Archivi categoria: salute dopo i 50 anni

Diabete 2 – Scompare con minestre e frullati

Il diabete 2, scompare con dieta a base di minestre e frullati

Questo è il risultato di una sperimentazione fatta a Newcastle e Glasgow; la famosa e prestigiosa rivista di medicina Lancet medical journal, lo ha pubblicato.

Ovviamente una dieta liquida o comunque molto restrittiva, va fatta sotto controllo medico, unendovi anche l’attività fisica.

La dieta solo liquida, se ben varia e fatta assumendo anche una buona dose di fibre attraverso frutta, verdura e legumi, non causerà problemi all’ attività intestinale.

I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE:

Il diabete di tipo 2 è stato sconfitto, a seguito di una dieta drastica, solo liquida, fatta di minestre e frullati a basso contenuto calorico.

La dieta è durata sino a 5 mesi durante i quali molti pazienti sono riusciti a perdere almeno 15 chili: quasi la metà dei 298 volontari che hanno partecipato alla sperimentazione tenutasi a Newcastle e Glasgow.

I dettagli della dieta sono descritti sul Lancet medical journal.

Ogni giorno i pazienti, assumevano almeno quattro pasti liquidi:

-bustine di polvere da sciogliere in acqua, per fare una minestra o un frullato, per 200 calorie ogni pasto e la giusta composizione di nutrienti e fibre per attivare l’intestino.

Finita la sperimentazione, i dietisti hanno aiutato i pazienti a ritornare ad una dieta di cibi solidi e salutari.

I dati pubblicati evidenziano che il 46% dei pazienti che ha iniziato la sperimentazione è guarito dal diabete 2 in un anno.

Per l’86% che ha ripreso il peso, il diabete è ritornato.

Secondo il dott.Giorgio Sesti, presidente della Società italiana di diabetologia (Sid),  si deve stare molto attenti nell’affrontare una dieta tanto drastica, sotto le 900 calorie al giorno; perché non funziona con tutti e c’è il rischio di riprendere in fretta i chili persi.

La raccomandazione è di procedere gradualmente, perdendo il 5-10% del proprio peso in un anno, perché solo così è più difficile riacquistare peso velocemente,

Salute – Lesioni coronariche – Prevenire trombosi da stent – BIOTRONIK

Evitato l’infarto …

si deve inserire uno stent per evitare la ricaduta; ma la qualità dello stent fa la differenza.

Uno stent è un piccolo tubicino a maglie usato per trattare il restringimento delle arterie.

Viene posizionato all’interno di un arteria durante un intervento coronarico percutaneo

Oggi si sono fatti enormi progressi, rispetto ai vecchi stent in plastica; che si rompevano e favorivano la formazione di nuovi coaguili …

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Ricerca e sviluppo BIOTRONIK:

Dopo l’inserimento del “palloncino”, per allargare il vaso sanguigno causa dell’infarto, entro 3 MESI si deve inserire uno ” stent “; ovvero un’impalcatura che non permetta al vaso di richiudersi.

Uno degli stent più efficaci e funzionali presenti sul mercato, ha le seguenti caratteristiche fondamentali:

-deve essere elastico per adattarsi alla forma del vaso sanguigno

-non deve rompersi

  • deve essere riassorbibile nel tempo consigliato (solo con l’uso del magnersio)
  • deve rilasciare un medicinale consigliato per il caso
  • deve evitare ogni ricreazione di coagulo.

    VI, Koronare Therapie, Resorbierbarer Magnesium Scaffold, Illustration

Magmaris è il primo scaffold riassorbibile in magnesio

Il primo scaffold (letteralmente impalcatura) riassorbibile in magnesio approvato per il trattamento delle lesioni coronariche 

La qualita’ in medicina può fare la differenza tra la vita e la morte.

Magmaris è il primo scaffold riassorbibile in magnesio approvato per il trattamento delle lesioni coronariche de novo per via angioplastica coronarica percutanea.

Può aiutare a prevenire la trombosi da stent, una complicazione potenzialmente pericolosa.

A 12 mesi dopo l’impianto, il riassorbimento di magnesio è quasi completo.

Le precisazioni scientifiche di questo articolo, sono state illustrate alla stampa da:

  • Dr.  Giuseppe Musumeci, Presidente Società Italiana di Cardiologia Interventistica,  GISE.  P rimario  di  Cardiologia presso “S. Croce” Cuneo
  • Dr. Giuseppe  Tarantini , Presidente  eletto  Società Italiana  di Cardiologia Interventistica, GISE. Responsabile dell’Unità Operativa Semplice Dipartimentale di “Emodinamica e Cardiologia Interventistica” Dipartimento Strutturale Aziendale Cardio-Toraco-Vascolare, Azienda Ospedaliera di Padova.

::::::::::

BIOTRONIK

BIOTRONIK ricerca, sviluppa e produce esclusivamente in paesi ad alta tecnologia come Germania, Singapore, Svizzera e Stati Uniti. Tutti i componenti critici sono prodotti internamente per garantire la massima qualità ed affidabilità.

Gli scaffold riassorbibili sostengono il vaso per un periodo di tempo determinato e vengono poi riassorbiti dal corpo.

Il vaso viene lasciato libero e potenzialmente supera alcune delle problematiche connesse con gli stent a rilascio di farmaco (DES)3. Il ripristino della motilità fisiologica del vaso (capacità dei vasi sanguigni di cambiare di diametro), la copertura funzionale endoteliale e l’assenza di materiale estraneo residuo nel vaso può potenzialmente ridurre il rischio di trombosi dello stent.

Magmaris è il primo scaffold riassorbibile in magnesio approvato per il trattamento delle lesioni coronariche de novo per via angioplastica coronarica percutanea.

Benefici di Magmaris
Magmaris mostra dati di sicurezza che meritano attenzione.

A 12 mesi dopo l’impianto, il riassorbimento di magnesio è quasi completo.

Un tempo di riassorbimento breve è preferibile, in quanto può essere ripristinata più precocemente la vasomotilità dei vasi.

