Archivi categoria: Senza categoria

Sgarbati per mancanza di tempo ? Lo sostengono gli americani e noi ?

“Tanto gentile e tanto onesta pare …” Lo scriveva Dante.

Oggi, quanto è rimasto di questo tipo di ammirazione ?

Il 40% degli americani ammette di essere sgarbato per mancanza di tempo.

Noi europei, che tanto ci sentivamo diversi dagli americani, forse abbiamo appreso dalla loro rudezza ?

I risultati dell’influenza della cultura americana hanno avuto un impatto deflagrante sulla cultura europea. A partire dal marketing, che ha cambiato il modo di pensare, vivere e gli stessi valori della cultura europea.

Finita l’era del wellfare; ognuno pensi per sé. E i risultati si vedono; basta guardare la Grecia …

Essere troppo gentili, come ci avevano insegnato dalle suore Orsoline nei tempi andati, oggi appare come mieloso-ipocrita-stucchevole.
Se sei toppo cortese, in quest’epoca di prevaricazioni, vieni scambiato per ipocrita o qualcuno che vuole raggiungere chissà quale “abbietto-obbiettivo”.

Molti hanno dimenticato che la gentilezza è rappresentante di mitezza e quiete, addirittura di magnanimità e compassione …ma soprattutto aiuta a vivere meglio tutti.

Ma oggi, può essere come mostrare un disegno di Leonardo ad un cieco.

E quindi ?

Da parte nostra continueremo ad essere gentili, senza tralasciare di essere attenti nel considerare a chi stiamo dimostrando la nostra gentilezza. Senza pretendere di trovare oro in una discarica.

Da un esperimento scientifico:

man mano che diminuisce lo spazio disponibile, i topi in gabbia diventano sempre più aggressivi; sino ad arrivare a mangiarsi tra loro.

Speriamo che l’umanità non arrivi mai a questo. Per ora siamo 7 miliardi …

Forse, prima di fare figli dovremmo pensare a migliorare la situazione attuale per quelli che sono vita; disinquinando le aree rese inabitabili dallo stesso uomo, evitando guerre e conflitti che causano ignoranza, fame, sofferenze e rancori.

Anche con l’esempio personale, ma per la maggioranza, sappiamo, sono parole sprecate.

Guerre e sofferenze sono fonti di ricchezza per molti e l’animo umano è corruttibile.

Ma una volta, almeno ci si vergognava, oggi essere “furbi” è motivo di vanto e allora … abbiamo quello che ci meritiamo ! ?

ARTISSIMA 2017 – Gioberto Noro

Gioberto Noro

Gioberto Noro nasce dall’unione dei cognomi di Sergio Gioberto e Marilena Noro. Vivono e lavorano a Torino.

Girberto Noro “Archivial pigment print on cotton paper”

Foto: Gioberto Noro,  MAPPE #1  – 2016 –  ARCHIVAL PIGMENT PRINT ON COTTON PAPER  –  cm 104×152  – ED. 5

Un lavoro di grande impatto; formato da moltissime foto, anche in bianco e  nero, poi rielaborate al computer e stampate per un risultato di una nitidezza e una profondità di campo tale,  da sembrare tridimensionale.

Vedi altre foto delle opere d’arte al link http://albertopeola.com/it/artists/gioberto-noro

lberto Peola Arte Contemporanea
Via Della Rocca 29
10123 Torino – Italia
Tel.: +39 011 8124460

 

Arte a Cremona – GENOVESINO

6 Ottobre 2017 – 6 Gennaio 2018

 

GENOVESINO

Luigi Miradori detto il Genovesino

Il Genovesino, visse nella prima metà del diciassettesimo secolo tra Genova e Cremona.

Oggi, il pittore viene ricordato all’interno delle Celebrazioni Monteverdiane.

Presso il Museo Civico Ala Ponzone

Tema: invenzione nella pittura del Seicento a Cremona

Proseguono nel secondo semestre dell’anno monteverdiano le celebrazioni per l’anniversario della nascita del divino compositore cremonese, e la luce che questa ricorrenza ha puntato sulla città diviene occasione di riscoperta di altri artisti del passato che ne hanno reso grande il nome.

Tra questi spicca il nome del Genovesino, al secolo Luigi Miradori (c.1605 – 1656), che da Genova emigra a Piacenza e poi a Cremona, diventando in breve tempo uno dei pittori più richiesti del suo tempo sia dall’aristocrazia spagnola e locale – il governatore e castellano don Álvaro de Quiñones è il suo principale committente oltre che amico e protettore, la nobile famiglia Ponzone gli commissiona diverse opere – sia da diversi ordini e istituzioni religiose.

Da qui l’esigenza, avvertita come una necessità dalla comunità cremonese tutta, di una mostra monografica mai realizzata sino ad ora, che restituisca lustro al pittore ricollocandolo nel posto di eccellenza che merita: alla Pinacoteca del Museo Civico Ala Ponzone di Cremona va in scena dal 6 ottobre 2017 al 6 gennaio 2018 la splendida mostra Genovesino. Natura e invenzione nella pittura del Seicento a Cremona, vero tributo al valore di un pittore che, se dà prova di essere l’indiscusso protagonista della scena artistica cittadina seicentesca, si conferma anche come esponente di spicco nel panorama pittorico dell’Italia settentrionale intera.

Curata da Francesco Frangi dell’Università degli Studi di Pavia, Valerio Guazzoni, storico dell’arte e Marco Tanzi dell’Università del Salento. Saranno presentate oltre cinquanta opere, in alcuni casi restaurate per l’occasione, provenienti dalle chiese del territorio lombardo al pari di importanti musei italiani – tra cui Milano, Roma, Genova, Parma, Piacenza – e prestigiose collezioni private italiane ed estere.

