Archivi categoria: Senza categoria

In cinquant’anni l’uomo ha distrutto più della metà della fauna selvatica

Se l’ape scomparisse dalla faccia della terra, all’uomo non resterebbero che quattro anni di vita”; lo affermava Albert Einstein.

In cinquant’anni, metà delle specie animali selvatiche è stato distrutto dall’uomo e dalle sue attività economiche; agricole, industriali, estrazione mineraria, deforestazione per allevamenti o per legname pregiato ecc…

Si è calcolato che in tre anni ne spariranno altri due terzi.

Insieme ad animali che nemmeno conosciamo, stanno per soccombere anche le api (ad esempio), indispensabili per impollinare la frutta e molta verdura che mangiamo.

La popolazione mondiale umana è in continua espansione, è più che raddoppiata dal 1960, ora è a 7,4 miliardi di persone. Questa massa umana: depreda, sovraffolla e avvelena il pianeta, inoltre con i suoi comportamenti rende impossibile la convivenza con le altre specie viventi. 

Noi tutti viviamo su di un piccolo pianeta, e abbiamo raggiunto il punto di saturazione”, sostiene Johan Rockstrom, direttore esecutivo dello Stockholm Resilience Centre.

“Stiamo assistendo a una regressione della vita sul pianeta, della quale siamo in parte responsabili. E’ un fattore di rischio importante per tutti noi”, spiega Pascal Canfin, direttore generale di Wwf Francia. “Se sparisce il capitale naturale, distruggiamo la nostra capacità di vivere sul pianeta a lungo termine”.

La fauna selvatica sta scomparendo a un ritmo senza precedenti“, lo dice il direttore generale di Wwf International, Marco Lambertini.

 

 

 

 

DIMAGRIRE CON GUSTO : RICETTE PERSONALIZZATE E CONSIGLI

24 milioni di italiani sono sovrappeso.

Da un tradizionale formaggio, nato in un’abbazia, nel convento moderno della EXPO nasce “LA DIETA DEL GRANA PADANO – TRENTIN GRANA o PARMIGANO REGGIANO – scofgliete voi, seocndo il vostro gusto.

Una dieta sana che coincide con i nostri gusti più nostrani.

La dieta, ipocalorica bilanciata, è studiata da specialisti che garantiscono un giusto equilibrio per prevenire colesterolo e ipertensione.

In questa dieta, grazie anche al Grana Padano / Parmigiano Reggiano / Trentin Grana … vengono forniti all’organismo, senza bisogno di costosi preparati ipocalorici e altrettanto costosi integratori, sali minerali e proteine a sufficienza.

Esempio: la torta di patate. cipolle e Grana Padano con rosmarino.

Un piatto unico che si può preparare in anticipo, tenere nel frigorifero, scaldarlo se si vuole e quando si vuole o usarlo per un pic-nic.

Il programma della dieta è semplice, basta compilare un questionario, per avere un dieta adeguata alle nostre esigenze,  e si riceveranno una serie di menù settimanali, anche con alternative vegetariane, secondo il vostro peso,  altezza, età e sesso.

“EDUCAZIONE NUTRIZIONALE GRANA PADANO”

Le informazioni ricevute serviranno anche a mantenere il peso raggiunto con proposte di attività fisica personalizzate.

Vedi a : www.educazionenutrizionale.granapadani.it

RIPORTIAMO ALCUNE RICETTE:

Insalata di salmone e lenticchie

Ingredienti per 4 persone
un cuore d’indivia200 g di spinacino da insalata100 g di lenticchie verdi secche100 g di lenticchie rosse secche200 g di pomodori Ciliegino200 g di pane integrale1 cucchiaio di olio extravergine di oliva400 g di filetti di salmone40 g di Grana Padano DOPsale e pepe nero in grani
Per il condimento (citronette)

4 cucchiai di olio extravergine di oliva – succo di 1 limonesale e pepe nero
Preparazione

In un tegame fate bollire le lenticchie rosse e verdi a fuoco basso finché saranno tenere (per circa 30 minuti), scolatele e lasciatele raffreddare.

Nel frattempo mondate e lavate le verdure, spezzettate l’indivia a pezzi grossi, tagliate i pomodorini in due parti.

In una padella capiente, precedentemente riscaldata a fuoco medio, mettete i filetti di salmone a cui avrete tolto pelle e spine, tagliateli a quadretti e scottateli per 4 minuti.

Tagliate a fette il pane e tostatelo.

Mettete il tutto in una terrina aggiungendo anche lo spinacino e le lenticchie.

Prima di servire preparate la citronette in una ciotola e con una frusta sbattete: olio, limone, sale e pepe fino ad ottenere una emulsione.

Nel piatto di portata dell’insalata aggiungete le scaglie di Grana Padano, guarnite con 2 crostini tostati, cospargete il pepe tritato al momento, condite con la citronette e servite.

Gli alimenti della ricetta apportano i seguenti nutrienti
Carboidrati, proteine e grassi (macronutrienti) che apportano calorie; vitamine e minerali (micronutrienti) che non forniscono calorie ma svolgono importanti funzioni per l’organismo.

———

Fusilli al farro con asparagi, funghi, peperoncino e Grana Padano DOP

Ingredienti per 4 persone
240 g di fusilli al farro 3 cucchiai di olio extravergine di oliva 2 spicchi di aglio 2 piccoli peperoncini rossi 250 g di funghi champignon 1 mazzo di asparagi (150 g) 20 ml di vino biancoqualche fogliolina di timo fresco 40 g di Grana Padano DOP sale e pepe in grani
Preparazione
Mettete a bollire i fusilli in abbondante acqua salata per circa 10 minuti.

In una padella capiente scaldate l’olio a fuoco medio e unite l’aglio sbucciato e schiacciato, i peperoncini privi di semi, i funghi a fettine e gli asparagi a pezzetti.

Versate il vino e fate ammorbidire il tutto per circa 3 minuti senza coprire la padella così che il vino evapori.

Scolate i fusilli al dente, versateli nella padella e lasciateli insaporire per un paio di minuti amalgamando tutti gli ingredienti e, all’ultimo minuto, aggiungete il timo fresco, il pepe macinato e un pizzico di sale. In tavola cospargete il piatto di pasta con il Grana Padano a listarelle sottili.