Ciò può aiutare a prevenire la trombosi da stent, una complicazione potenzialmente pericolosa.

La struttura in magnesio di Magmaris può essere trattata con lucidatura elettrolitica, per ottenere una superficie dello scaffold liscia e con bordi arrotondati, consentendo una migliore posizionabilità nel sito della lesione. In confronto agli scaffold a base di polimeri6, Magmaris richiede il 40% di forza in meno per entrare e attraversare una lesione7.

È anche più facile la guida attraverso l’anatomia vascolare, poiché viene trasmessa il 34% di forza in più alla punta del sistema di posizionamento7.

Una volta impiantato, la struttura del magnesio dà allo scaffold la capacità di sostenere la forza esterna all’interno del vaso; ciò significa che il vaso rimane aperto, impedendo potenziali complicanze.

Il diametro di Magmaris si mantiene costante a partire da un’ora dopo l’impianto, mentre il diametro di uno scaffold a base di polimeri diminuisce di oltre il 20%.

Risultati di efficacia e sicurezza
BIOSOLVE-II, uno studio prospettico e multicentrico, ha valutato la sicurezza e la prestazione clinica in 123 pazienti. I dati disponibili fino a 24 mesi dimostrano un eccellente tasso di ‘target lesion failure’ (TLF) del 5,9 per cento8. Questi dati, insieme ai dati relativi alla trombosi da scaffold definita o probabile (0 per cento) a 24 mesi8, confermano che lo scaffold riassorbibile in magnesio (RMS) è un’opzione sicura ed efficace per i pazienti con lesioni coronariche de novo.

:::::::::::::::

BIOTRONIK ha sede a Berlino

Un dipendente su cinque nella sede di Berlino è impiegato nella ricerca e sviluppo.

Leader nella tecnologia medica cardio ed endovascolare, BIOTRONIK ha sede a Berlino, in Germania. Fondata dal Prof. Max Schaldach e da Otto Franke, che nel 1963 svilupparono il primo pacemaker impiantabile in Germania, BIOTRONIK crea prodotti che salvano e migliorano la vita dei pazienti.

Impatto globale Sono stati impiantati in ambito medico più di 19 milioni di dispositivi BIOTRONIK in oltre 100 paesi in tutto il mondo.

Aree terapeutiche BIOTRONIK è attiva nella gestione del ritmo cardiaco (CRM), in elettrofisiologia (EP) e nell’interventistica vascolare (VI).

Leadership e crescita La società, di proprietà privata, ha sperimentato una crescita a due cifre in ciascuno degli ultimi dieci anni. Il suo consiglio direttivo è composto dal Dott. Lothar Krings, da Joachim Langer, dal Dott. Ralf Lieb e da Thomas Simmerer.

Cosi come gli stent, gli scaffold resorbabili sostengono la parete interna dell’arteria per ripristinare il flusso sanguigno attraverso arterie ristrette o bloccate.

Gli stent rimangono permanentemente all’interno del corpo. Questa tecnica di terapia di ripristino vascolare è stata associata a complicazioni che potrebbero richiedere un ulteriore intervento.

Riferimenti
1 The National Heart, Lung and Blood Institute: www.nhlbi.nih.gov/health/health-topics/topics/stents
2 Iqbal J et al. Eur Heart J. 2014, 35(12).
3 Ielasi A and Tespili M. EMJ Int Cardiol. 2014(1).
4 CE approved. Indication as per IFU.
5 Haude M et al. Lancet. 2016, 387(10013).
6 Absorb, a registered trademark of Abbott Cardiovascular Systems.
7 BIOTRONIK data on file.
8 Haude M et al. EuroIntervention 2017, 13(4).

:::::::::::::::::::

Orsiro stent ibrido a rilascio di farmaco (DES)

Uno stent è un piccolo tubicino a maglie usato per trattare il restringimento delle arterie.

Viene posizionato all’interno di un arteria durante un intervento coronarico percutaneo, una procedura che ripristina il flusso sanguigno nelle arterie con restringimenti o bloccate.

Dopo l’impianto, gli stent continuano a sostenere la parete interna dell’arteria nei mesi e negli anni successivi alla procedura di impianto.

Gli stent a rilascio di farmaco come Orsiro2 sono ricoperti da un farmaco antiproliferativo che viene rilasciato lentamente e continuamente nell’arteria. Orsiro è stato progettato per trattare stenosi coronariche ‘de novo’, ovvero nuove lesioni che bloccano le arterie coronarie, cosi come lesioni stenotiche all’interno di uno stent. E’ in grado di riaprire l’arteria e rilasciare una dose controllata di farmaco Limus che aiuta a prevenire un nuovo restringimento dell’arteria (restenosi).

Orsiro sicurezza ed efficacia
Lo stent a rilascio di farmaco Orsiro, con struttura ultra sottile di 60 micron, è stato lanciato nel 2011, e presenta i più recenti sviluppi della tecnologia degli stent BIOTRONIK, una soluzione unica che unisce componenti passivi e attivi. Il rivestimento passivo ProBIO incapsula lo stent e minimizza l’interazione tra il metallo dello stent e il tessuto circostante. Il rivestimento attivo BIOlute rilascia il farmaco Limus mediante una matrice riassorbibile. Questi rivestimenti sono stratificati sulla struttura dello stent PRO-Kinetic Energy, dotato di design flessibile e robusto con struttura ultra sottile, con un’elevata facilità di posizionamento.

La sicurezza, l’efficacia e le prestazioni di Orsiro sono state investigate in un esteso programma clinico con più di 32.500 pazienti arruolati2. I dati recentemente presentati dello studio BIOFLOW-V3, hanno mostrato tassi di TLF a 12 mesi significativamente più bassi rispetto a Xience4. Questa evidenza mostra il motivo per cui Orsiro emerge com il nuovo riferimento nel mercato dei DES.

