequestri sul delta del Niger. Terrorismo generalizzato e crimini violenti soprattutto nel sud, incluso a Lagos

16) Zimbabwe: la situazione instabile sconsiglia qualsiasi viaggio

17) India: resta alta la pericolosità a Mumbai ,ma il resto del Paese è considerato sicuro ad eccezione delle aree rurali di Jammu, del Kashmir e del confine con il Pakistan. Rimane alto in tutto il Paese il rischio terrorismo e il rischio per le donne di subire violenze ( a meno che non conosciate bene quali sono le zone sicure ).

18) Messico: mentre il rischio terrorismo rimane basso, risulta alta e in crescita la violenza per le strade e nei mezzi pubblici. Segnalati anche recenti attacchi di squali ai surfers lungo le coste (problema che riguarda molti Paesi nel mondo)

19) Israele e i territori occupati palestinesi: alto il rischio di terrorismo e di sequestro. 5000 persone uccise dall’Intifada dal 2000 ad oggi… ma i servizi segreti sono tra i migliori del mondo ed è molto difficile che possa accadere un attentato contro i turisti.

20) Libano: continua la violenza a Beirut e in generale in tutto il Paese per cui è altamente scondigliato ogni viaggio

—-

Ecco cosa riporta la Farnesina:

per aggiornamenti in tempo reale vedi al link: http://www.viaggiaresicuri.it/home.html

Tra le zone più a rischio ci sono:

-TURCHIA

-BIELORUSSIA

-GUINEA

-UCRAINA

– Libia

 Israele  il ministero sconsiglia di recarsi soprattutto nelle aree situate entro 40 km dalla Striscia di Gaza

Egitto meglio evitare i viaggi, se non indispensabili, in località diverse dai resort; molti italiani continuano a tornare in Egitto con voli charter e rimanendo nelle strutture degli hotel che garantiscono una buona sicurezza. Il paese è economico, il clima eccellente e il Mar Rosso rimane un mare balneabile quasi tutti i mesi dell’anno escludendo, ma non sempre, dicembre gennaio e metà o fine febbraio (secondo le annate climatiche).

Marocco, qui il ministero dell’Interno locale ha recentemente segnalato un crescente rischio della minaccia terroristica. La polizia è molto attenta che nulla accada ai turisti.

Sono pericolosi i viaggi via terra dal Marocco verso la Mauritania e il Mali

-Ucraina

-Nigeria, in particolare nel nord-est per il rischio terroristico legato a Boko Haram.

Kenya; gli attacchi terroristici a Nairobi, Mombasa e zona costiera di Lamu, dimostrano che il Kenya non è un Paese sicuro a causa del progressivo e crescente attivismo di al Shebaab e gruppi locali; particolarmente  nella contea di Lamu

Indonesia  resta attuale il rischio di attacchi terroristici in tutto il territorio, in particolare nella capitale Giacarta e nelle altre maggiori aree urbane, si raccomanda la massima prudenza e cautela negli spostamenti; rimane possibile la ripetizione di un attentato a Bali nelle aree più affollate, come i ritrovi per giovani. Tranquille le spiagge.

Malaysia : la costa orientale del Sabah, da Kudat a Tawau, è teatro di gravi episodi di violenza a danno di turisti

Taiwan  rischio di tifoni anche di notevole intensità nel periodo estivo/autunnale sull’isola,

-idem sulle coste della Cina sud-orientale.