Gli alimenti della ricetta apportano i seguenti nutrienti
Carboidrati, proteine e grassi (macronutrienti) che apportano calorie; vitamine e minerali (micronutrienti) che non forniscono calorie ma svolgono importanti funzioni per l’organismo.

———-

Mele al Vin Santo:

Ingredienti per 4 persone
4 mele (600 g) Golden di misura omogenea40 g di uva sultanina secca75 ml di Vin Santo15 g di olio extra vergine d’oliva 1 pezzetto di cannella 10 g (un cucchiaio) di mandorle a lamelle 30 g di zucchero di canna
Preparazione

In una ciotola versate l’uva sultanina, copritela con il Vin Santo e lasciate che si ammolli per 20 minuti.

Lavate le mele con la buccia ed eliminate il torsolo con lo scavino.

Mettete in una casseruola non molto grande le 4 mele in posizione verticale e riempite il loro interno con l’uva sultanina che avete sgocciolato e strizzato, le lamelle di mandorle, un filo d’olio extra vergine d’oliva e cospargete il tutto con lo zucchero di canna.

Spruzzate con il Vin Santo usato per l’ammollo dell’uva sultanina, aggiungete un pizzico di cannella e cuocete a fuoco medio per 30 minuti a recipiente coperto.

Di tanto in tanto bagnatele con il loro fondo di cottura per mantenere morbida la buccia. Servitele tiepide per esaltare il profumo degli ingredienti utilizzati.

Gli alimenti della ricetta apportano i seguenti nutrienti
Carboidrati, proteine e grassi (macronutrienti) che apportano calorie e svolgono importanti funzioni per l’organismo.

 

Farina bianca bufala e fake news – Attenzione alle mode

Senza lattosio – senza glutine – senza sale – senza zucchero … ragioniamo e escoltiamo esperti disinteressati

Nell’era dei fake anche la farina bianca diventa una bufala

ALIMENTARSI SENZA BUON SENSO CREDENDO A TUTTO QUELLO CHE SI DICE ….

impazzano le fake news

 notizie inventate

false e infondate

MODE  che servono per vendere meglio i prodotti e a cifre più alte …

IMPARARE A ” fidarsi di se stessi – ascoltarsi – riappropriarsi della capacità di valutare il proprio benessere “

” La soglia di attenzione deve essere alta soprattutto quando ci sono di mezzo i bambini “

  Lezione di Donegani contro le semplificazioni alimentari

A Fa’ la cosa giusta! Tutte le “fake news” alimentari sul WEB

 – La farina bianca fa male.

Ma forse no.

Attenti agli alimenti senza…buonsenso

Per esempio:

ora in Bolivia ci sono delle gravissime condizioni ambientali che spingono i produttori ad utilizzare pesticidi per massimizzare le produzioni di quinoa.

Anche nell’alimentare impazzano le fake news, notizie inventate, false e infondate. Internet è un letale amplificatore che contribuisce a mettere in circolo nuove bufale e a rilanciare convinzioni popolari. Per colpa del web e di chi manipola la comunicazione è così in continua crescita una scorretta informazione sull’alimentazione.

A fare chiarezza sul mercato dei prodotti alimentari e sulle tante “bufale” èil Dott.Giorgio Donegani,Tecnologo Alimentare ed esperto di Nutrizione, che a Fa’ la cosa giusta!, allo stand diMilano Ristorazioneha messo qualche paletto:

Una delle ultime bufale – ha raccontato Donegani – è quella relativa alla farina bianca, messa a sproposito nella categoria dei ‘veleni bianchi’.

In Italia consumiamo in media a persona 28 kg di pasta, 35 kg di pane, 8 kg di pizza all’anno e nonostante ciò siamo il secondo popolo più longevo al mondo dopo il Giappone.

Anche il latte è stato definito un veleno bianco.

L’Agenzia Internazionale di Ricerca sul Cancro dell’Oms ha classificato gli alimenti in base alla probabilità di rischio:

il latte è definito “neutro”, quindi non è pericoloso.

Ma è possibile che si debba ridurre tutto all’estrema semplificazione “questo ingrediente fa male, questo fa bene” dimenticando che sia la dose a fare la differenza tra il veleno e la medicina?”.

Durante la conferenza divertenti, ma allarmanti, aneddoti: sapevate che il sale dell’Himalaya in Himalaya non è mai esistito? Proviene infatti da una miniera del Pakistan.

“I nostri comportamenti di consumo – continua l’esperto– influenzano la comunicazione di un determinato ingrediente.

Si pensi alla quinoa, un cereale che è stato sempre utilizzato in Bolivia ma che ha avuto un “successo” smisurato in Europa solo recentemente.

A causa dell’esplosione di un fenomeno mediatico, ora in Bolivia ci sono delle gravissime condizioni ambientali che spingono i produttori ad utilizzare pesticidi per massimizzare le produzioni di quinoa.

Tutto questo perché sul nostro mercato la comunicazione ha portato ad una richiesta esorbitante di un prodotto che non è nelle nostre tradizioni”.

 Per verificare la correttezza di informazioni su cibi e alimenti presenti nel web, ha messo in guardia,“si può utilizzare la stessa rete.

Bisogna però verificare le fonti delle informazioni stando attenti alle trappole.

Su internet ci sono due modi di ricercare le notizie: uno cercare quello che si vuol sentir dire, l’altro è aprirsi a qualsiasi verità.

Diffidate quindi di titoli esagerati e consultate siti istituzionali e qualificati, a cominciare dal quelli del ministero della Salute, dell’Istituto superiore di sanità, del Centro di ricerca per gli alimenti e la nutrizione e della Società italiana di nutrizione umana”.  

Va molto di moda  quello del “ senza ”

Senza lattosio, senza glutine, senza sale, senza zucchero

sono tutti trend che servono per vendere meglio i prodotti e a cifre più alte.

Negli ultimi decenni è cambiato il modo di comunicare in ambito della divulgazione scientifica, specialmente dopo l’ingresso di internet, ma soprattutto dopo la nascita dei social network:

“I social hanno dato la capacità di costruire una credibilità scientifica su cose che scientifiche non sono.

Quando si fa un articolo di scienza, è necessario sottoporlo a numerosi e utili confronti con altri scienziati e solo allora può essere pubblicato”.

 La base delle bufale è proprio questa:

il mercato crea ambiti nei quali pilotare volutamente una massa di persone costruendo un ambiente nel quale si riconoscono, non basandosi però su un metodo scientifico.