Riferimenti
1 The National Heart, Lung and Blood Institute: www.nhlbi.nih.gov/health/health-topics/topics/stents
2 For more information on studies concerning Orsiro, visit www.orsiro.com/en
3 Kandzari D et al. Lancet. 2017, 390(10097).
4 Xience is a registered trademark of Abbott Cardiovascular Systems.

SALUTE OCCHI – PREVENZIONE MACULOPATIA LEGATA ALL’ETA’

Entro una trentina d’anni la maculopatia della popolazione mondiale triplicherà

Si chiama OCT e dovete chiederlo al vostro medico, per avere l’esame che è mutuabile, ma importantissimo

LA MACULOPATIA NON PORTA ALLA TOTALE CECITA’ MA PEGGIORA GRAVEMENTE LA QUALITA’ DELLA VITA

La tempistica della diagnosi è determinante per la cura

A febbraio 2018 è prevista la possibilità di fare un esame gratuito nel giorno dedicato alla prevenzione della MACULOPATIA negli ospedali che aderiranno

Solo l’11% deli italiani conosce il vero significato della parola  maculopatia e i suoi rischi.

L’OCT è un esame solitamente IGNORATO,  ma importantisssimo per evitare di ritrovarsi con gravi problemi visivi, quando è troppo tardi per curarsi al meglio.

In Australia, per curare in tempo la maculopatia, sono stati disegnati dei reticoli geometrici sugli autobus.  Chiunque dovesse vedervi delle righe storte, deve immediatamente richiedere l’esame OCT per curare la maculopatia quando è ancora in tempo per avere soddisfacenti risultati.

Chiunque può fare la prova con un quaderno a quadretti grandi.

LE CAUSE DELLA MACULOPATIA:

-il processo di invecchiameno e cattivi stili di vita (mangiare troppo, camminare poco, obesità, ipertensione..)  comportano  una riduzione di apporto di sangue e di elementi nutritivi all’occhio e quindi un accumulo di “scorie” al di sotto della macula; poi la visione comuncia a peggiorare.

Ci sono varie forme di maculopatia e diversi metodi  per curarla; secondo ilcaso aprticolare.

NEL MONDO

L’OMS (Organizzazione Mondiale Sanità) ritiene che, nel mondo, ben 101 milioni di persone di 60 anni ed oltre, dipendono da cure mediche; un ruolo cruciale è riferibile a errati stili di vita che causano malattie croniche come il diabete.

Maculopatia diabetica; da complicanza della retinopatia diabetica a sua volta causata dal diabete.

Uno studio pubblicato da Lancet, evidenzia come la maculopatia possa gravemente danneggiare lo stile di vita delle persone che ne sono affette (non porta alla cecità completa, ma impedisce di svolgere molti dei compiti quotidiani che rendono l’anziano indipendente).

Inoltre, sempre Lancet Public Health,ha evidenziato un aumento, quasi esponenziale,  di cecità e difetti visivi i cui pazienti passeranno da 200 a 550 milioni di persone colpite nel mondo nel prossimo futuro.

In Italia si denunciano 80.000 nuovi casi all’anno di Degenerazione Maculare Legata all’Età.

La diffusione della malattia, riguarda il 10% dei 65-75 enni, ma arriva al 30% dopo i 75 anni, per raggiungere il 40-50% tra le persone con più di 80 anni.

ESAME DELLA VISTA CHE SALVA DALLA CECITA’

Si chiama OCT e dovete chiederlo al vostro medico, per avere l’esame che è mutuabile, ma importantissimo per eventualmente curare preventivamente la maculopatia.

I dati riportati qui sopra sono stati forniti dalla conferenza stampa tenuta il 30 ottobre 2017, ore 11, presso il Four Seasons Hotel –  via Gesù 6 Milano.

RELATORI:

Prof. Francesco Bandello, Professore Ordinario di Oftalmologia, Direttore della Clinica Oculistica dell’Università Vita-Salute, Istituto Scientifico San Raffaele, Milano.

Dott. Lucio Buratto, Direttore scientifico Centro Ambrosiano Oftalmico Milano; 40 anni di esperienza diretta, decine di migliaia di interventi chirurgici e  centinaia di migliaia di pazienti visitati.

Dott. Matteo Cereda, Dirigente Medico presso Ospedale Sacco Milano.

::::::::::::::::::

Scoprire la maculopatia legata all’età, un disturbo visivo poco conosciuto.

I PROBLEMI GENERATI DALLA MACULOPATIA AL PAZIENTE E ALLA SUA FAMIGLIA.

COSA E’ LA MACULOPATIA DEGENERATIVA LEGATA ALL’ETA’?

La maculopatia si può manifestare con visione alterata e distorta delle immagini, una riduzione della acuità visiva centrale o visione di una “macchia” al centro del campo visivo.

– In Italia, quasi il 50% dei malati di maculopatia degenerativa legata all’età non conosce il proprio disturbo visivo e lo sottovaluta o non ammette il problema (29%) nonostante si tratti di una malattia diffusa che colpisce circa un milione di persone nel nostro Paese.

Coloro i quali decidono invece di rivolgersi con tempestività ad un medico oculista del territorio nel 29% hanno riscontrato criticità nell’accesso alle cure: liste d’attesa (29%), mancata diagnosi (17%), errata terapia (7%), disservizi (11%) ecc.

Tre aspetti chiave del problema:

-la scarsa consapevolezza che il paziente ha della propria patologia, la difficile qualità di vita di chi convive con la maculopatia degenerativa, la speranza che si basa sull’efficacia delle terapie nel preservare o migliorare la vista.

L’impatto sulla qualità della vita e sulle proprie abitudini è forte; il 77% ha ridotto o cessato di svolgere attività quotidiane a causa della malattia.

Il 40% ha smesso di leggere o lo trova difficoltoso e il 16% non guarda più la televisione, ma si limita ad ascoltarla.

L’ambiente esterno alla propria casa è vissuto come più ostico, privo di quelle certezze che invece l’ambiente domestico offre.

-Tra gli aspetti critici maggiormente sottolineati: la guida dell’automobile, cui ha rinunciato il 26% di rispondenti, riconoscere per strada le persone, fare la spesa ecc.

