Archivi categoria: salute dopo i 50 anni

SALUTE E BELLEZZA – “ gambe pesanti ” – ARRIVERA’ IL CALDO … il sole …

Inestetismi e “gambe pesanti”

potrebbe essere malattia venosa

  • Ne soffre 1 donna su 2, tra i 35 e i 45 anni, ma 7 su 10 non la conoscono
  • La salute delle gambe passa da un corretto stile di vita e dalla cura del nostro organo più esteso: l’endotelio
  • Al via “Donne In Gamba”: una campagna social al femminile per imparare a prendersi cura di sé, a partire dalle gambe. Testimonial l’attrice e conduttrice TV Tamara Donà

 Senso di gonfiore e pesantezza alle gambe, dolore e indolenzimento, spesso associati alla comparsa di capillari e varici: per più di 1 donna su 2 si tratta di disturbi comuni, più o meno occasionali, influenzati dalla familiarità e legati all’invecchiamento.

Solo il 32% li inquadra come espressione di una patologia sottostante, la malattia venosa cronica, che interessa fino all’80% della popolazione, le donne tre volte in più degli uomini, e che può insorgere già a partire dai trent’anni.

Malattia complessa sì, ma dal destino non ineluttabile: la salute delle gambe, infatti, passa da un corretto stile di vita e dalla cura del nostro organo più esteso, l’endotelio, il tessuto che riveste la superficie interna degli oltre 50mila chilometri di vasi sanguigni di cui è fatto il corpo umano, e che interviene nei processi infiammatori alla base della malattia venosa cronica.

Se ne è discusso oggi a Palazzo Giureconsulti di Milano, nel corso dell’evento “Donne in Gamba. Imparare a prendersi cura di sé, a partire dalle gambe”, promosso da Mediolanum Farmaceutici.

“La malattia venosa cronica è una patologia causata da disfunzioni nei meccanismi di ritorno del sangue dalla periferia verso i polmoni.

Nelle vene degli arti inferiori, il sangue deve compiere un percorso contro la forza di gravità, possibile solo grazie a valvole che si aprono all’arrivo del sangue sospinto dai muscoli e dalla pompa plantare, e si richiudono dopo il suo passaggio per impedire che ritorni verso il basso”, spiega Angelo Santoliquido, Responsabile Unità di Angiologia, Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli di Roma.

Già verso i trent’anni, però, complici anche la gravidanza,la sedentarietà, il sovrappeso, unitamente alla predisposizione genetica, le pareti delle vene cominciano a perdere elasticità e le valvole tendono a dilatarsi, provocando quella serie di sintomi fastidiosi – gonfiore, pesantezza, dolori, crampi – che, se non si interviene tempestivamente, tendono a progredire con la formazione di vene varicose che possono degenerare in edemi, ulcere, fino ad arrivare all’evenienza estrema della trombosi.

Per questo motivo “anche in assenza di segni estetici evidenti, alla presenza di questi disturbi è sempre consigliabile il consulto di uno specialista per una corretta diagnosi della malattia”, aggiunge il prof. Santoliquido.

“Le donne non hanno consapevolezza del significato dei diversi sintomi associati alla malattia venosa: quasi 7 su 10ignorano che possono essere segnali di una patologia cronica, tant’è che solo il 30% si rivolge al medico per intraprendere un percorso di cura”, afferma Paola Parenti, Vice President DoxaPharma, commentando i risultati di un’indagine condotta su oltre 500 italiane tra i 35 e i 45 anni.

La scarsa conoscenza del problema – continua l’esperta – si scontra però con il peso dei sintomi sulla qualità di vita, anche delle giovani donne: ben 1 donna su 2,tra i 35 e i 45 anni, dichiara di aver sofferto o di soffrire di disturbi alle gambe, in particolare gonfiore (37%), presenza di vene varicose (19%), pesantezza (18%), dolore (13%). Non va poi trascurato che per 1 donna su 2 la malattia venosa ha un impatto psicologico notevole, dovuto soprattutto alla visibilità degli inestetismi (65%) e alle limitazioni nello stile di vita (43%)”.

 Se non è possibile agire su fattori di rischio quali la familiarità, il sesso, l’età, è invece possibile fare prevenzione intervenendo sulle abitudini di vita quotidiane:

controllare il peso,

fare attività fisica,

evitare di stare sedute o in piedi ferme per troppo tempo

usare scarpe e indumenti comodi che rispettino la nostra anatomia e non creino un ostacolo al ritorno venoso.

Sovrappeso e obesità possono peggiorare i disturbi della circolazione, rallentando il flusso del sangue verso il cuore.

Per questo motivo consigliamo di arricchire la dieta con frutta e verdura che, oltre a favorire il controllo del peso, forniscono vitamine e nutrienti ad azione antinfiammatoria e antiossidante che preservano l’integrità dei vasi”, spiega Ambra Morelli dell’Associazione Nazionale Dietisti (ANDID).

Anche l’idratazione – prosegue la dietista – è fondamentale per un buon funzionamento del sistema cardiovascolare. Infine, sarebbe opportuno mantenere il più possibile le gambe in movimento durante il giorno, magari preferendo le scale all’ascensore o scegliendo di andare a piedi per piccoli spostamenti”.

 

“È consigliata anche la somministrazione di terapie specifiche”, conclude il Prof. Santoliquido.

Il trattamento efficace non è quello che riduce soltanto l’intensità dei sintomi – come accade, ad esempio, con gli integratori alimentari – ma che agisce sulla causa del problema, ovvero l’infiammazione, con il duplice effetto sia di limitare la progressione della malattia, sia di migliorare i sintomi.

Esistono diversi farmaci di provata efficacia clinica, tra i quali il mesoglicano che, essendo costituito dagli stessi componenti di cui è fatto l’endotelio, lo ‘nutre’ correggendone le disfunzioni e agendo così sul tono del microcircolo venoso”.

 “È importante sensibilizzare le donne a non trascurare i primi campanelli d’allarme della malattia venosa, il primo passo verso una diagnosi corretta e un percorso di cura più tempestivo e consapevole. Il mesoglicano, molecola ‘made in Italy’, frutto della ricerca e sviluppo di Mediolanum Farmaceutici, rappresenta una valida opzione terapeutica che siamo orgogliosi di poter mettere a disposizione delle donne che soffrono di malattia venosa”, dichiara Alessandro Del Bono, Amministratore delegato di Mediolanum Farmaceutici.

