Archivi categoria: SALUTE

Belle e sane, sport, prevenzione, salviamo i nostri occhi…erboristeria, salute prima dei 40 anni, salute dopo i 50… allergie, anoressia, antibiotici con cautela, anziani e depressione, aspirina “tuttofare”, calvizie curabili, denti sani, diabete, dolore e cura, fibrillazione atriale, ictus, malattie tropicali, novità farmacologiche, omeopatia, ospedali pericolosi?, problemi di coppia, sordità, smog un grande pericolo, …vedi anche terme & spa alla categoria: VIAGGI

Salute dopo i 60 anni – Alluce Valgo nuove tecniche chirurgiche

Alluce Valgo, prima un fastidio, soprattutto per le donne che amano mettere scarpe particolarmente eleganti, poi con il passare degli anni, se le dimensioni dell’alluce valgo diventano sempre più importanti, anche dolori che possono diventare insopportabili.

Primo consiglio elementare è quello di acquistare scarpe comode, sin dai primi problemi, magari una misua o due in più e/o farsi fare un buon plantare su misura.

Non è consigliabile continuare a mettere le medesime scarpe; che causano dolori e compressioni che non fanno bene al piede.

L’operazione è chiaramente l’ultima soluzione, quando e se il problema progredisce al punto da non riuscire a gestirlo con soluzioni più semplici.

Correzione Alluce Valgo/ Metatarsalgia sono  “Mini Invasivo” in quanto le correzioni  sono effettuate con piccole incisioni cutanee

L’interventi chirurgico dell’Alluce Valgo serve a ristabilire una articolazione adeguata, correggere tutte le alterazioni dell’avampiede (lussazioni delle MF centrali, dita a martello ecc.). Oggi si tende a  modificare anche le alterazioni retro-avampodaliche.

Sino a poco tempo fa si trattava di operazione complessa che richiedeva lunghi tempi di guarigone con conseguenti problemi.

Oggi, se il chirurgo è all’altezza e lo ritiene il cas, la guarigione avviene in tempi abbastanza brevi.

L’operazione avviene attraverso tre soli forellini nel piede; ecco perché il chirurgo deve avere un’ottimale conoscenza anatomica ed esperienza.

Durante l’operazione si lavora a cielo chiuso (non si vede dove lavorano gli attrezzi del chirurgo) e si deve evitare che le frese danneggino le strutture anatomiche, isoprattutto tendini o nervi sensitivi.

Al momento in Italia sono pochissimi i chirurgi che hanno alle spalle una serie di operazioni di questo ultimo genere ben riuscite.

Vantaggi

  • Assenza di dolore post-operatorio.
  • Procedura ambulatoriale senza bisogni di ricovero post-operatorio.
  • Anestesia locale direttamente sul piede.
  • Assenza di compressioni emostatiche.
  • Recupero precoce della deambulazione.
  • Nessuna cicatrice chirurgica.
  • Minori possibilità di complicanze rispetto alla chirurgia aperta.

DOLORE DOPO OPERAZIONE ???

Premesso che l’anestesia generalmente basta a non dare sensazioni di dolore forte anche subito dopo l’intervento, in caso  di dolore  è sufficiente assumere paracetamolo come analgesico  al dosaggio di 1000 mg (1 gr) ogni 6 ore, 4 volte al giorno. In alcuni casi si consiglia anche un anti-infiammatorio (Mesulid, Aulin, Oki, ecc).

A volte per ridurre il fastidio è sufficiente applicare del ghiaccio o stare distesi con la gamba sollevata.

Piccole fratture chirurgiche generate dall’intervento potrebbero provocare scricchiolii, è del tutto normale e non deve preoccupare.

La durata della convalescenza varia da persona a persona ed è strettamente collegata alla tipologia di intervento e al numero di fratture.

La normale deambulazione potrebbe essere possibile anche una ventina di giorni dall’intervento, la guida della autovettura dal 30esimo giorno; i tempi previsti saranno spiegati dal chirurgo caso per caso.

Possono anche essere necessari alcuni mesi prima che il piede recuperi la sua morfologia naturale.

Non rispettare i comportamenti post operatori suggerito,  il tentativo di anticipare o ritardare la tempistica post operatoria o anche solo appoggiare in modo sbagliato il piede, possono causare il parziale o completo fallimento dell’intervento.

Nel periodo post-operatorio si consiglia di utilizzare una calzatura ortopedica e di camminare facendo attenzione a non affaticare troppo il piede operato.

E’ IMPORTANTE RISPETTARE I TEMPI CHE PRESCRIVE IL CHIRURGO

Dopo venti, trenta giorni, se l’osso non non è stato troppo sollecitato, inizia la formazione del callo osseo fibroso. Ma solo dopo circa tre mesi il callo osseo fibroso si calcifica e infine si trasforma in osso.

