Archivi categoria: salute dopo i 50 anni

Asst di Cremona – OPEN DAY MENOPAUSA 18 ottobre 2017

LA MENOPAUSA NON E’ UNA MALATTIA

Più sotto parliamo di menopausa

OPEN DAY MENOPAUSA

Incontri informativi e visite ginecologiche su prenotazione

Il prossimo 18 ottobre, ASST di Cremona organizza un open day dedicato alla menopausa.

Il programma prevede:

– visite ginecologiche gratuite su prenotazione dalle 14.30 alle 17

– incontri informativi a libero accesso dalle 17 alle 18

Come prenotare le visite?

Dal 10 ottobre sarà possibile telefonare al numero 0372408478, dalle ore 11 alle 14

Per usufruire di questi servizi, le donne potranno scegliere tra diverse sedi:

– Ospedale di Cremona, Area Donna, 4o piano (Largo Priori 1, Cremona)

– Consultorio di Cremona (Via S. Sebastiano 14, Cremona)

– Ospedale Oglio Po, UO Ginecologia (Via Staffolo, 51 Vicomoscano, Casalmaggiore, CR)

– Consultorio di Casalmaggiore (Via A. Porzio 73, Casalmaggiore, CR)

LA MENOPAUSA NON E’ UNA MALATTIA

L’arrivo della menopausa rappresenta un momento particolarmente delicato per le profonde modificazioni fisiche e psicologiche ad essa correlate.

Le reazioni e le modalità di risposta e adattamento a questo grande “cambiamento” dipendono, al di là delle modificazioni ormonali, da una lunga serie di fattori individuali e sociali, come personalità, contesto socio-familiare e lavorativo.

Per questo lo “spirito” con cui viene affrontata la menopausa è molto diverso da una donna all’altra.

Quali i sintomi e i rimedi oggi disponibili?

In questa fase la sintomatologia è varia anche come tempistica di comparsa: si parla di sintomi precoci quali l’irregolarità del ciclo e i disturbi cosidetti “vasomotori” come le vampate e le sudorazioni notturne.

Successivamente, nella maggior parte dei casi, compaiono sintomi relativi al deficit ormonale, ad esempio dolore osseo diffuso dovuto all’osteoporosi causata dalla incapacità delle ossa di fissare calcio, cistiti recidivante, vaginiti su base atrofica, difficoltà a concentrarsi, instabilità umorale, diminuzione della libido, aumento della patologia cardiovascolare.

 

Terapia ormonale sostitutiva quando e come va assunta?

La terapia ormonale sostitutiva (TOS) per essere efficace deve rispondere ad alcuni requisiti: essere pienamente accettata dalla donna, ossia non generare false paure; iniziare il più precocemente possibile; avere una durata congrua (oggigiorno si preferisce non andare oltre i 6 anni di utilizzo). Inoltre la donna deve accettare di sottoporsi ai (normali) follow-up quali pap-test e mammografia.

Quali sono i pro e contro e le “regole di sicurezza”?

Sono escluse dall’utilizzo della terapia ormonale sostitutiva le pazienti con storia familiare serrata di neoplasia mammaria e le pazienti con gravi patologie epatiche o cardiovascolari in atto.

La terapia ormonale sostitutiva, oggi disponibile in cerotti o compresse, deve essere “bilanciata”, ossia contenere estrogeno e progestinico, proprio per non indurre patologie dell’endometrio (tumore dell’utero).

La formulazione del solo estrogeno è consentita solo alle pazienti che per cause diverse hanno già avuto un intervento di isterectomia (asportazione dell’utero).

In che misura alimentazione ed esercizio fisico possono aiutare la donna ad affrontare questo cambiamento?

Certamente la terapia ormonale non esaurisce le armi a supporto di questa fase. Forse più importante risulta essere lo “stile di vita” inteso come abitudine corretta ad alimentarsi e alla attività fisica. In climaterio non deve essere accettato come qualcosa dalle conseguenze inevitabili. Ad esempio l’aumento di peso è in realtà foriero di “guai” in quanto il grasso produce un ormone (estrone) pericoloso.

Anche per questo va curata l’alimentazione, non eccedere in apporto calorico, anzi.