 È anche a queste donne che si rivolge la campagna “Donne in Gamba”, un’iniziativa social al femminile che coinvolgerà le piattaforme Facebook e Instagram, per condividere esperienze e scambiarsi consigli per affrontare con grinta ogni situazione (#proteggiletuegambe).

Vite intense e stimolanti contraddistinguono le donne dei nostri tempi, divise tra studio, lavoro, famiglia e mille impegni.

Ma per essere veramente “in gamba” bisogna innanzitutto imparare a prendersi cura di sé, a partire dalle gambe.

Queste ultime sono state protagoniste, nel corso dell’evento, di una performance di body art dal vivo eseguita dalla pittrice Manuela Iniart che utilizza il corpo femminile come tela su cui dipingere.

 

Salute di bambini – ragazzi – adulti – Pericolo grassi TRANS

L’ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SALUTE:

ha dichiarato guerra ai GRASSI TRANS

nelle merendine, prodotti da forno, dolci , biscotti… fritti (scadenti)

RESPONSABILI DELLA MALATTIE CARDIACHE  

per il miglioramento della salute umana.

I GRASSI TRANS SONO PRESENTI IN:

-margarina

-fritti (da oli scadenti o non cambiati frequentemente)

  • poiché sono più duraturi degli altri grassi e quindi abbondano nei prodotti a lunga conservazione come;
  • MERENDINE
  • PRODOTTI DA FORNO
  • formaggi e gelati scadenti
  • pizze e pizzette varie
  • FRITTI.

L’OMS raccomada che, non più dell’1% delle calorie quotidiane, può provenire da grassi trans; se vogliamo mamtenerci in salute

 

LA DEGENERAZIONE MACULARE ? SI PUÒ PREVENIRE – ANCHE CON UN COLLIRIO

Un nuovo collirio è in grado di proteggere la retina dai raggi UV-A e dalla luce blu di tablet – computer – telefonini – TV …

Proprio l’esposizione al sole come uno dei fattori ambientali in grado di favorire l’insorgenza della degenerazione maculare

La prima opzione è quella d’indossare un paio di occhiali da sole …

Una categoria di soggetti del tutto particolare: è quella soggetti pseudofachici, cioè che hanno subito l’operazione di cataratta …  che  riporta la retina a una esposizione alla radiazione visibile più energetica che non aveva più avuto da molti decenni …

Nei soggetti operati di cataratta nei quali l’asportazione del cristallino naturale opacizzato e la conseguente sostituzione con un cristallino artificiale trasparente rende la retina particolarmente vulnerabile all’insulto dovuto alla luce ed in particolare alla Luce Blu …

Protezioni quali occhiali da sole (solo con lenti di qualità e MAI chiare), cappellini e di non esporsi alla luce solare nelle ore di maggior incidenza di questa …

DRUSENoff collirio in modo da permettere ai suoi componenti di penetrare nello stroma corneale e di rimanervi a lungo formando una vera e propria lente filtrante …

Il resto lo fa la miscela di sostanze costituita da Vit B2 (riboflavina), atta ad assorbire la luce dannosa, e da sostanze quali la Vit E TPGE e il MSM (metilsulfulfonilmetano) ad alta efficienza antiossidante

Lampadine a led, schermi di smartphone, computer, tablet, televisori fanno parte ormai della nostra vita al pari di oggetti considerati da sempre indispensabil …

Un nuovo collirio è in grado di proteggere la retina dai raggi UV-A e dalla luce blu, le componenti della radiazione solare più dannose per l’occhio, fattori di rischio riconosciuti per le maculopatie.

Il nuovo presidio è disponibile in farmacia già da alcuni mesi, su prescrizione del medico oculista.

– L’arrivo della bella stagione invoglia molti di noi a uscire dal “letargo” invernale e a passare molto più tempo all’aria aperta.

Bisogna sempre però ricordare che l’esposizione alla radiazione solare diretta e per molte ore comporta diversi rischi per la salute, non ultimo quello di danneggiare la vista.

I raggi ultravioletti (UV)-A, non visibili dall’occhio umano, e la luce blu, visibile, rappresentano due delle porzioni più energetiche della radiazione solare e possono, a lungo andare, danneggiare la retina.

Dati epidemiologici recenti indicano proprio l’esposizione al sole come uno dei fattori ambientali in grado di favorire l’insorgenza della degenerazione maculare.

Questa patologia, che colpisce la macula (la regione centrale della retina) è responsabile del 22,9% dei casi di cecità e del 54,4% dei disturbi visivi nella popolazione bianca americana.

“Questa radiazione ad altissima energia che arriva sulla superficie oculare viene in parte schermata dalle lacrime, dalla cornea e dal cristallino ma in parte riesce a raggiunge la retina: nel caso dei raggi UV questo avviene nei soggetti giovani, mentre nel caso della luce blu a qualunque età”, ha esordito il professor Pasquale Troiano- Direttore Unità Operativa Complessa di Oculistica – Ospedale Fatebenefratelli di Erba, Consigliere SOI – Presidente del Comitato Tecnico Scientifico SOI.

E la luce blu è un fattore di rischio ormai identificato per l’insorgenza della degenerazione maculare”.

La correlazione tra luce blu e danno retinico si può capire con qualche nozione di fisiologia della visione.

Quest’ultima infatti si basa su una serie di meccanismi biochimici che implicano un notevole consumo energetico.

E come per ogni processo, il consumo energetico implica la produzione di materiale di scarto, che è alla base della formazione delle drusen.

Ora, la luce blu aumenta considerevolmente questo materiale di scarto, perché induce un fenomeno biochimico noto come fotoinversione dello sbiancamento.

“Finché l’organismo è giovane, cioè fino a trent’anni, questo materiale di scarto viene eliminato in modo molto efficiente dal sistema circolatorio”, ha chiarito il professor Troiano.

“Con l’avanzare dell’età invece questa efficienza si perde, e possono iniziare a formarsi accumuli di materiale di scarto denominati drusen che rappresentano il segno clinico iniziale di quella che potrebbe divenire una vera e propria maculopatia”.

Sfortunatamente, a oggi non è disponibile di una terapia per la degenerazione maculare, ma ci si limita a controllarne gli effetti. L’unico intervento veramente efficace è la prevenzione.

La degenerazione maculare è una malattia multifattoriale, la cui eziopatogenesi è da ricondurre, oltre che alla luce blu, anche a diverse condizioni tra cui l’ipertensione arteriosa, l’ipermetropia, il diabete e l’ipercolesterolemia”, ha aggiunto Troiano.