La maculopatia ha un costo per le famiglie: il 34% dichiara di spendere fino a 3.816 euro l’anno dovuti alla maculopatia, in particolare per visite private, esami diagnostici, costi di spostamento, acquisto di nuove lenti ed ausili visivi.

COSA E’ LA MACULOPATIA DEGENERATIVA LEGATA ALL’ETA’?

La maculopatia degenerativa legata all’età si caratterizza per il progressivo deterioramento della macula (regione centrale della retina), con la compromissione della funzione visiva centrale: colpisce le persone a partire dai 55 anni, rappresentando una delle prime cause di cecità nei Paesi industrializzati.

La maculopatia si può manifestare con visione alterata e distorta delle immagini, una riduzione della acuità visiva centrale o visione di una “macchia” al centro del campo visivo.

Questa malattia ha un forte impatto sulla qualità di vita: studi presenti in letteratura evidenziano come la qualità della vita nelle persone malate di maculopatia degenerativa legata all’età in fase avanzata possa ridursi del 17% rispetto a coetanei sani – valori paragonabili a quelli di pazienti affetti da malattie come il cancro, oppure in condizioni successive a cardiopatia ischemica o ictus.

Riconoscere precocemente la malattia, accedere al centro di cura che eroga le terapie efficaci significa migliorare e sostenere la qualità di vita della persone con maculopatia e del suo nucleo familiare.

SALUTE – Occhi e malattie da ufficio …

Esiste una forte correlazione tra i disturbi oculari e i problemi dell’aria all’interno di un edificio … cambiare regolarmente i filtri dell’aria condizionata …

Per chi lavora ai videoterminali è opportuno favorire l’illuminazione naturale stando attenti a evitare i riflessi delle finestre sui monitor …

La luce artificiale o al neon stressa gli occhi e provoca maggiore affaticamento visivo

S.O.S. lavoro:

la disfunzione lacrimale in un “ambiente professionale malato”

 L’ambiente lavorativo può risultare dannoso per il benessere oculare.

  Descritta nel 1983 dall’OMS, la “Sindrome dell’edificio malato” o “Sick Building Syndrome” (SBS), indica un vasto numero di sintomi irritativi della pelle e delle mucose, fatica, cefalea, difetti di concentrazione e disturbi oculari in una elevata percentuale di persone che occupano un immobile.

Sebbene i sintomi siano di modesta entità, i casi di SBS che si verificano in ambienti lavorativi possono avere un costo più elevato di alcune malattie gravi e a prognosi peggiore, a causa del significativo calo della produttività.

Esiste una forte correlazione tra i disturbi oculari e i problemi dell’aria all’interno dell’edificio;  un sistema di ventilazione non adeguato e la mancata sostituzione e pulizia dei filtri dell’aria condizionatafavoriscono l’accumulo di sostanze inquinanti, sia esterne (smog, prodotti di combustione), sia interne (residui di moquette o lana, legno, carta da parati, pesticidi, fotocopiatrici, stampanti e prodotti per l’igiene, inquinanti biologici come virus o batteri, muffe), che sommati a umidità, temperatura e illuminazione inadeguati, sono responsabili dei sintomi descritti. Alcuni studi condotti su uffici e altri edifici a uso pubblico in diversi paesi hanno rivelato una frequenza di disturbi tra gli occupanti compresa tra il 15 e il 50%.

Nella SBS l’eziologia è ancora sconosciuta, probabilmente multifattoriale e variabile da caso a caso:

  • la percentuale di umidità è importante; deve essere tra il 35% e il 45% per evitare disturbi. I luoghi al chiuso, dove passiamo gran parte della nostra vita, hanno generalmente un basso tasso di umidità. L’uso diffuso di apparecchi di raffrescamento o di riscaldamento ad aria induce una riduzione dell’umidità dell’ambiente e favorisce l’aumento dell’evaporazione del film lacrimale. In questi casi, persone affette da occhio secco subiranno un peggioramento della sintomatologia, e persone “sane” potranno cominciare a sperimentare qualche disturbo oculare;
  • l’uso in maniera continuativa di videoterminali è una causa frequente di occhio secco. Questi dispositivi inducono una riduzione del numero di ammiccamenti, cioè chiusura e apertura delle palpebre (passando da ca. 20 al minuto) e 1 favoriscono l’evaporazione del film lacrimale, portando ad una disfunzione lacrimale e ad una conseguente imperfetta protezione della superficie oculare. Inoltre, quando si lavora al computer la fessura interpalpebrale è più ampia rispetto a quando, per esempio, si legge un libro: questo lascia esposta una più ampia zona di superficie oculare;
  • la luce artificiale o al neon stressa gli occhi e provoca maggiore affaticamento visivo rispetto al lavoro eseguito in ambienti illuminati naturalmente. In caso di illuminazione artificiale è consigliabile tenere l’illuminazione alla minore intensità necessaria, lo stesso vale per l’illuminazione dei monitor;
  • infine, il fumo passivo della pausa-sigaretta coi colleghi provoca una diminuzione della densità delle cellule caliciformi deputate alla formazione di mucine (componenti dello strato mucoso del film lacrimale).

Per evitare o ridurre al minimo la disfunzione lacrimale negli ambienti lavorativi, è fondamentale porre particolare attenzione alla qualità dell’aria e all’umidificazione degli ambienti: se l’ambiente è molto secco un umidificatore può essere di grande aiuto. E’ altrettanto consigliabile aerare naturalmente e quotidianamente le stanze. Per chi lavora ai videoterminali è opportuno favorire l’illuminazione naturale stando attenti a evitare i riflessi delle finestre sui monitor, rispettare le pause (15 minuti ogni due ore), ricordarsi di ammiccare e adottare i consigli ergonomici di postura.

In generale, bere liquidi in abbondanza e avere un’alimentazione ricca di grassi Omega 3 e 6 (pesce azzurro, tonno, salmone, sgombro, frutti di mare, noci o integratori alimentari con analogo contenuto), favorisce la produzione di lacrime e ne migliora la qualità.