Il paziente dovrà recarsi in clinica per l’intervento munito di:

  • Impegnativa del medico di base con richiesta di intervento chirurgico
  • Documento di identità,
  • Documenti sanitari ( terapie in corso)
  • Radiografie.

UNO SPECIALISTA CON GRANDE ESPERIENZA:

Il Dott. Bianchi e la sua équipe hanno portato avanti negli anni una continua ricerca di soluzioni sempre meno invasive e sempre più performanti per trattare le patologie dell’avampiede e in special modo l’alluce valgo.

Dal 1995 a oggi è stato sviluppato e condiviso un approccio chirurgico che prende spunto dalla tecnica percutanea adattandola alle specificità dell’avampiede e dell’alluce valgo. Grazie alla continua ricerca di miglioramento, nell’ottica di mantenere un approccio il più naturale possibile, il Dott. Bianchi e la sua équipe risolvono chirurgicamente le problematiche dell’alluce valgo con interventi poco invasivi, rapidi, senza fare uso di mezzi di sintesi (viti, placche o fili), stabilizzando le fratture in modo naturale grazie al bendaggio post-operatorio e altri accorgimenti

La tecnica proposta da Dott. Nicola Del Bianco prevede la correzione della deformità in valgo dell’alluce mediante tre minuscoli accessi cutanei e quattro tempi chirurgici.

Il primo consiste nella sezione del tendine dell’adduttore e della capsula laterale, la cui retrazione è responsabile della deviazione esterna del dito, mediante l’introduzione all’interno dell’articolazione di una piccolissima lama da bisturi, che con un movimento di leva dall’interno all’esterno permette di liberare l’inserzione tendinea dalla base della falange (lateral release).

Il secondo tempo, il più importante, viene effettuato introducendo nel piede, attraverso un accesso alla base della caratteristica prominenza, dopo aver scollato dall’osso i tessuti molli e la capsula, una particolare fresa, che montata su una turbina a motore caratterizzato da pochi giri ma elevata potenza, permette di regolarizzare il profilo metatarsale eccedente.

Tale resezione non deve essere però eccessiva, così come viene di solito fatto da chirurghi con scarsa esperienza di chirurgia del piede, che fanno della resezione antiestetica lo scopo della loro procedura percutanea.

Elenco ambulatori in Italia: https://www.allucevalgopbs.it/ambulatori-italia/

Per saperne di più: http://dottnicoladelbianco.com/service/alluce-valgo/

PESCE SEMPRE PIU’ RARO E SEMPRE PIU’ …

Negli ultimi 10 anni la domanda ittica mondiale è aumentata dal 5 al 10 %.

Responsabili soprattutto i Paesi in via di sviluppo che aumentano anche le loro richieste alimentari, pesce compreso.

Gli allevamenti pareva potessero arginare la distruzione di pesce selvaggio.

Le cose non funzionano esattamente come appaiono; la farina di pesce, che serve per gli allevamenti, proviene da pesce selvaggio e quindi si tratta di un ciclo chiuso che contribuisce all’esaurimento di quest’ultimo.

Sul nostro pianeta si sta mangiando più pesce di quello che si riesca a produrre, anche nell’allevamento.

Infatti gli allevamenti di salmone necessitano del pesce pescato nell’America Latina, e ricco di Omega 3, che purtroppo inizia a scarseggiare.

Da questi fatti, all’aumento del prezzo del pesce sul mercato, il passo è ovvio.

Per non parlare delle alte concentrazioni di antibiotici, indispensabili, per la produzione di pesce di allevamento che però  contamina anche i pesci e le acque circostanti…

I problemi non sono solo per i salmoni, ma anche per i tonni di allevamento ecc….

::::::::::::

SOLUZIONE ??? 

Ora diverse multinazionali stanno studiando come estrarre Omega 3 dalla soia e dalle alghe.

Ribadiamo anche quanto già pubblicato: 

-Una società bitecnologica canadese, la AquaBounty, ha ottenuto l’autorizzazione per produrre 100 mila uova l’anno di una varietà di salmoni transgenici (OGM).

Simone Mirto, biologo marino dell’Istituto dell’ambiente marino e costiero del CNR a Mazara del Vallo, sostiene che dagli allevamenti in mare i pesci fuggono…e quindi, essendo più grandezze voraci, i pesci OGM elimineranno tutti i più deboli pesci naturali.

-Noi abbiamo già visto personalmente come, nelle acque del lago Titicaca in Perù, l’arrivo di una vorace trota salmonata, immessa dall’uomo, abbia ucciso tutti i pesci nativi.

-Simone Mirto sostiene anche che l’errore è continuare a fare ricerca su pesci che mangiano altri pesci, e ne distruggono 10 volte più del loro peso!

-Sarebbe stato meglio investire in una ricerca che avesse prodotto pesci non carnivori !

