Archivi categoria: Senza categoria

BERGAMOSCIENZE – Programma weekend 13 – 14 2017

EVENTI DELL’ULTIMO WEEKEND
si ricorda che tutti gli eventi sono gratuiti

E’ richiesta la prenotazione sul sito 

 

13/10 ore 21.00
Auditorio Modernissimo- Nembro
PROCESSO ALLA PLASTICA

14 e 15/10

ISIS P. Secco Suardo

METAMORPHOSIS

13 e 14/10

Auditorium Centro Civico (Treviglio) e Auditorium – Bergamo

MARTE, TRA SOGNO, STORIA E SFIDA

14/10 ore 21.00
Auditorium

SAFE DRIVER, SAFE LIVES

15/10 ore 16.00
Auditorium – Bergamo

CHE SPETTACOLO DI SCIENZA!

:::::::::::::::::::::::::::

13/10 ore 9.00

Teatro Donizetti

IL FUTURO DELL’ESPLORAZIONE SPAZIALE: LUNA O MARTE?

13/10 ore 11.00

Teatro Donizetti

L’INDICE GLOBALE DELLA FAME 2017

13/10 ore 17.30

Università degli Studi di Bergamo

PHD DAY

13/10 ore 20.00

Casinò Municipale

RISCALDAMENTO GLOBALE E MONTAGNA

13/10 ore 20.45

Palamonti

1915-18: GUERRA BIANCA E SANITÀ MILITARE

13/10 ore 20.45

Cine Teatro Monsignor Tomasini

VERSO NUOVI TRAGUARDI. IL FUTURO DELLO SPORT PARAOLIMPICO

13/10 ore 21.00

Teatro Donizetti

RISCRIVERE LE ISTRUZIONI DELLA NATURA. L’INGEGNERIA GENETICA OGGI E DOMANI

14/10 ore 9.30

Teatro Donizetti

BASTA VEDERE PER CREDERE? LE NEUROSCIENZE IN TRIBUNALE

14/10 ore 9.30 e 14.30

Humanitas Gavazzeni

L’OCCHIO: LA NOSTRA MACCHINA FOTOGRAFICA

14/10 ore 10.00

Università degli Studi di Bergamo

OBIETTIVO FAME ZERO

14/10 ore 11.30

Teatro Donizetti

VIAGGIO NEI MISTERI DELLA CELLULA

14/10 ore 15.00

Teatro Donizetti

LE SFIDE DELL’INTELLIGENZA ARTIFICIALE: TRA FANTASCIENZA E REALTÀ

14/10 ore 16.00

Auditorium

ELETTRONICA STAMPABILE E OGGETTI INTELLIGENTI

14/10 ore 17.00

Teatro Donizetti

RADIAZIONI ED ECOSISTEMI: IL MITO DEL GIARDINO DELL’EDEN POST-NUCLEARE

15/10 ore 9.30

Teatro Donizetti

I MOTORI DELLA VITA

15/10 ore 11.30

Teatro Donizetti

UN GENOMA IN PIÙ: L’EREDITÀ BATTERICA DENTRO DI NOI

15/10 ore 15.00

Teatro Donizetti

LA FISICA DEI QUANTI: CAMBIARE IL MONDO SENZA CAPIRLO

15/10 ore 17.00

Teatro Donizetti

SENSORI RIVOLUZIONARI

Ophelia non dovrebbe essere una minaccia per l’Europa

SE NON CAMBIA DIREZIONE, OPHELIA potrebbe solo SFIORARE Portogallo e Spagna per il fine sttimana o lunedì, ma è difficile che questo accada (lo dicono gli esperti)

La direzione di Ophelia è l’Irlanda; dove arriverà molto debole

Al momento, la tempesta si trova al centro dell’Atlantico, a circa 1.200 km a sud-ovest delle Azzorre

Ophelia, invece di seguire il normale percorso verso i Caraibi, si è spostata verso nord-est, in direzione dell’Europa.

Anche se raro, è già successo che un uragano si dirigesse verso l’Europa; invece di seguire la normale rotta verso i Caraibi.

La Spagna è stata raggiunta da due tempeste tropicali: una nel 1842 e l’altra nel 2005; che si placò poco prima di arrivare a destinazione.

Ophelia è la 15ma tempesta tropicale atlantica del 2017, la decima trasformatasi in uragano: siamo così ad un record stagionale, imbattuto dal 1893, lo afferma Phil Klotzback, esperto di tempeste della Colorado State University.

LA VISTA TI SALVA LA VITA

 VISTA – SALVAVITA – LO SOSTENGONO I 7000 MEDICI OCULISTI ITALIANI

IN OCCASIONE DELLA GIORNATA MONDIALE DELLA VISTA

’Italia si trova all’’ultimo posto in Europa … IMPORTANTE sottoporsi annualmente a una visita medica oculistica …

Nel nostro Paese si effettuano 557 mila interventi di cataratta ogni anno  ma solo nell’1% dei casi i pazienti hanno accesso  alle cure più sicure.

A 75 anni una Persona su tre è affetta da maculopatia, una malattia della retina altamente invalidante, che non permette di leggere un normale estratto conto bancario.

In Italia per questa  patologia si eseguono solo la metà delle cure necessarie rispetto a quanto avviene in Francia Germania Inghilterra e Spagna.

A causa di ciò, 100.000 pazienti si curano in modo insufficiente o non si curano per niente.

Oggi potete incontrare  500 mila pazienti che passeggiano e soffrono di glaucoma e che sanno di doversi curare pena la perdita della loro vista.

Ma si stima che almeno altrettante Persone non sappiano di averlo mentre “lui” sta silenziosamente rubando loro la vista.

Sembra un bollettino di guerra ma non è finita.

E’’ previsto   un aumento dell’ 80% delle Persone cieche o ipovedenti negli Stati Uniti ,entro il 2024 spiega il Presidente della SOI.