E quindi quale potrebbe essere la soluzione?

“Bisogna recuperare un po’ di buonsenso, primo ingrediente del benessere.

Esiste una scala del rischio nell’ambito alimentare: c’è il rischio percepito e il rischio reale. Nella scala del rischio percepito abbiamo paura soprattutto dei “veleni”, mentre nel rischio reale rientra il rischio igienico, secondo cui siamo immersi nei microbi (importantissimi per la nostra salute perché aiutano la nostra flora intestinale a star bene)”.

La dieta che va bene per tutti ancora non esiste per questo è necessario recuperare la capacità di ascoltare noi stessi, come suggerisce ancora l’esperto,

” Bisogna fidarsi di se stessi, ascoltarsi, riappropriarsi della capacità di valutare il proprio benessere”.

 Donegani conclude:

La soglia di attenzione deve essere alta soprattutto quando ci sono di mezzo i bambini.

Nelle mense le persone hanno un’importanza grandissima:

le scodellatrici sono indispensabili perché fanno capire il valore del cibo.

In questo la scuola è determinante e Milano Ristorazione è fondamentale per l’impegno che infonde nei bambini nella valorizzazione degli alimenti.

È in cucina, nelle mense, durante il pranzo che i bambini imparano la cultura dal cibo.

Recuperare l’esperienza diretta è una delle prime armi per poter combattere le bufale ed avere più consapevolezza”.

Dottor Giorgio Donegani

Il Dott. Giorgio Donegani, Tecnologo Alimentare ed esperto di Nutrizione e Educazione Alimentare e Scienza dell’Alimentazione, ha contribuito alla redazione delle Linee Guida per l’Educazione Alimentare nella Scuola Italiana come membro del comitato tecnico scientifico “Cibo e Scuola” del MIUR. Attualmente è consigliere della Fondazione Italiana per l’Educazione Alimentare, e si occupa della promozione dell’educazione alimentare, in particolare nella scuola. Il Dottor Donegani ha affiancato Milano Ristorazione nella conduzione dei laboratori di educazione alimentare per le famiglie “Dall’orto alla tavola”.

 

Da Street a Deluxe Food – Gourmet Burger Agritech

ALIMENTAZIONE

Gourmet Burger Agritech:

Da Street a Deluxe Food,
ora anche nel reparto surgelati !

Hamburger (dal tedesco “ proveniente da Amburgo ”)

Hamburg Burg Festival che si tiene da 34 anni nello Stato di New York  www.hamburgburgerfest.com

Una storia appassionante di migranti e di golosità, di Festival
e di fantasia per un pane che è sempre più trendy
e facile da trovare in tante varietà.

www.vandemoortele.com

Agritech, storico marchio romagnolo di prodotti di pane surgelati, ora confluito nel gruppo Vandemoortele, presenta i Gourmet Burger,

novità 2018 che rivisita in chiave premium il famosissimo sandwich dalla storia appassionante.

Tutto inizia verso la fine dell’ 1800 quando i marinai tedeschi sbarcati in America importano oltreoceano uno dei loro pasti prediletti:

una polpetta di carne cotta alla griglia inserita fra due fette di pane.

Battezzato Hamburger (dal tedesco “proveniente da Amburgo”) questo piatto veloce e frugale conquistò in poco tempo anche gli americani che iniziarono ad insaporire la ricetta originale con vari ingredienti come salse, formaggio cheddar e bacon croccante, contendendosi la paternità dell’Hamburger con i tedeschi. Sono le rivincite della storia dei flussi migratori.

Dopo la nascita delle prime catene di fast food, la scalata al successo dell’ Hamburger culmina negli Anni ’80 del secolo scorso quando, complici le multinazionali e il consenso delle masse, si consacra a cibo icona della cultura pop, destinato ad entrare per sempre nel costume popolare.

Tuttavia, se ai tempi il panino imbottito era sinonimo di basso costo e scarsa qualità della materia prima, nel terzo millennio si ribaltano totalmente gli schemi tanto che agli inizi degli Anni 2000 si parla dei primi hamburger gourmet a base di ingredienti raffinati – come tartufo o foie gras – selezionati e genuini.

Da allora il trend è in continua crescita: aprono le Hamburgerie specializzate e si moltiplicano gli abbinamenti creativi fra pietanze secondo i principi della cucina fusion.

L’Hamburger è perfino celebrato con veri e propri Festival come l’ Hamburg Burg Festival che si tiene da 34 anni nello Stato di New York (www.hamburgburgerfest.com).
Anche il pane utilizzato è sempre più insolito: oltre al burger bun morbido e dolce del classico cheeseburger, ora è possibile scegliere fra numerose tipologie a seconda del gusto personale o dell’accostamento con la ricetta della farcitura. E grazie ad Agritech, oggi il Burger è protagonista nel reparto surgelati.

Ecco cinque proposte Agritech in formati rustici e artigianali ispirate alle tendenze food del momento:

Gourmy burger : dall’ impasto dolce, soffice e leggermente briosciato, i gourmy burger – presenti anche in versione mini – hanno un’ alveolatura fitta ideale per trattenere le salse in perfetto contrasto con la croccantezza della tradizionale crosta ricoperta di sesamo.
Black&White Gourmy Burger: la mollica soffice e briosciata si caratterizza per il colore scuro e la delicata nota amara donata dalla segale. La crosta scura e croccante è ricoperta da un topping di granella di farro chiaro che crea un contrasto cromatico da cui prende il nome di Black&White.
Panbagel: rivisitazione in chiave italiana del bagel, il tipico panino con il buco centrale diffusissimo negli Stati Uniti e in tutta Europa.
Preparato con un impasto alla semola per garantirne a lungo la morbidezza, il retrogusto dolce e il caratteristico colore, viene lavorato artigianalmente per dare ad ogni singolo prodotto un aspetto unico e rustico.
-Brezel Burger: molto diffuso in Germania, Austria, Svizzera e Alto Adige ma nato in Francia nei Monasteri i primi del 1.600 e si facevano con i resti di altri impasti in forme dal significato sacro. Oggi rinasce con una forma ovale attraversata da due tipici tagli a contrasto. Ha la crosta lucida e croccante; il gusto amarognolo e la mollica soffice e fitta caratterizzano questa ricetta internazionale e di ultima generazione.

