Archivi categoria: Senza categoria

Risparmiare sul biglietto aereo – 5 consigli

A fare la differenza nell’impegno di spesa richiesto è il giorno in cui viene effettuata la prenotazione del volo

COME RISPARMIARE SUL BIGLIETTO AEREO:
5 CONSIGLI UTILI (+1) PER FAMIGLIE SUGGERITI DA BIMBOINVIAGGIO.COM

Image

 

Sicuri che un giorno vale l’altro per acquistare il biglietto aereo per le vacanze così tanto desiderate?

E che le compagnie low cost siano sempre quelle più convenienti?

In effetti volare con loro, in linea di massima, è meno caro rispetto alle tradizionali società di trasporto e su questo non ci sono dubbi.

Ma alcune considerazioni sono necessarie.

 Rispetto al passato, il risparmio è meno pronunciato, anche se il divario con le compagnie di bandiera è ancora notevole e si fa sentire sul portafogli.

In seconda battuta, tra le stesse compagnie low cost ci sono differenze di prezzo per cui il suggerimento è di estendere la ricerca e di comparare sempre le proposte, senza limitarsi alla prima che si presenta.

Quindi è indispensabile sapere come alcune ricerche abbiano messo in luce che a fare la differenza nell’impegno di spesa richiesto è il giorno in cui viene effettuata la prenotazione del volo così come il dispositivo utilizzato tra smartphone, tablet e computer fisso. Le compagnie smentiscono, ma le prove sul campo sembrano dimostrare il contrario.

Risparmiare si può: ecco come
Ci sono allora alcuni suggerimenti di massima a cui prestare attenzione nel caso si voglia risparmiare sul costo finale del biglietto di viaggio.

Non si tratta di nulla di complicato, ma di piccoli accorgimenti in grado di fare la differenza.

Se si viaggia con i bambini, l’accortezza è di non caricarsi di passeggini, borse e borsoni aggiuntivi.

Soprattutto nelle grandi città, sono tantissimi i servizi per noleggiare tutto il necessario appena scesi dall’aereo, anche attraverso le tante app dedicate per lo smartphone.

A proposito di famiglie con figli a seguito, la maggior parte delle compagnie aeree consente di scegliere i posti a sedere e gli hotel in cui soggiornare, i ristoranti in cui gustare le specialità del luogo e le attrazioni da scoprire con biglietti a tariffa ridotta. Insomma, a conti fatti è un pacchetto completo per contenere l’impatto della spesa. I consigli più preziosi sono però cinque. Eccoli:

  • Prenotare con anticipo. Per i voli nazionali conviene prenotare fino a 5 settimane prima della partenza per risparmiare fino al 9% rispetto al prezzo medio annuo del volo. Per i voli internazionali tra le 20 e 23 settimane prima della partenza per risparmiare tra il 7% e l’11%.
  • Acquistare il biglietto il venerdì notte o la mattina presto del sabato.
  • La ragione è semplice: il sabato mattina c’è meno concorrenza nella fascia business e i biglietti spesso scadono il venerdì notte ovvero tornano a disposizione a prezzo ridotto.
  • Da non dimenticare che martedì, mercoledì e giovedì sono i giorni meno richiesti: maggiore disponibilità significa tariffe più basse.
  • Non perdere di vista le novità delle compagnie aeree. La concorrenza sui voli, tra compagnie low cost e di bandiera, è sempre più pronunciata. Di conseguenza con una frequenza sempre maggiore sono proposti sconti e offerte. Nel caso in cui la vacanza sia già nella testa, visitare i siti delle società aeree di tanto in tanto è una buona abitudine.
  • Cercare sui portali specializzati. Chi viaggia con frequenza lo sa bene: non fermarsi al prezzo civetta indicato dalle compagnie aree, ma andare oltre e comparare i costi attraverso uno (o più) dei tanti portali di specializzati. Tra l’altro sono utili anche per scegliere la destinazione in base al budget.
  • Verificare se conviene acquistare andata e ritorno con la stessa compagniaaerea. Bando alla pigrizia: non è affatto detto che scegliere la stessa compagnia sia per il volo di andata e sia per quello di ritorno sia più conveniente. Scommettiamo?
  • Un suggerimento supplementare: attenzione anche allo scalo di partenza. Spesso le compagnie low cost si appoggiano a quelli secondari e di conseguenza nel conteggio dei costi complessivi occorre mettere in conto anche quelli di raggiungimento della località desiderata ovvero i servizi inclusi e non inclusi, la spesa relativa ai trasporti e la comodità legata all’orario di arrivo (e di partenza).