In occasione della Giornata Mondiale della Vista , la Società Oftalmologica Italiana  e Fondazione Insieme per la vista onlus si impegnano per far condividere le indicazioni della Campagna di informazione

“La vista ti salva la vita” perché dalla vista dipendono l’83% dei nostri collegamenti con l’’universo.

  12-OTTOBRE- Giornata Mondiale della Vista, voluta dall’ Organizzazione Mondiale della Sanità per informare l’opinione pubblica sull’importanza che la vista ricopre nella nostra vita.

La vista è un bene prezioso da cui dipende   l’83% delle nostre  azioni quotidiane  – spiega Matteo Piovella, Presidente della Società Oftalmologica Italiana e quando diciamo che la vista ti salva la vita, affermiamo che senza di essa risulta impegnativo svolgere anche  le attività più semplici .

Vi sono malattie, quali glaucoma, cataratta e degenerazione maculare che se non curate, portare inevitabilmente alla cecità.

E’ per noi molto importante – insiste Piovella – diffondere presso i cittadini il concetto che ”prevenire è meglio”, e che sottoporsi ad una visita oculistica, presso il medico oculista in molti casi “Ti salva la Vita”.

Il glaucoma,è una malattia insidiosa chiamata anche il ladro silenzioso della vista perché agisce in modo subdolo – continua Piovella –  causando  danni visivi a molte Persone.  La diagnosi precoce, in questo caso permette  tramite  regolari visite oculistiche di  contenere  i problemi più gravi

Ogni anno  in Italia vengano  effettuati 557 mila interventi di cataratta ma le tecnologie più sicure ed avanzate, non. sono utilizzate negli ospedali pubblici La Società Oftalmologica Italiana- spiega Piovella- si sta battendo affinchè questa situazione possa risolversi e ha lanciato una campagna di sensibilizzazione chiamata “La vista ti salva la vita” (www.lavistatisalvalavita.com).

Oggi l’’Italia si trova all’’ultimo posto in Europa rispetto all’’adozione delle nuove tecnologie e delle nuove terapie- commenta Piovella e questo gap deve essere colmato.

Basterebbe permettere a SOI di indirizzare meglio le Istituzioni nei tavoli di confronto tuttora aperti   e molti pazienti potrebbero essere salvati dalla cecità.

Per quanto riguarda  la maculopatia legata all’età – continua Piovella – essa causa una grave riduzione della vista, che interessa principalmente le persone sopra i 75 anni di età, con una maggiore incidenza nelle donne ed è considerata la prima causa di cecità nei paesi industrializzati e di maggior benessere e la terza in tutto il mondo.

Per poter diagnosticare la malattia con largo anticipo è necessario sottoporsi annualmente a una visita medica oculistica.

Solo in questo modo sarà possibile mettere in atto tutti i provvedimenti necessari per sostenere al meglio la vista – spiega Piovella. Vorrei ricordare che il trattamento per fermare o contenere l’avanzare della malattia avviene tramite iniezioni intraviteali.

Ancora oggi i farmaci  indicati risultano erroneamente in fascia H.

In questo modo si viene a creare un inutile filtro che permette a solo 150 medici oculisti, rispetto ai 7000 disponibili, di trattare tutti i pazienti affetti da maculopatia.  

Ricordo a tutti  che la SOI da 150 anni è l’’interlocutore tecnico scientifico delle Istituzioni. Ogni volta che da parte della politica cala l’interesse e l’’attenzione nei confronti del bene prezioso della vista, migliaia di Persone perdono la speranza di continuare a poter vedere bene.

Cosa si può fare per ridurre lo spreco di plastica ?

La plastica, quando arriva nella nostra catena alimentare, produce una tendenza alla modificazione genetica verso il femminile e verso la sterilità.

Intere grandi isole di plastica galleggiano negli oceani e la palstica viene ingerita dai pesci che noi mangiano.

Anche lo strofinamento delle gomme delle auto sull’asfalto, produce una serie di piccolissime particelle di plastica che, con la pioggia, finiscono nelle acque che beviamo …

Di 30 milioni di tonnellate, prodotte negli Stati Uniti nel 2009, solo il 7% è stato recuperato e riciclato.

E ci sarebbe molto altro da dire; se vi interessa approfondire trovate tutto con una breve ricerca su internet.

COSA TUTTI NOI POSSIAMO FARE  ???

1 – Eliminare le cannucce; NON SONO NECESSARIE

2- Eliminare i sacchetti della spesa; BASTA USARE UNA BORSA DI TELA

3-  Rinunciare alla gomma da masticare; Non serve POTETE MANGIARE UNA CARAMMELLA E PER PULIRE I DENTI MEGLIO LO SPAZZOLINO !!

 4– Acquistare detersivi sfusi; LI TROVATE IN TUTTI I SUPERMERCATI O COMUNQUE CERCATE I CONCENTRATI (piccoli contenitori e molto concentrati)

5 – Acquistare anche cibo sfuso; se potete evitare le confezioni in plastica dei supermercati … L’Esselunga, almeno, ritira e ricicla le vaschette della frutta-verdura

6 – Conservarte in contenitori di vetro e riutilizzateli

7- Usare poco i surgelati; il cibo fresco è più sano e si eliminano così tanti contenitori di plastica

8- Eliminare bicchieri, posate e piatti usa-e-getta

9- NO ai succhi di frutta; tutti contengono antiossidanti e causano bruciori allo stomaco, inoltre sono pieni di zuccheri e acqua e poca frutta spesso disidratata e concentrata …

10 – Non comprare detersivi NON INDISPENSABILI E USARNE MENO di quello che dicono le indicazioni del produttore; preferite quelli biodegradabili (la plastica e vari derivati del petrolio, contenuti nella maggioranza dei detersivi non viene mai sciacquata completamente e poi passa dai tessuti ai nostri pori e poi nel sangue …)

11- EVITATE  di rivestire tutto con la palstica trasparente; il che arricchisce, indirettamente, anche i cuochi che ne fanno grande pubblicità, ma la plastica trasferisce le sue molecole (cancerogene) nel cibi; soprattutto se grassi

– Portartate il vostro contenitore al fast food o al ristorante dove andate; per riporre il cibo da portare a casa o quello avanzato (finalmente questa usanza si sta diffondendo anche in Italia).