ISPI – Crisi finanziaria globale: può tornare a colpire?

Crisi finanziaria globale: può tornare a colpire?
Milano, 9 aprile ore 15.30
ISPI (Palazzo Clerici, ingresso dal civico 3 )

Sono passati quasi 10 anni dalla crisi finanziaria che ha sconvolto il mondo intero e prodotto effetti ancora molto sentiti in diversi paesi, Italia compresa. Dal G20 all’Unione europea, fino ai singoli paesi, molte sono state le misure prese per evitare un nuovo tracollo dell’economia mondiale. Ma alcuni fattori alla base della crisi non sono stati eliminati e la propensione alla collaborazione internazionale sembra oggi essersi ridotta. Esiste quindi il rischio che una nuova crisi finanziaria torni a colpire il mondo intero? Si fa abbastanza a livello internazionale per evitare che ciò accada? E se ci fosse una nuova crisi, ci sono ancora risorse sufficienti per aiutare le imprese e i lavoratori? Quali i rischi specifici per l’Europa e per un paese fortemente indebitato come l’Italia?

L’incontro si svolgerà in lingua inglese, senza traduzione simultanea e sarà trasmesso in diretta  streaming  sul sito dell’ISPI.

Intervengono:

Franco Bruni , ISPI e Università Bocconi
Francesco Giordano , Unicredit
Gao Haihong , Chinese Academy of Social Sciences, Pechino
Giuseppe Parigi, Banca d’Italia
Lucrezia Reichlin , London Business School
Brad Setser , Council on Foreign Relations, New York
José Siaba Serrate , Think20 Task Force “An International Financial Stability Architecture for Financial Stability and Development”, Buenos Aires

La partecipazione è libera con registrazione obbligatoria.

PER ISCRIVERSI:

http://www.ispionline.it/it/node/19845/done?sid=4587&token=0336597a4cf0d63a89812e96e376de56

L’evento segue il Workshop ( a porte chiuse e solo su invito )  “Global Cooperation for Financial Stability”  del mattino.

La giornata si inserisce tra le  attività promosse dall’ISPI in quanto membro italiano del Think20 (T20) , l’organizzazione dei Think Tank che fornisce studi e suggerimenti di policy ai leader mondiali del G20, che quest’anno si svolge sotto la Presidenza argentina.

Sostenga l’ISPI con il 5×1000
indicando nella Sua dichiarazione dei redditi il codice fiscale  02141980157

Segreteria ISPI
tel: +39 02 86.93.053
email: ispi.eventi@ispionline.it
web: www.ispionline.it

ESPERIENZE DI VACANZA NELLA ZONA TURISTICA DI VILLACH

ERLEBNIS CARD: TANTISSIME ESPERIENZE DI VACANZA NELLA ZONA TURISTICA DI VILLACH, NEL CUORE DELLA CARINZIA

cultura e/o bicicletta e rilassarsi alle terme …  e deliziose sorprese gastronomiche !

La grande novità dei bus ciclistici del 2018 è la possibilità di cimentarsi con la tecnologica E-bike

Anche nel 2018 la zona turistica di Villach – Lago di Faak – Lago di Ossiach vizia i propri ospiti con emozionanti esperienze e tante nuove attrazioni.

Torna infatti la Erlebnis CARD, disponibile gratuitamente presso tutti gli alloggi convenzionati, che permette di accedere a oltre 600 attrazioni della zona e di prendere parte alle iniziative dei programmi FRÜHLINGSFIT (primavera in forma), SOMMERAKTIV (estate attiva) e HERBSTGENUSS (delizie d’autunno). Un’occasione da non perdere per scoprire, da fine aprile ad inizio novembre, gli angoli più nascosti e suggestivi della regione carinziana!

hashtag di riferimento: #Villach #RegionVillach

Con la Erlebnis CARD in tasca, la vacanza nella zona turistica di Villach – Lago di Faak – Lago di Ossiach, in Carinzia, non potrà essere assolutamente noiosa e monotona.

Dal 30 aprile prossimo, fino al 4 novembre 2018, gli ospiti e gli abitanti della regione carinziana a pochi chilometri dal confine italiano di Tarvisio, potranno infatti usufruire della tessera Erlebnis CARD e quindi scegliere fra oltre 600 attrazioni sportive, naturali e culturali, con la possibilità di prendere parte fino a cinque diverse attività al giorno previste nell’ambito dei programmi tematici FRÜHLINGSFIT (primavera in forma), SOMMERAKTIV(estate attiva) e HERBSTGENUSS (delizie d’autunno).

Scoprire il territorio con la bicicletta e rilassarsi alle terme

Con lo sbocciare della primavera comincia anche la stagione delle due ruote, ideale per belle gite sulle piste ciclabili ben segnalate, attraverso paesaggi pittoreschi e i tanti laghi della zona.

Per tutto il periodo di validità delle Erlebnis CARD è possibile superare la frontiera in autobus e poi tornare pedalando in Carinzia, partendo Tarvisio e raggiungendo poi il lago di Ossiach, un percorso perfetto per scoprire la Carinzia pedalando immersi nella sua vegetazione.

La grande novità dei bus ciclistici del 2018 è la possibilità di cimentarsi con la tecnologica E-bike su un percorso che permette di raggiungere la valle di Rosental partendo dal lago di Faak. Sempre quest’ultimo è il protagonista di un nuovo tragitto estivo che raggiunge il centro di Spittal. Il bus va anche dal lago di Ossiach a Spittal.  Inoltre, per rigenerare le membra dopo una giornata passata a pedalare, in primavera e in autunno, grandi e piccini potranno usufruire del servizio FUN & SPA e trascorrere due ore gratis alle terme KärntenTherme, entrando dopo le 17.00 (in primavera il martedì e il giovedì, in autunno il martedì e il sabato). In estate invece, i bambini fino ai 15 anni avranno l’opportunità di vivere tutto il divertimento ed il benessere di questo centro termale entrando gratis se accompagnati da un adulto il possesso dell’Erlebnis CARD.

Estate e autunno da vivere in modo “slow”
Per gli amanti della natura, il birdwatching alla palude Bleistätter Moor è senza dubbio un’esperienza imperdibile che offre la possibilità di volgere lo sguardo al cielo e scoprire le numerose specie di volatili che popolano questa zona.

Questa iniziativa si inserisce nei percorsi Slow Trail che quest’anno caratterizzano la zona dei laghi carinziana.