“Se si vuole quindi ridurre al minimo il rischio occorre intervenire su tutti i fattori eliminabili”.

Per filtrare la radiazione luminosa dannosa la prima opzione è quella d’indossare un paio di occhiali da sole.

Ma ora si è resa disponibile anche una nuova opzione per schermare i raggi UV-A e la luce blu in forma di collirio.

Si tratta di un’opzione molto interessante, disponibile in farmacia già da alcuni mesi su prescrizione del medico oculista, perché non dimentichiamo che le lacrime artificiali sono già un prodotto di larghissimo impiego nei soggetti che hanno superato i quarant’anni di età: la prevalenza di una condizione come l’occhio secchio secondo le stime epidemiologiche, è notevole”, ha sottolineato il professor Troiano.

Con una singola somministrazione di questo prodotto, si fornisce alla superficie oculare un efficiente sistema di lubrificazione e, contemporaneamente un altrettanto efficiente schermo per le radiazioni luminose”.

Ma quali sono i pazienti ideali per la prescrizione di questo nuovo presidio?

“Tutti i soggetti che presentano gli altri fattori di rischio per degenerazione maculare che abbiamo già elencato; poi tutti coloro che per motivi professionali si trovano esposti per lunghe ore alla radiazione blu, presente sia nella radiazione solare sia in quella artificiale: sappiamo bene che molti lavoratori non indossano occhiali da sole perché danno fastidio”, ha aggiunto il professor Troiano.

C’è poi una categoria di soggetti del tutto particolare: è quella soggetti pseudofachici, cioè che hanno subito l’operazione di cataratta.

Con l’avanzare degli anni tutta la porzione dell’apparato visivo destinata a trasmettere la radiazione luminosa alla retina diviene meno efficiente, la cornea e soprattutto il cristallino divengono meno trasparenti soprattutto alle basse lunghezze d’onda dello spettro luminoso come la luce blu, la pupilla si riduce di diametro.

Insomma il sistema diviene naturalmente molto protettivo nei confronti della retina.

Però a un certo punto interviene l’uomo che toglie da dentro l’occhio il cristallino e lo sostituisce con una lente artificiale che riporta la trasmissione della luce alla retina all’età di ventanni.

“Dopo l’intervento di cataratta, molti pazienti riferiscono la loro sorpresa nel poter rivedere proprio le tonalità del blu”, ha concluso il professor Troiano.

“Questo recupero del visus è sicuramente un fattore positivo per il soggetto, ma riporta la retina a una esposizione alla radiazione visibile più energetica che non aveva più avuto da molti decenni: questi soggetti sono quelli che più di tutti hanno bisogno di sistemi efficienti di filtrazione delle radiazioni luminose ad alta energia, come questo nuovo collirio”.

OCCHI: DA OGGI UN’ARMA IN PIU’ PER PROTEGGERLI DAL SOLE E DA FONTI LUMINOSE DANNOSE

DRUSEN off collirio è una soluzione brevettata, utile a filtrare i raggi UV e la Luce Blu ed è un Dispositivo di Protezione Individuale (DPI)

 Lunghezze d’onda della luce visibile (Blu) ed invisibile (UV) sono considerate tra le concause dell’insorgenza della Degenerazione Maculare Legata all’Età.

Questo aspetto sta diventando di particolare importanza anche nei soggetti operati di cataratta nei quali l’asportazione del cristallino naturale opacizzato e la conseguente sostituzione con un cristallino artificiale trasparente rende la retina particolarmente vulnerabile all’insulto dovuto alla luce ed in particolare alla Luce Blu.

Queste considerazioni hanno da sempre portato gli oculisti a consigliare, nei soggetti a rischio e negli pseudofachici, protezioni quali occhiali da sole, cappellini e di non esporsi alla luce solare nelle ore di maggior incidenza di questa.

Tali consigli però, oltre ad essere spesso elusi dal paziente per la scarsa praticità degli strumenti di protezione consigliati, si rivelano sovente insufficienti. Inoltre, come conseguenza dell’evoluzione dei costumi di vita e dell’avanzare della tecnologia, le fonti di luce blu si stanno diffondendo sempre più nella vita di tutti i giorni.

Lampadine a led, schermi di smartphone, computer, tablet, televisori fanno parte ormai della nostra vita al pari di oggetti considerati da sempre indispensabili.In questa ottica un collirio che possa contrastare tale rischio è da considerarsi una soluzione pratica ed efficace.

Perché DRUSENoff collirio è un prodotto da considerare innovativo?

I colliri in generale sono caratterizzati da una presenza fugace sulla superficie oculare, tale aspetto per un prodotto che si pone come obiettivo quello di proteggere la retina filtrando le lunghezze d’onda pericolose, è sicuramente un grosso limite.

La grande innovazione in tal senso è proprio nella tecnica farmaceutica che ha permesso di formulare DRUSENoff collirio in modo da permettere ai suoi componenti di penetrare nello stroma corneale e di rimanervi a lungo formando una vera e propria lente filtrante.

Il resto lo fa la miscela di sostanze costituita da Vit B2 (riboflavina), atta ad assorbire la luce dannosa, e da sostanze quali la Vit E TPGE e il MSM (metilsulfulfonilmetano) ad alta efficienza antiossidante, formulazione che dati sperimentali hanno rivelato essere la sola a proteggere efficacemente dal danno fotossidativo (esperienze effettuate su formulazioni contenenti uno o due dei componenti sopra riportati, hanno dato esito negativo).

Un altro aspetto di pari importanza è la durata che tale protezione può avere.

Tale effetto dipende dal consumo dei principi attivi che si sono accumulati nello stroma corneale ed è inversamente proporzionale all’entità dell’insulto luminoso subito.

Prendendo ad esempio una condizione di luce naturale di entità media UVI 5 (UVI: indice ultravioletto o indice UV è una misura standard internazionale della forza delle radiazioni ultraviolette (UV) che producono le radiazioni solari in un particolare luogo e momento), a queste condizioni la durata della protezione si attesta intorno alle 4 ore.

Facendo una valutazione delle condizioni medie di vita normali, possiamo prendere come riferimento standard proprio UVI 5 (approssimazione per eccesso); a questo valore di UVI possiamo affermare, considerando la durata della protezione sopra riportata, che una efficace protezione la si ottiene con un’istillazione di 1 o 2 gocce di DRUSENoff collirio al mattino ed una ad ora di pranzo (ore 9/ore13).

Ciò non toglie che in condizioni più stressanti la posologia possa essere modulata a seconda dell’ambiente in cui ci si trova: neve, spiaggia, barca a vela, collina o altro.