– Comprate gli accendini ricaricabili; così ridurrete il più possibile gli sprechi

Vergogna !!! 1500 euro per tacciare stalking

Contro le donne; la nuova riforma del processo penale

STAMO TORNANDO AL MEDIOEVO ? 

Stalking NON è più reato !

Ministro e governo avevano minimizzato accusando di voler fare “allarmismo” e diffondere “fake news” !!!

Il ministro Andrea Orlando avevano promesso che sarebbero state fatte modifiche alla norma e che  lo stalking sarebbe stato considerato reato estinguibile con la giustizia riparativa “solo in pochi casi isolati”.

Vergogna Italia  !!!

Imputato offre 1500 euro: vittima rifiuta, ma lui viene assolto grazie alla riforma del processo penale.

il tribunale di Torino ha pronunciato la sentenza di «non doversi procedere» per estinzione del reato. Secondo la nuova legge, nonostante il diniego della donna, c’è stata una «condotta riparatoria».

Ecco a cosa si è arrivati con la legge  entrata in vigore lo scorso 4 agosto.

Eventi a Cypro – Pafos Capitale Europea della Cultura 2017

SCOPRI, ASSAPORA, SOGNA!

Più sotto infirmazioni su eventi di stagione a Cypro

MOSTRA FOOTGRAFICA A MILANO

Dal 9 al 30 ottobre 2017 

CIPRO

SI METTE IN MOSTRA!

 

A Milano, al via la mostra fotografica “Cipro, cultura alla corte di Afrodite”

 

Oltre 40 scatti esposti lungo corso Vittorio Emanuele II

  – Nell’anno in cui la sua antica capitale Pafos si è fatta conoscere in tutto il mondo, in qualità di Capitale Europea della Cultura 2017, dal 9 al 30 ottobre, Cipro si racconta a Milano attraverso un emozionante percorso fotografico lungo Corso Vittorio Emanuele II.

“Cipro, cultura alla corte di Afrodite” è il nome della mostra organizzata dall’Ente Nazionale per il Turismo di Cipro in Italia. Quaranta sono i pannelli che la compongono e che possono essere ammirati seguendo la celebre via milanese.

Il titolo trae ispirazione dalla leggenda che narra della nascita di Afrodite tra le acque del mare cipriota, in prossimità della località nota come Petra Tou Romiou, lungo il litorale sud-ovest dell’isola.

Il viaggio che i visitatori compiono li porta a scoprire come la terza isola del Mediterraneo sia un piccolo mondo, circondato da un bellissimo mare e impreziosito da tesori archeologici, antiche città, boschi verdissimi, città cosmopolite, una natura incontaminata e affascinanti tradizioni che rimandano al suo essere un crocevia tra popoli, culture e civiltà differenti.

Tra i numerosi fotografi coinvolti, nomi di spicco del panorama internazionale, cipriota e italiano come Marcus Bassler, Andreas Constantinou, Massimiliano Rella, Franco Cappellari, Camilla Morandi e altri.

Per informazioni: www.turismocipro.it

::::::::::::::::::::
Pafos Capitale Europea della Cultura 2017:

 

eventi ottobre novembre News dalla natura:

Le cascate di Kalidonia…

13-15 ottobre, Pafos Wine Festival, 5-12 novembre, Zivania Festival Buone curiosità: autunno, è tempo di soutzoukos!
Cipro Worldwide:
Syrio Forel (Miltos Yerolemou) uno dei ritorni più attesi di “Game of Thrones” Collegamenti aerei
Cipro per l’Italia
Contatti

SCOPRI, ASSAPORA… SOGNA:
THE BUTCHERY & CO – 66 PROTARA STREET, PARALIMNI, +357 70 003120

Newsletter Ottobre/Novembre 2017

Non tragga in inganno il nome in inglese (lingua che a Cipro è molto diffusa), facendo dubitare dell’autenticità dell’offerta gastronomica di The Butchery & Co. Le specialità di questo piccolo tempio della griglia, aperto da pochi mesi, sono piatti semplici a base di carne e verdura locale, cucinati alla brace seguendo la tradizione. Piacevolmente contemporaneo nello stile, nasce dal desiderio del proprietario di portare avanti la storia di famiglia legata all’allevamento e alla vendita di carne genuina, prodotta in proprio. Il menu include

souvlaki (spiedini) di differenti tipi di carne, pollo arrosto, ortaggi freschi e cotti, patate preparate in modi diversi – quelle fritte sono fatte rigorosamente a mano, partendo dal fresco – e una selezione di deliziosi dolci ciprioti. Tra i plus che conquistano l’apprezzamento della clientela, la selezione delle materie prime provenienti dal territorio e proposte con una cottura semplice, non corretta dall’uso di condimenti pesanti e salse che alterano i sapori dei prodotti. Aperto da mezzogiorno fino a mezzanotte, è perfetto per scoprire la bontà delle produzioni

autoctone dell’isola, proposte con autentica passione e grande cordialità.