-Questa varietà transgenica di salmone si chiama AquAdvantage ha due geni estranei: uno del salmone del pacifico, che accelera la crescita, e uno di un pesce di acque molto fredde.

-Qualcuno lo ha già chiamato il salmone “Frankenfish”.

Salute – I batteri sono anche nostri alleati

I BATTERI NON SONO SEMPRE I NOSTRI NEMICI

I batteri non vanno combattuti come fossero solo un nemico per la salute

3 milardi di batteri vivono dentro e su di noi; per un peso totale di 2Kg.

Molti batteri sono alleati della salute

Vivere in ambienti sterili non ci preserva dalle malattie, ma ci espone ad allergie (vedi al link https://www.donnecultura.eu/?p=38521)e problemi anche intestinali.

Infatti, gli americani (USA) sono famosi tra i viaggiatori perché, abituati a cibi sterili, vengono facilmente colpiti da dissenteria durante i viaggi in paesi esotici; molto di più rispetto ad altre popolazioni (Americani del centro-sud, europei ed asiatici).

E’ sbagliato nutrirsi sempre con i medesimi alimenti, preconfezionati (piatti vari, verdure, pizze e sughi pronti, scatolame ecc…) con una carica vitaminica pari a zero.

Questo comportamento alimentare provoca, nel tempo, un grave impoverimento del microbiota intestinale ed ecco che arrivano intolleranze, problemi digestivi e disagi psicologici.

La fermentazione è un modo sano e antico di conservare il cibo. La fermentazione si basa su di una grande produzione di batteri; che rendono anche il cibo più digeribile.

Tra gli alimenti fermetati che consumiamo ancora oggi: pane, caffè, tè, alcuni formaggi, salumi, cioccolata, vino, yogurt, ecc…

Tutti questi cibi sono stati modificati dalla capacità di trasformazione dei microorganismi (batteri).

I batteri sono, nella loro maggioranza, nostri preziosi alleati.

La guerra ai batteri, a parte quelli patogeni e pericolosi, è una guerra contro noi stessi e la nostra salute.

Quindi impariamo a non averne terrore (ma ovviamente  prendere anche seri provvedimenti per diferderci da quelli veramente pericolosi).

Per fare un esempio;  la conservazione tramite fermentazione può essere paragonata ad una pre-digestione. I microrganismi (batteri) della fermentazione, rendono più digeribile il cibo semplificando alcune sostanze presenti. Inoltre l’azione dei batteri buoni, rende innocue anche sostanze molto tossiche e fa sparire sostanze difficili da digerire

Nella fermentazione delle verdure (es. crauti), i batteri generano acido lattico o acetico e rendono inospitale l’ambiente ad altri microrganismi “concorrenti” ed a volte molto nocivi;  come l’ Escherichia coli , la salmonella, il botulino.

Inoltre, recentemente gli chef più famosi e quotati del mondo, studiano continuamente nuove fermentazioni per offrire al palato dei clienti nuovi stimolanti sapori.

Quindi non è fuoriluogo dire viva i batteri (quelli buoni).

PROBLEMI AL CUORE? FORSE E’ COLPA DELLA DIETA? LIMITIAMO IL SALE !

Un limitato apporto di sale aiuterebbe il cuore ad essere meno rigido e più efficiente.

L’IMPORTANTE E’  SCEGLIERE I CIBI CORRETTI DAL MOMENTO DELLA SPESA.
NO AI CIBI PRONTI !

Il premio è importantissimo e ne vale la pena: UNA SALUTE MIGLIORE !

Ipertensione ? Meglio ridurre l’apporto di sodio, attenzione NON solo il sale nei cibi, ma anche quello che si introduce con i salumi, dadi ecc..

Per chi non avesse riscontrato problemi cardiaci raccomandiamo la lettura del link che segue (dove si spiega che il sale va limitato solo se la nostra dieta ne è troppo ricca e non eliminato)

https://www.donnecultura.eu/?p=3133

Se abbiamo problemi al cuore,  dobbiamo mangiare:

-MENO salumi, NON aggiungiamo i dadi nel cibo limitiamoci a piccoli quantitativi, poco sale e tanti aromi per dare sapore:

-erbe aromatiche (prezzemolo, basilico, salvia, rosmarino, aglio, cipolla, ginepro, timo…peperoncino, zenzero (che abbassa il colesterolo), curry…

Il palato si ALLENA, a sentire anche i sapori più delicati, MA dobbiamo fare uno sforzo che necessita di TEMPO e un poco di SOFFERENZA.

Il premio è importantissimo e ne vale la pena: UNA SALUTE MIGLIORE !

– La dieta DASH, acronimo di Dietary Approaches to Stop Hypertension, è stata studiata dall’Istituto di Sanità statunitense per

-contrastare l’ipertensione ed è utile anche a chi soffre di insufficienza cardiaca.