 Bimboinviaggio.com, portale leader nella prenotazione di hotel per famiglie che raccoglie oltre 350 strutture, è da sempre al fianco delle famiglie e propone delle dritte per le prenotazioni dei voli online

 Referenze: www.bimboinviaggio.com
Bimboinviaggio.com, portale leader nella prenotazione di Hotel per famiglie con oltre 350 strutture affiliate in Italia e nel mondo, da hotel indipendenti a catene alberghiere fino a sistemazioni in villaggi, campeggi, residence e agriturismi, propone consigli, esperienze e informazioni per organizzare un soggiorno perfetto con i bambini.

Bimboinviaggio.com è composto da persone innamorate degli Hotel di qualità. Delle loro storie, delle tradizioni, delle donne e degli uomini che li organizzano, dei posti in cui questi nascono e si rinnovano, dei bambini che in quei luoghi si divertono.

Violenze e libertà di importunarci ? ! Non condividiamo le affermazioni di Catherine Deneuve

Catherine Deneuve: “Lasciamo agli uomini la libertà di importunarci …  La donna, oggi, può vigilare affinché il suo stipendio sia uguale a quello di un uomo, ma non sentirsi traumatizzata per tutta la vita se qualcuno le si struscia contro nella metropolitana”.? ! ?

Ma scherziamo ??? Vogliamo dare la libertà agli uomini di importunare le donne in metropolitana? e perché non lottare pe ril medesimo stipendio degli uomini?

NO NO NO !!! NON “Lasciamo agli uomini la libertà di importunarci”

Per noi è solo basso pettegolezzo, ma non possiamo ignorarlo.

Cara Catherine Deneuve, forse l’età che avanza ti spinge a cercare ancora protagonismo … ma un uomo può fare la corte in mille modi; con parole gentili, con dei fiori, scrivendo qualcosa di carino … ma forzare un bacio non voluto, toccare dove la donna non gradisce NO NO NO NO NO NO per le molte donne  è violenza anche questa !

Se poi la signora Catherine Deneuve è abituata e gioisce di questo, abbia il pudore di STARE ZITTA !!! Invece di condannare le attrici di Hollywood che stanno facendo uno sforzo per portare alla luce vergogne e secoli di silenzi e paure ….

Forse, non cara Catherine Deneuve, per le tue frequentazioni ti sei abituata ad altro, ma ci sono ancora donne che hanno una dignità secondo regole ben precise e NON gradiscono e NON vogliono che qualcuno tenti di baciarle con la forza o toccarle dove non vogliono !!! …

Possibile che non si possa capire una cosa così semplice???

Ma che uomini sei abituata a frequentare cara (non) Catherine ???

Libro – La congiura dei somari – Roberto Burioni

LIBRO DIVULGATIVO

Questo libro non va letto perché chiama somari quelli che hanno delle obiezioni sui vaccini ma, soprattutto, perché dimostra come ci siano ancora persone che leggono e credono a quello che leggono su internet …

-la terra non è rotonda …

-l’uomo non deriva dalla scimmia … (abbiamo un DNA praticamente quasi identico)

-il riscaldamento globale è un’invenzione di alcuni scienziati …

  • e mille altre teorie medioevali che la scienza ha dimostrato ampiamente non veritieri.