PREMIO GIORNALISTICO SOI EDIZIONE 2017

E’ tutto rosa il 14° Premio Giornalistico SOI.
Assegnati i Premi a 3 giornaliste della carta stampata.

La Società Oftalmologica Italiana (SOI) ha indetto ormai da oltre 15 anni un Premio giornalistico, istituito con l’intento di stimolare l’impegno di coloro che contribuiscono alla diffusione e allo sviluppo della corretta divulgazione medica-oculistica con completezza di contenuti e ricchezza di linguaggio.

Il Premio realizzato con il patrocinio di UNAMSI – Unione Nazionale Medico Scientifica Italiana e di Fondazione Insieme per la Vista Onlus intende contribuire all’evoluzione di una società correttamente informata in campo oftalmologico- spiega Matteo Piovella e siamo lieti di potrelo organizzare ormai da 15 anni.

Nel corso della Cerimonia organizzata l’8 maggio 2018 sono stati assegnati i tre premi rispettivamente a Chiara Caretoni per il periodico OK Salute e Benessere, a Ida Macchi per Starbene ed a Mariateresa Truncellito per il settimanale OGGI.

 

Salute – INTESTINO e BUONA SALUTE -4 giugno incontro aperto a tutti

Parteipazione  libera e gratuita, – ma è necessario

iscriversi

EQUILIBRIO TRA “SISTEMA INTESTINO” E ORGANISMO UMANO

QUANTO PESA PER LA NOSTRA SALUTE ?

Nel nostro intestino risiedono 100 trilioni di batteri

Quando questo equilibrio è alterato …

Convegno dedicato al pubblico

Il 4 giugno si parlerà di microbiota e benessere presso il Polidiagnostico Synlab CAM di Monza, durante un convegno rivolto al pubblico e patrocinato dall’Ordine dei Medici di Monza e Brianza

 – “Il sistema “intestino”.

Disbiosi ed eubiosi tra microbiota e benessere”

è il titolo del convegno a partecipazione libera e gratuita che si terrà lunedì 4 giugno alle ore 19:45 presso l’Auditorium Synlab CAM di Monza.

Considerando che nel nostro intestino risiedono 100 trilioni di batteri (10 volte il numero delle cellule umane presenti nel nostro organismo) e che questi batteri appartengono a oltre 1.000 diverse specie microbiche, si comprende come questo organo possa essere considerato un vero e proprio ecosistema, in cui convivono cellule umane e batteri.

La colonizzazione del tratto intestinale da parte dei batteri inizia prima ancora della nascita e viene influenzata dalla tipologia di parto e dall’allattamento, oltre che dalle condizioni ambientali, sociali e alimentari del singolo:

tutti parametri che concorrono alla determinazione della composizione del microbiota intestinale, unico e caratteristico per ogni individuo, con un ruolo essenziale nella nostra vita e nel corso di terapie e cure.

Discipline emergenti come la Microbiomica e la Metabolomica, infatti, attraverso indagini estremamente sofisticate, provano l’importanza dell’ambiente intestinale quale regolatore di salute e malattia.

Durante il convegno del 4 giugno si approfondirà la rilevanza del corretto bilanciamento tra i batteri della flora intestinale e come esso venga modificato o migliorato dal nostro stile di vita e, soprattutto, dalle nostre scelte alimentari.

[ NOTA: Gli “a capo” , non corretti, dipendono dal tipo di file ricevuto dall’uffcio stampa non compatibile con il sistema Mac. Ci scusiamo con i lettori; abbiamo corretto solo quanto ci è stato possibile. ]

Quando questo equilibrio è alterato, può compromettere l’efficacia di alcuni farmaci, portare a un aggravamento dei disturbi

dell’umore, di patologie metaboliche ed epatiche e, addirittura, influire negativamente sullo sviluppo

del cervello fetale. Tra le cause più comuni di questa disbiosi (squilibrio) vi sono lo stile alimentare,

lo stress psico-fisico, i farmaci, l’età, l’infiammazione, oltre, naturalmente, a condizioni patologiche specifiche del tratto gastrointestinale.

In occasione dell’incontro “Il sistema “intestino”. Disbiosi ed eubiosi tra microbiota e benessere”

prenderanno parola Silvia Briganti – Specialista in Scienza della Alimentazione Synlab CAM

Monza, Roberto Colombo – Responsabile Medico Area Wellness Laboratori Synlab Italia, Cristina

Hervoso – Specialista in Gastroenterologia Synlab CAM Monza, introdotti dai saluti e dal benvenuto

di Alberto Angelini – Direttore Sanitario Synlab CAM Monza e Carlo Maria Teruzzi – Presidente

OMCeO Ordine Medici Chirurghi e Odontoiatri Monza e Brianza. Il convegno verrà moderato da

Maurizio G. Biraghi – Specialista in Oncologia. Medicina Naturale, Omeopatia Synlab CAM Monza,

che condurrà il convegno fino al dibattito finale.

La partecipazione al convegno, dedicato al pubblico, è libera e gratuita, ma è necessario

iscriversi contattando la Segreteria Organizzativa: sig.ra Sara Casati tel. 039 2397.450 –

sara.casati@synlab.it. Ai signori medici interessati alle stesse tematiche sarà riservato un workshop

nell’ambito del corso ecm di martedì 9 ottobre.

Salute occhi – Tutti devono sapere che ….

OCCHI –  DOVE STA ANDANDO L’OCULISTICA ITALIANA ?

1a parte

Prima potevamo dire  a ragione di essere all’avanguardia … ora …  il paziente è obbligato a rivolgersi al privato ? !

Nel nostro Paese siamo rimasti indietro di almeno 10 anni …

Nella degenerazione maculare è fondamentale la prevenzione …

commercializzazione di un collirio in grado di schermare l’occhio dai raggi UV-A e dalla luce blu … In un paese come il nostro, in cui non c’è una cultura di protezione dell’occhio dal sole

molte persone si stupiscono che al giorno d’oggi si possa ancora perdere la vista, come se la cecità fosse una tragica eventualità del passato, ormai dimenticata …

Matteo Piovella- Presidente SOI

Pasquale Troiano-Consigliere SOI

Il 16º Congresso Internazionale SOI è l’occasione per tutti gli oftalmologi italiani per confrontarsi con i colleghi che provengono dall’estero in tema di nuovi farmaci, aggiornamenti tecnologici per la chirurgia e buone pratiche per l’organizzazione dell’assistenza.