Il Genovesino lavora nel corso della sua lunga carriera artistica, con un’eterogeneità di stili e temi che testimonia la principale cifra stilistica della sua opera: mosso da una curiosità che lo porta a captare suggestioni non solo gurative, ma anche letterarie, religiose e musicali (fu un apprezzato suonatore di “colascione”), il pittore dà prova di uno sperimentalismo sempre sospeso fra possibilità diverse, come a tentare di rincorrere con la pittura l’estro irrequieto che ne marca l’esistenza.

La mostra si apre con la misteriosa Suonatrice di Liuto (Genova, Palazzo Rosso) e si snoda attraverso magnifci dipinti di argomento religioso, tra cui spiccano la Nascita della Vergine di proprietà dello stesso Museo Civico Ala Ponzone, l’Adorazione dei Magi (Parma, Galleria Nazionale), la Sacra Famiglia (Piacenza, Istituto Gazzola), Lot e le figlie (Roma, BNL Gruppo BNP Paribas) e Ultima cena (collezione privata) quest’ultima inedita e mai esposta al pubblico come altre nove opere, tra cui il Sacrifcio di Isacco (New York, collezione privata), lo Sposalizio mistico di Santa Caterina, Cremona Museo Berenziano, sino al suo capolavoro: il Riposo nella fuga in Egitto (Cremona, Chiesa di Sant’Imerio) con la Sacra Famiglia sul proscenio oggetto di un’attenzione a ettuosa e arguta, mentre sullo sfondo si consuma l’e erato spettacolo della strage degli innocenti.

La rassegna continua tra le suggestive immagini realizzate dal Genovesino per il collezionismo privato come le numerose allegorie della Vanitas, accomunate dalla ra gurazione di un putto addormentato accanto a teschi e altri simboli del passare del tempo:

il tema della caducità umana e della mortalità infantile, alimentato dai ricordi della epidemia di peste e declinato in termini sempre più espliciti e grotteschi, è infatti costante in tutta la sua carriera.

L’itinerario espositivo è completato da un nucleo di ritratti, capeggiati dal Ritratto di Sigismondo Ponzone con il cane, di proprietà del Museo Civico Ala Ponzone di Cremona, tra gli esemplari più signi cativi della ritrattistica infantile del Seicento, dal magnifco Ritratto Trivulzio, proveniente da New York e considerato disperso dal 1932, e dal Ritratto di monaco della famiglia Pueroni (collezione privata), a lungo ritenuto un capolavoro del grande pittore spagnolo Francisco de Zurbarán.

Grazie ad un accordo tra i Comuni di Cremona e Mantova, arriva in mostra anche lo splendido Ritratto di gentiluomo, capolavoro della ritrattistica lombarda della metà del Seicento conservato al Museo del Palazzo D’Arco di Mantova.

A uniformare questo disinvolto passare dall’osservazione curiosa della quotidianità, ricca di notazioni di costume e non priva degli scon namenti nel fantastico tipici della tradizione barocca, ai soggetti che si rifanno alla più canonica iconogra a religiosa, interviene un uso del chiaroscuro che ammicca al luminismo caravaggesco.

Altre opere straordinarie del Genovesino possono in ne essere ammirate in chiese e palazzi a Cremona, come la vasta tela con la Moltiplicazione dei pani e dei pesci, eseguita nel 1647 per il presbiterio della Chiesa di San Francesco e oggi nel Salone dei quadri del Palazzo Comunale, dove l’artista esalta l’attualità del racconto evangelico riversandolo in un contesto familiare con ritratti vivacemente caratterizzati di contemporanei così da favorire l’identi cazione del pubblico e alimentarne la ducia nella provvidenza celeste. Come osservava Mina Gregori, questa rappresentazione ha anche un risvolto comico con i tanti dettagli di sapore picaresco che l’artista sparge nel dipinto. Lo sperimentalismo di Genovesino, sempre sospeso fra diverse possibilità – il tragico o il macabro da un lato e il comico dall’altro, le evasioni nel fantastico e gli a ondi nella realtà – sembra d’altronde il tratto distintivo più singolare della sua pittura estrosa e imprevedibile.

Sono inoltre state restaurate appositamente per la mostra, grazie al Comune e alla Diocesi di Cremona, sette importanti opere di proprietà ecclesiastica che hanno ritrovato i colori e la qualità pittorica originari.

Promossa dal Comitato nato nel 2015 e composto da Comune di Cremona, Fondazione Teatro Amilcare Ponchielli, Fondazione Museo del Violino, Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali dell’Università degli Studi di Pavia, Istituto Superiore di Studi Musicali Claudio Monteverdi, Fondazione Stau er, Archivio di Stato, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Regione Lombardia e Comune di Mantova, e realizzata grazie al contributo di numerosi enti – tra i quali Governo, Regione Lombardia, Comune di Cremona, Fondazione Cariplo, Fondazione Stau er e Camera di Commercio di Cremona – la mostra si presenta come un percorso espositivo affascinante e trasversale ma soprattutto necessario, che apre nuovi squarci e prospettive di ricerca sul Genovesino.

La mostra si avvale di un prestigioso Comitato scientifico composto da – Gabriele Barucca, Soprintendente Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Cremona, Lodi e Mantova, Francesca Cappelletti dell’Università degli Studi di Ferrara, Don Andrea Foglia, già direttore dell’Archivio Storico Diocesano di Cremona, Don Gianluca Gaiardi dell’U cio Beni Culturali della Diocesi di Cremona, Stefano L’Occaso, direttore del Polo Museale della Lombardia, Angelo Loda della Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio per le province di Bergamo e Brescia, Mario Marubbi, conservatore presso la Pinacoteca Ala Ponzone, Xavier F. Salomon, curatore capo della Frick Collection di New York, Letizia Treves, curatrice del Dipartimento di pittura italiana e spagnola 1600-1800 e capo del Dipartimento di curatela della National Gallery di Londra e Monica Visioli dell’Università degli Studi di Pavia.