————–

UOS Comunicazione½ASST di Cremona

Tel 0372 405153 ½ e-mail comunicazione@asst-cremona.it

www.asst-cremona.it

 

Weekend – Autunno tra i Colli Euganei – Low cost o lusso

Il Bacino Termale Euganeo  per il Ministero della Sanità Italiano; gode del riconoscimento del livello di qualificazione “I° Super”.

Abbiamo visitato i Colli Euganei, ed abbiamo scoperto un mondo di sorprese: culturali, bellezze naturali,  gastronomia, enologia e, soprattutto, salute; grazie alle speciali acque termali del luogo.

UN BICCHIERE DI VINO E IL TRAMONTO SUI COLLI EUGANEI

Non dimenticheremo la scenografia dei colli al tramonto, visti dall’alto, con un bicchiere di un vino unico al mondo come il Nero Musqué di Ca’ Lustra (che, da solo, merita il viaggio, ma ce ne sono tanti altri ottimi). Un vino che ha origine nell’antica Grecia; ma la storia è meglio farsela raccontare dal produttore. Il tutto accompagnato da baccalà mantecato ! www.calustra.it

::::::::::

Castello del Cataio a Battaglia Terme

UN CASTELLO DOVE SI ALLAGAVA UNA PIAZZA PER METTERE IN SCENA  BATTAGLIE NAVALI E STUPIRE GLI OSPITI

Castello del Cataio a Battaglia Terme

Si chiama il Castello del Cataio e si trova a poca distanza da Abano Terme; località  Battaglia Terme.

Un castello costruito per stupire gli ospiti e che, ancora oggi, ci stupisce con le sue meraviglie.

Castello del Cataio a Battaglia Terme
Castello del Cataio a Battaglia Terme

Nei tiepidi fine settimana autunnali, nel parco del castello,  si incontrano ancora uomini  e donne vestiti come all’epoca dello splendore del Castello; quando, anche qui, arrivava la ricchezza di Venezia Repubblica Marinara. Non sono figuranti, ma appassionati di costumi antichi, che trascorrono la giornata facendo un suntuoso pic-nic nel parco del castello.

::::::::::::::::::

SE AMATE LE CAMMINATE I COLLI EUGANEI HANNO TANTO DA OFFRIRVI

Il Parco Regionale dei Colli Euganei è ben organizzato e seguito da giovani pieni di entusiasmo.

Antichi sentieri, parco-avventura, sentiero del Giubileo, giardino botanico, anello dei Colli Euganei in bicicletta, percorso geologico … e tanto altro.

Percorsi facili e per grandi camminatori.

Tutto su: www.parcocollieuganei.com

:::::::::::::

PER LA VOSTRA SALUTE

LA RICCHEZZA MAGGIORE DELLA ZONA E’ NELLE TERME

Una ricchezza ed una risorsa termale unica al mondo

Queste terme sono conociute e apprezzate sino dalla protostoria.

” … senza danno fa recuperare il perduto vigore e si placa per il sofferente, che ritorna alla salute, la malattia ” questo diceva Claudiano delle Terme di Abano; nel IV secolo dopo Cristo.

Nel VI secolo d.C., Cassiodoro diceva che portano diletto e salute; non solo delizioso piacere, ma anche  benefica medicina.

SPA PAROLA OGGI ABUSATA;  A SPROPOSITO

NON E’ VERA SPA SE NON E’ DI ACQUE TERMALI

SPA = Salus Per Aquam; così gli antichi romani definivano le acque termali e i loro benefici.

Perché  le Terme Euganee sono diverse ?

L’acqua termale delle Terme Euganee è filtrata dalle antiche terre delle Prealpi, scende a 3.000 metri di profondità e sgorga dopo ben 80 km. di percorso sotteraneo.

L’acqua sgorga a 87°C.

Il fango ” matura ” in speciali vasche per circa 2 mesi; immerso nell’acqua termale. Durante la ” maturazione del fango ” si sviluppano speciali alghe che sono altamente anti – infiammatorie.

In altre località il fango, per varie ragioni,  viene trasportato da altre zone e poi riscaldato artificiosamente; questo non accade ad Abano dove tutto è controllato e certificato.