Lo hanno confermato alcuni ricercatori statunitensi durante il meeting della Heart Failure Society of America, tenutosi a Orlando, pubblicato sulla rivista Circulation: Heart Failure.

Lo studio è di un’equipe di cardiologi dell’Università del Michigan, guidata da Scott Hummel.

L’equipe di cardiologi dell’Università del Michigan, guidata da Scott Hummel, ha sperimentato la dieta DASH con 13 pazienti (60 e i 70 anni)  i quali soffrivano di insufficienza cardiaca diastolica, quest’ultima causa rigidità al cuore che non è più in grado di pompare  il sangue necessario.

I partecipanti allo studio sono stati a dieta

per sole 3 settimane mangiando esclusivamente i pasti preparati nelle cucine dell’istituto di ricerca statunitense secondo i dettami della dieta DASH.

Successivamente alla dieta sono stati riscontrati:

– una riduzione della pressione paragonabile a quella che si sarebbe potuta ottenere con una terapia farmacologica 

un miglioramento nel rilassamento del ventricolo.

Tutto questo significa:

-una camera cardiaca meno rigida e quindi più efficiente nel pompare il sangue in circolo.

Meno sale. Come?

prediligere alimenti ricchi in potassio, magnesio, calcio e  cibi con caratteristiche antiossidanti

-la dieta DASH limita l’apporto di sale, e quindi di sodio, che viene assunto durante i pasti.

-I pasti preparati, secondo la dieta, non contengono più di 1.150 mg di sodio come totale giornaliero (un americano medio assume quotidianamente  3.300-4.200 mg di sodio).

-Diminuire la dose di sodio – precisa il cardiologo statunitense Scott Hummel- permette di limitare l’accumulo di liquidi che costringerebbe il cuore a lavorare di più, rendendolo più rigido e meno efficiente nel trasferire il sangue al sistema vascolare, disturbo tipico di chi soffre di insufficienza cardiaca diastolica».

I  risultati di questa ricerca confermano i benefici della dieta DASH sulla salute cardiovascolare.

Come già affermato, in passato, nella ricerca del Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston pubblicata su JAMA.

In questo caso si dimostrava come, dopo aver analizzato oltre 36mila donne, il regime alimentare povero di sale riducesse il rischio di  scompenso e insufficienza cardiaca.

L’IMPORTANTE E’  SCEGLIERE I CIBI CORRETTI DAL MOMENTO DELLA SPESA.
NO AI CIBI PRONTI !

Evitando gli alimenti pronti e lavorati, ricchi di sodio, si consiglia di leggere con attenzione le etichette dei prodotti alimentari.

ABBONDARE CON:  frutta e verdura, meglio se fresche, latticini magri, riso e cereali, limitare i grassi, prediligendo sempre quelli insaturi rispetto a quelli saturi (ricordatevi NO OLIO DI PALMA contenuto in tutti i cibi pronti, pasticceria, gelati, biscotti anche nelle merendine bio per bambini)

Nonostante l’importanza dei diuretici al fine di eliminare l’accumulo di liquidi e di qualche altro farmaco, non esiste una terapia standard per curare il problema cardiaco in genere.

 

Salute – Aglio Nero – Buonissimo e fa bene … niente alito cattivo

L’aglio fa bene, ma puzza …

L’aglio nero non ha questo difetto e fa bene e gualmente.

Aglio nero: rimedio naturale per migliorare le difese e combattere virus e batteri.

Combatte i radicali liberi …

E’ anche considerato un alleato nelle diete e ottimo integratore.

La moda del momento lo chiama: superalimento (sicuramente è salutare, ma non è una scoperta di oggi).

QUALI SONO LE PROPRIETA’ DELL’ AGLIO NERO ?

Ha proprietà antibiotiche, diuretiche, antiossidanti e digestive.

I benefici dell’aglio nero sono 10 volte superiori a quelli dell’aglio fresco.

E’ un alleato per la salute cardiaca e circolatoria; ha  effetti antiossidanti ed antipertensivi.

Fluidifica il sangue, riduce la formazione di placche e il rischio di soffrire di trombosi.

Per l’elevato contenuto di potassio, l’aglio nero è indicato a chi soffre di RITENZIONE IDRICA, edemi o problemi renali.

Aiuta a curare anche: dermatite, acne, psoriasi o rosacea.

I suoi composti solforati (tiosulfinati)  favoriscono la formazione di collagene; che migliora non solo la pelle, ma è indicato anche per i pazienti affetti da artrite e dolori muscolari.

Ottimo in caso di asma o allergia,  per ridurre i sintomi del raffreddore, della faringite e della laringite

Secondo alcuni: serve anche a calmare l’ansia, combattere l’insonnia, ridurre l’irritabilità e il cattivo umore.

COSA CONTIENE L’AGLIO NERO?

-zolfo, acido linoleico e polifenoli,  18 dei 20 amminoacidi essenziali,

L’aglio nero è molto diffuso in Asia, in particolare in Giappone; dove è usato come condimento.