 

Dal 06 Ottobre 2017 al 06 Gennaio 2018

CREMONA

LUOGO: Museo Civico Ala Ponzone

CURATORI: Francesco Frangi, Valerio Guazzoni, Marco Tanzi

COSTO DEL BIGLIETTO: 10 € intero, 8 € ridotto e gruppi, 3 € per chi ha diritto all’ingresso gratuito alla pinacoteca.

Il biglietto d’ingresso alla mostra dà diritto a visitare anche la Pinacoteca e la collezione “Le stanze per la Musica”. La prima domenica del mese ingresso gratuito alla Pinacoteca con 3 euro per accesso alla mostra

SITO UFFICIALE: http://www.mostragenovesino.it

Voli a prezzi low – PROMOZIONI D`AUTUNNO DI AIR FRANCE E KLM

PROMOZIONI D`AUTUNNO DI AIR FRANCE E KLM

 – Fino al 5 novembre 2017, e fino al 9 novembre 2017 per le destinazioni in Nord America, è possibile approfittare delle straordinarie promozioni autunnali di Air France e KLM.

Le offerte tariffarie permettono di scegliere tra decine di destinazioni in tutto il mondo e programmare così i propri viaggi fino a marzo 2018 a prezzi vantaggiosi, grazie anche alla combinabilità tariffaria tra le due compagnie aeree.

Qui di seguito, alcuni esempi, tasse e supplementi inclusi.

Tutte le offerte e le date di viaggio disponibili sono consultabili su AgentConnect.it, il sito dedicato agli agenti di viaggio, sui GDS e sui siti www.airfrance.it e www.klm.it

Nord America
New York da 411€
Los Angeles da 393€
San Francisco da 431€
Chicago da 435€
Toronto da 376€
Miami da 404€
Boston da 463€

Asia
Shanghai da 539€
Pechino da 536€
Bangalore da 519€
Delhi da 449€
Colombo da 539€

Centro e Sud America
L`Avana da 499€
Bogota da 549€
Santo Domingo da 539€

Africa e Oceano Indiano
Johannesburg da 499€
Mauritius da 599€
Citta` del Capo da 595€

Contatti
www.airfrance.it
Call center Air France: 02 38591272
www.klm.it
Call center KLM: 02 38594998

BERGAMOSCIENZE – Programma weekend 13 – 14 2017

EVENTI DELL’ULTIMO WEEKEND
si ricorda che tutti gli eventi sono gratuiti

E’ richiesta la prenotazione sul sito 

 

13/10 ore 21.00
Auditorio Modernissimo- Nembro
PROCESSO ALLA PLASTICA

14 e 15/10

ISIS P. Secco Suardo

METAMORPHOSIS

13 e 14/10

Auditorium Centro Civico (Treviglio) e Auditorium – Bergamo

MARTE, TRA SOGNO, STORIA E SFIDA

14/10 ore 21.00
Auditorium

SAFE DRIVER, SAFE LIVES

15/10 ore 16.00
Auditorium – Bergamo

CHE SPETTACOLO DI SCIENZA!

:::::::::::::::::::::::::::

13/10 ore 9.00

Teatro Donizetti

IL FUTURO DELL’ESPLORAZIONE SPAZIALE: LUNA O MARTE?

13/10 ore 11.00

Teatro Donizetti

L’INDICE GLOBALE DELLA FAME 2017

13/10 ore 17.30

Università degli Studi di Bergamo

PHD DAY

13/10 ore 20.00

Casinò Municipale

RISCALDAMENTO GLOBALE E MONTAGNA

13/10 ore 20.45

Palamonti

1915-18: GUERRA BIANCA E SANITÀ MILITARE

13/10 ore 20.45

Cine Teatro Monsignor Tomasini

VERSO NUOVI TRAGUARDI. IL FUTURO DELLO SPORT PARAOLIMPICO

13/10 ore 21.00

Teatro Donizetti

RISCRIVERE LE ISTRUZIONI DELLA NATURA. L’INGEGNERIA GENETICA OGGI E DOMANI

14/10 ore 9.30

Teatro Donizetti

BASTA VEDERE PER CREDERE? LE NEUROSCIENZE IN TRIBUNALE

14/10 ore 9.30 e 14.30

Humanitas Gavazzeni

L’OCCHIO: LA NOSTRA MACCHINA FOTOGRAFICA

14/10 ore 10.00

Università degli Studi di Bergamo

OBIETTIVO FAME ZERO

14/10 ore 11.30

Teatro Donizetti

VIAGGIO NEI MISTERI DELLA CELLULA

14/10 ore 15.00

Teatro Donizetti

LE SFIDE DELL’INTELLIGENZA ARTIFICIALE: TRA FANTASCIENZA E REALTÀ

14/10 ore 16.00

Auditorium

ELETTRONICA STAMPABILE E OGGETTI INTELLIGENTI

14/10 ore 17.00

Teatro Donizetti

RADIAZIONI ED ECOSISTEMI: IL MITO DEL GIARDINO DELL’EDEN POST-NUCLEARE

15/10 ore 9.30

Teatro Donizetti

I MOTORI DELLA VITA

15/10 ore 11.30

Teatro Donizetti

UN GENOMA IN PIÙ: L’EREDITÀ BATTERICA DENTRO DI NOI

15/10 ore 15.00

Teatro Donizetti

LA FISICA DEI QUANTI: CAMBIARE IL MONDO SENZA CAPIRLO

15/10 ore 17.00

Teatro Donizetti

SENSORI RIVOLUZIONARI

Ophelia non dovrebbe essere una minaccia per l’Europa

SE NON CAMBIA DIREZIONE, OPHELIA potrebbe solo SFIORARE Portogallo e Spagna per il fine sttimana o lunedì, ma è difficile che questo accada (lo dicono gli esperti)

La direzione di Ophelia è l’Irlanda; dove arriverà molto debole

Al momento, la tempesta si trova al centro dell’Atlantico, a circa 1.200 km a sud-ovest delle Azzorre

Ophelia, invece di seguire il normale percorso verso i Caraibi, si è spostata verso nord-est, in direzione dell’Europa.