ECOLOGIA E RISPARMIO: 

l’acqua  termale di Abano è talmente calda che deve essere raffreddata, altrimenti ustionerebbe la pelle.

Tutto il calore in più, viene inoltre utilizzato per riscaldare gli alberghi che hanno le terme.

Quindi nella zona ci sono meno emissioni nocive da impianti di riscaldamento, per la salute anche degli ospiti che fanno le cure.

Hotel Ritz Abano Terme

Noi abbiamo goduto dei benefici delle Terme Euganee, presso l’albergo RITZ di Abano Terme. Un albergo che permette di vivere una lussuosa vacanza termale.

Il Dott. Gianfranco Calfapietra, Direttore Sanitario, ci ha dato suggerimenti preziosi e abbiamo potuto approfittare della sua grande esperienza nel settore.

Bellissima la piscina esterna circondata dal giardino con graziosi conigli selvatici,  molto grande anche quella interna.

Splendide le camere con balcone e salottino.

Prezzi speciali per soggiorni prolungati.

 

 

INQUINAMENTO E SALUTE

Tanta confusione, come è già accaduto negli Stati Uniti.

Basta guardare quanto si deposita su di una auto non lavata ! Tutto questo arriva nei nostri polmoni.

I CASI DI CANCRO AUMENTANO EPPURE DIMINUISCONO I FUNATORI .. !!! CIO’ VUOL DIRE CHE L’INQUINAMENTO E I VELENI CHE EMETTONO LE AUTO, VEDI ANCHE SCANDALO VOLKSWAGHEN … del quale nessuno più parla .., SIANO  UNA REALTA’ INNEGABILE !

I titoli dei giornali sono diversi secondo l’orientamento politico !

SI PENSA ALLA PROPRIA IDEOLOGIA POLITICA , INVECE DI AVERE COME OBBIETTIVO IL BENE DEI CITTADINI.

E’ evidente a tutti che un tasso di inquinamento alto, a causa del traffico (lo abbiamo visto e sentito, con il naso, tutti nei giorni precedenti il Natale caratterizzati da un’enorme traffico cittadino), DANNEGGIA LA NOSTRA SALUTE E ANCORA DI PIU’ QUELLA DEI BAMBINI.

LE POLVERI SOTTILI PASSANO DIRETTAMENTE NEL SANGUE, con tutti i loro veleni !

Quanto sopra è sostenuto dai più autorevoli medici specialisti.

L’EUROPA NON FAREBBE LEGGI ANTI SMOG SE NON CI FOSSERO DELLE SERIE MOTIVAZIONI.

Basta mettere un tessuto bianco fuori da una finestra vicino al traffico ed ecco che intuiamo cosa entra nei nostri polmoni.

Eppure c’e’ ancora chi fa dell’inquinamento un problema politico !

Gli alberi aiutano ad eliminare lo smog, lo sostengono tutti gli scienziati indipendenti di tutto il mondo; l’ Amazzonia è universalmente conosciuta come IL POLMONE DLE MONDO !

Certo non sono pochi alberi, un bosco in più o meno, che possano migliorare l’impressionante inquinamento delle grandi città ! Questo lo capisce anche un bambino, soprattutto in inverno quando non ci sono le foglie che trasformano l’anidride carbonica in ossigeno ed assorbono moltissimi veleni!!!

Vedi informazioni sugli effetti del traffico sulla salute, anche dei bambini, al  link :

https://www.donnecultura.eu/?p=27511

 ——

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE dei Giornalisti e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); inoltre, l’autrice, ha presentato una tesi presso L’università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”, la tesi era firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

SALUTE – Batteri intestinali resistenti – Clostridium difficile

QUALE E’ LA CAUSA DEI DISTURBI da Clostridium difficile ?

Il Clostridium difficile è un batterio che può sopravvivere nel nostro intestino, senza dare problemi; ma in alcuni casi, come dopo forti trattamenti con antibiotici, può ” risvegliarsi e moltiplicarsi “.

Il Clostridium difficile diventa un problema quando qualcosa sconvolge il normale equilibrio intestinale, in questo caso il batterio può proliferare in modo incontrollato, rilasciando tossine che attaccano la mucosa intestinale.  Questa è la causa dell’’infezione da Clostridium difficile.

