Archivi categoria: SALUTE

Belle e sane, sport, prevenzione, salviamo i nostri occhi…erboristeria, salute prima dei 40 anni, salute dopo i 50… allergie, anoressia, antibiotici con cautela, anziani e depressione, aspirina “tuttofare”, calvizie curabili, denti sani, diabete, dolore e cura, fibrillazione atriale, ictus, malattie tropicali, novità farmacologiche, omeopatia, ospedali pericolosi?, problemi di coppia, sordità, smog un grande pericolo, …vedi anche terme & spa alla categoria: VIAGGI

Salute – CANCRO INFANTILE SVILUPPO DI NUOVI MEDICINALI

CANCRO INFANTILE: FIAGOP, COMMISSIONE EUROPEA DISATTENDE PROMESSE SULLO SVILUPPO DI NUOVI MEDICINALI ONCOLOGICI PEDIATRICI

Il Regolamento Europeo pediatrico, nato per migliorare la salute dei bambini facilitando lo sviluppo e la disponibilità di farmaci adatti alla loro età, a dieci anni dalla sua introduzione registra degli insuccessi soprattutto nel campo della medicina oncologica infantile.

Dal 2007 a oggi, sono stati sviluppati solamente due farmaci oncologici ad uso pediatrico.

La Federazione Italiana Associazioni Genitori Oncoematologia Pediatrica Onlus (FIAGOP) si appella alla Commissione UE per chiedere modifiche specifiche al regolamento al fine di sviluppare nuovi medicinali e terapie per il cancro pediatrico e salvare la vita di molti bambini.

A 10 anni dall’entrata in vigore del Regolamento Europeo per lo Sviluppo e Sperimentazione dei Farmaci Pediatrici restano ancora in gran parte disattese le speranze delle migliaia di bambini e adolescenti che, in Italia e in Europa, affrontano l’esperienza di cancro e che aspettano di poter ricevere cure adeguate.

È l’allarme lanciato da Angelo Ricci, presidente della Federazione Italiana Associazioni Genitori Oncoematologia Pediatrica Onlus (FIAGOP), che insieme a Unite2Cure – network europeo delle associazioni di genitori in oncologia – e la Società europea per l’oncologia pediatrica (SIOPE) non nasconde la preoccupazione che, almeno per i medicinali anti-cancro, l’industria farmaceutica resti concentrata sul potenziale di mercato negli adulti, piuttosto che sulle esigenze dei tumori infantili.

Stando alla fotografia scattata dalla Commissione Europea sui progressi compiuti nei primi 10 anni di vita del Regolamento Europeo per lo Sviluppo e Sperimentazione dei Farmaci Pediatrici, in alcuni campi e per alcune malattie, la nuova regolamentazione ha dato riscontri positivi ma per l’oncologia, ad esempio, questo strumento è risultato inefficace.

La Commissione Europea non percepisce come urgente lo sviluppo di medicinali studiati espressamente per i bambini, che siano più sicuri, con meno effetti collaterali a breve e lungo termine – dichiara Angelo Ricci, presidente di FIAGOP, federazione che raggruppa alcune delle maggiori associazioni di genitori impegnate in tutta Italia a sostegno del bambino e dell’adolescente malato di tumore e della sua famiglia – Bambini e tumori, sono due parole che non dovrebbero incontrarsi mai eppure, ogni anno in Europa, il cancro è la causa principale di morte tra bambini e adolescenti, si contano circa 6.000 decessi in tutto il continente europeo.

Ad oggi, a 10 anni dall’introduzione del Regolamento, sono stati validati solamente due farmaci oncologici per i piccoli pazienti, tutti gli altri rientrano sotto la categoria off –label, cioè studiati per essere usati con gli adulti e, invece, riconvertiti per la popolazione pediatrica, con tutto quello che ne deriva in termini di efficacia e tossicità. Non solo, così facendo le forme tumorali più severe non vedranno migliorare le percentuali di guarigione Non possiamo più continuare a percorrere la strada dei farmaci off label, invochiamo un’azione urgente per accelerare la ricerca e l’innovazione in campo farmaceutico e offrire così cure migliori ai bambini che vivono l’esperienza di tumore”.

Il Regolamento Europeo dei Farmaci Pediatrici, introdotto nel 2007 dalla Commissione Europea con l’intento di incentivare e finanziare l’industria farmaceutica a sperimentare farmaci a uso esclusivo della popolazione pediatrica, prevede un Piano di Indagine Pediatrica che certifichi le potenzialità e l’efficacia del farmaco sui bambini. Questo iter decade qualora venga sviluppato un farmaco per una forma tumorale riconosciuta, al momento, solo nell’adulto, nonostante sia scientificamente provato che a fare la differenza per la guarigione non è solo la malattia in sé, ma l’azione del farmaco stesso.

La norma, inoltre, permette alle compagnie farmaceutiche possibilità di deroga dall’obbligo dello studio di medicinali in ambito pediatrico.

Di qui la richiesta alla Commissione Europea da parte di Angelo Ricci, insieme a Unite2Cure e Siope, di rivedere il Regolamento e fare pressione sulle compagnie farmaceutiche per avviare un piano di sperimentazione per farmaci, più efficaci e sicuri, a uso esclusivo di bambini e adolescenti con cancro infantile.