Per un rapido comfort, può essere utile l’utilizzo regolare di un collirio idratante e lubrificante, per migliorare la sintomatologia e ripristinare l’equilibrio della superficie oculare.

 

Rinforzare il sistema immunitario


Dagli agrumi agli spinaci, dallo yogurt alle mandorle, dai frutti di Goji allo zenzero ed anche molti altri: alcuni cibi aiutano a rinforzare il sistema immunitario.

Ma non credete a tutto quello che leggete; andate più a fondo, ragionateci sopra.

Non solo carote per la vista, ma anche insalate, bacche, agrumi, pesce, uova, mandorle, noci; la buona  e varia alimentazione ci aiuta a stare in salute.

E’ di moda acquistare i Goji e lo zenzero, ma non dimentichiamo che ciclicamente alcuni alimenti, il cui prezzo si impenna all’improvviso, vengono considerati delle panacee. Diventano il simbolo della longevità e della salute, ma varrebbe la pena fare una riflessione sull’impennata del loro prezzo e arrivare a logiche e modaiole conclusioni… !

NON CREDIAMO A TUTTO QUELLO CHE CI RACCONTANO. Qualche cosa può anche essere vero, ma quasi sempre NON è la soluzione ai vostri problemi; è anche  una moda. 

Se poi vi piace il gusto, questo non lo discutiamo, noi vogliamo solo evitarvi di credere in qualche rimedio come assoluto e unico.

Nessuno vuole parlar male di un ottimo té di zenzero o cibo arricchito di questo meravigliosa verdura  della natura; ma quanto vi costa ? (non basta una fettina sottile).

Abbiamo ottimi cibo nostrani con altrettante buone caratteristiche.

Inoltre, attenzione: il consumo del frutto Goji è sconsigliato a chi assume farmaci anticoagulanti ed è sconsigliato nella gravidanza (a titolo precauzionale).

Il vecchio metodo di assumere una capsula, insapore, di olio di fegato di merluzzo nella stagione fredda è uno dei capisaldi della salute; soprattutto per bambini e anziani.

Anche la sanissima spremuta dei nostri meravigliosi agrumi è un’ottimo antidoto ai mali della stagione fredda e un grande aiuto alla nostra salute.

La mela ha proprietà eccellenti; cotta combatte anche l’acidità di stomaco ed è buonissima con un poco di cannella / cannella / anice stellato.

Inutile acquistare costosi “ biberoni ”a base di proteine o che promettono vitamine e sali minerali in quantità; basta un’alimentazione equilibrata.

Queste bevande sono a base di frutta (molte volte liofilizzata), acqua e/o latte in polvere.

Noi non abbiamo dimenticato i diversi scandali sulla vendita di economicissimo latte in polvere (ricchissimo di proteine) dell’Unione Europea, stoccato per uso animale, e venduto come latte in polvere per bambini dalla più nota casa di prodotti del genere al mondo.

Conclusione: NON BASTA UN’INFUSIONE DI ZENZERO O ALCUNE BACCHE DI GOGIJ PER RENDERCI IMMUNI DALL’INFLUENZA O FARCI VIVERE A LUNGO, ma certo non ci faranno male, meglio se usati freschi e leggendo bene che le bacche Goij non contengano conservanti ( noi, senza conservanti, non ne abbiamo mai trovati )

Innanzi tutto contano sia la quantità che la qualità di quello che ingeriamo.

Non c’è bisogno di mangiare cibi esotici, di moda e quindi più cari del loro reale valore; anche nel chilometro zero troviamo cibi eccellenti.

Conta anche la freschezza e quanto sia sana la provenienza; un uovo di gallina ci alimentata in modo sano ed ha un valore nutrizionale che nessun cibo può eguagliare: proteine, grassi ricchi di vitamina A e sali minerali; pochissime calorie. Un uovo senza condimento vale circa 150 calorie. Un piatto di pasta ben condito ci offre 450 calorie e 75gr di carboidrati ogni 100gr a secco.

Ricordiamoci anche che il nostro corpo ha bisogno di colesterolo, in quantità ragionevoli, se non lo somministriamo direttamente con cibi che lo contengono, l’organismo lo produce anche dai carboidrati, dalle proteine e da qualunque altra fonte di cibo immettiamo nel nostro stomaco.

Quindi non demonizziamo le uova o altri cibi, ma impariamo a mangiare MENO; POCO DI TUTTO.

Abbondiamo solo con verdura e frutta.

E non è vero che la carota ingrassa, perché contiene piccoli quantitativi di zucchero ! Nemmeno la patata ingrassa, se non è troppo condita, ma da un grande senso di sazietà.

La frutta contiene zuccheri, ma anche la vitamina C che è fondamentale per la nostra salute, fa bene alla pelle ed è priva di grassi.

Se non mangiate troppi carboidrati/zuccheri (pasta, pane, fagioli ecc.. il peggio sono i gelati, i dolci, i biscotti e i cibi industriali, surgelati e non, o quelli “finti-artigianali”) potete permettervi 5 abbondanti porzioni di frutta al giorno. La maggioranza della frutta è composta da acqua; quindi sazia con poche calorie, proprio come la verdura se viene condita moderatamente.

Vedi altre indicazioni al link: https://www.donnecultura.eu/?p=12345

Salute – Pbs nuova tecnica per chirurgia alluce valgo

MICROCHIRURGIA DEL PIEDE

NUMERI RECORD

 La qualità della vita parte dal basso

La correzione dell’alluce valgo non è mai una scelta estetica e l’intervento chirurgico si sceglie quando il dolore limita la deambulazione.

Nel “ritratto statistico sulla vita di donne e uomini in Europa”diffuso da Istat* si deduce che gli uomini, più delle donne,  hanno una percezione positiva della propria salute, influenzata però da un insieme complesso di fattori, tra cui quelli ambientali, culturali e socioeconomici.