Gli Slow Trail non sono dei semplici itinerari turistici, ma rappresentano momenti da passare in mezzo alla natura per ritrovare la propria tranquillità interiore. In questo senso, la palude Bleistätter Moor offre lo scenario perfetto nel quale concedersi un momento speciale tra suoni e colori pacificanti.

Alla scoperta della zona con MOBILAGIL

Con la Erlebnis CARD i turisti sensibili alla tutela dell’ambiente dal mese di giugno fino al 13 ottobre 2018, dal lunedì al sabato, potranno raggiungere i laghi di Ossiach e di Faak, e il Parco Naturale del Monte Dobratsch (dal 2 giugno e dal 17 giugno al 9 settembre anche domenica) usufruendo del servizio di bus navetta, disponibili anche durante la sagra di Villach “Villacher Kirchtag” e la European Bike Week.

Un’altra iniziativa particolare, è la possibilità di viaggiare su un autobus d’epoca da Villach alla bella valle Rosental, per rivivere l’atmosfera del turismo d’altri tempi.

Questo tour molto particolare e suggestivo, prevede varie fermate tra cui il giardino zoologico e il castello di Rosegg, senza dimenticare la gola Tscheppaschlucht presso Ferlach.

Per gli appassionati di storia, da non perdere la visita guidata nell’affascinante cittadina di Villach, seconda città più grande della Carinzia.

Sul confine con l’Italia e la Slovenia, la città è vero e proprio punto d’incontro fra tre culture d’Europa.

Ogni venerdì queste influenze culturali sono il tema di una visita guidata nel centro storico; il mercoledì di ogni settimana si svolgono altre visite tematiche e anche divertenti visite guidate dedicate a bambini e ragazzi (giovedi in estate), che avranno così l’occasione di seguire le tracce dei briganti, degli antichi romani e dei cavalieri medievali.

Gustare con tutti i sensi

deliziose sorprese gastronomiche

La zona turistica di Villach – Lago di Faak – Lago di Ossiach ha in serbo per i suoi ospiti anche deliziose sorprese gastronomiche.

Ogni sabato, si potrà visitare il profumatissimo giardino degli agrumi di Zitrusgarten e degustare i magnifici prodotti qui coltivati.

Gastronomicamente parlando, anche le escursioni autunnali ai rifugi HüttenKult rappresentano un’altra tappa alla scoperta dei gusti e dei sapori della tradizione austriaca.

In estate si possono esplorare i prati e i boschi intorno al lago di Faak in cerca di erbe spontanee da degustare, mentre sul lago bambini e adulti si divertono cimentandosi con lo stand-up paddling e il kayak.

Infatti, sia sul Lago di Faak, che su quello di Ossiach, l’Erlebnis CARD consente di provare questi sport gratis per un’ora.

Sarà possibile cimentarsi anche nel golf, ad esempio a Finkenstein, per migliorare il proprio swing.

Per chi invece predilige confrontarsi con qualcosa di più “strong” come l’arrampicata, oltre alle prove su roccia disponibili sia a Kanzianiberg che a Peterlewand, ci si potrà misurare anche alla nuovissima palestra Kletterhalle presente nel centro di Villach.

L’Erlebnis CARD offre anche nel 2018 indimenticabili momenti di vacanza davvero per tutti.

La CARD è in distribuzione gratis presso tutti gli alloggi convenzionati, ma è possibile integrarla aggiungendovi i servizi della Kärnten Card che garantisce accesso libero a oltre 100 mete turistiche in tutta la Carinzia.

La Kärnten Card è valida dal 8 aprile al 26 ottobre per una, due, tre o cinque settimane a seconda della stagione, ad un prezzo a partire da 39,00 Euro per adulti e da 19,00 Euro per i bambini.

Per informazioni: www.region-villach.at/it

Come arrivare:

In treno: ogni giorno collegamenti diretti con le maggiori città italiane (es. Milano, Venezia, Udine, Bologna, Firenze, Roma). Per dettagli e approfondimenti: www.dbitalia.it e www.obb-italia.com o www.oebb-italia.com.

In auto: per pianificare il viaggio consigliamo di utilizzare il cerca percorsi sul sito ufficiale della regione di Villach www.region-villach.at.

Informazioni turistiche per il pubblico (in italiano):
Region Villach Tourismus GmbH
Töbringer Straße 1, 9523 Villach-Landskron, Austria
Tel.: +43 / (0)4242 / 42000 – 0, Fax: +43 / (0)4242 / 42000 – 42
E-Mail: office@region-villach.at

ARTE A MILANO PAC – Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano

A cura di Diego Sileo
PERFORMANCE venerdì 13 aprile ore 19:30 in occasione di miart e Art Week
SPECIALE ART WEEK dal 10 al 14 aprile aperto ore 9:30 – 22:30 con ingresso ridotto dalle 19:00 + visite guidate gratuite 12 aprile ore 19:00 e 15 aprile ore 18:00 …
particolare -Teresa Margolles
particolare – Teresa Margolles
Con crudo realismo, l’arte di Teresa Margolles testimonia le complessità della società contemporanea
Dal 28 marzo al 20 maggio 2018 il PAC Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano presenta la personale di Teresa Margolles, artista messicana nata a Culiacán, Sinaloa nel 1963 che oggi vive e lavora tra Città del Messico e Madrid.
Con una particolare attitudine al crudo realismo, l’arte di Teresa Margolles testimonia le complessità della società contemporanea, indebolita dalle allarmanti proporzioni di un crimine organizzato che sta lacerando il mondo intero e soprattutto il Messico, considerato uno dei paesi più pericolosi al mondo.
Vincitrice del Prince Claus Award 2012, Teresa Margolles ha rappresentato il Messico nella 53esima Biennale di Venezia nel 2009 e le sue opere sono state esposte in numerosi musei, istituzioni e fondazioni internazionali, tra cui le Biennali di Dallas (2017) e della Bolivia (2016), il Migros Museum für Gegenwartskunst di Zurigo (2014), il Centro de Arte Dos de Mayo a Madrid (2014), il Museo de Arte Modern di Città del Messico (2011), il Museion di Bolzano (201 1), la Kunsthalle Fridericianum a Kassel (2010) e il Los Angeles County Museum of Art (2010).
Promossa dal Comune di Milano – Cultura e prodotta dal PAC con Silvana Editoriale, la mostra è curata da Diego Sileo e si inserisce in una delle quattro linee di ricerca del Padiglione d’Arte Contemporanea, che vede protagonisti i grandi nomi del panorama artistico internazionale in vista delle settimane in cui Milano diventa vetrina mondiale con miart e Salone del Mobile, la stessa che porterà al PAC Anna Maria Maiolino nel 2019.
 