Per gli specialisti europei in oncologia pediatrica e le associazioni dei genitori dei bambini con tumore, tra gli aspetti correlati ai forti ritardi nel campo della sperimentazione di farmaci oncologici pediatrici rientrano: ampio ricorso a rinvii nell’applicazione del Regolamento, con conseguenti ritardi nello sviluppo di farmaci pediatrici, spesso fino a quando non sia garantita la loro introduzione sul mercato sulla base di una prescrittibilità nei tumori degli adulti; la mancanza di un adeguato disciplinamento del sistema di deroghe al Regolamento, cosa che offre alle aziende una facile opportunità per evitare l’obbligo dello sviluppo pediatrico dei farmaci, anche quando il meccanismo di azione di questi ultimi potrebbe essere efficace nel trattamento di alcuni tumori pediatrici.

GLI STATI UNITI APPROVANO IL RACE FOR CHILDREN ACT

Mentre in Europa, ogni possibile proposta di revisione del Regolamento Europeo per lo Sviluppo e Sperimentazione dei Farmaci Pediatrici è rimandata al 2019, negli Stati Uniti la Food and Drug Administration (FDA) ha portato la legge al passo con la scienza approvando, l’agosto scorso, il RACE for Children Act, il quale stabilisce che vengano studiati nuovi medicinali per tutte le forme tumorali infantili per i quali il bersaglio molecolare del farmaco oncologico è rilevante.

Ufficio stampa FIAGOP c/o INC – Istituto Nazionale per la Comunicazione: Federica Aruanno, cell.348.4151778 f.aruanno@inc-comunicazione.it

FIAGOP Onlus, Federazione Italiana Associazioni Genitori Oncoematologia Pediatrica (www.fiagop.it), nasce nel 1995 con l’obiettivo di creare sinergie tra le Associazioni confederate e assicurare una rappresentanza istituzionale a livello nazionale e internazionale, presso enti pubblici e privati, per garantire ai bambini malati di tumore o leucemia il diritto alla salute, promuovere, anche attraverso i media, campagne di informazione, manifestazioni, seminari e convegni per sensibilizzare l’opinione pubblica in merito alle problematiche psicologiche e sociali dei bambini e ragazzi colpiti da tumore, dei guariti, e delle famiglie impegnate ad affrontare questo difficile percorso; sviluppare e facilitare i contatti con analoghe organizzazioni italiane ed estere; sostenere la ricerca nel campo dell’oncoematologia pediatrica. FIAGOP, è socio fondatore di CCI (Childhood Cancer International) e aderisce alla Giornata Mondiale contro il Cancro Infantile che ricorre il 15 febbraio di ogni anno organizzando in Italia una manifestazione a forte impatto mediatico volta a sensibilizzare l’opinione pubblica sulle problematiche legate al bambino e all’adolescente colpito da tumore. Le Associazioni federate, fondate e gestite da genitori di bambini colpiti da tumori o leucemie, sono nate in modo capillare sul territorio nazionale con lo scopo di abbattere la solitudine della malattia e offrire sostegno e aiuto concreto ai bambini, agli adolescenti e alle loro famiglie. Operano presso gran parte dei centri di Oncoematologia Pediatrica aderenti ad AIEOP (Associazione Italiana Ematologia ed Oncologia Pediatrica) e si occupano di: attività di supporto di più ampio raggio come reparti a misura di bambino, sale giochi, scuola in ospedale; sono attive tradizionalmente con azioni quali sostegno ai reparti, copertura di borse di studio, accoglienza e ospitalità per le famiglie obbligate a lasciare il proprio ambiente per periodi spesso anche lunghi, ricerca scientifica volta ad individuare nuove e più efficaci terapie. Grazie al contributo di FIAGOP, è nato il Progetto SIAMO, Società scientifiche italiane Insieme per gli Adolescenti con Malattie Onco-ematologiche (www.progettosiamo.it), che si propone di far uscire gli adolescenti e i giovani adulti con malattie oncologiche dalla terra di nessuno dove attualmente si trovano – non più bambini, non ancora adulti – per portarli ad essere oggetti della doverosa attenzione che si deve a quel periodo della vita, alle sue specificità, alle sue particolari esigenze.

 

Salute – Bacche miracolose ?! – Goji poi Araçá Piranga cereja-do-rio-grande grumixama e …

CERTAMENTE SERVONO A FAR STAR BENE LE FINAZE DI CHI LE VENDE

E’ di  moda credere le bacche e spezie o radici  esotiche possano risolvere i nostri problemi di salute.

Le mode passano, i prezzi esageratamente alti rimangono; insieme ai conservanti o agli zuccheri (vedi i mirtilli rossi nelle confezioni in vendita in Italia) che ingoiamo credendo di manguare qualcosa di assolutamente sano …

Anche il buon senso ci suggerisce che è meglio una dieta sana e con cibi locali.