Il fattore su cui senza dubbio è possibile intervenire per migliorare gli standard è quello che riguarda la qualità della vita, attraverso accorgimenti non invasivi che però determinano cambiamenti sostanziali.

Un tempo sottovalutati, oggi, i piccoli interventi ,che migliorano ad altrettanto piccoli passi la salute nel suo complesso, sono aumentati a dismisura.

La cura per i piedi, ad esempio, fa registrare numeri da capogiro, quasi il doppio rispetto all’anno scorso se si considerano interventi che oggi sono ormai divenuti “di routine”.

L’alluce valgo è uno di questi,  perché è un problema che si tende ad eliminare tempestivamente e con molta rapidità grazie ad alcune tecniche molto all’avanguardia.

Forse perché si è finalmente compreso che dai piedi deriva l’intero “atteggiamento scheletrico” e di conseguenza l’immediato benessere psico-fisico, forse perché lo studio, la cultura, l’informazione, le campagne di prevenzione, negli anni hanno creato sempre maggiore consapevolezza. Ma qual è la situazione in Italia?

Secondo i dati dell’attività di Pbs (Percutaneous Bianchi System, la tecnica di lavoro dell’équipe medica del dottore Andrea Bianchi) aggiornati al 30 Settembre 2017 sono stati eseguiti 5371 interventi di microchirurgia al piede su tutto il territorio nazionale.

Cambiano, in maniera notevole, i numeri da regione a regione: è la Puglia che detiene il maggior numero di interventi (1083), seguita da Lombardia (517), Emilia Romagna(427), Abruzzo (423), Lazio (419), Marche (359), Sicilia (312), Liguria e Umbria (269), Piemonte (268), Calabria (210), Trentino Alto Adige (179), Campania e Toscana (160), Veneto (134).

Sulla totalità degli interventi eseguiti dal team Pbs la maggior parte sono riferiti alla correzione dell’alluce valgo, a seguire dita a martello, meta tarsalgia, alluce rigido e neuroma di Morton.

Iniziare dai piedi, insomma, contribuisce a migliorare l’approccio quotidiano al benessere attraverso uno sviluppo armonioso a livello fisico, psichico e sociale, aiuta a gestire e contenere lo stress e aumenta l’autostima. Ecco perché la percezione dell’aumentata qualità della vita parte proprio dai piedi.

PBS è la chirurgia meno invasiva per la correzione dell’alluce valgo.  E’ possibile avere un’operazione in PBS in tutta Italia cercando le strutture al link: www.allucevalgopbs.it

* La vita delle donne e degli uomini in Europa – un ritratto statistico è una pubblicazione digitale rilasciata da Eurostat, l’ufficio statisticodell’Unione europea in collaborazione con gli Istituti nazionali di statistica degli Stati membri dell’Ue e dei paesi dell’Efta.

Image
Image

Salute – Soffocare nello smog – Bronco pneumopatia cronica ostruttiva

Salute – Soffocare nello smog – Bronco pneumopatia cronica ostruttiva

” SMOG – INQUINAMENTO “

= PERICOLO PER LA SALUTE DI TUTTI 

Cosa è la Bronco Pneumopatia Cronica Ostruttiva o BPCO ?

La malattia colpisce brochi e polmoni, causando tosse e catarro cronici, inoltre interferisce con la normale funzionalità respiratoria.

Dalla BPCO non si può guarire, ma si possono arrestarne le progressioni e migliorarne la sintomatologia.

Il luogo comune era che fosse una malattia solo degli anziani

Il 60 per cento degli italiani sa cos’è il diabete, ma solo l’11 per cento sa cos’è la BPCO; patologia con coesistenza di malattie diverse: bronchiolite cronica ed enfisema polmonare.

La medicina narrativa per dar voce a chi soffre di broncopneumopatia cronica ostruttiva; BPCO patologia invalidante – poco nota e riconoscibile.

Pesanti le ripercussioni sulla qualità di vita per chi ne è colpito

Presentati I Risultati Della Ricerca Di Medicina Narrativa Condotta Da Fondazione ISTUD Per Chiesi Farmaceutici.

La ricerca di medicina narrativa FARO – Far luce attraverso i racconti di BPCO –

Al progetto hanno aderito 235 pazienti, 55 caregiver (“colui che si prende cura”; tutti i familiari che assistono un loro congiunto ammalato ) e 60 medici, per la maggior parte pneumologi.

Le più frequenti parole, utilizzate dai pazienti intervistati nella ricerca ‘Far Luce attraverso i racconti sulla Bronco Pneumopatia Cronica Ostruttiva’ (FARO) a cura della Fondazione Istud commissionata da Chiesi Farmaceutici;

‘soffocare nella nebbia’, ‘sensazione di annegare’, ‘vivere in una gabbia che impedisce di respirare’, ‘chiusa dentro un sacchetto’ .

La maggior parte dei pazienti con BPCO, tende a minimizzare i sintomi, il decorso è subdolo, sino al momento dell’arrivo in pronto soccorso.

La diagnosi attraverso la spirometria, arriva troppo tardi, quando l’endotelio polmonare è ampiamente cicatrizzato e il diametro dei bronchioli ormai ridotto.

Cosa si deve fare, tra i tanti consigli del medico e prendere le medicine prescritte ?

-imparare gli esercizi per migliorare la respirazione

-evitare ambienti polverosi (dove, per esempio, gli impianti di aria condizionata non ricevono regolari sostituzioni di filtri costosissimi)

-cambiate frequentemente l’aria dell’ambiente in cui vivete (non quando ci sono le allerte di inquinamento grave)

-attenzione soprattutto in presenza di cattivi odori; sono indicatori di veleni nell’aria

-recarsi  dal medico o chiamare i servizi sanitari di emergenza se il respiro peggiora in modo grave

-DIMAGRIRE se siete in sovrappeso

-andare, almeno nel weekend, quando possibilmente lontano dalle città più inquinate

-NON FUMARE !!!