In occasione di miart e Art Week, infatti, venerdì 13 aprile alle ore 19:30 l’artista presenta una performance tributo a Karla, prostituta transessuale assassinata a Ciudad Juárez (Messico) nel 2016. Un gesto forte, che lascerà una ferita aperta sui muri del PAC e vedrà protagonista Sonja Victoria Vera Bohórquez, una donna transgender che si prostituisce a Zurigo.
Per tutta la settimana dal 10 al 14 aprile inoltre il PAC resta aperto fino alle 22:30 con biglietto ridotto € 4 a partire dalle 19 e organizza due visite guidate gratuite: giovedì 12 marzo alle ore 19 e domenica 15 marzo alle 18 con il curatore della mostra.
 
“Durante l’Art Week, la settimana che Milano dedica all’arte contemporanea con moltissime iniziative diffuse in tutta la città, Teresa Margolles sarà al PAC con una performance tributo a una delle vittime dei racconti di dolore e morte testimoniate nelle sue opere – dichiara l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno – L’attenzione al linguaggio performativo è infatti una delle cifre del PAC, sempre più attento a intercettare le tendenze della produzione artistica internazionale, e Teresa Margolles ne è un’interprete ormai affermata in tutto il mondo”.
Con una grammatica minimalista, ma di forte impatto e quasi prepotente sul piano concettuale, le 14 installazioni di Margolles in mostra al PAC esplorano gli scomodi temi della morte, dell’ingiustizia sociale, dell’odio di genere, della marginalità e della corruzione generando una tensione costante tra orrore e bellezza.
Formatasi in medicina legale, Teresa Margolles ha lavorato per dieci anni con il collettivo SEMEFO (Servicio Médico Forense), fondato nel 1990 a Città del Messico, che denunciava la violenza sistematica nella società contemporanea. Studiando a fondo le dinamiche scaturite dalla violenza e le conseguenze che la paura ha prodotto nella società, l’artista ha vissuto in prima persona ciò che la guerra al narcotraffico ha causat o alla città e ai suoi abitanti, la distruzione del tessuto urbano, architettonico e sociale.
Nella sua arte le tracce di questi scenari violenti diventano narrazione. All’interno degli obitori, come per le strade, l’artista raccoglie gli ultimi elementi di vita – oggetti, materiali, frammenti di edifici e fluidi corporei – se ne appropria e li trasporta negli spazi espositivi.
Di fronte alle opere di Teresa Margolles si ha la sensazione di assistere ad un gioco di forze brutali, non di certo invisibili, che provocano morte e dolore, spezzano corpi e legami (gli stessi corpi lacerati evocati dall’opera 57 cuerpos, 2010), ma producono anche nuove relazioni sociali e nuove metafore del potere. L’intento dell’artista è quello di volere esplorare la violenza, nella sua accezione di “atto politico”, ma anche gli effetti individuali e sociali di molti orrori attuali, come la tragica e costante sparizione di donne in diverse città messicane – tra le quali la ormai nota Ciudad Juárez – raccontata dall’opera La búsqueda (2014) presentata al PAC nella sua interezza per la prima volta in Italia.
La smisurata quantità dei prodotti della violenza raccontati dall’artista messicana – il dolore, i morti, i corpi sfigurati, la crudeltà, l’impunità, il terrore, l’odio – converte la sua ricerca in una vera e propria sfida. La rappresentazione della morte, in chiave più diretta come nell’opera Papeles (2003) o in chiave più metaforica come in Vaporización (2002-2018) installata al PAC in una nuova versione, costituisce un tema cupo. Avvicinarsi richiede una solida fermezza d’animo, una preparazione che renda capaci di resistere tanto alle seduzioni  quanto alle ripugnanze di un tema diverso da quelli più consueti della riflessione artistica. A dominare è spesso l’impulso di arretrare al cospetto di esperienze a dir poco impensabili, come quelle raccontate quotidianamente dal giornale messicano PM (2012) che in copertina affianca annunci pubblicitari a sfondo sessuale ad immagini di morti violente.
La drammaticità delle opere di Margolles assedia e travolge lo spettatore con la crudezza dei suoi significati e delle sue immagini, ma lo affascina anche sottoforma di lussuosi e preziosi gioielli (Joyas, 2007) dal macabro contenuto.
In riferimento a questi aspetti, quella di Margolles può essere definita una “ricerca limite”, perché la violenza invade costantemente il suo spazio morale e mentale. Il suo racconto opera infatti una metamorfosi in chi si confronta con le sue opere, obbligandolo ad assumere il difficile e doloroso ruolo di testimone. La violenza produce, non solo in chi la subisce, un particolare effetto di disgiunzione fra il vedere e il sapere. Il peso al quale si allude non è soltanto quello derivante dal testimoniare eventi disumani e inenarrabili, o dall’impegno etico che comporta per l’artista il dovere di ricordare insieme alle vittime, ma anche quello originato dalla conoscenza diretta che trasforma chi ascolta in qualcuno che vede. Proprio per questo le opere di Margolles sfidano le abituali strategie conoscitive, generando un’inquietante prossimità fra ascolto, testimonianza ed esperienza, ed è questa mescolanza di sensazioni ad essere trasmessa dalla serie di lavori tratti dal progetto Pistas de baile (2016) in cui l’artista dà voce a un gruppo di transessuali denunciando vicende di abusi e soprusi.
Per avvicinare, coinvolgere e sensibilizzare il pubblico rispetto alle tematiche trattate dal lavoro dell’artista, il PAC organizza come di consueto una serie di attività didattiche: visite guidate gratuite per il pubblico, anche con special guest, il giovedì alle 19 (con biglietto ridotto € 4) e la domenica alle 18, workshop e incontri.
Sul sito il programma completo.
Accompagna i visitatori tra le opere una guida alla mostra gratuita, curata da Francesca Guerisoli, docente di Arte e Architettura e Linguaggi della Fotografia presso l’Università di Milano-Bicocca, che da tempo si occupa del rapporto dell’arte con la dimensione sociale e politica.
La guida analizza le opere in mostra fornendo ai visitatori uno strumento indispensabile, con approfondimenti sul tema del femminicidio e un confronto tra Italia e Messico rispetto ai dati della violenza di genere.
La mostra è realizzata con il sostegno di TOD’S, sponsor dell’attività espositiva del PAC, con il contributo di Alcantara e Cairo Editore e con il supporto di Vulcano.
Il catalogo è pubblicato da Silvana Editoriale e contiene i nuovi testi del curatore e di: Tatiana Abellán, Ferran Barenblit, Emanuela Borzacchiello, Mario Canal, Oscar Gardea Duarte, Francesca Guerisoli, Raphael Gygax, Antoine Henry-Jonqueres, Mi cky Marxuach, Melissa Martin, Angel Moya Garcia, Gilbert Vicario, Eugenio Viola.
PROJECT ROOM — in occasione della mostra il PAC ospita nella Project room un focus sull’opera video Mum, I’m sorry (2017) di Martina Melilli a cura di Chiara Agnello, un progetto di Careof e Sky Academy, in collaborazione con Sky Arte HD e in partnership con il Museo del Novecento a sostegno della scena artistica italiana. L’opera, vincitrice di ArteVisione 2017 e vicina per tematiche e rimandi ai temi trattati dall’arte di Teresa Margolles, sarà anche lo spunto per due workshop al PAC aperti al pubblico il 5 e il 19 aprile, incentrati sul valore degli oggetti e sul loro potere narrativo e realizzati a seguito di una visita guidata alla mostra YA BASTA HIJOS DE PUTA.
Foto copertina: Teresa Margolles | Ajuste de Cuentas
Serie Ajuste de cuentas, 2007
Vetro intarsiato in oro, vetrina in legno e tecnica mista 170 x 40 x 40 cm
Courtesy MUSAC Museo de Arte Contemporáneo de Castilla y León particolare