Mangiare lamponi per colazione è certamente sanissimo e molto chilometro quasi zero, ma attenzione fatelo solo se potete permettervelo; il loro prezzo è molto alto ripsetto a cosa offrono.

Fanno bene anche le mele, le arance ecc …  nostrane e costano meno.

Comunque, se volete, potete avere molte informazioni sulle bacche di goji al seguente link; poi valutate voi:

SALUTE le bacche di Goji in Tibet e in tutto l’Oriente sono usate come potente anti-invecchiamento.

Salute – 25 novembre 2017 Giornata Mondiale del Parkinson – Seminario PARKINSON

Il 25 novembre è la Giornata Mondiale del Parkinson, malattia neurodegenerativa ad evoluzione lenta ma progressiva

Il 25 novembre è la Giornata Mondiale del Parkinson, malattia neurodegenerativa ad evoluzione lenta ma progressiva, che coinvolge, principalmente, alcune funzioni quali il controllo dei movimenti e dell’equilibrio.

Alcuni dati

– La malattia fa parte di un gruppo di patologie definite “Disordini del Movimento” e tra queste è la più frequente.

E’ anche nota come “la malattia dei grandi uomini”: Francisco Franco, Franklin Delano Roosevelt, Hitler, Arafat, Mao, Bresniev, Michael J. Fox, Giovanni Paolo II, Cassius Clay e molti altri famosi personaggi ne hanno sofferto o ne soffrono.

E’ presente in tutto il mondo ed in tutti i gruppi etnici.

Si riscontra in entrambi i sessi, con una lieve prevalenza, forse, in quello maschile.

L’età media di esordio è intorno ai 58-60 anni, ma circa il 5 % dei pazienti può presentare un esordio giovanile tra i 21 ed i 40 anni.

Prima dei 20 anni è estremamente rara.

Sopra i 60 anni colpisce 1-2% della popolazione, mentre la percentuale sale al 3-5% quando l’età è superiore agli 85.

Circa il 20% dei pazienti presenta una storia familiare positiva per la malattia.

Si stima che i familiari di persone affette da malattia di Parkinson presentino, rispetto alla popolazione generale, un rischio di sviluppare la patologia lievemente superiore.

Possono essere scatenanti anche fattori tossici: il rischio di malattia aumenta con l’esposizione a tossine quali alcuni pesticidi (per esempio il Paraquat) o idrocarburi-solventi (per esempio la trielina) e in alcune professioni che espongono i lavoratori a metalli pesanti (ferro, zinco, rame).

14 NOVEMBRE 2017

Ore 14.30-17.00

PARKINSON 200 ANNI : IERI , OGGI E DOMANI
presso Biblioteca Scientifica
Via Celoria 11 – Milano

Fondazione I.R.C.C.S. Istituto Neurologico Carlo Besta

A 200 anni dalla pubblicazione del medico inglese James Parkinson che descriveva la patologia in modo dettagliato nel suo saggio “An Essay on the Shaking Palsy” nel 1817, la Fondazione I.R.C.C.S. Istituto Neurologico Carlo Besta organizza un incontro tra gli esperti aperto ai cittadini.

La malattia, in realtà solo grazie ai neurologi francesi, è nota universalmente con il suo nome.

Aprirà i lavori il Direttore Scientifico del Besta, dott. Fabrizio Tagliavini.

“Il Seminario che rientra nelle iniziative promosse dalla Federation of European Neuroscience Societies (FENS) – European Seminars of History of Neuroscience,” dice la dott.ssa Saba Motta, organizzatrice dell’iniziativa e resp. della Biblioteca Scientifica dell’ Istituto Besta, è volto alla valorizzazione del patrimonio documentario della Biblioteca e svolge una funzione educativa e di trasferimento della conoscenza soprattutto per le nuove generazioni.

Durante l’incontro è prevista anche la proiezione di filmati storici sui disordini del movimento, raccolti e commentati dal dott. Lorenzo Lorusso della A.S.S.T. Franciacorta e dell’ History Committee FENS”.

Il dott. Roberto Eleopra, Direttore della U.O.C. Neurologia 1 (Malattia di Parkinson e Disturbi del Movimento) parlerà delle terapie personalizzate e dei progressi nella ricerca per la cura di tale patologia. “Le cause”, dice il dott. Roberto Eleopra,” non sono ancora note. Sembra che vi siano molteplici elementi che concorrano al suo sviluppo.

Oggigiorno la ricerca ha fatto comunque passi avanti proponendo terapie personalizzate in funzione del profilo clinico del paziente.

Presso il nostro Ente, la nostra Unità Operativa copre tutti gli aspetti diagnostici e terapeutici dei disturbi del movimento sia per la degenza che per l’area ambulatoriale.

Presso l’unità è presente il Centro Parkinson, ove sono attivi i laboratori diagnostici del sistema nervoso autonomo, di analisi del movimento, di selezione e follow-up dei pazienti sottoposti a neurostimolazione cerebrale profonda e dei sistemi infusionali per la somministrazione di farmaci, in accordo con avanzati protocolli internazionali.

Altre attività diagnostiche sono svolte in collaborazione con altre unità operative, in particolare per la diagnosi genetica di sindromi parkinsoniane e altri disordini del movimento”.