CAUSE:

uso di antibiotici, specie quelli ad ampio spettro (quelli cioè che sono in grado di eliminare diversi tipi di batteri), anche protratto nel tempo,
-interventi chirurgici a carico dell’apparato digerente,
-interventi all’addome che coinvolgono l’intestino,
-ricovero in ospedale,
-permanenze in asilo, in asilo nido o in casa di riposo,
-problemi al colon, ad esempio sindrome del colon irritabile o tumore del colon-retto,
-immunodeficienza,
-precedenti infezioni da Clostridium difficile,
-età superiore ai 65 anni.

COME SI EVITA ?

Lavarsi sempre le mani quando si è stati in locali molto frequentati: ospedali, scuole, treni, alberghi ecc…

Usare disinfettanti a base di cloro per pulire le superfici o gli oggetti che possono essere entrati in contatto con un paziente infetto.

Usare il sapone e un disinfettante a base di cloro per lavare le mani entrate in contatto con le feci.

Non usate gli antibiotici se non sotto prescrizione medica. USARE GLI ANTIBIOTICI SOLO SE STRETTAMENTE NECESSARI E NON INTERROMPERE MAI LA CURA.

Se siete stati infettati lavatevi le mani con acqua e sapone prima di mangiare e dopo essere andati in bagno. Usate un disinfettante a base di cloro per pulire le superfici con cui siete entrati in contatto (ad esempio maniglie, telefoni, telecomandi, sanitari del bagno..) per evitare di diffondere l’infezione.

SINTOMI:

-diarrea acquosa e frequente (tre o più volte al giorno, per diversi giorni),
-mal di pancia o dolore addominale.

SINTOMI IN CASO DI INFEZIONE GRAVE: 

-dissenteria acquosa e frequente (anche sino a 15 scariche al giorno)
-mal di pancia o dolore addominale intenso,
-diminuzione dell’appetito,
-febbre lieve, fino a 38 °C nei bambini o da 37 °C a 39 °C negli adulti,
-sangue o pus nelle feci.

COME SAPERE SE NE SIAMO AFFETTI ?

Un esame delle feci è normalmente sufficiente capire se è in corso un’infezione da Clostridium difficile.

A volte sono necessari ulteriori esami per confermare la diagnosi.

Per alcuni casi il medico potrebbe prescrivervi una radiografia o una TAC del colon.

CURA

Antibiotico prescritto dal medico.

Alcuni probiotici (fermenti lattici), come il Saccharomyces boulardii, possono essere utili per combattere le infezioni da Clostridium. LA CURA NON PUO’ FUNZIONARE SE ASSUNTA IN CONTEMPORANEA CON L’ANTIBIOTICO.

SALUTE – Occhi e malattie da ufficio …

Esiste una forte correlazione tra i disturbi oculari e i problemi dell’aria all’interno dell’edificio … cambiare regolarmente i filtri dell’aria condizionata …

Per chi lavora ai videoterminali è opportuno favorire l’illuminazione naturale stando attenti a evitare i riflessi delle finestre sui monitor …

La luce artificiale o al neon stressa gli occhi e provoca maggiore affaticamento visivo

S.O.S. lavoro:

la disfunzione lacrimale in un “ambiente professionale malato”

 L’ambiente lavorativo può risultare dannoso per il benessere oculare.

  Descritta nel 1983 dall’OMS, la “Sindrome dell’edificio malato” o “Sick Building Syndrome” (SBS), indica un vasto numero di sintomi irritativi della pelle e delle mucose, fatica, cefalea, difetti di concentrazione e disturbi oculari in una elevata percentuale di persone che occupano un immobile.

Sebbene i sintomi siano di modesta entità, i casi di SBS che si verificano in ambienti lavorativi possono avere un costo più elevato di alcune malattie gravi e a prognosi peggiore, a causa del significativo calo della produttività.