ZENING RESORT (LATCHI)

25 ettari di giardino in riva al mare fanno da cornice alle unità abitative di Zening Resort (Tourist Village Cat. A), costituite da studios e appartamenti. Punti di forza di questo piccolo eden immerso nel verde, oltre alla bellezza delle sue curatissime piante e dei fiori, sono la posizione che offre una spettacolare vista sul Mediterraneo e la particolarità del dolce paesaggio collinare circostante. La sua posizione a ridosso di un ampio tratto di litorale lo rende ideale per chi desidera godersi il mare che anche nei mesi autunnali permette di vivere al meglio, on the beach, la mitezza del clima

cipriota. Molto apprezzata la Veda SPA con piscina interna, sauna e hammam, così come le quotidiane sessioni di yoga, praticate in un’ampia area relax dedicata. Le attività legate allo yoga proseguono nel Buddha Bar e Yoga Lounge, dove è possibile assaporare tè e tisane, confrontandosi con i maestri che seguono le lezioni. Molto varia l’offerta legata alla ristorazione presso il ristorante Soma che privilegia le eccellenze gastronomiche locali – menzione speciale per il pesce fresco – e che serve un’interessante selezione di smoothies e altre bevande a base di frutta e verdura di propria produzione. All’interno del perimetro del resort è anche presente, infatti, un’area dedicata alle coltivazioni biologiche. Last but not least, la zona pool con i suoi bar, perfetta per un drink, un caffè o semplicemente per placidi momenti di relax, ammirando il panorama. zeningcyprus.com

CASALE PANAYIOTIS: WELLNESS RURALE IN UN ECO-RESORT DIFFUSO

Un buen retiro nell’entroterra di Nicosia
per rallentare il ritmo e ricaricarsi riposando,
facendo passeggiate e approfittando di
un’offerta benessere completa e articolata.
La storia di Casale Panayiotis rappresenta
un bel caso di turismo sostenibile e di
riqualificazione di un piccolo borgo,
trasformandolo in un eco-resort diffuso
che offre la possibilità di entrare a far parte
di una comunità, prendendo parte alle sue
attività e seguendone i ritmi. L’emigrazione e i cambiamenti legati allo stile di vita stavano spopolando il villaggio fino a quando una cordata guidata da John Papadorious ha invertito la rotta, lavorando per creare un nuovo modo di abitare il borgo, preservandolo e conservandone l’identità. Attualmente, le soluzioni abitative a disposizione degli ospiti sono 43, distribuite in 8 differenti edifici e inserite in un contesto che offre una bellissima SPA, ristoranti, bar e luoghi aperti legati ad agricoltura e artigianato. L’opera di restauro è stata particolarmente accurata e la cifra stilistica che caratterizza camere e spazi coniuga sapientemente raffinatezza e tradizione. Un esempio concreto di questa bella opportunità di vivere l’entroterra cipriota sono le proposte “Farm to Fork” che, ad esempio, combinano un soggiorno di tre notti con un workshop per la preparazione del celeberrimo formaggio cipriota Halloumi, pesca alla trota associata a una cena all’aperto mentre si visita un frutteto e degustazione di cibi e vini locali. Altre proposte permettono di associare pesca ed escursioni in bicicletta, inclusive di noleggio del mezzo. Chi, invece, ama concentrarsi unicamente sulle esperienze gourmet potrà contare su pacchetti che uniscono soggiorno, cene in differenti ristoranti e wine tasting presso le cantine della zona. casalepanayiotis.com

PAFOS CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2017:

Pafos 2017 si avvicina al suo ultimo trimestre, ma il programma anche nei mesi autunnali continua a essere ricco e animato da uno stimolante clima internazionale. Protagonista di due giornate di musica sarà il divertente ensemble berlinese Zentralkapelle, formato da musicisti professionisti e nato per portare la musica suonata da un’orchestra fuori dalle sale da concerto, in un’ottica di condivisione, contaminazione degli spazi e comunione tra le persone attraverso le note. Il 1° e il 2 ottobre insieme alla Windcraft Band di Cipro animerà,

rispettivamente a Pafos, nella piazza del castello medioevale, e nel piccolo borgo di Lemona un divertente concerto con un programma che spazia tra danze tradizionali, funk e canzoni pop. Il 24 ottobre, ancora un nome internazionale darà vita a un appuntamento teatrale molto coinvolgente e legato indirettamente ad Aahrus, la città danese che con Pafos è capitale europea della cultura 2017. Carte Blanche, la compagnia coinvolta, è, infatti, danese ed è famosa in tutto il mondo per la messa in scena di produzioni caratterizzate da un alto tasso di sperimentazione e dall’interazione con il pubblico. Fondamentale per ogni esibizione la forte interconnessione con il luogo dove avviene lo spettacolo per rafforzare gli stimoli trasmessi agli spettatori. Per questa occasione, sarà il centro storico di Pafos e l’evento si prospetta davvero interessante. Il 17 novembre, nuovamente emozioni in musica con uno struggente concerto a due, The Clarinest-Piano Music of the East meets the West, in cui si esibiranno Karel Dohnal, virtuoso ceco del clarinetto, giudicato uno dei migliori musicisti al mondo legati a questo strumento, e il pianista cipriota di fama internazionale Kyriacos Kyriakou. Nella suggestiva cornice del cinema Attikon suoneranno musiche tradizionali cipriote e greche, scritte per piano e clarinetto. pafos2017.eu

NEWS DALLA NATURA: LE CASCATE DI KALIDONIA, TREKKING AUTUNNALE

I trekker appassionati che non amano praticare la loro attività favorita con temperature rigide e clima invernale, trovano a Cipro un vero e proprio paradiso. La terza isola del Mediterraneo si fa apprezzare anche in autunno e in inverno per le sue temperature miti e la varietà del suo territorio la rende la meta ideale per bellissimi trekking con vista. Un punto particolarmente bello da raggiungere è la cascata Kalidonia che dà il nome a un

omonimo trail. Chi ama scoprire la montagna correndo può dilettarsi lungo i tre chilometri di percorso che si snoda tra le pendici dei monti Troodos e chi desidera semplicemente camminare troverà un paesaggio boschivo molto vario, da ammirare passo dopo passo, seguendo un tracciato adatto a tutti. Il sentiero per raggiungere le cascate parte da Platres, villaggio molto antico ubicato nell’entroterra dell’isola, nel distretto di Limassol, a un’altitudine di 1.100 metri. Programmare un soggiorno in funzione dell’escursione è davvero piacevole poiché, in perfetto country style, l’area del borgo ospita edifici antichi, eccellenti ristoranti, tradizionali guest-houses e un’ottima cantina. Curiosità: il nome della cascata pare risalire al 1878 quando un gruppo di scozzesi che stava esplorando la zona decise di chiamarla così, colpito dalla sua bellezza e dalla somiglianza con i boschi pieni di corsi d’acqua della loro zona di origine. Poco distante, altra cascata che merita un’escursione è quella di Millomeri.