Senza dimenticare le difficoltà e i ritardi che vive l’oculistica nel nostro Paese, soprattutto nel pubblico, e la necessità di diffondere l’abitudine alle visite periodiche per salvaguardare la vista.

A colloquio con Matteo Piovella, Presidente SOI

Milano, 8 maggio 2018-

Da una parte un mondo in perenne mutamento, che propone tecnologie e terapie mediche sempre nuove.

Dall’altra un panorama italiano sempre più in difficoltà per le annose questioni della mancanza di risorse delle strutture pubbliche.

In questo paradosso si devono muovere gli oculisti italiani che si riuniscono Milano, dal 16 al 19 maggio  (MiCom-Milano) prossimi per il 16°  Congresso Internazionale della Società Oftalmologica Italiana (SOI).

“Uno dei due congressi SOI dell’anno è un’occasione per tutti i colleghi per aprirsi al contesto internazionale:

il confronto con gli Stati Uniti, il Giappone e con gli stati più avanzati d’Europa è sempre stato un momento importante per la nostra specialità”, ha sottolineato Matteo Piovella, presidente della SOI, per illustrare i temi dell’edizione di quest’anno.

Rispetto al passato però le cose sono molto cambiate: se prima potevamo dire  a ragione di essere all’avanguardia, da alcuni anni le migliori tecnologie non sono disponibili negli ospedali pubblici e il paziente è obbligato a rivolgersi al privato”.

Stiamo parlando dell’intervento di cataratta che da alcuni anni può essere l’occasione per correggere i più importanti difetti di vista da lontano – la miopia, l’astigmatismo e l’ipermetropia – e da vicino, la presbiopia.

Questo avanzamento è dovuto alla diponibilità di lenti multifocali  di nuova generazione : sono le Trifocali e le  EDOF.

“Su 600.000 cataratte che facciamo ogni anno, quelle con cristallini di nuova generazione multifocali sono solo 6000, cioè l’1 per cento, e nessuna nel pubblico: per confronto, in altri Paesi come la Germania sono ormai al 15 per cento del totale”, ha aggiunto Piovella.

“Questo, come ho ripetuto più volte, è primariamente un problema di risorse finanziarie; per l’intervento di cataratta, il Sistema sanitario nazionale rimborsa circa 800 euro, contro i 3000 che vengono rimborsati in Germania:

si può ben capire che, finché permane questa situazione, la possibilità di operarsi con le nuove metodiche sarà sempre preclusa ai pazienti che si rivolgono agli ospedali pubblici”.

E non è solo un problema di risorse finanziarie e di tecnologie, ma anche di organizzazione sanitaria e competenze dei chirurghi.

Perché l’intervento con le lenti multifocali implica una serie di procedure di valutazione del paziente e di preparazione all’operazione, che sono molto diverse da quelle tradizionali adottate normalmente.

“In qualità di Presidente SOI da anni mi sono attivato istituzionalmente per fare adottare le nuove tecnologie negli ospedali.

Per questo SOI è nella  condizione di dover organizzare  un documento per indicare ai colleghi i corretti adempimenti  quando saranno disponibili le nuove tecnologie negli ospedali pubblici”, ha sottolineato Piovella.

“Questo perché nel nostro Paese siamo rimasti indietro di almeno 10 anni, e non esistono più adeguate esperienze cliniche dedicate ;

questa è la situazione e per questo SOI agisce  per sostenere il necessario cambiamento ”.

Anche in altri specifici campi gli avanzamenti hanno portato notevoli benefici per i pazienti.

Prima fra tutti la nuova tecnica SMILE per la chirurgia refrattiva (cioè per l’intervento di correzione dei difetti visivi).

La SMILE ha rappresentato un vero avanzamento per la chirurgia refrattiva; oggi è prevalentemente dedicata alla correzione della miopia .

Si tratta di una tecnica laser controllata da un computer che, con una precisione straordinaria, disegna all’interno della cornea un lenticolo cioè una piccola lente centrale, separata dal tessuto circostante, che viene successivamente rimossa dal chirurgo”,

ha spiegato Piovella.

In sostanza l’intervento consiste nell’estrarre una parte di tessuto corneale, senza ablare  la cornea, come quando si utilizza il laser ad eccimeri , evitando per questo la presenza di cicatrici corneali postoperatorie significative.: i risultati per il paziente sono ottimi”.

Sul fronte del trattamento del glaucoma, sta diffondendosi negli Stati Uniti l’Utilizzo degli stent.

“Si tratta di piccoli tubicini metallici  che vengono inseriti chirurgicamente a livello del trabecolo dell’occhio in modo da creare un bypass per l’umor acqueo, e abbassare così la pressione intraoculare che è all’origine del danno al nervo ottico”,

ha precisato Piovella. In sintesi mettono in comunicazione l’interno dell’occhio con la parte esterna sotto la congiuntiva dove scaricano parte dei liquidi in eccesso che causano un aumento della pressione oculare.

Nel caso della degenerazione maculare si deve procedere speditamente per allargare l’accesso alle terapie a base di iniezioni intravitreali di anti-VEGF.

“I tanto attesi risultati sui farmaci di seconda e terza generazione si fanno ancora desiderare”, ha commentato Piovella.

“Lamentiamo nel nostro paese ancora un problema organizzativo, dovuto alla ‘ghettizzazione’ di questi farmaci nella fascia H, cioè nella prescrizione e nella somministrazione ospedaliera;

questo fa sì che in un anno in Italia si fanno circa 300.000 iniezioni, cioè un terzo di quelle che si praticano in Germania, in Francia o in Inghilterra che sono le nazioni con cui ci confrontiamo: su questo fronte continueremo come SOI a fare pressioni perché i vincoli vengano tolt e la terapia liberalizzata a vantaggio di tutti quanti ne hanno diritto.

Nella degenerazione maculare è fondamentale la prevenzione.

Per questo, è sicuramente da valutare positivamente la commercializzazione di un collirio in grado di schermare l’occhio dai raggi UV-A e dalla luce blu, tra i fattori ambientali di rischio per le maculopatie.

In un paese come il nostro, in cui non c’è una cultura di protezione dell’occhio dal sole, possono essere sicuramente utili, soprattutto nelle persone che per altre condizioni sono obbligate ad applicare un collirio: senza cambiare le proprie abitudini, danno una protezione in più”, ha sottolineato Piovella.

Al di là di tutte le novità, per il Presidente SOI è doveroso ricordare come la salute della vista si preserva seguendo semplici regole di comportamento, come fare una visita oculistica periodica. Iniziando dai più piccoli.