I fanatici lo mangiano a digiuno, ma lo si può includere anche in molte ricette.

L’aglio nero ha proprietà energizzanti, ma bisogna evitarne il consumo prima di andare a letto; potrebbe rendere diffcile l’addormentarsi, come un caffé.

SAPORE:  leggermente dolciastro, ma anche leggermente acidulo.

Gli spicchi di aglio nero hanno una consistenza morbida e cremosa,  ideali per condire, cucinare o da mangiare a digiuno.

COME SI OTTIENE?

-si acquista per circa 15 euro ogni piccola confezione

– cottura o stagionatura per avere un aglio di colore scuro dove la concentrazione di nutrienti è superiore a quello tradizionale (perché ha perso molta acqua).

Diversi i modi di prepararlo:

-13 ore in pentola a pressione a bagno maria (attenzione che l’acqua evapora e va aggiunta), oppure avvolto in carta per alimenti e poi stagnola in modo che non penetri acqua; dovete fare questa cottura a più riprese; meglio in inverno perché potete lasciarlo al freddo tra una cottura e l’altra, ma si ha un buon risultato anche con sole 6 ore di cottura a pressione e vapore

-si lascia in cantina sino a che diventa nero.

-si fanno fermentare le teste d’aglio a determinate temperature (circa 70°) e umidità ( tra l’85 e il 90%) sino a che diventa nero.

COME SI MANGIA L’ AGLIO NERO ?

1 a 3 spicchi d’aglio nero al giorno; dicono a digiuno.

Con una fetta di pane o una fetta biscottata a colazione.

In insalata

Nelle ricette con riso, risotti, pasta …insalate …

Salute – Incendi dolosi a ripetizione – Avevamo già denunciato ….

Portavano da mesi merci sospette con camion, il fatto era stato segnalato, perché non si è intervenuti subito ??

SEMPRE PIU’ GRAVE LA SITUAZIONE SANITARIA IN ALCUNE ZONE D’ITALIA

I NOSTRI NIPOTI BERRANO L’ACQUA INQUINATA CHE POTRA’ SGORGARE ANCHE A CENTINAIA DI CHILOMETRI DI DISTANZA

L’ignoranza della loro gravità e l’omertà, hanno permesso che questi fuochi che uccidono oggi e domani, 

continuino a ripetersi

ora la terra dei fuochi si trova anche in LOMBARDIA !!!

Lomellina terra dei fuochi, c’è una regia comune? … Siamo al quinto incendio avvenuto in lomellina, nell’arco di pochi mesi.

4 gennaio 2018

Un’altro incendio è divampato mercoledì sera in un capannone industriale di 2mila metri quadrati nel pavese, lungo la provinciale 31 all’altezza del comune di Cortelona e Genzone.

 Nell’incendio sono bruciati plastica, pneumatici e e altri materiali di scarto.

E’ stata emessa un’ordinanza che invita i cittadini a non uscire di casa e tenere chiuse porte e finestre.

VIETATA la raccolta e il consumo dei prodotti ortofrutticoli coltivati ed è vietato il pascolo degli animali, vietato anche il consumo di uova.

:::::::::::::::::::::::::::::::::

10 settembre 2017

AVEVAMO GIA’ PUBBLICATO:
Non se ne parla abbastanza – Mortara i cittadini ” Ci stanno uccidendo “

Gli abitanti ” Questa è la LOMELLINA DEI FUOCHI ” i genitori temono per i figli.

Qui si concentrano inceneritori e raffinerie e vogliono anche portarvi un deposito di fanghi pericolosi …

Una zona dove i fuochi sono diventati la “norma” !!!

” Ci stanno facendo morire lentamente … tutti zitti perché hanno tanti soldi sotto il cuscino … i nostri figli e nipoti pagheranno …. ” Così si è espresso un abitante della zona.

Mortara

ancora la colonna di fumo dalla Eredi Bertè

Il fumo dalla Eredi Bertè di Mortara proviene dall’incendio  nei rifiuti stoccati in azienda.

RIFIUTI, ANCHE MOLTO PERICOLOSI, BRUCIANO E TUTTO FINISCE NEI POLMONI E NELLE FALDE ACQUIFERE.

COVER 450X140 SCIENZE DOMANDA92deserto

Avevamo pubblicato l’ 11 luglio  2013

A CALVANO, NEL NAPOLETANO, I CAVOLFIORI CAMBIANO COLORE A CAUSA DEI METALLI PESANTI…!

LA NOTIZA E’ DEL CORRIERE DELLA SERA (2 giugno pag. 22).

LA TERRA DEI FUOCHI:  TRA I COMUNI DI QUAGLIANO, VILLARICCA E

GIUGLIANO.

QUI SONO STATI SVERSATI IMMENSI QUANTITATIVI DI RIFIUTI TOSSICI.