13-15 OTTOBRE, PAFOS WINE FESTIVAL, 5-12 NOVEMBRE, ZIVANIA FESTIVAL

Un weekend dedicato al vino e alle eccellenze gastronomiche di Pafos è un’occasione perfetta per una fuga last minute dedicata alla Capitale Europea della Cultura. In due soli giorni, dal 13 al 15 ottobre, ci si potrà dilettare tra mostre, concerti e performance, facendo, al tempo stesso, un piacevole incontro con i vini e le delizie alimentari della zona e di tutta l’isola. L’evento avrà lugo tra l’area del porto e quella del castello. Interessanti anche i momenti di approfinimento culturale dedicati alle tradizioni, al mondo del vino e alle

produzioni locali. E se ai grandi saranno riservate numerose sorprese piacevoli, il festival non sarà meno divertente per i bambini con spettacoli di marionette, facepainting e giochi di prestigio. Con l’avvicinarsi della stagione invernale, il vino passa il testimone alla zivania, l’acquavite cipriota. Il 5 novembre ad Alona, nella zona di Lefkosia (Nicosia), e il 12 novembre a Pelendri, in quella di Lemesos (Limassol), andrà in scena il festival dedicato a questo distillato ricavato unicamente da vinacce locali. Naturalmente, anche nel corso di queste due date non mancheranno le migliori leccornie artigianali rigorosamente “Made in Cyprus”.

BUONE CURIOSITÀ: È AUTUNNO, TEMPO DI SOUTZOUKOS!

“Dall’uva per l’uva”, così si potrebbe riassumere uno degli abbinamenti più classici dell’enogastronomia cipriota: zivania e soutzoukos, dolce delizioso, realizzato artigianalmente con pazienza partendo dal mosto. Chi li vede appesi e non sa che cosa siano li scambia per lunghe candele, perché la loro forma è in tutto e per tutto identica. La preparazione è lenta e laboriosa, ma il risultato è davvero straordinario, sia per gli occhi sia per il palato. Si parte dall’anima, realizzata infilando, proprio come si fa con una collana, mandorle

o noci ammorbidite nell’acqua, con un pezzo di spago lungo anche dai due ai tre metri. La corda così ottenuta viene immersa in una miscela fatta di mosto, bollito e addensato con l’aggiunta di un po’ di farina. Immersione dopo immersione, lo spessore del soutzouko aumenta e dopo 5 o 6 giorni, l’opera è completa e non rimane che portare a termine l’essiccatura. Al termine del processo, gli spettacolari “bastoni” ottenuti sono pronti e possono essere conservati per mesi. Le sue note intensamente zuccherine a contrasto con quelle secche della zivania, assaporate insieme nei mesi freddi, non solo corroborano il corpo, ma riscaldano anche il cuore.

CIPRO WORLDWIDE: SYRIO FOREL (MILTOS YEROLEMOU), UNO DEI RITORNI PIÙ ATTESI DI “GAME OF THRONES”

Ora che la settima serie di “Game of Thrones” è finita, per placare la loro crisi di astinenza – che pare durerà fino al 2019 – ai fan non resta che fare congetture su cosa accadrà in futuro. Uno dei personaggi più rimpianti e di cui maggiormente, serie dopo serie, si sono cercati indizi di un ritorno è quello di Syrio Forel, interpretato dall’attore di origini cipriote Miltos Yerolemou, maestro di spada di Arya, personaggio chiave della saga. A lui si deve la destrezza con le lame della figlia guerriera di Ned Stark e ora che finalmente lei è di nuovo a

Grande Inverno, forse, il tanto atteso ritorno, fosse solo per un cammeo, potrà avvenire. Dopo il fortunato ruolo di Syrio ne “Il Trono di spade”, il bravissimo attore, che si divide tra il cinema e il teatro shakespeariano – ha interpretato numerosi ruoli nella Royal Shakespeare Company – ha recitato in “Star Wars – Il Risveglio della Forza” e in altre fortunate produzioni. Per dare vita al suo maestro di spade si è fatto ispirare anche dalla sua conoscenza del greco e, nonostante sia nato e viva in Gran Bretagna, ha mantenuto vivo il suo rapporto con il Paese di origine e lo scorso agosto è stato l’ospite d’onore del festival di cinema, animazione e gaming Cyprus Comic Con, mandando in visibilio i numerosi fan

COLLEGAMENTI AEREI (stagione autunno-inverno)
Alitalia, fino a fine ottobre, opererà 3 voli alla settimana da Roma

Fiumicino a Larnaka.

Easyjet mantiene i due voli settimanali diretti da Milano Malpensa su Larnaka

Ryanair, fino a fine ottobre, vola da Roma Ciampino verso Pafos, con due voli settimanali

Aegean Airlines vola da Milano Malpensa, Roma Fiumicino, Venezia, Napoli, e Catania verso Larnaka, con scalo ad Atene.

Austrian Airlines vola da Milano Malpensa, Roma Fiumicino, Venezia e Bologna verso Larnaka, con scalo a Vienna.

CIPRO PER L’ITALIA

L’Ente Nazionale dl Turismo di Cipro nei prossimi mesi autunnali ha in programma numerosi eventi, fiere e Roadshow:
12-14 ottobre, TTG Incontri, a Rimini
26-29 ottobre BMTA (Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico) a Paestum.