A propositi di fake news o notizie spazzatura, si schierò anche Umbero Eco

Umberto Eco, intellettuale più noto d’Italia, ricevendo la laurea honoris causa in Comunicazione e Culture dei Media all’Università di Torino, autore de Il Nome della Rosa e Il pendolo di Foucault, dichiarò:

“I social permettono alle persone di restare in contatto tra loro, ma danno anche diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano al bar dopo un bicchiere di vino e ora hanno lo stesso diritto di parola dei Premi Nobel”.

Chi è il somaro?

Certo, la scienza è imperfetta, fatta da uomini ancora più imperfetti, le verità che ci offre sono sempre parziali e mai troppo sicure.

Però vale la pena fidarsi, perché l’alternativa è costituita dal buio, dall’oscurantismo …

La scienza sarà anche poca cosa, ma – come dimostra questo libro con abbondanza di dati, numeri, tabelle, storie vere di trionfi e fallimenti – è tutto quello su cui possiamo contare: non ci conviene buttarla via.

Ma chi è il somaro?

È un essere umano tanto babbeo da ritenersi tanto intelligente da riuscire a sapere e capire le cose senza averle studiate.

Di somari, Roberto Burioni ne ha incontrati parecchi: sono quelli che pur non avendo la minima nozione di medicina o di biologia, pur non sapendo cos’è un virus e come funziona un vaccino.

Il fatto è che la scienza non è democratica: come ha detto Piero Angela, la velocità della luce non si decide per alzata di mano.

Nella scienza, possono dire la loro solo coloro che per anni hanno sudato sui libri, hanno sottoposto le proprie ipotesi a una rigorosa procedura di esperimenti e controlli, possiedono un metodo che consente di distinguere la verità dalla bugia.

Rimane il fatto che esistono nomi riconosciuti anche da molti quotidiani (sempre molto schierati politicamente), in tutto il mondo, che fanno delle affermazioni anti-scientifiche (negli USA, anni fa dimostrarono che questi personaggi avevano o avevano avuto, stretti legami lavorativi con varie società private, più che con la scienza ufficiale).

  La congiura dei somari, Roberto Burioni, Rizzoli, 17 euro.

Architettura a Milano – Gregotti al PAC

IL TERRITORIO DELL’ARCHITETTURA. Gregotti e Associati 1953_2017

20 dicembre 2017 – 11 febbraio 2018

In occasione dei novant’anni di Vittorio Gregotti, il PAC celebra la carriera del grande architetto Italiano con una mostra antologica,

Progetti internazionali, disegni, appunti: un omaggio al lavoro di Vittorio Gregotti.

A cura di Guido Morpurgo. Allestimento: Studio Cerri & Associati. Ordinamento: Sergio Butti.

La mostra inaugura la nuova linea di programmazione con la quale il PAC, per il periodo invernale, celebrerà i grandi maestri italiani dell’architettura e del design,

Arte a Torino – viadellafucina16  condominio-museo

viadellafucina16 
condominio-museo

Kaninchen-Haus

Domenica 17 Dicembre  h13.30 – 17.30

Opening:

Iacopo Seri e Sandra Sanchez.

Lihi Tujerman.

Finissage:

Martìn Touzon e Rodolfo Marqués

via S. Giovanni Battista La Salle 16 Torino

Iacopo Seri e Sandra Sanchez, in residenza in viadellafucina16, presentano “Apparizioni” frutto della loro inedita collaborazione e dell’interazione con gli abitanti del condominio-museo.

Accanto alla loro installazione,  Lihi Turjeman – ospite di Fondazione Spinola Banna nell’ambito del programma RESO’ – ma anche lei di stanza in viadellafucina16 realizzerà un intervento di action painting utilizzando i muri dello stabile.