Salute – Antibiotico – Giornata mondiale ingresso gratuito a Milano

 ITALIA tra i Paesi con il più alto numero di persone resistenti agli effetti terapeutici degli antibiotici !

All’Università Statale, parlano i maggiori esperti in campo medico, farmaceutico e veterinario

18 novembre 2017

GIORNATA MONDIALE DELL’ ANTIBIOTICO

UNIVERSITÀ STATALE DI MILANO:

UN INCONTRO APERTO AL PUBBLICO

PER CAPIRE QUANTO SIA VITALE USARE BENE GLI ANTIBIOTICI

– L’Italia, purtroppo, figura tra i Paesi con il più alto numero di persone resistenti agli effetti terapeutici.

Le cause sono molteplici e tra le più frequenti figurano prescrizioni scorrette da parte di medici e dentisti, assunzione scorretta, animali trattati con antibiotici.

La prevenzione su vasta scala è importantissima e, proprio per questo, il 18 novembre, in occasione della “Giornata mondiale dell’antibiotico”, l’Università degli Studi di Milano ha organizzato nell’aula magna in via Festa del Perdono, 7, un incontro aperto a tutti con i maggiori esperti in campo medico, farmaceutico e veterinario.

L’inizio dell’evento è in calendario per le ore 9 e tra i relatori presenti figurano i seguenti docenti dell’Università di Milano:

Roberto Mattina, professore ordinario microbiologia, Paola Minghetti, professore ordinario di tecnologia e legislazione e Luigi Bonizzi, professore ordinario di malattie infettive degli animali.

A coordinare la mattinata, aperta al pubblico, tra gli altri moderatori, Federico Mereta giornalista che da sempre si occupa di divulgazione medico-scientifica.

Proprio per il suo carattere divulgativo, l’appuntamento insisterà sulle buone pratiche, illustrerà il problema senza tecnicismi da addetti ai lavori e sarà un momento di confronto che vedrà i relatori interagire direttamente con il pubblico presente.

Non solo: in occasione della giornata del 18 novembre verrà lanciato un hastag chiamato #KeepAntibioticsWorking, per coinvolgere e invitare tutti – stakeholders, professionisti e comuni cittadini – a condividere un messaggio sui social media per spiegare che cosa stiano facendo per assicurare che gli antibiotici rimangano efficaci.

Salute – Integratori alimentari fanno male alla salute ?

Gli integratori alimentari fanno male alla salute?

Ormoni, conservanti e antibiotici sono spesso gli ingredienti principali

NON DIMENTICHIAMO CHE NULLA PUO’ SOSTITUIRE UNA DIETA SANA E VARIA !!!

 Fanatici della palestra, fitness lover o semplicemente persone che cercano il proprio equilibrio nello yoga.

Qualunque sia il profilo che meglio ci descrive, sicuramente, un fattore ci accomuna tutti, la ricerca di risultati rapidi ed efficaci, o semplicemente un piccolo aiutino per raggiugerli.

E così, barrette o bevande esclusivamente proteiche sono diventate quasi una routine, prima dell’allenamento, dopo, o magari al mattino al posto della colazione.

Ma sono davvero quello di cui il nostro corpo ha bisogno?

Capire cosa ingeriamo.

A parte il fatto che condannare i carboidrati e i grassi, che fanno parte del nostro fabbisogno alimentare, per una dietra altamente proteica non fa che sovraccaricare il nostro fegato, la maggior parte di questi prodotti contengono additivi chimici e conservati.

E questo lo si sente anche nel gusto, o forse no, visto che oramai ci siamo abituati.

NON DIMENTICHIAMO CHE NULLA PUO’ SOSTITUIRE UNA DIETA SANA E VARIA !!!

E se anche il settore degli integratori alimentari potesse essere rivoluzionato?

Ci ha pensato FoodSpring, inventando il concetto “finest fitness food”.

Foodspring è un vero e proprio stile di vita:

niente ormoni né agenti chimici ma solo prodotti autenticamente naturali per gli sportivi e per tutti coloro che desiderano vivere una vita sana. Le proteine, ad esempio, derivano tutte dal siero di latte di mucche allevate esclusivamente al pascolo che seguono, dunque, un’alimentazione 100% naturale. Per sviluppare le barrette proteiche, l’Azienda si è affidata al consulto di uno Chef stellato. E risposta a qualsiasi esigenza con alimenti gluten free, senza lattosio, senza soia, vegani e molto altro ancora.

Consulenza grauita da parte di esperti certificate. Chi necessita poi di un aiuto per orientarsi nella vasta offerta di noci, bacche ed oli, inoltre, può ricevere supporto dal “Body-Check” online: uno strumento che fornisce il fabbisogno calorico, l’indice di massa calorica e suggerimenti personalizzati sull’allenamento e sull’ alimentazione.

La sfida per migliorare l’alimentazione degli Italiani. Con un dipartimento di Ricerca e Sviluppo che studia costantemente le ricette e 95 persone nel suo organico, FoodSpring ha tutti i numeri per reinventare i concetti base del settore migliorando l’alimentazione.