PERCHE’?

RISPOSTA: IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI VALEVA 200/300 vecchie

lire, MENTRE LO SMALTIMENTO DI UN CHILO DI RIFIUTO TOSSICO RENDEVA

2.000/3.000 vecchie lire.

 

Così negli anni la camorra ha fatto i soldi,  a rischio zero.

Versare veleni in un terreno è stato sanzionato dalla legge solo a patire dall’8 marzo 2001 !

Recentemente, sempre secondo il Corriere della Sera, sono stati sequestrati due ettari, coltivati a cavolfiori,  fortemente inquinati da piombo e cadmio; presenti da 700 a 500 volte più del consentito.

Ma quanti altri terreni, culture. allevamenti ecc… attendono un sequestro ? Nel frattempo i loro prodotti vengono venduti, magari anche ad alto prezzo…

SALUTE – VIVERE A LUNGO – Vivremo più a lungo ? Perché ?

Le statistiche ci dicono che viviamo sempre più a lungo.

In realtà queste statistiche si riferiscono alla generazione che oggi ha 80-100 e più anni.

Questa generazione (degli attuali ottantenni),  è una generazione che proviene da una forte selezione naturale; allora molti bambini morivano alla nascita o ancora piccolissimi, non esistevano antibiotici. Le due Guerre Mondiali hanno selezionato brutalmente e hanno imposto anche lunghi periodi di privazioni alimentari.

Inoltre, gli attuali ottantenni-novantenni, per la maggior parte della loro vita hanno avuto a disposizione poco cibo molto sano (nulla di tutti quegli additivi e funghicidi, antibiotici e ormoni nella carne, pesci di allevamenti con mangimi sempre più scadenti e meno costosi , conservanti, pesticidi ecc…).

Per non parlare delle migliorate condizioni di vita degli ultimi anni; inteso come medicinali antibiotici, anticoagulanti, anti fibrillazione, anti-colesterolo, operazioni al cuore, cure avanzatissime contro il cancro ecc…

Cure che sempre meno persone potranno permettersi nel futuro, visto che i farmaci saranno sempre più efficaci, ma anche molto più cari di quelli attuali e le assistenze sanitarie non potranno permetetrsi di sostenere quel genere di costi; che già cominciano a influenzare le scelte dei medicinali.

Da anni, dal mese di ottobre, alcuni medicinali sono sostituiti con altri perché gli ospedali non hanno più i finanziamenti necessari per arrivare alla fine dell’anno (sono dati controllabili, non di fantasia).

Quindi, non è logico sostenere che se l’attuale generazione di ottantenni, noventenni e centenari ha enormemente aumentato l’aspettattiva di vita, avverrà altrettanto per il futuro di tutta l’umanità.

Le stesse statistiche hanno già rilevato negli ultimi anni una continua e costante  inversione di rotta. Molti pensionati rinunciano a curarsi già oggi; sono una minoranza, ma cosa accadrà in futuro ?

Secondo le nuove statistiche, se abbaimo meno di 50 anni,  vivremo meno a lungo dei nostri genitori (escludendo chi potrà rivolgersi a cure pagate privatamente, che promettono un futuro sano almeno sino a 120 anni).

ASPIRINA; UN FARMACO PREZIOSO PER MOLTE PATOLOGIE

05I vecchi farmaci, in genere, sono molto affidabili, perché testati per decenni, e sempre molto meno costosi dei più nuovi che, non sempre, sono meglio, ma costando molto di più sono un affare certo per le case farmaceutiche (senza nulla togliere alle vere grandi innovazioni che aiutano l’uomo a vivere meglio05).

Istituto di Farmacologia, Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma

Aspirina come farmaco antitrombotico.

Prevenzione cardiovascolare, ha dimostrato una ridotta incidenza e mortalità da CRC (e altri tumori) nei soggetti trattati con aspirina.

Ridurre il rischio di complicanze trombotiche (sia a livello cardiaco che cerebrale) del processo aterosclerotico (aterotrombosi) con l’aspirina.

L’acido acetilsalicilico, sintetizzato in ambiente industriale nel 1897, è stato commercializzato come Aspirina® nel 1899.

Per i primi 70 anni della sua vita commerciale l’aspirina è stata impiegata come

-farmaco analgesico, antipiretico e anti-infiammatorio, fornendo il modello per lo sviluppo – a partire dagli anni ‘60 del XX secolo – dei farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS).