Esiste una forte correlazione tra i disturbi oculari e i problemi dell’aria all’interno dell’edificio;  un sistema di ventilazione non adeguato e la mancata sostituzione e pulizia dei filtri dell’aria condizionatafavoriscono l’accumulo di sostanze inquinanti, sia esterne (smog, prodotti di combustione), sia interne (residui di moquette o lana, legno, carta da parati, pesticidi, fotocopiatrici, stampanti e prodotti per l’igiene, inquinanti biologici come virus o batteri, muffe), che sommati a umidità, temperatura e illuminazione inadeguati, sono responsabili dei sintomi descritti. Alcuni studi condotti su uffici e altri edifici a uso pubblico in diversi paesi hanno rivelato una frequenza di disturbi tra gli occupanti compresa tra il 15 e il 50%.

Nella SBS l’eziologia è ancora sconosciuta, probabilmente multifattoriale e variabile da caso a caso:

  • la percentuale di umidità è importante; deve essere tra il 35% e il 45% per evitare disturbi. I luoghi al chiuso, dove passiamo gran parte della nostra vita, hanno generalmente un basso tasso di umidità. L’uso diffuso di apparecchi di raffrescamento o di riscaldamento ad aria induce una riduzione dell’umidità dell’ambiente e favorisce l’aumento dell’evaporazione del film lacrimale. In questi casi, persone affette da occhio secco subiranno un peggioramento della sintomatologia, e persone “sane” potranno cominciare a sperimentare qualche disturbo oculare;
  • l’uso in maniera continuativa di videoterminali è una causa frequente di occhio secco. Questi dispositivi inducono una riduzione del numero di ammiccamenti, cioè chiusura e apertura delle palpebre (passando da ca. 20 al minuto) e 1 favoriscono l’evaporazione del film lacrimale, portando ad una disfunzione lacrimale e ad una conseguente imperfetta protezione della superficie oculare. Inoltre, quando si lavora al computer la fessura interpalpebrale è più ampia rispetto a quando, per esempio, si legge un libro: questo lascia esposta una più ampia zona di superficie oculare;
  • la luce artificiale o al neon stressa gli occhi e provoca maggiore affaticamento visivo rispetto al lavoro eseguito in ambienti illuminati naturalmente. In caso di illuminazione artificiale è consigliabile tenere l’illuminazione alla minore intensità necessaria, lo stesso vale per l’illuminazione dei monitor;
  • infine, il fumo passivo della pausa-sigaretta coi colleghi provoca una diminuzione della densità delle cellule caliciformi deputate alla formazione di mucine (componenti dello strato mucoso del film lacrimale).

Per evitare o ridurre al minimo la disfunzione lacrimale negli ambienti lavorativi, è fondamentale porre particolare attenzione alla qualità dell’aria e all’umidificazione degli ambienti: se l’ambiente è molto secco un umidificatore può essere di grande aiuto. E’ altrettanto consigliabile aerare naturalmente e quotidianamente le stanze. Per chi lavora ai videoterminali è opportuno favorire l’illuminazione naturale stando attenti a evitare i riflessi delle finestre sui monitor, rispettare le pause (15 minuti ogni due ore), ricordarsi di ammiccare e adottare i consigli ergonomici di postura.

In generale, bere liquidi in abbondanza e avere un’alimentazione ricca di grassi Omega 3 e 6 (pesce azzurro, tonno, salmone, sgombro, frutti di mare, noci o integratori alimentari con analogo contenuto), favorisce la produzione di lacrime e ne migliora la qualità.

Per un rapido comfort, può essere utile l’utilizzo regolare di un collirio idratante e lubrificante, per migliorare la sintomatologia e ripristinare l’equilibrio della superficie oculare. Esiste in commercio un collirio che combina l’azione del trealosio (un disaccaride con proprietà protettive, antiossidanti e idratanti) e quella dell’acidoialuronico (un polisaccaride con proprietà di ritenzione dell’acqua): si chiama Thealoz Duo, ed è in grado proteggere, idratare e lubrificare a lungo la superficie oculare, fornendo un prolungato sollievo a chi soffre di disturbi legati all’occhio secco.

Per aiutare tutti i pazienti che soffrono di disturbi oculari, specie nell’ambiente in cui lavorano, Thea Farma, assieme a un board di oculisti, il Gruppo P.I.C.A.S.S.O.*, ha promosso lo smart test, col quale misurare la probabilità di soffrire di disfunzione lacrimale.