Infine sarà possibile visitare, per l’ultimo giorno, le mostre di Rodolfo Marques e Martin Touzon, i due vincitori del Premio Italia-Argentina di IGAV

“Creeremo piccole stazioni dei sogni, installando negli spazi comuni dell’edificio sculture costruite con oggetti ritrovati. Creeremo così uno spazio espanso per sognare, in sinergia con gli abitanti: un luogo aperto per la contemplazione dei sogni dei membri della comunità. Una dimensione in cui coltivarli, non importa se realistici, ideali o totalmente fantastici.” Iacopo Seri, Sandra Sanchez

Mercoledì 20 Dicembre, viadellafucina16 si trasferisce invece al Polo del ‘900 dove alle 21 il direttore artistico Brice Coniglio interverrà nell’ambito del convegno “Arti. Grammatica di una città“ promosso da ISMEL.
Infine vi segnaliamo la versione rinnovata di www.condominiomuseo.it e questo estratto dello speciale di SKY ARTE dedicato alle mostre più significative della settimana di Artissima.

viadellafucina16 è un progetto di Kaninchen-Haus
da un’idea di Brice Coniglio

con il sostegno di SIAE e MiBACT
nell’ambito di “Sillumina – Copia privata per i giovani e la cultura”
e del Programma Housing di Compagnia di San Paolo
nell’ambito del bando “Abitare una casa, vivere un luogo”.

 

Comitato Scientifico: A.TITOLO / ILARIA BONACOSSA / MARIO CRISTIANI / ILDA CURTI / ALESSANDRA PIOSELLI / ANNA PIRONTI / PIER LUGI SACCO / CATTERINA SEIA

 

Con il Patrocinio della Regione Piemonte, della Città di Torino e del GAI Giovani Artisti Italiani.
 

con la collaborazione dell’Assessorato alla Cultura della Città di Torino, del Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, del Dipartimento Culture Politica Società dell’Università degli Studi di Torino,  a.titolo, Liberitutti, Progetto The Gate Porta Palazzo, CleanUp, NESXT

 

Follow on facebook

FELICITA’ – UNA VITA ALLA SUA RICERCA

00Quale miglior modo di dare un senso alla nostra vita che spendetene il tempo libero alla ricerca della felicità?

Il più grave ostacolo alla felicità è il credere che la si possa “comprare”.

Pensiero assai comune, in questa società basata sul profitto ad ogni costo.

La stessa pubblicità, ci induce a pensare che la felicità sia raggiungibile acquistando quell’auto o quel vestito o quelle scarpe, sposando un uomo o una donna ricchi ecc…

Hermann Hesse diceva che la felicità è un talento. Non dipende da eventi esterni.

Precisiamo; ovviamente disporre di più del minimo necessario per vivere,  è il punto di partenza ottimale per la nostra ricerca.

Tuttavia, siamo convinti che una vita con meno pretese materiali ci aiuterebbe a vivere serenamente più di una vita trascorsa a ricorrere il successo e la ricchezza.

Il problema del successo e della ricchezza sta nel fatto che qualunque sia il livello raggiunto, si avrà sempre davanti qualcuno più ricco e più potente di noi e così ricchezza-potere-felicità  saranno sempre qualcosa da raggiungere; ci aspetta così una serie di frustrazioni, anche se, al momento,  non ce ne rendiamo conto.

E non portate l’esempio della volpe e dell’uva; noi scriviamo solo di quello che ci ha insegnato l’esperienza di una vita non breve e proprio dedicata alla ricerca della libertà e della felicità. Cercando di fare tesoro anche delle esperienze altrui. Ovviamente non pretendiamo che ci legge sia della nostra opinione.

Sappiamo tutti di notissimi attori, cantanti e uomini affermati nel campo degli affari, che si sono rivolti alle filosofie orientali, le quali danno tanta importanza alle cose più semplici della vita. Eppure a queste persone di successo non mancano i soldi per favolose vacanze, bellissime case in tutto il mondo e tante altre soddisfazioni materiali che, evidentemente, non bastano a saziare lo spirito umano.

E’ la soddisfazione di sé, che ci fa felici e non una continua rincorsa verso obbiettivi che, una volta raggiunti, ci pongono solo un altro obbiettivo; ancora più faticoso da raggiungere !

E’ valida la soddisfazione dell’oggi e non quella del domani.

Questo non vuol dire non essere previdenti e non pensare anche al domani, ma nella giusta misura; altrimenti passeremo la vita alla rincorsa della felicità  futura, senza mai raggiungerla. E la vita è breve.