Contatti

https://www.foodspring.it

Salute – Lesioni coronariche – Prevenire trombosi da stent – BIOTRONIK

Evitato l’infarto …

si deve inserire uno stent per evitare la ricaduta; ma la qualità dello stent fa la differenza.

Uno stent è un piccolo tubicino a maglie usato per trattare il restringimento delle arterie.

Viene posizionato all’interno di un arteria durante un intervento coronarico percutaneo

Oggi si sono fatti enormi progressi, rispetto ai vecchi stent in plastica; che si rompevano e favorivano la formazione di nuovi coaguili …

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Ricerca e sviluppo BIOTRONIK:

Dopo l’inserimento del “palloncino”, per allargare il vaso sanguigno causa dell’infarto, entro 3 MESI si deve inserire uno ” stent “; ovvero un’impalcatura che non permetta al vaso di richiudersi.

Uno degli stent più efficaci e funzionali presenti sul mercato, ha le seguenti caratteristiche fondamentali:

-deve essere elastico per adattarsi alla forma del vaso sanguigno

-non deve rompersi

  • deve essere riassorbibile nel tempo consigliato (solo con l’uso del magnersio)
  • deve rilasciare un medicinale consigliato per il caso
  • deve evitare ogni ricreazione di coagulo.

    VI, Koronare Therapie, Resorbierbarer Magnesium Scaffold, Illustration

Magmaris è il primo scaffold riassorbibile in magnesio

Il primo scaffold (letteralmente impalcatura) riassorbibile in magnesio approvato per il trattamento delle lesioni coronariche 

La qualita’ in medicina può fare la differenza tra la vita e la morte.

Magmaris è il primo scaffold riassorbibile in magnesio approvato per il trattamento delle lesioni coronariche de novo per via angioplastica coronarica percutanea.

Può aiutare a prevenire la trombosi da stent, una complicazione potenzialmente pericolosa.

A 12 mesi dopo l’impianto, il riassorbimento di magnesio è quasi completo.

Le precisazioni scientifiche di questo articolo, sono state illustrate alla stampa da:

  • Dr.  Giuseppe Musumeci, Presidente Società Italiana di Cardiologia Interventistica,  GISE.  P rimario  di  Cardiologia presso “S. Croce” Cuneo
  • Dr. Giuseppe  Tarantini , Presidente  eletto  Società Italiana  di Cardiologia Interventistica, GISE. Responsabile dell’Unità Operativa Semplice Dipartimentale di “Emodinamica e Cardiologia Interventistica” Dipartimento Strutturale Aziendale Cardio-Toraco-Vascolare, Azienda Ospedaliera di Padova.

::::::::::

BIOTRONIK

BIOTRONIK ricerca, sviluppa e produce esclusivamente in paesi ad alta tecnologia come Germania, Singapore, Svizzera e Stati Uniti. Tutti i componenti critici sono prodotti internamente per garantire la massima qualità ed affidabilità.

Gli scaffold riassorbibili sostengono il vaso per un periodo di tempo determinato e vengono poi riassorbiti dal corpo.

Il vaso viene lasciato libero e potenzialmente supera alcune delle problematiche connesse con gli stent a rilascio di farmaco (DES)3. Il ripristino della motilità fisiologica del vaso (capacità dei vasi sanguigni di cambiare di diametro), la copertura funzionale endoteliale e l’assenza di materiale estraneo residuo nel vaso può potenzialmente ridurre il rischio di trombosi dello stent.

Magmaris è il primo scaffold riassorbibile in magnesio approvato per il trattamento delle lesioni coronariche de novo per via angioplastica coronarica percutanea.

Benefici di Magmaris
Magmaris mostra dati di sicurezza che meritano attenzione.

A 12 mesi dopo l’impianto, il riassorbimento di magnesio è quasi completo.

Un tempo di riassorbimento breve è preferibile, in quanto può essere ripristinata più precocemente la vasomotilità dei vasi.

Ciò può aiutare a prevenire la trombosi da stent, una complicazione potenzialmente pericolosa.

La struttura in magnesio di Magmaris può essere trattata con lucidatura elettrolitica, per ottenere una superficie dello scaffold liscia e con bordi arrotondati, consentendo una migliore posizionabilità nel sito della lesione. In confronto agli scaffold a base di polimeri6, Magmaris richiede il 40% di forza in meno per entrare e attraversare una lesione7.

È anche più facile la guida attraverso l’anatomia vascolare, poiché viene trasmessa il 34% di forza in più alla punta del sistema di posizionamento7.

Una volta impiantato, la struttura del magnesio dà allo scaffold la capacità di sostenere la forza esterna all’interno del vaso; ciò significa che il vaso rimane aperto, impedendo potenziali complicanze.

Il diametro di Magmaris si mantiene costante a partire da un’ora dopo l’impianto, mentre il diametro di uno scaffold a base di polimeri diminuisce di oltre il 20%.