* Partners Italiani per la Correzione delle Alterazioni del Sistema della Superficie Oculare:

  • prof. Pasquale Aragona – Professore Ordinario di Oftalmologia, Università di Messina, Dipartimento delle Scienze Biomediche
  • dott.ssa Emilia Cantera – Ospedale Israelitico, Roma
  • prof.ssa Rita Mencucci – Clinica Oculistica di Firenze
  • prof. Maurizio Rolando – Centro Superficie Oculare, IsPre Oftalmica, Genova
  • dott.ssa Pierangela Rubino – Azienda Ospedaliera Universitaria di Parma

 

TERME & BENESSERE a Milano – 20-22 settembre 2017

“BENESSERE”: UNA “BABELE” CHE VUOLE CHIAREZZA!

Se ne parla ad HUB TURISMO – TERME & BENESSERE
20-22 settembre 2017 Centro Congressi -Palazzo delle Stelline

In un contesto di domanda sempre più diffuso ed articolato, l’offerta di servizi “benessere” rischia di diventare solo un pretesto per attirare una nuova clientela e senza le conoscenze le professionalità idonee inevitabilmente tradisce le aspettative dell’utente finale.

Si capisce quindi che senza un’adeguata informazione e soprattutto senza una catalogazione delle singole realtà diventa difficile districarsi fra day spa, olistic spa, beauty farm, terme e affini.

Se si pensa poi che l’attuale denominazione di « centri benessere » oggi si applica a qualsivoglia attivita`di cura estetica del corpo e riguarda un’eterogenea platea di imprese, dai centri estetici alle palestre, comprendendo anche spazi che offrono trattamenti di medicina naturale, dai poliambulatori che comprendono tra i propri servizi anche il trattamento estetico, ai centri fitness e wellness a quelli che propongono terapie eseguite con apparecchi elettromedicali, fino ai centri di abbronzatura, si capisce come la babele dell’offerta possa generare confusione quando non addirittura essere causa di insoddisfazione.

Il cliente che sceglie di dedicare il suo tempo genericamente ad una vacanza benessere in realtà si trova di fronte ad una molteplice scelta di luoghi e trattamenti che spesso nemmeno conosce. Ciò dipende in buona parte dall’uso inflazionato e a volte improprio del termine “benessere”e “termale” nel contempo da una carente cultura in materia che non ha consentito una esatta determinazione delle attività riconducibili al “comparto benessere”.

Occorre fare chiarezza sull’intero comparto e soprattutto interrogarsi sulla legittimità nell’uso di una terminologia in alcuni casi desueta sia per gli operatori del settore, sia volta verso l’utente finale. L’obiettivo è ripensare alla terminologia:  Terme, Spa e centri benessere – analizzare il significato che queste definizioni hanno oggi nella percezione comune ed interrogarsi sull’impatto che esse hanno sull’utente finale.

Nasce con questi obbiettivi di fare chiarezza questo evento interamente dedicato al Turismo del benessere: l’appuntamento è fissato dal 20 al 22 settembre 2017 al Palazzo delle Stelline di Milano. Si tratta di una tre giorni focalizzata su un mercato che merita attenzione per i numeri che registra sia nel contesto europeo sia in quello italiano. L’evento con il patrocinio di Federterme, dell’Ancot (Associazione dei Comuni Temali), dell’ European Historic Thermal Town Association, di Luiss Business School, si svilupperà fra incontri e conferenze che vedranno protagonisti i principali gruppi termali italiani ed esteri, gli hotel con spa, i Wellness Resort e i diversi attori del “Turismo del benessere”.
La manifestazione sarà articolata in grandi aree tematiche: un’area espositiva dedicata all’eccellenza delle destinazioni termali e turistiche, sale conferenze per business meeting a disposizione degli espositori, workshop e corsi di aggiornamento rivolti a spa manager e all’industria del “benessere”, laboratori tematici rivolti agli ambiti specifici della comunicazione e al marketing di Terme e Spa.
Nell’ambito della manifestazione si svolgerà la BTTB – Borsa del Turismo Terme & Benessere,  che rappresenta l’appuntamento promo commerciale più atteso dagli operatori turistici italiani ed esteri che vi parteciperanno. “Stiamo registrando interesse ed adesioni da diverse Regioni italiane, ma anche, da Slovenia, Austria, Germania, Malta, Russia, Francia. La manifestazione Hub Turismo Terme & Benessere, vuole essere un momento d’incontro rivolto ad un confronto fra l’offerta termale e “wellness” a livello europeo, per far conoscere l’eccellenza del prodotto termale e turistico al pubblico dei curiosi e dei professional” Nicola Ucci, organizzatore dell’evento.
La sede è quella prestigiosa e centrale, nel cuore di Milano, Il Centro Congressi Palazzo delle Stelline