Le scoperte relative al meccanismo d’azione dell’aspirina negli anni ’70, e successivamente gli studi di farmacologia clinica sulla biosintesi piastrinica di trombossano (TX)A2 e sulla produzione endoteliale di prostaciclina (PGI2), con la dimostrazione della inibizione selettiva del TXA2 con basse dosi di aspirina, hanno fornito un solido razionale per il disegno di numerosi trial clinici in decine di migliaia di pazienti ad alto rischio cardiovascolare a partire dalla seconda metà degli anni ’80.1

Questi studi, condotti per lo più in maniera indipendente dalla comunità medico-scientifica con fondi pubblici, hanno dimostrato -l’efficacia e la sicurezza dell’aspirina a basse dosi (30-100 mg/die) nel

-ridurre il rischio di complicanze trombotiche (sia a livello cardiaco che cerebrale)1 del

-processo aterosclerotico (aterotrombosi).2 Tuttavia, laddove il rapporto beneficio (riduzione di eventi vascolari maggiori)/rischio (aumento di complicanze emorragiche) è decisamente favorevole (>10:1) nel trattamento acuto delle sindromi ischemiche coronariche e cerebrali  e nella loro prevenzione secondaria,3 questo rapporto è sostanzialmente incerto (≤2:1) nella cosiddetta prevenzione primaria in soggetti asintomatici e senza una precedente complicanza aterotrombotica.4

Nel corso degli ultimi 10 anni, sono emerse nuove conoscenze circa un possibile effetto chemiopreventivo dell’aspirina nei confronti de cancro colo-rettale (CRC).

In realtà, un’associazione tra uso prolungato di aspirina o altri FANS e ridotta incidenza e mortalità da CRC era già stata documentata da numerosi studi osservazionali in passato.5 I nuovi dati sono emersi da quattro trial clinici randomizzati, controllati con placebo,

-in  soggetti con adenoma colo-rettale sporadico, nei quali il rischio di ricorrenza di un adenoma – dopo asportazione chirurgica – era ridotto dall’aspirina (a dosi giornaliere di 81-325 mg). Risultati analoghi sono stati ottenuti nello stesso modello clinico con l’impiego di coxib, una classe di FANS inibitori selettivi di COX-2.6 Tuttavia, la cardiotossicità dei coxib ne limita l’utilizzo a lungo termine.7  Inoltre, una serie di analisi post-hoc condotte sul follow-up a lungo termine dei soggetti randomizzati nei trial clinici di

prevenzione cardiovascolare, ha dimostrato una ridotta incidenza e mortalità da CRC (e altri tumori) nei soggetti trattati con aspirina per 4-5 anni rispetto ai controlli.8

Le “impronte digitali” dell’effetto chemiopreventivo dell’aspirina includono le seguenti osservazioni:

-1) l’apparente protezione nei confronti del CRC è dimostrabile a dosi giornaliere di 75 mg;

-2) questo effetto è saturabile a basse dosi, cioè dosi fino a 16 volte superiori non risultano più efficaci;

-3) nelle donne apparentemente sane, l’effetto chemiopreventivo è stato documentato anche con un regime posologico di somministrazione di 100 mg a giorni alterni;

-4) l’effetto è dimostrabile con una formulazione a rilascio controllato di 75 mg, sviluppata per massimizzare l’inibizione della COX-1 piastrinica nella circolazione portale e minimizzare l’inibizione di COX-2 nella circolazione sistemica.8

-Queste insolite caratteristiche farmacodinamiche sono virtualmente identiche alle “impronte digitali” dell’

aspirina come farmaco antitrombotico, e suggeriscono un meccanismo d’azione condiviso.8,9

 Bibliografia

 Patrono C. Aspirin as an antiplatelet drug. N Engl J Med 330: 1287-1294; 1994.

Davì G, Patrono C. Platelet activation and atherothrombosis. N Engl J Med 357:2482-2494, 2007.

Patrono C, Garcìa Rodrìguez LA, Landolfi R, Baigent C. Low-dose aspirin for the prevention of atherothrombosis. N  Engl J Med 353: 2373-2383, 2005.

Patrono C. Low-dose aspirin in primary prevention: cardioprotection, chemoprevention, both or neither? Eur Heart J 34:2403-2411, 2013.

Thun MJ, Henly SJ, Patrono C. Nonsteroidal antiinflammatory drugs as anticancer agents: mechanistic, pharmacological and clinical issues. J Natl Cancer Inst 94: 252-262, 2002.

FitzGerald GA, Patrono C. The coxibs, selective inhibitors of cyclooxygenase-2. N Engl J Med 345:433-442, 2001.

Coxib and traditional NSAID Trialists’ (CNT) Collaboration.  HYPERLINK “http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23726390” Vascular and upper gastrointestinal effects of non-steroidal anti-inflammatory drugs: meta-analyses of individual participant data from randomised trials. Lancet 382:769-79, 2013.

Thun MJ, Jacobs EJ, Patrono C. The role of aspirin in cancer prevention. Nature Rev Clin Oncol 9:259-267, 2012.

Patrono C, Patrignani P, Garcìa Rodrìguez LA. Cyclooxygenase-selective inhibition of prostanoid formation: transducing biochemical selectivity into clinical read-outs. J Clin Invest 108:7-13, 2001.