Anche se raro, è già successo che un uragano si dirigesse verso l’Europa; invece di seguire la normale rotta verso i Caraibi.

La Spagna è stata raggiunta da due tempeste tropicali: una nel 1842 e l’altra nel 2005; che si placò poco prima di arrivare a destinazione.

Ophelia è la 15ma tempesta tropicale atlantica del 2017, la decima trasformatasi in uragano: siamo così ad un record stagionale, imbattuto dal 1893, lo afferma Phil Klotzback, esperto di tempeste della Colorado State University.

LA VISTA TI SALVA LA VITA

 VISTA – SALVAVITA – LO SOSTENGONO I 7000 MEDICI OCULISTI ITALIANI

IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DELLA VISTA

’Italia si trova all’’ultimo posto in Europa … IMPORTANTE sottoporsi annualmente a una visita medica oculistica …

Nel nostro Paese si effettuano 557 mila interventi di cataratta ogni anno  ma solo nell’1% dei casi i pazienti hanno accesso  alle cure più sicure.

A 75 anni una Persona su tre è affetta da maculopatia, una malattia della retina altamente invalidante, che non permette di leggere un normale estratto conto bancario.

In Italia per questa  patologia si eseguono solo la metà delle cure necessarie rispetto a quanto avviene in Francia Germania Inghilterra e Spagna.

A causa di ciò, 100.000 pazienti si curano in modo insufficiente o non si curano per niente.

Oggi potete incontrare  500 mila pazienti che passeggiano e soffrono di glaucoma e che sanno di doversi curare pena la perdita della loro vista.

Ma si stima che almeno altrettante Persone non sappiano di averlo mentre “lui” sta silenziosamente rubando loro la vista.

Sembra un bollettino di guerra ma non è finita.

E’’ previsto   un aumento dell’ 80% delle Persone cieche o ipovedenti negli Stati Uniti ,entro il 2024 spiega il Presidente della SOI.

In occasione della Giornata Mondiale della Vista , la Società Oftalmologica Italiana  e Fondazione Insieme per la vista onlus si impegnano per far condividere le indicazioni della Campagna di informazione

“La vista ti salva la vita” perché dalla vista dipendono l’83% dei nostri collegamenti con l’’universo.

  12-OTTOBRE- Giornata Mondiale della Vista, voluta dall’ Organizzazione Mondiale della Sanità per informare l’opinione pubblica sull’importanza che la vista ricopre nella nostra vita.

La vista è un bene prezioso da cui dipende   l’83% delle nostre  azioni quotidiane  – spiega Matteo Piovella, Presidente della Società Oftalmologica Italiana e quando diciamo che la vista ti salva la vita, affermiamo che senza di essa risulta impegnativo svolgere anche  le attività più semplici .

Vi sono malattie, quali glaucoma, cataratta e degenerazione maculare che se non curate, portare inevitabilmente alla cecità.

E’ per noi molto importante – insiste Piovella – diffondere presso i cittadini il concetto che ”prevenire è meglio”, e che sottoporsi ad una visita oculistica, presso il medico oculista in molti casi “Ti salva la Vita”.

Il glaucoma,è una malattia insidiosa chiamata anche il ladro silenzioso della vista perché agisce in modo subdolo – continua Piovella –  causando  danni visivi a molte Persone.  La diagnosi precoce, in questo caso permette  tramite  regolari visite oculistiche di  contenere  i problemi più gravi

Ogni anno  in Italia vengano  effettuati 557 mila interventi di cataratta ma le tecnologie più sicure ed avanzate, non. sono utilizzate negli ospedali pubblici La Società Oftalmologica Italiana- spiega Piovella- si sta battendo affinchè questa situazione possa risolversi e ha lanciato una campagna di sensibilizzazione chiamata “La vista ti salva la vita” (www.lavistatisalvalavita.com).

Oggi l’’Italia si trova all’’ultimo posto in Europa rispetto all’’adozione delle nuove tecnologie e delle nuove terapie- commenta Piovella e questo gap deve essere colmato.

Basterebbe permettere a SOI di indirizzare meglio le Istituzioni nei tavoli di confronto tuttora aperti   e molti pazienti potrebbero essere salvati dalla cecità.

Per quanto riguarda  la maculopatia legata all’età – continua Piovella – essa causa una grave riduzione della vista, che interessa principalmente le persone sopra i 75 anni di età, con una maggiore incidenza nelle donne ed è considerata la prima causa di cecità nei paesi industrializzati e di maggior benessere e la terza in tutto il mondo.

Per poter diagnosticare la malattia con largo anticipo è necessario sottoporsi annualmente a una visita medica oculistica.

Solo in questo modo sarà possibile mettere in atto tutti i provvedimenti necessari per sostenere al meglio la vista – spiega Piovella. Vorrei ricordare che il trattamento per fermare o contenere l’avanzare della malattia avviene tramite iniezioni intraviteali.