“Stiamo lottando, anche con la Fondazione Insieme per la vista per superare un vecchio approccio di screening della vista dei bambini piccoli, e arrivare a una visita oculistica completa, che possa valutare tutti gli aspetti della salute dell’occhio”, ha concluso Piovella.

Stiamo infatti sostenendo la Fondazione con una campagna di sensibilizzazione sulle reti televisive, stampa, e web per promuovere l’informazione, “perché – spiace doverlo ricordare – ma molte persone si stupiscono che al giorno d’oggi si possa ancora perdere la vista, come se la cecità fosse una tragica eventualità del passato, ormai dimenticata: i controlli periodici da uno specialista sono l’arma più preziosa per arrivare in tempo e salvare la vista”.

IL CONVEGNO IL SI E’ TENUTO PRESSO: 

HOTEL FOUR SEASONS, MILANO
8 maggio 2018

 

 

Salute – Salviamo i nostri occhi dal sole

SALUTE E OCCHI

OCCHIO AL SOLE !!!

Ci riempiamo di creme solari, anche quando non servono (mattino sino alle ore 11 e dopo le 17)

IL SOLE PROVOCA AGLI OCCHI PIU’ DANNI CHE ALLA PELLE !!!

SE LA LENTE NON E’ DI QUALITA’ O CHIARA NON PROTEGGE GLI OCCHI DAI DANNI DEL SOLE

Solo lenti fotocromatiche dalla alte caratteristiche tecniche

informiamoci

Salute – Occhi in pericolo senza buoni occhiali

I PIU’ GRAVI  SONO I DANNI PROVOCATI AGLI OCCHI DAL SOLE DI ALTA MONTAGNA !!!

In montagna è fondamentale proteggere gli occhi da sole e vento

Oggetto: MONTAGNA: la protezione degli occhi in alta quota con gli occhiali Julbo e il ritorno di un classico

L’ESTATE CON JULBO: MODELLI PER L’ALTA MONTAGNA E CHAM, IL RITORNO DI UN CLASSICO

Proteggere gli occhi è fondamentale in alta montagna e Julbo, nel corso della sua storia, non si è mai fermata nella ricerca di soluzioni innovative e nella proposta di occhiali che sappiano rispondere alle esigenze degli alpinisti.

Per l’estate alle porte l’azienda francese propone agli amanti dell’outdoor Shield e Monterosa con lenti fotocromatiche per la massima prestazione.

E poi Cham, l’occhiale retrò con scocche in cuoio e lenti specchiate che si ispira al modello del 1950 e che può essere indossato anche in città, per uno stile unico.

Hashtag di riferimento:#TheWorldNeedsYourVision #Julboeyewear

In montagna è fondamentale proteggere gli occhi da sole e vento e Julbo, storica azienda francese di occhialeria sportiva, sviluppa occhiali per rispondere a questa esigenza.

JULBO_PE18_cham
JULBO_PE18_shield_j5063112_zebra
JULBO_PE18_cham_

Una mission iniziata nel 1888 con la realizzazione dei primi occhiali per cercatori di cristalli di Chamonix e che prosegue con la creazione del modello Vermont da ghiacciaio nel 1950.

Da quel momento, grazie all’investimento nella ricerca e nello sviluppo di modelli innovativi, Julbo ha saputo proporre occhiali capaci di adattarsi alle esigenze degli alpinisti e degli amanti dell’outdoor. Nella proposta 2018 si annoverano Shield, per lui, e Monterosa, per lei, realizzati con lenti fotocromatiche dalla alte caratteristiche tecniche e Cham, rivisitazione del modello classico da alpinismo con scocche laterali in cuoio e lenti a specchio, da portare con sé anche in città.

JULBO_PE18_SHIELD
Protegge gli occhi in montagna come uno scudo
Novità Julbo per la primavera/estate 2018: il modello Shield unisce un design moderno e attuale alla protezione e sicurezza necessarie durante le avventure in montagna. Occhiale idoneo per qualsiasi terreno, anche in presenza di neve in alta quota, Shield offre un campo visivo molto ampio e massima protezione grazie all’alta qualità delle lenti fotocromatiche e polarizzate e alle protezioni laterali.
Le protezioni laterali sono realizzate in morbido tessuto che risulta delicato sulla pelle della zona intorno agli occhi e sono amovibili, per poter indossare l’occhiale anche dopo una giornata in montagna. Shield è inoltre dotato di aste sagomate antiscivolo e grip nose che permettono all’occhiale di rimanere in posizione con qualsiasi movimento e di piccoli fori sulla montatura, esattamente sopra e sotto l’area della lente, per una perfetta ventilazione, evitando così la formazione della condensa. La forma rettangolare lo rende un modello dallo stile elegante ma anche audace.
Shield è disponibile con lenti Zebra (fotocromatiche, di categoria 2-4) e con lenti Cameleon (fotocromatiche e polarizzate, di categoria 2- 4) reattive alle variazioni di luce.
Prezzo consigliato al pubblico – lenti Cameleon: Euro 190,00
Prezzo consigliato al pubblico – lenti Zebra: Euro 150,00

JULBO_PE18_MONTEROSA
Donna in montagna, donna in città
Modello femminile ideato sia per l’alta montagna e le condizioni estreme, sia per l’utilizzo urbano, grazie alle protezioni laterali amovibili, alle lenti speciali e alla forma ergonomica.
Disponibili con lenti Cameleon, fotocromatiche, antiappannanti e polarizzate per una visibilità perfetta in montagna e con lenti Zebra¸ fotocromatiche e anti-appannamento.
Prezzo consigliato al pubblico – lenti Cameleon: Euro 180,00
Prezzo consigliato al pubblico – lenti Zebra: Euro 130,00

JULBO_PE18_CHAM
Il ritorno di un classico
Julbo si ispira al suo modello tradizionale e iconico da alpinismo per proporre un nuovo occhiale con le scocche laterali in cuoio e lenti a specchio ad alte prestazioni. Un modello che è un’alchimia perfetta tra metallo e morbida pelle, tra tradizione e modernità, per uno stile unico in montagna e in città. Cham è proposto in tre varianti colore: nero, marrone e bianco.
Prezzo consigliato al pubblico: Euro 120,00

Per maggiori informazioni: www.oberalp.com – www.julbo.com

ANTARES VISION blocca anche la falsificazione dei farmaci da parte della malavita

 … assidua falsificazione dei farmaci da parte della malavita che ne trae grandi profitti.  ... anche i farmaci ospedalieri sono nel mirino dei contraffattori … Ogni anno vengono contraffatti farmaci per 200 miliardi di dollari (dati OCSA) … il farmaco più contraffatto negli USA è l’eparina, mentre in Europa sono i farmaci della virilità (circa 90mila pezzi all’anno

ANTARES VISION

Tempo duri per i contraffattori grazie a telecamere intelligenti

A Travagliato, Brescia, c’è un’azienda di successo che ha festeggiato di recente i dieci anni di attività ed è in piena crescita.