Roadshow Cipro “Sorpresa Mediterranea”, 24/10 a Torino, 25/10 a Milano;
Travel Open Days, 20/10 Napoli, 7/11 Bari, 14/11 Brescia, 21/11 Saronno, 23/11 Firenze; Trade Event 2017 by ADUTEI, 22/11 Roma
Mentre dal 9 al 30 ottobre, a Milano, lungo Corso Vittorio Emanuele, mostra fotografica, “Cipro, Cultura alla Corte di Afrodite, dedicata al patrimonio artistico e naturalistico dell’isola.

A VVERTENZE
L’Ente Nazionale per il Turismo di Cipro si impegna da anni strenuamente, anche tramite la voce dell’Ambasciata, ad informare i turisti, gli operatori e la stampa italiana sulla meta “Cipro Nord”. Invitiamo pertanto a leggere quanto dichiarato sul sito http://www.turismocipro.it dall’Ambasciata della Repubblica di Cipro:

http://www.turismocipro.it/file/A1)_TURISMO_NELLA_ZONA_OCCUPATA_DI_CIPRO_- _Comunicato_dell’Ambasciata_della_Repubblica_di_Cipro.pdf
e il comunicato ufficiale di Viaggiare sicuri della Farnesina: http://www.turismocipro.it/file/A2)_COMUNICATO_UFFICIALE_www.viaggiaresicuri.it_%20( Farnesina).pdf

Seguici su

Scarica qui la Mappa di Cipro http://www.turismocipro.it/file/Mappa_di_Cipro.jpeg

CONTATTI

Ente Nazionale per il Turismo di Cipro

Via A. Solari 13 – 20144 Milano
Tel. 02 58303328—Fax. 02 58303375

E-mail: info@turismocipro.it – Web: www.turismocipro.it
Orari d’apertura: dal lunedì al venerdì dalle 09.00 alle 17.00 orario continuato Sito ufficiale per informazioni turistiche: www.visitcyprus.com
Sito Governativo ufficiale: www.cyprus.gov.cy

www.facebook.com/visitcyprus.italy/

Arte a Biella – Terre di Uomini

Evento da non perdere
Terre di Uomini
Adams, Shore, Goldblatt, Ghirri, Basilico, Jodice
e altri 21 grandi fotografi raccontano il paesaggio.
   
Palazzo Gromo Losa, Biella
27 ottobre 2017 – 7 gennaio 2018
Inaugurazione: 26 ottobre 2017, ore 21
 
Info: fondazionefotografia.org/mostra/terre-di-uomini/
Immagini in alta risoluzione: fondazionefotografia.org/press/
George Osodi | Smoking Pipe, 2007 | dalla serie “Oil Rich Niger Delta”
stampa digitale, 119 x 79 cm  © l’artista, courtesy Fondazione Cassa di Risparmio di Modena
La relazione tra l’uomo ed il paesaggio, l’influenza che l’uno esercita sull’altro e le implicazioni di tale relazione nello scatto fotografico sono al centro della mostra ‘ Terre di Uomini’, che si terrà a Biella, presso lo splendido Palazzo Gromo Losa, dal 27 ottobre 2017 al 7 gennaio 2018.
La mostra, a cura di Chiara Dall’Olio, è l’esito di una collaborazione tra Fondazione Fotografia Modena e Palazzo Gromo Losa srl, rispettive società strumentali di Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e di Fondazione Cassa di Risparmio di Biella. Il percorso comprende oltre 70 opere di 27 artisti, tutte provenienti dalla collezione di fotografia contemporanea della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena.
Le collezione di fotografia della Fondazione Cassa di risparmio di Modena, che Fondazione Fotografia ha il compito di gestire e valorizzare, si articola in una serie di sezioni definite in base alla provenienza geografica degli autori. Proprio questa sua caratteristica originale e pressoché unica nel panorama del collezionismo fotografico italiano consente di confrontare visioni del paesaggio differenti. ‘ Terre di Uomini’ prende in esame in particolare quella americana, quella africana e quella italiana.
Gabriele Basilico | Genova, 1985 | stampa alla gelatina d’argento, 100 x 130 cm
© Eredi Gabriele Basilico, courtesy Fondazione Cassa di Risparmio di Modena
Il paesaggio è al centro dell’opera dei grandi maestri della fotografia americana: da Ansel Adams, capostipite di questo genere, che nelle sue fotografie evoca la leggendaria ‘ultima frontiera’, a Edward Weston, interprete, negli anni ’30 e ’40, di particolari della natura in chiave estetica e allegorica, per arrivare, negli anni ’60, alle sperimentazioni di Callahan e Siskind che restano tuttavia sempre nel solco tracciato da Adams, della fotografi pura ed elegante. Fondamentale poi la figura di Stephen Shore  che immortala la provincia americana finalmente con la pellicola a colori, utilizzata anche da Misrach  per agli ampi spazi desertici che richiamano l’attenzione allo sfruttamento della natura effettuato dall’uomo. Lo stesso tema si ritrova nelle periferie industriali di Gossage, così come nei lavori che negli stessi anni ‘80 vanno conducendo anche i fotografi europei. Nel mezzo si collocano autori come White, Caponigro, Bullock e Chappell, interpreti di una fotografia visionaria e contemplativa, che riflette innanzitutto sul posizionamento dell’essere umano nel mondo. L’uomo è anche al centro delle ricerche di Friedlander e di Van Deren Coke, prodotto di una società che è andata sviluppandosi negli anni ’60 e ’70, tenendo ai margini il “diverso”, in nome di un benessere collettivo e di uno sfrenato consumismo, inevitabili conseguenze del capitalismo americano.
Nonostante un territorio naturale affascinante ed estremo che condiziona fortemente la vita quotidiana, gli autori africani non si lasciano ammaliare dalla perturbante bellezza della natura. La fotografia è narrazione di un contesto quotidiano difficile, spesso conflittuale, in cui non c’è spazio per la contemplazione e il paesaggio resta sulla sfondo. La foresta nigeriana sfruttata e inquinata dagli oleodotti di Osodi, le tracce dell’apartheid che hanno segnato anche lembi di terra remota registrate nelle immagini di Goldblatt, o che si riflettono nella vita di tutti i giorni nelle fotografie di Nunn. Anche i cani ritornati randagi dopo essere stati abbandonati dai bianchi in fuga dalle fattorie dopo la fine dell’apartheid, ritratti da Naudé sono un emblema del recente passato sudafricano.  Nella periferia di Tangeri ripresa da Barrada  c’è tutta la precarietà di una nazione come il Marocco, così come nelle immagini della prima campagna elettorale democratica del Congo fotografata da Tillim nel 2006 la tensione delle piazze è palpabile. Tuttavia, la speranza di un futuro “normale” resiste, come vediamo nelle immagini di Apagya, dove gli adulti si collocano dentro un fondale che è il sogno a occhi aperti di un mondo nuovo.