Ancora oggi i farmaci  indicati risultano erroneamente in fascia H.

In questo modo si viene a creare un inutile filtro che permette a solo 150 medici oculisti, rispetto ai 7000 disponibili, di trattare tutti i pazienti affetti da maculopatia.  

Ricordo a tutti  che la SOI da 150 anni è l’’interlocutore tecnico scientifico delle Istituzioni. Ogni volta che da parte della politica cala l’interesse e l’’attenzione nei confronti del bene prezioso della vista, migliaia di Persone perdono la speranza di continuare a poter vedere bene.

Cosa si può fare per ridurre lo spreco di plastica ?

La plastica, quando arriva nella nostra catena alimentare, produce una tendenza alla modificazione genetica verso il femminile e verso la sterilità.

Intere grandi isole di plastica galleggiano negli oceani e la palstica viene ingerita dai pesci che noi mangiano.

Anche lo strofinamento delle gomme delle auto sull’asfalto, produce una serie di piccolissime particelle di plastica che, con la pioggia, finiscono nelle acque che beviamo …

Di 30 milioni di tonnellate, prodotte negli Stati Uniti nel 2009, solo il 7% è stato recuperato e riciclato.

E ci sarebbe molto altro da dire; se vi interessa approfondire trovate tutto con una breve ricerca su internet.

COSA TUTTI NOI POSSIAMO FARE  ???

1 – Eliminare le cannucce; NON SONO NECESSARIE

2- Eliminare i sacchetti della spesa; BASTA USARE UNA BORSA DI TELA

3-  Rinunciare alla gomma da masticare; Non serve POTETE MANGIARE UNA CARAMMELLA E PER PULIRE I DENTI MEGLIO LO SPAZZOLINO !!

 4– Acquistare detersivi sfusi; LI TROVATE IN TUTTI I SUPERMERCATI O COMUNQUE CERCATE I CONCENTRATI (piccoli contenitori e molto concentrati)

5 – Acquistare anche cibo sfuso; se potete evitare le confezioni in plastica dei supermercati … L’Esselunga, almeno, ritira e ricicla le vaschette della frutta-verdura

6 – Conservarte in contenitori di vetro e riutilizzateli

7- Usare poco i surgelati; il cibo fresco è più sano e si eliminano così tanti contenitori di plastica

8- Eliminare bicchieri, posate e piatti usa-e-getta

9- NO ai succhi di frutta; tutti contengono antiossidanti e causano bruciori allo stomaco, inoltre sono pieni di zuccheri e acqua e poca frutta spesso disidratata e concentrata …

10 – Non comprare detersivi NON INDISPENSABILI E USARNE MENO di quello che dicono le indicazioni del produttore; preferite quelli biodegradabili (la plastica e vari derivati del petrolio, contenuti nella maggioranza dei detersivi non viene mai sciacquata completamente e poi passa dai tessuti ai nostri pori e poi nel sangue …)

11- EVITATE  di rivestire tutto con la palstica trasparente; il che arricchisce, indirettamente, anche i cuochi che ne fanno grande pubblicità, ma la plastica trasferisce le sue molecole (cancerogene) nel cibi; soprattutto se grassi

– Portartate il vostro contenitore al fast food o al ristorante dove andate; per riporre il cibo da portare a casa o quello avanzato (finalmente questa usanza si sta diffondendo anche in Italia).

– Comprate gli accendini ricaricabili; così ridurrete il più possibile gli sprechi

Vergogna !!! 1500 euro per tacciare stalking

Contro le donne; la nuova riforma del processo penale

STAMO TORNANDO AL MEDIOEVO ? 

Stalking NON è più reato !

Ministro e governo avevano minimizzato accusando di voler fare “allarmismo” e diffondere “fake news” !!!

Il ministro Andrea Orlando avevano promesso che sarebbero state fatte modifiche alla norma e che  lo stalking sarebbe stato considerato reato estinguibile con la giustizia riparativa “solo in pochi casi isolati”.

Vergogna Italia  !!!

Imputato offre 1500 euro: vittima rifiuta, ma lui viene assolto grazie alla riforma del processo penale.

il tribunale di Torino ha pronunciato la sentenza di «non doversi procedere» per estinzione del reato. Secondo la nuova legge, nonostante il diniego della donna, c’è stata una «condotta riparatoria».

Ecco a cosa si è arrivati con la legge  entrata in vigore lo scorso 4 agosto.

Eventi a Cypro – Pafos Capitale Europea della Cultura 2017

SCOPRI, ASSAPORA, SOGNA!

Più sotto infirmazioni su eventi di stagione a Cypro

MOSTRA FOOTGRAFICA A MILANO

Dal 9 al 30 ottobre 2017 

CIPRO

SI METTE IN MOSTRA!

 

A Milano, al via la mostra fotografica “Cipro, cultura alla corte di Afrodite”

 

Oltre 40 scatti esposti lungo corso Vittorio Emanuele II

  – Nell’anno in cui la sua antica capitale Pafos si è fatta conoscere in tutto il mondo, in qualità di Capitale Europea della Cultura 2017, dal 9 al 30 ottobre, Cipro si racconta a Milano attraverso un emozionante percorso fotografico lungo Corso Vittorio Emanuele II.

“Cipro, cultura alla corte di Afrodite” è il nome della mostra organizzata dall’Ente Nazionale per il Turismo di Cipro in Italia. Quaranta sono i pannelli che la compongono e che possono essere ammirati seguendo la celebre via milanese.

Il titolo trae ispirazione dalla leggenda che narra della nascita di Afrodite tra le acque del mare cipriota, in prossimità della località nota come Petra Tou Romiou, lungo il litorale sud-ovest dell’isola.