Insegnare inglese ai bambini con ELLYBEE è facile !!!

UNA SOLUZIONE DIVERSA E  MEGLIO APPREZZATA DA GENITORI E BAMBINI

progetto nato per aiutare i bambini
a imparare l’inglese divertendosi

Una specie di assistente digitale

-grazie al suo supporto e alla pazienza di un adulto, imparare l’inglese sarà per ogni bambino semplicissimo e divertente 

Ellybee qualcosa di diverso, una nuova app che diverte e insegna

ellybee.com

Home it

Apriamo gli occhi – loro sanno tutto delle nostre vite

Facebook sa tutto delle nostre vite

Dopo le ultime notizie sulle manipolazioni dei nostri dati personali;  che noi stessi consegnamo, dovremmo capire quanto sia in pericolo la nostra democrazia

GRAZIE AI DATI CHE NOI FORNIAMO GRATUITAMENTE E QUOTIDIANAMENTE TRAMITE FACEBOOK TWITTER WHATSAPP ecc…

Loro, quelli più furbi di tutti noi, sono in grado di mandarci solo le notizie che decidono, con algoritmi,  ci siano gradite, proposte di acquisto …

e condizionare il nostro voto e cambiare l’esito delle elezioni …

FORSE DOVREMMO INIZIARE A PREOCCUPARCI; TUTTI … prima che  …. ci rendano schiavi di quelli che loro vogliono siano i nostri desideri ….

Swiss urban feeling – Città svizzere

Accomunate dalla qualità della vita

Cosa contraddistingue le città svizzere?

Esiste un stile di vita elvetico?

Di sicuro le città sono accomunate dalla qualità della vita, dalle ottime infrastrutture e dalla valorizzazione delle offerte culturali e degli spazi verdi. Svizzera Turismo ha selezionato 9 testimonials e più di 120 esperienze per conoscere le città attraverso gli occhi di chi le abita.

Fra le novità la riapertura del Museo del Design a Zurigo, il centenario della Kunsthalle di Berna e il salone Grand Baseldedicato ai grandi designer dell’auto del passato e di oggi (Le Corbusier, Giugiaro, Zagato…).

Natura, cultura, lifestyle:

le città attraverso gli occhi di chi le abita.

Ci sono città, in Svizzera, che paiono studiate apposta per chi ama l’arte e l’architettura.

Altre che, con i loro fiori colorati e le piante tropicali, sembrano piccoli paradisi fuori dal tempo e dallo spazio.

Ci sono vicoli stretti, finestre decorate, imponenti piazze e parchi sconfinati.

Ci sono i laghi, le montagne, le vie per uno shopping esclusivo e quelle in cui tirar mattino.

C’è la cultura, c’è la musica.

La Svizzera è un susseguirsi di appuntamenti.

Dal Lugano Estival Jazz alla Street Parade che, a Zurigo, attrae gli appassionati di techno-music da tutta Europa, dal Fumetto Festival di Lucerna al Buskers Festival di Berna.

Annoiarsi è impossibile. In pochi minuti si passa dall’architettura rinascimentale a quella contemporanea, da una passeggiata tra le camelie a un museo ricco di dipinti e di sculture.

In coppia o in famiglia, con i bambini o con gli amici, i grandi e i piccoli centri della Svizzera sono tutti da vivere.

L’acqua scorre abbondante nelle città svizzere conformando il territorio, le abitudini cittadine e le attività sportive.

Con la bella stagione le città si trasformano in vere e proprie “riviere”: in pausa pranzo, dopo il lavoro e nei weekend i “badi” (bagni in tedesco) lungo fiumi e laghi sono un luogo di ritrovo gettonatissimo.

L’urban swimming con le sue ritualità e le sue regole per garantire l’incolumità è una vera mania che accomuna cittadini di ogni ceto ed età come testimonia il direttore della Fondazione Beyeler o il Sindaco di Berna assidui frequentatori di Reno e Aare o la designer di Lucerna, Franziska Bründler, che ha eletto il Seebad – stabilimento balneare costruito in piena Belle Époque sul lago di Lucerna – uno dei suoi place to be. L’equivalente ginevrino è il Bains des Pâquis, frequentato anche d’inverno per fare una sauna o per un pasto nella buvette con vista lago.

Naturalmente laghi e fiumi fanno da cornice ai numerosi eventi che animano le città svizzere in ogni stagione. Si possono navigare a bordo di battelli e moderni motoscafi.