Risultati di efficacia e sicurezza
BIOSOLVE-II, uno studio prospettico e multicentrico, ha valutato la sicurezza e la prestazione clinica in 123 pazienti. I dati disponibili fino a 24 mesi dimostrano un eccellente tasso di ‘target lesion failure’ (TLF) del 5,9 per cento8. Questi dati, insieme ai dati relativi alla trombosi da scaffold definita o probabile (0 per cento) a 24 mesi8, confermano che lo scaffold riassorbibile in magnesio (RMS) è un’opzione sicura ed efficace per i pazienti con lesioni coronariche de novo.

:::::::::::::::

BIOTRONIK ha sede a Berlino

Un dipendente su cinque nella sede di Berlino è impiegato nella ricerca e sviluppo.

Leader nella tecnologia medica cardio ed endovascolare, BIOTRONIK ha sede a Berlino, in Germania. Fondata dal Prof. Max Schaldach e da Otto Franke, che nel 1963 svilupparono il primo pacemaker impiantabile in Germania, BIOTRONIK crea prodotti che salvano e migliorano la vita dei pazienti.

Impatto globale Sono stati impiantati in ambito medico più di 19 milioni di dispositivi BIOTRONIK in oltre 100 paesi in tutto il mondo.

Aree terapeutiche BIOTRONIK è attiva nella gestione del ritmo cardiaco (CRM), in elettrofisiologia (EP) e nell’interventistica vascolare (VI).

Leadership e crescita La società, di proprietà privata, ha sperimentato una crescita a due cifre in ciascuno degli ultimi dieci anni. Il suo consiglio direttivo è composto dal Dott. Lothar Krings, da Joachim Langer, dal Dott. Ralf Lieb e da Thomas Simmerer.

Cosi come gli stent, gli scaffold resorbabili sostengono la parete interna dell’arteria per ripristinare il flusso sanguigno attraverso arterie ristrette o bloccate.

Gli stent rimangono permanentemente all’interno del corpo. Questa tecnica di terapia di ripristino vascolare è stata associata a complicazioni che potrebbero richiedere un ulteriore intervento.

Riferimenti
1 The National Heart, Lung and Blood Institute: www.nhlbi.nih.gov/health/health-topics/topics/stents
2 Iqbal J et al. Eur Heart J. 2014, 35(12).
3 Ielasi A and Tespili M. EMJ Int Cardiol. 2014(1).
4 CE approved. Indication as per IFU.
5 Haude M et al. Lancet. 2016, 387(10013).
6 Absorb, a registered trademark of Abbott Cardiovascular Systems.
7 BIOTRONIK data on file.
8 Haude M et al. EuroIntervention 2017, 13(4).

:::::::::::::::::::

Orsiro stent ibrido a rilascio di farmaco (DES)

Uno stent è un piccolo tubicino a maglie usato per trattare il restringimento delle arterie.

Viene posizionato all’interno di un arteria durante un intervento coronarico percutaneo, una procedura che ripristina il flusso sanguigno nelle arterie con restringimenti o bloccate.

Dopo l’impianto, gli stent continuano a sostenere la parete interna dell’arteria nei mesi e negli anni successivi alla procedura di impianto.

Gli stent a rilascio di farmaco come Orsiro2 sono ricoperti da un farmaco antiproliferativo che viene rilasciato lentamente e continuamente nell’arteria. Orsiro è stato progettato per trattare stenosi coronariche ‘de novo’, ovvero nuove lesioni che bloccano le arterie coronarie, cosi come lesioni stenotiche all’interno di uno stent. E’ in grado di riaprire l’arteria e rilasciare una dose controllata di farmaco Limus che aiuta a prevenire un nuovo restringimento dell’arteria (restenosi).

Orsiro sicurezza ed efficacia
Lo stent a rilascio di farmaco Orsiro, con struttura ultra sottile di 60 micron, è stato lanciato nel 2011, e presenta i più recenti sviluppi della tecnologia degli stent BIOTRONIK, una soluzione unica che unisce componenti passivi e attivi. Il rivestimento passivo ProBIO incapsula lo stent e minimizza l’interazione tra il metallo dello stent e il tessuto circostante. Il rivestimento attivo BIOlute rilascia il farmaco Limus mediante una matrice riassorbibile. Questi rivestimenti sono stratificati sulla struttura dello stent PRO-Kinetic Energy, dotato di design flessibile e robusto con struttura ultra sottile, con un’elevata facilità di posizionamento.

La sicurezza, l’efficacia e le prestazioni di Orsiro sono state investigate in un esteso programma clinico con più di 32.500 pazienti arruolati2. I dati recentemente presentati dello studio BIOFLOW-V3, hanno mostrato tassi di TLF a 12 mesi significativamente più bassi rispetto a Xience4. Questa evidenza mostra il motivo per cui Orsiro emerge com il nuovo riferimento nel mercato dei DES.

Riferimenti
1 The National Heart, Lung and Blood Institute: www.nhlbi.nih.gov/health/health-topics/topics/stents
2 For more information on studies concerning Orsiro, visit www.orsiro.com/en
3 Kandzari D et al. Lancet. 2017, 390(10097).
4 Xience is a registered trademark of Abbott Cardiovascular Systems.