Stephen Shore | Holden Street, North Adams, Massachusetts, July 13, 1974 | c-print, 20,5 x 25,5 cm
© l’artista, courtesy Fondazione Cassa di Risparmio di Modena

E in Italia? Il paesaggio italiano è stato da sempre uno dei soggetti più amati dai fotografi nostrani, fin dalle sue origini, un’eredità quasi scontata dal lontano Rinascimento. Difficile, per un autore contemporaneo, liberarsi da un approccio – che poi è una visione – così fortemente radicato, difficile anche solo “immaginare” un paesaggio diverso dal Bel Paese. Sono fotografi come Franco Fontana – che interpreta il mondo in campiture di colore – o come Luigi Ghirri – che volge l’attenzione alla provincia della pianura padana –  a dimostrare fin dagli anni ’70 che non esiste solo la bellezza delle coste o delle Alpi italiane. Sulla loro scia, Fossati indaga le rive del Po, che diventano quasi un paesaggio lunare, e Guidi ferma lo sguardo sulle contaminazioni che l’industria ha portato al nostro territorio, segnandolo e in molti casi deturpandolo. Occorre allora allontanarsi, prendere il largo come Mimmo Jodice che, da moderno Ulisse, ricerca nei luoghi del Mediterraneo le radici di una cultura ancora vibrante di forza. Oppure allargare il campo visivo e fare entrare nella fotografia il brulicare dell’attività umana moderna, invisibile ma palpabile presenza nelle fotografie di architetture di Basilico, colorata e invasiva massa nei paesaggi alpini di Niedermayr, che ormai hanno perduto per sempre il fascino selvaggio, la wilderness tanto amata da Ansel Adams, tanto che la fotografia stessa non può più essere unica, ma è frammentata in più cornici, spezzata come lo sguardo contemporaneo.
La mostra Terre di Uomini sarà inaugurata al pubblico giovedì 26 ottobre 2017, alle ore 21.
Sarà quindi aperta fino al 7 gennaio 2018.
Oltre a dar luogo a questo evento espositivo, la collaborazione tra le fondazioni di Modena e di Biella prevede anche la possibilità, per un giovane artista biellese, di partecipare gratuitamente al master sull’immagine contemporanea di Fondazione Fotografia nel corso del biennio 2017/19.
Scheda tecnica della mostra
 
titolo 
Terre di Uomini
Adams, Shore, Goldblatt, Ghirri, Basilico, Jodice
e altri 21 grandi fotografi raccontano il paesaggio 
 
artisti presenti in mostra
Ansel Adams, Philip Kwame Apagya,
Yto Barrada, Gabriele Basilico,
Wynn Bullock, Harry Callahan,
Paul Caponigro, Walter Chappell,
Van Deren Coke, Franco Fontana,
Vittore Fossati, Lee Friedlander,
Luigi Ghirri, David Goldblatt,
John Gossage, Guido Guidi,
Mimmo Jodice, Richard Misrach,
Daniel Naudé, Walter Niedermayr,
Cedric Nunn, George Osodi,
Stephen Shore, Aaron Siskind,
Guy Tillim, Edward Weston,
Minor White.
periodo
27 ottobre 2017 – 7 gennaio 2018
sede
Palazzo Gromo Losa
Corso del Piazzo, 22/24 – Biellaa cura di
Chiara Dall’Olio

promossa da
Fondazione Fotografia Modena
Palazzo Gromo Losa srl
press preview
giovedì 26 ottobre 2017, ore 18
 
inaugurazione
giovedì 26 ottobre 2017, ore 21
 
orari
venerdì e sabato 15.30-19.00
domenica 10.00-13.00 | 15.30-19.00
1° novembre, 8 e 26 dicembre, 1° e 6 gennaio 10.00-13.00 | 15.30-19.00
chiusa il 25 dicembre
biglietti
intero: 7,00 €
ridotto: 5,00 € → Soci Touring Club, Soci FAI, Soci Plein Air, Tessera Abbonamento Musei Torino e Piemonte, Amici di Castelli Aperti, gruppi di almeno 12 persone.
ingresso gratuito → under 25, studenti universitari con tesserino, disabili + 1 accompagnatore, insegnanti se accompagnano una classe, giornalisti con patentino, guide turistiche con patentino  
Visite guidate per gruppi(min. 12 – max. 25 persone) a cura di Ideazione Società Cooperativa: 65,00 € a gruppo in aggiunta al prezzo del biglietto (tel. 329 1866660)
 
informazioni
Fondazione Cassa di Risparmio di Biella
Via Garibaldi, 17 – 13900 Biella
Tel. 015 2520432
Fax 015 2520434
info@fondazionecrbiella.it
 