 

Come prevenire e curare l’unghia nera o l’onicomicosi o “tinea unguium” ?

Perché si manifesta l’unghia nera o l’onicomicosi o “tinea unguium” ?

L’infezione da onicomicosi, al suo inizio, colpisce una piccola porzione dell’unghia, che presenta colorazioni diverse; dal bianco al giallo al marrone, verde o nero.

Se la micosi non viene trattata, il fungo si spinge in profondità.

L’onicomicosi o “tinea unguium”, è causata da un fungo; in genere non è un disturbo pericoloso, ma è un problema antiestetico e può causare la comparsa di macchie, ispessimento e sbriciolamento delle unghie ai lati:

Questa micosi alle unghie può essere anche difficile da curare e tende a ripresentarsi.

Come prevenire l’unghia nera o l’onicomicosi o “tinea unguium” ?

CONSIGLI PER LA PREVENZIONE

Per prevenire la micosi dell’unghia è necessario proteggere sempre i piedi dal contatto diretto con il pavimento di piscine, docce e spogliatoi, indossando ciabatte. Lavarsi con saponi disinfettanti (solo dopo la piscina o sulle parti con micosi).

-tenere i piedi asciutti, asciugarli bene dopo la doccia in piscina, indossando calzature che favoriscono la traspirazione e calze che assorbano il sudore. Ottimo il cotone e disinfettarle se avete l’infezione (ottima anche qualche goccia di acqua ossigenata nella punta delle scarpe, passata con un batuffolo di cotone, e lasciarla poi asciugare).

-Non farsi fare pedicure e manicure se non si è più che certi della sterilità di tutti gli attrezzi e spugne usate per l’asciugatura di mani e piedi.

-Non fare uso di smalti e unghie finte, perché contribuiscono alla proliferazione dei funghi.

Perché si manifesta ?

Piscine e luoghi pubblici non adeguatamente disinfettati, ma non solo, anche biancheria infetta ecc…

Non usare forbici e altro materiale usato da altre persone infette per manicure o pedicure, se non ben sterilizzati.

In caso di calo delle difese immunitarie, i funghi dell’unghia possono replicarsi in modo incontrollato dando origine a vere e proprie infezioni.

Gli anziani sono più colpiti, poiché spesso con difese immunitarie deboli e ridotta microcircolazione, rispetto ai giovani.

CURE CASALINGHE MA EFFICACI

-Lavare sempre le mani dopo aver toccato l’unghia infetta

-mettere dell’acqua ossigenata sull’unghia ogni giorno e continuare saltuariamente anche dopo la guarigione

Altre soluzioni
-Applicare ogni giorno una goccia di tee tree oil controllare che sia “PURO” fare breve massaggio per aiutare assorbimento, continuare saltuariamente anche dopo la scomparsa dei problemi.

-Due cucchiaini di sale fino in acqua con bicarbonato per pediluvi quotidiani.

-Applicare aglio schiacciato, coperto con cerotto (magari solo quando state in casa) ; l’aglio è un potentissimo antibiotico.

Nei casi più gravi andare dal dermatologo e pretendere subito esami per comprendere con sicurezza il battere o fungo che causa il disturbo; solo così la cura sarà sicuramente efficace. In caso contrario si rischiano lunghe e diverse inutili cure … costose.

DETOX per 24 ore

Ricaricarvi di energia buona? Bastano 24 ore di detox.

Il digiuno totale è molto diffcile da seguire e richiede molta forza di volontà.

Fatevi un programma che preveda delle camminate durante la giornata; stare in casa aiuta la tentazione di mangiare.  Fatevi anche più di una doccia e/o bagno per aiutare a rilassarvi.

Meglio affrontare il detox con un compagno o compagna di detox.

Ogni volta che si ha lo stimolo della fame, spremute di frutta, centrifugati o semplice frutta o frullati con frutta e /o verdure – acqua e dolcificante (se non potete farne a meno).

Anche masticare, lentamente, una mela aiuta. Tanta frutta in un giorno non vi farà ingrassare, ma aiuterà a disintossicarvi e bruciare i grassi (evitate la frutta più nutriente come le banane, la frutta secca e i datteri; perché contengono troppi  zuccheri).

Appena sveglie bevete, a digiuno, una tazza di acqua calda con il succo di limone.

Suggerimenti:

Aggiungete all’acqua …

-pera e rosmarino, detox water dolce-aromatico

melagrana, fettine di arance e stecche di cannella

pera, melagrana, chiodi di garofano

mela, limone e zenzero

fettine di kiwi e limone.

BEVANDE CALDE:

-tisane varie con erbe essiccate e spezie.

tè nero o verde in foglie, dei chiodi di garofano e delle stecche di cannella spezzettate

Suggerimenti da: La Cucina Italiana

www.lacucinaitaliana.it