Prima giornata mondiale del cordone ombelicale 15 novembre 2017

Il sangue cordonale e le sue cellule  contribuiscono a cambiare progressivamente il mondo della medicina
World Cord Blood Day
 
Il World Cord Blood Day del prossimo 15 novembre ha due importanti obiettivi: il primo di carattere scientifico perchè vede la mobilitazione a livello mondiale delle più importanti società ed enti pubblici e privati operanti nel settore che si confronteranno in eventi e convegni per presentare le più recenti evidenze scientifiche e i traguardi raggiunti nel settore; sono oltre 35 le iniziative accademiche sul tema previste in tutto il mondo e dettagli sul sito web per promuovere la giornata (www.worldcordbloodday.org).
Il secondo obiettivo ha invece una valenza divulgativa e un chiaro intento culturale poichè il World Cord Blood Day vuole essere un’occasione per informare e sensibilizzare le persone su questo delicato tema, ancora spesso considerato un tabù, nonchè rendere noto quanto il sangue cordonale e le cellule in esso contenute stiano contribuendo a cambiare progressivamente il mondo della medicina.  

Chirurgia mininvasiva del fegato e del pancreas – Piattaforma digitale

SHARING IS CARING, ANCHE (E SOPRATUTTUTO) IN MEDICINA.
LIVEAS: LA PRIMA PIATTAFORMA DIGITALE DEDICATA
ALLA CHIRURGIA MININVASIVA DI FEGATO E PANCREAS.

Nasce da un progetto del dr. Edoardo Matteo Rosso (Direttore di Chirurgia Generale di Fondazione Poliambulanza ( Fondazione Poliambulanza Istituto Ospedaliero | Brescia, via Bissolati, 57- Tel. +39 030-35151), unico centro in Italia dotato di sale operatorie con tecnologia 4k ULTRA HD) e del dr. Alessandro Ferrero (Direttore Chirurgia Generale e Oncologica del Mauriziano di Torino) LiveAs (Minimally Invasive Surgery Community for Liver&Pancreas), la prima piattaforma digitale dedicata alla chirurgia mininvasiva del fegato e del pancreas.

Un punto di riferimento virtuale, per gli addetti del settore, di rapida consultazione e facilmente accessibile all’indirizzo www.liveas.eu, per migliorare la conoscenza delle tecniche mininvasive di ultima generazione e per la formazione chirurgica online.

L’utilizzo di una procedura mininvasiva durante la chirurgia addominale è spesso la scelta migliore per il paziente, in quanto, consente una riduzione del dolore post operatorio e un recupero più breve.

Nonostante ciò, l’adozione di questo approccio si attesta intorno al 15% ed è praticato in pochissimi centri.

Questo perché, ci spiega il dr. Rosso,

«Questo tipo di intervento necessita, oltre che di tecnologie adeguate, di una formazione chirurgica continua e non semplice da perfezionare».

Nasce da questa esigenza l’idea di una piattaforma digitale per condividere il sapere. «LiveAs – continua il dr. Edoardo Matteo Rosso – è stata realizzata al fine di creare una community di chirurghi interessati all’approccio mininvasivo per il segmento epatobilio-pancreatico, che vogliono condividere la loro esperienza e promuovere la ricerca scientifica.

E’ uno strumento utile anche per la formazione di chirurghi in quanto permette di conoscere e condividere le best practice di esperti e centri di eccellenza di fama internazionale».

LiveAs, sviluppata in lingua inglese, è suddivisa in due aree: una per il fegato e una per il pancreas. Grazie alle sue funzioni è possibile condividere video ad alta definizione, scambiare opinioni e pareri in tempo reale, oltre che i report e risultati dei più importanti studi clinici e di sessioni scientifiche.
Brescia, 9 novembre 2017

 

Salute occhi – Inquinamento da PM10 – bambini – menopausa

OCCHIO SECCO E MENOPAUSA

ma non solo 

insorgenza di cataratta, del glaucoma e delle degenerazioni maculari

il Pm10 (derivante soprattutto dai diesel euro3 che circolano nelle nostre strade), che è un aerosol di piccole particelle solide, è uno degli inquinanti più pericolosi per l’uomo e più diffusi nelle città

L’IMPORTANZA DELLE PIANTE IN CASA

PERICOLO INQUINANTI PER LA NOSTRA SALUTE E QUELLA DEI BAMBINI

Il 42% dei bambini abitanti in città con alto livello di polveri sottili soffre di rossore e prurito oculare, ammiccamento, dolori agli occhi, anomalie della lacrimazione e secrezione oculari.

:::::::::::::::::

La letteratura scientifica mostra una correlazione tra ormoni sessuali e organo della vista; l’effetto degli ormoni sessuali si manifesta a molteplici livelli, che interessano in senso quantitativo e qualitativo la secrezione lacrimale, i processi accomodativi di messa a fuoco delle immagini, la pressione dell’occhio, la formazione della cataratta.

Nella società moderna le modificazioni a carico del film lacrimale e della superficie oculare sono statisticamente in forte aumento, tuttavia i sintomi nella donna possono comparire anche anni prima in seguito alle modifiche ormonali pre o menopausali.