http://www.stelline.it/it/centro-congressi/home/centro-congressi.html

PATROCINI
FEDERTERME, E.H.T.T.A-ASSOCIAZIONE EUROPEA DELLE CITTA’ STORICHE TERMALI, GIST – GRUPPO ITALIANO STAMPA TURISTICA, LUISS BUSINESS SCHOOL, ANCOT-ASSOCIAZIONE DEI COMUNI TERMALI
PARTNER e SPONSOR
QC TERME, ENTE DEL TURISMO SLOVENO, KRKA TERME (SLO), SPA INDUSTRY
MEDIA PARTNER
IL GIORNALE,  YOGA JOURNAL , BIMBOINVIAGGIO, TURISMODELBENESSERE, AGENDAVIAGGI, EDIMAN

CONCEPT e ART DIRECTOR SPA FORUM – Cinzia Galletto
ORGANIZZAZIONE PARTE ESPOSITIVA e BTTB – RETESYSTEM

Salute – COLON IRRITABILE – COME SI CURA IL COLON IRRITABILE ?

Le statistiche ci dicono che sarebbero milioni le persone, in Italia, a soffrire di colon irritabile.

Il colon irritabile è quindi una malattia ad ampia diffusione.

COME SI RICONOSCE IL CLON IRRITABILE ? QUALI SONO I DISTURBI DEL COLON IRRITABILE ?

Ecco i disturbi più comuni:

-stitichezza o diarrea
-flatulenza
-meteorismo
-dolori addominali
Questi sintomi si possono presentare anche in modo alternato o contemporaneo.

Si tratta di disturbi comuni ad altre patologie e quindi solo il bravo dottore saprà capire e individuare se si tratta veramente di colon irritabile o di altro.

Una delle cause del colon irritabile potrebbe essere una barriera intestinale danneggiata.

Tutti sanno che uno dei più classici modi di alterare la naturale protezione della barriera intestinale è l’uso e l’abuso di antibiotici; che distruggono i batteri dannosi, ma anche ciò che è utile all’equilibrio del nostro intestino.

Una volta distrutta la naturale barriera intestinale, germi e sostanze nocive possono liberamente penetrare all’interno della parete intestinale provocando gravi disturbi.

Non si ripeterà mai abbastanza il consiglio di mangiare yogurt e/o bere probiotici nella vita di tutti i giorni, durate e dopo i trattamenti di antibiotici in particolare.

Anche i fermenti lattici, acquistabili in farmacia sono un utilissimo alleato.
Ma lo yogurt fatto in casa è il migliore e il più economico; basta un poco di organizzazione e buona volontà. Se ne avvantaggerà anche la pelle di tutto il nostro corpo.

Moltissimi sono i prodotti in commercio per la cura del colon irritabile dovuto ad alterazione della barriera intestinale; il medico saprà suggerirvi il migliore per il vostro caso.

Il vostro medico saprà darvi la cura migliore per voi.

Tra i vari trattamenti, segnaliamo il Kijimea Colon Irritabile, che contiene un ceppo di bifidobatteri che si pone sulla parete intestinale come il cerotto sulla ferita; reperibile in farmacia.

SALUTE mantenersi giovani – come funziona l’ormone della longevità ?

Scoperto come funziona l’ormone della longevità.

L’ormone della longevità è capace di allungare la vita del 40% nei topi.

Questa molecola è presente in tutti i mammiferi, uomo compreso, e la sua azione sta nel contrastare l’indebolimento delle difese immunitarie; dovuto all’invecchiamento.