Il viaggio che i visitatori compiono li porta a scoprire come la terza isola del Mediterraneo sia un piccolo mondo, circondato da un bellissimo mare e impreziosito da tesori archeologici, antiche città, boschi verdissimi, città cosmopolite, una natura incontaminata e affascinanti tradizioni che rimandano al suo essere un crocevia tra popoli, culture e civiltà differenti.

Tra i numerosi fotografi coinvolti, nomi di spicco del panorama internazionale, cipriota e italiano come Marcus Bassler, Andreas Constantinou, Massimiliano Rella, Franco Cappellari, Camilla Morandi e altri.

Per informazioni: www.turismocipro.it

::::::::::::::::::::
Pafos Capitale Europea della Cultura 2017:

 

eventi ottobre novembre News dalla natura:

Le cascate di Kalidonia…

13-15 ottobre, Pafos Wine Festival, 5-12 novembre, Zivania Festival Buone curiosità: autunno, è tempo di soutzoukos!
Cipro Worldwide:
Syrio Forel (Miltos Yerolemou) uno dei ritorni più attesi di “Game of Thrones” Collegamenti aerei
Cipro per l’Italia
Contatti

SCOPRI, ASSAPORA… SOGNA:
THE BUTCHERY & CO – 66 PROTARA STREET, PARALIMNI, +357 70 003120

Newsletter Ottobre/Novembre 2017

Non tragga in inganno il nome in inglese (lingua che a Cipro è molto diffusa), facendo dubitare dell’autenticità dell’offerta gastronomica di The Butchery & Co. Le specialità di questo piccolo tempio della griglia, aperto da pochi mesi, sono piatti semplici a base di carne e verdura locale, cucinati alla brace seguendo la tradizione. Piacevolmente contemporaneo nello stile, nasce dal desiderio del proprietario di portare avanti la storia di famiglia legata all’allevamento e alla vendita di carne genuina, prodotta in proprio. Il menu include

souvlaki (spiedini) di differenti tipi di carne, pollo arrosto, ortaggi freschi e cotti, patate preparate in modi diversi – quelle fritte sono fatte rigorosamente a mano, partendo dal fresco – e una selezione di deliziosi dolci ciprioti. Tra i plus che conquistano l’apprezzamento della clientela, la selezione delle materie prime provenienti dal territorio e proposte con una cottura semplice, non corretta dall’uso di condimenti pesanti e salse che alterano i sapori dei prodotti. Aperto da mezzogiorno fino a mezzanotte, è perfetto per scoprire la bontà delle produzioni

autoctone dell’isola, proposte con autentica passione e grande cordialità.

ZENING RESORT (LATCHI)

25 ettari di giardino in riva al mare fanno da cornice alle unità abitative di Zening Resort (Tourist Village Cat. A), costituite da studios e appartamenti. Punti di forza di questo piccolo eden immerso nel verde, oltre alla bellezza delle sue curatissime piante e dei fiori, sono la posizione che offre una spettacolare vista sul Mediterraneo e la particolarità del dolce paesaggio collinare circostante. La sua posizione a ridosso di un ampio tratto di litorale lo rende ideale per chi desidera godersi il mare che anche nei mesi autunnali permette di vivere al meglio, on the beach, la mitezza del clima

cipriota. Molto apprezzata la Veda SPA con piscina interna, sauna e hammam, così come le quotidiane sessioni di yoga, praticate in un’ampia area relax dedicata. Le attività legate allo yoga proseguono nel Buddha Bar e Yoga Lounge, dove è possibile assaporare tè e tisane, confrontandosi con i maestri che seguono le lezioni. Molto varia l’offerta legata alla ristorazione presso il ristorante Soma che privilegia le eccellenze gastronomiche locali – menzione speciale per il pesce fresco – e che serve un’interessante selezione di smoothies e altre bevande a base di frutta e verdura di propria produzione. All’interno del perimetro del resort è anche presente, infatti, un’area dedicata alle coltivazioni biologiche. Last but not least, la zona pool con i suoi bar, perfetta per un drink, un caffè o semplicemente per placidi momenti di relax, ammirando il panorama. zeningcyprus.com

CASALE PANAYIOTIS: WELLNESS RURALE IN UN ECO-RESORT DIFFUSO

Un buen retiro nell’entroterra di Nicosia
per rallentare il ritmo e ricaricarsi riposando,
facendo passeggiate e approfittando di
un’offerta benessere completa e articolata.
La storia di Casale Panayiotis rappresenta
un bel caso di turismo sostenibile e di
riqualificazione di un piccolo borgo,
trasformandolo in un eco-resort diffuso
che offre la possibilità di entrare a far parte
di una comunità, prendendo parte alle sue
attività e seguendone i ritmi. L’emigrazione e i cambiamenti legati allo stile di vita stavano spopolando il villaggio fino a quando una cordata guidata da John Papadorious ha invertito la rotta, lavorando per creare un nuovo modo di abitare il borgo, preservandolo e conservandone l’identità. Attualmente, le soluzioni abitative a disposizione degli ospiti sono 43, distribuite in 8 differenti edifici e inserite in un contesto che offre una bellissima SPA, ristoranti, bar e luoghi aperti legati ad agricoltura e artigianato. L’opera di restauro è stata particolarmente accurata e la cifra stilistica che caratterizza camere e spazi coniuga sapientemente raffinatezza e tradizione. Un esempio concreto di questa bella opportunità di vivere l’entroterra cipriota sono le proposte “Farm to Fork” che, ad esempio, combinano un soggiorno di tre notti con un workshop per la preparazione del celeberrimo formaggio cipriota Halloumi, pesca alla trota associata a una cena all’aperto mentre si visita un frutteto e degustazione di cibi e vini locali. Altre proposte permettono di associare pesca ed escursioni in bicicletta, inclusive di noleggio del mezzo. Chi, invece, ama concentrarsi unicamente sulle esperienze gourmet potrà contare su pacchetti che uniscono soggiorno, cene in differenti ristoranti e wine tasting presso le cantine della zona. casalepanayiotis.com