Fondazione Fotografia Modena
Via Emilia Centro 283, Modena
tel. 059 6139623 – 335 1621739
mostre@fondazionefotografia.org
ufficio stampa e comunicazione
Fondazione Cassa di Risparmio di Biella
Federica Chilà
Tel. 015 2520432
Fax. 015 2520434
federica.chila@fondazionecrbiella.it
ufficio stampa esterno
PCM Studio di Paola Manfredi
Alberto Selvatico
Via Farini 70 | 20159 Milano
Tel. 39 02 36769480
Fondazione Fotografia Modena
Cecilia Lazzeretti
tel. 059 224418
m. 338 8596174
press@fondazionefotografia.org

Arte a Napoli – Roberto Coda Zabetta Cantiere 1 / Terrazzo

Roberto Coda Zabetta
Cantiere 1 / Terrazzo
a cura di Maria Savarese
 
Opening
venerdì 22 settembre | ore 16.00
 
Complesso SS. Trinità delle Monache, ex Ospedale Militare, Napoli
Il terrazzo di copertura dell’ex ospedale militare | Foto Fabio Donato
Uno studio artistico a cielo aperto in un luogo pubblico, ma accessibile solo da alcuni punti della città. Cantiere 1 / Terrazzo è il nuovo progetto di Roberto Coda Zabetta per il complesso della SS. Trinità delle Monache, poi ex Ospedale Militare di Napoli, promosso dal Comune di Napoli-Assessorato alla Cultura e Turismo, in collaborazione con l’ Assessorato all’Urbanistica e ai Beni Comuni e con l’ Unità di progetto interdirezionale “Coordinamento progetti URBACT e Reti per lo Sviluppo di Politiche Urbane Integrate” nell’ambito della rete europea 2nd Chance del programma URBACT III, di cui il Comune di Napoli è capofila. Cantiere 1 / Terrazzo ha ricevuto il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee.
Roberto Coda Zabetta -FILM#28 – 2014 – 200×300 – Color ink and pigment paste on canvas
Prima tappa di un lavoro che toccherà altre città in Italia e nel mondo, alla cui base vi è un rapporto di reciproca implicazione tra pittura, architettura e territorio, il progetto – a cura di Maria Savarese – inteso come un percorso itinerante, sarà inaugurato il 22 settembre 2017, alle ore 16 in uno dei luoghi più suggestivi del centro storico di Napoli il Complesso della SS. Trinità delle Monache, attualmente oggetto di un processo di progettazione partecipata che coinvolge cittadini e amministrazione comunale con l’impegno di realizzare un piano di azione per il recupero, la rifunzionalizzazione e la gestione del complesso.
Roberto Coda Zabetta lavorerà alla realizzazione di un grande intervento pittorico sul terrazzo di copertura dell’ex ospedale militare, esperienza inedita che viene realizzata per la prima volta.
I giorni in cui l’azione e lo svolgimento dell’opera, a campiture di colore concentriche, saranno seguiti e documentati dal fotografo e filmaker Henrik Blomqvist, con contributi video, oltre che della curatrice, di Ilaria Bonacossa (già direttrice del Museo di Villa Croce, Genova, e attuale direttrice di ARTISSIMA, Torino), di Nino Daniele (Assessore alla Cultura e Turismo del Comune di Napoli) e Andrea Viliani (direttore del museo Madre di Napoli).
L’opera sarà visibile fino al 14 ottobre 2017 da tutta la zona collinare di Napoli retrostante il complesso architettonico, interagendo quindi con la città stessa di cui diviene elemento tissutale. Un intervento di arte pubblica per la città, che vede coinvolto un intero edificio del suo patrimonio architettonico.
L’intera struttura e la cifra astrattiva con cui l’artista ha scelto di esprimersi, fornendo un luogo d’incontro tra sensi e intelletto, mira a produrre un rimando senza soluzioni di continuità tra percezione e pensiero consentendo così l’accesso a una dimensione altra da quella governata dalla semplice prospettiva con cui solitamente s’identifica il nostro rapporto con la realtà esterna.
Il video del progetto sarà poi presentato in anteprima nazionale a Napoli e a seguire nelle principali sedi museali e istituzionali internazionali.
BIOGRAFIA
Roberto Coda Zabetta (1975, Biella, IT) è stato assistente presso lo Studio di Aldo Mondino dal 1995 al 2005. Le sue opere sono state esposte in gallerie e musei nazionali e internazionali, fra cui il Museo di Villa Croce di Genova (2016), Fondazione Mudima, Milano (2015), Palazzo Barbarigo Minotto, Venezia (2015), The Shit Museum in Piacenza (2015), MAC-Museo d’Arte Contemporanea, Rio de Janeiro (2012), PAN, Napoli (2010), Certosa di Capri (2011). L’artista è stato selezionato per vari premi, fra cui quelli promossi da Città dell’Arte-Fondazione Pistoletto, Dena Foundation, American Academy in Rome.
SCHEDA INFORMATIVA
Autore: Roberto Coda Zabetta
Titolo: Cantiere 1 / Terrazzo
A cura di: Maria Savarese
Sede: Complesso della SS. Trinità delle Monache, ex Ospedale Militare, Napoli
Opening: 22 settembre 2017 ore 16
Date: fino al 14 ottobre 2017
Orari: Da martedì a venerdì 8.30 – 18.30; sabato e domenica dalle 8.30 alle 13.30; lunedì chiuso
 
 
Partner: progetto promosso dal Comune di Napoli Assessorato alla Cultura e Turismo, in collaborazione con l’Assessorato all’Urbanistica e ai Beni Comuni, e con l’ Unità di progetto interdirezionale “Coordinamento progetti URBACT e Reti per lo Sviluppo di Politiche Urbane Integrate” – Progetto 2nd Chance Programma URBACT III. Il progetto ha ricevuto il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee
Video: regia di Henrik Blouquist
Produzione video: BlackMamba MILANO
Contributi video: Ilaria Bonacossa, Nino Daniele, Maria Savarese, Andrea Viliani
 
Collaboratori di progetto: Ciro Delfino, Paolo Gambardella, Edoardo Mirabella Roberti, Carla Savarese
Fotografia: Fabio Donato
Graphic designer: Matteo Blandford