L’ormone della longevità si chiama Fgf21 ed è una proteina; prodotta dal fegato e dal timo.

Con l’invecchiamento, il timo tende a diventare “grasso” perdendo la capacità di produrre nuovi linfociti T: uno dei motivi che aumentano il rischio di sviluppare infezioni e alcuni tipi di tumore.

La degenerazione della ghiandola timica può essere arrestata nei topi aumentando i livelli di Fgf21.

L’ormone Fgf21 è prodotto anche dal fegato quando si trova in una situazione di mancanza di cibo (per bruciare le calorie di riserva e aumentare la sensibilità all’insulina); ecco perché il digiuno è tanto raccomandato pe mantenere la salute !

Per il futuro si parla di farmaci che mimeranno la restrizione calorica.

——

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE dei Giornalisti e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); inoltre, l’autrice, ha presentato una tesi presso L’università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”, la tesi era firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

SALUTE – La base è l’equilibrio tra acido e basico – Pericolo acidosi

MANTENERSI IN SALUTE A TUTTE LE ETA’

Le note qui sotto sono scritte volutamente con linguaggio semplice e, speriamo, efficace. Sono state abolite parole e  spiegazioni troppo specialistiche.

L’acidità rallenta le attività biologiche; favorisce la malattia.

L’acidità favorisce anche la formazione dei tumori.

Tutte le proteine animali favoriscono l’acidità; salvo quelle provenienti dai vegetali come fagioli, banane,  lenticchie, soya … ecc. (ma si tratta di aminoacidi non completi che hanno bisogno di essere associati a pasta, riso o pane).

Cibo acidificante per eccellenza: aceto e cibi pronti

Come sapere se abbiamo un eccesso di acidità ?

Acquistare in farmacia una cartina tornasole o stik misuratori del PH; bagnare la punta della striscia con pipì e confrontando con la scala di colori di riferimento. Fare 2 prove al giorno per almeno 3 giorni.

Sotto il 7 l’acidità è troppa.

DEACIDIFICANTI:
Spinaci molto deacidificanti
Uva 7 volte più deacidificante degli spinaci.

I vecchi facevano una giornata mangiando solo uva, ma si può fare con qualunque altro frtto.

Il massimo: mangiare tanto ananas (molto depurativo)

L’organismo acidificato è predisposto anche all’ artrosi.

Eccesso di acidità

Il nostro organismo si difende dall’eccesso di acidità prelevando calcio dalle ossa e favorendo processi di indebolimento e malattie alle ossa.

L’INTESTINO PULITO E’ ESSENZIALE PER VITA SANA

Più dannosi di tutto sono i fecalomi che occludono l’orifizio anale (ammassi di feci non espulse).

Nell’intestino ci possono essere fecalomi anche di vecchia data,  che favoriscono l’infiammazione.

Quando si infiamma l’intestino diviene poroso e lascia passare porcherie nei vasi sanguigni che portano in circolo sostanze che favoriscono intolleranze e malattie.

FOTO DI COPERTINA:

Alessandra Angelini_Insalata-mista_Plexiglass-foglia-d’oro-e-tecnica-mista_2013.

Salute – Cervello giovane e attività fisica – Non solo palestra !

MEGLIO CAMMINARE NELLA NATURA CHE FARE GINNASTICA IN UNA PALESTRA

Lo studio è pubblicato su Trends in Neurosciencies da David Raichlen, antropologo, e Gene Alexander, psicologo; entrambi ricercatori alla University of Arizona.

Il movimento facilita lo sviluppo di nuovi neuroni; grazie all’aumentata produzione di un fattore della crescita chiamato Bdnf.

La seleziona naturale ha sempre premiato i cervelli che più velocemente si adattavano a mutate condizioni; ovvero la capacità di fronteggiare l’imprevisto.

Se ne è dedotto che l’esplorazione di nuovi ambienti, stimoli la neurogenesi.

Ovvero: fare attività fisica in luoghi diversi o dove il paesaggio offre stimoli sempre nuovi (come camminare nella natura osservando quello che ci circonda), sia meglio che fare attività fisica in luoghi sempre eguali (come in una palestra).