PAFOS CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2017:

Pafos 2017 si avvicina al suo ultimo trimestre, ma il programma anche nei mesi autunnali continua a essere ricco e animato da uno stimolante clima internazionale. Protagonista di due giornate di musica sarà il divertente ensemble berlinese Zentralkapelle, formato da musicisti professionisti e nato per portare la musica suonata da un’orchestra fuori dalle sale da concerto, in un’ottica di condivisione, contaminazione degli spazi e comunione tra le persone attraverso le note. Il 1° e il 2 ottobre insieme alla Windcraft Band di Cipro animerà,

rispettivamente a Pafos, nella piazza del castello medioevale, e nel piccolo borgo di Lemona un divertente concerto con un programma che spazia tra danze tradizionali, funk e canzoni pop. Il 24 ottobre, ancora un nome internazionale darà vita a un appuntamento teatrale molto coinvolgente e legato indirettamente ad Aahrus, la città danese che con Pafos è capitale europea della cultura 2017. Carte Blanche, la compagnia coinvolta, è, infatti, danese ed è famosa in tutto il mondo per la messa in scena di produzioni caratterizzate da un alto tasso di sperimentazione e dall’interazione con il pubblico. Fondamentale per ogni esibizione la forte interconnessione con il luogo dove avviene lo spettacolo per rafforzare gli stimoli trasmessi agli spettatori. Per questa occasione, sarà il centro storico di Pafos e l’evento si prospetta davvero interessante. Il 17 novembre, nuovamente emozioni in musica con uno struggente concerto a due, The Clarinest-Piano Music of the East meets the West, in cui si esibiranno Karel Dohnal, virtuoso ceco del clarinetto, giudicato uno dei migliori musicisti al mondo legati a questo strumento, e il pianista cipriota di fama internazionale Kyriacos Kyriakou. Nella suggestiva cornice del cinema Attikon suoneranno musiche tradizionali cipriote e greche, scritte per piano e clarinetto. pafos2017.eu

NEWS DALLA NATURA: LE CASCATE DI KALIDONIA, TREKKING AUTUNNALE

I trekker appassionati che non amano praticare la loro attività favorita con temperature rigide e clima invernale, trovano a Cipro un vero e proprio paradiso. La terza isola del Mediterraneo si fa apprezzare anche in autunno e in inverno per le sue temperature miti e la varietà del suo territorio la rende la meta ideale per bellissimi trekking con vista. Un punto particolarmente bello da raggiungere è la cascata Kalidonia che dà il nome a un

omonimo trail. Chi ama scoprire la montagna correndo può dilettarsi lungo i tre chilometri di percorso che si snoda tra le pendici dei monti Troodos e chi desidera semplicemente camminare troverà un paesaggio boschivo molto vario, da ammirare passo dopo passo, seguendo un tracciato adatto a tutti. Il sentiero per raggiungere le cascate parte da Platres, villaggio molto antico ubicato nell’entroterra dell’isola, nel distretto di Limassol, a un’altitudine di 1.100 metri. Programmare un soggiorno in funzione dell’escursione è davvero piacevole poiché, in perfetto country style, l’area del borgo ospita edifici antichi, eccellenti ristoranti, tradizionali guest-houses e un’ottima cantina. Curiosità: il nome della cascata pare risalire al 1878 quando un gruppo di scozzesi che stava esplorando la zona decise di chiamarla così, colpito dalla sua bellezza e dalla somiglianza con i boschi pieni di corsi d’acqua della loro zona di origine. Poco distante, altra cascata che merita un’escursione è quella di Millomeri.

13-15 OTTOBRE, PAFOS WINE FESTIVAL, 5-12 NOVEMBRE, ZIVANIA FESTIVAL

Un weekend dedicato al vino e alle eccellenze gastronomiche di Pafos è un’occasione perfetta per una fuga last minute dedicata alla Capitale Europea della Cultura. In due soli giorni, dal 13 al 15 ottobre, ci si potrà dilettare tra mostre, concerti e performance, facendo, al tempo stesso, un piacevole incontro con i vini e le delizie alimentari della zona e di tutta l’isola. L’evento avrà lugo tra l’area del porto e quella del castello. Interessanti anche i momenti di approfinimento culturale dedicati alle tradizioni, al mondo del vino e alle

produzioni locali. E se ai grandi saranno riservate numerose sorprese piacevoli, il festival non sarà meno divertente per i bambini con spettacoli di marionette, facepainting e giochi di prestigio. Con l’avvicinarsi della stagione invernale, il vino passa il testimone alla zivania, l’acquavite cipriota. Il 5 novembre ad Alona, nella zona di Lefkosia (Nicosia), e il 12 novembre a Pelendri, in quella di Lemesos (Limassol), andrà in scena il festival dedicato a questo distillato ricavato unicamente da vinacce locali. Naturalmente, anche nel corso di queste due date non mancheranno le migliori leccornie artigianali rigorosamente “Made in Cyprus”.

BUONE CURIOSITÀ: È AUTUNNO, TEMPO DI SOUTZOUKOS!