:::::::::::::::::::::::::::::::::

Molti specialisti hanno riscontrato difficoltà dei pazienti per l’’uso dei dispositivi inalatori del farmaco o altri ausili, come la bombola d’ossigeno.

Ma, una volta adattati alla portabilità della bombola di ossigeno, la qualità della vita può decisamente migliorare.

Asst di Cremona – OPEN DAY MENOPAUSA 18 ottobre 2017

LA MENOPAUSA NON E’ UNA MALATTIA

Più sotto parliamo di menopausa

OPEN DAY MENOPAUSA

Incontri informativi e visite ginecologiche su prenotazione

Il prossimo 18 ottobre, ASST di Cremona organizza un open day dedicato alla menopausa.

Il programma prevede:

– visite ginecologiche gratuite su prenotazione dalle 14.30 alle 17

– incontri informativi a libero accesso dalle 17 alle 18

Come prenotare le visite?

Dal 10 ottobre sarà possibile telefonare al numero 0372408478, dalle ore 11 alle 14

Per usufruire di questi servizi, le donne potranno scegliere tra diverse sedi:

– Ospedale di Cremona, Area Donna, 4o piano (Largo Priori 1, Cremona)

– Consultorio di Cremona (Via S. Sebastiano 14, Cremona)

– Ospedale Oglio Po, UO Ginecologia (Via Staffolo, 51 Vicomoscano, Casalmaggiore, CR)

– Consultorio di Casalmaggiore (Via A. Porzio 73, Casalmaggiore, CR)

LA MENOPAUSA NON E’ UNA MALATTIA

L’arrivo della menopausa rappresenta un momento particolarmente delicato per le profonde modificazioni fisiche e psicologiche ad essa correlate.

Le reazioni e le modalità di risposta e adattamento a questo grande “cambiamento” dipendono, al di là delle modificazioni ormonali, da una lunga serie di fattori individuali e sociali, come personalità, contesto socio-familiare e lavorativo.

Per questo lo “spirito” con cui viene affrontata la menopausa è molto diverso da una donna all’altra.

Quali i sintomi e i rimedi oggi disponibili?

In questa fase la sintomatologia è varia anche come tempistica di comparsa: si parla di sintomi precoci quali l’irregolarità del ciclo e i disturbi cosidetti “vasomotori” come le vampate e le sudorazioni notturne.

Successivamente, nella maggior parte dei casi, compaiono sintomi relativi al deficit ormonale, ad esempio dolore osseo diffuso dovuto all’osteoporosi causata dalla incapacità delle ossa di fissare calcio, cistiti recidivante, vaginiti su base atrofica, difficoltà a concentrarsi, instabilità umorale, diminuzione della libido, aumento della patologia cardiovascolare.

 

Terapia ormonale sostitutiva quando e come va assunta?

La terapia ormonale sostitutiva (TOS) per essere efficace deve rispondere ad alcuni requisiti: essere pienamente accettata dalla donna, ossia non generare false paure; iniziare il più precocemente possibile; avere una durata congrua (oggigiorno si preferisce non andare oltre i 6 anni di utilizzo). Inoltre la donna deve accettare di sottoporsi ai (normali) follow-up quali pap-test e mammografia.

Quali sono i pro e contro e le “regole di sicurezza”?

Sono escluse dall’utilizzo della terapia ormonale sostitutiva le pazienti con storia familiare serrata di neoplasia mammaria e le pazienti con gravi patologie epatiche o cardiovascolari in atto.

La terapia ormonale sostitutiva, oggi disponibile in cerotti o compresse, deve essere “bilanciata”, ossia contenere estrogeno e progestinico, proprio per non indurre patologie dell’endometrio (tumore dell’utero).

La formulazione del solo estrogeno è consentita solo alle pazienti che per cause diverse hanno già avuto un intervento di isterectomia (asportazione dell’utero).

In che misura alimentazione ed esercizio fisico possono aiutare la donna ad affrontare questo cambiamento?

Certamente la terapia ormonale non esaurisce le armi a supporto di questa fase. Forse più importante risulta essere lo “stile di vita” inteso come abitudine corretta ad alimentarsi e alla attività fisica. In climaterio non deve essere accettato come qualcosa dalle conseguenze inevitabili. Ad esempio l’aumento di peso è in realtà foriero di “guai” in quanto il grasso produce un ormone (estrone) pericoloso.

Anche per questo va curata l’alimentazione, non eccedere in apporto calorico, anzi.

————–

UOS Comunicazione½ASST di Cremona

Tel 0372 405153 ½ e-mail comunicazione@asst-cremona.it

www.asst-cremona.it

 

Weekend – Autunno tra i Colli Euganei – Low cost o lusso

Il Bacino Termale Euganeo  per il Ministero della Sanità Italiano; gode del riconoscimento del livello di qualificazione “I° Super”.

Abbiamo visitato i Colli Euganei, ed abbiamo scoperto un mondo di sorprese: culturali, bellezze naturali,  gastronomia, enologia e, soprattutto, salute; grazie alle speciali acque termali del luogo.

UN BICCHIERE DI VINO E IL TRAMONTO SUI COLLI EUGANEI

Non dimenticheremo la scenografia dei colli al tramonto, visti dall’alto, con un bicchiere di un vino unico al mondo come il Nero Musqué di Ca’ Lustra (che, da solo, merita il viaggio, ma ce ne sono tanti altri ottimi). Un vino che ha origine nell’antica Grecia; ma la storia è meglio farsela raccontare dal produttore. Il tutto accompagnato da baccalà mantecato ! www.calustra.it

::::::::::

Castello del Cataio a Battaglia Terme

UN CASTELLO DOVE SI ALLAGAVA UNA PIAZZA PER METTERE IN SCENA  BATTAGLIE NAVALI E STUPIRE GLI OSPITI

Castello del Cataio a Battaglia Terme

Si chiama il Castello del Cataio e si trova a poca distanza da Abano Terme; località  Battaglia Terme.

Un castello costruito per stupire gli ospiti e che, ancora oggi, ci stupisce con le sue meraviglie.