Già dal periodo pre-menopausale e  dopo la classica  menopausa, ben  il 45% delle donne si lamenta di avere sintomi  come l'”occhio arrossato”, la difficoltà di messa a fuoco, fenomeni di transitorio offuscamento visivo, la sensazione di “occhio secco”, riduzione della tolleranza alle lenti a contatto: si tratta di sintomi talmente comuni e persistenti  da essere stati classificate con il nome di “discomfort syndrome”, che sta ad indicare l’aspetto cronico di un persistente fastidio e disagio oculare.

Il film lacrimale rappresenta una specie di barriera liquida e dinamica, che nutre e protegge la superficie dell’organo della vista dalla polvere, dal vento, dalla disidratazione, dai mille fattori esterni che possono creare problemi.

Le variazioni ormonali legate al periodo menopausale possono facilitare l’insorgenza di cataratta, del glaucoma e delle degenerazioni maculari anche in età precoce, e rendere clinicamente evidenziabili patologie su base immunologia come alcune infiammazioni della tiroide o tiroiditi autoimmuni.

OCCHIO SECCO E INQUINAMENTO
L’inquinamento atmosferico è l’alterazione delle condizioni naturali dell’aria, dovuta alle emissioni dei gas di scarico di autoveicoli, caldaie, centrali elettriche, fabbriche, impianti di incenerimento…

Contaminanti gassosi importanti sono: il monossido di carbonio, il benzopirene e il benzene, sospetti cancerogeni; l’ozono e l’anidride solforosa che hanno effetti a carico del sistema respiratorio come bronchiti, tracheiti, spasmi bronchiali; l’ossido di azoto che causa infiammazione acuta delle mucose respiratorie e dell’occhio e può contribuire all’insorgenza dell’occhio secco.

Tra gli inquinanti particolati il Pm10 (derivante soprattutto dai diesel euro3 che circolano nelle nostre strade), che è un aerosol di piccole particelle solide, è uno degli inquinanti più pericolosi per l’uomo e più diffusi nelle città; uno studio realizzato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità ha stimato che nei grandi centri italiani, quando ci sono concentrazioni superiori ai 20 nanogrammi per m3, muoiono oltre 8 mila persone ogni anno.

Il Pm10 è inoltre responsabile di problemi oculari come occhio secco e congiuntivite.

Secondo uno studio pubblicato sul British Journal, a causa dell’inquinamento, il 42% dei bambini abitanti in città con alto livello di polveri sottili soffre di rossore e prurito oculare, ammiccamento, dolori agli occhi, anomalie della lacrimazione e secrezione oculari (colpevole anche l’uso indiscriminato di piccoli schermi come il telefonino, ma anche computer ecc…).

Milano e Roma sono le città italiane più colpite dallo smog.

I telerilevamenti da satellite mostrano come l’inquinamento nella pianura padana sia il più grave di tutta Europa.

Screening eseguiti nelle città di New York e Chicago hanno riportato una proporzione 4 volte maggiore di pazienti affetti da secchezza oculare rispetto a zone con minor tasso di inquinamento dell’aria.

L’IMPORTANZA DELLE PIANTE IN CASA

Un dato interessante per contrastare l’inquinamento nelle nostre case in città viene dal dipartimento di scienze ambientali dell’Università di Parma, dove hanno testato una settantina di specie di piante da appartamento e stanno preparando un database sulle capacità anti-smog della natura.

Foglie e fusti sarebbero predisposti ad assumere sostanze nell’aria e in alcuni casi a modificarle e disintossicarle.

Spa il meglio vicino a Lugano – Splash & Spa offerte novembre 2017

Splash&Spa sala del sale
Splash&Spa piscina calda con acqua termale
Sauna dell’argilla.
terme Splash & Spa, terrazza, piscine esterne, cupole bianche illuminate.

Offerta Over 60

Dal 6 novembre torna l’offerta Over 60: entrata giornaliera Spa + Splash + Fitness a soli CHF 20.- (20 euro circa)

Il parcheggio, il pomeriggio è a pagamento.
Offerta valida dal lunedì al venerdì (weekend e festivi esclusi).

Apero Spa

Ogni domenica goditi un aperitivo all’insegna del benessere per ricaricare le batterie prima di una nuova settimana!
Prevendite online a soli CHF 40.-

L’estate è finita, è ora di cominciare a pensare al proprio benessere!
Con gli Abbonamenti All-Inclusive Fit-Center puoi avere in un unico abbonamento tutto il necessario per restare in forma, rilassarti e divertirti!

Abbonandoti entro il 31 dicembre 2017 potrai inoltre approfittare di vantaggiosissime offerte:

– abbonamento annuale a CHF 1’290.- (invece di CHF 1’390.-)
con un massaggio da 25 minuti incluso
– abbonamento 6 mesi a CHF 690.- (invece di CHF 920.-)

Per chi vive in Svizzera: gli abbonamenti Fit-Center sono riconosciuti dalle casse malati Qualitop.
Possibilità di provare gratuitamente la palestra o uno dei corsi di gruppo,
su riservazione.

Splash e SPA Tamaro

Via Campagnole

Rivera 6802

Switzerland