Altro comun denominatore delle città svizzere è la mobilità sostenibile che rende spesso superflua la proprietà di un’auto.

La rete dei trasporti pubblici è efficiente e capillare, le dimensioni ridotte dei centri urbani e la presenza di piste ciclabili permettono di muoversi anche in bici in tutta tranquillità. Winterthur ha puntato molto su questo aspetto e non è un caso che l’ex campione mondiale di BMX, Roger Rinderknecht, abbia creato qui il primo Skill Park dedicato alle acrobazie su due ruote.

Tra i consigli degli insider non mancano quelli legati alla gastronomia e al divertimento notturno al di fuori dei classici circuiti turistici. Il buon cibo, i prodotti a km 0 e la sperimentazione hanno conquistato definitivamente un ruolo da protagonista in Svizzera.

A Zurigo un ex consulente finanziario, Seri Wada, ha aperto un forno “in” nel quartiere di Zurich-West che produce croissant e baguette destinati a ristoranti e selezionate bar zurighesi.

Fra le caffetterie, da lui consigliate, c’è il Vicafè Espresso Bar ispirato alle micro torrefazioni di Città del Capo.

A Losanna vale la pena cenare alla Brasserie de Montbenon che serve i vini della “Selection L” sviluppati dall’enologa Tania Gfeller, responsabile dei 5 vigneti cittadini.

A Friburgo si può visitare il Museo del birrificio Cardinal, accompagnati da un ex mastro birraio; a Berna si può invece pasteggiare a birra e piatti tipici all’Altes Tram Depot scoprendo i segreti di questo piccolo birrificio artigianale vicino al Parco degli Orsi.

Da maggio sarà online su Svizzera.it la sezione Taste my Swiss Cities per scoprire proprio queste chicche con l’aiuto di guide

Svizzera Turismo

Via Palestro 2, IT-20121 Milano, Telefono +39 02 7601 3203, Svizzera.it

Per chi ama “mettere le mani in pasta” sono tantissime le esperienze per cimentarsi in prima persona con le attività che contraddistinguono una determinata località.

Nel Centre Horloger di Neuchâtel si può, ad esempio, assemblare in tre ore un orologio meccanico guidati da un mastro orologiaio.

A Berna il Centro Paul Klee organizza dei laboratori di disegno per adulti e bambini.

Info: www.svizzera.it/citta

Novità 2018

Museum für Gestaltung: riapre il museo del design di Zurigo.

Il più importante museo svizzero dedicato al design e alla comunicazione visiva, dal 3 marzo 2018 fa rivivere, oltre al sito del Toni-Areal, anche il suo spazio espositivo storico. Nel rinnovato stabile, opera simbolo del Neues Bauen (Movimento Moderno), saranno presentati dei tesori provenienti dalle collezioni del Museo e dalle esposizioni temporanee.

www.museum-gestaltung.ch

BaselCard inclusa per chi pernotta a Basilea.

Dal 2018 chi pernotta in un hotel di Basilea riceve gratuitamente la speciale guest card, valida per tutta la durata del soggiorno, che dà diritto a interessanti vantaggi: utilizzo gratuito dei trasporti pubblici, WIFI gratis, 50% di sconto per un museo a scelta e per altre attrazioni cittadine. Il baluardo dell’arte e dell’architettura è ancora più accessibile.

www.basel.com/it/BaselCard

Museo della Comunicazione di Berna: 175 anni di francobolli svizzeri.

I francobolli non sono solo uno specchio della società ma anche un motivo di vanto per la Svizzera che è stata la seconda nazione a introdurre i francobolli. Dal 2 marzo all’8 luglio 2018 la mostra ESTREMO espone 50 rarità risalenti ai primi anni della storia dei francobolli. Fra questi anche alcuni progetti di Ferdinand Hodler e di altri artisti.

www.mfk.ch/it/mostre/estremo/

A Winterthur si gioca a Urban Golf.

L’obiettivo non è andare in buca ma centrare un albero o una lattina. Ogni bersaglio colpito fa guadagnare punti al giocatore che, armato di mazza, si sposta da un capo all’altro della città scoprendo capannoni e aree riconvertite. Il 7 aprile 2018 si terrà a Winterthur il campionato svizzero ma chiunque potrà cimentarsi in questo sport nel primo urban golf course permanente lungo la zona pedonale della cittadina, la più lunga d’Europa.

La Kunsthalle di Berna compie 100 anni

Il 18 maggio 2018 grande festa alla Kunsthalle in occasione del suo centenario: sono previste performance musicali, sorprese culinarie e l’inaugurazione del Kunsthalle Bar degli artisti concettuali Lang/Baumann. Progettato per essere un’opera d’arte da attraversare, sarà il fulcro, fino a settembre, di incontri e installazioni che vedranno la collaborazione di diverse istituzioni. La Kunsthalle vuole continuare a essere un punto di riferimento per la scena contemporanea e per le diverse forme di espressione artistica come ai suoi esordi quando ospitò le personali di Paul Klee, Marc Chagall, George Braque, Alberto Giacometti e tanti altri.

https://kunsthalle-bern.ch/en/

Un nuovo 3 stelle a Ginevra.

Il 9 Hotel Pâquis apre il 9 giugno 2018: vicino al lago e alle vie dello shopping, un giusto rapporto qualità/prezzo per chi vuole programmare un weekend a Ginevra. Camere di design, accogliente lounge e un’area relax con piscina interna e sauna aperta fino alle 22.00.

www.9-hotel-geneve-paquis.ch

Canton Vaud: la Fête des Vignerons è patrimonio UNESCO.

Dal 1797 la Confraternita dei Vignaioli celebra a Vevey, ogni 25 anni circa, la cultura vitivinicola. Una tradizione unica al mondo, pluricentenaria e molto partecipata, che dal dicembre 2016 è stata inserita nella lista del patrimonio culturale immateriale UNESCO. La prossima edizione si terrà dal 18 luglio all’11 agosto 2019 sotto la direzione artistica del regista ticinese Daniele Finzi Pasca. Aperte le prevendite.

www.fetedesvignerons.ch

N. verde 00800 100 200 30 (non eliminare “00” iniziale) www.svizzera.it
info@myswitzerland.com

Social Media

#INNAMORATIDELLASVIZZERA Twitter: @myswitzerland_i Facebook.com/myswitzerland Instagram: myswitzerland