Infatti viviamo per un tempo brevissimo, rispetto ai tempi della terra e dell’universo, pertanto ci pare ben speso il tempo che possiamo dedicare alla nostra felicità del presente.

Alcuni, scelgono di considerare la nostra presenza sulla terra come un momento di sacrificio per avvicinarsi alle gioie del paradiso; chi abbraccia queste teorie ha già dato uno scopo alla sua vita.

Comunque la pensiamo, la ricerca della felicità è istintiva.

Il bambino piccolo sorride ogni volta che accade qualcosa che lo fa felice e  ne trae giovamento anche il suo stesso fisico. Lo stesso fisico che,  secondo le più moderne teorie dimostrate dalla mai abbastanza rimpianta Rita Levi-Montalcini, è strettamente collegato con il nostro cervello e quindi con le emozioni.

Con ciò si è dimostrato che, se il nostro cervello manda impulsi di serenità e felicità, anche il nostro fisico ne trae vantaggio; saremo più sani.

Un esempio molto semplice lo si può verificare su se stessi. Se andiamo in piscina, ammesso che ci piaccia nuotare, con il viso contratto e affaticato dallo stress, quando ne usciremo, se non abbiamo esagerato nello sforzo, avremo un viso molto più rilassato, come dopo una seduta dall’estetista.

Una famosa scrittrice-attrice-ballerina-cantante, Isabel Losada, si è messa alla ricerca della felicità da ben 20 anni.

Ha provato di tutto, dal buddismo al new age al feng-shui, agli incontri con famosi santoni e sciamani; oggi vive organizzando seminari sulla felicità e scrivendo libri.

In una intervista sostiene che prima di tutto non si deve provare rabbia;

dobbiamo imparare a perdonare; e  questo ci da già un grande sollievo e tanta angoscia in meno.

Isabel riconosce quanto sia difficile perdonare, ma sostiene anche che in caso contrario non si possa raggiungere la serenità; che è sorella della felicità.

Analizzando il contesto, la personalità e le esperienze vissute dalle persone che ci fanno provare rancore, sarà più facile perdonarle.

Un’altro “segreto” di Isabel è il coraggio di separarci da tutto ciò che non ci serve.

Eliminare ciò che ingombra e ci crea confusione anche mentale.

Il feng-fhui ci insegna che se si butta tutto quello che non serve in casa, si libera intorno a noi e nella casa molta energia positiva. Provare per credere. Ormai tutte le nostre case sono piene di oggetti inutili, dei quali non ci serviamo più da anni.

Regalaliamo i vestiti che non mettiamo, come i libri che non rileggeremo, ripariamo o buttiamo tutti gli oggetti difettosi che abbiamo.

In questo modo ci sarà anche più facile e veloce ritrovare le cose delle quali abbiamo bisogno.

E’ questa una scelta che ci farà percepire noi stessi come più leggeri.

A questo proposito potete leggere il piccolo libretto “Manuale di pulizie di un monaco buddista. Spazziamo via la polvere e le nubi dell’anima”. Non è certo un  testo filosofico, ma nella sua semplicità può funzionare .

In questo libro si racconta come una regolare e quotidiana disciplina di ordine e pulizia, che nulla ha a che fare con il fanatismo delle pulizie, aiuti a vivere meglio. L’autore è Keisuke Matsumoto.

Ovviamente anche il tipo di vita è determinante nella ricerca della felicità.

-E’ più facile essere felici se si ha un corpo sano e quindi bando alla pigrizia e una bella camminata ogni giorno, una corsetta almeno alla settimana, una nuotata in piscina, una camminata in montagna alla domenica invece di stare in città o in casa, ma per sempre, non solo il tempo dell’abbonamento alla piscina o alla palestra!

Fondamentale è anche la dieta che deve essere sana, è indispensabile imparare ad alzarsi da tavola con ancora un poco di appetito, imparare a non mangiare troppo la sera prima di andare a dormire. Questo non vuole dire una vita di sacrifici, basterà:

-imparare ad assaporare quello che si ha nel piatto, anche un pezzo di buon pane se masticato a dovere può dare soddisfazione al palato.