Il suo core business sono i sistemi di ispezione visiva e soluzioni di tracciatura non solo per l’industria farmaceutica, ma anche per il settore dei parafarmaci, quello alimentare, dei tessuti della cosmetica, ed altri ancora.

Quando si acquistano i farmaci in farmacia, siamo sicuri del loro contenuto che sia proprio quello della prescrizione medica?

Antares Vision ha il primato di avere creato, messo a punto e installato il primo sistema di ispezione integrato sulle macchine di confezionamento dei farmaci realizzato con telecamere intelligenti, il primo impianto di serializzazione certificato in Europa e il primo modulo di tracciatura al mondo che integra funzioni di packaging avanzate.

Il successo di Antares Vision è dovuto alla assidua falsificazione dei farmaci da parte della malavita che ne trae grandi profitti.

A farne le spese sono i pazienti, non esenti quelli ricoverati negli ospedali perché anche i farmaci ospedalieri sono nel mirino dei contraffattori.

Ogni anno vengono contraffatti farmaci per 200 miliardi di dollari (dati Ocse).

Domenico Di Giorgo (AIFA), sottolinea che il farmaco più contraffatto negli USA è l’eparina, mentre in Europa sono i farmaci della virilità (circa 90mila pezzi all’anno).

Nel mirino della contraffazione sono i farmaci venduti online: come può una compressa di Viagra costare 1 dollaro.

E’ il basso prezzo ad attirare i compratori che vengono in tal modo truffati.

Gente senza scrupoli che contraffà anche il farmaco molto costoso per l’Epatite C, inducendo i pazienti a una pericolosa non guarigione.

COME AVVIENE IL CONTROLLO?

Lo spiega Emidio Zorzella: le farmacie hanno un lettore del codice Antares che traccia i farmaci in tutto il mondo.

Noi cerchiamo di implementare la nostra presenza in tutti gli stabilimenti di farmaci nel mondo ed in molti altri settori, per esempio il controllo del latte in polvere per i bambini.

Tutto ciò che si può produrre in serie e che viene inscatolato, può essere etichettato con un codice Antares che è garanzia di autenticità del prodotto contenuto.

In particolar, spiega Zorzella, per eliminare le contraffazioni nel settore farmaceutico, Antares Vision si prende in carico la gestione de farmaco a partire dal prodotto finito (capsula, pastiglia, fiala) al confezionamento finale nel pallet che sono spediti a ospedali e farmacie, analizzando nel dettaglio farmaci e contenitori affinché rispettino al cento per cento gli standard qualitativi richiesti dalle case farmaceutiche (come ad esempio imperfezioni, rotture, crepe, blister rotti).

Entro il 2019 entreranno in vigore in Europa e negli Stati Uniti le normative che renderanno obbligatoria la tracciabilità di tutti i farmaci, con probabili riflessi anche sulla loro contraffazione.

Massimo Bonardi, managing director and technical director di Antares Vision, dice che i sistemi di controllo attraverso le loro telecamere intelligenti assicura il packaging primario fino al controllo della confezione finale che verrà utilizzata dal consumatore. Il successo dell’azienda viene confermato dalla sua presenza in tutto il mondo con oltre 50 partnership locali.

Chi è la mente pensante di Antares Vision?

Non è un singolo individuo.

E’ un team di Ricerca e Sviluppo composto da tecnici e specialisti con esperienza nello sviluppo dei sistemi di ispezione visiva in diversi settori e servizi, con un elevato numero di applicazioni di sistemi di visione, con la garanzia di velocità e precisione dei controlli.

Sviluppo strategico di tecnologie in collaborazione con università, centri di ricerca e consorzi, un approccio innovativo che ha portato a un diffuso riconoscimento, tra cui due European Business Awards, per l’innovazione e per la crescita internazionale e il prestigioso bando Horizon 2020 per lo sviluppo di un’innovativa macchina per l’ispezione dei liofili grazie all’introduzione di analisi neurali.

L’azienda ha tre stabilimenti in Italia, la capofila a Travagliato, Brescia, ad Aprilia, Latina ed a Parma.

Prossime aperture in India a Mumbai ed in Irlanda,

Centro di ricerca a Galway. Conta 400 dipendenti di cui il 60 per cento è laureato. Nel biennio 2016-2017 sono stati assunti 150 collaboratori altamente specializzati. Insomma, un’azienda di successo che ha fatturato 58,5 milioni di euro nel 2016, frutto di oltre 1300 linee installate in 200 impianti in tutto il mondo.

I due ideatori di questa impresa di successo sono Bonardi e Zorzella, due amici, che dopo il Politecnico, diciamo, che hanno avuto una ottima ispirazione, forse non casuale: ispirati da Totò nel film “La banda degli onesti”?
Pia Bassi – testo 

Foto di copertina : Grazia Seregni

 

Atre foto:  MARIANI (UGIS)  con permesso di pubblicare.

Siete sempre stanchi ? – Sindrome da fatica cronica – Presto un esame adeguato

Potrebbe essere finalmente diagnosticata, con un esame del sangue, la sindrome da fatica cronica,

Una malattia che ha sempre avuto problemi di diagnosi.

Questa patologia impedisce, a molti, di lavorare e di affrontare una normale vita sociale.

Oggi le cure si limitano a interventi psicologici, farmaci diretti ai sintomi, che non curano la malattia, ed esercizio fisico e dieta. Tutti senza risultati soddisfacenti nel tempo.

Curati e accusati di ipocondria, pare che finalmente Robert Naviaux, medico e docente presso la University of California di San Diego, sia vicino a diagnosticare scientificamente la sindrome da fatica cronica.

Gli agenti scatenanti sarebbero:

stress fisico o psicologico che, a differenza di quanto accade nella norma, non riesce mai ad essere superato nel tempo e quindi crea una pesante debolezza cronica. Lo si è riscontrato anche tra i reduci di varie guerre.

 Oggi basterebbero 8 metaboliti per gli uomini e tredici per le donne e si può identificare la sindrome da stanchezza cronica in un semplice esame del sangue. La ricerca prosegue, ma con ottime speranze.