Castello del Cataio a Battaglia Terme
Castello del Cataio a Battaglia Terme

Nei tiepidi fine settimana autunnali, nel parco del castello,  si incontrano ancora uomini  e donne vestiti come all’epoca dello splendore del Castello; quando, anche qui, arrivava la ricchezza di Venezia Repubblica Marinara. Non sono figuranti, ma appassionati di costumi antichi, che trascorrono la giornata facendo un suntuoso pic-nic nel parco del castello.

::::::::::::::::::

SE AMATE LE CAMMINATE I COLLI EUGANEI HANNO TANTO DA OFFRIRVI

Il Parco Regionale dei Colli Euganei è ben organizzato e seguito da giovani pieni di entusiasmo.

Antichi sentieri, parco-avventura, sentiero del Giubileo, giardino botanico, anello dei Colli Euganei in bicicletta, percorso geologico … e tanto altro.

Percorsi facili e per grandi camminatori.

Tutto su: www.parcocollieuganei.com

:::::::::::::

PER LA VOSTRA SALUTE

LA RICCHEZZA MAGGIORE DELLA ZONA E’ NELLE TERME

Una ricchezza ed una risorsa termale unica al mondo

Queste terme sono conociute e apprezzate sino dalla protostoria.

” … senza danno fa recuperare il perduto vigore e si placa per il sofferente, che ritorna alla salute, la malattia ” questo diceva Claudiano delle Terme di Abano; nel IV secolo dopo Cristo.

Nel VI secolo d.C., Cassiodoro diceva che portano diletto e salute; non solo delizioso piacere, ma anche  benefica medicina.

SPA PAROLA OGGI ABUSATA;  A SPROPOSITO

NON E’ VERA SPA SE NON E’ DI ACQUE TERMALI

SPA = Salus Per Aquam; così gli antichi romani definivano le acque termali e i loro benefici.

Perché  le Terme Euganee sono diverse ?

L’acqua termale delle Terme Euganee è filtrata dalle antiche terre delle Prealpi, scende a 3.000 metri di profondità e sgorga dopo ben 80 km. di percorso sotteraneo.

L’acqua sgorga a 87°C.

Il fango ” matura ” in speciali vasche per circa 2 mesi; immerso nell’acqua termale. Durante la ” maturazione del fango ” si sviluppano speciali alghe che sono altamente anti – infiammatorie.

In altre località il fango, per varie ragioni,  viene trasportato da altre zone e poi riscaldato artificiosamente; questo non accade ad Abano dove tutto è controllato e certificato.

ECOLOGIA E RISPARMIO: 

l’acqua  termale di Abano è talmente calda che deve essere raffreddata, altrimenti ustionerebbe la pelle.

Tutto il calore in più, viene inoltre utilizzato per riscaldare gli alberghi che hanno le terme.

Quindi nella zona ci sono meno emissioni nocive da impianti di riscaldamento, per la salute anche degli ospiti che fanno le cure.

Hotel Ritz Abano Terme

Noi abbiamo goduto dei benefici delle Terme Euganee, presso l’albergo RITZ di Abano Terme. Un albergo che permette di vivere una lussuosa vacanza termale.

Il Dott. Gianfranco Calfapietra, Direttore Sanitario, ci ha dato suggerimenti preziosi e abbiamo potuto approfittare della sua grande esperienza nel settore.

Bellissima la piscina esterna circondata dal giardino con graziosi conigli selvatici,  molto grande anche quella interna.

Splendide le camere con balcone e salottino.

Prezzi speciali per soggiorni prolungati.

 

 

Cappa inquinante sul nord Italia – INQUINAMENTO E SALUTE

Tanta confusione, come è già accaduto negli Stati Uniti.

Basta guardare quanto si deposita su di una auto non lavata ! Tutto questo arriva nei nostri polmoni.

I CASI DI CANCRO AUMENTANO EPPURE DIMINUISCONO I FUNATORI .. !!! CIO’ VUOL DIRE CHE L’INQUINAMENTO E I VELENI CHE EMETTONO LE AUTO, VEDI ANCHE SCANDALO VOLKSWAGHEN … del quale nessuno più parla .., SIANO  UNA REALTA’ INNEGABILE !

I titoli dei giornali sono diversi secondo l’orientamento politico !

SI PENSA ALLA PROPRIA IDEOLOGIA POLITICA , INVECE DI AVERE COME OBBIETTIVO IL BENE DEI CITTADINI.

E’ evidente a tutti che un tasso di inquinamento alto, a causa del traffico (lo abbiamo visto e sentito, con il naso, tutti nei giorni precedenti il Natale caratterizzati da un’enorme traffico cittadino), DANNEGGIA LA NOSTRA SALUTE E ANCORA DI PIU’ QUELLA DEI BAMBINI.

LE POLVERI SOTTILI PASSANO DIRETTAMENTE NEL SANGUE, con tutti i loro veleni !

Quanto sopra è sostenuto dai più autorevoli medici specialisti.

L’EUROPA NON FAREBBE LEGGI ANTI SMOG SE NON CI FOSSERO DELLE SERIE MOTIVAZIONI.

Basta mettere un tessuto bianco fuori da una finestra vicino al traffico ed ecco che intuiamo cosa entra nei nostri polmoni.

Gli alberi aiutano ad eliminare lo smog, lo sostengono tutti gli scienziati indipendenti di tutto il mondo; l’ Amazzonia è universalmente conosciuta come IL POLMONE DLE MONDO !

Certo non sono pochi alberi, un bosco in più o meno, che possano migliorare l’impressionante inquinamento delle grandi città ! Questo lo capisce anche un bambino, soprattutto in inverno quando non ci sono le foglie che trasformano l’anidride carbonica in ossigeno ed assorbono moltissimi veleni!!!

Vedi informazioni sugli effetti del traffico sulla salute, anche dei bambini, al  link :

https://www.donnecultura.eu/?p=27511

 ——

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE dei Giornalisti e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); inoltre, l’autrice, ha presentato una tesi presso L’università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”, la tesi era firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.