E comunque non sarà quella abbondante cena o pranzo occasionale ad incidere sulla nostra salute, anzi ci darà più soddisfazione che abbuffarci tutti i giorni.

Il Dalai Lama alla domanda come diventare saggi ha risposto:

-“Basta sperimentare”.

Alle donne e alle ragazze in particolare va detto: prima di tutto accettatevi fisicamente, qualunque sia la vostra natura.

-Non assoggettatevi agli stereotipi imposti dalla pubblicità, cinema, Tv ecc..

Ricordatevi che quasi tutti i prodotti che le donne usano per apparire più belle ( creme idratanti, lucidanti per i capelli, ammorbidenti, lacche per unghie ecc..) sono derivati dal petrolio: oltre ad avvelenare l’organismo, danno una sensazione di idratazione momentanea, per poi ridurre la pelle come un ammasso di cellule assetate che chiederanno altre “dosi” … di petrolio…

Truccatevi e curatevi, ma poco e con prodotti che garantiscano essere privi di veleni vari.

Vedi anche al link:

https://www.donnecultura.eu/?p=8148

A questo proposito potete leggere l’ultimo libro di Isabel Losada si intitola “Voglio vivere di più”, editore Feltrinelli.

Animali domestici ammessi nelle case di riposo

Riceviamo dall’associazione  e vi invitiamo a leggere

Per un anziano che vive in una casa di cura lasciare il proprio animale è un dolore immenso.

-L’appello di Ambra perché le case di cura aprano a questa concessione:

Petizione diretta a Beatrice Lorenzin

“Gentile ministro dimostri di essere umanamente sensibile …. “

Animali domestici ammessi nelle case di riposo

Ora tu puoi firmare subito cliccando al link

https://www.change.org/p/animali-domestici-ammessi-nelle-case-di-riposo/psf/promote_or_share?share=false

Se ti sembra una buona petizione, firma subito e condividi con i tuoi amici su Facebook

Chiediamo a gran voce la possibilità per tutti quegli anziani speso rimasti soli di portare con sé il proprio animale, spesso unica fonte di amore e compagnia, all’interno delle case di cura e riposo.

 

Arte a Parigi – Sophie Calle / Serena Carone

Serena-Carone-Mon-amie-2016-mostra-a-Parigi-17-con-Sophie-Calle.

Uno dei musei più suggestivi di Parigi :

Musée de la Chasse et de la Nature – Museo della caccia e della natura

Installazioni suggestive e innedite si sovrappongono a lavori storici dell’artista Sophie Calle (una delle più importanti artiste concettuali d’oggi)

Sophie Calle in dialogo con le opere di Serena Carone; che ha accettato di “misurarsi” con la Calle

Sino all’11 gennaio 2018

Il Musée de la Chasse et de la Nature 

Il Museo della caccia e della natura ha invitato l’artista Sophie Calle a rivestire le sue stanze.

Serena Carone è stata invitata dalla stessa Calle; perché le sue opere sono estremamente  collegate con collezioni e atmosfera del museo.

Sotto la direzione di Sonia Voss, la mostra è la prima presentazione museale in Francia a coprire diversi decenni della creazione dell’artista, dalla sua retrospettiva al Centre Pompidou nel 2003.

Il lavoro di Sophie Calle è costruito sui confini porosi tra autobiografia e narrativa immaginaria.

Al centro del suo lavoro ci sono le domande esistenziali di sguardo, alterità, amicizia e morte, trascese dai rituali e dal gioco.

La mostra propone alcuni pezzi dell’artista nel contesto della collezione del museo e svela anche opere appositamente progettate per l’occasione.

Musée de la Chasse et de la Nature

Inaugurato da André Malraux nell’hotel di Guénégaud (monumento storico del 17 ° secolo di François Mansart), il 21 febbraio 1967, il Museo della caccia e della natura è stato ampliato nel 2007 all’hotel vicino, l’hotel de Mongelas (XVIII secolo).