La cura possibile sarebbe la suramina; usata ora per combattere i parassiti nell’intestino. Pare che, questa semplice medicina, potrà aiutare i malati di fatica cronica. Speriamo e aspettiamo fiduciosi.

Intanto potete leggere qualche suggerimento su come cercare di aiutare un fisico debilitato dallo stress   al link:

https://www.donnecultura.eu/?p=6045

——————————————

Tutti gli articoli di genere scientifico, di questo giornale, e che riguardano la salute, sono scritti da giornalisti professionisti iscritti all’albo.

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni iscritta all’ORDINE  dei Giornalisti   e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici.

L’autrice, ha presentato la sua tesi presso l’ Università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”; tesi firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

Salute – Occhi e tubi tracheali con cellule staminali

Cellule staminali di occhio sano per guarire occhio ustionato e cieco
“Sesto congresso nazionale Del Gruppo Nazionale di Bioingegneria, il GNB 2018”
Giugno 2018 al Politecnico di Milano dal 25 al 27
“ …la bioingegneria, le cellule staminali, le nanotecnologie, sono necessarie per una medicina rigenerativa di frontiera … “
Lo ha spiegato Manuela Teresa Raimondi, docente del Politecnico di Milano, Dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria chimica “Giulio Natta”, esperta in nanotecnologie, mentre annunciava l’evento GNB 2018; durante il seminario “Anticipare il futuro: le tecnologie per l’energia, l’innovazione per la salute”, tenutosi a Piacenza presso la Fondazione Piacenza e Vigevano, durante la riunione annuale Ugis (Unione Giornalisti Italiani Scientifici).
Nel medesimo ambito, il Prof, Riccardo Gottardi dell’università di Pittsburgh; finanziato dalla Nasa, per un esperimento che permette la crescita di cellule staminali sulla stazione spaziale internazionale ISS, destinato allo studio del tessuto osseo e cartilagineo, ha sostenuto che:
—- questo tipo di studio, oggi, appare come la migliore via per combattere la degenerazione dei tessuti ossei e cartilaginei.
“Un problema fondamentale per la terza età le cui articolazioni – ginocchia, piedi, spalle, mani, colonna vertebrale – subiscono processi degenerativi causati dall’artrosi, fino all’assottigliamento della cartilagine che serve da ammortizzatore fra le ossa, provocando dolore ed invalidità.
Coltivare e fare ricrescere i propri tessuti connettivi per mezzo delle cellule staminali e impiantarle dove necessario, eviterebbe impianti di protesi al titanio che spesso vanno sostituite e non risolvono del tutto il problema.
La perdita di contenuto minerale del tessuto osseo, interessa sia i pazienti anziani affetti da osteoporosi, che gli astronauti”.
Al Politecnico di Milano, con le cellule staminali prelevate dal midollo osseo in collaborazione con il gruppo del Prof. Remuzzi presso l’I.R.C.S. Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri: è già realtà far crescere tali cellule su un’apposita struttura tridimensionale disegnata dal laser.
La scoperta di come far moltiplicare le cellule staminali in coltura su adeguati supporti, è importantissima nel nuovo campo di ricerca della medicina rigenerativa.
A oggi, è già stata realizzata ed impiantata una cornea a vari pazienti con occhi ustionati.
Cellule staminali dell’occhio sano sono state utilizzate per rigenerare la cornea dell’occhio danneggiato con un totale recupero della vista.
Inoltre, è già realtà anche la ricostruzione di un tubo tracheale ammalato; con l’utilizzo di proprie cellule staminali, cosa che non necessità più di farmaci antirigetto; indispensabile nel caso di trapianti da donatori.
Per saperne di più: www.gnb2018.polimi.it
www.nichoid.polimi.it

 

Salute – MENOPAUSA – Soluzione naturale efficace

Problemi della menopausa:: vampate di calore, insonnia, nervosismo ecc…

Sindrome Menopausale

MENOPAUSA E SOLUZIONI NATURALI CHE NON SERVONO A NULLA MA  NON VALE PER TUTTE

Ci permettiamo di riportare un’esperienza personale.

Abbiamo controllato con uno specialista e provato (alcune) su di noi personalmente le numerose, e a volte costose, soluzioni naturali contro i problemi della menopausa:: vampate di calore, insonnia, nervosismo ecc… che sono offerte in gran numero in farmacia.

L’esperto specialista, ci ha subito fatto notare che la concentrazione dei vari principi naturali sono quasi sempre piuttosto basse e quindi, passsato l’iniziale effetto placebo, i risultati sono insoddisfacenti.

Abbiamo parlato personalmente con il chimico che ha formulato una nuova e ci sembra validissima soluzione; durante l’incontro con le case farmaceutiche a Milano del 23 – 24 marzo 2018 Centro Congressi Hotel Marriott –  Integrazione è salute – L’evoluzione delle esigenze nutrizionali moderne” – In occasione di “Spazio Nutrizione – La filiera della sana nutrizione”

Questo nuovo prodotto, di recente formulazione è creato con dosaggi ben calibrati.

Importanti innovazioni in ambito fitoterapico consentono oggi un riequilibrio ormonale completo:

Pausanorm Forte Salugea è un integratore per la menopausa di ultima generazione, 100% naturale ed in capsule vegetali, a base di estratti vegetali di Trifoglio Rosso, Kudzu, Dioscorea, Angelica sinensis e Verbena.

Non utilizza quindi la Soja (spesso impiegata dei fitoterapici di prima generazione) poco assimilabile e spesso geneticamente modificata.

Pausanorm Forte combina invece l’efficacia di Trifoglio Rosso e Kudzu, che apportano fito-estrogeni facilmente assimilabili, alla Dioscorea, fondamentale per la sua azione fito-progestinica.

Solo così otteniamo così un vero e completo ripristino dell’equilibrio ormonale della donna matura.

Pausanorm Forte Salugea è un integratore per la menopausa che promuove anche la distensione e la stabilità emozionale, grazie agli estratti vegetali di Angelica sinensis e Verbena, molto efficaci nel placare la fame nervosa ed allentare la tensione emotiva.

Il prezzo è concorrenziale 26 euro per 62 capsule: durata 31 giorni. La cura iniziale deve durare almeno 2- 3 mesi con 2 capsule al giorno. Pausa di 5 giorni. Mantenimento con una sola capsula al giorno

Il nome: PAUSANORM FORTE – cosa farmaceutica: Salugea.