“Dall’uva per l’uva”, così si potrebbe riassumere uno degli abbinamenti più classici dell’enogastronomia cipriota: zivania e soutzoukos, dolce delizioso, realizzato artigianalmente con pazienza partendo dal mosto. Chi li vede appesi e non sa che cosa siano li scambia per lunghe candele, perché la loro forma è in tutto e per tutto identica. La preparazione è lenta e laboriosa, ma il risultato è davvero straordinario, sia per gli occhi sia per il palato. Si parte dall’anima, realizzata infilando, proprio come si fa con una collana, mandorle

o noci ammorbidite nell’acqua, con un pezzo di spago lungo anche dai due ai tre metri. La corda così ottenuta viene immersa in una miscela fatta di mosto, bollito e addensato con l’aggiunta di un po’ di farina. Immersione dopo immersione, lo spessore del soutzouko aumenta e dopo 5 o 6 giorni, l’opera è completa e non rimane che portare a termine l’essiccatura. Al termine del processo, gli spettacolari “bastoni” ottenuti sono pronti e possono essere conservati per mesi. Le sue note intensamente zuccherine a contrasto con quelle secche della zivania, assaporate insieme nei mesi freddi, non solo corroborano il corpo, ma riscaldano anche il cuore.

CIPRO WORLDWIDE: SYRIO FOREL (MILTOS YEROLEMOU), UNO DEI RITORNI PIÙ ATTESI DI “GAME OF THRONES”

Ora che la settima serie di “Game of Thrones” è finita, per placare la loro crisi di astinenza – che pare durerà fino al 2019 – ai fan non resta che fare congetture su cosa accadrà in futuro. Uno dei personaggi più rimpianti e di cui maggiormente, serie dopo serie, si sono cercati indizi di un ritorno è quello di Syrio Forel, interpretato dall’attore di origini cipriote Miltos Yerolemou, maestro di spada di Arya, personaggio chiave della saga. A lui si deve la destrezza con le lame della figlia guerriera di Ned Stark e ora che finalmente lei è di nuovo a

Grande Inverno, forse, il tanto atteso ritorno, fosse solo per un cammeo, potrà avvenire. Dopo il fortunato ruolo di Syrio ne “Il Trono di spade”, il bravissimo attore, che si divide tra il cinema e il teatro shakespeariano – ha interpretato numerosi ruoli nella Royal Shakespeare Company – ha recitato in “Star Wars – Il Risveglio della Forza” e in altre fortunate produzioni. Per dare vita al suo maestro di spade si è fatto ispirare anche dalla sua conoscenza del greco e, nonostante sia nato e viva in Gran Bretagna, ha mantenuto vivo il suo rapporto con il Paese di origine e lo scorso agosto è stato l’ospite d’onore del festival di cinema, animazione e gaming Cyprus Comic Con, mandando in visibilio i numerosi fan

COLLEGAMENTI AEREI (stagione autunno-inverno)
Alitalia, fino a fine ottobre, opererà 3 voli alla settimana da Roma

Fiumicino a Larnaka.

Easyjet mantiene i due voli settimanali diretti da Milano Malpensa su Larnaka

Ryanair, fino a fine ottobre, vola da Roma Ciampino verso Pafos, con due voli settimanali

Aegean Airlines vola da Milano Malpensa, Roma Fiumicino, Venezia, Napoli, e Catania verso Larnaka, con scalo ad Atene.

Austrian Airlines vola da Milano Malpensa, Roma Fiumicino, Venezia e Bologna verso Larnaka, con scalo a Vienna.

CIPRO PER L’ITALIA

L’Ente Nazionale dl Turismo di Cipro nei prossimi mesi autunnali ha in programma numerosi eventi, fiere e Roadshow:
12-14 ottobre, TTG Incontri, a Rimini
26-29 ottobre BMTA (Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico) a Paestum.

Roadshow Cipro “Sorpresa Mediterranea”, 24/10 a Torino, 25/10 a Milano;
Travel Open Days, 20/10 Napoli, 7/11 Bari, 14/11 Brescia, 21/11 Saronno, 23/11 Firenze; Trade Event 2017 by ADUTEI, 22/11 Roma
Mentre dal 9 al 30 ottobre, a Milano, lungo Corso Vittorio Emanuele, mostra fotografica, “Cipro, Cultura alla Corte di Afrodite, dedicata al patrimonio artistico e naturalistico dell’isola.

A VVERTENZE
L’Ente Nazionale per il Turismo di Cipro si impegna da anni strenuamente, anche tramite la voce dell’Ambasciata, ad informare i turisti, gli operatori e la stampa italiana sulla meta “Cipro Nord”. Invitiamo pertanto a leggere quanto dichiarato sul sito http://www.turismocipro.it dall’Ambasciata della Repubblica di Cipro:

http://www.turismocipro.it/file/A1)_TURISMO_NELLA_ZONA_OCCUPATA_DI_CIPRO_- _Comunicato_dell’Ambasciata_della_Repubblica_di_Cipro.pdf
e il comunicato ufficiale di Viaggiare sicuri della Farnesina: http://www.turismocipro.it/file/A2)_COMUNICATO_UFFICIALE_www.viaggiaresicuri.it_%20( Farnesina).pdf

Seguici su

Scarica qui la Mappa di Cipro http://www.turismocipro.it/file/Mappa_di_Cipro.jpeg

CONTATTI

Ente Nazionale per il Turismo di Cipro

Via A. Solari 13 – 20144 Milano
Tel. 02 58303328—Fax. 02 58303375

E-mail: info@turismocipro.it – Web: www.turismocipro.it
Orari d’apertura: dal lunedì al venerdì dalle 09.00 alle 17.00 orario continuato Sito ufficiale per informazioni turistiche: www.visitcyprus.com
Sito Governativo ufficiale: www.cyprus.gov.cy

www.facebook.com/visitcyprus.italy/