Grazie a questo rinnovamento e ampliamento, il museo “espone” il rapporto dell’uomo con l’animale attraverso i secoli (dall’antichità ai giorni nostri) e fa affidamento sulle eccezionali collezioni d’arte antica, moderna e contemporanea riunite dai fondatori e cresciute incessantemente per quasi mezzo secolo.

Museo privato, gode dell’etichetta “Museo della Francia” concesso dal Ministero della Cultura e della Comunicazione.

Musée de la Chasse et de la Nature

http://www.chassenature.org

62 Rue des Archives, 75003 Paris

Sgarbati per mancanza di tempo ? Lo sostengono gli americani e noi ?

“Tanto gentile e tanto onesta pare …” Lo scriveva Dante.

Oggi, quanto è rimasto di questo tipo di ammirazione ?

Il 40% degli americani ammette di essere sgarbato per mancanza di tempo.

Noi europei, che tanto ci sentivamo diversi dagli americani, forse abbiamo appreso dalla loro rudezza ?

I risultati dell’influenza della cultura americana hanno avuto un impatto deflagrante sulla cultura europea. A partire dal marketing, che ha cambiato il modo di pensare, vivere e gli stessi valori della cultura europea.

Finita l’era del wellfare; ognuno pensi per sé. E i risultati si vedono; basta guardare la Grecia …

Essere troppo gentili, come ci avevano insegnato dalle suore Orsoline nei tempi andati, oggi appare come mieloso-ipocrita-stucchevole.
Se sei toppo cortese, in quest’epoca di prevaricazioni, vieni scambiato per ipocrita o qualcuno che vuole raggiungere chissà quale “abbietto-obbiettivo”.

Molti hanno dimenticato che la gentilezza è rappresentante di mitezza e quiete, addirittura di magnanimità e compassione …ma soprattutto aiuta a vivere meglio tutti.

Ma oggi, può essere come mostrare un disegno di Leonardo ad un cieco.

E quindi ?

Da parte nostra continueremo ad essere gentili, senza tralasciare di essere attenti nel considerare a chi stiamo dimostrando la nostra gentilezza. Senza pretendere di trovare oro in una discarica.

Da un esperimento scientifico:

man mano che diminuisce lo spazio disponibile, i topi in gabbia diventano sempre più aggressivi; sino ad arrivare a mangiarsi tra loro.

Speriamo che l’umanità non arrivi mai a questo. Per ora siamo 7 miliardi …

Forse, prima di fare figli dovremmo pensare a migliorare la situazione attuale per quelli che sono vita; disinquinando le aree rese inabitabili dallo stesso uomo, evitando guerre e conflitti che causano ignoranza, fame, sofferenze e rancori.

Anche con l’esempio personale, ma per la maggioranza, sappiamo, sono parole sprecate.

Guerre e sofferenze sono fonti di ricchezza per molti e l’animo umano è corruttibile.

Ma una volta, almeno ci si vergognava, oggi essere “furbi” è motivo di vanto e allora … abbiamo quello che ci meritiamo ! ?

ARTISSIMA 2017 – Gioberto Noro

Gioberto Noro

Gioberto Noro nasce dall’unione dei cognomi di Sergio Gioberto e Marilena Noro. Vivono e lavorano a Torino.

Girberto Noro “Archivial pigment print on cotton paper”

Foto: Gioberto Noro,  MAPPE #1  – 2016 –  ARCHIVAL PIGMENT PRINT ON COTTON PAPER  –  cm 104×152  – ED. 5

Un lavoro di grande impatto; formato da moltissime foto, anche in bianco e  nero, poi rielaborate al computer e stampate per un risultato di una nitidezza e una profondità di campo tale,  da sembrare tridimensionale.

Vedi altre foto delle opere d’arte al link http://albertopeola.com/it/artists/gioberto-noro

lberto Peola Arte Contemporanea
Via Della Rocca 29
10123 Torino – Italia
Tel.: +39 011 8124460